Elenco dei prodotti per la marca Marvia

Marvia

Comandante di U-Boot contro...

Forstner Georg Günther von
Marvia

Disponibile in libreria in 3 giorni

12,00 €
La presente pubblicazione è una traduzione di un libro pubblicato nel 1916 da Georg Günther von Forstner, comandante del sommergibile tedesco U-28. Il diario è stato scritto con la fretta un po' disattenta di un uomo che approfitta di rari momenti di svago, evidentemente soggetti a improvvise e prolungate interruzioni. Sono state omesse molte ripetizioni e fatti banali, ma, al fine di esprimere la personalità dell'autore, la traduzione è stata la più letterale possibile ed essa evidenzia la strana commistione di sentimentalismo e ferocia, peculiare nella psicologia tedesca. Parte del libro offre una descrizione tecnica - non tanto della struttura di un sommergibile quanto della natura delle sue attività - che concede al lettore l'insolita opportunità di cogliere alcuni preziosi avvenimenti attraverso questo personale e intimo diario di un U-Boot tedesco. Diversi capitoli sono semplici resoconti delle avventure dello stesso comandante durante le prime due missioni, fino all'agosto 1915, dell'U-28 impegnato nella guerra navale condotta contro i trasporti commerciali. Forstner è un compagno fedele; un buon ufficiale preoccupato per il benessere del suo equipaggio. È anche gentile con i suoi prigionieri quando scopre che sono vittime docili. È anche disposto a riconoscere il fegato e il coraggio del suo avversario. Non risparmia mai la propria persona e mostra un'ammirevole resistenza sotto la pressione di un intenso lavoro e di una grande responsabilità. È pieno di amore entusiasta per la sua professione e nel descrivere una tempesta in mare il suo stile piuttosto monotono di scrittura sale improvvisamente all'eloquenza. Ma nella sua esaltata devozione nei confronti dell'Onnipotente Signore della Guerra e della Patria rivela apertamente la sua gioia fanatica nel lavoro nefasto che deve svolgere. Ovviamente Forstner, preso dalla celebrazione, sua e della Kaiserliche Marine, "si dimentica" delle conseguenze meno gloriose di alcune sue imprese, non citando i casi in cui, assieme al vascello nemico, sono annegati anche molti uomini, militari e civili.

Kaiten! I siluri umani giapponesi...

Montagna Marco
Marvia

Disponibile in libreria in 3 giorni

20,00 €
Nel febbraio 1944 l'Alto Comando della Marina Imperiale giapponese approvò il progetto di due giovani ufficiali, Hiroshi Kuroki e Sekio Nishina. Si trattava di una nuova e micidiale arma suicida, un siluro a guida umana, il kaiten. Nelle intenzioni dei due inventori la nuova arma avrebbe dovuto mutare le sorti della guerra a favore del Giappone. La prima missione, composta da tre sommergibili con a bordo quattro kaiten ciascuno, venne effettuata nel novembre 1944 e vide come obiettivo le numerose navi americane ancorate nell'atollo di Ulithi, nelle Isole Caroline. Nonostante l'esiguo risultato materiale, l'effetto psicologico sugli Alleati fu notevole. A questa missione ne seguirono altre nove, con alterne fortune, fino all'agosto 1945, quando le due bombe atomiche, sganciate su Hiroshima e Nagasaki, determinarono la resa incondizionata del Giappone e quindi la fine delle ostilità. L'attacco suicida non fu un valido metodo di guerra, ma un'azione dettata dalla disperazione. Dal punto di vista strategico fu uno spreco di risorse. Troppe vite e mezzi persi per distruggere o danneggiare una minima parte dell'inesauribile potenziale bellico nemico.

Ennio Bianchi, una vita spezzata....

Venditti Carlo
Marvia

Disponibile in libreria in 3 giorni

15,00 €
Ennio Bianchi, di Fontana Liri (FR), arruolatosi nella Regia Aeronautica, si ritrova in piena guerra di Spagna (1936-39). E nella successiva, dalla quale non fa ritorno. La sua è la microstoria di un fontanese che vive la sua vita nel contesto in buona parte tipico di quel tempo: la famiglia patriarcale e numerosa, le condizioni generali e familiari non ottimali, il piccolo paese con le sue caratteristiche sociali e culturali. Fattori che, sommati ad altri, spingono in gran parte il nostro protagonista a scegliere l'arruolamento nella Regia Aeronautica. Per volontà di migliorarsi e sostenere economicamente la famiglia, uscire dal piccolo orizzonte locale. Per patriottismo, anche. Ma, forse, non per volontà guerriera. Una scelta pagata con la vita. Correda il volume l'album personale di oltre un centinaio di fotografie che ritraggono i momenti di vita del protagonista durante il suo impiego nella Aviazione Legionaria. Interessante non solo per gli appassionati di storia militare e della Guerra Civile spagnola, ma anche per gli amanti dell'aeronautica e del modellismo per gli scatti effettuati ai velivoli a terra e in volo.

Lebensborn. I figli del...

Arcelloni T.
Marvia

Disponibile in libreria in 3 giorni

15,00 €
Il libro affronta un tema complesso: il Lebensborn, un'organizzazione nazionalsocialista in cui il male e il bene si intrecciano in maniera indissolubile. Nel dopoguerra il silenzio e la menzogna hanno costruito attorno al Lebensborn una fosca leggenda che ne ha fatto un luogo di coercizione in cui le donne erano obbligate a congiungersi con uomini delle SS per concepire figli per la patria. Avvalendosi di un'ampia bibliografia non ancora reperibile in italiano, l'autrice ricostruisce la storia del Lebensborn dalla sua fondazione nel 1935 fino allo scioglimento nei convulsi giorni che fecero seguito alla capitolazione del Terzo Reich. Ampio spazio è dato alla rilettura tendenziosa della realtà storica con cui nel dopoguerra, attraverso romanzi e film, venne stravolta la effettiva natura del Lebensborn. La documentazione fotografica presenta una sezione then and now con foto inedite, di proprietà dell'autrice, che con pazienza e costanza ha ritrovato le Case del Lebensborn.

Le Ritterkreuz delle Waffen-SS. I...

Montagna Marco
Marvia

Disponibile in libreria in 3 giorni

10,00 €
Il volume elenca in ordine alfabetico tutti i 458 decorati delle formazioni Waffen-SS divisi in sezioni relative ai diversi gradi della decorazione. Alla fine, una ulteriore sezione riporta i decorati ordinati per unità divisionale nella quale ottennero la concessione della croce di cavaliere. Per ogni decorato viene indicata la data di concessione, il grado, l'unità e il ruolo con i quali la ottennero.

La medaglia di Memel

Scapini Antonio
Marvia

Disponibile in libreria in 3 giorni

16,00 €
Il 22 marzo 1939 il distretto di Memel, appartenente alla Lituania, venne annesso alla Germania ed il giorno successivo le truppe tedesche marciarono nella città e nel territorio appena ottenuto. Il primo maggio del 1939, per commemorare il "ritorno" di Memel e per rendere omaggio a chi aveva preso parte a questa ulteriore annessione, Hitler istituì la terza delle cosiddette "medaglie delle guerre dei fiori", la Medaille zur Erinnerung an die Heimkehrer des Memellandes, altrimenti conosciuta con il diminutivo di Memel-Medaille o medaglia di Memel. Questo libro interamente dedicato alla medaglia di Memel è il frutto del lavoro di ricerca e comparazione di questi ultimi anni da parte dell'autore.

Vigili del fuoco in posa 1939-1945....

Mella Alessandro
Marvia

Disponibile in libreria in 3 giorni

20,00 €
Duecento volti. Chi con la barba mal rasata tra un bombardamento e l'altro, chi con la brillantina in capo speranzoso di incontrare il proprio amore durante una breve libera uscita, chi sfinito dallo scavare tra le macerie e così via. Attraverso gli sguardi, le espressioni e le uniformi dei Vigili del Fuoco milanesi, ritratti in alcune preziose lastre fotografiche, riemergono i giorni di fuoco del capoluogo lombardo nella seconda guerra mondiale. Visi e facce che potrebbero appartenere ad ogni altra città d'Italia. Le foto raccolte e commentate da Alessandro Mella e Claudio Di Francesco ridanno voce a chi rischiava di essere dimenticato tra le pieghe del tempo.

Forze armate della R.S.I. sulla...

Cucut Carlo
Marvia

Disponibile in libreria in 3 giorni

28,00 €
Con quest'ultimo libro, dedicato al fronte della Linea Gotica, si conclude la collana dedicata a tutti quei soldati della R.S.I. che combatterono, e morirono, per la difesa della Patria. Sul fronte della Linea Gotica furono numerosi i reparti italiani, appartenenti a Divisioni dell'E.N.R. o a reparti autonomi, che vennero impiegati nella difesa delle postazioni difensive, a fianco delle truppe tedesche, contro l'avanzata degli Alleati. Fu una lotta impari, contro la supremazia acclarata in tutti i campi dagli Alleati che, nonostante tutto, dovettero faticare molto più del previsto per superare le linea difensiva per poter poi dilagare nella Pianura Padana e raggiungere le Alpi. Il contributo dato dai militari della Repubblica Sociale alla difesa della Linea Gotica fu riconosciuto dagli stessi alleati tedeschi, che non mancarono di insignire con loro decorazioni molti militari italiani. Da parte alleata, invece, molto raramente vengono citati i reparti della R.S.I. che hanno combattuto sulla Gotica.

La milizia volontaria per la...

Lombardi Filippo
Marvia

Disponibile in libreria in 3 giorni

20,00 €
La storia di questi reparti della M.V.S.N. impegnati negli anni '20 nella riconquista della Libia persa dopo la Grande Guerra, è poco conosciuta, nonostante le migliaia di uomini che vi militarono fossero stati impegnati, per quasi dieci anni, in un conflitto "sporco". Un conflitto caratterizzato dalla non chiara distinzione fra le parti in lotta e la popolazione civile, dalle peculiari modalità degli scontri, condotti dagli arabi prevalentemente con azioni di guerriglia e dagli italiani con rastrellamenti e rappresaglie, e dolorosamente segnato da una ferocia spesso elevatissima, dimostrata da entrambe le parti. Fu, forse, proprio per questo che poche notizie giunsero sino a noi. Quest'opera tenta di delineare, senza pregiudizi ideologici, il più chiaramente possibile e secondo un criterio - in linea di massima cronologico, l'azione svolta in Libia tra il 1923 (anno di arrivo in colonia delle prime legioni) e il 1931 (anno della cattura di Omar El Muktar e della fine della rivolta) dalla Milizia Volontaria per la Sicurezza Nazionale, in campo sia militare che civile.

Sotto un'unica bandiera. La Croce...

Novello Marcello G.
Marvia

Disponibile in libreria in 3 giorni

25,00 €
Storia della Croce Rossa Italiana durante la seconda guerra mondiale. Organizzazione e uniformi del Corpo Militare e delle infermiere volontarie della Croce Rossa dal 1940 all'8 settembre 1943, nel regno del Sud e nella Repubblica Sociale Italiana.

Forze armate della R.S.I. sul...

Cucut Carlo
Marvia

Disponibile in libreria in 3 giorni

20,00 €
La storia dei reparti RSI schierati sul fronte delle Alpi Occidentali. Intere Divisioni vennero impiegate nel contrastare le mire dei Francesi che intendevano annettere larghe porzioni del territorio del Piemonte e della Valle d'Aosta che, secondo loro, anelavano a diventare francesi. Oltre che con l'occupazione militare, i Francesi svilupparono una forte propaganda e un pesante appoggio alle forze autonomiste presenti nella Valle d'Aosta, con il chiaro intento di scorporare tutta, o in parte, la Regione dall'Italia. A far fronte agli attacchi delle truppe francesi, appoggiate da reparti americani, e sostenuti pesantemente dalla ricchissima logistica alleata, erano poche truppe tedesche e molti reparti italiani di alpini, granatieri, bersaglieri, paracadutisti, artiglieri, migliaia di soldati che combatterono sino alla fine di aprile, e alcuni sino al 5 maggio, per bloccare l'avanzata dei Francesi e consentire alle truppe alleate, risalenti dalla Linea Gotica, di raggiungere prima dei transalpini i confini.

Studio bibliografico sulla milizia...

Lombardi Filippo
Marvia

Disponibile in libreria in 3 giorni

15,00 €
Chi si avvicina allo studio della Milizia Volontaria per la Sicurezza Nazionale si rende subito conto di quanto sia difficile reperire fonti e pubblicazioni relative a quella che fu una forza armata che, nel bene e nel male, attraversò da protagonista un ventennio della storia d'Italia rappresentando il concreto tentativo di dare forma a una nuova figura di cittadino/soldato. Per questo si è ritenuto che una bibliografia sulla Milizia che fosse, per quanto fattibile, il più possibile completa e sistematica, potesse essere di grande utilità allo studioso, al collezionista, all'appassionato e, perché no, anche a chi avesse semplicemente la voglia di saperne di più sull'argomento.

Vita quotidiana nell'Italia del...

Chionetti Bruno
Marvia

Disponibile in libreria in 3 giorni

20,00 €
Nei diversi capitoli del libro viene illustrato, con belle fotoricostruzioni della Compagnia de lo albero bianco, ogni aspetto della vita quotidiana dell'Italia quattrocentesca, a partire dalla dimensione più intima della casa, all'abbigliamento in città e nelle campagne, per arrivare alle armature e alle armi, sempre presenti e utilizzate in quel periodo.

Il Regio Esercito nella bufera...

Galazzetti Alberto
Marvia

Disponibile in libreria in 3 giorni

20,00 €
Durante la Grande Guerra, il fronte albanese venne ad assumere grande importanza quale baluardo al predominio austriaco sull'Adriatico. In particolare, nell'estate del 1918 ebbero luogo violenti combattimenti, nei quali rifulse il valore della cavalleria italiana: non furono solo 2 reggimenti, il 22° Cavalleggeri di Catania e il 30° Cavalleggeri di Palermo, ad essere decorati al valor militare, ma anche caso unico nella storia dell'Arma un singolo squadrone, lo Squadrone Sardo. Finita la guerra, l'incertezza della politica estera italiana e il nascente nazionalismo albanese posero le condizioni da cui scaturì una rivolta che nulla ebbe ad invidiare, quanto a violenza ed estensione, alla sollevazione delle tribù libiche del 1915. In particolare, tra il maggio e l'agosto del 1920 il Regio Esercitò dovette affrontare la ribellione di migliaia di armati. Nonostante il valore dimostrato dalle poche forze presenti in Albania la situazione si fece ben presto disperata perché il Governo italiano, incapace di fornire un'adeguata risposta politica, abbandonò al proprio destino le scarse truppe ivi dislocate.

Essi non sono perché furono....

Bottioni Augusto
Marvia

Non disponibile

15,00 €
Il volume guida attraverso le opere che sono state portate a termine per commemorare i caduti nel comune di Fiorenzuola d'Arda, illustrando le diverse manifestazioni del ricordo, dai monumenti più consueti fino al famedio al cimitero, senza trascurare gli opuscoli di necrologio e la fondazione, addirittura, di una casa di riposo dedicata a un singolo caduto.

Artiglieri italiani nella grande...

Lombardi Filippo
Marvia

Non disponibile

11,00 €
In questo volume si vogliono recuperare storie e biografie di soldati, di artiglieri italiani, che oggi rischiano di essere dimenticati. Biografie diverse, qualcuna molto breve e qualcuna più lunga, qualcuna corredata da molte fotografie e qualcun'altra con poche immagini, di artiglieri morti in combattimento o morti per malattia, qualcuno addirittura morto nel dopoguerra in conseguenza delle ferite riportate. Nel raccontare di queste persone, si spera di aver fatto rivivere l'uomo protagonista.

La Croce Rossa di Piacenza nella...

Lombardi Filippo
Marvia

Non disponibile

18,00 €
Storia del Comitato di Piacenza della Croce Rossa italiana dalla nascita fino alla fine della prima guerra mondiale: Una breve storia della C.R.I. di Piacenza dalla fondazione al 1915; L'impegno globale della Croce Rossa Italiana nella Prima Guerra Mondiale; Il Comitato di Piacenza nei quattro anni di guerra; La Croce Rossa nella vita cittadina; La Sezione Femminile Organizzazione territoriale della C.R.I. di Piacenza alla fine del 1918; L'Ospedale Territoriale C.R.I. di San Lazzaro Alberoni; Il Posto di Soccorso Ferroviario n. 17; L'Ospedale da Guerra n. 34 attentato; Il III Treno Ospedale; L'Ambulanza Fluviale Litta; Il Corpo delle Infermiere Volontarie di Piacenza; Gli ufficiali della Croce Rossa di Piacenza; L'American Red Cross a Piacenza.

Fontana liri 1915-1918. Un paese...

Venditti Carlo
Marvia

Non disponibile

15,00 €
L'autore ci propone un interessante viaggio nella memoria e nella storia. Egli, profondamente legato alla sua terra (la Ciociaria) e al suo paese di origine, ci mostra diverse istantanee di episodi di vita dei primi anni del '900 e di azioni belliche del primo conflitto mondiale. Ecco subito apparire il 'PAESE': è il quadro di una realtà in continua evoluzione e in positivo fermento, anche se punteggiata da avvenimenti drammatici. Ma l'Italia, il 24 maggio 1915, è entrata in guerra, ed è arrivata la chiamata alle armi per tanti giovani del luogo. Anche loro entrano nella cronaca della storia. Li vediamo, questi giovani, in un'ampia panoramica della Prima Guerra Mondiale, i cui scenari sono esposti e illustrati a seguito di una capillare e minuziosa ricerca che l'Autore ha effettuato, con certosina caparbietà, presso diversi Archivi militari e civili. Ogni istantanea ci mostra la persona, l'uomo, il soldato di ogni ordine e grado, di ogni Arma e Specialità. Sono i 'Figli' di Fontana Liri: combattenti, caduti, feriti e dispersi, ai quali vanno tributati i massimi onori.

Piacentini nella grande guerra

Lombardi Filippo
Marvia

Non disponibile

15,00 €
Questo volume è il primo di una collana dedicata a Piacenza e ai piacentini nella Prima Guerra Mondiale ed è incentrato sulle biografie e sulle storie di combattenti al fronte. Qualcuno è noto, qualcuno è addirittura famoso, ma troviamo anche le storie di diverse persone ignote ai più. Non si poteva iniziare senza ricordare la figura di Alessandro Casali, una figura "speciale" perché è l'unica Medaglia d'Oro piacentina del conflitto, ma scorrendo queste pagine si troveranno tanti nomi di persone "normali" che vennero chiamate a fare il loro dovere e partirono con il loro carico di dubbi, paure e angosce. Qualcuno ritornò, altri furono meno fortunati. Questa fatica viene quindi affidata al vaglio dei lettori, con la consapevolezza che, a fronte di alcune storie recuperate, ne esistono tantissime altre, ognuna diversa, ognuna con la sua peculiarità, che sono andate definitivamente perdute per il trascorrere inesorabile del tempo, o magari giacciono in un cassetto, o sul fondo di un baule, in attesa che qualcuno le riscopra e le faccia riemergere.

La grande guerra nelle lettere di...

Galazzetti Alberto
Marvia

Non disponibile

10,00 €
Federico U., stimato Regio Ufficiale Idraulico del Genio Civile, il 23 maggio 1915, scattato l'ordine di Mobilitazione Generale, fu richiamato e assegnato alla 5a Sezione Sanità della 5a Divisione di fanteria e inviato nel settore Valtellina-Valcamonica, poi nel marzo 1916, fu trasferito all'Ospedale militare di riserva di Milano. All'inizio del 1917 fu assegnato al 123° Reparto someggiato di sanità della 22a Sezione Sanità, in forza alla 1a Armata e dislocato nel Settore Zugna, in prima linea; ferito dalle schegge di una granata, morì il 18 aprile 1918 nell'Ospedale da campo n. 08. Nelle centinaia di lettere e cartoline inviate alla moglie durante tutto il conflitto, Federico raccontò i servizi al fronte, la lotta contro le intemperie, i topi e i pidocchi che tutto infestavano, i duelli aerei sopra le linee, i tragici episodi cui si trovava ad assistere, i difficili rapporti con la popolazione dei territori asburgici occupati, le ristrettezze alimentari da fronteggiare.

Le armi dei partigiani. La...

Usai Gianluigi
Marvia

Non disponibile

30,00 €
Lo studio dell'armamento partigiano registra tuttora gravi lacune: la mancanza di documentazione, almeno per i primi tempi, la scarsa attenzione della memorialistica e di gran parte degli storici, oltre all'estrema frammentazione degli studi, hanno contribuito a mantenere uno scarso livello di conoscenza sull'argomento. Questo scritto non vuol essere un catalogo tecnico riguardante tutte le armi leggere impiegate nella seconda guerra mondiale, ma solamente un esame storico, il più approfondito possibile, di cosa si poteva trovare in mano ai partigiani italiani nel periodo resistenziale. Interessa soprattutto capire attraverso quali misteriose vie talune armi possano essere giunte da lontani lidi sino alle nostre contrade. Chi potrebbe mai immaginare che un comandante di una divisione partigiana nelle Langhe possa essere stato fotografato con una pistola argentina alla cintola e quale percorso essa possa aver compiuto prima di arrivare al momento di quella fotografia? Eppure casi del genere ne esistono moltissimi e, per quanto possibile, si è cercato di capire come possa essere accaduto.