Storia del 20. Secolo dal 1900 al 2000

Filtri attivi

La missione segreta che ha cambiato la Seconda...

Geroux William
Newton Compton Editori - 2020

Disponibilità Immediata

12,90 €
Nell'estate del 1942 la vittoria degli alleati era tutt'altro che scontata. Così Roosevelt e Churchill organizzarono dei convogli artici, scortati dalle unità alleate, per rifornire la Russia, allo stremo. I convogli erano composti da marinai che avevano lavorato su navi mercantili, uomini inadatti al servizio militare, peraltro a bordo di vecchie imbarcazioni minacciate da iceberg, bombardieri e sottomarini.  Il 17° convoglio (PQ-17) aveva appena iniziato ad attraversare l'Atlantico del Nord, quando Hitler minacciò di schierare la temibile corazzata Tirpitz per annientarlo. Temendo la perdita di insostituibili navi da guerra, l'ammiragliato britannico ordinò alla flotta militare di disperdersi e lasciare il convoglio senza difesa. Churchill lo definì "l'episodio più triste di tutta la guerra", ma quando i tedeschi iniziarono a dare la caccia alle navi del convoglio via mare e via cielo, quattro di esse riuscirono a salvarsi, mimetizzandosi nel ghiaccio grazie a vernice bianca e lenzuoli. Nascondendosi alla vista del nemico, proseguirono verso il porto sovietico di Arcangelo, riuscendo così a far pervenire gli indispensabili approvvigionamenti alla Russia.

Storia dell'America latina

Pompejano Daniele
Mondadori Bruno - 2020

Disponibilità Immediata

23,00 €
La prima storia completa dell'America Latina, dalla conquista europea tra Quattro e Cinquecento ai giorni nostri. Una panoramica a trecentosessanta gradi che, partendo dal confronto tra l'impero spagnolo e il mondo dei Maya, degli Aztechi, degli Incas, attraversa secoli segnati da nuove repubbliche e antiche forme di governo, conflitti e colpi di stato, regimi militari e prospettive democratiche. Fino a proporre un'analisi degli anni più recenti, dal governo populista di Hugo Chàvez all'emergere sul panorama internazionale del Brasile, grande potenza economica e politica. Il volume unisce andamento cronologico e approfondimenti tematici, adottando una duplice linea interpretativa che getta luce sia sull'autoritarismo funzionale al governo della modernizzazione sia sugli effetti sociali delle scelte di sviluppo economico.

Gli intellettuali e la grande guerra

Mori M. (cur.)
Il Mulino - 2020

Disponibilità Immediata

24,00 €
Anche se nell'aria, la prima guerra mondiale scoppiò improvvisa, conseguenza di eventi fortuiti e di decisioni politiche prese senza la consapevolezza della loro portata. Ma la responsabilità degli intellettuali non fu inferiore a quella dei politici. Le loro giustificazioni teoriche del conflitto infiammarono gli animi non meno degli appelli alle armi dei governi. Per i tedeschi si trattava di una guerra per la sopravvivenza della Germania e per la difesa di un'autentica Kultur contro la superficiale Zivilisation occidentale. Per i francesi e gli inglesi, di combattere la «barbarie» germanica. Per gli italiani, di mettere a prova la loro consistenza nazionale. Per tutti, di gettarsi alle spalle una pace troppo lunga con una guerra rigeneratrice. Milioni di morti nel fango delle trincee saranno la risposta della realtà a queste costruzioni a tavolino. Il volume analizza le teorie interventiste sia considerando i singoli ambiti culturali (austro-tedesco, francese, italiano, anglosassone) sia concentrandosi sugli intellettuali più rappresentativi per ciascuna area (Thomas Mann, Henri Bergson, Giovanni Gentile e Benedetto Croce e, unica eccezione pacifista, Bertrand Russell).

Maurice Blanchot. Passione politica

Nancy Jean-Luc; Corecco F. (cur.); Zürcher C. (cur.)
Mimesis - 2020

Disponibilità Immediata

8,00 €
A metà degli anni Ottanta fu pianificato un volume dei "Cahiers de L'Herne" dedicato a Blanchot. Il progetto, tuttavia, naufragò in seguito alle risposte negative - più che altro imbarazzati dinieghi - di coloro che erano stati invitati a partecipare. La scoperta dell'"oscuro" passato di Maurice Blanchot, in particolare la sua affinità con i gruppi parigini della giovane destra "non conformista" negli anni Trenta, rendeva il progetto troppo controverso e scottante. Nel presente volumetto Jean-Luc Nancy, curatore insieme a Philippe Lacoue-Labarthe di quel "Cahier" mai apparso, contestualizza le vicende legate a quel fallimento sulla scorta di una lettre-récit di Blanchot del 1984, in cui il grande critico tentava di ripercorrere gli eventi personali e collettivi negli anni che precedettero il secondo conflitto mondiale. La ricostruzione storica di Nancy e la lettera-racconto di Blanchot, seguite da una breve lettera coeva di Dionys Mascolo, offrono l'occasione per riflettere sui possibili modi di vivere il rapporto con il proprio passato, sulla responsabilità della memoria che incombe su tutti noi e sull'intreccio tra istanza autobiografica e quell'écriture posthume teorizzata da Blanchot.

La disfatta del Terzo Reich. La battaglia di...

Marrone Andrea
Newton Compton Editori - 2020

Disponibilità Immediata

12,00 €
Se c'è una battaglia che ha compromesso in modo definitivo i sogni di dominio di Hitler, è senza dubbio quella di Stalingrado. Dal 23 agosto 1942 al 10 marzo 1943 la VI armata tedesca condotta da Paulus fu inchiodata dalla tenacia dei sovietici alla città che portava il nome del loro leader. Uno scontro senza esclusione di colpi, con due eserciti che si battevano senza alcun freno e senza alcuna regola con una sola direttiva: annientare il nemico. Vincitori in estate, i tedeschi si trasformarono in assediati durante l'inverno, costretti da Hitler a resistere fino alla morte: soffrirono la fame, le malattie, il freddo, consapevoli di non poter sperare in alcuna pietà da parte dei vincitori. E la guerra di conquista si trasformò gradualmente in una di sterminio. Mentre la produzione bellica tedesca arrancava, piegata dalla mancanza di materie prime e dai bombardamenti alleati, quella sovietica aumentava in continuazione, sfornando un numero crescente di carri armati, aerei, cannoni, e catapultando sempre più uomini al fronte. La Luftwaffe finì per perdere lo scontro per i rifornimenti della VI armata e già a Natale del 1942, a Berlino si parlava degli eroi di Paulus come se fossero già morti. Passo dopo passo, Andrea Marrone ripercorre una delle battaglie che più hanno cambiato il corso della storia.

Cronache dell'anno 1918

Babel' Isaak
Skira - 2019

Disponibilità Immediata

13,00 €
Nel centenario della Rivoluzione d'Ottobre, una testimonianza diretta dei drammatici eventi che segnarono la nascita dell'Unione Sovietica un anno dopo la presa del Palazzo d'Inverno. In questa raccolta di brevi scritti dal sapore giornalistico, incentrati sulla realtà di Pietrogrado nei mesi drammatici dell'anno 1918, a un anno dalla rivoluzione d'Ottobre e nell'infuriare della guerra civile, Isaak Babel', testimone attento e minuzioso, documenta quei giorni terribili senza retorica, soffermandosi sui problemi pratici e sulle difficoltà concrete della gente comune nel momento in cui le istituzioni- dalle scuole agli ospedali, dai macelli agli ospizi agli obitori - hanno smesso di funzionare.

Risorgimento. Un viaggio politico e sentimentale

Arisi Rota Arianna
Il Mulino - 2019

Disponibilità Immediata

22,00 €
Il Risorgimento raccontato come un lungo viaggio travagliato dentro la contemporaneità e verso l'Italia unita, un viaggio che parte fra le onde agitate ma promettenti degli anni napoleonici e approda alle delusioni e ai rimpianti dell'Unità realizzata. È una storia di progetti e velleità, azioni e sogni, congiure, repressioni, rivoluzioni e guerre; una storia della politica ma anche dei sentimenti; e soprattutto, come la più recente ricerca ha sottolineato, una storia di persone che si mettono in gioco, fatta di passioni individuali e collettive che vengono qui restituite attraverso la voce dei protagonisti, grandi e piccoli: giovani e vecchi, uomini, donne e persino bambini, profughi.

Aurora dice: distruggi il fascismo. Frammenti...

Edizioni il Galeone - 2019

Disponibilità Immediata

13,00 €
Un'antologia frutto di esperienze diverse, di vite e percorsi individuali e collettivi che, lungo tutto lo Stivale, si sono ritrovate faccia a faccia con l'esigenza di darsi alcuni strumenti comuni per affrontare il presente.Ogni sua parte è aperta da un testo sviluppato all'interno dell'AntifaFest 2.0, tenutosi a Bergamo nel marzo 2019, mentre il resto dei testi e delle illustrazioni sono i contributi di coloro che abbiamo avuto il piacere di incontrare in questo nostro percorso, persone con cui condividiamo, in forme diverse, un terreno di lotta comune nel contrasto al fascismo. Con una storia illustrata di Zerocalcare. Illustrazioni e testi di: Aladin Hussain Al Baraduni, Claudia Romagnoli, Azione Antifascista Roma Est Andrea Pontillo, G.Jack Orlando, Modena Antifascista, Elia Rosati, Marco Sommariva, Pierangelo di Vittorio e Andrea Russo, Giuseppe Palumbo, Giulio Sciaccaluga, HOBO Bologna, Bergamo Antifa United.

«Caro zio Francesco». Lettere aperte a...

Zanardi Stefano
Parva - 2019

Disponibilità Immediata

10,00 €
Francesco Zanardi (Poggio Rusco, 6 gennaio 1873 - Bologna, 18 ottobre 1954) è stato un politico italiano. Nel 1914 fu eletto sindaco di Bologna. È conosciuto come "Sindaco del pane" o, come lui preferiva, "Sindaco dei poveri". Questo libro è costituito da lettere aperte che il nipote Stefano Zanardi di Poggio Rusco (MN) scrive alla zio. Queste lettere di Stefano allo zio introducono nella biografia del "Sindaco del pane": momenti intimi e personali vissuti tra vita famigliare, attività amministrativa e vicende politiche che delineano un profilo inedito del sindaco di Bologna. La scelta di costruire il libro in forma epistolare dichiara questa volontà di Stefano di intraprendere un percorso "sentimentale" che porta alla conoscenza umana di Francesco, alla sua spiritualità, al suo impegno di elevare la condizione sociale dei più poveri. Il libro traccia una biografia davvero originale del "Sindaco del pane".

Chiedilo al vento. Il racconto della Shoah a...

Delmonte Andrea
Compagnia Editoriale Aliberti - 2019

Disponibilità Immediata

13,00 €
«Chi è Lazzaro Padoa?» «Chi era, vorrai dire». Dietro il nome scolpito in una targa d'ottone ci può essere una storia interessante, se qualcuno ha la curiosità di indagare. È quello che capita a Mattia e Francesco, due studenti al primo anno di liceo. Per rispondere a quell'interrogativo, anche grazie alla disponibilità del professore Ferretti, i due compagni di scuola vengono coinvolti in una insolita passeggiata nel centro storico di Reggio Emilia che si rivela un viaggio nel tempo recente e tragico della comunità reggiana. L'indagine sull'identità di Lazzaro Padoa li proietta in una delle più terribili pagine del ventennio fascista in terra reggiana: dalle leggi per la difesa della razza fino alla Shoah che riguardò ben dieci cittadini che vivevano in città e provincia. A partire da quelle che un tempo erano le vie dell'ex ghetto fino alle carceri di San Tommaso, passando per le pietre di inciampo che segnalano la casa dei coniugi Melli in via Emilia, Mattia e Francesco riportano alla seconda guerra mondiale le lancette del tempo e guardano per la prima volta la loro città con occhi diversi. Quella breve passeggiata diventa una coinvolgente lezione di storia.

L'evoluzione economica dell'Abruzzo. Uno...

Mauro Giuseppe
Carabba - 2019

Disponibilità Immediata

18,00 €
Scopo di questo volume è quello di analizzare l'andamento dell'economia abruzzese dal dopoguerra ad oggi. Sono essenzialmente tre le fasi che caratterizzano questo lungo periodo di storia economica: l'arretratezza, il passaggio verso una economia industriale e i grandi cambiamenti nello scenario economico. La globalizzazione, la tecnologia e la concorrenza dei paesi emergenti sono tutti fattori che contribuiscono a interrompere il circuito virtuoso dell'economia abruzzese. Il diffuso utilizzo di grafici e tabelle favorisce la lettura e l'interpretazione delle questioni trattate e rende il testo accessibile anche ai non addetti ai lavori.

Storia della Cina moderna. Dalla dinastia...

McAleavy Henry
Odoya - 2019

Disponibilità Immediata

25,00 €
La politica della Cina Popolare è comprensibile solamente se inquadrata nella storia della Cina degli ultimi duecento anni: nella grande crisi, cioè, che vide la disintegrazione delle istituzioni politiche e sociali tradizionali sotto la pressione occidentale. Il libro parte dalla descrizione del chiuso mondo dell'Impero Qing, dominato da una burocrazia di letterati e latifondisti, contro il quale le potenze dell'Occidente organizzarono un massiccio attacco coloniale nell'intento di aprire i vasti mercati della Cina alle proprie merci e i suoi governi alla propria influenza politica. Analizzando le conseguenze dell'invasione e la "risposta" cinese a essa, dalla discussa ribellione dei Taiping e dai primi modesti tentativi di riforma della classe mandarinale alla rivolta dei Boxer e allo sviluppo del movimento repubblicano, McAleavy si sofferma anche sui mutamenti dei costumi, dall'arte alla cultura e alla stampa. Con la Rivoluzione russa del 1917 il marxismo passa la frontiera; comincia così a emergere una nuova Cina. Chiang Kai-shek fonda un regime nazionalista che si dimostra tuttavia incapace di trasformare la Cina in uno stato moderno e crolla sotto i colpi della guerra con il Giappone. In questo periodo Mao Tse-tung adatta le dottrine di Marx e di Lenin alle condizioni della Cina e, dopo aver sconfitto i rigidi dottrinari ed essersi sottratto alle pesanti interferenze staliniane, elabora una teoria e una tecnica della guerriglia rivoluzionaria che nel1949 porterà lui e i suoi seguaci al potere in tutto il paese. L'ultima parte del libro mostra come il nuovo regime abbia spinto lontano le sue aspirazioni e la sua politica, e si chiude alla vigilia della Rivoluzione culturale.

La Milano perduta. Gli avvenimenti più...

Gualtieri Rino; Bartocci Maria
ABEditore - 2019

Disponibilità Immediata

14,90 €
"(...) Milano nasconde significati profondi, come la vita, come ogni vita. Foscolo chiamava Milano Paneropoli, che vuol dire città della panna e come la panna la capitale lombarda va gustata. Fatti antichi e sepolti sotto la polvere del tempo abbiamo portato alla luce; e non fu tutto, perché in ogni episodio ci accorgevamo che altri si diramavano come gli affluenti di un grande fiume e altre storie si aprivano al nostro cospetto; storie da inseguire, ombre da dissipare. In questo consiste il tuo fascino diabolica città, che nulla è ultimato definitivamente, tutto ogni volta si apre da quel passato che non finirà mai, mentre tu ci interroghi, enigmatica e ambivalente, come ogni madre e come ogni amante. Chi sei veramente Milano?"

Storia militare della seconda guerra mondiale

Liddell Hart Basil H.
Mondadori - 2019

Disponibilità Immediata

22,00 €
La tattica e la strategia dei vincitori e dei vinti, la potenza industriale al servizio degli eserciti in lotta, il valore combattivo delle truppe: un monumentale saggio storico che ricostruisce in ogni suo dettaglio l'ultimo conflitto mondiale scritto da un illustre studioso di strategia militare. L'edizione comprende 44 cartine e un esauriente indice analitico. Prefazione di lady Kathleen Liddell Hart.

Un secolo di Cuba. Storia e attualità di...

Durante L. M. (cur.)
Bordeaux - 2019

Disponibilità Immediata

16,00 €
Con la morte di Fidel Castro Cuba è tornata di estrema attualità nel panorama politico mondiale. Puntuale si affaccia quindi una domanda: che sarà di Cuba dopo Fidel? Esperti italiani, cubani, statunitensi e spagnoli affrontano la questione con chiarezza e coscienza critica, affiancando agli aspetti più noti della storia dell'isola - il rapporto con gli Stati Uniti o il discorso politico di Castro e Che Guevara - temi e suggestioni ancora poco noti alla letteratura critica del nostro paese, come l'analisi storica delle minoranze etniche, l'approfondimento delle relazioni tra la destra cubana e quella spagnola prima della rivoluzione castrista, i legami storici con l'Italia, i profili di cubani illustri - il romanziere Leonardo Padura su tutti - o il "caso Padilla", che destò molto clamore presso numerosi intellettuali europei. Uno strumento prezioso per orientarsi in quell'inesauribile universo storico, politico e sociale che è l'isola di Cuba.

Acheronta movebo

Lanfranchi Pierluigi
Castelvecchi - 2019

Disponibilità Immediata

16,50 €
Autunno 1939. In un piccolo paese delle valli bergamasche giunge una misteriosa donna tedesca. Prende in affitto una stanza nella casa di una vecchia signora del posto (la nonna dell'autore). Si chiama Franziska, è sola e spaventata. Ma chi è, davvero, quella donna? Di cosa ha paura? E chi è Charles Maylan, il fidanzato che dall'America le spedisce medicine, soldi e dischi su cui ha registrato la sua voce? A partire da queste domande e da pochissimi indizi - i racconti della nonna, un indirizzo su una busta spedita dall'America negli anni '50 - inizia un'indagine tra Italia, Germania, Svizzera e Stati Uniti, un viaggio che ricostruisce la storia di due individui che hanno vissuto i momenti più drammatici del secolo scorso: l'avvento di Hitler, il terrore nazista, la persecuzione, la guerra. «Se non posso piegare gli dèi superni, muoverò l'Acheronte»: «Acheronta movebo», il verso dell'Eneide che Freud utilizzò come esergo dell'«Interpretazione dei sogni», sarà il viaggio nel regno dei morti, l'attraversamento dell'Acheronte per recuperare due esistenze fagocitate dalla storia.

Dossier Caporetto. Il centro di gravità...

Molteni Mirko
Odoya - 2019

Disponibilità Immediata

20,00 €
Il 1917 fu un anno di svolta nella Prima guerra mondiale. Se fino ad allora c'era stato un certo equilibrio fra Intesa e Imperi Centrali, la guerra sottomarina della Germania stava portando la Gran Bretagna sull'orlo del collasso economico, mentre sul fronte francese fu l'anno degli "scioperi militari". Anche la rivoluzione in Russia e l'uscita dal conflitto dell'enorme impero orientale sembravano annunciare la prossima vittoria di Austria, Germania e Turchia. L'entrata in guerra degli usa nell'aprile 1917 non pareva sbilanciare la lotta dalla parte dell'Intesa. Sguarnendo il fronte dell'Est e concentrando le forze sul fronte dell'Isonzo, Austria e Germania scatenarono così il colpo di mano di Caporetto per sfruttare l'occasione irripetibile di spingere l'Italia alla resa e iniziare così la disgregazione dell'Intesa. Furono vicini a farlo, come testimonia il dettagliato svolgimento dello sfondamento e della ritirata italiana, che solo alla fine dell'anno si attestò su una linea di resistenza, aiutata anche da reparti anglo-francesi inviati in tutta fretta. Nonostante il crollo di Caporetto il paese resistette, scombinando i calcoli degli austro-tedeschi. Eppure, fino alla primavera del 1918, gli Imperi Centrali rimasero vicini a vincere la Grande Guerra, ormai divenuta una lotta a esaurimento, ma il fallimento nel cercare di estromettere l'Italia dal conflitto già preannunciava l'esito finale del conflitto e, infine, la disgregazione dell'Impero austroungarico.

La testa di ponte di Zenson. La battaglia per...

Marcuzzo Bruno
Editoriale Programma - 2019

Disponibilità Immediata

10,00 €
Il valore dell'ansa di Zenson stava nell'idea che gli uomini se ne erano fatti. La Piave, confine che gli italiani si erano posti era stato violato e a nulla erano valsi i primi sforzi sostenuti per affermarlo. In quei giorni il Regio Esercito che aveva bisogno di rincuorare gli animi ebbe l'occasione con la battaglia del Mulino Sega, di celebrare la prima vittoria italiana dopo Caporetto e con lo stesso spirito avrebbe voluto esaltare la riconquista dell'ansa di Zenson.

I leoni delle due rive. 1918- I cecoslovacchi...

Marcuzzo Bruno
Editoriale Programma - 2019

Disponibilità Immediata

10,00 €
In questa storia si fondono guerra, propaganda e nazionalismo, in un magma che ingloba le disgrazie di chi rimase preso nell'ingranaggio mortale della guerra. Attraverso la grande storia, questo racconto ci porta fin nei canneti e nelle boscaglie del basso Piave, per seguire da vicino l'azione di quei fratelli che dall'una e dall'altra parte, scrissero pagine fatali di storia.

La grande guerra in Cadore e in Carnia. Il...

Raffaelli Enzo; Tessari Roberto
Editoriale Programma - 2019

Disponibilità Immediata

8,80 €
Il Fronte del Cadore rimase in sostanza immutato dal maggio 1915 fino alla fine d'ottobre del 1917. Quell'arco di fronte tenuto dalla 4ª Armata e dal Comando autonomo delle Truppe Carnia nei primi mesi di guerra, anche se giudicato secondario, aveva una forte valenza strategica. Molti storici sono concordi nell'attribuire la responsabilità dei mancati risultati, all'inizio delle operazioni belliche, alla timida e contraddittoria azione di comando del generale Luigi Nava. Altri ritengono invece che la 4ª Armata fosse priva dei mezzi necessari. Le conseguenze dei mancati successi in Cadore e in Carnia ridussero fortemente il piano di Cadorna, fino a renderlo irriconoscibile. Le quattro inutili battaglie dell'Isonzo combattute nel 1915 dimostrarono che la strada per Vienna via Lubiana era impraticabile.

La terra tra le mani. L'epopea veneta nella...

Zornetta Monica
Editoriale Programma - 2019

Disponibilità Immediata

8,80 €
Ci fu un tempo in cui i nostri zii, i nostri nonni, i nostri padri, i nostri fratelli si trovarono costretti a lasciare le terre poverissime dove erano nati e cresciuti, dove avevano imparato a vivere, a lavorare e ad amare, per raggiungere lande sconosciute lontane da casa. In questi luoghi, situati nel centro Italia e ricoperti da selve e da paludi - le «paludi pontine» - si moriva di malaria. Tra la fine degli anni Venti e la fine degli anni Trenta (il periodo della bonifica integrale fascista) furono tantissimi i veneti, ma anche i ferraresi e i friulani, ad affrontare quel viaggio, lungo e pieno di insidie, con la speranza di migliorare le proprie condizioni di vita. La loro fu una vera e propria epopea spesso dimenticata; un pezzo di storia essenziale del nostro Paese che questo volume intende ricostruire poiché, come scriveva Marco Tullio Cicerone, «La memoria è tesoro e custode di tutte le cose».

Il Regno del Sud. Storie, personaggi, curiosità...

Bussoni Mario
Archivio Storia - 2019

Disponibilità Immediata

18,00 €
Dalla fuga di Pescara/Ortona alla costituzione a Brindisi del Regno del Sud: la narrazione di un biennio poco conosciuto della nostra storia patria in cui si misero le basi per la ricostruzione dopo il ventennio fascista.

La linea dell'Arno. Cronache dell'occupazione...

Barsotti Giorgio
Il Campano - 2019

Disponibilità Immediata

20,00 €
"Luglio 1944: terremo con successo la linea dell'Arno". Così il Capitano SS Günther Kaddatz nel suo primo incontro con l'Avvocato Mario Gattai, commissario prefettizio del Comune di Pisa, concluse il colloquio meravigliandosi che a Pisa - devastata dai bombardamenti aerei prima e poi dagli incessanti cannoneggiamenti delle opposte artiglierie - potessero essere rimaste ancora alcune migliaia di persone, affrontando ogni giorno il pericolo costituito dal diffuso minamento delle case e d'interi quartieri prossimi al fiume, dalla brutalità e dalle fucilazioni sommarie delle SS, opponendosi ai saccheggi, priva di cibo, di acqua, di gas ed energia elettrica, col rischio costante di ammalarsi di tifo o di morire per la più banale ferita a causa della mancanza di medicinali. Fallito il progetto caldeggiato dall'Arcivescovo Vettori di far dichiarare Pisa "città bianca", ai pisani non restò che attendere cercando di sopravvivere in attesa del più che certo arrivo degli alleati, incomprensibilmente immobili lungo la riva sud dell'Arno.

I noti ospiti

Mistretta Giuseppe; Fragnito Giuliano
Greco e Greco - 2019

Disponibilità Immediata

12,00 €
I "noti ospiti" narra di un periodo cruciale per la storia etiopica e per l'intero Continente africano, che partecipava ai mutamenti determinati dalla fine della Guerra Fredda e della contrapposizione tra i due blocchi: una ridefinizione della mappa politica che necessariamente generava vincitori e sconfitti. I "noti ospiti" appartengono alla categoria degli sconfitti. Il 21 maggio 1991 il Colonnello Menghistu, che aveva governato con il pugno di ferro l'Etiopia dal 1974, scappa in Zimbabwe mentre i più stretti collaboratori, insieme ad altri gerarchi, si rifugiano nell'Ambasciata italiana. La loro accoglienza poteva apparire come transitoria, si prolunga sino ai giorni nostri, nonostante i numerosi tentativi di mediazione e un lungo processo condotto in contumacia. Pur riflettendo solo il pensiero degli autori, il libro è una ricostruzione storica equilibrata, che mette in risalto il valore umanitario della scelta italiana di accogliere i due fuggitivi, cercando anche di descrivere e comprendere le ragioni dell'Etiopia affinché i due fossero consegnati alle nuove Autorità.

Identikit di un omicidio. Il caso Moro

De Jorio Filippo
Pagine - 2019

Disponibilità Immediata

19,00 €
Per tentare di squarciare il velo di omertà sul rapimento Moro, nel 2014 è stata istituita una Commissione bicamerale d'inchiesta presieduta da Giuseppe Fioroni (Pd). In passato ce n'è stata un'altra dedicata al sequestro e alla morte del politico scudocrociato, ma il caso Moro è stato indagato a fondo anche dalla Commissione Stragi e da quella sulla P2. A diversi anni dalla sua istituzione, è stato presentato un primo, provvisorio bilancio dell'indagine parlamentare. La relazione è stata approvata all'unanimità. "Il Paese e la memoria di Aldo Moro - ha dichiarato Fioroni - meritano verità. Ma fino ad ora, e con un solo anno di lavoro, abbiamo trovato tante bugie e omissioni. Molte le novità, riscriveremo in parte i 55 giorni". Questo libro,oltre a ripercorrere luci ed ombre dell'intera vicenda, si propone di esporre in sintesi le novità più rilevanti.

La rivoluzione perduta dei poeti

Semplici Andrea
Polaris - 2019

Disponibilità Immediata

20,00 €
Il 19 luglio del 1979, i sandinisti entrano a Managua. Il tiranno, Tacho Somoza, el malo, era fuggito due giorni prima. Fu l'ultima, impensabile Rivoluzione del '900: nel Centroamerica, un movimento armato conquistò la libertà in un paese considerato "terra privata" degli Stati Uniti. Fu la Rivoluzione dei poeti. Si dice che in Nicaragua todos son poetas. Qui i poeti hanno sparato, hanno ucciso, sono stati uccisi e hanno fatto parte del primo governo rivoluzionario. Andrea Semplici nel 1980 va in Nicaragua per vedere la Rivoluzione e continua a tornare per raccontare una storia fatta di lacrime e risate, di fallimento e di trionfo, ma soprattutto per farei conti con se stesso. La Rivoluzione perduta dei poeti contiene molti libri in sé e ognuno vive di poesia. "A chi vuoi che importi qual che succede in Nicaragua? A me. A me importa." Prefazione di Gioconda Belli.

Praga al tempo di Kafka. Una guida culturale

Runfola Patrizia
Lindau - 2019

Disponibilità Immediata

24,00 €
In un'esperienza di viaggio confluiscono esigenze anche molto diverse, come differenti possono essere gli esiti che da essa scaturiscono. Il viaggio che Patrizia Runfola ci propone è molto particolare: sul filo di un racconto suggestivo e intenso rivive un momento preciso nella storia di Praga, cioè quelli che potremmo definire gli anni di Kafka. Si tratta di un periodo di grande vivacità creativa, nato dalla magia dell'incrocio di lingue e tradizioni diverse (ceche, tedesche ed ebraiche), e dall'interesse appassionato per quanto avviene nel resto d'Europa in ambito letterario, artistico e poetico. Insieme a Kafka, Max Brod, ai fratelli Capek, a Jaroslav Hasek, a poeti come Nezval e Werfel, ma anche ad architetti, pittori e scenografi, entriamo nelle case, nei circoli letterari, nelle redazioni delle riviste, nei caffè e nei teatri della città, diventando spettatori partecipi di amicizie, amori e storie, molto spesso destinate a concludersi con la morte o la fuga in Palestina e in America. Il tramonto dell'impero austro-ungarico, la prima guerra mondiale e il montare della furia devastatrice di Hitler incombono infatti sulla vita di tutti. Quella che l'autrice ci propone è una felice immersione in un mondo che sarà presto cancellato dalle tragiche vicende della storia. Con una conversazione con Claudio Magris e un testo di Gérard-Georges Lemaire.

Giovanni Marcora visto da Washington. Il...

Bernardi Emanuele
Studium - 2019

Disponibilità Immediata

12,50 €
Giovanni Marcora ministro dell'agricoltura (1974-1980) è ancora oggi figura poco conosciuta agli studiosi come al pubblico dei lettori. Questo libro, basato su un'ampia ricognizione di fonti americane inedite, conservate presso i national archives nel Maryland, consente di addentrarsi nelle relazioni diplomatiche internazionali e di lumeggiare aspetti interessanti della sua azione politica, in un Italia attraversata da una profonda crisi economica e sociale. Dal "compromesso storico" ai contrasti interni con l'Europa e gli Usa ai delicati incontri con l'ambasciatore americano a Roma, emergono i tratti di un politico a tutto tondo, impegnato a salvaguardare le prospettive di sviluppo dell'agricoltura italiana in un difficile contesto nazionale e internazionale.

Caporetto. 24 ottobre-12 novembre 1917: storia...

Petacco Arrigo; Ferrari Marco
Mondadori - 2019

Disponibilità Immediata

13,50 €
La battaglia di Caporetto è diventata simbolo di disfatta nel linguaggio comune: la principale sconfitta dell'esercito italiano nella storia causò migliaia di morti, decine di migliaia di feriti, oltre a una quantità incredibile di prigionieri e sfollati. Il disastro fu l'effetto della mancanza di un piano strategico dei vertici militari, le cui conseguenze furono gravose: la ritirata, la pesante occupazione del Friuli e del Veneto e la violenza sulle donne, l'esodo della popolazione locale, il grave problema dei prigionieri italiani lasciati a morire nei lager dell'impero, il rientro in patria dei superstiti e l'ostruzionismo nei loro confronti, il doloroso recupero delle salme. «I soldati hanno mollato» si sostenne al comando vedendo la falla aperta e la disfatta profilarsi. Cadorna telegrafò al ministro della Guerra affibbiando la responsabilità della sconfitta a «dieci reggimenti arresisi senza combattere». Ma non era vero: con pesanti sacrifici umani molti soldati resistettero, permettendo ad altri la ritirata. Al di là dei nomi dei reparti, si trattava di uomini in carne e ossa, giovani e meno giovani, persone sposate o piene di sogni, che lasciarono la loro vita sul terreno di battaglia per salvarne altre. In occasione del centenario della battaglia di Caporetto, Arrigo Petacco e Marco Ferrari raccontano in un saggio storico, che è anche un inedito reportage sui luoghi dello scontro, l'assurdità dell'atteggiamento italiano, gli errori degli alti comandi, la disumana vita di trincea, il massacro di migliaia di contadini analfabeti, le esecuzioni sommarie della nostra truppa e la disordinata e scomposta rotta. E ci spiegano che Caporetto non esiste, è solo un'invenzione italiana durata qualche decennio. La Caporetto finita nei libri di storia si chiama in realtà Kobarid e lì un esercito di collezionisti ancora oggi estrae dalle trincee e dalle caverne il materiale usato dai soldati sui due fronti. La cittadina slovena è infatti ricca di piccoli musei, collezioni private, le trincee sono state recuperate, i viaggi nella memoria di discendenti di soldati sono costanti. Riemergono così in tutta la loro drammaticità storie individuali e collettive di una guerra che ancora parla, e si presenta con le sue atrocità.

La grande guerra. L'immensa ferita d'Europa

Isnenghi Mario
Giunti Editore - 2019

Disponibilità Immediata

10,00 €
Nell'agosto 1914 ha inizio la prima guerra di massa della storia, un conflitto che lascerà nelle coscienze dei protagonisti il segno di un cambiamento epocale. Simbolo di questa carneficina è il fante, il soldato-massa che combatte una guerra caratterizzata da una volontà di annientamento mai conosciuta prima. Ma la Grande Guerra è anche quella vissuta nel fronte interno, che vede la mobilitazione delle donne nell'industria bellica, conosce l'uso massiccio della censura, esplode negli ammutinamenti dei soldati. E culmina con la rottura dei vecchi equilibri delle società liberali.

Piccola autobiografia di mio padre

Vogelmann Daniel
Giuntina - 2019

Disponibilità Immediata

5,00 €
"Mio padre Schulim mi ha sempre raccontato poco della sua vita, e non solo riguardo alla sua prigionia ad Auschwitz. Certe cose, poi, le ho sapute soltanto molti anni dopo la sua morte, come, per esempio, che c'era anche lui nella lista di Schindler. E io, purtroppo, non gli ho mai chiesto nulla, anche perché è morto quando avevo solo ventisei anni. Qualcosa, però, è giunto miracolosamente fino a me, e così ho scritto questa piccola autobiografia per le mie nipotine. Ma non solo per loro." (Daniel Vogelmann)

Gli italiani in Libia. Vol. 1: Tripoli bel suol...

Del Boca Angelo
Mondadori - 2019

Disponibilità Immediata

13,00 €
Basandosi su documenti in gran parte inediti che gli consentono di rivelare episodi sconosciuti o poco noti, l'autore delinea l'avventura italiana in Libia. Un'opera che vuole aiutare a comprendere meglio i difficili rapporti attuali tra l'Italia e la Libia.

È possibile la rivoluzione? Volontà, la...

Malatesta Errico; Turcato D. (cur.)
Zero in Condotta - 2019

Disponibilità Immediata

30,00 €
Dopo quasi tre lustri di assenza, che avevano visto l'ascesa del sindacalismo rivoluzionario e l'apparente obsolescenza della prospettiva insurrezionale, nell'agosto 1913 Malatesta ritorna in Italia per prendere direttamente in mano le redini del settimanale "Volontà" ad Ancona e per promuovere un movimento rivoluzionario antimonarchico. Dalle colonne del suo giornale, Malatesta discute il sindacalismo, critica l'individualismo, rintuzza conati revisionistici e riformistici, e in articoli teorici su scienza e determinismo delinea lucidamente la fisionomia del volontarismo anarchico. Nel contempo, percorre l'Italia tenendo una fitta serie di conferenze e comizi e tessendo le fila del movimento anarchico e del fronte antimonarchico. Questo lavoro dà i suoi frutti. In un articolo dell'aprile 1914 Malatesta chiede con malcelata ironia: «È possibile la rivoluzione?» L'articolo si chiude con un esplicito monito: «Che tutti si tengano pronti per domani... o per oggi.»

Perseguitati per la fede. Le vittime del...

Mikrut J. (cur.)
Gabrielli Editori - 2019

Disponibilità Immediata

55,00 €
"Questo ulteriore volume curato dal Prof. Jan Mikrut della Pontificia Università Gregoriana offre un quadro ampio e articolato delle vittime del Nazionalsocialismo nell'Europa centro-orientale. Gli autori degli studi hanno rintracciato ed esaminato con lodevole acribia storica migliaia di documenti presenti nei numerosi archivi europei, portando alla luce motivazioni, comportamenti e ambizioni sia dei carnefici sia delle vittime, che restano i veri protagonisti in positivo di questo triste censimento. La lettura di quest'opera sarà di grande edificazione per tutti. I numerosi martiri, alcuni dei quali già elevati agli onori degli altari dalla Chiesa, ci interpellano ogni giorno sulla nostra vita di coerenza cristiana. Non disperdiamo come acqua sulla sabbia, il grande dono della fede. Il Vangelo ha ancora oggi bisogno di testimoni credibili." (Card. Angelo Amato SDB)

Ascesa e declino dell'Europa nel mondo. 1898-1918

Gentile Emilio
Garzanti - 2019

Disponibilità Immediata

18,00 €
Ci fu un tempo in cui l'Europa era il centro del mondo. La sua supremazia si estendeva su tutto il pianeta, in ogni campo del sapere e dell'agire. Accadeva cento anni fa, all'apice di un'ascesa iniziata quattro secoli prima, con la scoperta del Nuovo Mondo e la circumnavigazione dei continenti da parte di intrepidi navigatori. All'inizio del Novecento la guerra appariva un rischio evitabile con la diplomazia, dopo oltre quarant'anni di pace e di progresso che sembravano destinati a durare e a diffondersi nel mondo. Improvvisamente, con la Grande Guerra, l'ottimismo crollò e l'Europa mondiale naufragò nella tempesta che essa stessa aveva scatenato. Con verve narrativa e affascinante erudizione, Emilio Gentile ricostruisce l'apogeo dell'Europa e il ruolo di vero e proprio laboratorio che l'Italia giocò in quegli anni: il nostro fu uno dei paesi in cui si manifestarono i primi segnali della crisi di un intero continente e i sintomi del crepuscolo di una civiltà di cui ancora oggi, a distanza di un secolo esatto, viviamo le conseguenze. Ricostruire quel che accadde in quella stagione può aiutare a comprendere quel che succede oggi nel mondo del terzo millennio, in un momento in cui l'Europa, sempre più indecisa, rischia di scivolare verso una definitiva e pericolosa marginalità.

Nel primo centenario Caporetto. Atti del...

Ballini P. L. (cur.); Franchini S. G. (cur.)
Ist. Veneto di Scienze - 2019

Disponibilità Immediata

37,00 €
Il volume raccoglie gli Atti del Convegno internazionale promosso dall'Istituto Veneto di Scienze, Lettere e Arti in collaborazione con l'Österreichische Akademie der Wissenschaften, svoltosi tra l'8 e il 10 novembre 2017. Caporetto, «la sola battaglia persa in una guerra vinta», non fu soltanto una grande tragedia militare - con decine di migliaia di morti e di feriti, con centinaia di migliaia di prigionieri e di profughi - ma si incrociò con la più grave crisi parlamentare dell'Italia in guerra. Nel corso di un secolo l'eredità di Caporetto è stata letta e vissuta in modi assai diversi; ben presente nell'immaginario degli italiani, è considerata come un simbolo delle sconfitte dell'Italia unita, talvolta come paradigma del carattere nazionale. Il volume - con i molteplici temi affrontati nei quindici saggi raccolti - propone un'interessante lettura delle complesse vicende alle quali va collegata la dodicesima battaglia dell'Isonzo, Caporetto, e nuovi percorsi di riflessione e di studio della sua memoria e della sua eredità.

Ottobre rosso. I drammatici giorni di una...

Rossotto Riccardo
Archivio Storia - 2019

Disponibilità Immediata

18,00 €
Nell'ottobre 1917, dopo alcuni tentativi abortiti, deflagra in Russia la Rivoluzione destinata a condurre al potere i bolscevichi, sotto la guida di Valddimir Lenin. Un evento destinato a stupire e a spaventare il mondo intero.

Libri in guerra

De Franceschi Loretta
Mimesis - 2019

Disponibilità Immediata

25,00 €

Il Novecento

Vittoria Albertina
Carocci - 2019

Disponibilità Immediata

38,00 €

Corea, la guerra dimenticata

Breccia Gastone
Il Mulino - 2019

Disponibilità Immediata

25,00 €
Tre anni di combattimenti, centinaia di migliaia di perdite tra i militari dei Paesi belligeranti e almeno un milione e mezzo tra i civili; un Paese devastato, il mondo sospinto a un passo da un conflitto nucleare; una pace mai firmata e dunque una crisi irrisolta, che ancora oggi, a tratti, fa salire la tensione internazionale al livello di guardia: ciò nonostante la guerra di Corea è per eccellenza «la guerra dimenticata» del XX secolo. Eppure il nostro mondo ne è l'erede diretto, perché essa segna il ritorno della Cina tra le grandi potenze; ed è con il rapido riarmo del 1950-53 che inizia la trasformazione della società statunitense in una «macchina bellica» destinata a contrastare l'espansione comunista e a «combattere per la libertà e la democrazia». La guerra di Corea ci appare oggi quasi un tragico laboratorio dei conflitti contemporanei.

L'educazione degli italiani. Laicità, progresso...

Chiosso Giorgio
Il Mulino - 2019

Disponibilità Immediata

22,00 €
A distanza di mezzo secolo dall'Unità l'Italia non sembra ancora «una». L'immagine di «due Italie» ricorre frequentemente nel dibattito tra intellettuali, politici, uomini di scuola. Una contrapposizione particolarmente vivace sul terreno scolastico. In questo scenario si stagliano come protagonisti Luigi Credaro e Giovanni Gentile, alfieri di due differenti Italie pedagogiche e scolastiche. Entrambi cultori di interessi educativi e ministri dell'Istruzione, furono promotori di importanti riforme, anche se con destini opposti, interpretando ciascuno un'idea e un progetto di nazione. Nel ricostruire le visioni contrastanti che li animarono, il libro illustra le origini della pedagogia moderna e il ruolo delle istituzioni scolastiche nella formazione dell'identità italiana.

Mogadiscio 1948. Un eccidio di italiani fra...

Urbano Annalisa; Varsori Antonio
Il Mulino - 2019

Disponibilità Immediata

27,00 €
Il trattato di pace del 1947 aveva previsto la rinuncia dell'Italia alle proprie colonie, che già durante la guerra erano passate sotto l'amministrazione militare britannica. Londra, che mirava a imporre la propria influenza sull'ex impero italiano, in Somalia aveva incoraggiato la nascita di un movimento nazionalista. L'Italia aveva puntato invece al «ritorno in Africa», sostenendo gruppi filo-italiani. Le tensioni si acuirono: 1'11 gennaio 1948, nel corso di incidenti circa cinquanta italiani e una decina di somali vennero uccisi, mentre le autorità britanniche si rivelarono incapaci di mantenere l'ordine. Nonostante la gravità dei fatti e le reazioni immediate, l'eccidio di Mogadiscio sarebbe ben presto caduto nell'oblio. Sulla base di un'ampia documentazione, il volume ricostruisce quella tragica vicenda, inserendola nel contesto degli eventi coevi: dalle elezioni del 18 aprile '48 allo scontro Est-Ovest, alle difficili relazioni italo-britanniche, alla realtà politica e sociale somala, al processo di decolonizzazione.

La Mosca della rivoluzione

Vázquez Montalbán Manuel
Feltrinelli - 2019

Disponibilità Immediata

9,50 €
Lo sguardo acuto del creatore del grande investigatore privato Pepe Carvalho questa volta punta la sua lente d'ingrandimento su Mosca. Vàzquez Montalbàn percorre ogni angolo di quella che fu la capitale non solo di uno stato, ma anche di un'ideologia, partendo dagli edifici e dalle vie, per tracciare, in una prospettiva insolita in quanto "guidistica", il grande affresco di settantanni di storia, dalla presa del Cremlino alla perestrojka. Vediamo stratificarsi una sull'altra diverse città: la vecchia Mosca zarista travolta dalla rivoluzione, i sogni e le utopie architettoniche e urbanistiche delle avanguardie nei primi anni del nuovo regime, la monumentalizzazione del periodo staliniano, il grigiore degli ultimi anni.

Solo per la bandiera. I nuotatori paracadutisti...

Buttazzoni Nino
Ugo Mursia Editore - 2019

Disponibilità Immediata

17,00 €
Il memoriale del padre dei Nuotatori Paracadutisti, un gruppo speciale per azioni di sabotaggio, di sbarco e dirette sul naviglio nemico. La compagnia NP, inquadrata nel battaglione «San Marco», opererà nella Seconda guerra mondiale. Dopo l'8 settembre una parte dei suoi membri combatterà con la Xa Mas di Borghese, altri si schiereranno con il governo Badoglio. La storia di un reparto leggendario, ma anche di innovazioni tecniche messe a punto da un uomo di grande ingegno nell'ambito sia militare che civile.

«Attraverso queste mie parole». Leggere il...

Cremaschi G. (cur.)
Morcelliana - 2019

Disponibilità Immediata

16,00 €
Auschwitz, la memoria, le leggi razziali, il Diario di Anna Frank, le opere di Primo Levi, il problema di Dio: sei percorsi che raccolgono le voci di oltre 20 testimoni. Una proposta di esplorazione nell'immenso patrimonio che la letteratura della testimonianza ci ha consegnato dopo il secondo conflitto mondiale. I testi sono di persone scomparse nei campi di sterminio (come Etty Hillesum e Anne Frank), scrittori che hanno narrato la loro esperienza nell'immediato dopoguerra (Primo Levi, Elie Wiesel, Liana Millu...), autori di romanzi che, a distanza di anni, rielaborano la memoria personale (Jorge Semprún, Imre Kertész, Natalia Ginzburg, Giorgio Bassani...), testimoni che in occasioni diverse hanno raccontato la loro storia (come Liliana Segre). Le pagine scelte sono inviti, spunti per informare e sensibilizzare in ambito scolastico, sociale e familiare.