Arte orientale

Filtri attivi

Il germe d'oro. Un'introduzione al...

Bosch F.D.K.
Adelphi

Disponibile in 3 giorni

36,00 €
Muovendo dallo studio dei rilievi del tempio giavanese di Barabu?ur, prodigioso capolavoro del IX secolo, Bosch ci accompagna in un audace viaggio attraverso una lussureggiante selva di richiami simbolici, fino al cuore della concezione indiana del mondo: il Germe d'oro del ?gveda, il principio unico della vita. I motivi che ai non iniziati potevano sembrare decorativi si rivelano così, all'improvviso, carichi dei più profondi significati metafisici e religiosi. Guidato da un mirabile intuito per le immagini, Bosch ricostruisce la cosmologia che plasma non solo ogni forma dell'arte e dell'architettura indù e buddhista, ma anche la religione, il mito, la nozione stessa dell'uomo e della vita propri dell'India antica.

Creazione

Shyam Bhajju
Salani

Disponibile in 3 giorni

21,00 € 28,00 € -25%
Un vuoto a forma di pesce che gorgoglia nell'Acqua; l'Aria solcata da corvi blu; il Fango, prezioso crogiolo di vita; i sette tipi di Terra da cui è scaturito il nostro mondo; il Tempo, misura delle cose; le Stagioni, scandite dal ciclo vitale degli insetti; il Seme, dalle potenzialità miracolose; l'Uovo, da cui tutte le creature hanno origine; l'Arte, il dono fatto agli uomini; la Vita, che esiste solo in virtù della morte... Questo è il mito della creazione secondo gli antichi racconti orali della tradizione indiana.

Il califfato di Baghdad. La civiltà...

Gabrieli F.
Jaca Book 2019

Disponibile in 3 giorni

100,00 €
La conoscenza storica è un prerequisito per ogni sia pur modesto ragionamento si voglia fare attorno alla cultura musulmana e al suo sviluppo, anche in termini contemporanei. A partire dalla Storia, intesa non solo come un insieme di fatti e accadimenti, ma anche di idee. Soprattutto di idee. Il periodo Abbaside (750-1258 d.C.) è in questo ambito esemplare per più d'una ragione, e leggerne le vicende non può che essere illuminante se vogliamo avere una chance di comprendere il contemporaneo. La riproposizione de "Il Califfato di Baghdad. La civiltà Abbaside", a trent'anni di distanza dalla sua prima edizione, è non solo utile, ma doverosa. Volume miscellaneo a più voci, si avvale dell'introduzione di colui che è stato uno dei più illustri arabisti europei, Francesco Gabrieli, e di altri indimenticabili studiosi, purtroppo da tempo scomparsi quali Alessandro Bausani (le scienze) e Renato Traini (le letterature), maestri della non trascurabile scuola islamistica italiana, rappresentata nel volume da giovani allieve, Carmela Baffioni dell'Accademica dei Lincei (le filosofie), e Giovanna Maria Stasolla, Ordinaria di Storia dei Paesi Islamici all'università di Tor Vergata a Roma (la storia). La sezione relativa alle arti fu curata dalla scomparsa Bianca Maria Alfieri con un contributo attento anche ai collegamenti esterni col mondo cristiano e alle arti decorative.

La pittura islamica dalle origini...

Fontana Anna M.
Jouvence 2019

Disponibile in 3 giorni

20,00 €
La pittura e la scultura non trovano, nell'ambito dell'arte islamica, la medesima collocazione di cui queste espressioni artistiche godono in altre culture sia occidentali sia orientali. La pittura in particolare, poiché non è tridimensionale come la scultura e quindi, a differenza di questa, "non getta ombra", è molto più diffusa nei territori musulmani di quanto una presunta iconoclastia non faccia pensare. Questo volume prende in considerazione la pittura islamica sino alle soglie del Quattrocento, cioè sino a quel periodo che demarcherà, nelle aree occidentali dell'islam, una delle più grandi rotture con il passato nello sviluppo dell'arte musulmana e creerà, nelle aree orientali, i presupposti per la grande pittura safavide e poi qajar. La pittura a cui viene fatto riferimento, assenza di pittura su tela e su tavola, è quella murale: quella figurata dei grandi cicli pittorici palaziali ma anche quella di decorazione architettonica che troviamo sia in aggiunta alla pittura figurata sia, molto spesso, quale unica espressione pittorica. Prefazione di Ernst J. Grube.

La pittura a pennello. Impara le...

White Star 2019

Disponibile in 3 giorni  
TECNICHE ARTISTICHE

29,90 €
Un piacevole passatempo, una tecnica elegante, che con semplici tocchi e un uso armonico dei colori permette di creare splendide immagini: è la pittura a pennello, tipica della tradizione orientale, proposta in questo fantastico cofanetto. Attraverso nove esercizi selezionati dal rinomato artista Danny Han-Lin Chen, e spiegati passo dopo passo nella guida inclusa, anche i principianti potranno arrivare a padroneggiare questa raffinata forma d'arte. Il kit comprende inoltre un blocco di fogli da pittura con le tracce per gli esercizi, due pennelli, cinque colori ad acquerello, una pietra da inchiostro e un bastoncino d'inchiostro.

Hokusai. Il soffio del Giappone....

Neveux Murielle
White Star 2019

Disponibile in 3 giorni

14,90 €
Oltre 60 opere, raccolte in questo volume, rivelano il grande talento di Katsushika Hokusai, artista giapponese del XVIII-XIX secolo, conosciuto per le sue incisioni su legno, le ukiyo-e, tra le quali la famosa Grande Onda di Kanagawa. Le stampe, che rappresentano paesaggi e scene popolari, conoscono grazie a lui un vero progresso. Presentate all'Esposizione universale di Londra nel 1862, faranno apprezzare l'arte giapponese a molti artisti e influenzeranno tra gli altri Gauguin, Van Gogh e Monet.

Hokusai. Il soffio del Giappone....

Neveux Murielle
White Star 2019

Disponibile in 3 giorni

14,90 €
Oltre 60 opere, raccolte in questo volume, rivelano il grande talento di Katsushika Hokusai, artista giapponese del XVIII-XIX secolo, conosciuto per le sue incisioni su legno, le ukiyo-e, tra le quali la famosa Grande Onda di Kanagawa. Le stampe, che rappresentano paesaggi e scene popolari, conoscono grazie a lui un vero progresso. Presentate all'Esposizione universale di Londra nel 1862, faranno apprezzare l'arte giapponese a molti artisti e influenzeranno tra gli altri Gauguin, Van Gogh e Monet.

Acqua, Islam e arte. Goccia a...

Silvana 2019

Disponibile in 3 giorni

34,00 €
Tra l'acqua e il mondo islamico esiste un rapporto intimo e antico, che le ragioni climatiche possono spiegare solo in parte. Vi è infatti alla base un'eredità di tradizioni e civiltà, un senso religioso profondo, complesse ragioni sociali e culturali. L'acqua appartiene ai nostri sogni più profondi, evoca la maternità, la pulizia, la purezza, la sensualità, la nascita e la morte. E se questo vale naturalmente per ogni civiltà, nell'Islam tali idee hanno trovato un senso più profondo, facendo dell'acqua un fulcro tanto spirituale quanto sociale ed estetico. L'acqua è stata domata con i qanat, resa rito con i hammam, venerata come dono celeste e temuta come castigo divino. A partire dalle affermazioni del Corano e della letteratura successiva, il volume illustra lo sviluppo storico dei tanti ruoli e significati ricoperti dall'acqua e la sua rappresentazione nell'arte e nei manufatti islamici: non solo arredi, suppellettili, libri, miniature, ma anche le grandi opere di canalizzazione siriane, i giardini di Spagna e i bagni di Istanbul. Un racconto in cui si intrecciano vita quotidiana, arte e tecnologia, in grado di offrire al lettore un approccio originale alla millenaria cultura islamica.

La filosofia dell'arte cristiana e...

Coomaraswamy Ananda K.
Abscondita 2019

Disponibile in 3 giorni

21,00 €
"Nei nove saggi raccolti in questo volume Ananda Kentish Coomaraswamy formula le sue idee su temi e argomenti che spaziano dalla filosofia alla sociologia, dal folclore alla concezione indiana del ritratto ideale, ribadendo che quelle che espone non sono opinioni «personali» ma le «logiche deduzioni di una vita intera spesa a maneggiare opere d'arte» e a interpretare significati trasparenti solo a una mente temprata sull'esemplarismo delle Scritture, le uniche «autorità» in grado di guidare l'uomo a cogliere il significato simbolico delle forme e dei suoni espressi con l'arte. Per lo scultore di pietre dell'Europa medioevale, per il pittore di icone della Russia contadina, per il paesaggista giapponese seguace dello Zen, o per il miniatore persiano collegato a una confraternita sufi, il «capolavoro» non è la vistosa espressione di un parto creativo, ma l'esito finale di una lunga disciplina spirituale, che l'apprendista sottopone al vaglio dei maestri iniziati, e solo qualora la prova venga superata egli avrà diritto a esercitare in proprio la sua arte con la qualifica di «maestro». Inoltre il «genio», nella accezione greca del termine, non è un individuo dalla personalità eccezionale, ma quel nume che lo invade, risvegliandolo nell'azione alla contemplazione e mutando l'opera in preghiera. Perciò alle due domande dell'uomo comune: «A che cosa serve?» e «Di che tratta l'arte?», Coomaraswamy risponde: «Nella misura in cui fu un modo di vita, essa tratta di Dio, ma nella misura in cui è diventata una superstizione inutile, il suo effimero e tragico soggetto è l'animale-uomo»." (dallo scritto della curatrice)

Impressioni d'Oriente. Arte e...

Friborg Flemming
24 Ore Cultura 2019

Disponibile in libreria  
MONOGRAFIE ARTE

35,00 €
La mostra Impressioni d'Oriente ripercorre la profonda fascinazione che il Giappone ha esercitato sulla cultura occidentale tra il 1860 e il 1900, a partire dalla scoperta delle stampe giapponesi operata dai pittori impressionisti francesi, approfondendo poi il ruolo dei viaggiatori occidentali, collezionisti e intellettuali nella creazione di un clima culturale nel quale sboccerà prepotente l'amore per gli oggetti artistici e di artigianato che le Esposizioni Universali fanno arrivare per la prima volta in Europa, dando il la a una vera ossessione per l'esotico estremo-orientale. Ampio spazio viene dato al Giapponismo italiano, con opere di De Nittis e Segantini, Michetti e Galileo Chini, nell'ambito del quale non risulta meno importante l'apporto di collezionisti come Enrico Cernuschi e il conte Giovanni Battista Lucini Passalacqua, la cui raccolta è attualmente parte delle collezioni del Mudec, sede perfetta per ospitare la rassegna. I saggi in catalogo approfondiscono puntualmente i temi principali connessi a questo nuovo gusto, mettendo in luce come, attraverso il Giapponismo, la cultura europea dialogava con se stessa. In fondo, come scrisse Oscar Wilde, "l'intero Giappone è pura invenzione".

Ukiyo-e. Hokusai, Hiroshige, Utamaro

Morena Francesco
Giunti Editore 2019

Disponibile in 3 giorni

35,00 €
La nascita, l'evoluzione e i capolavori di un genere grafico che ha segnato la storia artistica del Giappone tra il XVII e il XIX secolo. Le affascinanti immagini del "mondo fluttuante" (traduzione letterale di Ukiyo-e) descrivono con schiettezza e raffinatezza i costumi e la cultura di un paese, e la sua filosofia di abbandono ai piaceri mondani per sfuggire alla tristezza del vivere quotidiano. Utamaro, Hokusai e Hiroshige furono tra i maggiori protagonisti del movimento Ukiyo-e.

Inchiostro magico. Tatuaggi sacri thai

Polese Fabio
Eclettica 2019

Disponibile in 3 giorni

29,00 €
Viaggio all'interno del mondo dei Sak Yant, i tatuaggi magici thai. Originariamente indossati dai guerrieri, che li utilizzavano come "armatura di protezione" in battaglia, hanno un alto valore spirituale e una tradizione antichissima. Secondo la cultura locale sarebbero un collegamento tra il mondo fisico e quello degli spiriti, in grado anche di poter determinare o modificare il corso della propria esistenza. L'autore è riuscito a entrare in contatto con alcuni Ajarn, che gli hanno rivelato i segreti più occulti che si nascondono dietro ai Sak Yant. Lui stesso si è fatto tatuare da diversi maestri, per capire davvero come e perché certe cose possano accadere.

Hiroshige. Visioni del Giappone....

Menegazzo Rossella
Skira 2018

Disponibile in 3 giorni

45,00 €
Con Hokusai, Utamaro e Kuniyoshi, Utagawa Hiroshige (1797-1858) è uno dei grandi protagonisti dell'ukiyoe. Rispetto a Hokusai, con cui si confronta continuamente avendo una trentina d'anni di meno, Hiroshige riesce a portare il paesaggio e la natura al centro della sua opera donando all'osservatore quel senso di armonia, serenità e calma che ancora oggi tutti apprezzano e per le cui qualità spesso è maggiormente apprezzato e considerato il "maestro della natura". Hiroshige infatti tratta la figura umana con segni veloci, spediti che talvolta ricordano ai nostri occhi i bozzetti dei manga o delle animazioni (anime), semplificati ed essenziali. Pubblicata in occasione della mostra romana, la monografia presenta una selezione di circa 230 opere dalle più importanti serie di Hiroshige comprendenti vedute di luoghi celebri della capitale Edo così come delle province più lontane, ma anche un corpus di immagini di animali, fiori e insetti tra le più ammirate, oltre a disegni originali e matrici di stampa ancora intatte. La monografia, che traccia l'intero percorso artistico del maestro giapponese, è suddivisa in otto sezioni tematiche all'interno delle quali si affrontano le singole serie più significative in modo esemplificativo ed esaustivo: Le prime opere; Immagini di viaggio; Fiori, uccelli e luna; Vedute di luoghi lontani; Vedute della Capitale Orientale; Hiroshige: vita e opere; Hiroshige e la sua grafica: contemporanei e Occidente.

Iran. Arte islamica. Ediz. a colori

Curatola Giovanni
Jaca Book 2018

Disponibile in 3 giorni

90,00 €
L'Iran è un paese di frontiera. È luogo di passaggio, cerniera fra Oriente e Occidente e sede privilegiata di autonoma elaborazione artistica. Quella persiana è una delle grandi culture dell'antichità che hanno mantenuto vive attraverso i secoli tradizioni religiose, politiche, urbanistiche e artistiche, adattandole e modificandole secondo necessità, ma sempre con esiti assai originali. In ambito artistico, sia in architettura, sia nelle arti decorative, non possiamo tracciare un profilo islamico senza prendere in considerazione l'apporto iranico, specifico e ben individuabile, ma non per questo scollegato o estraneo alla elaborazione islamica comune ad altre aree: da quella mediterranea a quella d'Asia Centrale. L'elaborazione artistica che sí compie in Iran ha un peso notevole per la stessa definizione di arte islamica. Giovanni Curatola ne traccia un profilo presentandone l'architettura (anche con un'analisi degli aspetti ornamentali), e le arti cosiddette decorative quali la miniatura, le ceramiche e i tappeti. Le trasformazioni del mondo islamico nei secoli dell'incontro con l'Occidente e le reazioni che ci furono a quell'impatto ci fanno comprendere anche alcune vicende artistiche contemporanee. Un mondo così complesso e una presenza culturale così forte non poté rimanere circoscritta a un'area geografica definita e l'irradiarsi di elementi artistici prettamente islamici - ma Islam d'Iran - sono presenti con sfumature diverse nel Caucaso, in Asia Centrale, in India e, ovviamente, anche in Europa. Quella persiana è una tessera indispensabile nel particolare mosaico artistico islamico, senza la cui analisi è difficile comprendere una rappresentazione che ben sintetizza una civiltà con quasi un millennio e mezzo di Storia.

Orienti. 7000 anni di arte asiatica...

Ramasso C.
Silvana 2018

Disponibile in 3 giorni  
MONOGRAFIE ARTE

28,00 €
Orienti: un eccezionale viaggio a ritroso nel tempo di 7000 anni, una storia di grandi culture costruite con infinita lentezza nel corso dei secoli sugli immensi spazi di un intero continente, l'Asia. Luoghi e culture quali quelle del Vicino e Medio Oriente preislamico, dell'antico Yemen - l'Arabia Felix dei greci e dei romani -, gli imperi degli achemenidi, dei parti e dei sasanidi, l'arte islamica medio-orientale, gli sconfinati spazi dell'Asia meridionale e dell'Himalaya, fino alle più remote aree della Cina e del Giappone, proposti attraverso alcune produzioni artistiche esemplari. Mediante scambi commerciali e reti di conoscenze, campagne di conquista e acquisizioni di saperi, le opere giunte a noi - pezzi unici che non intendono essere esaustivi rispetto a questa immensa storia - si presentano con tutta la loro potenza e fragilità, ponendoci nell'ottica di una comprensione talvolta impossibile per la mancanza di fonti scritte, ma con l'imposizione di preservare e accogliere il passato attraverso tutte le sue forme, anche quelle più lontane nel tempo e nello spazio.

Islam e Firenze. Arte e...

Curatola G.
Giunti Editore 2018

Disponibile in 3 giorni

35,00 €
Catalogo della mostra: Firenze, Galleria degli Uffizi, Aula Magliabechiana, Museo Nazionale del Bargello, 22 giugno - 23 settembre 2018. Il catalogo presenta i rapporti e gli scambi reciproci che intercorrono tra Firenze e l'area culturale islamica fra Quattrocento e primo Seicento. Punto di forza della mostra (che è allestita in due sedi: Uffizi e Bargello), e del suo catalogo, è la grande varietà e qualità di oggetti: tappeti, tessuti, suppellettili in legno, ceramica, vetro, ma anche metalli, avori, pietre dure, manoscritti. Le collezioni granducali si sono rivelate ricchissime di opere, ma in mostra sono anche prestiti da importanti collezioni italiane e straniere, tutte convergenti a testimoniare l'interesse con cui le due coste del Mediterraneo si guardavano nel periodo rinascimentale. Una spettacolare rassegna di oggetti rari e preziosi, imbevuti del fascino del vicino Oriente.

L'arte del buddhismo

Focillon Henri
Abscondita 2018

Disponibile in 3 giorni  
FILOSOFIA ORIENTALE

21,00 €
"Questo mio lavoro intende mostrare come i diversi popoli asiatici, nella misura in cui accoglievano e assimilavano la filosofia indiana, le idee nate dalla meditazione del Saggio sotto l'albero della Bodhi, gli aneddoti popolari generati dalla più aggraziata e lussureggiante immaginazione, hanno elaborato le forme concrete attraverso cui la religione buddhista doveva tradurre al meglio il loro specifico ideale. Non deve essere considerato un manuale di arte buddhista, ma un saggio sull'estetica di quest'arte, uno studio dei rapporti tra il pensiero religioso e le formule plastiche e tecniche che esso ha talvolta ispirato, talvolta ricevuto dall'esterno e modificato".

Hiroshige

Skira 2018

Disponibile in 3 giorni

11,90 €
"Hiroshige appartiene alla generazione, successiva a quella di Utamaro, in cui si assiste al relativo trascolorare dell'importanza del soggetto rispetto alla qualità della concezione e dell'esecuzione, e in cui si afferma quella che per molti versi può essere definita un'arte di generi stabiliti. La fervida maturità ultima di Hokusai indica per certi versi la via, perché decanta la prolificità dei suoi anni precedenti nella ricerca rarefatta della vitalità lineare e coloristica delle immagini giungendo, oltre ogni stilizzazione convenzionale, a un vero e proprio stile, a un pensiero fatto immagine. [...] Hiroshige è figlio di Ando Genuemon, e gli viene dato il nome di Tokutard. Il padre è ufficiale della Brigata del Fuoco, un incarico ereditario che gli viene dal ruolo di samurai di rango minore al servizio dello shògun. Nella caserma dei pompieri vive anche Okajima Rinsai, il primo maestro che già nel 1806 gli insegna i rudimenti della scuola Kano, la pittura tradizionale per eccellenza che Kano Masanobu, il fondatore, aveva orientato nel Quattrocento come evoluzione della pittura cinese, ampliandoli alla conoscenza della prospettiva lineare europea e alle innovazioni naturalistiche introdotte dalla scuola Maruyama-Shijo di Kyoto [...]" (dal saggio di Flaminio Gualdoni). Presentazione di Guy de Maupassant.

Orienti cristiani. Ediz. a colori

Velmans Tania
Jaca Book 2017

Disponibile in 3 giorni

90,00 €
L'arte dell'Oriente cristiano è fiorita, a partire dal IV secolo, in un'area che abbraccia la Georgia, l'Armenia, la Cappadocia, la Siria, il Libano, Israele (l'antica Palestina), l'Egitto copto, la Nubia e l'Etiopia. Questi territori, dov'è sorta la cristianità, hanno beneficiato di una rete di chiese e monasteri (dal V al XV secolo) straordinariamente fitta e precoce, della quale i nove decimi, se non di più, sono scomparsi. Questi edifici erano decorati con affreschi e sculture, arricchiti da icone e oggetti liturgici, e custodivano eccezionali manoscritti miniati. Le ricerche dell'autrice hanno permesso di definire l'originalità di questa iconografia orientale, la sua coerenza, il suo rapporto con le dottrine religiose e le credenze dei popoli interessati. L'autrice mostra come queste regioni, che facevano parte dell'area di influenza bizantina, costituissero un'entità a se stante in termini di arte e iconografia, condizionate principalmente dall'Egitto dei faraoni e dalla Persia. Questo lavoro capitale è necessario anche per comprendere le conseguenze delle distruzioni odierne. Si tratta della scomparsa, tra l'Occidente e Bisanzio, della terza tradizione artistica del mondo cristiano.

Chao Ge. La mia vita sulle orme di...

Bimbi A.
Polistampa 2017

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
Il catalogo della mostra allestita dal 4 al 23 gennaio 2017 a Firenze, nelle sale dell'Accademia delle Arti del Disegno, riproduce una quarantina di dipinti a olio su tela accompagnati da una selezione di disegni del maestro originario della Mongolia. "Nelle sue immagini", scrive Cristina Acidini, "e specialmente negl'intensi ritratti a mezza figura, Chao Ge ricerca l'invisibile oltre le apparenze. Nella luce che modula le forme dalle anatomie decise e potenti, nel nitore delle pieghe di stoffe indossate o abbandonate, nell'intensità espressiva dei volti e degli sguardi spesso in cerca di dialogo, il pittore fissa con esattezza impeccabile la fisicità delle persone e delle cose, per cogliere però e suggerire altri piani d'esistenza.

Vite d'acqua. Bestiario del Gange....

Rambharos Jah
Salani 2017

Disponibile in 3 giorni  
ALBI ILLUSTRATI

14,93 € 19,90 € -25%
Coccodrilli che insegubno lanterne, aironi bianchi che si avventurano nel torrente tempestoso, villaggi profumati di gamberi e granchi, gracidio di rane come suono di tamburo, cavallucci lanciati al galoppo quando il vento piega gli alti giunchi, piccoli serpenti che spaventano elefanti... È il mondo del Gange, microcosmo di equilibrio assoluto. Le storie del fiume sacro che racchiude lo spirito dell'India sono dipinte in questa raccolta di immagini straordinarie, affascinante reinterpretazione del mondo marino in arte Mithila, pittura popolare dell'India nordorientale, e sono accompagnate da poemi della tradizione indiana: le creature acquatiche danno vita a un universo in cui realtà e mito, natura e leggenda si intrecciano. Vite d'acqua racchiude lo spirito dell'India. Questo Bestiario canta e immortala l'Acqua, culla primordiale di vita e suggestioni, e le sue creature multiformi e colorate.

Con l'inchiostro e il pennello....

Gomarasca Paolo
Mimesis 2017

Disponibile in 3 giorni

14,00 €
Scopo di questo libro è mostrare la sorprendente congruenza tra l'insegnamento di Lacan e la filosofia taoista, così come è incarnata emblematicamente nella pittura e nella poesia di Shitao. Il tema tipicamente taoista del vuoto come condizione del divenire del mondo e come luogo operativo in cui avviene la pittura è preso alla lettera da Lacan: lungo tutto il suo insegnamento, lo psicoanalista francese non farà altro che insistere sulla questione del "buco nel sapere", cioè sul fatto che il soggetto umano, per identificarsi, deve reggersi sull'assenza di garanzie ultime. L'incontro con questo Reale - come lo chiama Lacan, ma che freudianamente si chiama castrazione - è la chance che il dispositivo analitico offre per inventare lo stile (per ciascuno singolare) di quel girare intorno al vuoto che ci caratterizza come umani. La conoscenza che Lacan ha della lingua cinese, i viaggi in Giappone, l'amicizia con François Cheng e le conversazioni intorno ai "Discorsi sulla pittura" del monaco Zucca Amara di Shitao: sono tutti elementi che il libro collega e analizza per mostrare quanto Lacan esca allo scoperto, fino al punto di sostenere che la scommessa della psicoanalisi si vince solo "con l'inchiostro e il pennello", cioè attraverso un'ascesi soggettiva non diversa dall'ascesi richiesta al pittore cinese per creare la sua opera pittorico-poetica. Presentazione di Matteo Bonazzi e Marcello Ghilardi.

I maestri del Meiji. Gli Horoshi...

Brogi Costanza
Phasar Edizioni 2017

Disponibile in 3 giorni

19,00 €
Chi erano Karakusa Gonta, Horiiwa, Horikane, il leggendario Horiuno e i loro contemporanei? Possiamo ammirare i vecchi Horimono ma poco sappiamo su chi fossero gli autori di lavori così raffinati, che tanto hanno affascinato gli stranieri che si affacciavano sul Giappone di fine '800. Il libro accompagna il lettore a conoscere questi maestri e il contesto in cui vivevano.

Storia dell'arte giapponese....

Tanaka Hidemichi
Mimesis 2017

Disponibile in 3 giorni

50,00 €
Hidemichi Tanaka, studioso giapponese di Storia dell'arte occidentale, ricostruisce in questa opera le principali fasi che hanno caratterizzato lo sviluppo dell'arte nel suo paese d'origine. Estrapolando dalle grandi categorie della storiografia occidentale quei tratti stilistici universali attraverso cui è possibile interpretare forme artistiche dalla provenienza differente, Tanaka identifica i momenti fondamentali nella storia dell'arte giapponese: la fase arcaica del periodo Asuka, la fase classica del periodo Nara, la fase manierista del periodo Heian, seguiti dal barocco del periodo Kakamura, dal romanticismo di Momoyama, fino al giapponesismo di Edo. Più che un compendio dettagliato, un lungo percorso che si snoda attraverso le tappe fondamentali dell'arte nipponica compiuto da un esperto conoscitore sia di arte occidentale che orientale.

Arte giapponese

Morena Francesco
Giunti Editore 2017

Disponibile in 3 giorni

4,90 €
Un dossier dedicato all'arte giapponese. In sommario: Dalla Preistoria alla fine del periodo Nara (784); Il periodo Heian (794-1185); L'era dei "samura": dal periodo Kamakura all'epoca Momoyama (1185-1615); Il periodo Edo (1615-1868). Come tutte le monografie della collana Dossier d'art, una pubblicazione agile, ricca di belle riproduzioni a colori, completa di un utile quadro cronologico e di una ricca bibliografia.

Hiroshige

Schlombs Adele
Taschen 2017

Disponibile in libreria  
MONOGRAFIE ARTE

10,00 €
Utagawa Hiroshige (1797-1858) è stato uno degli ultimi grandi artisti della tradizione dell'Ukiyo-e. Il termine, che alla lettera significa "immagini del mondo fluttuante", si riferisce alla celebre tradizione della stampa artistica giapponese su blocchi di legno che si diffuse tra il XVII e il XIX secolo. I soggetti ritratti spaziavano dalle luci sfavillanti e i monumenti di Edo (Tokyo dei giorni nostri), a magnifici paesaggi naturali. Nel mondo occidentale, le stampe di Hiroshige divennero emblematiche del giapponismo che si diffuse in Europa e contribuirono a definire l'iconografia del Giappone stesso nell'immaginario collettivo. Poiché potevano essere realizzate in serie, le opere Ukiyo-e venivano spesso utilizzate come materiale grafico destinato ai fan, biglietti da visita e illustrazioni. Questo stile ebbe un forte impatto sugli artisti del movimento impressionista, post-impressionista e dell'Art Nouveau; in particolare, Vincent van Gogh e James Abbott McNeill Whistler si ispirarono ai paesaggi ritratti nelle stampe di Hiroshige. Questa introduzione comprende le immagini più significative dell'opera vibrante di Hiroshige: ciliegi in fiore, donne bellissime, attori Kabuki e vicoli affollati ci presentano uno dei più grandi artisti d'oriente.

La vita notturna degli alberi....

Shyam Bhajju
Salani 2017

Disponibile in 3 giorni

22,43 € 29,90 € -25%
L'albero del Peepul, che ha la stessa forma delle sue foglie. Il sacro albero del Dumar, che serve per fabbricare baldacchini. L'albero che si veste di piume fiammeggianti alla danza del pavone. L'albero della musica. L'albero delle Dodici Corna... Ogni notte, quando finalmente il lavoro di questi alberi maestosi giunge al termine, inizia la vita segreta degli spiriti che li abitano. Le loro storie profonde e senza tempo sono dipinte e raccontate da Bhajju Shyam, Durga Bai e Ram Singh Urveti, tre artisti contemporanei della tradizione Gond (India centrale). Se «L'uomo che piantava gli alberi» di Jean Giono è il manifesto del rapporto dell'uomo occidentale con la natura, «La vita notturna degli alberi» racchiude tutto lo spirito dell'India, quello sguardo così pacato e armonioso che mette sullo stesso piano l'uomo, il cosmo e la divinità.

Sulle vie dell'illuminazione. Il...

Skira 2017

Disponibile in 3 giorni

65,00 €
Nel 1808, la pubblicazione di «Sulla lingua e la sapienza degli indiani» di Friedrich Schlegel inaugura l'emergere di una nuova e sempre più intensa curiosità dell'Occidente per l'India e la sua straordinaria civiltà. A partire dalle riflessioni sull'Induismo e sul Buddismo di Schopenhauer, cui faranno seguito nei primi decenni del Novecento le opere letterarie di Hermann Hesse e le analisi antropologiche di Carl Gustav Jung, l'India, con le sue tradizioni millenarie e la sua spiritualità, ha infatti sedotto una moltitudine di intellettuali e artisti occidentali, che in questo paese hanno identificato una delle grandi culle dell'umanità. Si è così venuto costruendo nel corso degli ultimi due secoli quel mito dell'India che ha conquistato il mondo giovanile internazionale negli anni Sessanta e Settanta. Il volume ripercorre la storia di questa fascinazione indiana dell'Occidente attraverso un ricco apparato iconografico e un gran numero di contributi di autori diversi che si soffermano sui molteplici ambiti in cui questa fascinazione si è espressa, dall'arte alla letteratura, dalla musica alla religione, dalla storia del costume alla psicologia. Ne risulta un percorso singolare attraverso gli ultimi due secoli di storia della cultura occidentale, in cui si possono incontrare, tra moltissime altre, le figure di Schopenhauer, Kipling, Salgari, Redon, Gustave Moreau, Mata Hari, Kirchner, Hesse, Jung, Cartier Bresson, Le Corbusier, Ginsberg, Pasolini, Sottsass, i Beatles, Rauschenberg, Luigi Ontani e Francesco Clemente.

Vuoto e pieno. Il linguaggio...

Cheng François
Morcelliana 2016

Disponibile in 3 giorni

18,50 €
Comprendere la pittura cinese significa coglierne il senso filosofico: immergersi in una cultura dove arte e sapere sono un tutt'uno irriducibile ai modi di comprensione occidentali. Interprete d'eccezione ne è Francois Cheng per la sua duplice identità, cinese d'origine e francese di adozione. Nella prima parte del volume la sua analisi si concentra sulla nozione di Vuoto come principio originario, dal punto di vista filosofico e semiologico: evocando il suo opposto - il Pieno - esso è un "segno indiziale", pittorico ma anche calligrafico, da cui discende una pluralità di significati; transita nelle forme ma non si fissa in esse. La seconda parte verte sull'opera del pittore e maestro Shitao (1642-1707), dove pratica e teoria si integrano reciprocamente. L'idea di Vuoto rinvia a una concezione razionale e spirituale dell'universo, una dinamica vitale e figurativa di assenza e presenza che si riflette nella via della saggezza orientale.

Hokusai. Pop-up

McCarthy Courtney Watson
White Star 2016

Disponibile in 3 giorni

29,90 €
"Se solo il cielo mi avesse dato altri cinque anni, sarei potuto diventare un vero pittore". (Katsushika Hokusai)

Bijoux d'orients lointains. Au fil...

Crick Monique
5 Continents Editions 2016

Disponibile in 3 giorni

55,00 €
Questo volume ci conduce lungo la via marittima di un percorso entrato nel mito grazie alla bellezza di gioielli etnici e antichi. Per svelare la ricchezza e varietà delle culture dei regni che si estendevano dall'Arabia all'Asia insulare, è stato scelto l'oro, metallo leggendario simbolo di eternità, come filo conduttore. Quasi quattrocento gioielli accompagnano il lettore sulle rotte della via della seta marittima, passando per i regni d'Arabia, d'India, i grandi imperi scomparsi di Birmania, Tailandia, Cambogia, e Vietnam fino all'Indonesia e alla Filippine. Questi gioielli di eccezionale qualità, fragili testimoni dello straordinario virtuosismo di orafi anonimi che immortalarono su piccole superfici la loro fede e i loro sogni, rivelano popoli, civiltà e culture di cui si perde il ricordo. Lungi dall'essere inutili carabattole, questi ornamenti per il capo, collane, orecchini, braccialetti o cinture gioiello scandiscono le grandi tappe della vita e molto spesso gioielli e talismani dalle virtù protettive sono un tutt'uno. Il volume accompagnerà il lettore di pagina in pagina alla scoperta dei gioielli esotici del Sud Est asiatico insulare in una crociera che riconcilia archeologia ed etnologia che si concluderà nelle isole paradisiache di Giava, Bali, Sumatra, Nias, Sulawesi, Sumba, Florès, Timor e Molucche.

Da Bisanzio a Istanbul

Velmans T.
Jaca Book 2015

Disponibile in 3 giorni

130,00 €
Il volume mette in luce la peculiarità delle grandi stagioni della metropoli del Bosforo. Quella romana, con la sua trasformazione in capitale dell'Impero d'Oriente, quella bizantina, capitale di un commonwealth mediterraneo e balcanico e centro di diffusione del cristianesimo ortodosso, come una seconda Roma. Infine quella ottomana, capitale di un impero turco che dominò per secoli anche sul Mediterraneo arabo e islamico e sui Balcani, sino alle porte di Vienna. L'opera mette in luce anche le continuità di forme artistiche nell'estrema diversità dei periodi, anzitutto il capolavoro dell'architettura cristiana dei primi secoli, Santa Sofia, che farà da modello alle moschee degli ottomani e al genio architettonico rinascimentale di Sinan. La grande arte paleocristiana e bizantina vedrà il suo seguito nell'ornamento turco ottomano. Nel mondo islamico, infatti, gli ottomani non saranno aniconici, in quanto figli di una Costantinopoli in cui si svolse la guerra iconoclasta e in cui le immagini prevalsero. Nell'800 la città diverrà culla internazionale della fotografia e vedrà lo sviluppo delle immagini riproducibili.

Il dio benevolo e la dea...

Giuliano L.
Gangemi 2015

Disponibile in 3 giorni

20,00 €
"In questo XV volume della collana 'Interventi d'Arte sull'Arte' presentiamo il restauro, finanziato dalla Fondazione Paola Droghetti onlus, di due bellissime opere provenienti dal subcontinente indiano: una stele in pietra raffigurante Siva e Parvati e un elemento architettonico in legno che rappresenta Durga, entrambi conservati al Museo Nazionale d'Arte Orientale di Roma. La prima opera arriva dall'India, la seconda dal Nepal. Questa volta quindi la Fondazione Paola Droghetti, che negli anni si è principalmente occupata del patrimonio artistico di origine italiana, ha allargato il suo orizzonte a espressioni artistiche di una diversa, antica e importante cultura. E così i saggi che compongono il volume, nello spiegare il senso delle opere restaurate, illustrano il Pantheon religioso hindu e quindi la visione del mondo, della natura e anche del rapporto tra i sessi che sottende a questa mitologia. Italianissimo è invece il racconto dell'iter affrontato per acquisire le due opere. Una procedura complessa ma anche affascinante e in genere conosciuta solo dagli addetti ai lavori. Di grande interesse pure la descrizione delle metodologie di restauro che, anche avvalendosi di tecnologie molto avanzate, hanno consentito di restituire splendore alle due stele..." (Vincenzo Ruggieri, Presidente della Fondazione Paola Droghetti onlus)

Ideali dell'Oriente. Lo spirito...

Okakura Kakuzo
SE 2015

Disponibile in 3 giorni

22,00 €
"L'Asia è una. L'Himalaya separa, accentuandone i tratti distintivi, due potenti civiltà - la cinese del comunismo confuciano e l'indiana dell'individualismo vedico. Nemmeno le barriere innevate possono però interrompere per un solo istante l'ampio fluire dell'amore per l'Ultimo e l'Universale, retaggio ideale che accomuna i popoli di tutta l'Asia. Spetta però al Giappone il sommo privilegio di realizzare, con particolare chiarezza, una tale unità nella complessità. La storia dell'arte giapponese diventa allora quella degli ideali asiatici, la spiaggia su cui il susseguirsi delle onde del pensiero orientale lascia la propria traccia andando a toccare la coscienza nazionale. Come la rete di diamante di Indra, in ogni suo anello l'arte riflette l'intera catena. Non esiste un momento storico in cui abbia forma definitiva. Si tratta invece di una crescita ininterrotta, che sfida il bisturi dello storico. Dissertare su una particolare fase dello sviluppo artistico significa considerare infiniti cause ed effetti, dal passato al presente. L'arte è per noi, come per ogni popolo, l'espressione più elevata e più nobile della cultura nazionale. Una storia degli ideali dell'arte giapponese è pressoché impossibile finché il mondo occidentale resta all'oscuro della mutevolezza dell'ambiente e dei correlati fenomeni sociali, in cui l'arte è incastonata come una gemma."

La trasfigurazione della natura...

Coomaraswamy Ananda K.
Abscondita 2015

Disponibile in 3 giorni

21,00 €
"Da profondo conoscitore del pensiero europeo medioevale e consapevole di rivolgersi a un pubblico in prevalenza occidentale, Coomaraswamy (1877-1947) ha avuto la cura di trascegliere quei passi della letteratura filosofico-religiosa dell'epoca che fossero più in grado di svegliare il lettore alla consapevolezza dell'essenzialità del 'sottrarre' rispetto alla superfluità dell''aggiungere', ai fini dell''intelligere'. Entrano a colloquio con noi, attraverso il portavoce orientale, i protagonisti occidentali di altrettante vie alla contemplazione dell'arte di Dio: san Tommaso d'Aquino, Meister Eckhart, Agostino, Dante, Blake fino a Maritain. [...] Nei sette capitoli che compongono questo volume Coomaraswamy traccia un affresco dell'arte il cui protagonista non è l'uomo fisico, come la sua opera destinato a perire, ma l'uomo cosmico, il pellegrino di maya in cui si sono specchiati i viandanti solitari di ogni epoca trascorsa e ventura. All'uomo odierno che ha perduto il senso del sacro, questa immagine appare vuota di senso. Il mondo in cui vive è fitto di segni, segnali, rumori, ingiunzioni e sensi unici; egli vede il segno ma non ravvede il simbolo, sente il rumore ma non ode il suono, teme il silenzio perché 'si' teme. Irride ai valori perché è sordo al Valore, non ha rettitudine perché ha perso l'equilibrio, infine corteggia e pratica l'arte ma non sa più cosa significhi amare, dedicarsi, rinunciare, morire." (Dallo scritto di Grazia Marchianò)

Nel mondo delle icone. Dall'India a...

Opie John L.
Jaca Book 2014

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
Gli scritti raccolti per la prima volta in questo volume, interamente rivisti e accresciuti, offrono una testimonianza articolata delle ricerche di John Lindsay Opie intorno all'immagine sacra e al suo linguaggio simbolico. Dall'Occidente desacralizzato verso l'India tamil, fino all'incontro con l'iconografia delle chiese bizantine e slave. La sua indagine accurata delle fonti letterarie, liturgiche e teologiche dell'imagery sivaita e cristiano-ortodosso, si pone in dialogo con i risultati della semiotica, dell'antropologia culturale e della storia delle religioni. Nel profondo rapporto di amicizia e condivisione spirituale con Elémire Zolla e Cristina Campo, maturano così l'adesione del bizantinista alla chiesa Ortodossa, l'avvicinamento al pensiero filosofico di Pavel Florenskij, da lui presentato per la prima volta in lingua inglese, e il confronto con Aleksandr Solzenicyn.

Hiroshige. Da Edo a Kyoto. Vedute...

Spadavecchia F.
Marsilio 2014

Disponibile in 3 giorni

24,00 €
La produzione di Utagawa Hiroshige (Edo, 1797-1858), uno dei grandi maestri dell'ukiyo-e, è ben documentata nella collezione del Museo d'Arte Orientale di Venezia, con opere risalenti soprattutto al periodo della maturità. I soggetti delle sue stampe spaziano da immagini di beltà femminile a vedute urbane e paesaggistiche. I saggi in catalogo di Fiorella Spadavecchia, Marta Boscolo Marchi, Bonaventura Ruperti, Silvia Vesco e Rossella Menegazzo ci accompagnano nella lettura di queste meravigliose opere, con uno sguardo alla storia e alla cultura giapponesi del periodo. Il dvd allegato al volume raccoglie le immagini e le schede dei pezzi della collezione veneziana.

Il genio giapponese

Focillon Henri
Medusa Edizioni 2014

Disponibile in 3 giorni

18,50 €
L'epoca coloniale, quella tra XIX e XX secolo, oltre le sue ipocrisie civilizzatrici, ha messo in luce, paradossalmente, un'apertura di credito verso le culture "altre", che hanno finito per affascinare e influenzare l'Occidente, assai più, forse, di quanto i colonizzatori non abbiano potuto fare coi colonizzati. Il fascino dell'Oriente, sulla scorta anche delle Esposizioni universali, lasciò un segno decisivo sulla cultura francese a cavallo tra i due secoli. I tre saggi sul "genio giapponese" di Henri Focillon, qui tradotti per la prima volta e riuniti in volume, ne sono una eloquente testimonianza. Focillon comincia a dar forma definitiva al suo "marchio intellettuale", messo poi a frutto da allievi d'eccellenza (da Jurgis Baltrusaitis ad André Chastel, fino a George Kubler), che consiste nell'individuazione dei caratteri di uno "stile" affrancato dagli schematismi geografico-cronologici (l'idea di struttura mobile riferita a spazio, materia, spirito e tempo che Focillon svilupperà come teoria dell'arte nel libro "Vita delle forme"). Nel "Saggio sul genio giapponese" Focillon sfonda addirittura i confini della storia dell'arte delineando una sorta di utopia antropologica. Bisognava però fare i conti con una certa declinazione culturale del japonisme che aveva giocato un ruolo centrale nella cultura artistica europea... Introduzione di Andrea Beolchi.

Storia dell'arte dell'India. Vol....

Pieruccini Cinzia
Einaudi 2013

Disponibile in 3 giorni

38,00 €
La storia culturale dell'India è grande fra le più grandi dell'intera umanità. Ha prodotto durante tutte le sue tappe capitoli di immenso splendore, sintesi sofisticate e geniali di molti ingredienti, che hanno per di più saputo esercitare influssi enormi, dal momento che il subcontinente indiano ha rappresentato per l'Asia ciò che la Grecia è stata per l'Europa. Formano parte di questa lunga vicenda, la accompagnano e la rispecchiano, realizzazioni artistiche autenticamente emozionanti per magnificenza e varietà. Nel primo volume si è trattato dell'ampio periodo che dalle origini protostoriche si estende fino ai monumenti templari del XIII secolo, le cui meravigliose manifestazioni artistiche appaiono ispirate soprattutto alle religioni nate e cresciute in India. In questo secondo volume il percorso prende le mosse dall'arte indo-islamica, esito del nuovo dominio che si inaugura in India intorno al 1200, e che produce a sua volta, nell'architettura come nella pittura, una lunga serie di capolavori eccezionali, in un contesto che rappresenta da un lato la propaggine orientale della grande koiné islamica, dall'altro una nuova grandiosa fase della cultura indiana in senso proprio. Il discorso prosegue con i principati hindu del Nord e i loro palazzi e dipinti, e con le ricche realtà urbanistiche e monumentali che sorgono nel frattempo nel meridione; per affrontare infine gli esiti della dominazione inglese e della ricerca, da parte dell'India che aspira all'indipendenza...

Le ceramiche dell'Asia orientale...

Laura N.
Allemandi 2012

Disponibile in 3 giorni

90,00 €
Dopo il catalogo ragionato dedicato alle ceramiche islamiche, questo secondo volume affronta in modo sistematico la notevole raccolta di ceramiche dell'Asia orientale collezionate da Luigi Anton e Nera Laura nel corso di cinquant'anni di appassionata ricerca. Per la prima volta viene proposta agli specialisti del settore come al pubblico più interessato una selezione dei pezzi maggiormente rappresentativi dal punto di vista storico-artistico di questa collezione, da annoverare tra le più importanti nel territorio italiano: ceramiche e porcellane cinesi prodotte tra le dinastie Song e Qing (all'incirca dal X al XIX secolo), ma anche manufatti provenienti dalla Corea, dal Giappone e da varie località del sud-est asiatico. Insieme alle ceramiche, il volume offre una panoramica dei principali oggetti artistici che compongono la "sezione d'arte dell'Asia orientale" di Villa San Luca a Ospedaletti (Imperia) nella Liguria di Ponente, splendida villa-museo che i Laura hanno, con lungimiranza, donato al Fai Fondo Ambiente Italiano, destinata a divenire un importante museo dedicato alle arti decorative disponibile alla pubblica fruizione.

Il trono della regina di Saba....

Antonini de Maigret S.
Artemide 2012

Disponibile in 3 giorni

50,00 €
La mostra presenta la raccolta sudarabica del Museo, formata tra il 1933 e il 1971 da medici e studiosi italiani di letteratura araba, presenti in Yemen. La sezione Documenti presenta una scelta di fotografie e documenti che testimoniano la presenza italiana in Yemen dal 1877 al 1939. Il materiale, concesso in prestito dall'Istituto Italiano per l'Africa e l'Oriente e dalla Società Geografica Italiana, si sofferma in particolare sulle figure di Jacopo Gasparini e di Renzo Manzoni. Di quest'ultimo sono esposti per la prima volta il manoscritto originale del suo volume "Tre anni nell'Arabia Felice". Escursioni fatte da Renzo Manzoni dal settembre 1877 al marzo 1880, una scelta di fotografie e la pianta della Capitale disegnata nel gennaio 1879. La sezione Da Sana a Roma presenta le raccolte museali completate da una scelta di manoscritti portati in Italia da C. Ansaldi, E. Rossi e L. Caetani, oggi conservati presso la Biblioteca dell'Accademia dei Lincei e Corsiniana. La terza ed ultima sezione "Il trono e la Regina di Saba" presenterà due ricostruzioni di troni sudarabici di diversa tradizione e datazione, alcuni dipinti etiopici raffiguranti "La leggenda della Regina" di Saba e alcuni oggetti prodotti in Europa tra il 1920 e il 1940 a testimonianza del fascino esercitato da tale figura femminile, archetipa prima ancora che storica nell'immaginario collettivo dell'Occidente.

Bronzi islamici. Sculture zoomorfe...

Anedda Damiano
Artemide 2012

Disponibile in 3 giorni

15,00 €
In questo volume si parla di relazioni tra i paesi islamici e latini, con una riflessione sulla circolazione di prodotti artistici quali tessuti, metalli, avori, cristalli di rocca, legni e ceramiche. I temi decorativi in essi presenti furono spesso imitati nei luoghi in cui questi transitavano. buona parte degli oggetti riferibili all'industria artistica islamica di epoca medievale è giunta fino ai giorni nostri grazie al collezionismo e alla vigile custodia di monasteri e fondazioni ecclesiastiche che tuttora rappresentano preziosi contenitori. In particolare è oggetto di analisi la storia del collezionismo italiano relativo all'arte islamica, la storia degli studi e l'esame dei singoli bronzi zoomorfi presenti nei musei italiani.

Di linea e di colore. Il Giappone,...

Morana F.
Sillabe 2012

Disponibile in 3 giorni

45,00 €
Il volume è il catalogo della mostra di Firenze (Palazzo Pitti, 3 aprile - 1 luglio 2012). La mostra intende celebrare il Giappone, la sua arte, la sua cultura e le sue tradizioni ospitando nelle sale più rappresentative dei suoi musei tre mostre, raccolte sotto l'iniziativa comune: Giappone. Terra di incanti. Oltre 200 pezzi, databili dalla metà del Cinquecento alla metà dell'Ottocento, saranno in esposizione delle sale affrescate del museo: capolavori d'arte e d'artigianato giapponese, dalle armi agli strumenti musicali, dalle armature agli eleganti abiti cerimoniali, dagli oggetti d'uso quotidiano a monili e suppellettili per l'abbellimento della persona e della casa. Adeguati saggi introduttivi, scritti dai massimi esperti europei del settore, illustreranno con compiutezza i più sfaccettati aspetti della cultura e dell'arte giapponese, colta in un particolarissimo momento della sua storia, ovvero quello dell'incontro con i primi viaggiatori europei e l'inizio dei rapporti, talvolta tesi e difficiili, di reciproco scambio.

La danza di Siva

Coomaraswamy Ananda K.
Adelphi 2011

Disponibile in 3 giorni  
FILOSOFIA ORIENTALE

15,00 €
Chi si accosta alla cultura indiana non può che essere subito assalito da interrogativi: a quali canoni artistici obbediscono le immagini, che paiono di proposito così poco naturalistiche? Come mai, quasi sempre, non si sa nulla della biografia degli autori di opere d'arte e componimenti letterari? Quali sono le basi di una musica così rigorosamente improvvisata? Su quali presupposti si fonda l'assetto, scandalosamente non egualitario, del sistema delle caste? Perché la donna è così sottomessa e al tempo stesso così celebrata? Come possono convivere l'uso dei matrimoni combinati e l'esaltazione dell'amore? E ancora: come possono stare fianco a fianco aspetti ascetici e altri di prorompente sensualità? Nella raccolta di saggi che qui presentiamo Coomaraswamy risponde a ciascuna di queste domande, delineando un mondo remoto in cui l'artista non si propone di esprimere se stesso né ambisce all'originalità, e in cui l'organizzazione sociale non mira a soddisfare le pulsioni di ciascuno, a incoraggiare la competizione e massimizzare il profitto economico: un mondo dove la perfezione consiste nel trascendere se stessi, nel superamento dell'io, nell'abbandono dei desideri, sicché lo svolgimento impeccabile della propria funzione all'interno della società diventa occasione di esercizio spirituale, e l'arte e l'amore mezzi per attingere quella realtà divina da cui sgorgano ogni bene e ogni bellezza - e che è accessibile solo dimenticando se stessi.

Karakuri. Atto 2°. Ediz. multilingue

Yoshin Ryu 2011

Disponibile in 3 giorni

34,00 €
Il volume è il catalogo della mostra tenutasi a Palazzo Barolo a Torino nell'autunno 2011. Le Karakuri Ningyo, le bambole meccaniche giapponesi dell'epoca Edo del Maestro Tamaya Shobei IX presentate per la prima volta al pubblico ed ai lettori italiani.

La questione dell'immagine nell'Islam

Naef Silvia
O Barra O Edizioni 2011

Disponibile in 3 giorni

14,00 €
La distruzione nel 2001 dei Buddha di Bamyan da parte dei talebani ha rafforzato in Occidente il pregiudizio secondo il quale l'Islam sarebbe una civiltà ostile all'immagine. Ma esiste davvero una questione dell'immagine nel mondo arabo? La rappresentazione figurativa, per quanto storicamente bandita dal culto e dai luoghi di preghiera musulmani, di fatto è sempre esistita sotto molteplici forme e, a partire dal XIX secolo, ha conosciuto una proliferazione legata in particolare alla diffusione dei nuovi media. Al giorno d'oggi, una vera e propria infatuazione nei confronti dell'immagine pervade sia la sfera pubblica sia quella privata, suscitando interrogativi e discussioni tra le autorità religiose musulmane. Il libro tratteggia un percorso storico della figurazione nel mondo arabo a partire dall'VIII secolo fino alle espressioni contemporanee (manifesti pubblicitari, cinema e TV) e tenta di rispondere al quesito iniziale, fondamentale per comprendere i cambiamenti in corso nella società islamica.

Il canto del guanciale e altre storie

Calza G. Carlo
Phaidon 2010

Disponibile in 3 giorni

45,00 €
Un saggio completo ed esaustivo sull'arte erotica giapponese dalla metà del XVII alla fine del XIX secolo, l'epoca dello Ukiyo-e. Il libro presenta i vari artisti in successione cronologica e comprende opere di grandi maestri come Utamaro, Hokusai, Kunisada e Kuniyoshi. Una raccolta di ampio respiro impreziosita da oltre 350 immagini e riproduzioni di xilografie, pergamene e dipinti. A ogni copia è allegata una litografia della celebre illustrazione erotica di Utamaro Il canto del guanciale. L'opera è corredata da un elenco delle opere presentate, un ampio glossario e una ricca sezione bibliografica.

Arte cinese. Ediz. illustrata

Morena Francesco
Giunti Editore 2008

Disponibile in 3 giorni

4,90 €
Un dossier dedicato all'Arte cinese. In sommario: Dal neolitico alla dinastia Han; Dall'introduzione del buddhismo alla dinastia Tang; Dalle Cinque dinastie alla dinastia Yuan; Dalla dinastia Ming alla fine dell'impero.