Stili artistici: Design modernista e Bauhaus

Filtri attivi

Bauhaus. Vita e arte di sei maestri...

Fox Weber Nicholas
Il Saggiatore 2019

Disponibile in 3 giorni

42,00 €
Esiste un modo estremamente semplice e altrettanto efficace per comprendere l'impatto del Bauhaus sulla pittura, l'architettura e il design del Novecento: basta osservare una foto di gruppo degli artisti che ne hanno fatto parte. Tra i loro volti, si riconoscono facilmente quelli di Walter Gropius e Paul Klee, di Vasilij Kandinskij e Ludwig Mies van der Rohe, di Joseph e Anni Albers. Il loro incontro tra Weimar, Berlino e Dessau fu un evento senza precedenti, probabilmente ineguagliabile, dettato dall'utopia estetica e sociale di armonizzare arte e industria, razionalità e bellezza; una parentesi radiosa in una Germania che stava già precipitando nel buio. Questo volume è la storia collettiva di quei sei grandi maestri. Sei artisti cruciali che vissero l'uno a fianco all'altro, insegnarono nelle stesse aule e finirono per influenzare reciprocamente i loro destini. Mentre nei laboratori del Bauhaus nasceva un nuovo design, destinato a ridefinire i valori della produzione seriale, le serate a Weimar e Dessau erano animate da balli in maschera e accalorate discussioni. Camminando nella fresca pineta, tra le case dei maestri, era possibile trovare due dei maggiori pittori dell'epoca, Paul Klee e Vasilij Kandinskij, che discutevano di colore ed energia; o imbattersi in Walter Gropius, rapito dalle volubili traiettorie di Alma, un'autentica femme fatale che lo incontrava all'insaputa del marito, Gustav Mahler. Se queste immagini si susseguono ora in Bauhaus è perché il suo autore, Nicholas Fox Weber, non è soltanto uno dei maggiori studiosi del movimento, ma è stato amico e confidente di Josef e Anni Albers. In lunghe conversazioni e intensi dialoghi, ha raccolto dalla viva voce degli ultimi Bauhausler le riflessioni, gli aneddoti e le memorie di un'epoca d'eccezione. L'epoca in cui l'avanguardia provò a ricucire la frattura che separava arte e società: l'ultimo grande sogno umanista del Novecento.

Una costituente per l'Europa....

Weil Simone
Castelvecchi 2019

Disponibile in 3 giorni

17,50 €
Gli ultimi scritti di Simone Weil, composti a Londra tra il 1942 e il 1943 e qui presentati integralmente, rappresentano lo sviluppo estremo del suo percorso spirituale e l'apice della sua riflessione politica. Tornata in Europa dagli Stati Uniti con l'intenzione di partecipare alla guerra di liberazione, la filosofa si trova invece relegata al lavoro intellettuale l'esame delle proposte di rinnovamento costituzionale - da parte del comando di France Combattante. La resistenza della Weil, combattuta da sola in una stanza, diventa così l'occasione per gettare le basi di una rifondazione della civiltà europea, proprio nel momento in cui la guerra ne mette in discussione i valori e la stessa sopravvivenza. Utilizzando una documentazione in parte inedita, i curatori ricostruiscono le condizioni storiche e umane nelle quali i saggi, le lettere e gli appunti furono redatti. In tormentata dialettica tra realismo e utopia, ispirati alla filosofia greca e a un Cristianesimo purificato, in dialogo col pensiero filosofico coevo ma irriducibilmente distanti da esso, questi testi sollecitano l'Occidente a costruire una civiltà politica nuova e consapevole delle proprie radici. Negli apparati di approfondimento, "Una costituente per l'Europa" unisce al rigore critico una guida alla riflessione individuale, proponendosi come un'esperienza rigenerante che chiede la disponibilità, del cuore come della mente, a interrogare noi stessi in maniera libera e radicale.

Saarinen

Serraino Pierluigi
Taschen 2017

Disponibile in 3 giorni  
SCRITTI DI ARCHITETTURA

10,00 €
Eero Saarinen (1910-1961), creatore delle sedie e tavoli Tulip per Knoll, diffuse in tutto il mondo, è stato uno dei più illustri "modellatori di spazi" del Ventesimo secolo. Le sue creazioni architettoniche e di design univano forme dinamiche con una sensibilità modernista. Tra le sue opere più acclamate ricordiamo l'aeroporto internazionale di Washington-Dulles, la struttura incredibilmente scultorea e fluida del terminal TWA all'aeroporto John F. Kennedy di New York e il Gateway Arch di St. Louis in Missouri con i suoi 192 metri di altezza, veri punti di riferimento per l'architettura americana postbellica. Le curve catenarie sono una caratteristica ricorrente del suo design strutturale. Dalla lunga collaborazione con Knoll scaturirono altri celebri elementi d'arredo, come la lounge chair Grasshopper e il divano Womb. Saarinen sposò la famosa critica dell'arte e di architettura Aline Bernstein Saarinen e collaborò anche con Charles Eames, con il quale progettò la sua prima sedia insignita di un riconoscimento ufficiale. Tramite un'abbondanza di immagini che ripercorrono la vita e la carriera dell'artista, questo volume dedicato all'architettura ci accompagna alla scoperta di Saarinen, dai suoi studi, alla formazione, fino ai progetti più prestigiosi, e ci mostra come ciascuna delle sue opere abbia donato una nuova dimensione al panorama modernista.

Bauhaus

Droste Magdalena
Taschen 2015

Disponibile in 3 giorni

10,00 €
Fondata a Weimar nel 1919, la scuola Bauhaus sviluppò un approccio rivoluzionario che fondeva insieme belle arti, artigianato e ingegneria in tutti i campi, dall'architettura all'arredamento, dai caratteri tipografici al teatro. Inizialmente capeggiato da Walter Gropius, il movimento Bauhaus annoverava tra i suoi esponenti artisti e architetti quali Paul Klee, Lyonel Feininger, Wassily Kandinsky, László Moholy-Nagy e Marcel Breuer. Nel 1930, Ludwig Mies van der Rohe ne divenne il nuovo leader, ma poco dopo, nel 1933, il governo nazista fece chiudere la scuola. Durante i 14 anni di attività, il Bauhaus riuscì a cambiare l'arte, l'architettura e l'industrial design per sempre, risultando ancora oggi estremamente influente.

La nuova architettura e il Bauhaus

Gropius Walter
Abscondita 2004

Disponibile in 3 giorni

13,00 €
"Nutro la convinzione che la Nuova Architettura sia destinata ad assumere una portata molto più ampia di quella che oggi ha l'attività edilizia; ritengo inoltre che attraverso lo studio dei suoi vari aspetti procederemo verso una ancor più ampia e profonda concezione del design come grande organismo unitario (...). Sembra che il dominio della macchina, la conquista di una nuova idea di spazio e il lavoro pionieristico della ricerca di un comune denominatore per le nuove forme del costruire abbiano quasi esaurito le forze creative degli architetti di questa generazione. La prossima porterà a compimento il perfezionamento di queste forme, rendendo possibile la loro generalizzazione." (Walter Gropius)

Bauhaus

Maldonado Tomás
Feltrinelli 2019

Prossima uscita

19,00 €
La storia e l'eredità della scuola fondata nel 1919 da Walter Gropius sono inseparabili dalla vicenda della Repubblica di Weimar. "Ma il Bauhaus non si limitò a riflettere gli alti e bassi della realtà: cercò anche di mutarla. Quando si voleva eternare il caos, il Bauhaus rivendicò, con Gropius, l'ordine. Quando più tardi si cercò di eternare l'ordine vacillante e oppressivo della razionalizzazione industriale, il Bauhaus, con Meyer, si adoperò per dare a questa razionalizzazione un contenuto sociale". Nel dopoguerra Tomás Maldonado dovette fare i conti con l'esperienza del Bauhaus quando, con altri, avviò a Ulm la Hochschule für Gestaltung, la nuova scuola di progettazione che ha segnato in modo indelebile la storia del design nel secondo Novecento. E in diverse circostanze prese posizione nei confronti della "tradizione Bauhaus", con un atteggiamento critico e controcorrente che voleva riportarne il lascito culturale dal piano del mito a quello della realtà. La collezione di scritti, lettere e interventi risalenti al lungo periodo tra il 1955 e il 2009 si confronta con uno snodo storiografico decisivo per il design e solleva una serie di questioni ancora attuali: il rapporto tra arte e design, la formazione dei progettisti, l'importanza della scienza per l'attività progettuale e, non per ultimo, il ruolo politico e la responsabilità del designer nei confronti dei grandi problemi sociali e ambientali del nostro tempo. Ogni critica al Bauhaus è in realtà per Maldonado un'occasione per discutere questioni contemporanee e questa raccolta, esplorando la discontinuità fra il passato e la nuova visione pedagogica e sociale di Ulm, ne rivela la straordinaria modernità.

Bauhaus 100. Imparare fare pensare....

Mondadori Electa 2019

Non disponibile

32,00 €
Il libro non è soltanto una ricostruzione storica in occasione del centenario della nascita del Bauhaus (1919/2019). Certamente fa riferimento alla sua storia consolidata, ne capitalizza tutte le interpretazioni più coerenti, ma cerca di andare oltre, con tutti i rischi di un viaggio che, nel presente e soprattutto nel futuro, desidera individuare, in modo indiziario, ciò che è rimasto di quello "spirito rivoluzionario", e se è ancora possibile progettare mettendo al centro le idee e non solo le "cose ". Dalla collezione di Italo Rota, ai linguaggi della cultura digitale di Maria Grazia Mattei, fino alle immagini delle copertine di una rivista, "La Lettura", e alla scultura di Alberto Meda: al centro una città, Macerata, dove è nato Ivo Pannaggi, uno dei tre italiani allievi del Bauhaus, senz'altro il più eclettico, e una regione, le Marche, che nel suo modo di progettare e produrre ha sempre avuto, sullo sfondo, il modello della scuola tedesca: "un'industrializzazione senza fratture", come scriveva Giorgio Fuà.

Bauhaus absconditum. Arte, corpo e...

Giacomelli Alberto
Mimesis 2019

Non disponibile

22,00 €
Il centesimo anniversario del Bauhaus (1919-2019) rappresenta un'occasione preziosa per riflettere sulla natura e sull'eredità di uno dei fenomeni più dinamici e significativi che abbiano animato la sperimentazione artistica del Novecento. Nonostante la ricchezza e l'ampiezza di studi sull'argomento, un vasto orizzonte culturale sul quale l'istituzione del Bauhaus si staglia è rimasto per lo più inesplorato. Si tratta dello sfondo costituito dall'esperienza mistica, spirituale e insieme sensibile e corporea che stimola e permea non solo il complesso panorama artistico del primo Novecento, ma anche, direttamente, la visione creativa, innovativa, provocatoria e insieme didattica e formativa della scuola fondata da Walter Gropius. Attraverso l'analisi dell'opera artistica, della riflessione teorica e delle pratiche di vita di Vasilij Kandinskij, Johannes Itten e Paul Klee, il presente lavoro si propone di mettere in luce quegli elementi simbolici, ineffabili, "fantastici", "lirici", non concettualizzabili che il razionalismo artistico ha cercato di dominare e reprimere e che invece si sono rivelati a esso coessenziali, innervando di sé anche la visione pragmatica del Bauhaus.

Bauhaus mädels. A tribute to...

Rössler Patrick
Taschen 2019

Non disponibile

30,00 €
Per celebrare i cent'anni della rivoluzionaria scuola di arte e design, questo volume ripercorre la storia della Bauhaus attraverso una rassegna visiva dei suoi membri più sottovalutati. Questo istituto offrì alle donne nuove opportunità di formazione, ma lungo il percorso le ragazze della Bauhaus dovettero affrontare assurde aspettative familiari, atteggiamenti ambigui da parte della facoltà e dell'amministrazione, convenzioni sociali antiquate e perfino la repressione politica del regime nazista. Opera senza precedenti nella letteratura contemporanea, Bauhaus Gals presenta quasi 90 artiste e artigiane attraverso saggi e ritratti fotografici, molti dei quali pubblicati per la prima volta. Recenti scoperte d'archivio rinfrescano inoltre le biografie dei talenti più noti, tra i quali troviamo Marianne Brandt, la prima donna a essere stata ammessa al corso di lavorazione di metalli della Bauhaus e i cui modelli sono usati ancora oggi da Alessi; Gertrud Arndt che, scoraggiata dalla facoltà nello studio dell'architettura, brillò invece per le sue fotografie e i suoi tappeti; e Lucia Moholy, che ritrasse gli edifici della Bauhaus in alcuni scatti iconici, ma passò il resto della sua vita cercando di recuperarne i negativi che le erano stati sottratti. Inoltre, il volume ci ricorda altre artiste che, benché quasi dimenticate, rappresentano altrettante pioniere dell'uguaglianza di genere, che rifiutarono di seguire i sentieri già battuti che la società e le loro famiglie destinavano loro. Con più di 400 ritratti scattati tra il 1919 e il 1933, Bauhaus Gals offre una panoramica delle artiste che frequentarono la scuola d'arte più progressista del XX secolo, per poi ritrovarsi spesso a rivoluzionare il mondo dell'arte, dell'architettura, del design e perfino della politica. Le interessanti biografie gettano luce sulla battaglia personale portata avanti da ciascuna artista, superando le avversità e raggiungendo notevoli successi. In questo magnifico album di famiglia scopriremo un gruppo di pioniere straordinarie che aprirono la strada a tutte le successive generazioni di artiste.

My Farnsworth. Viaggio alla...

Quodlibet 2019

Non disponibile

18,00 €
Nella misura in cui continua ad eccitare l'immaginazione di diverse generazioni di artisti e architetti, la Casa Farnsworth (1951) di Ludwig Mies van der Rohe è un classico moderno. La Farnsworth, come le tragedie classiche shakespeariane, continua ad apparire "contemporanea". E se Italo Calvino affermava che "Un classico è un libro che con ogni rilettura offre tanto un senso di scoperta quanto la prima lettura", la Casa Farnsworth, progettata come un padiglione di vetro e acciaio, merita di essere riletta e ri-visitata sotto diversi punti di vista e durante stagioni e momenti diversi per comprendere appieno il ruolo che la natura gioca nell'esperienza voluta da Mies. Con questo approccio un gruppo di studiosi ha deciso di rileggere la Casa Farnsworth, attraverso le lenti e le aspettative dei suoi diversi protagonisti, l'architetto e il suo cliente, fino a immaginare due nuove case: quella pensata da Mies e quella desiderata da Edith Farnsworth.

Nanda Vigo. Light project. Catalogo...

Meneguzzo M.
Silvana 2019

Non disponibile

28,00 €
La poliedrica attività di Nanda Vigo, divisa tra arte, architettura e design, viene analizzata da Marco Meneguzzo come un unitario progetto di vita, nel grande solco della Modernità europea. Protagonista del clima culturale milanese degli anni Sessanta, Vigo realizza i suoi "Cronotopi" dal 1963, in pieno spirito del gruppo transnazionale ZERO. Partecipe delle avanguardie, l'artista elabora un proprio pensiero sulla luce, la trasparenza, l'immaterialità che deve costituire l'opera e l'ambiente abitabile dell'essere umano. Nella loro versione degli anni Sessanta, i "Cronotopi" sono la quintessenza del suo modo di intendere l'arte: una situazione esistenziale che consente di vivere esperienze trascendenti, oltre la materialità del quotidiano per riuscire a percepire fisicamente una realtà più alta, una sintonia universale attraverso la contemplazione, la smaterializzazione, la comunione con l'Altro.

Gropius

Gossel P.
Taschen

Non disponibile

7,99 €
Nato e cresciuto in Germania, Walter Gropius (1883-1969) appartiene a quello scelto gruppo di architetti che hanno influenzato in maniera massiccia lo sviluppo dell'architettura moderna. Come fondatore della Bauhaus, Gropius contribuì in maniera fondamentale a questo sviluppo, tanto che la sua figura è imprescindibile se si vuole capire l'architettura moderna. I suoi primi progetti quali Fagus Boot-Last Factory e l'edificio Bauhaus a Dessau con l'impiego del vetro e delle strutture di tipo industriale sono pietre miliari di questa storia. Dopo essere emigrato negli Stati Uniti, contribuì alla formazione degli architetti d'oltre Oceano e divenne con Mies van der Rohe punto di riferimento della scena internazionale.

Il monumento alla Rivoluzione di...

Contursi Andrea
Ilios 2018

Non disponibile

15,00 €
Il monumento era stato costruito nel 1926 dal partito comunista di Germania presso il cimitero di Friedrichsfelde a Berlin-Lichtenberg su progetto del celebre architetto. Tuttavia la sua esistenza fu breve: il suo destino fu segnato dalla presa del potere da parte dei nazionalsocialisti nel 1933 che portò alla sua demolizione nel corso del 1935. Numerosi sono stati i tentativi, tutti falliti, di ricostruire il Monumento in qualche altro posto, all'Ovest come all'Est. Visitando oggi il sito, vi si possono trovare un piccolo "monumento al Monumento" e uno scarno cartello informativo, ma non vi è la possibilità di farsi un'idea dell'aspetto e delle dimensioni del manufatto originario. Quali possibilità si prospettano per il futuro di questo importante luogo storico? Mantenimento dello stato di fatto o ricostruzione del Monumento criticabile sia sul piano della teoria del restauro che dei significati politici?

Una costituente per l'Europa....

Weil Simone
Castelvecchi 2016

Non disponibile  
POLITICA

18,50 €
Gli ultimi scritti di Simone Weil, composti a Londra tra il 1942 e il 1943 e qui presentati integralmente, rappresentano lo sviluppo estremo del suo percorso spirituale e l'apice della sua riflessione politica. Tornata in Europa dagli Stati Uniti con l'intenzione di partecipare alla guerra di liberazione, la filosofa si trova invece relegata al lavoro intellettuale l'esame delle proposte di rinnovamento costituzionale - da parte del comando di France Combattante. La resistenza della Weil, combattuta da sola in una stanza, diventa così l'occasione per gettare le basi di una rifondazione della civiltà europea, proprio nel momento in cui la guerra ne mette in discussione i valori e la stessa sopravvivenza. Utilizzando una documentazione in parte inedita, i curatori ricostruiscono le condizioni storiche e umane nelle quali i saggi, le lettere e gli appunti furono redatti. In tormentata dialettica tra realismo e utopia, ispirati alla filosofia greca e a un Cristianesimo purificato, in dialogo col pensiero filosofico coevo ma irriducibilmente distanti da esso, questi testi sollecitano l'Occidente a costruire una civiltà politica nuova e consapevole delle proprie radici. Negli apparati di approfondimento, "Una costituente per l'Europa" unisce al rigore critico una guida alla riflessione individuale, proponendosi come un'esperienza rigenerante che chiede la disponibilità, del cuore come della mente, a interrogare noi stessi in maniera libera e radicale.

Bauhaus

Droste Magdalena
Taschen 2015

Non disponibile

19,99 €
Il Bauhaus Archiv/Museum Für Gestaltung di Berlino possiede attualmente la più importante collezione di opere riconducibili al movimento Bauhaus. Ne fanno parte documenti, progetti realizzati nei laboratori e relativi a tutti i settori del design, studi e schizzi effettuati durante i corsi nella famosa scuola, e piante e modelli architettonici. Il Bauhaus Archiv si dedica allo studio e alla presentazione della storia del Bauhaus, occupandosi anche della New Bauhaus School of Design di Chicago e della Hochschule für Gestaltung di Ulm. Questo libro, basato sull'ampia collezione dell'archivio, ripercorre la storia di questo movimento fondamentale per l'arte e l'architettura attraverso l'opera dei suoi più importanti sostenitori, inclusi Walter Gropius, Marcel Breuer, Vasilij Kandinskij e Paul Klee.

Lettere dall'esilio (1933-1940)

Albers Josef
Mimesis 2014

Non disponibile

16,00 €
Le quarantaquattro lettere che il volume qui propone, nella sua prima edizione italiana, si presentano come uno scambio su questioni artistiche e private tra due colleghi e amici nel momento in cui il mondo che conoscevano stava andando in rovina. Eppure sono una chiara manifestazione del potere dell'arte e non certo un lamento o una protesta. L'uno scrive all'altro della sua evoluzione artistica grazie agli stimoli continui che provenivano dai luoghi dell'esilio. Nel 1933, gli ultimi membri rimasti al Bauhaus decidono di chiudere definitivamente la Scuola prima dei termini imposti dal Terzo Reich. Considerati artisti 'indesiderabili' l'esilio restava l'unica alternativa per Josef Albers e Wassily Kandinsky. Per Kandinsky è la Francia dove, con la moglie Nina, frequenta intensamente la nuova avanguardia parigina. Per Albers e sua moglie Anni sono gli Stati Uniti e, soprattutto, il Black Mountain nel North Carolina, il College dove è chiamato ad insegnare.

Una costituente per l'Europa....

Weil Simone
Castelvecchi 2013

Non disponibile

22,00 €
Gli ultimi scritti di Simone Weil, composti a Londra tra il 1942 e il 1943 e qui presentati integralmente, rappresentano lo sviluppo estremo del suo percorso spirituale e l'apice della sua riflessione politica. Tornata in Europa dagli Stati Uniti con l'intenzione di partecipare alla guerra di liberazione, la filosofa si trova invece relegata al lavoro intellettuale l'esame delle proposte di rinnovamento costituzionale - da parte del comando di France Combattante. La resistenza della Weil, combattuta da sola in una stanza, diventa così l'occasione per gettare le basi di una rifondazione della civiltà europea, proprio nel momento in cui la guerra ne mette in discussione i valori e la stessa sopravvivenza. Utilizzando una documentazione in parte inedita, i curatori ricostruiscono le condizioni storiche e umane nelle quali i saggi, le lettere e gli appunti furono redatti. In tormentata dialettica tra realismo e utopia, ispirati alla filosofia greca e a un Cristianesimo purificato, in dialogo col pensiero filosofico coevo ma irriducibilmente distanti da esso, questi testi sollecitano l'Occidente a costruire una civiltà politica nuova e consapevole delle proprie radici. Negli apparati di approfondimento, "Una costituente per l'Europa" unisce al rigore critico una guida alla riflessione individuale, proponendosi come un'esperienza rigenerante che chiede la disponibilità, del cuore come della mente, a interrogare noi stessi in maniera libera e radicale.

The modernist house

Phaidon 2010

Non disponibile

19,95 €
Una panoramica pratica e accessibile delle 100 case più rappresentative del Movimento Modernista in tutto il mondo, dall'inizio del XX secolo ai giorni nostri. Il volume ripercorre la storia di questo movimento rivoluzionario, dalle prime sperimentazioni dell'architettura Bauhaus alle interpretazioni più recentidel Movimento Modernista. La rassegna comprende un'ampia selezione di abitazioni da Casa Farnsworth di Mies van der Rohe (Plano, Illinois, USA, 1929) e Villa Savoye di Le Corbusier (Poissy, Francia, 1931) fino alla Casa di vetro di Lina Bo Bardi (San Paolo, Brasile, 1951) e alla Casa a Pego di Álvaro Siza (Sintra, Portogallo, 2007). Presentati cronologicamente, gli edifici sono scelti per il merito architettonico e il contributo allo sviluppo del Movimento Moderno. Ogni scheda propone un'immagine a piena pagina, corredata da una descrizione della casa e da informazioni sul progettista e sul contesto storico. Il volume include, inoltre, un glossario e un elenco di case aperte alla visita del pubblico. Un'opera di riferimento essenziale e di facile consultazione.

Vchutemas. Design e avanguardie...

Elia Marco
Lupetti 2008

Non disponibile

15,00 €
Russia, anni Venti del Novecento: nei Vchutemas, i Laboratori Tecnico-Artistici di Stato, si sperimentano nuove teorie artistiche e progettuali, si moltipllcano i dibattiti e le ricerche di quelle avanguardie che, con esponenti come Kandinskij, Malevic, Ródcenko, El Lissítskij e con movimenti come il Costruttivismo e il Produttivismo, segnano la cultura del secolo scorso. Sono esperienze che investono la didattica tradizionale di accademie e scuole di design in Europa, influenzando lo stesso Bauhaus. Raccontare i Vchutemas significa riscattare dall'oblio un'esperienza fondamentale per la nascita e l'affermazione del design: esperienza poco nota, anche perché in Unione Sovietica, alla fine degli anni Venti, le avanguardie vengono soppresse mentre si promuovono indirizzi artistici controllati dallo stato. Un'esperienza sulla quale è utile riflettere, per ragioni storiche ma anche per la flagrante attualità di molte sue declinazioni.

L'avanguardia perduta. Architettura...

Pare Richard
Jaca Book 2007

Non disponibile

85,00 €
Questo libro cattura, attraverso le lenti di un grande fotografo, il patrimonio sopravvissuto di un fertile decennio che va dal rilancio dell'attività costruttiva dopo la rivoluzione russa fino all'inizio degli anni Trenta, quando il pluralismo delle idee e delle pratiche architettoniche incomincia a venir meno. In questo breve lasso di tempo, alcuni degli edifici più rappresentativi del XX secolo furono realizzati da un ristretto gruppo di architetti, che svilupparono un innovativo linguaggio architettonico funzionale ai nuovi obiettivi sociali della vita comune. Raramente pubblicate e praticamente inaccessibili prima del crollo del regime sovietico, queste fondamentali opere sono rimaste sconosciute e poco valorizzate. Le fotografie di Richard Pare rivelano la forza delle forme di queste costruzioni, alcune ancora utilizzate, ma molte abbandonate e decadenti. Grandi complessi industriali, come il DneproGES e il MoGES, che fornisce l'energia elettrica a tutta Mosca, ampie case comuni per operai, incluso il Narkomfin di Ginzburg, edifici commerciali e uffici governativi, oltre a piccoli club e teatri, furono tutti costruiti in questo periodo. Di notevole interesse è la collezione di opere progettate da Konstantin Mel'nikov, che comprende la sua famosa casa, ora a rischio di demolizione. Nel saggio introduttivo, lo storico dell'architettura Jean-Louis Cohen esamina la storia di questo periodo, mostrando il contesto in cui questa nuova architettura ha inizio.

Bauhaus

Droste Magdalena
Taschen 2006

Non disponibile

9,99 €
Il "Bauhaus Archiv Museum of Design" a Berlino possiede la collezione più importante di opere Bauhaus di oggi. Si tratta di documenti, studi di design, planimetrie e modellini. Fondato a a Darmstadt nel 1960 da Hans M. Wingler, l'Istituto si trasferì a Berlino nel 1971 e nella sua sede attuale, progettata da Walter Gropius, nel 1971. Questo istituto si dedica allo studio e alla presentazione dell'opera della Bauhaus e questo libro ne riporta il lavoro.

Bauhaus

Fiedler Jeannine
Ullmann 2006

Non disponibile

39,00 €
Bauhaus

Dispar et unum. I cento anni del...

Mauro E.
Grafill 2006

Non disponibile

40,00 €
A cento anni dalla realizzazione della casa-studio di Ernesto Basile, sorta in quel quartiere che rappresentò per quasi mezzo secolo il settore urbano più ambito dalla buona e facoltosa borghesia di Palermo, ben poco sopravvive delle tracce di quella società che si fece interprete di istanze e sogni di modernità comuni alle migliori espressioni della "civiltà" della Belle Époque. Eppure questa "casa bianca", dimora di un indiscusso protagonista di primo piano del Modernismo italiano, testimoniando la portata del fenomeno palermitano dei primi anni del Novecento, conserva ancora intatto il suo potenziale di "icona" del Liberty nostrano. La casa-studio di Ernesto Basile, punto di arrivo di una "ricerca del nuovo" originatasi nel solco dell'esperienza dell'eclettismo sperimentale del padre Giovan Battista Filippo, coniuga le istanze estetiche del movimento internazionale volto alla "riorganizzazione del visibile" con i nuovi ideali della riforma della casa e con quella ricerca di nuova espressività (ma anche di nuovi modi abitativi) comuni ai più significativi protagonisti dell'architettura del periodo. Costruito fra l'estate del 1903 e il 1904, il villino Basile segnò effettivamente in quel periodo un considerevole punto a favore della cultura architettonica italiana, accorciando per breve tempo le distanze con le più avanzate manifestazioni della coeva cultura europea. Ma rappresentò anche uno dei giri di boa del contesto culturale al quale apparteneva.

Gaudí. The complete buildings....

Zerbst Rainer
Taschen 2006

Non disponibile

9,99 €
Dovunque si vada visitando Barcellona, ci si imbatte nell'opera di Gaudí, l'architetto grazie al quale, gli amanti dell'arte di tutto il mondo si sono dati appuntamento in Spagna. È qui nella capitale della Catalogna che l'architetto/artista ha prodotto la maggior parte delle sue opere. Ville per la borghesia bene, il costosissimo Park Guell e le celeberrime chiese. Il suo lavoro è stato acclamato come un'oasi rinfrescante in un mondo di architettura funzionale, mentre egli stesso è stato chiamato il Dante dell'architettura. Questo libro ci dà una dettagliata descrizione dell'uomo e del suo lavoro.

Le Corbusier

Tentori Francesco
Laterza 2006

Non disponibile

29,00 €
Un volume dedicato a uno dei più grandi architetti del XX secolo, che si compone di un'introduzione alla sua opera e alla sua vita, un'antologia degli interventi critici sulla sua opera, una serie di schede di approfondimento delle opere, una guida alla ricerca, una bibliografia ragionata e un itinerario dei luoghi in cui si trovano i centri dell'architettura di Le Corbusier.

Ludwig Mies van der Rohe

Cohen Jean-Louis
Laterza 2006

Non disponibile

20,00 €
L'autore narra la poetica e i progetti che il grande maestro del Razionalismo ha ideato, e in parte realizzato, ricorrendo non più ad aforismi, alle dicerie e al mito di Mies, ma rifacendosi di prima mano ai commenti, diretti o indiretti, che l'artista fece del suo lavoro. Come in una autobiografia, possiamo così seguire Mies van der Rohe dai primi lavori ispirati a Schinkel, attraverso le scelte del Razionalismo e l'esperienza pedagogica di direttore del Bauhaus. Ed ancora, nella sua emigrazione in America, che culminò con le torri Lafayette a Detroit, il Seagram Building a New York, la nuova Galleria nazionale a Berlino, terminata appena prima della morte.

Wright

Gossel P.
Taschen 2006

Non disponibile

7,99 €
Frank Lloyd Wright, grande architetto americano, è stato un vero pioniere sia dal punto di vista artistico che da quello tecnico. Quando l' acciaio e il cemento erano considerati materiali esclusivamente industriali, Wright li usò per le abitazioni private: il suo concetto di una casa bassa costruita su un semplice modello a L o T è divenuto un modello per tutta l'architettura americana. I progetti di Wright per gli uffici e gli edifici pubblici sono stati ugualmente rivoluzionari. Da Fallingwater al Guggenheim di New York, le sue opere sono fra le più famose del mondo.

Le Corbusier

Cohen Jean-Louis
Taschen 2005

Non disponibile

7,99 €
Charles-Edouard Jeanneret (1887-1965) adottò il suo famoso pseudonimo dopo aver pubblicato le sue idee sulla rivista L'Esprit Nouveau nel 1920. I pochi edifici che fu in grado di progettare nel 1920, mentre in contemporanea dipingeva e scriveva, lo resero immediatamente protagonista dell'architettura moderna, sebbene non fu che dopo la Seconda Guerra mondiale che i suoi progetti furono realizzati, vedi per esempio la Unité d'Habitation a Marsiglia e la Chiesa di Notre Dame a Ronchamp.

Pinot Gallizio. Il laboratorio...

Bertolino G.
Charta 2005

Non disponibile

37,00 €
Pinot Gallizio (1902-1964) è stato protagonista di appassionati confronti con pittori, scultori, architetti. Dalla fine degli anni Cinquanta si è affermato come figura di rilievo europeo, attraverso rassegne e mostre personali che hanno toccato musei e gallerie di Parigi, Monaco, Amsterdam, Copenhagen, Venezia (XXXII Biennale). Parallelamente alla ricerca pittorica, ha condotto una vivace riflessione teorica che lo ha avvicinato a protagonisti del dibattito politico, culturale e artistico degli anni Cinquanta e Sessanta. Questo libro è curato dalle autrici del catalogo generale delle sue opere, che ne hanno raccolto gli scritti organizzandoli secondo un ordine tematico e valorizzandone le componenti sia teoriche sia visuali.

La nuova architettura e il Bauhaus

Gropius Walter
Abscondita 2004

Non disponibile

13,00 €
"Nutro la convinzione che la Nuova Architettura sia destinata ad assumere una portata molto più ampia di quella che oggi ha l'attività edilizia; ritengo inoltre che attraverso lo studio dei suoi vari aspetti procederemo verso una ancor più ampia e profonda concezione del design come grande organismo unitario (...). Sembra che il dominio della macchina, la conquista di una nuova idea di spazio e il lavoro pionieristico della ricerca di un comune denominatore per le nuove forme del costruire abbiano quasi esaurito le forze creative degli architetti di questa generazione. La prossima porterà a compimento il perfezionamento di queste forme, rendendo possibile la loro generalizzazione." (Walter Gropius)

Acustica e architettura. Spazio,...

Petrilli Amedeo
Marsilio 2001

Non disponibile

15,49 €
Nel mettere a fuoco lo stretto rapporto tra acustica e architettura in Le Corbusier, Petrilli esplora in modo diffuso la vera essenza e il significato profondo dell'opera dell'architetto ma, al tempo stesso, propone una lettura innovativa di molta progettazione architettonica del Novecento che si caratterizza non tanto per essere un'attività specialistica quanto piuttosto un'esperienza dai molteplici intrecci, capace di seguire percorsi inediti e variegati, caratterizzati da imprevedibili intuizioni poetiche.

Il testamento di Le Corbusier. Il...

Petrilli Amedeo
Marsilio 1999

Non disponibile

16,53 €
Scritto da uno degli architetti che lavorò nell'atelier aperto da Le Corbusier a Venezia per completare la fase conclusiva del progetto per il nuovo Ospedale civile della città (mai realizzato) il libro è una testimonianza di prima mano sulla genesi, lo sviluppo e le vicende legate alla storia di un progetto che dalla critica è stato più volte definito come il testamento del grande architetto. Petrilli non si limita all'analisi del solo progetto, ma lo colloca nel più ampio profilo dell'opera di Le Corbusier ripercorrendone le idee che egli aveva su Venezia, sull'organismo in rapporto alla città e sulla continuità di alcuni temi centrali della sua architettura. Il volume comprende anche un'intervista a Guillaume Jullian de la Fuente.

Bauhaus. Ediz. illustrata

De Michelis Marco
Giunti Editore 1997

Non disponibile

4,90 €
La presente pubblicazione è dedicata una grande utopia del Ventesimo secolo: il Bauhaus. Una scuola d'arte e mestieri che pretendeva di restituire "qualità" ai prodotti industriali educando una leva di artefici alla costruzione di un nuovo linguaggio comune all'arte, all'architettura, alla progettazione industriale. Nata nel 1919 in Germania ha avuto fra i suoi allievi e i suoi insegnanti Kandinskij, Feininger, Klee, Albers, Breuer, van der Rohe. Molti degli oggetti usciti da quella scuola sono ancora nelle nostre case. La scuola fu soppressa dal nazismo nel 1933.

Mies van der Rohe

Hilberseimer Ludwig
CittàStudi 1993

Non disponibile

22,00 €
Mies va der Rohe è stato definito "architetto classico" e forse è l'architetto moderno per cui questa definizione è più appropriata. La classicità nella architettura di Mies si manifesta attraverso i due principi che la definiscono: la intelleggibilità del

Le Corbusier

Pizzigoni Attilio
Luisè 1991

Non disponibile

9,30 €