Elenco dei prodotti per la marca Biblion

Biblion

Un punto di svolta nella storia del...

Biblion 2019

Disponibile in 3 giorni

15,00 €
Il discorso di Martov agli agitatori socialisti di Vilna in occasione del 1° maggio 1895, pubblicato in russo a Ginevra nel 1900, è un documento fondante nella storia della principale organizzazione socialista dell'Impero russo, il Bund, e contiene già molte delle questioni che segneranno i suoi rapporti, gli intrecci e le divaricazioni, con il movimento socialista russo fino alla rivoluzione del 1917 e dopo. A esso seguono un articolo di Martov del 1896 su "Operai ebrei contro capitalisti ebrei" e un saggio di Andrea Panaccione, "Alle origini del socialismo ebraico e di quello russo", sui contesti della ricezione, le critiche, gli usi, la fortuna del testo di Martov del 1895. Chiude il volume una nota biografica sull'autore.

L'Italia civile dei Rosselli

Biblion 2019

Disponibile in 3 giorni

15,00 €
Paolo Bagnoli raccoglie in volume i contributi ? alcuni inediti, altri riveduti e aggiornati ? redatti in occasione dell'ottantesimo anniversario dell'assassinio di Carlo e Nello Rosselli. Dal complesso della loro vicenda familiare emerge con evidenza il dipanarsi di un filo rosso che dal Risorgimento conduce alla ritrovata democrazia repubblicana, passando per la militanza antifascista e la Resistenza: un esempio di altissimo valore che rappresenta una possente spinta ideale per realizzare, giorno dopo giorno, quell'Italia civile ancora ben lungi dall'essere stabilmente conquistata.

Come fronda in ramo. Forme e...

Biblion 2019

Disponibile in 3 giorni

22,00 €
Nel canto XXVI del Paradiso, Dante affida alla voce di Adamo la sua riflessione sulle dinamiche del mutamento linguistico: se «opera naturale è ch'uom favella», le forme del cambiamento sono legate al gusto e alle vicende culturali («ma così o così, natura lascia / poi fare a voi secondo che v'abbella»). Un'eco oraziana sostiene la constatazione che «l'uso d'i mortali è come fronda / in ramo, che sen va e altra vene». Muovendo da quest'immagine, molto nota e discussa, il volume affronta alcuni momenti della storia dei volgari d'Italia, tra XIII e XVI secolo. Nello spazio, geografico e mentale, definito dal «viaggio dell'esilio», il libro avvicina in primo luogo l'esperienza dell'area che ha per centro Milano, città pronta a diventare fulcro di un'identità culturale più ampia. Il tema del volgarizzamento duecentesco delle retoriche classiche si propone quindi come punto prospettico di un'indagine sulla formazione del linguaggio poetico nel secolo XIII e sulla funzione del dictator.

Spine. Antologia di racconti

Biblion 2019

Disponibile in 3 giorni

20,00 €
C'è chi le ha nel cuore, chi nel fianco; si dice che a un leone una volta se ne conficcò una nella zampa, mentre quella finita in gola a Puccini lo portò in seguito alla morte; ci si può stare o tenere sopra; il loro filo ha segnato il periodo delle Guerre Mondiali; e, naturalmente, proteggono i fiori più belli. Sono diverse e sfaccettate le spine con le quali possiamo venire a contatto nella nostra vita. Compito dei "Giovani Scrittori IULM" di quest'anno è stato quello di cogliere ognuno la sua spina, fisica o metaforica che fosse. In questa antologia il lettore troverà dunque chi dovrà fare i conti con il proprio animo tormentato, chi con le ferite del cuore, chi con il peso della memoria. Ma c'è spazio anche per le spine appuntite della natura, quelle che trasportano elettricità e quelle che si incastrano dentro di noi e diventano impossibili da rimuovere. È un volume da maneggiare con cura, ci si potrebbe pungere. E potrebbe anche essere piacevole.

Dietro il silenzio. Sei saggi...

Biblion 2019

Disponibile in 3 giorni

15,00 €
«Ci sono parole che acquistano il loro spessore dal fondo di silenzio in cui si ascoltano [...] Ascoltiamo [...] Arguedas nel 1968, un anno prima di suicidarsi, quando gli venne assegnato il premio Inca Garcilaso de la Vega: "i muri isolanti e oppressivi non spengono la luce della ragione umana soprattutto se essa ha conosciuto secoli di esercizio; non si spengono, perciò, le fonti dell'amore da cui sgorga l'arte. All'interno del muro isolante e oppressivo, il popolo quechua, abbastanza arcaico e abituato a difendersi con la dissimulazione, continuava a concepire idee, a creare canti e miti. E sappiamo bene che i muri isolanti delle nazioni non sono mai completamente isolanti. Io fui gettato al di sopra di quel muro, un tempo, quando ero bambino; mi lanciarono in quella dimora dove la tenerezza è più intensa dell'odio e dove, proprio per questo, l'odio non è sconvolgente ma è un fuoco che dà slancio"» (Antonio Melis, Notizia sul Quechua. Dietro il silenzio, 1981).

I frontalieri in Europa. Un quadro...

Biblion 2019

Disponibile in 3 giorni

16,00 €
I frontalieri sono lavoratori pendolari internazionali, ovvero lavoratori mobili, impiegati all'estero, ma residenti nel proprio paese d'origine, dove mantengono la propria vita familiare e sociale. Sebbene forme di pendolarismo internazionale di breve raggio siano riconoscibili anche nei flussi di mobilità da lavoro dell'età moderna, il frontalierato europeo novecentesco si è distinto per caratteristiche che sono conseguenza di sviluppi economici, di trasformazioni tecnologiche e di normative che ne hanno definito lo statuto giuridico, riconosciuto oggi nei suoi caratteri generali da tutti gli stati membri dell'Unione Europea. Il presente volume - esito ultimo di un percorso di ricerca pluriennale, sviluppato in collaborazione con centri studi nazionali e internazionali - intende fornire un quadro storico del fenomeno, proponendo una periodizzazione che consenta di coglierne l'evoluzione e gli sviluppi dai primi del Novecento ai giorni nostri.

La sinistra eretica. Da Lombardi a...

Biblion 2019

Disponibile in 3 giorni

12,00 €
"È giunto il momento che i progressisti formino un movimento di base per la giustizia globale: mobilitare lavoratori, donne e uomini, privi di diritti civili in tutto il mondo dietro una visione condivisa di democrazia, prosperità, sostenibilità e solidarietà." (Da Open Call - Join Us!)

La pistola di Garibaldi. Il...

Biblion 2019

Disponibile in 3 giorni

16,00 €
Giorgio Tremagi odia i libri gialli: nella sua libreria, nel cuore di Roma, vende libri di ogni genere, ad eccezione dei gialli. Per sopravvivere ai debiti, si affida alle polpette di sua cognata Fiorella, che trasformano il negozio in una "libro-trattoria". Un giorno, la routine degli abitanti del quartiere viene sconvolta da un fatto di cronaca nera: Giorgio si ritrova catapultato in prima persona in un'indagine per omicidio e indossa i panni del detective, per andare alla ricerca del vero colpevole, in mezzo a una lunga lista di sospettati, tra neofascisti, adulteri e amanti gelosi. Nel frattempo, deve fare i conti con i rimproveri costanti della moglie e con un rapporto matrimoniale sempre più in crisi. A guidarlo verso la verità, saranno gli oggetti ritrovati sulla scena del delitto, ma soprattutto una dote particolare, che a volte diventa una vera condanna: la capacità di visualizzare e interpretare i sogni delle persone che ha di fronte.

Transizioni in Europa e in America...

Biblion 2018

Disponibile in 3 giorni

20,00 €
La storiografia ha una lunga consuetudine con la nozione di transizione. Il volume ne ricostruisce usi e percorsi e studia diverse transizioni politiche e istituzionali, da una prospettiva esplicitamente comparativa e attraverso l'analisi parallela di singoli casi che offrono spunti utili a stabilire differenze tra di essi. Le transizioni oggetto di indagine si verificarono in contesti geografici e cronologici differenti. In Europa alla conclusione della seconda guerra mondiale, con il passaggio dai totalitarismi a democrazie più o meno compiute; negli anni Settanta, con la fine dei regimi di António de Oliveira Salazar e Francisco Franco nella penisola iberica; e negli anniNovanta, con quella del socialismo reale in Europa Orientale. In America Latina negli anni Ottanta, con la caduta delle dittature militari sudamericane e lo sviluppo di forme ancora diverse di democrazia.

Giulio Alessio. Un radicale tra XIX...

Biblion 2018

Disponibile in 3 giorni

20,00 €
Il filo conduttore che lega la sfaccettata biografia politica di Giulio Alessio (Padova, 853-1940) è rappresentato dal suo rigore e dalla integerrima coscienza del valore della politica e dell'impegno a favore delle classi popolari, oltre che dalla ferma e appassionata difesa della democrazia, contro i tentativi autoritari di Crispi prima e contro il fascismo poi. Alessio fu uno dei migliori politici del radicalismo settentrionale, una figura di rilievo nazionale, anche se impregnata di "padovanità", poiché rimase sempre fedele alla sua città, nella cui università insegnò ininterrottamente fino al pensionamento, nel cui Consiglio comunale rimase, con un'assidua presenza nonostante gli impegni parlamentarie anche dopo aver assunto incarichi governativi (nei governi Nitti, Giolitti e Facta), continuando a risiedervi e trascorrendovi gli ultimi anni, costretto al silenzio e all'isolamento, dopo l'avvento della dittatura fascista.

Sconfinamenti. Viaggio attraverso...

Biblion 2018

Disponibile in 3 giorni

12,00 €
Quando l'arte, la musica, l'architettura, il fumetto, il design e l'immagine in generale raccontano il crossover che si crea tra l'ideatore dell'opera e il fruitore. Quando la comunicazione sconfina in altri ambiti, quando le contaminazioni generano fenomeni autonomi e indipendenti sconfinando in altri generi. "Un artista è una persona che produce cose di cui la gente non ha bisogno, ma che lui, per qualche ragione, pensa sia una buona idea dar loro" (Andy Warhol).

L'asse ereditario della...

Biblion 2018

Disponibile in 3 giorni

10,00 €
Dalle pretese di verità e certezza della teoria della conoscenza derivano sia la concezione di una scienza dubbiosa della propria natura e del proprio compito e sia la conseguente sopravvivenza - quando non il rigoglìo - dei presunti saperi esoterici. In quest'asse ereditario ci sguazziamo tutti e non ci rendiamo neppure più conto di quanto avremmo da guadagnarci ad esentarcene.

Sul socialismo e il futuro della...

Biblion 2018

Disponibile in 3 giorni

24,00 €
"... al di là degli aspetti più propriamente legati alla vicenda storica del PSI, deve essere ricordata un'ultima ragione che rende la lettura del libro curato da Zanier particolarmente utile. Gli scritti di De Martino qui raccolti, proprio perché legati con un doppio filo tanto al passato quanto all'attualità, permettono di misurare una duplice lontananza: non solo da una stagione della sinistra, ma anche da un ceto dirigente che, benché in presenza di difficoltà esogene ed endogene, non rinunciò mai alla propria missione storica, ossia spendersi per ridurre le diseguaglianze comunque presenti nelle società occidentali, muovendo le proprie scelte politiche da solidi ragionamenti teorici e programmatici. Un modus operandi di cui oggi le forze progressiste, così come quelle moderate-conservatrici, avrebbero terribilmente bisogno, ma che purtroppo non pare essere all'orizzonte". (Dalla prefazione di Jacopo Perazzoli).

Bibliografia come scienza....

Biblion 2018

Disponibile in 3 giorni

14,00 €
Mentre possono esistere, sono esistite e nulla vieta che esistano in futuro civiltà della scrittura ma non del libro, non possono esservi né libri né civiltà del libro senza la scrittura. La scrittura in tutte le epoche e in tutte le sue forme è al centro del nostro interesse: dagli antichi rotoli di papiro ai moderni e-reader, dall'epigrafia alle più moderne forme d'illustrazione, ci interessa riflettere sul libro come operazione culturale, testo letterario e manufatto materiale per far emergere le opportunità di dialogo interdisciplinare tra storia, letteratura, bibliografia, arte e grafica editoriale.

Il marchio della bestia e altri...

Biblion 2018

Disponibile in 3 giorni

20,00 €
La selezione di racconti fantastici di Kipling, presentata nel volume, è funzionale a rivelare la poetica che ha ispirato la scrittura di questo autore. Il nucleo profondo dell'ispirazione letteraria di Kipling si svolge sull'orizzonte della espansione imperiale, avendo come filo conduttore lo sviluppo della potenza coloniale britannica e, al tempo stesso, della cultura della nazione a contatto con le nuove terre, dapprima con i commerci e le esplorazioni, poi con l'integrazione tra culture diverse. Da cittadino nato a Bombay ma naturalizzato inglese, Kipling nutre un forte senso di appartenenza a quel mondo, tuttavia, nei racconti selezionati, si fa portavoce di una crisi del rapporto tra l'Occidente britannico e il mondo coloniale, l'India in particolare. Avverte il presagio di una dissoluzione già in corso che coinvolge la sua stessa identità, duplice e ambigua, di indigeno e dominatore. Tutti i racconti di Kipling, tradotti e selezionati nel volume, mettono in evidenza, nella lettura critica della curatrice, le tante variazioni della fantasia prefiguratrice di quel disfacimento, come punto di impressione originario della poetica dell'autore.

Il fantastico nel mondo latino....

Biblion 2018

Disponibile in 3 giorni

30,00 €
A costo di disorientare il lettore, vista l'accezione corrente della "latinità" normalmente limitata al mondo antico, il titolo "Il fantastico nel mondo latino" ha inteso accentuare i fattori d'identità letteraria moderna investigati, quasi lungo il cammino di Santiago, dall'Italia alla penisola iberica, riscontrando un'aspirazione all'unità della cultura europea nell'immaginario che tuttavia incontra una resistenza ostinata proprio in quei territori ancorati alla tradizione. All'influenza delle letterature nordiche e alla diffusione del modo fantastico i romantici del "mondo latino" sembrano contrapporre ora reminiscenze classicistiche, ora gli imperativi dell'ironia e del grottesco; ora, infine, il recupero del mito e della forma semplice della leggenda con forte radicamento regionalistico. Questi i fili conduttori lungo cui si dispongono, sulla base di una documentazione imponente e precisa, letture, comparazioni e interpretazioni contraddistinte da una tensione intellettuale fortissima, non priva di intimo compiacimento, del gusto della riscoperta e del piacere dell'intuizione critica.

La grande Enciclopedia Italiana:...

Biblion 2018

Disponibile in 3 giorni

14,00 €
La vicenda editoriale della nascita de La Grande Enciclopedia Italiana attraverso la storia famigliare, dalla Società Savoldi a Treccani. «Un'impresa di tale genere richiede coraggio, per superare le difficoltà, non lievi, riguardo alla redazione e alla stampa dell'opera, e per affrontare il rischio nell'impiego, con interesse minimo o nullo e a lunga scadenza, del grosso capitale occorrente per sopperire alle colossali spese: e questo coraggio dimostra di possederlo il Sig. Antonio Savoldi, che quale editore, si è proposto di finanziare l''Enciclopedia' e di allestire apposito Stabilimento tipografico in Bergamo - ormai quasi ultimato - con materiali tipografici espressamente fusi, in guisa che l''Enciclopedia' abbia a riuscire, non solo opera elaborata dal lato della composizione, ma appaia in veste nitida ed elegante.» Dal pieghevole diffuso nel 1925 dal titolo "Programma per una Grande Enciclopedia Italiana". Prefazione di Felice Accame.

Il romanzo global. Uno studio...

Biblion 2018

Disponibile in 3 giorni

24,00 €
A partire dai primi anni Duemila si è molto discusso dei rapporti tra letteratura e globalizzazione, e più nello specifico delle trasformazioni cui il romanzo è andato incontro a seguito dei mutamenti socio-culturali ed editoriali avvenuti a livello mondiale negli ultimi decenni. Come si configura il romanzo in un'epoca in cui i confini - anzitutto quelli virtuali e simbolici - sembrano essere costantemente rinegoziabili? Esiste qualcosa di simile a un romanzo-mondo, nato in funzione del mercato globale e che prescinde da ogni sorta di localismo? Quali sono, poi, le forme narrative oggi più diffuse, riscontrabili in testi provenienti dalle latitudini più diverse? Il romanzo global prova a rispondere a queste domande attraverso l'analisi narratologica di alcuni testi esemplari della contemporaneità. Dalle Bienveillantes a 2666, da Disgrace a Infinite Jest passando per Les Particules élémentaires e The Corrections, il tentativo è quello di ragionare sulle principali configurazioni morfologiche del romanzo contemporaneo, e insieme di riflettere sul rapporto tra i romanzi in questione e i loro lettori.

Oltre la carità: lo spirito del...

Biblion 2018

Disponibile in 3 giorni

22,00 €
Sorta nel 1863 approfittando delle concessioni dello Statuto, la Società Operaja cessò di vivere per l'avvento del fascismo. Aveva occupato ampi spazi nella vita pubblica del secondo Ottocento, assorbendo linfa vitale dal Risorgimento, dalla modernità, dall'etica del lavoro. La sua presenza accresceva il consenso alle nuove istituzioni, difendendole da nostalgie preunitarie. Occorreva seguire i processi evolutivi dei Paesi avanzati, offrendo tutele previdenziali e assistenziali. Erano iniziative territoriali, parti di un reticolo solidale che si estendeva all'intero Regno d'Italia. Il titolo Oltre la carità fa porre l'attenzione sulla volontà di varcare i limiti dell'assistenzialismo tradizionale, occupandosi della tutela più ampia di operai e artigiani: il mutualismo arricchì la società civile in sintonia con le attese liberali. Prefazione di Fabio Bertini.

Mercantilismo 4.0. La competitività...

Biblion 2018

Disponibile in 3 giorni

12,00 €
Attraverso l'analisi e la comparazione della situazione economica italiana con quella di altri Stati (europei e non), Fabio Cazzato sviluppa una teoria per condurre il Paese verso la risoluzione dei problemi che l'attanagliano. Dalla teoria keynesiana agli esempi virtuosi dei giorni nostri, il trattato si focalizza sull'idea di Stato-Azienda e sulla necessità di una ripartizione delle risorse. L'approccio mercantilistico dimostra che un altro modo per far crescere la domanda aggregata e quindi raggiungere la piena occupazione, è creare le condizioni affinché il saldo commerciale sia attivo e in crescita.

Teoria & poesia

Biblion 2018

Disponibile in 3 giorni

12,00 €
16 settembre 2017: una quindicina fra poeti e critici si ritrovano a Milano, nell'accogliente spazio della Libreria Claudiana, a discutere di poesia e teoria, fuori da ogni schema prefissato. «[...] ci è parso utile e importante invitare gli studiosi di letteratura e i poeti stessi non tanto a esibire i discorsi - le teorie - che dovrebbero dare ragione dei testi, ma a verificare gli armamentari concettuali - più o meno coerenti - di cui ci serviamo nell'avvicinare un testo poetico, sia nella fase di lettura e interpretazione sia in quella di scrittura e creazione. Lo scopo [...] era potenziare l'incontro con il testo, anche in termini di conflitto, di mancata corrispondenza, di scarto tra quello che si dice che il testo sia, e quello che il testo silenziosamente fa».

Il partito della democrazia. Per...

Biblion 2018

Disponibile in 3 giorni

10,00 €
«La questione del socialismo rimane aperta, essendo l'Italia l'unico Paese nel quale non esiste una forma organizzata del socialismo. La questione, poi, è talmente aperta che sembra quasi essersi persa, essere stata dimenticata e, poiché in politica raramente le cose avvengono a caso, è forse da qui che bisogna partire, premettendo che porre la questione socialista significa porre contestualmente quella della sinistra, della sinistra storicamente considerata.»

Una camomilla calda e altri messaggi

Biblion 2018

Disponibile in 3 giorni

12,00 €
"Chi ha scritto il libro di Giobbe era uno che aveva capito. L'Uomo è l'Animale che Sta Male. Quando sta bene, non se ne accorge. Tranne che per momenti brevi, rari, intensi, tanto intensi da riuscire facilmente dolorosi, lo star bene sfiora la coscienza del nostro sentire senza destarla. Stiamo male nel corpo ma soprattutto nell'anima. Stiamo male, sappiamo di star male, sappiamo che staremo male, abbiamo paura di star male, paura che costituisce, alimenta, provoca i nostri mali forse peggiori."

Pelle. Antologia di racconti

Biblion 2018

Disponibile in 3 giorni

20,00 €
È parte di noi. Ci protegge e si lacera. Prima liscia e poi ruvida. Può avere sfumature diverse, per natura o per scelta. Coperta o nuda. Delimita il nostro essere ma contemporaneamente ci rende schiavi del corpo che ci ospita. Raccoglie momenti che faranno parte di noi per sempre attraverso la memoria indelebile di graffi, cicatrici. Quante storie può raccontare la nostra pelle? Questa è la domanda a cui i "Giovani Scrittori IULM" hanno cercato di dare una risposta attraverso i racconti contenuti in questa antologia. E allora ecco che a volte la pelle diventa prigione dell'anima, altre tesoro di sensazioni; i tatuaggi rivelano i loro significati nascosti, simboli di un passato che brucia ancora; corpi acerbi e sensuali si scontrano con quelli vittime delle proprie ossessioni: la pelle è forte abbastanza da farsi testimone del nostro vissuto, custode dei nostri ricordi, ma allo stesso tempo è così delicata e fragile da assottigliarsi fino a diventare trasparente, astratta, virtuale. Al lettore quindi l'invito a lasciarsi trasportare in questo viaggio sensoriale che lo porterà a domandarsi cosa si celi sulla propria, di pelle.

Lettere da Barcellona

Biblion 2018

Disponibile in 3 giorni

12,00 €
"Lettere da Barcellona" di Bobo Craxi è una serie di articoli e di riflessioni di un osservatore esterno che conosce bene la politica e che si è appassionato alle vicende catalane ben prima delle intense giornate dello scorso ottobre che hanno convertito la Catalogna nella prima pagina di molti giornali di tutto il mondo. Un osservatore attento e acuto, che si è trasformato anche in uno dei protagonisti di queste vicende, nel momento in cui la crisi ha toccato il suo apice, come racconta nelle pagine di questo libro. Un libro che ci spiega come, al di là dell'amore o dell'interesse che si possa avere per questa terra chiusa tra i Pirenei, il Mediterraneo e il fiume Ebro, la questione catalana interessi tutti noi. Non perché si debba indossare le vesti di novelli Lord Byron e difendere cause più o meno giuste. No, non si tratta di questo. In realtà, quello che succede in Catalogna ci interessa per poter capire un mondo che cambia troppo rapidamente e un'Europa che non riesce a essere protagonista, ma solo comparsa.

Il pensiero demiurgico. Saggi su...

Biblion 2018

Disponibile in 3 giorni

14,00 €
In occasione del settantesimo della scomparsa di Filippo Burzio, avvenuta il 24 gennaio 1948, questo volume, attraverso una serie di saggi del suo maggiore studioso, illustra aspetti e tematiche della personalità e del pensiero dell'intellettuale torinese - al contempo umanista e scienziato di fama mondiale - nonché direttore de "La Stampa" a due riprese: dopo l'8 settembre 1843 e dalla Liberazione fino alla morte. Inventore della teoria del demiurgo, Filippo Burzio rimane ancora un'intellettuale non troppo conosciuto, laddove le sue opere testimoniano di un pensatore che seppe cogliere la crisi morale di metà del secolo scorso con un respiro culturale europeo.

Argentina. 1816-2016

Biblion 2018

Disponibile in 3 giorni

20,00 €
All'Argentina noi studiosi europei spesso volgiamo lo sguardo non solo per gli indissolubili vincoli etnici, sociali, politici ed economici che la storia ha creato, ma perché essa rappresenta una sorta di laboratorio per le trasformazioni politiche, economiche e sociali vissute e sperimentate. Con questa peculiare prospettiva è stato confezionato il presente volume, il quale raccoglie saggi che, con differenti approcci, ci conducono attraverso i suoi 200 anni d'indipendenza evidenziandone aspetti e passaggi significativi.

Il protestantesimo italiano negli...

Biblion 2018

Disponibile in 3 giorni

16,00 €
Parlare della presenza protestante a Firenze negli anni in cui essa fu capitale d'Italia significa riferirsi a una comunità evangelica già presente dai tempi precedenti l'unità nazionale. La più antica, a parte la colonia degli stranieri, era quella dei Fratelli, di cui fu magna pars il nobiluomo fiorentino Piero Guicciardini. La testimonianza valdese fu invece iniziata dal pastore Bartolomeo Malan a partire dal 1835 e sviluppata soprattutto all'indomani dell'Unità d'Italia, quando fu trasferita nel capoluogo toscano la Scuola Valdese di Teologia nel Palazzo Ricasoli-Salviati, in via dei Serragli. Senza dimenticare che la passione pedagogica, tipica dei protestanti, si manifestò a Firenze più che altrove, creando ogni sorta di istituti di educazione per ragazzi e ragazze. Da tutto questo possiamo comprendere come, all'indomani dell'Unità d'Italia, Firenze divenne una sorta di capitale morale dei protestantesimo italiano - grazie a personalità di altissimo rilievo come Piero Guicciardini, Gian Pietro Vieusseux, Salvatore Ferretti e Paolo Geymonat - e tale sarebbe rimasta ancora per molti decenni dopo il trasferimento della capitale politica a Roma.

Il socialismo europeo e le sfide...

Biblion 2018

Disponibile in 3 giorni

20,00 €
Il volume ha come oggetto di studio la variegata discussione teorica, programmatica e politica del Labour Party inglese, della Socialdemocrazia tedesca e del Partito socialista italiano nel corso degli anni Cinquanta e Sessanta del Novecento. Dato che, come ha spiegato lo storico tedesco Dan Diner, «nessuna esposizione storica [...] può fare a meno di selezionare alcuni elementi dell'immenso materiale offerto dalla realtà», si è deciso di focalizzare l'indagine soprattutto sulle riflessioni e sulle conseguenti elaborazioni programmatiche dei tre partiti socialisti - oggettivamente diversi per storia, natura organizzativa e valori di riferimento - nei confronti del capitalismo e delle sue mutazioni avvenute nel corso del secondo dopoguerra. Ne emerge un quadro in cui i partiti socialisti provarono effettivamente a far valere la supremazia della politica sulla sfera economica, riuscendo così a curare gli interessi, fino ad allora scarsamente considerati, di larghe fette della popolazione.

Parlare d'anarchia. Le fonti orali...

Biblion 2018

Disponibile in 3 giorni

22,00 €
Le vicende del movimento anarchico e libertario, in Italia, tra anni Cinquanta e anni Ottanta del Novecento, sono state ancora solo timidamente approcciate dalla ricerca storica. Il presente volume ospita contributi di studiosi di diverse generazioni che hanno cercato di mettere a fuoco il tema d'indagine storiografica concentrando l'attenzione sulle fonti orali, cioè le interviste, le testimonianze, i racconti raccolti dalla viva voce di chi ha attraversato, dalle più diverse angolazioni, l'anarchismo del secondo Novecento italiano. Un periodo, questo, che ha segnato una profonda trasformazione del movimento anarchico - sempre che di movimento, al singolare, sia lecito parlare - sia per quanto riguarda le sue teorie di liberazione sociale, sia per la sua pratica militante, sia per il modo di concepire se stesso dentro, contro o fuori la dialettica politica contemporanea. Per poter, quindi, parlare d'anarchia, ci si è innanzitutto preoccupati di inquadrare le questioni metodologiche che stanno alla base della produzione e dell'utilizzo delle fonti orali, peraltro già definite e discusse da una scuola storiografica ormai consolidata.

La giovinezza

Biblion 2017

Disponibile in 3 giorni

27,00 €
Nel 1881, per l'aggravarsi della malattia agli occhi, Francesco De Sanctis, dopo essersi dimesso da ministro della Pubblica Istruzione del ministero Cairoli, inizia a dettare alla nipote Agnese i suoi Ricordi degli anni della giovinezza, destinati a rimanere incompiuti per la sua morte prematura. Pubblicata postuma con il titolo di "La giovinezza", frammento autobiografico, per il decisivo intervento di Pasquale Villari, l'ultima opera del critico irpino è frutto della sua forte "vocazione autobiografica", già sperimentata, con successo, in "Un viaggio elettorale". L'azione di scavo nella memoria consente al De Sanctis di riscoprire la terra natale, la sua Morra, l'ambiente e gli affetti familiari; di ricreare il clima di serenità della sua spensierata fanciullezza. Interessato soprattutto a risalire ai fatti della sua giovinezza, il De Sanctis sposta l'obiettivo della sua operazione di scandaglio mentale alla vecchia Napoli, ma anche alla bellezza naturale e artistica della città, che lo affascina per il suo mondo culturale, le numerose scuole private e lo "Studio" del marchese Puoti, che assurge a luogo di formazione culturale e politica di un'intera generazione di intellettuali.

«Dove gli ammalati hanno tutti i...

Biblion 2017

Disponibile in 3 giorni

20,00 €
A centovent'anni dalla fondazione il Sanatorio Triestino continua a rappresentare un istituto d'eccellenza nel panorama dell'assistenza medica cittadina e regionale. Il presente libro, frutto di ricerche nell'archivio privato della struttura e di un sistematico scavo in quelli pubblici di Trieste, ricostruisce le vicende della casa di cura di via Rossetti dalla nascita ai nostri giorni, toccando i temi della sanità, della malattia, dell'ascesa sociale della borghesia in camice bianco, dei rapporti della scienza medica con il filantropismo massonico e con la tradizione letteraria giuliana, per terminare con un esame dettagliato del percorso architettonico della clinica, che per meriti e risultati rimane, oggi come un secolo fa, un fiore all'occhiello della città adriatica.

Eretiche. Il Novecento di Maria...

Biblion 2017

Disponibile in 3 giorni

13,00 €
Giovanna Caleffi (1897-1962) e Maria Luisa Berneri (1918-1949) sono principalmente conosciute come "moglie di" e "figlia di" Camillo Berneri, noto intellettuale antifascista e militante anarchico assassinato dai comunisti staliniani durante la guerra civile in Spagna. Le figure e l'opera di queste due donne, il loro tragico percorso umano nell'Europa dei totalitarismi, la loro comune sensibilità politica e culturale, cosmopolita e transnazionale, ci propongono un'inconsueta, profonda visuale femminile e anarchica nel cuore del novecento. Tra gli anni trenta e sessanta, prima con la giovane Maria Luisa esule in Francia e a Londra, poi - dopo la sua prematura scomparsa - nel secondo dopoguerra con la madre Giovanna, redattrice della rivista "Volontà" in Italia, si prospetta una sorprendente linea di continuità di pensiero e di critica antiautoritaria all'esistente di grande spessore, anticonvenzionale. Esuli, perseguitate, eretiche, vittime e testimoni in apparenza fragili della violenza e della disumanità dispiegate dalla grande storia, ci lasciano, in continuità fra di loro e in una sequenza innaturale figlia-madre, uno sguardo sensibile e un anelito libertario sullo scenario sofferente della modernità, inseguendo ideali di felicità possibile e un riscatto alla "viltà delle moltitudini".

In un Paese schiavo con sensi...

Biblion 2017

Disponibile in 3 giorni

20,00 €
Antifascista, socialista, esule, intellettuale e uomo politico: queste sono alcune delle molte anime di Paolo Treves (1908-1958), protagonista a lungo dimenticato della storia nazionale ed europea del Novecento. Figlio di Claudio Treves, educato fin dall'infanzia ai valori del socialismo e della libertà, sperimentò fin da giovanissimo le persecuzioni che il fascismo infliggeva ai suoi oppositori. Dopo aver sofferto la lontananza del padre, fuoruscito in Francia nel 1926, fu a suo volta costretto all'esilio dal fascismo nel 1938. Dalla Gran Bretagna, patria di adozione nei drammatici anni della guerra, non smise di denunciare i crimini del regime fino al ritorno in Italia nel 1945. Questo volume raccoglie alcuni dei suoi scritti, tracciando un percorso che si snoda attraverso la dittatura fascista, la guerra, la difficile ricostruzione dell'Italia repubblicana, le molte battaglie del socialismo: con tono lucido, partecipe, disincantato e talvolta ironico, Paolo Treves restituisce con le sue parole un quadro vivido della nostra storia, dimostrandosi testimone attento e appassionato dei suoi tempi.

Un capitolo della intolleranza...

Biblion 2017

Disponibile in 3 giorni

20,00 €
L'emanazione della circolare Buffarini Guidi rimanda a una brutta pagina della storia del nostro Paese, che ha avuto effetti devastanti per la libertà religiosa in Italia. L'Associazione Piero Guicciardini ha inteso delineare i contorni e chiarire le ragioni di un provvedimento che, firmato nel 1935 dal ministro dell'Interno Buffarini Guidi, mise di fatto fuori legge i pentecostali, il cui culto era ritenuto «contrario all'integrità fisica e psichica della razza». La persecuzione di polizia contro i pentecostali sopravvisse ben oltre la fine del regime fascista. La ragione per la mancata abrogazione della circolare Buffarini Guidi si dovette principalmente alla volontà delle autorità governative di preservare l'unità spirituale della nazione, ritenuta compromessa dalla predicazione pentecostale, soprattutto nel Mezzogiorno e in Sicilia. Una repressione che si rivelò tuttavia inefficace. L'avvento dei primi governi di centrosinistra e l'entrata in vigore della Corte Costituzionale portarono infine alla completa emancipazione dei pentecostali nello Stato.

Disegnare il giardino con le piante

Biblion 2017

Disponibile in 3 giorni

25,00 €
Marco Martella sostiene che ogni giardino, per quanto piccolo, sia "un'opera d'arte". Per questo motivo, ogni giardiniere o appassionato di giardinaggio può essere considerato un artista. Tuttavia, per realizzare il proprio progetto, egli ha bisogno di precise indicazioni in quanto è necessario prima di tutto che questo sia aderente alle piante e alle loro esigenze, al clima e alla terra, per poi valutare accostamenti di tessiture, forme e colori dei vegetali prendendo anche spunto dai grandi giardini del passato. Questo volume si propone dunque come un agile strumento di ausilio agli appassionati, ai paesaggisti e ai giardinieri per affrontare la progettazione del giardino utilizzando al meglio le piante attraverso i criteri base del plant design, passando in rassegna le caratteristiche e le modalità d'utilizzo di diverse tipologie di piante (piccoli alberi - arbusti e siepi - rampicanti - tappezzanti - erbacee perenni - erbe ornamentali) e infine proponendo alcuni esempi di accostamento dei vari elementi.

Calcio e letteratura in Italia...

Biblion 2017

Disponibile in 3 giorni

25,00 €
La sterminata produzione "letteraria" originata in Italia dal calcio si presenta come un'orgia di materiali magmatici, frastagliati e in continua espansione. Difficile, insomma, da maneggiare e dominare. Nei suoi confronti occorre evitare rigide categorizzazioni. Un approccio del genere consente fra l'altro di aggirare la poco economica e problematica dicotomia fra letteratura e giornalismo. Tant'è: appare spesso molto più semplice rintracciare un elevato tasso di "letterarietà" in un articolo di Gianni Brera sull'"abatino" Gianni Rivera anziché nel racconto calcistico di un autore unanimemente laureato e celebrato dalla critica. E lo stesso vale, a ben vedere, per gli scritti giornalistici sul calcio lasciatici dai vari Ghirelli, Arpino, Palumbo, Zanetti, Bianciardi, Del Buono etc., che sarebbe difficile etichettare banalmente come "letteratura popolare". Sergio Giuntini va direttamente a individuare una "letteratura del e sul calcio" cui, dall'Ottocento a oggi, hanno contribuito i più disparati apporti che ne hanno descritto l'avventura e l'epica.

L'ultimo degli spoiler. Antologia...

Biblion 2017

Disponibile in 3 giorni

20,00 €
Spoiler. Al suono di questa parola già la fronte si corruga, le sopracciglia si increspano e le labbra si stringono a formare una piega minacciosa. È pregiudizio ormai comune che fare spoiler o "spoilerare" sia un'azione riprovevole, un sopruso compiuto solamente da parte di persone che vogliono fare uno sgarbo rivelando il sospirato finale e togliendo così alla povera vittima il desiderio di proseguire con la storia, conoscendone già la fine. Ma quanto uno spoiler può essere devastante per una trama? In questa antologia dei "Giovani Scrittori IULM" vengono suggerite molteplici interpretazioni attraverso l'intreccio di racconti di diversi generi (noir - poliziesco - romantico - nonsense - fantastico) e dalle numerose sfaccettature. Solo al lettore dunque, l'arduo compito di stabilire quale sia l'ultimo degli Spoiler.

Interventi intraprendenti....

Biblion 2017

Disponibile in 3 giorni

12,00 €
«Ci sono occasioni fortunate in cui il luogo di un incontro svela già il suo significato. Accade solo nelle relazioni privilegiate, come senz'altro è stata ed è quella di chi scrive con Stefano Bruno Galli. Ho conosciuto Stefano a Domaso, limite estremo del lago di Como, in una domenica grigiastra e piovosa, sublime come sanno essere solo alcune domeniche lacustri, lasciatevelo dire da un comasco. Eravamo lì per celebrare Gianfranco Miglio, qualche anno fa, nel ventre della sua terra, per dire qualcosa di "migliano" nel nostro tempo. No, Miglio non è una reliquia, magari un medicinale autoassolutorio per l'anima, da somministrare a piccole dosi, per consolarsi del federalismo che doveva essere, e non è stato. No, Miglio è un'urgenza, Miglio vive qui e ora, perché qui e ora lo Stato più depredatore e burocratico d'Occidente sta finendo di massacrare le sue (residue) enclavi produttive e quelli tra i suoi cittadini che osano (sempre meno) tentare di intraprendere. Ecco, credo sia stato questo il segreto del nostro incontro, la condivisione immediata, dell'urgenza di Miglio. L'urgenza del federalismo». (dalla prefazione di G. Sallusti)

Golia: marcia del fascismo di G.A....

Biblion 2017

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
In questo volume Luigi Fenga ripercorre analiticamente il testo scritto in inglese da Borgese nel '37 durante l'esilio americano, poi tradotto e pubblicato in Italia nel '46. Nella temperie politica di quegli anni, che inevitabilmente portava a giudicare secondo una contrapposizione ideologica molto marcata, il libro fu accolto con giudizi disparati e non sempre equilibrati, per essere poi, in un certo senso, dimenticato. A distanza di molti anni Fenga ha ripreso questo testo importante, complesso e di difficile lettura, per evidenziarne il significato e il valore, riportando e confrontando le opinioni di allora e quelle più recenti. All'interno del saggio, e a esso intrecciata, emerge la biografia di Borgese intellettuale e politico, e un breve ritratto dell'uomo privato attraverso i giudizi dei suoi contemporanei.

Economia politica

Biblion 2016

Disponibile in 3 giorni

22,00 €
Quest'opera è un documento inedito, frutto delle lezioni per il corso di Economia politica che Carlo Rosselli tenne al secondo anno dell'istituto Superiore di Scienze Economiche e Commerciali di Genova per l'anno accademico 1925-26. Esse testimoniano non solo l'impegno e il grado di elevata preparazione raggiunto da parte del grande politico e patriota antifascista in un campo specifico come quello degli studi economici e monetari, ma dimostrano anche la stretta connessione tra gli eventi storicosociali e quelli afferenti alla sfera economica. Egli sosteneva, infatti, che "la moneta è il fuoco del mondo degli affari. Sempre più, e sempre più esclusivamente, gli interessi, i desideri e le ambizioni umane cadono sotto il comune denominatore monetario". Finito il corso, Rosselli abbandonò definitivamente l'università e si impegnò nella sfida aperta contro il fascismo.

Contro la storia. Cinquant'anni di...

Biblion 2016

Disponibile in 3 giorni

35,00 €
Questo libro non presenta una storia del movimento anarchico italiano inteso nel suo complesso, ma la storia di una parte dell'anarchismo italiano degli ultimi cinquant'anni. Come recita il sottotitolo si intende, per l'appunto, cinquant'anni di anarchismo in Italia, non cinquant'anni di anarchismo italiano. Lo scopo principale è stato quello di ricostruire le attività pratiche e le riflessioni teoriche di alcuni gruppi e individui, di gran lunga però, la parte più significativa dell'intero movimento che, fin dall'inizio degli anni Sessanta, hanno avuto la piena consapevolezza del paradossale rapporto creatosi fra l'insuccesso storico e il successo teorico dell'anarchismo, qualora si tenga conto che uno spezzone non secondario della cultura politica, sociale e filosofica del mondo progressista ha utilizzato saccheggiato a piene mani molte teorie, intuizioni e schemi del pensiero libertario.

Oltre l'antifascismo? Come...

Biblion 2016

Disponibile in 3 giorni

12,00 €
"Da quel passato è derivato il presente, quello che anche un giornale della cultura di destra come 'Libero' definisce 'l'assurdo strapotere dell'alta finanza' non è assurdo: è il prodotto di un dato tipo di razionalità, che sia la cultura di sinistra sia quella di destra hanno analizzato criticamente. Si tratta di andare oltre". (Giorgio Galli) "La rielaborazione a sinistra dei concetti di Stato-nazione e di popolo non moderata è certamente non agevole, in quanto richiede una profonda innovazione rispetto agli schemi della stessa sinistra. Non è tuttavia impossibile, visto che il loro monopolio da parte della destra non è naturale e si caratterizza per un'eclatante strumentalizzazione. Occorre scendere sul terreno della destra ed essere disposti a rimettersi in discussione e a operare una profonda rivoluzione copernicana, senza la quale è impossibile anche solo pensare di uscire dalle secche in cui si è entrati e in cui ci si dipana tuttora goffamente". (Francesco Bochicchio)

Il naviglio di Paderno. Un'opera...

Biblion 2016

Disponibile in 3 giorni

16,00 €
In questo volume viene presentato un puntuale e affascinante resoconto degli eventi che portarono alla realizzazione del Naviglio di Paderno attraverso un travagliato percorso irto di ostacoli di diversa natura. Il progetto fu fortemente voluto e ricercato per diversi secoli poiché, malgrado in quel punto la navigazione fosse impossibile per la violenza delle acque e il carattere torrentizio del fiume Adda, era altrettanto intenso il desiderio di creare una nuova opportunità di comunicazione e di transito delle merci via acqua dalle Alpi, dalla Valtellina e dal comasco verso Milano e i territori della Repubblica di Venezia. La riscoperta e la valorizzazione della storia di quest'opera monumentale, per anni dimenticata e sottovalutata, restituisce dignità alla realizzazione di una delle più geniali opere dell'ingegneria idraulica europea, che ancora oggi è un elemento costitutivo di un paesaggio storico e naturalistico unico nel suo genere.

Le biblioteche nell'Italia fascista

Biblion 2016

Disponibile in 3 giorni

25,00 €
La politica bibliotecaria, l'amministrazione delle biblioteche, il controllo e la promozione della pubblica lettura rappresentano alcuni di quei «problemi specifici» che vanno adeguatamente approfonditi per ricostruire in maniera dinamica la realtà storica del regime fascista. L'attenzione inedita che il fascismo dedicò a tutte le biblioteche - da quelle governative, a quelle comunali e provinciali, fino alle minuscole "bibliotechine" scolastiche e rurali - trovava una precisa ragione nella complessa «funzione nazionale» che a esse veniva assegnata, nella quale si sommavano motivi di prestigio, di formazione culturale e di controllo sociale. Per molti versi, il governo fascista accolse per la prima volta esigenze ampiamente sentite dagli operatori delle biblioteche italiane, confermando una volta di più la necessità storiografica di riflettere sulle esperienze professionali delle élites tecnico-specialistiche e sul loro rapporto con la politica durante il ventennio fascista.

I Leoni di Takrouna. Il 66°...

Biblion 2016

Disponibile in 3 giorni

15,00 €
Una suggestiva ricostruzione delle gesta del 66° Reggimento fanteria Trieste durante la seconda guerra mondiale. In questo volume ci vengono narrate in maniera sobria e dettagliata le azioni, ma anche le drammaticità e le carenze che misero a dura prova i soldati di questo reparto, unico del Regio esercito, se pur costretto a ripiegare più volte, a non aver mai subito una sconfitta ad opera del nemico. Protagonista delle operazioni più importanti condotte dalle forze dell'Asse sullo scacchiere nordafricano, dalla battaglia di el Agheila, a el Alamein, fino all'eroico episodio di Takrouna, dove il 66° scrisse l'ultima e la più bella pagina della sua storia, prima della resa delle forze italiane a Capo Bon.

Grandi speranze. Cultura, passione...

Biblion 2016

Disponibile in 3 giorni

28,00 €
Attraverso la ricerca costante della luce e dell'armonia compositiva avevo l'ambizione di essere introspettiva, piuttosto che descrittiva. Cercavo di cogliere la bellezza morale dell'impegno come se fosse una cosa palpabile pensando ai maestri del secolo XX e alla qualità rivelatrice che può avere uno scatto fotografico.

Per Milano. Omaggio a Giovanni...

Biblion 2016

Disponibile in 3 giorni

12,00 €
La Milano di Spadolini e quella di Expo. Un filo rosso lega due importanti stagioni di rinnovamento di una città che si ripropone oggi sul piano delle grandi metropoli europee, come città operosa, protesa al futuro e ricca di opportunità. L'intento dell'autore è stato di costruire un testo insieme di memoria e di servizio che, raccogliendo interventi e analisi di autori vari, fosse capace di fotografare le tante nuove identità e anime che stanno accompagnando la rinascita di Milano, per conoscerle e comprenderle, mettendo a fuoco il collegamento che da sempre esiste in questa città con il pensiero liberal-democratico e repubblicano di Giovanni Spadolini. Il testo è accompagnato da discorsi e interventi per lo più inediti del senatore repubblicano dedicati proprio a Milano. Le parole di Spadolini sono di quel genere che lasciano il segno. Che spingono il lettore a continuare la lettura senza alzare gli occhi dal testo. Profonde nell'analisi, ma agili nella narrazione. Capaci di cogliere con semplicità e immediatezza il cuore del problema e sviscerarlo con coerenza e linearità.

Egualmente libere? Chiese...

Biblion 2016

Disponibile in 3 giorni

20,00 €
Il crollo del regime di Mussolini alimentò nel gracile mondo dell'evangelismo italiano speranze legittime di superamento della vecchia legislazione fascista e di ritorno al regime separatista del Risorgimento. L'evangelismo italiano mancava tuttavia di strumenti adeguati di pressione politica, né aveva sviluppato una matura riflessione giuridica sui rapporti tra Stato e Chiesa necessaria alla lotta per la libertà religiosa. In questo senso si comprende come all'Assemblea Costituente la scienza giuridica del cattolico Dossetti prevalse e contribuì alla marginalizzazione della materia del trattamento giuridico delle varie confessioni di minoranza, considerate peraltro organismi giuridici non originari e quindi sottoposte interamente all'ordinamento dello Stato. La legislazione sui culti ammessi rimase in piedi e con essa tornarono le vessazioni contro le comunità protestanti in Italia, mentre lo strumento dell'intesa, previsto dall'art. 8 della Costituzione, rimase inattuato fino agli anni Ottanta, ovvero all'indomani della revisione del Concordato con la Chiesa di Roma.

Altri tempi. La vita di Francesco...

Biblion 2016

Disponibile in 3 giorni

14,00 €
Un uomo che ha messo a servizio del suo paese, Basiglio, tutta la sua passione e il suo impegno nel difficile periodo del secondo dopoguerra: questo è stato Francesco Re, amministratore comunale e vicesindaco di Basilio dal 1956 al 1970. Attraverso i ricordi personali e di coloro che lo hanno conosciuto e amato, Daniela Re ricostruisce la vicenda umana, civile e politica del padre Francesco, dalle sue umili origini fino agli anni dell'impegno politico: un mandato in cui Re ha sempre cercato di fare propri gli ingenti bisogni dell'intera comunità, che faticosamente cercava di rialzarsi dai duri anni di privazione conseguenti alla seconda guerra mondiale. "Questo libro (...) tratteggia nelle sue pagine le tessere di un mosaico. Vi sono le tessere personali che delineano il ritratto di una persona nel tempo e le tessere impersonali e collettive che ci restituiscono lo sfondo storico e sociale di un'epoca. L'epicentro è la comunità di Basiglio e, a sua volta, la storia di Basiglio si intreccia con la storia del Paese all'indomani della fine della seconda guerra mondiale. All'indomani della Liberazione." (dalla Premessa di Salvatore Veca)

L'orologiaio di Pesariis. Biografia...

Biblion 2016

Disponibile in 3 giorni

25,00 €
Il libro ricostruisce la biografia politica dell'esponente di maggior rilievo dell'azionismo friulano, Fermo Solari, nato a Pesariis il 22 settembre 1900 e morto a Udine il 25 giugno 1988. Tra i fondatori del Partito d'Azione veneto nel 1942, fu commissario politico della prima formazione GL in Friuli; successivamente entrò nel CLN regionale veneto e fece parte, in sostituzione di Silvio Trentin ed Egidio Meneghetti, del Comitato militare regionale. Nel marzo 1944 fu chiamato a Milano, al Comando generale del Corpo volontari della libertà, come vice di Ferruccio Parri, che sostituì dal 10 novembre 1944 al 25 aprile 1945 quando quest'ultimo fu arrestato. Dopo lo scioglimento del Partito d'azione Solari entrò nel PSI, nelle cui liste fu eletto al Senato nel 1958. Spirito critico e indipendente, lasciò il partito nel 1966, aderendo al Movimento dei socialisti autonomi e alla Sinistra indipendente di Parri; in seguito non prese più alcuna tessera, continuando la sua battaglia nel campo della sinistra con interventi giornalistici e con la pubblicazione nel 1979 del libro L'armonia discutibile della Resistenza.

Michele Giuseppe Canale. La vita,...

Biblion 2016

Disponibile in 3 giorni

26,00 €
La vicenda di Michele Giuseppe Canale, protagonista a pieno titolo della saga del Risorgimento italiano, viene ricostruita in quest'opera attraverso l'analisi critica delle fonti letterarie, storico-politiche ed epistolari. Il legame vitale quanto stretto tra sensibilità estetica e aspirazioni politiche si mostra evidente dagli albori, quando l'influenza di Mazzini appare perspicua e il rapporto con Mameli intimo, e prosegue fino alla maturità, momento in cui egli era ormai approdato a una diversa visione della letteratura e dei valori di riferimento. L'azione politica di Canale, in accordo con la sua città, ritrae il nuovo modo di porsi nella realtà da parte degli intellettuali del Risorgimento: non individui isolati dal contesto sociale e politico che li circondava, bensì pienamente inseriti e operanti in esso. In tal senso, il Diario delle cose di Genova mette in luce il suo ruolo nella storia genovese del 1848-49, dimostrando insieme ad altri documenti la sua adesione ai principi democratici e rivoluzionari che lo animarono.