Scultura

Filtri attivi

  • Disponibilità: Non disponibile

Mario Ceroli. Scenografie e...

Mondadori Electa

Non disponibile

55,00 €
Mario Cerali (nato nel 1938), scultore italiano formatosi in ambito romano, si avvicina negli anni '60 al gruppo dell'Arte Povera, con il quale espone nel 1967-68. Caratteristici sono i suoi lavori in legno, forme e figure ritagliate, o silhouettes sagomate in legno grezzo. All'attività di scultore Cerali affianca da anni un altrettanto significativa attività di scenografo per il teatro e il cinema, chiamato dai più importanti teatri italiani, dallo stabile di Torino alla Scala di Milano. Questo volume raccoglie le sue scenografie (Riccardo III, Norma, Re Lear, Aida, Romeo e Giulietta...), gli allestimenti e gli arredi in spazi pubblici (Casa di Nettuno a Bologna, Santa Maria del Redentore a Tor Bella Monaca, la chiesa e la piazza di Portorotondo), le installazioni e opere pubbliche, come "Aria, acqua terra e fuoco" a Tenerife, "Squilibrio" all'aeroporto di Fiumicino, il "Cavallo alato" di Roma o il "Cavallo con gualdrappa" di Bari.

Nivola. Ediz. illustrata

Pirovano C.
Mondadori Electa

Non disponibile

420,00 €
"La mia perpetua condizione di naufrago mi permette di salire e scendere quando voglio dal treno del determinismo storico dell'arte moderna e di abbandonare i binari dritti dove molti miei colleghi sono stati uccisi dalla noia". Scappato dall'Italia insieme alla moglie Ruth Guggenheim per sfuggire alle persecuzioni antisemite all'alba della Seconda Guerra Mondiale, approdato a Parigi e poi a New York, Nivola è dunque un "sopravvissuto" alla Storia come alla storia dell'arte. Ricco della cultura d'origine, da cui attinge reminiscenze lontanissime, modelli, ispirazioni infinite, grazie alle quali elabora stilisticamente e matericamente il legame all'infanzia e alla donna (principale archetipo forse del suo fare arte), Nivola è costantemente proiettato verso una ricerca della forma pura ed essenziale. Dalla modellazione di materia sopra materia alla tecnica del send-casting, che consiste in un rovesciamento in negativo della forma cava, dall'asportazione progressiva di materiali come il cemento o il legno alla lavorazione del marmo, alle infinite pieghe cui sottopone le sue lamiere, dalle dimensioni circoscritte alle opere monumentali, la versatilità eclettica del linguaggio, la disinvoltura degli approcci creativi fanno parte di una precisa e continua metodologia di ricerca, di un concetto di metamorfosi che spiega al meglio l'opera di Nivola.

L'arte negli anni '50. Ediz....

Poli F.
Mondadori Electa

Non disponibile

19,00 €
A cura di Francesco Poli, il volume parte dai profondi cambiamenti avvenuti nelle arti figurative in seguito alle tragiche vicende degli anni trenta a quaranta. Il clima culturale che determina tutto il decennio degli anni '50 e le ricerche artistiche informali, che da esso si sviluppano, è quello di un presente che si impone e dell'uomo che sperimenta i propri limiti vitali. Dall'informale all'espressionismo astratto della scuola america, dallo spazialismo di Fontana ai New Dada, il decennio si conclude con una nuova immagine dell'uomo, la cui forza esploderà dirompente negli anni '60.

L'arte negli anni '80. Ediz....

Del Drago E.
Mondadori Electa

Non disponibile

19,00 €
Racchiuso tra la dimensione politica degli anni Settanta e quella intimistica dei Novanta, il decennio degli Ottanta cerca soprattutto di dimenticare e di vivere l'attimo, senza riuscirci fino in fondo. Un momento storico particolare in cui, esaurita ogni fede in ideologie forti ed esperienze collettive, si torna a credere soltanto nell'individuo e nelle sue specifiche possibilità. Dalla Transavangurdia di Cucchi, Chia e Paladino agli artisti americani parte di un vero star system (a New York è sempre caccia al nuovo talento da trasformare in ricchezza), fino ai nuovi scenari della fotografia: un decennio straordinariamente ricco.

Scultura. Ediz. illustrata

Zuffi Stefano
Mondadori Electa

Non disponibile

24,00 €
Prima e più della pittura, la scultura offre all'artista l'occasione di creare. Il contatto fisico e diretto con la materia, il progressivo emergere di un'immagine che si libera dalla massa inerte, il rapporto con l'ambiente, sono tutti strumenti tipici dello sculture. Questo libro segue la storia della scultura occidentale secondo una sequenza cronologica, ma mettendo periodicamente in evidenza il contributo creativo offerto dai grandi maestri. Il flusso delle vicende storiche, sociali e culturali si intreccia così con l'imponderabile comparsa sulla scena di protagonisti assoluti, capaci di imprimere all'arte svolte epocali.

Matrice. Giuseppe Penone

Gioni M.
Mondadori Electa

Non disponibile

35,00 €
Esponente leggendario del movimento rivoluzionario dell'Arte Povera degli anni Sessanta, da oltre mezzo secolo Giuseppe Penone combina radicalità e classicismo... Realizzato in occasione di una scultura permanente installata a Roma e di una mostra personale presso il Palazzo della Civiltà Italiana, il volume presenta un viaggio tra i lavori di Penone con un focus particolare sui progetti per gli spazi pubblici.

Gio' Pomodoro. L'opera scolpita e...

Pomodoro B.
Silvana

Non disponibile

20,00 €
Il volume raccoglie un nutrito numero di sculture del maestro marchigiano Gio' Pomodoro, cui si affianca un'altrettanto ricca selezione di dipinti su carta, a sottolineare l'importanza che l'artista attribuiva alla fase iniziale di ideazione dei suoi progetti plastici. L'opera disegnata, concepita a mano libera in totale libertà segnica oppure rigorosamente progettata a tecnigrafo secondo le leggi della sezione aurea, è sempre stata per lo scultore un momento imprescindibile della propria ricerca, tanto da divenire opera a sé stante per l'alta qualità che contraddistingue il lavoro di Gio' Pomodoro anche come pittore.

Cesare Leonardi. L'architettura...

Cavani A.
Lazy Dog

Non disponibile

65,00 €
"Cesare Leonardi. L'architettura della vita" racconta il carattere trasversale e interdisciplinare della ricerca di Cesare Leonardi. Attraverso un flusso di immagini, intervallato da saggi tematici, è descritta la sua produzione: un sistema cinetico che è passato senza soluzione di continuità dal design alla fotografia, dalla fotografia al disegno, dal disegno all'architettura, dall'architettura alla scultura.

Nuvole architettoniche. «I miti...

Padovani Cesare
Pazzini

Non disponibile

26,00 €
«Due amici, Cesare e Ilario, percorrono, con linguaggi diversi, gli stessi itinerari dell'immaginazione, i sentieri e le strade della classicità che conducono al mito: non per semplice curiosità intellettuale, o per vezzo accademico, ma perché entrambi avvertono nel mito uno strumento sottile e profondo, perennemente acuminato, per decifrare la storia, per "saperne di più" sulla nostra epoca, sull'animo umano e su se stessi. Dunque, per raccontarsi.» (Vittorio D'Augusta)

The Pittas Collection. Ediz. a...

Humfrey Peter
Mandragora

Non disponibile

90,00 €
La collezione Pittas ha il dono di coprire tutta la storia dell'arte, dall'antichità all'arte contemporanea, e il grande merito di permettere a chi vi si avvicina di estrarre percorsi tematici ampi e avvincenti. Le 100 opere presentate in questo volume riflettono una delle grandi passioni del collezionista: la mitologia greca e romana, conseguenza diretta delle sue origini nel Mediterraneo orientale. Sono opere che vanno dalla scultura greca all'affresco murale romano, dalla pittura europea rinascimentale a quella moderna, fino ai contemporanei Paul Delvaux, Mersad Berber e Yorgos Kypris e sono ordinate non cronologicamente ma per soggetto: ogni divinità rappresenta un capitolo a sé che viene affrontato ed esplorato insieme a i vari soggetti che lo hanno reso celebre. La collezione Pittas tuttavia non muove da esigenze enciclopediche ma dalla volontà di accertamento del valore artistico dell'opera. Sono così presenti protagonisti di assoluto rilievo: Sebastiano Conca, Jean-Baptiste Huet, Jean Souverbie, Marcantonio Raimondi, Louis-Jean-François Lagrenée, Luca Cambiaso, Albert-Ernest Carrier-Belleuse, Jacopo Amigoni, Massimiliano Soldani Benzi, Pierre Le Faguays, Marie-Abraham Rosalbin de Buncey, Giovanni Antonio Pellegrini, Sebastiano Ricci, Jean-Jacques Henner, Émile Bernard, Giovanni della Robbia. Ogni opera presenta una scheda di approfondimento con immagini di confronto. Edizione in lingua inglese.

Ferdinando Tacca's high altar for...

Zikos D.
Mandragora

Non disponibile

12,00 €
La studiosa Anthea Brook ricostruisce tramite un'accurata analisi dei documenti la commissione dell'altare maggiore di Santo Stefano al Ponte allo scultore Ferdinando Tacca. L'opera, sistemata lungo la parete sinistra della chiesa durante l'Ottocento, rimane comunque il lavoro più significativo conservato nella chiesa, grazie soprattutto al bassorilievo bronzeo con la Lapidazione di santo Stefano, realizzato dal Tacca tra il 1651-1655. Sul pannello è rappresentato l'episodio così come narrato negli Atti degli Apostoli. Con meticolosa precisione, la Brook rintraccia i percorsi dell'artista fiorentino tramite i documenti che ne testimoniano incontri e ascendenze, sottolineando le influenze dei più grandi scultori del passato, da Ghiberti a Donatello, a Raffaello, al Giambologna. Il libro rappresenta l'ultimo grande lascito di Anthea Brook, una delle più grandi studiose della scultura fiorentina del XVII secolo, che proprio su Ferdinando Tacca aveva redatto la propria tesi di dottorato.

Alberto Giacometti

Grenier Catherine
Johan & Levi 2019

Non disponibile

30,00 €
«Sorride. E tutta la pelle grinzosa del suo viso si mette a ridere. In uno strano modo. Non solo gli occhi ridono, ma anche la fronte. Tutta la sua persona ha il colore grigio del suo atelier. Per simpatia, forse, ha preso il colore della polvere.» Con queste parole Jean Genet, modello prediletto, descrive Alberto Giacometti, scultore irriducibile, un carattere che gli anni travagliati e il lavoro ossessivo hanno scolpito sul suo volto. L'attività nello studio di rue Hippolyte-Maindron, del resto, è molto intensa: a varcarne la soglia si assiste all'incessante lavorio sulle figure, che Giacometti distrugge e ricostruisce senza requie, in un'estenuante ricerca della perfezione, un oscillare tormentoso fra un ideale a cui tendere e i tentativi abortiti, un andirivieni di dubbi e ripensamenti. Pochi secondi fa rideva, ora tocca una scultura abbozzata e, rapito dal contatto delle dita con la massa di argilla, non si cura più di chi ha di fronte. Nato nel 1901 a Borgonovo, Alberto trascorre la giovinezza nello spazio aspro e familiare della Svizzera, con il padre che lo inizia all'arte fin dalla più tenera età e segue passo passo la sua carriera offrendogli incoraggiamento e sostegno. Nel 1922 si trasferisce a Parigi, dove compie i primi passi sotto la guida di Antoine Bourdelle e Zadkine, affrancandosi però ben presto dai suoi mentori per avvicinarsi, seppure per una breve fase, al Surrealismo di Breton e al Cubismo. Lo spirito ribelle, che segna tutta la sua ricerca e il suo passaggio attraverso le avanguardie, lo porterà a intraprendere un cammino solitario, ai margini del mondo dell'arte, nonostante le assidue frequentazioni con gli intellettuali più celebri dell'epoca nei caffè del Quartiere latino e di Montparnasse. Sedotto dalle arti primitive, approderà a una rappresentazione più sintetica e allucinata, dando vita a una schiera di figure vacillanti e in perenne cammino, che lo consacreranno sulla scena internazionale. «Non lasciarmi influenzare, da niente» annota in uno dei suoi taccuini: Alberto Giacometti appartiene a un tempo senza tempo, ciò che caratterizza l'essenza più autentica dell'arte. Il volume è pubblicato in formato solo testo.

Pietro Consagra. Frontal sculpture....

Marsilio 2019

Non disponibile

50,00 €
La "scultura frontale" di Pietro Consagra lo colloca tra i pionieri del rinnovamento della scultura moderna internazionale, nel secondo dopoguerra e oltre. Magistralmente codificata nei suoi inconfondibili "Colloqui" degli anni cinquanta, gli valse numerosi riconoscimenti, tra cui il Premio per la scultura alla Biennale di Venezia del 1960. Consagra realizza opere sottili, quasi bidimensionali, che nella loro ubicazione appunto frontale, presentandosi con un punto di vista unico invece che a tutto tondo, rifiutano le convenzioni della scultura tridimensionale e monumentale, per creare una relazione più diretta e libera tra oggetto, osservatore e spazio. Ha lavorato con una grande varietà di materiali diversi, tra cui bronzo, ferro e ferro colorato, legno bruciato, acciaio, marmo. Per Consagra, la scultura frontale è l'antidoto moderno alla retorica e all'autoritarismo della scultura classica, la quale concepisce invece l'oggetto plastico come centro di attenzione autosufficiente. Gli permette di spostare la scultura da questo ipotetico centro ideale, emblema di potere e gerarchia di relazioni, a una dimensione di rapporto orizzontale immediato e autentico con l'osservatore, che corrisponde alla sua aspirazione per una società più democratica, giusta, egualitaria. Pubblicata in occasione della mostra a Robilant + Voena di Londra e realizzata in collaborazione con l'Archivio Pietro Consagra, questa monografia di Francesca Pola si concentra sull'opera di Consagra dai suoi primi lavori astratti del 1947 alla sua "musica frontale" del 1982, e include anche un saggio di Luca Massimo Barbero dedicato alla mostra internazionale Sculture nella città a Spoleto (1962).

Aron Demetz. Rigenerazioni....

Gangemi

Non disponibile

20,00 €
Catalogo della mostra presso la galleria AnnaMarraContemporanea dal 9 ottobre al 30 novembre 2018.

Medardo Rosso

Caramel Luciano
Mondadori Electa

Non disponibile

160,00 €
Tra i più importanti scultori moderni, Medardo Rosso (1858-1928) si mosse tra scapigliatura, verismo e impressionismo, movimento con cui venne in contatto durante il soggiorno parigino e che influenzò l'intera sua produzione artistica. Le sue creazioni sono immediatamente riconoscibili per la vibrante vitalità e quell'impressione di "non finito" che le contraddistingue. Celebre per la serie dei ritratti di "Bambini", realizzò sculture nei materiali più diversi: soprattutto cera, ma anche terracotta, bronzo e gesso. Il catalogo fa chiarezza sulle opere, distinguendo quelle originali dalle varianti, tra cui le fusioni postume commissionate dal figlio Francesco. Curato da Luciano Caramel, il volume rappresenta uno strumento fondamentale per i collezionisti, le case d'asta e i musei. Le opere di Medardo Rosso sono ospitate in numerose collezioni pubbliche e private italiane ed europee: un nucleo consistente si trova nella Galleria d'Arte Moderna di Roma.

Domus Grimani 1594-2019. La...

Bergamo
Marsilio 2019

Non disponibile

30,00 €
Palazzo Grimani a Santa Maria Formosa costituisce un unicum architettonico a Venezia, così come unica è la sua storia. Edificato agli inizi del Cinquecento in stile manierista, caso più unico che raro in città, era la dimora di un'importantissima famiglia patrizia, che annoverava tra i suoi esponenti Patriarchi, Cardinali, Dogi e Procuratori, tutti collezionisti appassionati di antichità greche e romane. Una raccolta vastissima e molto prestigiosa, quella dei Grimani, che alla morte del Patriarca Giovanni, nel 1596, fu donata alla Repubblica Serenissima e collocata all'interno della Biblioteca Marciana, dove fino a oggi è stata esposta. L'esposizione Domus Grimani 1594 - 2019 riporta dopo oltre quattro secoli la collezione statuaria del Patriarca Giovanni nel suo luogo d'origine, palazzo Grimani, divenuto nel frattempo museo statale. Fulcro della mostra è la ricostruzione della Tribuna del patriarca Giovanni, l'ambiente più singolare dell'intera dimora, le cui pareti, scandite da pilastri, elementi architettonici e nicchie erano state ideate per esporre la straordinaria collezione di antichità della famiglia Grimani. Il catalogo approfondisce la storia della collezione Grimani, a partire dal camerino delle antichità, e ne rivela la straordinaria bellezza, anche grazie a un'importante campagna fotografica realizzata per l'occasione. Il volume prosegue con la descrizione delle sale che costituiscono lo spazio espositivo che conduce alla Tribuna, regalando al lettore la meraviglia della decorazioni di una dimora aristocratica del XVI secolo, grazie alle immagini di arredi, arazzi, quadri e oggetti evocativi di un'epoca e di uno stile di vita unici nel loro genere.

Andros. Opera omnia. Scultura....

Youcanprint 2019

Non disponibile

130,00 €
Volume dedicato all'opera scultorea completa di Andros, coprendo un arco di circa quarant'anni di attività, e comprende tutte le opere scultoree e le installazioni realizzate da Andros, o perlomeno tutte quelle di cui sia rimasta traccia. 624 pagine illustrate, circa 450 opere, copertina cartonata, formato 22x30.

Giacometti

Lemaire Gérard-Georges
Giunti Editore 2019

Non disponibile

4,90 €
Un dossier interamente dedicato ad Alberto Giacometti (1901-1966). Nel sommario: "Figlio d'arte"; "L'equivoco surrealista"; "Verso la scultura esistenziale"; "L'uomo che cammina"; "L'affermazione di un dubbio"; "Parigi senza fine". Come tutte le monografie della collana "Dossier d'art", una pubblicazione agile, ricca di belle riproduzioni a colori, completa di un utilissimo quadro cronologico e di una ricca bibliografia.

Paolo Icaro. Respiro, all'interno...

Edizioni Volume! 2019

Non disponibile

12,00 €
Catalogo che racconta la mostra di Paolo Icaro tenutasi presso la Fondazione Volume! tra l'11 ottobre e il 6 dicembre 2017. Oltre la documentazione fotografia dell'intervento dell'artista, il libro contiene un testo critico di Claudia Gioia e un contributo di Silvano Manganaro.

Affreschi e decorazioni scultoree...

Sala Francesco
GWMAX 2019

Non disponibile

15,00 €
«Fino a non moltissimi anni fa nell'arte romanica si vedevano solo goffaggini e insicurezza della mano e del pensiero dell'uomo primitivo. Ricordo che all'inizio della mia ricerca sul "romanico", più di una quarantina di anni fa, consultavo anche le mitiche Guide Rosse del Touring, la Bibbia del viaggiatore, e quando incontravo monumenti minori di questo periodo storico-artistico venivano classificati come rozzi edifici. Oggi, al contrario, siamo sempre più affascinati dalla semplicità dei suoi volumi e dalla quantità di immagini della sua scultura e pittura. Ed è lungo questa linea che ho voluto selezionare alcuni monumenti 'meno noti' attraversando quasi tutte le regioni d'Italia.»

Arnaldo Pomodoro 1956-65. Ediz....

Forma Edizioni

Non disponibile

59,00 €
Il catalogo della mostra, presentata alla galleria Tornabuoni Art di Parigi, esplora l'origine delle opere di Arnaldo Pomodoro (1926, Morciano di Romagna) e più specificamente la produzione degli anni 1956-65, periodo in cui le opere, che derivano dall'oreficeria prodotta a fianco del fratello Giò e Giorgio Perfetti, evolvono verso piccoli rilievi fatti di cemento e piombo. Successivamente realizza grandi tavole murali incise con glifi illeggibili, ispirati alla scrittura cuneiforme delle tavolette mesopotamiche, i papiri egizi e lo stile grafico di Paul Klee. Nel 1960 Pomodoro, con Novelli, Consagra, Tancredi, Dorazio e Fontana, è uno dei cofondatori del gruppo Continuità, che predica un'"estetica del continuo" intesa come "assenza, indeterminazione del limite" legata agli aspetti formali delle opere d'arte. Così produce le sue prime Sfere, usando bronzo dorato lucido come materiale principale, e la cui creazione segna il passaggio definitivo al momento più alto della sua carriera. Oggi le creazioni di Pomodoro possono essere trovate in musei prestigiosi come il Guggenheim a New York e i Musei Vaticani, inoltre sono esposte in più di 40 piazze pubbliche nelle più importanti città del mondo.

Attilio Quintili. Kauwa-Auwa. Ediz....

Freemocco 2019

Non disponibile

10,00 €
"Per quest'occasione Quintili ha elaborato un'esposizione che più che una semplice presentazione delle sue ultime opere appare in verità la somma di un percorso individuale che affonda le proprie radici nella sfera spirituale, trovando sostanza in una riflessione giocata tra simbologie duali, significati allegorici e visioni archetipiche. E proprio recuperando un archetipo dal forte valore sacro e simbolico, come l'asse cosmico o il kauwa-auwa, il bastone sacro su cui la civiltà australiana degli Achilpa si riuniva per dialogare e recuperare l'unità tra la sfera celeste e quella terrestre, che Quintili si interroga in un virtuale dialogo tra passato e presente sull'efficacia di un simbolo che permette l'unità contro ogni divisione sociale, politica culturale e naturale del mondo" (Lorenzo Fiorucci)... Ciò detto, non si deve trascurare nemmeno il fatto che a seconda della materia muta l'effetto e la reazione dell'argilla a questa pressione interna che la fa esplodere: pur nell'unità di procedimento.

Domenico Tudisco

Le Farfalle 2019

Non disponibile

15,00 €
Artista di grande sensibilità e cultura, Tudisco si forma nelle botteghe dello scultore Salvatore Zagarella e poi dell'architetto scultore Giovanni Formica, frequentate da altri giovani quali Emilio Greco, Rosario Frazzetto, Archimede Cirinnà, Concetto Marchese, Carmelo Tabacco, Guglielmo Volpe. La sua attività di scultore inizia prima della seconda guerra mondiale in un basso di S. Berillo assieme ad Emilio Greco. Finita la guerra inizia la collaborazione con M. M. Lazzaro per importanti realizzazioni monumentali nella città di Catania quali i "Candelabri" di Piazza Università e la scultura rappresentante "La Giustizia" sita nel Tribunale di Catania. La sua parabola creativa mantiene sempre una linea inconfondibile che aderisce al naturalismo classico. Nel 1950 sarà tra i fondatori dell'Istituto Statale d'Arte di Catania, ottenendo sin dall'inizio la titolarità della cattedra di scultura. È sotto la sua scuola che si formeranno generazioni di artisti quali Piero Guccione, Alberto Abate, Antonio e Tano Brancato ed altri ancora.

Giovanna Lysy. Memorie di luce....

Pratesi L.
Silvana 2019

Non disponibile

12,00 €
Da un rinnovato incontro con una spazialità affettiva, fecondata da una memoria pronta a proiettarsi sul presente, scaturisce l'ultima fase dell'opera di Giovanna Lysy protagonista di questo volume. Una fase caratterizzata da una temperatura più calda ed emotiva, dove il rigore degli anni duemila si stempera in un atteggiamento più libero e consapevole, capace di elaborare strutture articolate che nascono da un contatto diretto con la terra. Opere dove il genius Joci della Val d'Orcia torna protagonista all'interno di un percorso di riappropriazione della dimensione più profonda dell'essere. Qui la scultura si anima, cerca un rapporto attivo con lo spazio e diviene più narrativa, pronta ad assumere una dimensione artigianale vicina al design, senza mai abbracciare le costrizioni dovute alla produzione seriale.

La scultura marmorea trecentesca...

Gargiulo Liberato
Youcanprint 2019

Non disponibile

15,00 €
Lo scopo di questo lavoro è approfondire le testimonianze scultoree trecentesche, in particolare marmoree, in penisola sorrentina. Grazie a materiale bibliografico e a documenti di archivio, è stato svolto uno studio su undici pezzi marmorei riguardanti, in particolare modo, la scultura funeraria. Il territorio oggetto di studio è stato quello della penisola sorrentina, con riferimento all'attuale arcidiocesi di Sorrento-Castellammare.

Marcello Guasti, Giovanni...

Branca Nelson
Officina Libraria 2019

Non disponibile

10,00 €
In occasione del 75° anniversario della liberazione dall'occupazione tedesca, Fiesole celebra con una mostra al Museo Civico Archeologico il suo Monumento ai tre carabinieri, l'imponente scultura in bronzo creata nel 1964 da Marcello Guasti per la nuova terrazza panoramica ideata da Giovanni Michelucci nel Parco della Rimembranza. L'opera, realizzata a vent'anni dall'eccidio, ricorda il sacrificio dei tre militari Alberto La Rocca, Vittorio Marandola e Fulvio Sbarretti, che avevano aiutato i partigiani impegnati contro le forze straniere e furono per questo trucidati dai nazisti il 12 agosto del 1944. Nella sezione dedicata a La genesi del monumento, Jonathan K. Nelson esplora, con Silvia Catitti, la storia e il significato dell'imponente opera, frutto della collaborazione tra Marcello Guasti (1924-2019), il più importante scultore vivente in Toscana fino alla scomparsa recente, e Giovanni Michelucci (1891-1990), architetto e urbanista celebre, tra le altre cose, per la progettazione della stazione di Santa Maria Novella a Firenze. L'idea alla base del progetto di Guasti è stata di andare oltre il concetto tradizionale di monumento celebrativo, facendone emergere il significato nel dialogo con l'ambiente del Parco in cui è inserito.

Coming out. Gehard Demetz e...

Assmann A.
Tre Lune 2019

Non disponibile

12,00 €
Monografia della mostra. Testi critici di P. Assmann, R. Casarin, M. Tonelli.