Stili artistici: Espressionismo astratto

Filtri attivi

Pollock confidential

Catacchio O.
Centauria 2019

Disponibile in libreria  
FUMETTI

19,90 €
Raccontare Jackson Pollock è come pedinare qualcuno di cui conosci già la destinazione. Per molti versi la sua vicenda ricalca il canone dell'artista maledetto, destinato a un finale tragico e fatale. Ma nel percorso di Pollock c'è una variabile che ne consente una lettura al confine con la fiction, ovvero il piano della CIA per dare vita a una nuova cultura "made in U.S.A."... E Jackson Pollock è la figura ideale per incarnare tale strategia, è un uomo selvaggio e incontrollabile e non ha niente a che fare con gli esangui artisti giunti negli States dall'Europa!

Georg Zuter. Catalogo della mostra...

Dehò Valerio
NFC Edizioni 2019

Disponibile in 3 giorni

20,00 €
La storia di Georg Zuter comincia nella natia Germania perché studia prima alla Werkunstschule di Dortmund e poi alla Hochschule fur der Bildende Kunst di Berlino. A 23 anni, nel 1965, è già un artista astratto, la sua strada è intrapresa perché non cede alle seduzioni della materia che l'Informale, negli stessi anni, rivaluta con le alte paste, gli spessori, il colore a olio che si materializza in grumi e sedimenti. Né tantomeno viene affascinato dalla tradizione espressionista della sua storia dell'arte, per l'esasperazione delle figure deformate dal male di vivere. Punta direttamente ad un'essenzialità degli elementi che è ricerca dell'assoluto, principio percettivo non solo di razionalità visiva, ma anche direzione di ricerca per una strada diretta alla comunicazione con il fruitore. Artista non figurativo o aniconico, Zuter mette insieme un'esperienza formativa grafica e tipografica che al sud Italia scopre tonalità calde. Diventa non a caso un autore che si dedica al colore, ma dalla Sicilia non riceve l'impetuosità della forma, l'accelerata circolazione del sangue e le animazioni barocche. Porta il suo universo mentale e culturale a incontrarsi con il sole. "Zuter è infatti uno dei pochi pittori capaci di fare una pittura astratta geometrica utilizzando le ocre; è fra i pochi a saper accordare i marroni e i beige con il bianco e con il colore, con un effetto di rasserenante equilibrio. È proprio un gioco di sbalzi, di contaminazioni: come in tutti i giochi percettivi, le campiture si condizionano a vicenda, e il colore provoca una vibrazione che sollecita la vista'". Il color piatto si mette in relazione con una forma senza volume. Tutto è piatto ma significante, la mancanza di iconicità è la premessa per una liberazione della comunicazione con il fruitore che non viene distratto da altro che non dalla forma-colore in purezza. La casualità sta nell'invenzione, nel motivo che porta un artista a ritirarsi a dipingere, ma l'esecuzione segue andamenti mentali geometrico-lineari davanti a cui il caso si arresta.

Erich Mendelsohn

Zevi Bruno
Castelvecchi 2018

Disponibile in 3 giorni

27,00 €
Erich Mendelsohn (1887-1953) è stato definito l'unico architetto rivoluzionario della sua generazione. Nel volume viene ripercorsa la produzione del grande progettista a partire dai famosi "schizzi" e dalle realizzazioni in Germania prima della fuga seguita all'avvento del regime nazista, che fanno di lui il più alto esponente della corrente architettonica espressionista europea. Vengono quindi illustrate le limpide opere del periodo "palestinese", con le quali contribuisce attivamente al processo di costruzione di quello che nel 1948 diverrà lo Stato di Israele. Il percorso si conclude con i pacati edifici comunitari, oltreché con le residenze del periodo americano.

Lettere, riflessioni, testimonianze

Pollock Jackson
SE 2017

Disponibile in 3 giorni

19,00 €
"I limiti dell'opera di Pollock sono i limiti stessi del moderno, e insieme i suoi titoli di nobiltà. Pollock rappresenta anzi l'esito finale della pittura moderna: del filone, cioè, che da Cézanne e da Kandinsky, lungo i decenni del secolo, ha lavorato entro i confini della pittura, mentre Duchamp e l'arte concettuale li eludevano, corteggiando la realtà e l'oggetto. Proprio per questa sua radicalità, Pollock è stato un artista che non ha avuto allievi, ma epigoni, non continuatori, ma imitatori. L'unico suo vero erede è stato lui stesso: nelle sue ultime opere tentava di riaprire quella partita che prima aveva chiuso, tentava di riprendere il discorso oltre quel punto fermo che proprio lui aveva segnato." (Elena Pontiggia)

Pollock. Ediz. illustrata

Emmerling Leonhard
Taschen 2016

Disponibile in 3 giorni  
MONOGRAFIE ARTE

10,00 €
Eroe ribelle dell'espressionismo astratto, nel corso della sua vita Jackson Pollock (1912-1956) attraversò il panorama dell'arte americana come un fuoco d'artificio allo sbando. Attingendo le proprie idee da fonti diversissime quali Picasso e il surrealismo messicano, rifiutò le convenzioni per sviluppare il proprio modo di vedere, interpretare ed esprimere. Le sue opere più famose sono i dipinti realizzati con la tecnica del dripping, che consiste nel versare e lasciar colare sulla tela degli smalti industriali utilizzando una varietà di strumenti, dai bastoncini alle siringhe, dai pennelli induriti ai frammenti di vetro. Ne risultano opere esplosive, pulsanti di energia, che alla precisione e raffinatezza del tratto preferiscono qualcosa di più immediato, vivido e materico. Per dissuadere lo spettatore dal cercare elementi figurativi nei suoi dipinti, Pollock rinunciò ai titoli assegnando a ogni opera un semplice numero privo di ulteriori significati. Notoriamente solitario e irascibile, in lotta con l'alcolismo, sposato con la pittrice Lee Krasner, che a sua volta aderì all'espressionismo astratto, e morto in un incidente d'auto a soli 44 anni, Pollock è al tempo stesso un'icona indimenticabile e un pioniere nel campo dell'arte. Questa essenziale introduzione indaga la sua opera e il consolidarsi della sua fama per comprendere alcuni dei capolavori della storia dell'arte moderna e la nascita di un'icona culturale.

Der Blaue Reiter. Ediz. illustrata

Düchting Hajo
Taschen 2016

Disponibile in 3 giorni

10,00 €
Pur essendo durato solo tre turbolenti anni, il movimento Der Blaue Reiter (1911-1914) ha esercitato una profonda influenza sullo sviluppo dell'arte moderna in Europa. Questo gruppo eterogeneo di artisti, che prende nome dall'omonimo dipinto di Vasilij Kandinskij "Il cavaliere azzurro", si riunì intorno al pittore tedesco Franz Marc e allo stesso Kandinskij, emigrato dalla Russia, nell'intento di respingere i codici ufficiali per lanciarsi in una dimensione artistica sconosciuta. Trattando valori e problematiche spirituali in un'epoca segnata da una rapida industrializzazione, gli artisti del Blaue Reiter condividevano l'interesse per la pittura, la xilografia e la stampa, nonché un utilizzo simbolico del colore e un approccio spontaneo all'opera d'arte. Dipinti chiave quali Cavallo blu I di Franz Marc (1911), Con arco nero di Wassily Kandinsky (1912) e Donna con giacca verde di August Macke (1913) affrontano soggetti diversi ma sono accomunati da prospettive distorte, linee abbozzate e un uso del colore enfatico ed espressionista. Der Blaue Reiter fu bruscamente soffocato dallo scoppio della Prima guerra mondiale, in cui morirono due dei suoi maggiori esponenti, e dai crescenti dissapori tra i suoi membri. Mettendo in luce il grande impatto che il movimento, nonostante la sua breve parabola, esercitò sull'arte moderna, questo libro ne passa in rassegna i maggiori artisti e le opere chiave, soffermandosi anche sul loro ricco retaggio.

Pollock

Bonito Oliva Achille
Giunti Editore 2016

Disponibile in 3 giorni

4,90 €
Un dossier dedicato a Pollock. Nel sommario: "Pratica dell'espansione", "Automatismo come verità", "La radicalità del gesto", "Trame, incroci, radici". Come tutte le monografie della collana "Dossier d'art", una pubblicazione agile, ricca di belle riproduzioni a colori, completa di un utilissimo quadro cronologico e di una ricca bibliografia.

Jackson Pollock. Energia resa visibile

Friedman B. H.
Johan & Levi 2015

Disponibile in 3 giorni

31,00 €
Quando nella primavera del 1955 il giovane B.H. Friedman lo incontra per la prima volta, Jackson Pollock è già un "vecchio maestro" dell'Espressionismo Astratto. Possente nel fisico quanto esplosivo e lavico nel talento, si è conquistato fama internazional

L'anima e il cristallo. Alle radici...

Poggi Stefano
Il Mulino 2014

Disponibile in 3 giorni

19,00 €
Nei primi vent'anni del Novecento si producono in Europa mutamenti culturali radicali, i cui effetti giungono sino ai nostri giorni. Decisiva in quella fase appare l'influenza di due personaggi come Arthur Schopenhauer e Friedrich Nietzsche, un'influenza profonda e diffusa perché si esercita soprattutto al di fuori dell'arena filosofica. Nella scia del loro pensiero si forma la convinzione che sia necessario ripensare nei suoi stessi fondamenti il rapporto tra l'uomo e la natura, tra la scienza e l'arte. Il libro racconta una stagione culturale in pieno fermento, che vede accomunati nella stessa visione utopica e ansia di rinascita personaggi come Lukàcs, Bloch, Simmel, Rilke, Wittgenstein, Schònberg, Klee: tutti in varia misura segnati dalla consapevolezza di un mutamento epocale che ebbe il suo avvio decisivo negli anni Dieci, con la nascita dell'arte astratta.

Una storia armena. Vita di Arshile...

Spender Matthew
Barbès 2009

Disponibile in 3 giorni

16,00 €
Dopo anni di ricerca e di attentissima analisi dei documenti, Spender ha ricostruito la storia della vita di Arshile Gorky, esponente dell'espressionismo astratto di Pollock, amico di Bréton e dei surrealisti, ma ha soprattutto ricostruito con grande sapienza narrativa e precisione storica la storia della più nota vittima del genocidio armeno compiuto dai turchi nel 1915. La salvezza, la fuga, l'arrivo a New York, la nuova vita come artista, la tragica fine. Un'appassionante biografia d'artista.

De Kooning. L'uomo, l'artista

Stevens Mark
Johan & Levi 2006

Disponibile in 3 giorni

35,00 €
"De Kooning. L'uomo, l'artista" è un ritratto vivo e ricco di dettagli che ricostruisce la vita del pittore, dagli anni difficili a Rotterdam fino all'arrivo negli Stati Uniti. All'apice della fama de Kooning si lasciò travolgere da un turbine autodistrutt

Lettere, riflessioni, testimonianze

Pollock Jackson
Abscondita 2006

Disponibile in 3 giorni

14,00 €
"I limiti dell'opera di Pollock sono i limiti stessi del moderno, e insieme i suoi titoli di nobiltà. Pollock rappresenta anzi l'esito finale della pittura moderna: del filone, cioè, che da Cézanne e da Kandinsky, lungo i decenni del secolo, ha lavorato entro i confini della pittura, mentre Duchamp e l'arte concettuale li eludevano, corteggiando la realtà e l'oggetto. [...] Proprio per questa sua radicalità, Pollock è stato un artista che non ha avuto allievi ma epigoni; non continuatori ma imitatori. L'unico suo vero erede è stato lui stesso: nelle sue ultime opere tentava di riaprire quella partita che prima aveva chiuso, tentava di riprendere il discorso oltre quel punto fermo che proprio lui aveva segnato. E non si sa se sia stata la morte a impedirgli di continuare a dipingere, o la pittura a impedirgli di continuare a vivere." (Dallo scritto di Elena Pontiggia)

La visione verticale. Carlo Damiano...

Gaggiotti Giancarlo
Morlacchi 2019

Non disponibile

20,00 €
"Visione verticale", così Carlo Damiano definisce il suo modo di fotografare dall'alto in basso la Natura che lo circonda, e "riflessi primordiali" i suoi scatti di cristalli di neve, cortecce di alberi e increspature del mare che hanno accompagnato i suoi momenti di libertà, visioni non immediatamente identificabili ma suggeritrici, evocative di un qualcosa che esiste ma che può sfuggire. Ne deriva una visione "astratta", definita da Cartier-Bresson "fuoco poetico", frutto di una concezione fotografica, artistica e tecnica che si nutre di sapienza, arte e pazienza, come amava ripetere Damiano, perché "la natura non ha fretta di farsi capire...". Da qui il suo interesse per artisti che sentiva poeticamente vicini.

Astrattismo e Dadaismo. Poetiche...

Finizio Luigi P.
Bibliotheka Edizioni 2018

Non disponibile

22,00 €
La ricostruzione storico-poetica della singolare stagione artistica d'incontro tra astrattismo e dadaismo nei primi decenni del XX secolo. L'incontro tra astrattismo e dadaismo sconvolse la tradizione delle consuete forme artistiche, diramando e affondando le sue idee fra poesia e pittura, danza e musica, architettura e scultura, teatro, cinema e fotografia. Nei suoi intenti sconvolgenti fu già un anticipo di globalismo nell'arte. L'interazione poetica fra queste due concezioni artistiche è stata animata da un sotteso rigetto del convenzionale protagonismo dell'io lirico-soggettivo per mirare con ironia e coscienza critica contro ogni idealismo e ipocrisia morale ritenuti responsabili del dramma della Guerra. In fondo, nelle forme dichiarate e materiali, oggettive e collettive, nel loro radicale antiespressionismo, l'azione poetica tra astrattismo e dadaismo tese a rendere l'arte più consapevole e schietta.

Pollock e la scuola di New York....

Arthemisia Books 2018

Non disponibile

32,00 €
La mostra e il catalogo raccolgono uno dei nuclei più preziosi della collezione del Whitney Museum di New York, con opere di Jackson Pollock, Mark Rothko, Willem de Kooning, Franz Kline e molti altri rappresentati della Scuola di New York. Anticonformismo, introspezione psicologica e sperimentazione sono le tre linee guida del progetto che attraverso circa 50 capolavori - tra cui il celebre Number 27, la grande tela di Pollock usata per la copertina del libro - racconta il magnifico contesto artistico dell'espressionismo astratto. È spiegato il frutto della "rivoluzione" nata nel maggio del 1950 attraverso lo scandalo del Metropolitan Museum di New York quando, dallo stesso museo, viene organizzata un'importante mostra di arte contemporanea escludendo la cerchia degli action painter e scatenando la rivolta degli esponenti del movimento. Proprio in questo clima di insurrezione e stravolgimento sociale, l'espressionismo astratto diventa un segno indelebile della cultura pop moderna, attraverso il particolare connubio tra espressività della forma e astrattismo stilistico, che influenzarono sensibilmente tutti gli Anni 50.

Pollock e la scuola di New York....

Arthemisia Books 2018

Non disponibile

32,00 €
La mostra e il catalogo raccolgono uno dei nuclei più preziosi della collezione del Whitney Museum di New York, con opere di Jackson Pollock, Mark Rothko, Willem de Kooning, Franz Kline e molti altri rappresentati della Scuola di New York. Anticonformismo, introspezione psicologica e sperimentazione sono le tre linee guida del progetto che attraverso circa 50 capolavori - tra cui il celebre Number 27, la grande tela di Pollock usata per la copertina del libro - racconta il magnifico contesto artistico dell'espressionismo astratto. È spiegato il frutto della "rivoluzione" nata nel maggio del 1950 attraverso lo scandalo del Metropolitan Museum di New York quando, dallo stesso museo, viene organizzata un'importante mostra di arte contemporanea escludendo la cerchia degli action painter e scatenando la rivolta degli esponenti del movimento. Proprio in questo clima di insurrezione e stravolgimento sociale, l'espressionismo astratto diventa un segno indelebile della cultura pop moderna, attraverso il particolare connubio tra espressività della forma e astrattismo stilistico, che influenzarono sensibilmente tutti gli Anni 50.

Erich Mendelsohn. Opera completa....

Zevi Bruno
Testo & Immagine

Non disponibile

90,00 €
Il libro ripercorre la lezione di Mendelsohn, dalle innovazioni linguistiche espressioniste in Germania, culminate con la Torre Einstein a Potsdam (1920), al periodo più attento al razionalismo (1925-1931), alle opere dell'esilio in Gran Bretagna, Palestina e USA. Il volume si conclude con una appendice dedicata agli architetti contemporanei che hanno proseguito il cammino tracciato da Mendelsohn.

Made in America. The thousand...

Buscaroli Beatrice
Cambi 2017

Non disponibile

30,00 €
La "scuola di New York" sta quindi sbocciando tumultuosa sul finire degli anni Quaranta, accomunando i cultori del segno e del gesto pittorico (gli action painters) e coloro che invece prediligono le relazioni tra forma e colore (i color field painters). Nel 1950, gli irascibili (come spregiativamente li chiama il quotidiano "Herald Tribune") contestano vivacemente il progetto di mostra presentato dal Metropolitan Museum. Tra di essi ci sono Barnett Newman, Jackson Pollock, Willem de Kooning, Mark Rothko, Robert Motherwell, Franz Kline, Clifford Still, Arshile Gorky: il cuore di quell'Espressionismo astratto che sta ricercando un equilibrio originale tra vigore del segno e "sublime", tra astrazione e visione interiore.

Isabella Nazzarri. Vita delle...

Quaroni I.
ABC-Arte 2016

Non disponibile

25,00 €
Catalogo della mostra di Isabella Nazzarri, presso C2 Contemporanea, organizzata da ABC-ARTE.

Rothko

Baal-Teshuva Jacob
Taschen 2015

Non disponibile  
MONOGRAFIE ARTE

10,00 €
Mark Rothko fa parte della generazione di artisti americani che ha completamente rivoluzionato l'essenza della pittura astratta. La sua evoluzione stilistica, nel passaggio da un repertorio visivo figurativo a uno stile astratto radicato nel rapporto attivo tra l'osservatore e il dipinto, incarna la visione radicale di un rinascimento in pittura. Rothko ha descritto questa relazione come "una consumata esperienza tra la pittura e l'osservatore". Le sue forme cromatiche attirano letteralmente l'osservatore in uno spazio riempito di una luce interiore. Rothko ha sempre respinto qualunque tentativo di interpretare i suoi dipinti. A interessargli erano soprattutto l'esperienza dell'osservatore, la fusione tra opera e supporto al di là della comprensione verbale. Rothko era un intellettuale, un pensatore, un uomo molto istruito. Amava la musica e la letteratura ed era appassionato di filosofia, specie delle opere di Friedrich Wilhelm Nietzsche e dell'antica filosofia e mitologia greche. Rothko fu protagonista del movimento dei pittori americani che divennero noti come espressionisti astratti. Formatosi originariamente a New York City nel periodo tra le due guerre, questo gruppo era anche definito la New York School. In tutta la storia dell'arte, furono i primi artisti americani a ricevere un riconoscimento internazionale come movimento significativo. Molti di loro, incluso Rothko, sono ormai figure leggendarie.

Charles Pollock. Una retrospettiva....

Rylands P.
Marsilio 2015

Non disponibile

35,00 €
"I dipinti di Charles eccellono in spazialità; rappresentano un 'mondo', sono avvolti da 'virtualità', sono il locus di una sorta di 'spazio interno' e possiedono una fantastica forza trascinante. Sono dipinti destinati a durare nel tempo. [...] Se c'è giustizia nei posteri, l'opera di Charles resterà nel tempo. La sua arte, al meglio, è l'immagine perfetta di ciò che egli è." (Terence Maloon)

William Congdon. Pianura. Ediz....

Dall'Ombra D.
Silvana 2015

Non disponibile

22,00 €
William Congdon (1912-1998), artista americano rappresentante dell'Action painting, lasciata la New York degli amici Pollock e Mark Rothko, dopo aver viaggiato in tutto il mondo, decide di radicarsi a sud di Milano, dedicando la sua ultima produzione al ritratto intimo di campi coltivati, risaie e frutti della terra. Un ventennio lombardo che segna l'apice del suo percorso. Dopo le New York degli anni '40, i Sahara e Santorini degli anni '50, la ricerca da spaziale si fa temporale. Protagoniste diventano la potenza della terra e le sue trasformazioni. Non si tratta di visioni idilliache: si sconvolge l'orizzonte sui campi, quasi a seguire le trasformazioni telluriche dell'origine. Un tormento, anche materico, che si risolve e trova pace nelle nebbie che aprono la via ai monocromi. Riemergono le meditazioni su Braque e De Staël, ma, soprattutto, i dialoghi pittorici con la Scuola di New York di Betty Parsons e Peggy Guggenheim che hanno portato le sue opere nei più importanti musei di New York e alla Peggy Guggenheim Collection di Venezia.

Charles Pollock. A restrospective....

Rylands P.
Marsilio 2015

Non disponibile

35,00 €
This monographic volume presents the world, style and language of Charles Pollock, Jackson's oldest brother, who was born in 1902 in Denver and died in Paris in 1988. The book is enriched by a vast range of materials, works and documents, many of them previously unpublished, that have been made available by the Charles Pollock Archives in Paris, thanks to the Pollock family.

Jackson Pollock

Harrison Helen A.
Phaidon 2014

Non disponibile

19,95 €
Jackson Pollock

Jackson Pollock. La figura della...

Risaliti S.
Giunti Editore 2014

Non disponibile

35,00 €
Catalogo della mostra: Firenze, Palazzo Vecchio, Sala dei Gigli, Sala della Cancelleria - Complesso di San Firenze, Sala della Musica, 16 aprile-27 luglio 2014. Esporre a Firenze Jackson Pollock, e confrontarlo con Michelangelo, è la sfida che Sergio Risaliti e Francesca Campana Comparini - ideatori e curatori della mostra - hanno lanciato per mettere sotto osservazione due civiltà e due linguaggi distanti e pure antitetici: uno fondato sul disegno che cerca con tutte le forze di rispettare l'ordine della natura e del divino; l'altro basato sulla fenomenologia dell'inconscio e sulla mistica geometria, perfetta rappresentazione di un universo in espansione. Ciò che accomuna Michelangelo e Pollock è il furore che entrambi trasmettono quando lavorano alle loro opere, una sorta di trance agonistica che li rende estranei al mondo esterno. Già nel Cinquecento si parlò di furia della figura per descrivere le linee serpentinate di alcune figure del Buonarroti, caratterizzate sovente anche dal non-finito, scelta formale per esaltare espressivamente il conflitto tra bellezza compiuta e ingombro dell'informe. In Pollock il concetto guida adottato in mostra è invece quello della "figura della furia", un'idea che ben definisce la pittura vitale, violenta e potente del pittore americano che con i suoi drip-painting stupì molti suoi contemporanei, così come era accaduto con il terribile "Giudizio" di Michelangelo nel XVI secolo.

Jackson Pollock. La figura della...

Risaliti S.
Giunti Editore 2014

Non disponibile

35,00 €
Catalogo della mostra: Firenze, Palazzo Vecchio, Sala dei Gigli, Sala della Cancelleria - Complesso di San Firenze, Sala della Musica, 16 aprile-27 luglio 2014. Esporre a Firenze Jackson Pollock, e confrontarlo con Michelangelo, è la sfida che Sergio Risaliti e Francesca Campana Comparini - ideatori e curatori della mostra - hanno lanciato per mettere sotto osservazione due civiltà e due linguaggi distanti e pure antitetici: uno fondato sul disegno che cerca con tutte le forze di rispettare l'ordine della natura e del divino; l'altro basato sulla fenomenologia dell'inconscio e sulla mistica geometria, perfetta rappresentazione di un universo in espansione. Ciò che accomuna Michelangelo e Pollock è il furore che entrambi trasmettono quando lavorano alle loro opere, una sorta di trance agonistica che li rende estranei al mondo esterno. Già nel Cinquecento si parlò di furia della figura per descrivere le linee serpentinate di alcune figure del Buonarroti, caratterizzate sovente anche dal non-finito, scelta formale per esaltare espressivamente il conflitto tra bellezza compiuta e ingombro dell'informe. In Pollock il concetto guida adottato in mostra è invece quello della "figura della furia", un'idea che ben definisce la pittura vitale, violenta e potente del pittore americano che con i suoi drip-painting stupì molti suoi contemporanei, così come era accaduto con il terribile "Giudizio" di Michelangelo nel XVI secolo.

Pollock e gli irascibili. La Scuola...

24 Ore Cultura 2013

Non disponibile

39,00 €
Jackson Pollock ma non solo: anche Rotko, de Kooning, Kline. Rivoluzione artistica, rottura col passato, sperimentazione, energia: questo racconta la mostra "Pollock e gli Irascibili", a Palazzo Reale dal prossimo 24 settembre. Il gruppo dei 18 artisti, guidati dal carismatico Pollock, e definiti "Irascibili" da un celeberrimo episodio di protesta nei confronti del Metropolitan Museum of Art, seppero re-interpretare la tela come uno spazio per la libertà di pensiero e di azione dell'individuo, dando vita a quella che fu chiamata "la Scuola di New York": un fenomeno unico, che caratterizzò l'America del dopoguerra e che influenzò, con la sua forza travolgente, l'Arte Moderna in tutto il mondo. La mostra, che consta di oltre 50 capolavori provenienti dal Whitney Museum di New York, apre le celebrazione dell'"Autunno Americano" a Milano. Protagonista indiscussa della mostra l'opera Number 27 di Pollock, forse il suo quadro più famoso, nonché prestito eccezionale, data la delicatezza e la fragilità di questo olio, oltre alle sue dimensioni straordinarie - circa tre metri di lunghezza. Ma il Whitney Museum ha eccezionalmente acconsentito a fare viaggiare quest'opera, alla quale sarà dedicata un'intera sala di Palazzo Reale. La mostra, curata da Carter Foster con la collaborazione di Luca Beatrice.

Antonio Sanfilippo. Gli anni...

D'Amico F.
Silvana 2012

Non disponibile

25,00 €
Tra i maggiori protagonisti dell'arte italiana del dopoguerra, Antonio Sanfilippo (1923-1980) è stato uno dei firmatari del pionieristico manifesto di Forma nel 1947. Le sue prime ricerche denotano la capacità di cogliere e ripensare alcune delle esperienze artistiche allora più innovative: dal neocubismo picassiano al concretismo di Alberto Magnelli, fino all'informale di Hans Hartung. Nei primi anni cinquanta Sanfilippo giunge all'elaborazione di quel suo segno particolare, incantato e gioioso, vicino e lontano insieme a quello di Carla Accardi e di Giuseppe Capogrossi, suoi compagni di strada. Tra la fine degli anni cinquanta e l'inizio del decennio successivo concepisce la sua figura più tipica, costituita da una sorta di nuvola o galassia di segni minuti e coloratissimi, ai quali Sanfilippo affida la sua prima notorietà in campo nazionale e internazionale. Il volume indaga con ampiezza e con sguardo esclusivo il tempo della piena e più colma maturità dell'artista: quegli anni sessanta che lo videro finalmente riconosciuto come una delle personalità principali del movimento astratto italiano. Sono qui raccolte e pubblicate le opere maggiori che Sanfilippo realizzò in quegli anni, conservate presso importanti musei e istituzioni siciliani e in diverse collezioni private, molte delle quali inedite e mai prima d'ora esposte pubblicamente.

Abstract expressionism

Siegel Katy
Phaidon 2011

Non disponibile

69,95 €
Disamina esaustiva dell'Espressionismo Astratto, l'epico moviemtno con epicentro a New York negli anni successivi alla Seconda Guerra Mondiale. Il volume comprende un saggio illuminante e autorevole, tavole a colori di oltre 200 opere accompagnate da didascalie esplicative, e una raccolta significativa di oltre 50 documenti storici fondamentali, che includono citazioni degli artisti, recensioni di mostre e importanti testi critici.

Abstract expressionism. Ediz. italiana

Hess Barbara
Taschen 2011

Non disponibile

9,99 €
L'Espressionismo astratto fu un movimento artistico che si sviluppò negli Stati Uniti dopo la Seconda guerra mondiale. Più di questo, però, fu il primo fenomeno artistico tipicamente americano a esercitare una grande influenza sulla produzione negli altri

Paul Jenkins. Watercolors. Catalogo...

Tommasi L.
Silvana 2010

Non disponibile

15,00 €
Il catalogo accompagna una mostra dedicata all'esperienza artistica di uno dei maggiori astrattisti della seconda metà del novecento: Paul Jenkins (Kansas City, 1923). Amico di alcuni "mostri sacri" dell'espressionismo astratto americano come Jackson Pollock o Marc Rothko, ha lavorato a Parigi dove la sua strada ha incrociato quella di Jean Dubuffet, Antoni Tapiés e Pierre Restany, che definì le sue opere "composizioni di luce". La rassegna presenta quarant'anni di produzione di Paul Jenkins, dagli anni sessanta agli anni novanta, attraverso ventitre opere su carta. Dalle tele esposte emerge tutta la vitalità e l'energia di Jenkins, un artista che non si è mai fermato, nei suoi viaggi come nella sua ricerca pittorica e che è riuscito a stringere legami con la cultura europee più di qualsiasi altro artista americano. Il catalogo accoglie i testi di Paul Jenkins e Luca Tommasi.

Sean Scully. Ediz. inglese

Bell Tiffany
Charta 2009

Non disponibile

22,00 €
In trent'anni di attività Sean Scully ha indagato incessantemente la pittura astratta, riuscendo a rinvigorirla grazie alla capacità di comunicare valori universali cercando sempre di comprendere la condizione umana. Sia sfidando sia richiamando le tradizioni moderne, l'artista usa un vocabolario solo apparentemente riduttivo, e lo usa come metafora della vulnerabilità delle relazioni umane. Le strisce di colore orizzontali e verticali che interagiscono con luce e ombra, catturano letteralmente chi osserva. Nei contrasti tra i colori, i cui confini non casuali vengono segnati e rispettati meticolosamente, Scully sintetizza e trasmette la dualità tra l'armonia e la dissonanza che regolano l'universo.

Mark Rothko. Il viaggio plastico

Ferrucci Simona
Prospettiva Editrice 2008

Non disponibile

12,00 €
Dopo la seconda guerra mondiale, l'Europa cessò di essere il centro della cultura artistica mondiale. Con la riorganizzazione economica e politica del mondo si verificò un vero e proprio decentramento artistico: New York negli anni trenta e quaranta soppia

The New American Abstraction...

Humblet Claudine
Skira 2007

Non disponibile

300,00 €
La prima monumentale opera dedicata agli artisti della nuova astrazione americana degli anni 1950-1970, da Clifford Still, Mark Rothko, Adolph Gottlieb e Ad Reinhardt a Frank Stella, Robert Mangold, Richard Smith e Robert Irwin.

Richard Pousette-Dart

Rylands P.
Skira 2007

Non disponibile

38,00 €
Il volume è dedicato alla prima retrospettiva dedicata all'opera pittorica di Richard Pousette-Dart presentata in Italia e in Svizzera. Nel 1948 Peggy Guggenheim espone alla Biennale di Venezia Spirito (Spirit, 1946), quadro di Pousette-Dart che nel 1954 donerà al Tel Aviv Museum of Art. Qualche decennio più tardi, e dopo la morte di Peggy Guggenheim, il Museo Solomon R. Guggenheim e la Collezione Peggy Guggenheim espongono due dipinti di Pousette-Dart in una mostra che celebra Peggy e la sua attività di collezionista, Le eredità sconosciute di Peggy Guggenheim (a cura di Fred Licht, 1987). Incluso nel volume uno dei più importanti lavori di Pousette-Dart, Crocefissione, comprensione dell'atomo, esposto per la prima volta alla personale dell'artista organizzata nel 1947 da Peggy nella sua galleria-museo newyorkese, Art of This Century, dove Pousette-Dart figura assiduamente. Uno dei suoi maggiori quadri degli inizi, ora al Detroit Institute of Arts, è inoltre un ritratto di Pegeen, artista e figlia di Peggy. Il volume è il Catalogo della mostra di Venezia e Lugano (17 febbraio - 20 maggio 2007; 10 ottobre - 22 dicembre 2007).

Gianni Bertini. Ediz. illustrata

Ballo Guido
Prearo 2007

Non disponibile

100,00 €
Un volume monumentale che, attraverso le immagini, ripercorre tutta la carriera di Gianni Bertini. Un artista che disegnando un percorso sempre riconoscibile, ha aderito a diversi "movimenti" del Novecento, dai Gridi segnaletici al MAC al Nucleare, dal Nouveau Réalisme fotosensibile alla Mec Art alla poesia visiva, fino all'attuale impiego delle tecnologie digitali. Il trait d'union di tutta la sua opera è il narcisismo, derivante da un gusto surrealista formatosi negli anni parigini. Un narcisismo ostentato e spregiudicato che diventa esaltazione del proprio io e che si concretizza attraverso il gesto - fu il primo in Italia - dello sgocciolamento del colore. Un gesto freddo, una serie di immagini accomunate dalla grande lucidità mentale che dà forza alla ricerca sperimentalistica. Un continuo rinnovamento che attraversa tutta la sua produzione artistica e che investe sia le forme che il linguaggio. Un divenire esistenziale ma sempre immerso nella realtà contaminata, un linguaggio volgare che diventa grido impetuoso in grado di scuotere anche lo spettatore più inerte.

Licini. Opere 1913-1929. Catalogo...

D'Amico F.
Silvana 2006

Non disponibile

20,00 €
Grande maestro della pittura italiana, Osvaldo Licini ha vissuto molti momenti fondamentali dell'arte novecentesca: dal futurismo, al soggiorno a Parigi dove conosce Kandinsky e Kupka. A partire dalla realtà oggettiva - il paesaggio e le colline tanto amate - Licini ne indaga le soluzioni figurative e spaziali inusitate, usando un cromatismo vivace, nei lavori degli anni venti. Nei lavori successivi, alleggerisce progressivamente il segno in una riduzione delle forme che lo porta, negli anni trenta, all'astrattismo. Il catalogo raccoglie trentatré lavori compresi tra il 1913 e il 1929, in qualche modo preparatori per la sua produzione più nota con un laboratorio figurativo che, ripercorrendo i generi consueti della natura morta, del paesaggio e del ritratto, pone le premesse per quel modo visionario e sognante che caratterizzerà le sue immagini dal secondo dopoguerra in poi.

Mondrian. Scritti scelti

Mondrian Piet
Silvana 2006

Non disponibile

20,00 €
Il libro raccoglie una scelta antologica di Piet Mondrian, dal famoso saggio del 1920, "Il Neoplasticismo: il principio generale dell'equivalenza plastica", che tanta eco ebbe nel mondo artistico europeo del tempo, sino a un'intervista rilasciata dal pittore a James Johnson Sweeney, un anno prima della morte. Animati da grande rigore e coerenza teorica questi scritti affiancano in modo significativo i passaggi della sua produzione pittorica prima di approdare a uno dei principi-base della sua ricerca: la pittura neoplastica.

New York, New York. Fifty Years of...

Dennison Lisa
Skira 2006

Non disponibile

60,00 €
Dalla fine della seconda guerra mondiale, New York diventa il laboratorio delle avanguardie artistiche dell'occidente. Nonostante il crescente internazionalismo e decentramento dei luoghi del fare arte, New York ha continuato a raccogliere e mostrare le ricerche artistiche più significative del XX secolo. Il volume affronta questo tema, estendendo la sua indagine critica ai settori dell'architettura, del cinema, della fotografia, della musica, della performance e del video, nell'intento di rendere conto del dinamismo culturale che ha caratterizzato la vita di questa grande metropoli americana. Attraverso la puntuale identificazione dei movimenti artistici durante i decenni (l'Espressionismo astratto, la Pop Art, la Minimal Art, l'Arte Concettuale e il Post Modernismo), è possibile verificare il ruolo dominante dell'arte e degli artisti americani che elessero New York come il luogo dove potersi esprimere al meglio, l'unico dove potersi fare conoscere e contare sulla scena artistica internazionale.

Lettere, riflessioni, testimonianze

Pollock Jackson
Abscondita 2006

Non disponibile

13,00 €
I limiti dell'opera di Pollock sono i limiti stessi del moderno, e insieme i suoi titoli di nobiltà. Pollock rappresenta anzi l'esito finale della pittura moderna: del filone, cioè, che da Cézanne e da Kandinsky, lungo i decenni del secolo, ha lavorato ent

Lettere, riflessioni, testimonianze

Pollock Jackson
Abscondita 2006

Non disponibile

14,00 €
"I limiti dell'opera di Pollock sono i limiti stessi del moderno, e insieme i suoi titoli di nobiltà. Pollock rappresenta anzi l'esito finale della pittura moderna: del filone, cioè, che da Cézanne e da Kandinsky, lungo i decenni del secolo, ha lavorato en

Kazimir Malevic. Oltre...

Skira 2005

Non disponibile

35,00 €
Il volume è il catalogo della mostra di Roma (Museo del Corso della Fondazione di Roma, 22 aprile - 17 luglio 2005). Il catalogo presenta tutti gli aspetti dell'opera di Malevic, da quelli pittorici, già noti, a quelli, meno conosciuti, di filosofo e designer, alla sua attività di teorico del suprematismo, sceneggiatore della maggiore opera suprematista. la Vittoria sul sole, autore di famose invenzioni architettoniche (i celeberrimi Arkitekton).

Confessione creatrice e altri scritti

Klee Paul
Abscondita 2004

Non disponibile

13,00 €
"L'arte è una similitudine della creazione. Essa è sempre un esempio, come il terrestre è un esempio cosmico. La liberazione degli elementi, il loro raggruppamento in sottoclassi composte, lo smembramento e la ricomposizione in un tutto da più parti contemporaneamente, la polifonia figurativa, il raggiungimento della quiete mediante la compensazione dei movimenti: sono tutti alti problemi formali, fondamentali per la conoscenza della forma, ma non ancora arte della cerchia superna. Nella cerchia superna, dietro la pluralità delle interpretazioni possibili, resta pur sempre un ultimo segreto - e la luce dell'intelletto miseramente impallidisce...".

Der Blaue Reiter. Ediz. illustrata

Nigro Covre Jolanda
Giunti Editore 2003

Non disponibile

4,90 €
Un dossier dedicato al movimento Der Blaue Reiter. In sommario: "Come, dove, quando"; "Prima del Blaue Reiter"; "I protagonisti"; "Forme e colori di vita e di morte". Come tutte le monografie della collana "Dossier d'art", una pubblicazione agile, ricca di belle riproduzioni a colori, completa di un utilissimo quadro cronologico e di una ricca bibliografia.

Pollock. Ediz. illustrata

Bonito Oliva Achille
Giunti Editore 2002

Non disponibile

4,90 €
Un dossier dedicato a Pollock. Nel sommario: "Pratica dell'espansione", "Automatismo come verità", "La radicalità del gesto", "Trame, incroci, radici". Come tutte le monografie della collana "Dossier d'art", una pubblicazione agile, ricca di belle riproduzioni a colori, completa di un utilissimo quadro cronologico e di una ricca bibliografia.