Nardozzi Giangiacomo

Nardozzi Giangiacomo

Il mondo alla rovescia. Come la...

Nardozzi Giangiacomo
Il Mulino

Disponibile in libreria in 5 giorni

12,00 €
Troppa finanza nel mondo? Un OGM ipersviluppato rispetto alla sua naturale funzione di servizio dell'economia: è la finanza oggi. Gli enormi danni arrecati dalla crisi hanno richiamato l'attenzione sugli effetti di questa mutazione genetica: maggiore insic

Dalla crisi finanziaria globale a...

Florio Anna
Rubbettino

Non disponibile

14,00 €
Prima della crisi finanziaria globale scoppiata nel 2008-2009, una massiccia redistribuzione del reddito nell'economia reale aveva di molto accresciuto i tassi di profitto delle imprese mentre le politiche monetarie, a cominciare da quella della Fed, provocavano una consistente discesa dei tassi di interesse reali. Questa divergenza, unita ai crescenti squilibri dei conti con l'estero che vedevano l'esplodere del deficit americano e del surplus cinese, richiama alla mente l'opera di Knut Wicksell che a fine Ottocento teorizzò la necessità che le politiche monetarie fossero dirette ad allineare i tassi di mercato a quelli "naturali" determinati dal rendimento del capitale. Seguendo questa teoria nella sua formulazione originale, distorta fino a renderla impotente dal recente paradigma Neo-Wickselliano, in questo libro si propone una semplice interpretazione dell'origine della crisi che prospetta anche la possibilità di uscire da una lunga fase di abuso di una politica monetaria dalla "vista corta" che favorisce la finanza più che lo sviluppo dell'economia, con rischi di nuove crisi.

Il futuro dell'Italia. Lettera ai...

Nardozzi Giangiacomo
Laterza

Non disponibile

9,00 €
Questo libro è diretto ai piccoli imprenditori. Contiene un messaggio per quegli oltre trecentomila che operano nell'industria con imprese tra i due e i cinquanta addetti. Una moltitudine composta da realtà molto diverse che vanno dalle aziende micro, in stragrande maggioranza, fino alle poche migliaia di quelle che toccano la fascia delle medie. Ma tutte rappresentano un "saper fare" vivace e creativo ammirato nel mondo. Più di due su tre esportano: un fatto più unico che raro nel panorama internazionale. Questi imprenditori sono stati duramente colpiti dalla crisi e oggi tra le loro fila c'è fermento. Scontentezza e delusione della politica di un governo massicciamente votato. Sfiducia generale nei partiti dai quali si sentono trascurati. Volontà di avere più voce. Hanno ragione, ma quella di oggi è una manifestazione, solo resa più acuta dalla pesantissima recessione, di un malcontento ormai cronico nei confronti di chi governa. Il messaggio contenuto in questo libro è che il motore del cambiamento può essere costituito da una classe dirigente espressa dalla moltitudine delle imprese che sono il nerbo del nostro tessuto produttivo. È una scommessa che oggi val la pena di fare. I tempi sembrano maturi perché faccia capolino sulla scena della dirigenza nazionale un nuovo attore che ha dietro una buona fetta della società. La piccola impresa assumerebbe un peso nel discorso politico che non ha mai avuto, riavvicinerebbe la politica agli italiani.

Miracolo e declino. L'Italia tra...

Nardozzi Giangiacomo
Laterza

Non disponibile

10,00 €
Questo saggio affronta la questione del declino italiano a partire dalla constatazione che fino a pochi anni fa le previsioni erano di tutt'altro respiro: gli ultimi decenni del secolo hanno visto il sistema italiano risorgere da una crisi politica e valutaria molto grave, cui si è posto rimedio anche con una serie di riforme economiche strutturali di grande portata. Tutto questo ha reso possibile l'ingresso nella moneta unica europea e la previsione di un nuovo miracolo. Proprio a partire da questa aspettativa il saggio ricostruisce le caratteristiche del miracolo economico valutandone l'impatto sulla struttura economica e sociale dell'Italia di allora, per tornare ad analizzare quella odierna e individuarne limiti e prospettive.