Zola Émile

Zola Émile

Angeline o la casa degli spettri....

Zola Émile
La Vita Felice

Disponibile in libreria in 5 giorni

6,50 €
Angeline è l'ultimo racconto di Émile Zola, scritto durante la "fuga" in Inghilterra, dove l'autore di "Nana" e di "Germinal" è stato praticamente obbligato a un volontario esilio dopo la violenta "Lettre au Président de la République" Felix Faure concernente "L'Affaire Dreyfus", apparsa a occupare l'intera prima pagina de "L'Aurore" il 13 gennaio 1898 con un titolo che ancora oggi rimane una bandiera di lotta per la libertà e la giustizia: "J'accuse"!. "Angeline" vede la luce in questo anno burrascoso segnato da separazioni e dalla lontananza: dagli amici, dal mondo letterario della capitale francese, dalla moglie, da Jeanne Rozerot (la donna che da dieci anni è la sua amante e da cui ha avuto due figli), dalla sua comoda vita di "gentilhomme campagnard" nella bella villa di Médan... "Angeline", una storia vera, dunque, o almeno con una radice di verità...? Poco importa: Zola, forse affascinato dalla ghost-story anglosassone, trasporta ogni cosa sullo sfondo familiare dei dintorni di Médan e prova a cimentarsi anche lui con l'aldilà e l'ignoto.

Angeline ovvero la casa infestata....

Zola Émile
Le Mezzelane Casa Editrice

Disponibile in libreria in 5 giorni

12,00 €
Angeline ou la maison hantée è una stranezza nella carriera di Émile Zola. Si tratta infatti una novella di genere horror nata mentre l'autore era espatriato a Londra per sfuggire agli agenti francesi, che lo cercavano a causa della sua presa di posizione a favore dell'innocenza dell'ufficiale ebreo Alfred Dreyfus. Un mattino, per riposarsi, lo scrittore fece un giro in bicicletta nei paesi limitrofi, fino a trovarli davanti a una casa abbandonata. Cercò notizie su quella casa e scoprì che girava voce che fosse infestata dal fantasma di Angeline, una bambina morta tragicamente. Suggestionato, Zola scrisse una novella usando tutti gli elementi de "La caduta della casa degli Usher" di Edgar Allan Poe, per poi, però, prendere una strada più ottimistica e meno occulta. Per lui, infatti, la casa infestata ha un destino di rinascita, e mentre racconta i fatti, il suo sguardo di narratore è posato sui giardini del Lussemburgo, imbiancati da una coltre di neve, che simboleggia l'aspetto originale di questo horror: il ritornare, revenir, come simbolo dell'amore, della bellezza e della poesia.

Il ventre di Parigi

Zola Émile
Rizzoli

Disponibile in libreria in 3 giorni

10,00 €
Il romanzo è il terzo del ciclo dei "Rougon-Macquart". La storia è semplice; si svolge durante il Secondo Impero nel quartiere delle Halles. Siamo nel 1858. Florent, insorto contro il colpo di stato del 2 dicembre 1852, è stato deportato in Guyana, ma riesce a fuggire dal bagno penale e a ritornare in Francia. E' accolto dal fratello Quenu, proprietario di una salumeria in rue Rambuteau. Lisa Macquart, moglie di Quenu, accetta malvolentieri il nuovo venuto. In un primo momento comunque tutto procede bene. Ben presto però Florent si lascia trascinare di nuovo dalla passione per la politica, divenendo il capo di una congiura repubblicana contro l'imperatore. Alla fine viene arrestato dalla polizia col consenso dei benpensanti, la bella Lisa in testa.

Io accuso. Storia del processo Dreyfus

Zola Émile
Bonanno

Disponibile in libreria in 3 giorni

10,00 €
Una lettera d'accusa del grande autore francese contro il razzismo, il militarismo, le ingiustizie, il nazionalismo, elementi che, a suo tempo, hanno generato il processo Dreyfus. Una storia dettagliata, puntuale, motivata, di avvincente lettura di quegli eventi che portarono quasi al plotone di esecuzione, sotto l'accusa infamante di spionaggio, un militare innocente, ricostruita da un attento cronista del tempo, G. G. Ruocco, e pubblicata nei primi anni del secolo a Napoli.

L'assommoir. Ediz. integrale

Zola Émile
Rusconi Libri

Disponibile in libreria

14,00 €
Quando iniziò a pensare a "L'Assommoir", Émile Zola era intenzionato a realizzare un romanzo ambientato nel mondo operaio e incominciò nel 1869 a prendere meticolosi appunti d'ambiente. Studiò i dettagli: il lavatoio, la bottega della stiratrice, il grande pranzo nella bottega e persino le gesta delle mogli alla ricerca dei mariti presso la bettola. Pian piano la psicologia, le abitudini, il gergo degli operai parigini vennero catalogati dall'autore parigino, che così poté abbozzare la trama del romanzo. Finalmente nel 1876 "L'Assommoir" venne pubblicato a puntate sul quotidiano «Le bien publique» suscitando ben presto innumerevoli proteste tali da sospenderne la stampa. Questo insuccesso non determinò l'eclissi del romanzo che, pubblicato successivamente dal settimanale «La Republique des lettres» di proprietà di un grande ammiratore di Zola, fu in grado di procurare a questi la meritata celebrità.

Nanà

Zola Émile
Rizzoli

Disponibile in libreria in 3 giorni

10,00 €
Nana Coupeau è fuggita dalla sua famiglia e dalla miseria. Diventata attrice, si diverte a umiliare i suoi spasimanti, primo fra tutti il conte Muffat che la mantiene principescamente. Incapace di amare altri che il suo bambino, avida di lusso e di piaceri, Nana finisce coll'essere abbandonata da Muffat e col rovinarsi economicamente. Morirà di vaiolo, mentre nelle strade echeggia l'annuncio della dichiarazione di guerra alla Prussia.

Thérèse Raquin

Zola Émile
Rizzoli

Disponibile in libreria in 3 giorni

9,00 €
Il libro racconta la storia di un adulterio, di un omicidio e di un doppio suicidio, di uno stato di follia che lega tra loro i protagonisti, Thérèse e Lorenzo, e di un lento ma inesorabile processo di disfacimento morale e antropologico. Zola compone un romanzo nel quale l'erotismo è strategia e tutto è calcolo e distruzione, un romanzo che nel suo epicentro divora personaggi e situazioni assorbendo e facendo a pezzi ogni scrupolo e ogni valore, fino al collasso conclusivo.

I misteri di Marsiglia. Ediz....

Zola Émile
Newton Compton Editori

Disponibile in libreria in 3 giorni

5,90 €
Les Mystères de Marseille (pubblicato nel 1867, stesso anno di Thérèse Raquin), giovanile incursione di Émile Zola nel feuilleton, è una sorta di esperienza di laboratorio assai significativa per lo scrittore. È qui, infatti, che si rivela il suo "metodo giornalistico" adottato in seguito per il grande ciclo dei "Rougon-Macquart", il metodo "inevitabile" e "spietato" che farà nascere romanzi come "L'assommoir", "Nana", "La bète humaine", "Germinal". Banco di prova, specchio rivelatore di un difficile apprendistato, "Les Mystères de Marseille" viene presentato qui in una traduzione del 1885 (riveduta da Riccardo Reim) che conserva a queste insolite pagine di Zola un curioso sapore d'epoca.

La terra

Zola Émile
Editori Riuniti Univ. Press

Disponibile in libreria in 3 giorni

25,00 €
La terra narra la storia della famiglia contadina dei Fouan che, di fronte alle difficoltà di una vita di stenti, non esita a ricorrere alla violenza pur di preservare il suo unico bene, la terra, mostrando la vita della campagna dominata dallo spirito di avido possesso e dagli istinti più bestiali.

Thérèse Raquin

Zola Émile
Einaudi

Disponibile in libreria in 3 giorni

10,50 €
L'archetipo di tutti i triangoli amorosi nel capolavoro d'esordio di Zola: la giovane Thérèse, dopo aver sposato l'inetto cugino, Camille, s'innamora del rude Laurent e insieme decidono di sbarazzarsi del marito di lei. Ma, da questo momento, la vita dei due amanti si trasforma in un tragico incubo, tra rimorsi, visioni e odi reciproci, fino al disperato e fatale epilogo. Con la cronologia della vita e delle opere essenziale, con un saggio di Giovanni Macchia.

Thérèse Raquin

Zola Émile
Mondadori

Disponibile in libreria in 3 giorni

9,50 €
Sposata con il cugino Camille, malaticcio e debole di carattere, la bella Thérèse, giovane e avida di vita, si lascia sedurre da Laurent, rozzo amico di famiglia dal temperamento sanguigno. Trascinati in un vortice di passione sempre più fosca, che li porterà fino al delitto, i due amanti sono condannati a non trovare pace. Definito da Oscar Wilde «il capolavoro dell'orrido», in realtà Thérèse Raquin (1867) è quasi un manifesto del naturalismo francese: costruito dall'autore come lo studio di un caso fisiologico e psicologico, analisi delle passioni di un temperamento nervoso e di uno collerico, resta scolpito nella mente del lettore per la sua audacia descrittiva, le sue atmosfere morbose e la precisione assoluta del congegno narrativo.

Thérèse Raquin. Ediz. integrale

Zola Émile
Newton Compton Editori

Disponibile in libreria in 3 giorni

4,90 €
Thérèse Raquin, forse il più famoso romanzo di Zola, è la straordinaria, lucidissima analisi di un delitto quasi perfetto. In apparenza la storia è un tipico feuilleton: due amanti, sconvolti dal desiderio carnale, diventano assassini per sbarazzarsi del marito di lei e finiscono travolti dalla precisione della loro stessa macchinazione. Si assiste così a una metamorfosi quasi "chimica" della passione in paura e in egoismo: i due complici sono condannati a restare legati come gemelli siamesi, l'uno saprofita del corpo e dell'anima dell'altro, eppure enormemente distanti, ciascuno perseguendo una sua solitaria quanto vana strategia di salvezza. E dietro all'epilogo moralistico che vede scoccare un inesorabile castigo per i due criminali, si legge piuttosto in filigrana una sorta di insostenibile pesantezza del crimine per due creature fondamentalmente fragili e pavide. Qui per la prima volta nella letteratura un personaggio di fantasia viene esplicitamente trattato come un caso clinico: "In Thérèse Raquin", ammette Zola, "ho voluto studiare dei temperamenti e non dei caratteri [...] ho semplicemente fatto su due corpi vivi ciò che i chirurghi fanno su dei cadaveri." (Introduzione di Mario Lunetta)

Thérèse Raquin. Ediz. integrale

Zola Émile
MEB

Disponibile in libreria in 5 giorni

4,90 €
Considerato da sempre uno dei capolavori del Naturalismo francese, Thérèse Raquin è la storia di una donna lacerata da una monotona vita matrimoniale che viene travolta da un passionale amore clandestino che porterà la sua vita in rovina. Camille, il marito di Thérèse, invita a casa Raquin il giovane Laurent, il quale, intuito il temperamento passionale e l'infelicità coniugale della donna, la seduce e ne diviene l'amante. Per vivere liberi la loro passione, tra i due s'insinua l'idea del delitto che porterà alla morte di Camille. I rimorsi e i sensi di colpa distruggeranno l'esistenza dei due colpevoli, che non troveranno pace fino alla fine dei loro giorni. Come lo stesso Émile Zola afferma, l'opera rappresenta uno studio psicologico e fisiologico dei personaggi che, pagina dopo pagina, diventano vittime di un degrado fisico e morale senza rimedio.

Germinale

Zola Émile
Feltrinelli

Disponibile in libreria in 3 giorni

12,00 €
Étienne Lantier, figlio di Gervaise Macquart, trova impiego nelle miniere del Nord della Francia, all'epoca della Prima rivoluzione industriale. Sconvolto dalle durissime condizioni di vita dei minatori, dagli infiniti turni di lavoro, dalle paghe magre, Étienne organizza i suoi compagni di lavoro in uno sciopero lungo alcuni mesi. Accanto a lui si muove anche Suvarin, un macchinista russo fattosi operaio per amore del popolo. Il contrasto sulle modalità di azione politica che dividono i due ben rappresenta le due diverse polarità presenti all'interno del movimento operaio nell'Ottocento: da una parte quindi Etienne vicino al socialismo e all'Internazionale appena fondata da Marx, dall'altra Suvarin più prossimo al nichilismo anarchico e in particolare al pensiero di Bakunin. Alla fine, durante la repressione cruenta di un'altra sommossa operaia, Etienne finirà intrappolato in una galleria, dove morirà in una drammatica scena l'amata Catherine. L'eccidio di lavoratori con cui lo sciopero si chiude è in realtà il primo seme di quella primavera di giustizia ed eguaglianza evocata dal titolo. Nel calendario della Francia rivoluzionaria, difatti, Germinale è il mese che segna il ritorno della primavera, della rinascita della natura. Pubblicato nel 1885, "Germinale" è uno dei romanzi più celebri di Zola, se non di tutta la letteratura francese dell'Ottocento; un accurato affresco storico ma soprattutto un esempio indimenticabile della potenza narrativa dello scrittore.

Il dottor Pascal

Zola Émile
Medusa Edizioni

Disponibile in libreria in 3 giorni

25,00 €
Pubblicato da Zola nel 1893, il romanzo "Il dottar Pascal" costituisce il vero e proprio testo "teorico" del ciclo dei Rougon-Macquart, che comprende fra gli altri "Germinal" e "II ventre di Parigi". Pascal è fratello di Eugène, che è salito nella vita politica fino alla carica di ministro, e di Saccard, che si è arricchito con le speculazioni immobiliari e borsistiche. Medico e genetista ante litteram, Pascal ha accumulato tutta la documentazione relativa all'albero genealogico della famiglia cui appartiene; e la esamina sulla base dei principi scientifici del naturalismo di Zola, studioso di Darwin e Weismann. Convinto sostenitore del ruolo dell'ereditarietà nella determinazione dei tratti fisiologici e di carattere, Pascal avverte anche dentro di sé la tara che ha condotto alcuni suoi parenti alla follia o al crimine.

Nanà. Ediz. integrale

Zola Émile
Newton Compton Editori

Disponibile in libreria in 3 giorni

4,90 €
Libro "scandaloso" contro il quale si scagliò quella società del Secondo Impero avviata alla guerra che Zola ritrae impietosamente, il romanzo inizia con l'evocazione del fantasma di Bismarck e si chiude col triplice grido "A Berlino!" che sale dal boulevard sotto il Grand Hotel dove è morta Nanà, orrendamente sfigurata dal vaiolo. Un capolavoro di rara bellezza che immortala la "biografia" di una Venere seducente e temeraria, un personaggio tragico nel quale molti lettori riconobbero la rappresentazione del mito del sesso, indissolubilmente legato alla distruzione e alla morte. Sullo sfondo di una Francia tormentata e inconsapevole della sconfitta imminente, quest'opera, tra le più importanti della letteratura europea, è un affresco storico e sociale straordinario nel quale Zola, come solo i grandi scrittori sanno fare, narra i drammi di un'umanità sconfitta e rabbiosa. Premessa di Aldo Nove, introduzione di Riccardo Reim.

Viaggio a Lourdes

Zola Émile
Medusa Edizioni

Disponibile in libreria in 3 giorni

14,00 €
Nel settembre del 1891, in viaggio verso i Pirenei, Zola compie una breve sosta a Lourdes. Subito ha l'idea di dedicare un romanzo a quella "città straordinaria": Lourdes, pubblicato nel 1894, sarà la prima delle "Tre città", a essa seguiranno Roma e Parigi, luoghi da cui il divino si è ormai assentato, sostituito da nuovi idoli, come il denaro e il potere. Ad attrarre Zola è lo spettacolo delle folle di pellegrini, il risveglio di una fede arcaica promosso dalle visioni di Bernadette: sul finire di un secolo in cui la cultura positivistica credeva di scorgere la definitiva sconfitta dell'irrazionale, ecco invece riemergere il bisogno del soprannaturale, forse inestinguibile nell'uomo. Questo diario della sua permanenza nella cittadina pirenaica costituisce una testimonianza preziosa dei contrasti scatenati dai miracoli, contrasti sotto i quali si scorge anche l'ombra dell'affaire Dreyfus. Ma il diario è un tassello importante di quel lavoro da etnografo che Zola aveva già intrapreso con i suoi Cahiers di lavoro, in preparazione dei romanzi precedenti: spaccato della Francia di fine Ottocento, ma anche del conflitto ideale e ideologico tra la cultura laica e il cattolicesimo del tempo, fra la partecipazione alle sofferenze dei malati e la degradazione estetica della nuova Lourdes e del suo mercato della fede.

Germinale. Seconda parte

Zola Émile
Mondadori Comics

Disponibile in libreria in 5 giorni

7,90 €
Una frana in miniera provoca un morto e un ferito grave. Ai minatori non resta che proclamare lo sciopero generale, con pesanti conseguenze sulla vita dei villaggi della provincia. L'esercito, inviato a risolvere la situazione, spara senza scrupoli sugli scioperanti, causando venticinque morti, tra cui il padre di Catherine. Per vendetta, l'anarchico Suvarin passa all'azione, sabotando il pozzo del Voreux: sarà una catastrofe per i numerosi minatori tornati al lavoro. Étienne, Catherine e Chaval, caposquadra e rivale in amore di Étienne, figurano fra i minatori bloccati sottoterra. Un'ulteriore tragedia che segnerà le vite di molti.

Il denaro

Zola Émile
Mondadori

Disponibile in libreria

12,00 €
Parigi nel 1864 è il centro del mondo: si prepara la grande Esposizione universale voluta da Napoleone III e la Borsa cittadina domina gli affari in Europa e oltre. In questa città dinamica fino all'ebbrezza, Aristide Saccard architetta una grandiosa speculazione finanziaria incentrata sulle possibilità offerte dall'apertura del canale di Suez. Saccard è un uomo visionario: la sua ambizione non è accumulare denaro, ma «farlo scaturire da ogni dove» e «vederlo scorrere a fiumi». Tra euforia e panico, tuttavia, il sogno di Saccard trascinerà nel baratro quanti vi hanno creduto. Ispirato alla parabola del banchiere Paul Eugène Bontoux, "Il denaro" (1891) unisce un'analisi minuziosa dei meccanismi del capitalismo al racconto, pieno di verità psicologica e di suspense, delle vite e delle speranze di indimenticabili personaggi.

Io accuso

Zola Émile
GARZANTI

Disponibile in libreria

4,90 €
Nel dicembre 1894, a Parigi, il capitano Dreyfus viene condannato alla deportazione a vita: è accusato ingiustamente di tradimento, vittima dell'odio antisemita dei settori più reazionari della borghesia francese. Zola inizia a occuparsi del "caso" nell'inverno 1897 pubblicando la Lettera ai giovani, dove sostiene l'innocenza del capitano. Seguono, nell'arco di un paio d'anni, la Lettera alla Francia, il noto pamphlet J'accuse!, durissima requisitoria contro i responsabili della deportazione, e la Dichiarazione al giurì. Questi quattro documenti straordinari costeranno a Zola un temporaneo esilio consacrando però il suo nome alla storia: perché la sua è la prima, indimenticata battaglia per l'affermazione, allora e in ogni epoca, di una stampa libera.

L'assommoir

Zola Émile
Mondadori

Disponibile in libreria in 3 giorni

13,00 €
«Ho voluto dipingere il tracollo fatale di una famiglia operaia nell'ambiente appestato dei nostri sobborghi. Dove regnano l'ubriachezza e l'ozio, prima o poi troviamo l'allentamento dei vincoli familiari, le sozzure della promiscuità, il progressivo oblio dei sentimenti onesti; poí, in conclusione, la vergogna e la morte.» Eppure, continua Zola, «L'Assommoir è il più casto dei miei libri. La forma, soltanto la forma ha scandalizzato i critici. Il mio crimine è di aver avuto la curiosità letteraria di raccogliere e di fondere in uno stampo molto elaborato la lingua del popolo». In queste pagine infatti Zola è riuscito a creare una forma narrativa che suscita intensa empatia con i personaggi e al tempo stesso esprime una violenta denuncia sociale, dando vita al primo romanzo che emana davvero «l'odore del popolo».

Una pagina d'amore

Zola Émile
Edizioni Theoria

Disponibile in libreria in 5 giorni

16,00 €
Questo romanzo ha come protagonista Hélène Grandjean. La vicenda si svolge a Parigi nel 1854, e troviamo la bella e giovane donna, all'inizio del racconto, vedova da ormai 18 mesi. Per occuparsi pienamente della figlia malata, la giovane donna conduce una vita ritirata e dimessa. Però la figlia, Giovanna, una sera si aggrava improvvisamente e la donna chiede aiuto al vicino di casa, il Dottor Henri Deberle. Nonostante lui sia sposato, tra i due scatta qualcosa che li porterà ad una frequentazione clandestina. Un finale tragico per una storia d'amore impossibile...

Germinale. Prima parte

Zola Émile
Mondadori Comics

Disponibile in libreria in 5 giorni

7,90 €
Il giovane Étienne Lantier lascia Plassans e la Provenza per cercare lavoro. A Montsou, nel nord della Francia, viene assunto in miniera come vagonista, ossia addetto a spingere carrelli pieni di carbone sulle rotaie. Si tratta di un mestiere estenuante, dalle condizioni di lavoro spaventose. Nei giorni seguenti scoprirà l'universo della miniera, il villaggio degli operai, la famiglia Maheu e si innamorerà di Catherine. Finché una riduzione salariale scatenerà la rabbia collettiva e il rischio dello sciopero generale. Uno dei romanzi più celebri di Émile Zola e di tutta la letteratura francese.

I misteri di Marsiglia

Zola Émile
Edizioni Clandestine

Disponibile in libreria in 3 giorni

12,00 €
Sullo scenario di una Marsiglia nel pieno splendore commerciale, Zola rappresenterà, con la sua consueta abilità narrativa, le esperienze di vita dei molteplici personaggi che arricchiscono questo romanzo. Tutto cominciò ingenuamente con la sconsiderata fuga d'amore di Philippe Cayol, ambizioso e ribelle uomo del popolo, e la giovane e nobile Bianche. Da quella scandalosa fuga, la vita di tutti i personaggi ne resterà per sempre sconvolta. Lo zio di Bianche, infatti, non volendo rinunciare al patrimonio della nipote, si voterà all'obiettivo di distruggere i Cayol. Marius, fratello di Philippe, tenterà ogni strada pur di aiutarlo, smascherando pian piano la vera faccia di Marsiglia: corruzione, crudeltà e un'irrefrenabile malattia per il denaro che pare fare da padrona a tutti i marsigliesi. Una critica sociale amara mista a un contesto storico che procede dalle rivolte del 1848 fino all'epidemia di colera.

La conquista di Plassans

Zola Émile
Garzanti Libri

Disponibile in libreria in 3 giorni

12,00 €
Il quarto romanzo dedicato alla saga dei Rougon-Macquart venne pubblicato a puntate sul giornale «Le Siècle» nel 1874 e in volume nel 1876. È strettamente legato alla prima parte del ciclo, «La fortuna dei Rougon», e ambientato nella stessa immaginaria cittadina di provincia, Plassans, che adombra la Aix-en-Provence della giovinezza di Zola. All'apogeo del Secondo Impero, nella provincia francese, si intrecciano adulteri, giochi di potere, intrighi e rispettabili violenze fra personaggi studiati nella loro peculiare essenza dall'occhio spietato e acutissimo di un magistrale scrittore naturalista.

Lo scannatoio (L'assommoir)

Zola Émile
Feltrinelli

Disponibile in libreria

12,00 €
Settimo pannello del ciclo dei Rougon-Macquart, iniziato nel 1871 con "La fortuna dei Rougon" e che si concluderà venti anni più tardi con il "Dottor Pascal", "Lo scannatoio" (1877) è il primo "romanzo sul popolo che non menta, e che abbia lo stesso odore del popolo". Quando inizia a uscire sulle pagine del "Bien publique", nell'aprile del 1876, il romanzo viene immediatamente accusato di oscenità. Il successo è enorme, senza precedenti: trentotto ristampe nel 1877, altre dodici l'anno seguente. Inizia l'era dei bestseller. Per Stéphane Mallarmé, il libro non è solo lo specchio di un'epoca di ricerca e rinnovamento, in cui l'arte si ritrova incapace di rappresentare e assecondare le convenzioni e le ipocrisie della gente perbene, ma è anche "un eccezionale esperimento letterario", in cui la "verità diviene la forma popolare della bellezza".

Teresa Raquin. Ediz. integrale

Zola Émile
Rusconi Libri

Disponibile in libreria in 3 giorni

9,00 €
Madame Raquin, una vecchia merciaia, si trasferisce a Parigi con il figlio Camillo e la nipote Teresa, da poco sposati. Il marito fa conoscere a Teresa il giovane Lorenzo, il quale, intuito il temperamento passionale e l'infelicità coniugale della donna, la seduce e ne diviene l'amante. Ma tra i due s'insinua l'idea del delitto che porterà alla morte di Camillo. I rimorsi e i sensi di colpa, distruggeranno l'esistenza dei due colpevoli che non troveranno pace fino alla morte.