Ritratti nell'arte

Filtri attivi

500 autoritratti

Phaidon 2020

Non disponibile

27,95 €
Questo volume presenta una sequenza ininterrotta di 500 autoritratti, in ordine cronologico, dall'antico Egitto ai giorni nostri. Per molti la sfida di creare il propri ritratto si è dimostrata irresistibile: il risultato sono opere straordinarie per intensità e potere evocativo dei più grandi artisti di ogni tempo, tra cui Dürer, Rembrandt, Picasso e Andy Warhol.

Ritratto e iconografia. Amore morte...

Ghirardi Angela
CLUEB 2020

Non disponibile

28,00 €
Il libro si occupa di pittura di ritratto, selezionando le opere da esaminare in un vasto orizzonte geografico e cronologico, con attenzione rivolta soprattutto al periodo tra Cinque e Seicento. I ritratti scelti a oggetto dell'indagine sono interrogati dal punto di vista dell'iconografia, col proposito, non di riconoscere le identità degli effigiati, ma di individuare, attraverso lo studio delle messinscene, degli indizi compositivi, degli accessori caratterizzanti (ventagli, guanti, acconciature, teschi, libri, fiori ...) determinate tipologie: ritratti di matrimonio, di fidanzamento, di famiglie, di defunti sul letto di morte, volati in cielo o rappresentati in effigie, di vedove. Interessa indagare sulla risposta che la ritrattistica fornisce alle grandi tematiche della vita umana: l'amore e la morte. I cinque saggi, raccolti in questo volume e rifusi in capitoli, si integrano e convergono a formare un insieme coerente, che dà forza e nuova vitalità a un percorso di ricerca ancora poco frequentato dagli studi storico-artistici.

Da Cambiaso a Magnasco. Sguardi...

Orlando A. (cur.); Marengo A. (cur.)
SAGEP 2020

Non disponibile

32,00 €
Genova è una città che può essere raccontata anche attraverso una serie di ritratti di persone che l'hanno vissuta. I ritratti, in effetti, rappresentano molto di più dell'immagine di qualcuno fissata nel tempo. Sono testi semantici di fascinosa complessità che recano in sé, oltre ai caratteri fisionomici dell'effigiato, anche una quantità di messaggi, diretti o nascosti. Far sfilare i ritratti di dogi, senatori, cardinali, capitani, condottieri, poeti, dame e bambini, moltissimi dei quali mai usciti dalla casa di chi li presta, significa mettersi in ascolto di quei messaggi che le loro immagini contengono. Messaggi che si fanno più complessi, ma anche più intriganti, nel caso di ritratti "in veste di", dove gli artisti sfruttano le potenzialità dell'alfabeto allegorico barocco per parlare di un Apollo che significa bellezza, di un Meleagro che significa coraggio e determinazione, di una Cleopatra che significa ricchezza ma anche noncuranza dei beni materiali. Il catalogo vede coinvolti 10 studiosi oltre alle curatrici.

Smascherati. Storie e segreti...

Bonazzoli Francesca; Robecchi Michele
Electa 2020

Non disponibile

17,90 €
L'affascinante Danae dipinta da Tiziano era nella realtla cortigiana prediletta del cardinale Farnese; la Venere allo specchio fu l'amante di Velquez e gli diede l'unico figlio maschio. Chi era invece la misteriosa Donna barbuta ritratta dallo Spagnoletto? I secoli hanno condannato all'anonimato molte esistenze che un tempo furono tutt'altro che banali. Oggi le definiremmo "da gossip". Ma altrettante sono le vite ai margini o addirittura criminali, che l'arte ha celebrato rendendole immortali. il caso di The Neighbour, il vicino di casa assassino del regista Theo Van Gogh, finito sulle pagine di tutti i giornali e ritratto da Marlene Dumas; o di George Dyer, che conobbe Bacon in un gay club a Soho e ne diventl'amante. L'apparenza inganna, ma Francesca Bonazzoli e Michele Robecchi hanno svelato alcuni retroscena, riservando al lettore non poche sorprese. Parallelamente a questa gustosa raccolta di storie vere, si delinea anche una riflessione che "smaschera" la relazione tra l'artista e il suo modello: un rapporto di forza quasi sempre a vantaggio del primo, ma che nei secoli si trasformato fino alla negazione del ritratto stesso, con i volti sostituiti da parole e suoni.

Il volto della Gioconda

Lopez Enzo
Autopubblicato 2020

Non disponibile

16,00 €
"Particolari del dipinto esposto a Louvre dietro un vetro blindato. Tutto parte dal volto e alla fine mi riporteral suo enigmatico sorriso." (L'autore)

Dantis ossa. La forma corporea di...

Frassetto Fabio; Gruppioni G. (cur.)
Giorgio Pozzi Editore 2020

Non disponibile

30,00 €
Si erano appena concluse le celebrazioni per il sesto centenario della morte di Dante, quando, su proposta del Comitato Dantesco Ravennate, il 7 ottobre del 1921 la Giunta Comunale di Ravenna deliberava una nuova ricognizione delle ossa, dopo quella eseguita poco pidi cinquant'anni prima in occasione del loro fortunoso ritrovamento. A svolgere il prestigioso e delicato incarico vennero chiamati due fra i piinsigni antropologi italiani dell'epoca: il professor Giuseppe Sergi dell'Universitdi Roma e il professor Fabio Frassetto dell'Universitdi Bologna, con il compito di "ricongiungere allo scheletro i frammenti che erano o si credeva che fossero stati furtivamente sottratti nel 1865; verificare lo stato di conservazione delle ossa ed eliminare eventuali cause di deterioramento; rettificare e completare i dati antropometrici e antropologici rilevati in occasione della precedente ricognizione del 1865". E sarproprio a partire da questi dati, rilevati con meticolosa cura, che Fabio Frassetto, all'indomani della ricognizione, si sarebbe assiduamente dedicato allo studio delle ossa del poeta e, al termine di un lavoro appassionato e piche decennale, avrebbe dato alle stampe, nel 1933, il suo capolavoro, ossia un monumento editoriale quale il Dantis Ossa. Risultato di un'"ardua e faticosa impresa", in esso l'antropologo bolognese espose, come si legge nella presentazione del libro, "quanto sulle caratteristiche fisiche di Dante" era allora "concesso alla Scienza di accertare". Il Dantis Ossa, che il Frassetto fece stampare, a cura dell'Istituto di Antropologia dell'Universitdi Bologna, in una magnifica edizione di 65o copie, resta ancora oggi un'opera prestigiosa, di alto valore sia per il soggetto trattato, sia per i contenuti scientifici, che a distanza di un secolo conservano in gran parte una loro validit nonchper il ricco apparato iconografico (95 figure in bianco e nero) assolutamente originali. (Dalla Prefazione di Giorgio Gruppioni) Questo libro pubblicato grazie al contributo determinante dell'Associazione Ex Alunni del Liceo Ginnasio "Dante Alighieri" di Ravenna. La riproduzione anastatica del Dantis Ossa di Fabio Frassetto arricchita da una Prefazione di Giorgio Gruppioni, che ricostruisce le vicende storiche dell'opera, e da due testi conclusivi, uno a firma di Franco Gabici, che ripercorre le vicissitudini delle ossa di Dante nel corso dei secoli, e l'altro di Alfredo Cottignoli, che illustra le fasi della ricerca dantesca del Frassetto successive al Dantis Ossa.

Felice Casorati. Persone. Ediz. a...

Enrico A. (cur.)
Antiga Edizioni 2019

Non disponibile

15,00 €
Il volume, ampiamente illustrato, presenta un'analisi dettagliata e completa del dipinto di Felice Casorati "Persone" (1910). Opera cruciale della prima fase della ricerca casoratiana, il quadro appare quasi una prova generale, un centro intermedio di poetica, «un'opera d'arte mancata» che ha in sé da una parte i risultati delle esperienze, della ricerca, delle riflessioni compiute dall'artista fino a quel momento e dall'altra i germi del suo rinnovamento. Per la prima volta nell'opera di Casorati, i mondi e i moti propri di ogni figura si mettono attorno a un tavolo rendendo esplicito il repertorio dei "tipi" (persone, personaggi, maschere, caratteri); alcuni di essi già trattati - la vecchietta, la bambina nuda di schiena e l'adolescente pensoso -, gli altri - l'uomo e le giovani donne - alla loro prima apparizione.

Arte del ritratto e borghesia...

Warburg Aby
Abscondita 2019

Non disponibile

19,00 €
«Un fattore fondamentale della civiltà del primo Rinascimento fiorentino è che le opere d'arte devono la loro origine alla comprensiva cooperazione comune fra committenti e artisti, e sono dunque da considerarsi in un certo senso prodotti di un'azione reciproca fra committente e artista esecutore. Nulla appare quindi più naturale e più ovvio del tentativo di illustrare esattamente il problema del "rapporto fra ritrattista e persona ritratta", scegliendo alcuni casi della storia dell'arte fiorentina, allo scopo di comprendere l'universale della mentalità e del modo di agire di eminenti figure del passato sulla base di fatti singoli della loro reale esistenza. Certo, un tentativo del genere è più facile auspicarlo e osarlo che non attuarlo, poiché alla storia dell'arte si presenta, per una considerazione comparata del rapporto fra committente e artista, in modo unilaterale soltanto il risultato definitivo del processo creativo, ossia l'opera stessa. Dello scambio di sensibilità o di opinioni fra committente e artista esecutore solo di rado qualcosa traspare, e la verità indefinibile e sorprendente del ritratto sembra essere il dono di un felice istante imprevisto, sottraendosi in tal modo alla consapevolezza personale e storica. Giacché le deposizioni di testimoni oculari sono così difficilmente reperibili, sarà dunque necessario convincere il pubblico di questa collaborazione mediante prove, per così dire, indiziarie».

Intorno al ritratto. Origini,...

Crivello F. (cur.); Zamparo L. (cur.)
Accademia University Press 2019

Non disponibile

34,00 €
Il volume trae il titolo dal convegno svoltosi a Torino nel dicembre 2016, promosso e organizzato da un gruppo di dottorandi e dottori di ricerca del Corso di Dottorato in Scienze Archeologiche, Storiche e Storico-Artistiche del Dipartimento di Studi Storici dell'Ateneo torinese. L'idea di incentrare l'iniziativa sul tema del ritratto è scaturita da un ciclo di incontri seminariali in cui si è riflettuto sull'approccio metodologico seguito da Enrico Castelnuovo nel saggio Il significato del ritratto pittorico nella società (1973). Sulla base di questo studio e a partire dalle relazioni esposte, si sono voluti riunire i contributi di giovani studiosi e di studiosi di consolidata esperienza. All'articolazione del convegno corrispondono le quattro sezioni che scandiscono la sequenza degli oltre quaranta testi: Antichità, Medioevo, età moderna e contemporanea. Dalle rappresentazioni arcaiche del Vicino Oriente antico si passa alle forme dell'arte classica, per attraversare il Medioevo e pervenire alle espressioni del ritratto moderno e contemporaneo, con le loro più riconoscibili implicazioni. Calato nel contesto storico, sociale, politico e religioso, il ritratto è indagato sotto differenti profili e in una prospettiva multidisciplinare, che non manca di considerare le fonti scritte nelle loro valenze storica e letteraria.

Il culto delle immagini. L'arte...

Kitzinger Ernst
Meltemi 2018

Non disponibile

20,00 €
"Per ricostruire questo pezzo di storia Kitzinger ha dovuto estrarre il massimo da ogni frammento superstite, ridiscutere date e attribuzioni, impiantare una nuova fisionomia dell'arte bizantina. Ed ecco la conclusione inaspettata e davvero folgorante: la pittura alta vigilia dell'iconoclastia non è innocente dinanzi alla reazione che ha tentato di sopprimerla. È anzi la maturità stilistica del tema dell'icona, è il suo isolamento rispetto a tutte le altre esperienze estetiche con cui l'uomo bizantino si confronta, che porta allo "scandalo" dell'icona contro cui reagiscono gli iconoclasti. Direi che qui è trasparente, anche se non dichiarata, la riflessione sull'arte del nostro secolo e il riconoscimento alle opere d'arte di una loro capacità provocatoria. Nessun altro storico aveva tentato di riportare con tanta urgenza il discorso sulle icone all'ambito della pittura". Dalla presentazione di Carlo Bertelli.

La modella senza volto. Indagine su...

Schopp Claude
Donzelli 2018

Non disponibile

26,00 €
"L'origine del mondo" di Gustave Courbet è uno dei quadri più scandalosi della storia dell'arte. Esposta per la prima volta solo nel 1988 a New York, posseduta da vari collezionisti, ma sempre tenuta in qualche modo celata, di recente censurata da Facebook come materiale pornografico, la tela nasconde un mistero finora rimasto irrisolto: chi si nasconde dietro quel corpo completamente svelato di cui si omette però il volto? Sull'identità della modella si sono fatte nel tempo varie ipotesi, ma nessuna si è rivelata decisiva. Fino al giorno in cui Claude Schopp, uno dei massimi esperti di Alexandre Dumas, ha casualmente scoperto il suo nome studiando la corrispondenza inedita tra George Sand e Alexandre Dumas figlio. A partire dalla trascrizione sbagliata di una parola, da una frase all'apparenza senza senso e da un equivoco di interpretazione, l'autore arriva all'eccezionale rivelazione: la modella senza volto è Constance Quéniaux, allieva della scuola di ballo dell'Opéra, che diventerà amante del grande diplomatico e collezionista turco Khalil-Bey, personaggio vulcanico della Parigi di fine Ottocento, e poi signora rispettabile dell'alta società. Nel corso dell'indagine - impreziosita da un ricco apparato iconografico che segue le tappe della scoperta, tra lettere, foto e dipinti - prende vita il ritratto completo di Constance, che quando posa per Courbet ha 34 anni: non solo una ballerina e una cortigiana, ma una donna che ha lottato per elevarsi socialmente e per emanciparsi. Pagina dopo pagina, al mistero svelato della modella del quadro si sovrappone il ritratto di una donna del XIX secolo, e insieme a lei quello di un'intera epoca.

Le seduzioni del potere. Medici,...

Manfredini Ilario
Volta la Carta 2017

Non disponibile

12,00 €
Medici, Este e Savoia - così come molte altre famiglie principesche - utilizzarono la pittura per dare lustro alle imprese militari e per nobilitare l'origine della dinastia. I Savoia, forti della discendenza diretta dagli imperatori sassoni, erano soliti farsi rappresentare come principi dell'Impero al servizio della religione cattolica, sempre pronti a schierarsi con la Spagna nella difesa dei nuovi dettami della Controriforma. Le numerose opere raffiguranti Cosimo I si inseriscono invece in un più ampio progetto di esaltazione della figura del sovrano. Firenze, infatti, era ovunque disseminata di emblemi inneggianti al successore dell'omonimo pater patriae, al restauratore dello Stato, al continuatore dei fasti laurenziani, al nuovo Ercole e al nuovo Noè-Giano fondatore della capitale medicea, secondo progetti pensati da Giorgio Vasari, Vincenzio Borghini e dallo stesso Cosimo. Culmine dell'esaltazione dell'opera cosimiana fu il grande programma iconografico pensato dal Borghini e realizzato da Vasari nel salone dei Cinquecento, volto a celebrare le glorie medicee in quel luogo che ricordava il Governo largo di savonaroliana memoria.

Luigi Crespi ritrattista nell'età...

D'Apuzzo M. G. (cur.); Graziani I. (cur.)
Silvana 2017

Non disponibile

20,00 €
Noto soprattutto per essere stato l'autore del terzo tomo della "Felsina pittrice" (1769), il bolognese Luigi Crespi (1708-1779), figlio del grande Giuseppe Maria, unisce alla carriera di storiografo quella di pittore. Nell'età di Prospero Lambertini, vescovo di Bologna dal 1731 e in seguito papa con il titolo di Benedetto XIV (1740-1758), Crespi junior diviene in città ritrattista di grido, riuscendo a interpretare le esigenze di una committenza aristocratica che desidera presentarsi esibendo i modi disinvolti ed eleganti della 'civiltà della conversazione'. Protagonisti delle sue tele sono dunque dame e cavalieri, briosi e spigliati, dipinti in "ottimo gusto", in un "bello stile oltremontano" (Zanotti), che viene ulteriormente messo a punto dal pittore a seguito di un soggiorno nell'Europa cosmopolita delle corti di Vienna e Dresda, compiuto nel 1752. Ma il "particolare dono di ritrarre le fisionomie" (Oretti), riconosciutogli dalla critica coeva, lo conduce anche a dare voce ai valori della più sana borghesia, votata al lavoro, produttiva e ingegnosa, individuata nella pastorale di Lambertini come parte essenziale del proprio progetto di riforma.

Disegnare il volto. Anatomia,...

Colombo Giovanni; Vigliotti Giuseppe
Ikon 2017

Non disponibile

28,00 €
La nostra specie possiede il sistema di espressione mimica più raffinato e complesso di tutti gli animali viventi... Nelle arti visive, per imparare a disegnare dobbiamo imparare a vedere, a smontare e rimontare un linguaggio, la sua struttura; ma vedere non è guardare, è cercare, ipotizzare, riconoscere, pensare. Questo libro è diretto a chi s'interessa d'immagini e di espressioni e crede che le emozioni siano attitudini fondamentali nella vita e si possa imparare a conoscerle, esprimerle e governarle. Dedicato ai giovani, scritto, illustrato e composto da due insegnanti di arti visive, è anche una sorta di catalogo di espressioni tratte da opere d'arte storiche e da immagini della cultura contemporanea e in larga parte arricchito dalla mano degli autori.

Specchio del mondo. L'invenzione...

Belting Hans
Carocci 2016

Non disponibile

23,00 €
Il quadro come genere autonomo nasce all'inizio del Quattrocento in Italia e in Olanda. Al Sud, è il risultato di un costrutto matematico elaborato sulla base delle regole della prospettiva centrale; al Nord, mira a restituire una percezione immediata. In Italia, deve raccontare una favola; in Olanda, serve a descrivere le cose. Inventato come uno specchio del mondo da pittori quali Jan van Ejck, Robert Campin e Rogier van der Weyden, il quadro ambisce a rappresentare la realtà nella sua interezza su una piccola superficie simbolica; ambizione che ha finito per caratterizzarne tutta la storia successiva. In questo libro - riccamente illustrato - Hans Relting racconta la grande rivoluzione che allora significò la nascita del nuovo dipinto, individuandone le origini a partire dalla pittura su cavalletto e dai grandi altari dell'epoca.

Ritratto e società in Italia. Dal...

Castelnuovo Enrico
Einaudi 2015

Non disponibile

28,00 €
Spaziando da Giotto a Boccioni, passando per Masaccio, Tiziano e Bernini, Enrico Castelnuovo affronta un tema centrale della storia dell'arte. Concentrando lo sguardo sull'Italia e prendendo in esame non solo dipinti, ma anche sculture in marmo o in terrac

I ritratti di Nicolò Zen di Tiziano...

Sartor Mariano
Terra Ferma Edizioni 2015

Non disponibile

15,00 €
In questo volume viene ricostruita puntualmente la vera storia del riconoscimento del volto di Nicolò Zen, importantissimo personaggio politico della Venezia cinquecentesca, in due straordinari ritratti di altrettanti Maestri del Rinascimento veneto: Tiziano Vecellio e Tintoretto. L'autore, appassionato d'arte ma "non addetto al mestiere", attraverso una lunga ricerca accurata e tenace tra archivi e biblioteche, ma anche avvalendosi di consulenze e confronti multidisciplinari e confrontandosi con i più grandi storici dell'arte, riesce a restituire un nome agli effigiati di due noti dipinti veneziani, ora a Kingston Lacy e al Prado, e a tratteggiare un ritratto sorprendente di uno dei personaggi più influenti del suo tempo. Prefazione di Lionello Puppi.

Neonati e bambini. Disegnare volti...

Civardi Giovanni
Il Castello 2015

Non disponibile

9,80 €
Questo libro è una guida all'osservazione, alla valutazione e, poi, al disegno di teste infantili e delle speciali caratteristiche di anatomia e di proporzione che connotano l'infanzia (fino verso i sei-sette anni) e che sono motivo di interesse per l'artista.

Lo specchio del Rinascimento....

Paoli Marco
Pacini Fazzi 2015

Non disponibile

30,00 €
Argomenti trattati: Precedenti ricerche sull'iconografia ariostesca; Fantasmi ariosteschi; Icona vera - Ritratti noti; Ritratti inediti; Familiarità di Ariosto con Tiziano e Dosso.

Ritratto e figura. Da Rubens a...

Petrucci F. (cur.)
De Luca Editori d'Arte 2015

Non disponibile

24,00 €
In occasione della mostra "Barocco a Roma. La meraviglia delle arti", dal 1 aprile al 26 luglio 2015, fortemente voluta dal presidente della Fondazione Roma, il prof. avv. Emmanuele Francesco Maria Emanuele, della Fondazione Roma-Arte-Musei, ha organizzato

Arte del ritratto e borghesia...

Warburg Aby
Abscondita 2015

Non disponibile

19,00 €
"Un fattore fondamentale della civiltà del primo Rinascimento fiorentino è che le opere d'arte devono la loro origine alla comprensiva cooperazione comune fra committenti e artisti, e sono dunque da considerarsi in un certo senso prodotti di un'azione reci

Narciso infranto. L'autoritratto...

Boatto Alberto
Laterza 2015

Non disponibile

18,00 €
Da Van Gogh a Picasso, da David a Boccioni, da De Pisis a Clemente: Alberto Boatto ripercorre la storia dell'autoritratto dall'inizio del moderno fino al suo tramonto. Il volume, qui proposto in una nuova edizione arricchita di nuovi profili e nuove immagini, è suddiviso in due parti: nella prima l'autore risponde alla domanda "che cos'è un autoritratto?"; nella seconda presenta circa novanta autoritratti, commentandoli e interpretandoli.

Volti d'arte del '900. Le opere e i...

Talamo Beatrice
Artemide 2014

Non disponibile

18,00 €
Paula Modersohn-Becker e Charlotte Salomon: due giovani donne che, nei primi decenni del Novecento, con modalità diverse e in momenti storico-politici differenti, hanno scelto la via dell'arte per scoprire e conquistare la propria identità. Attraverso il rifiuto di regole già scritte dalla società, Paula cerca quello che oscuramente sente nascere dentro di sé e, affascinata dall'avanguardia dei primi del Novecento, corre a Parigi per vedere Cézanne, Van Gogh, Seurat, Rodin. Anche Charlotte Salomon, la giovanissima artista ebrea morta ad Auschwitz nel 1944, a soli 27 anni, sceglierà la via dell'arte per raccontare se stessa e la storia tragica della propria famiglia negli anni bui del nazismo. Intrecciando il colore alla musica e alle parole, ripercorrerà il doloroso e terribile passato delle donne della sua famiglia, per arrivare al presente in cui - volutamente ignara? - si ritrae davanti a un mare che sembra non conoscere l'orrore tangibile di quei giorni. Con determinazione Paula e Charlotte si incamminano dunque sulla strada dell'arte, unica possibilità che consente loro di vivere ed esprimersi. Poi, a un tratto, sembrano quasi cominciare a correre, consapevoli, forse, del breve tempo loro concesso per terminare la propria opera che, nonostante l'"affanno", non ha nulla di frammentario, di enigmatico, d'irrisolto: appare invece oggi come una limpida e luminosa testimonianza.

Bernardino Lanino ritrattista e...

Giambonini Francesco
Olschki 2013

Non disponibile

38,00 €
I saggi contenuti nel volume analizzano la produzione ritrattistica di Bernardino Lanino, dal ritratto del giurista Cassiano Dal Pozzo, del quale viene offerta un'originale interpretazione a carattere emblematico, al dipinto Marte e Venere conservato presso il Museo del Petit Palais, dietro il quale si celerebbe un ritratto nuziale di Emanuele Filiberto di Savoia e della sua sposa Margherita. Completa il volume un catalogo cronologico di tutte le opere del pittore.

Ritrattisti e ritratti in Emilia...

Ghirardi Angela
CLUEB 2013

Non disponibile

22,00 €
Il libro racconta di ritrattisti e di ritratti in Emilia-Romagna in un arco cronologico lungo otto secoli, da Antelami a Morandi, dal Medioevo all'età contemporanea. Più che in un singolo episodio, magari inedito o poco noto, il significato del lavoro sta nel proporsi come prima sequenza unitaria, ricostruita a partire da segmenti frammentari che, nell'insieme, riguadagnano vitalità e valore. Nella geografia artistica della regione si impongono i centri maggiori di Bologna e Parma, occupa un posto di rilievo il Rinascimento ferrarese; al Cinque e al Settecento appartengono gli specialisti del ritratto, quegli artisti, per dire solo di Bologna, Bartolomeo Passerotti e Lavinia Fontana, Lucia Casalini Torelli e Luigi Crespi, che vi si sono dedicati con impegno primario. Il ritratto è specchio della società: così, seguendone le vicende storiche, si sfiorano questioni cruciali come l'emergere della donna nell'arte, il sentimento nuovo con cui si guarda all'infanzia, gli scambi tra l'arte e la scienza, l'affermarsi di un più paritario rapporto tra i sessi. Un reticolo dinamico, disposto per essere attraversato da diversi punti di vista.

Gli autoritratti ungheresi agli...

Giusti G. (cur.)
Giunti Editore 2013

Non disponibile

24,00 €
La mostra, a cura di Fehér Ildikó e Giovanna Giusti, si tiene all'ex chiesa di San Pier Scheraggio e presenta 23 opere della Collezione degli autoritratti della Galleria degli Uffizi, la maggior parte delle quali acquisite tra la fine dell'Ottocento e gli inizi del Novecento, ma con arrivi anche più recenti. L'esposizione è dedicata alla memoria di Miklós Boskovits, noto storico dell'arte ungherese scomparso nel 2011 - dal 1968 in Italia e docente presso l'ateneo fiorentino - ed è anche un riconoscimento dell'amicizia culturale tra l'Italia e l'Ungheria che si festeggia in questo 2013, ma che ha origini lontane.

80 ritratti per 10 scrittori. Ediz....

Pericoli Tullio
Mondadori 2012

Non disponibile

13,00 €
"Tullio Pericoli, uno dei più estrosi artisti italiani, si è messo, con i suoi disegni, sulla pista delle identità altrui. I suoi 'ritratti' sono dei sospetti, delle insinuazioni, delle ipotesi, delle letture critiche. E come è confortante vedere che solo una lettura critica, spesso filtrata dalla figura dell'ironia, si avvicina più di ogni altra cosa al nostro je-ne-sais-quoi, o al nostro presque-rien." (Antonio Tabucchi). "Credo che, quando Pericoli ha riflettuto abbastanza sul mondo del suo soggetto, proceda senza più guardare le immagini di repertorio. Il soggetto viene visto 'dall'interno' - ma non è chiaro se dall'interno di lui, o lei, o dall'interno di Pericoli, che è ormai diventato l'altro." (Umberto Eco)

Rinascimento i ritratti. Ediz....

Logos 2012

Non disponibile

49,95 €
L'ampia diffusione di cui il ritratto ha goduto sin dall'antichità, in particolare durante il periodo ellenistico e nella Roma repubblicana, testimonia il profondo desiderio dell'uomo di lasciare traccia della propria esistenza e di fermare l'inesorabile scorrere del tempo creando una versione immortale di se stesso. Se il Medioevo, a causa della forte influenza esercitata dalla religione su ogni aspetto dell'esistenza, ha sminuito il ruolo dell'individuo e, di conseguenza, ci ha trasmesso solo rari esempi di ritratti realistici, il Rinascimento ha gettato le basi di un nuovo tipo di ritrattistica che nel tempo ha acquisito dignità artistica. Vari fattori hanno contribuito alla rinascita di questo genere, tra i quali è stato senz'altro determinante l'avvento dell'Umanesimo. Questo concetto si rifletteva chiaramente nella società del XV secolo, in cui la borghesia acquisiva sempre maggiore importanza sul piano sociale, politico ed economico. Consapevole del proprio ruolo e impaziente di misurarsi con l'aristocrazia, la nuova classe emergente commissionava con regolarità ritratti di diverso tipo agli artisti più celebri. Gli sviluppi futuri della ritrattistica si intravedono anche nell'evoluzione della pittura quattrocentesca che, con il perfezionamento di nuove tecniche come la pittura a olio, raggiunse una maggiore finezza, una più ampia gamma di sfumature e, in definitiva, una resa assai più realistica.

Racconti d'arte

Accademia della Bussola (cur.)
Youcanprint 2012

Non disponibile

120,00 €
"In ogni artista si nasconde un affabulatore, un narratore di storie, di sentimenti, di sensazioni, di atmosfere. Ciascun artista, oltre a rappresentare se stesso, la sua sensibilità, le sue idee, le sue idiosincrasie e le sue passioni racconta, tratto dopo tratto, pennellata dopo pennellata, pixel dopo pixel, un mito, storie, sentimenti, favole o pagine di diario... Abbiamo chiesto ai nostri artisti autoritratti meno usuali, ottenuti per mezzo di percorsi meno ovvi e scontati. Così sono emerse pagine conservate in fondo ad un cassetto, storie immagazzinate da qualche parte nella memoria, favole, lettere, leggende, ricordi, racconti, vibrate invettive, poesie delicate, riflessioni pensose e frasi scritte di getto. Quante cose da raccontare, da scrivere, trasformando la fantasia, il ricordo in una affabulazione che coinvolge, colpisce, commuove. Per questi artisti, abituati a esprimersi per immagini, una sfida col foglio bianco per completare un autoritratto dell'anima. Per l'Accademia della Bussola la soddisfazione di aver fatto da stimolo, da catalizzatore per una reazione alchemica complessa che per transustanziazione mutasse il colore e le forme in parole, in un'operazione di disvelamento che riuscisse in qualche modo a raccontare dal di dentro il mondo complesso dell'arte e un po' dell'anima degli artisti." (Beppe Palomba)

Ritratti di imperatori e profili...

Bacci Francesca M.
Centro Di 2012

Non disponibile

25,00 €
Nella seconda metà del XV secolo, alcuni scultori attivi a Firenze, in particolare Desiderio da Settignano e Mino da Fiesole, si dedicarono a scolpire bassorilievi raffiguranti profili di imperatori romani e personaggi celebri dell'antichità. Questa iconog

Plagi. Creatività o saccheggio...

Effigie 2012

Non disponibile

10,00 €
È ormai abbondantemente documentata - quanto tristemente occultata l'influenza che la fotografia ha avuto su pittura e scultura dada e futurista, e in generale sugli artisti della prima avanguardia. Come documentano le immagini qui pubblicate, il "saccheggio ideologico" prosegue ancora oggi per mano di numerosi pittori e illustratori-ritrattisti, senza però mai citare le fonti: una copiatura a volte sfacciata, veri e propri plagi.

Storia della fisiognomica. Arte e...

Caroli Flavio
Mondadori Electa 2012

Non disponibile

19,90 €
La fisiognomica è una scienza antichissima che conosce un'ininterrotta evoluzione da Aristotele ai giorni nostri. Ma il suo ingresso nell'era moderna è segnato dall'opera di Leonardo da Vinci: il suo studio dei moti dell'animo a partire dai tratti del volt

Il volto dell'amore

Caroli Flavio
Mondadori 2012

Non disponibile

9,50 €
Nel percorso compiuto dall'arte per raffigurare il corpo, il volto e l'anima dell'uomo, l'immagine dell'amore occupa un ruolo centrale. Se la letteratura e la filosofia hanno da affrontato il tema con straordinaria profondità, le arti visive hanno dovuto c

Il volto dell'amore

Caroli Flavio
Mondadori 2011

Non disponibile

18,00 €
Nel percorso compiuto dall'arte per raffigurare il corpo, il volto e l'anima dell'uomo, l'immagine dell'amore occupa un ruolo centrale. Se la letteratura e la filosofia hanno da affrontato il tema con straordinaria profondità, le arti visive hanno dovuto concentrare tutto nell'istante di una sola immagine; per questo sono state a lungo attratte dall'eros. Più arduo si è rivelato il cammino che ha portato alla raffigurazione delle infinite sfumature dell'amore attraverso le fattezze umane, ma la pittura e la scultura si sono dimostrate all'altezza della sfida, dando vita a veri e propri capolavori di introspezione psicologica. Flavio Caroli ci accompagna in un viaggio che prende le mosse dalla sensualità pagana degli affreschi pompeiani e ha il suo punto di svolta con Leonardo da Vinci. Giorgione e Raffaello sono gli artisti che "scolpiscono" per la prima volta la psicologia nei volti dell'amore. L'amore sacro e quello familiare del Cinquecento, l'amore naturale della pittura seicentesca e settecentesca, l'erotismo lieve e carnale di Antonio Canova e quello magico e intenso di Francisco Goya, il bacio romantico e risorgimentale di Francesco Hayez, l'ossessivo tentativo di cogliere l'invisibile attraverso il visibile di Edgard Degas, segnano le tappe di un percorso che vedrà le sue colonne d'Ercole sulla soglia del XX secolo, quando l'inconscio freudiano entrerà con prepotenza nella cultura occidentale.

Imagines illustrium virorum. La...

Gandolfi Giulia
CLUEB 2011

Non disponibile

40,00 €
Sono oltre seicento i ritratti che compongono la quadreria dell'Università e della Biblioteca Universitaria di Bologna. Nata nella metà del Settecento per adornare le sale della biblioteca dell'Istituto delle Scienze cittadino grazie alla consistente donazione del cardinale Filippo Maria Monti, di cui nel testo si riscopre la personalità ed il ruolo nell'entourage di Benedetto XIV, la collezione venne accresciuta attraverso lasciti e donazioni importanti, connotandosi alla fine del XVIII come una delle più importanti iconoteche dipinte dell'Europa dei Lumi.

Il contributo nell'evoluzione del...

Carinci Fabrizio
Universitalia 2011

Non disponibile

15,00 €
La realizzazione di uno studio sul genere del ritratto singolo, è avvenuto in seguito ad una riflessione di più amplio raggio, che non è stata semplicemente quella legata allo sviluppo di un genere artistico. Il ritratto singolo, come affrontato in seguito, viene ad essere il luogo nel quale avviene un incontro intimo tra l'artista ed il suo committente. Naturalmente il ritratto non è solo questo, ma è muovendo i passi da questa considerazione che è stata possibile una riflessione sulla presa di coscienza dell'individuo all'interno del reale e come questa si esprima nell'opera d'arte. Diventa così in primo luogo determinante la definizione di quell'"accordo" che nasce tra l'artista ed il suo committente, oltre naturalmente ad una contestualizzazione culturale dell'operato artistico.

Le belle di Villa Silva in Cinisello

Bellavite 2011

Non disponibile

16,00 €
Nella villa edificata in Cinisello attorno al 1660 per volere di Donato Silva, primo conte di Biandrate, si conserva tuttora un salotto di compagnia, ispirato al fascino femminile, con ventisei ritratti di "Dame Galanti", di cui era andata persa l'identità già a metà del XIX secolo. Il volume, realizzato con i contributi di Laura Sabrina Pelissetti, Francesca Pensa e Alberico Guerzoni, intende far luce sulle ragioni che indussero i Silva a promuovere la realizzazione di un ambiente tanto affascinante tra XVII e XVIII secolo, ricostruendo la personalità di alcune delle dame raffigurate e il quadro storico nel quale operò la committenza. La pubblicazione è curata dalla stessa Laura Sabrina Pelissetti, direttrice del Centro di Documentazione Storica di Cinisello Balsamo.

Il ritratto

Gigante Elisabetta
Mondadori Electa 2011

Non disponibile

22,00 €
Ritratti individuali, di gruppo, autoritratti, ritratti doppi, ritratti persino di animali: sono infinite le varianti di un genere artistico diffuso in ogni epoca e in ogni cultura e non ancora estintosi nel mondo contemporaneo. Non solo strumento di propa