Ritratti nell'arte

Filtri attivi

Storia ed estetica del busto di cera

Schlosser Julius von
Officina Libraria 2019

Disponibile in 3 giorni

14,00 €
Tra il dicembre del 1909 e il gennaio successivo, sulle pagine della «Neue Freie Presse» apparve in due articoli un saggio di Juliuss von Schlosser: "Storia ed estetica del busto di cera". Anticipava, come in sintesi, gli esiti di una ricerca che durava da tempo. Ma che le circostanze chiedevano di svelare prima del previsto. Bode aveva acquistato per i musei di Berlino un busto di Flora in cera, attribuito a Leonardo; e subito era divampata la disputa sulla sua autenticità, dilagando sulla stampa di tutta Europa. Schlosser si accorse che si stava scivolando via dall'ambito critico, per invischiarsi con rivendicazioni personali o nazionalistiche. Volle dire la sua: senza esprimersi sull'autenticità, usa riportando sul piano storico artistico la discussione, e rianimandola con le primizie della propria ricerca. Poi, nel 1911 sarebbe uscita la "Storia del ritratto in cera". La notorietà dell'opera maggiore avrebbe sepolto il primo testo, mai ripubblicato, e tutti i biografi di Schlosser ne avrebbero perso la memoria. Eppure, alle ragioni della "Storia del ritratto in cera", e al metodo del grande studioso, adesso può aggiungere molto la riscoperta di questa urgenza, scientifica e insieme etica, di calare le novità dello studio laddove più accesa fosse la disputa (nelle pagine di un quotidiano): attraverso questo testo finalmente ritrovato.

Felice Casorati. Persone. Ediz. a...

Antiga Edizioni 2019

Disponibile in 3 giorni

15,00 €
Il volume, ampiamente illustrato, presenta un'analisi dettagliata e completa del dipinto di Felice Casorati "Persone" (1910). Opera cruciale della prima fase della ricerca casoratiana, il quadro appare quasi una prova generale, un centro intermedio di poetica, «un'opera d'arte mancata» che ha in sé da una parte i risultati delle esperienze, della ricerca, delle riflessioni compiute dall'artista fino a quel momento e dall'altra i germi del suo rinnovamento. Per la prima volta nell'opera di Casorati, i mondi e i moti propri di ogni figura si mettono attorno a un tavolo rendendo esplicito il repertorio dei "tipi" (persone, personaggi, maschere, caratteri); alcuni di essi già trattati - la vecchietta, la bambina nuda di schiena e l'adolescente pensoso -, gli altri - l'uomo e le giovani donne - alla loro prima apparizione.

Arte del ritratto e borghesia...

Warburg Aby
Abscondita

Disponibile in 3 giorni

19,00 €
«Un fattore fondamentale della civiltà del primo Rinascimento fiorentino è che le opere d'arte devono la loro origine alla comprensiva cooperazione comune fra committenti e artisti, e sono dunque da considerarsi in un certo senso prodotti di un'azione reciproca fra committente e artista esecutore. Nulla appare quindi più naturale e più ovvio del tentativo di illustrare esattamente il problema del "rapporto fra ritrattista e persona ritratta", scegliendo alcuni casi della storia dell'arte fiorentina, allo scopo di comprendere l'universale della mentalità e del modo di agire di eminenti figure del passato sulla base di fatti singoli della loro reale esistenza. Certo, un tentativo del genere è più facile auspicarlo e osarlo che non attuarlo, poiché alla storia dell'arte si presenta, per una considerazione comparata del rapporto fra committente e artista, in modo unilaterale soltanto il risultato definitivo del processo creativo, ossia l'opera stessa. Dello scambio di sensibilità o di opinioni fra committente e artista esecutore solo di rado qualcosa traspare, e la verità indefinibile e sorprendente del ritratto sembra essere il dono di un felice istante imprevisto, sottraendosi in tal modo alla consapevolezza personale e storica. Giacché le deposizioni di testimoni oculari sono così difficilmente reperibili, sarà dunque necessario convincere il pubblico di questa collaborazione mediante prove, per così dire, indiziarie».

La fortuna della Scapiliata di...

Marani Pietro C.
Nomos Edizioni 2019

Disponibile in 3 giorni

24,90 €
Catalogo della mostra presso il Complesso Monumentale della Pilotta, Parma. Dipinta probabilmente nell'ultimo decennio del Quattrocento, la Scapiliata rappresenta allo stesso tempo un rebus e un simbolo. Un rebus, come avviene molto spesso per l'opera di Leonardo da Vinci, legata a uno sperimentalismo unico nel suo genere, tale da codificare alcuni tra i canoni più caratterizzanti della modernità. Ma anche un simbolo, dacché il suo volto dalla chioma sciolta non e una semplice icona di bellezza femminile: e molto di più. Corrisponde alla ricerca di mezzi espressivi capaci di riassumere, nello spazio immobile e bidimensionale di una tavoletta, tutta la complessità divina della realtà: il movimento, la vita, gli affetti, ovvero i sentimenti propri alla sfera emotiva e psicologica del soggetto. Un'opera che, per quanto piccola di dimensioni, riassume tutta la vastità delle innovazioni e degli interrogativi suscitati da Leonardo.

Rembrandt. The self-portrais

Manuth Volker
Taschen 2019

Disponibile in 3 giorni

50,00 €
Pochi fedeli devoti alla forma riescono ad apprezzare il contributo decisivo apportato da Rembrandt Harmenszoon van Rijn alla pratica dell'autoritratto. Rompendo le convenzioni stabilite dai suoi predecessori, Rembrandt trasformò l'autoritratto in un mezzo a sé stante, capace di comunicare una profondità interiore, e non più uno strumento volto a immortalare felicemente l'aspetto esteriore insieme ai più raffinati simboli di opulenza. Con oltre 80 opere comprendenti dipinti, acqueforti e disegni, la continua produzione di autoritratti dell'artista olandese è il mezzo che consente di dare forma all'effimero, che si tratti dello sviluppo della persona durante l'inesorabile trascorrere del tempo oppure di smorfie che trasformano il volto, dettate dalle emozioni, e che scompaiono senza lasciare traccia con la stessa rapidità con cui sono emerse. Nei dipinti realizzati nell'arco di quarant'anni colpisce in particolare un elemento trasversale alla tecnica e allo stile: il costante intento di presentare sé stesso da diverse prospettive, esaltando la complessità dell'individuo e promuovendo la rappresentazione di un'espressività senza filtri. Pur senza considerare le diverse tematiche che emergono negli autoritratti di Rembrandt, le opere in sé presentano una ricchezza di elementi tecnici innovativi e sperimentali. Raggi di luce illuminano una spalla mentre intere sezioni del volto appaiono oscurate e si mescolano allo sfondo cupo. I riccioli spettinati incisi con il calamo a tratti irregolari nella pittura dai toni terrosi, ancora umida, sembrano riflettere la luce, animati da un'energia scoppiettante che ben si addice alla sorpresa spesso dipinta sul volto dell'artista. Ogni opera è chiaramente intrisa di una profonda umanità. Ogni pennellata espressiva e ogni lineamento offuscato si sommano in una rappresentazione immancabilmente veritiera di sé, con tutte le sue debolezze, gli stati d'animo contrastanti, il susseguirsi delle fasi della vita. Pubblicata in occasione del 350° anniversario della morte dell'artista e in contemporanea a un'esposizione presso il Rijksmuseum di Amsterdam, questa monografia in formato XL riunisce tutti gli autoritratti di Rembrandt. Dalle prime opere sperimentali realizzate a ventidue anni all'ultimo autoritratto dipinto un anno prima della morte, questa raccolta testimonia una vita volta a rivoluzionare la pratica pittorica nel contenuto così come nella forma.

Velazquez e il ritratto barocco

Montanari Tomaso
Einaudi 2018

Disponibile in 3 giorni

42,00 €
«Principe Enrico: "Dio mi sia testimonio, sono estremamente stanco". Poins: "Siamo a questo? Credevo che la stanchezza non avrebbe osato attaccare uno di così alta nascita". Principe Enrico: "S'è davvero attaccata a me, sia pure che riconoscerlo scolori il volto della mia grandezza.» In questo brano dell'Enrico IV di Shakespeare lo stile sublime e quello realistico si mescolano: la pittura conquisterà questa libertà un poco più tardi, anche se più radicalmente. Ma è solo con i ritratti di Velázquez che vediamo davvero il volto dei principi scolorarsi per la stanchezza. All'inizio del Seicento, la rivoluzione di Caravaggio abbatte la separazione e la gerarchia dei generi, ma non è in Italia che essa produce i suoi massimi risultati: è con Velázquez e con Rembrandt che la verità della pittura attinge vette insuperabili. E questo accade soprattutto nei loro ritratti. Quelli di Velázquez riescono a conciliare un'obiettività da pittura di natura morta con un'inesorabile capacità di inchiodare alla tela l'anima delle persone. Francis Bacon ha scritto che «da tutti i suoi dipinti traspare quell'emozione che Velázquez deve aver provato, persino in quelle bellissime opere dove le figure hanno una meravigliosa struttura e al tempo stesso la colorazione di un Monet. Si avverte sempre il passaggio dell'ombra della vita». In modi misteriosi quest'ombra si proietta sull'arte europea, e nel cuore stesso del più sfarzoso, esteriore mendace ritratto barocco, si insinua come una lama la verità di Velázquez: questo libro ne racconta la storia.

Boldini. Il ritratto di Donna...

Smolizza M.
Mondadori Electa 2018

Disponibile in 3 giorni

24,90 €
"Questo piccolo libro - la prima monografia dedicata ad una sola opera di Giovanni Boldini - racconta una storia importante, quella di un quadro, tra i più citati nell'intera ultracentenaria bibliografia sull'artista e probabilmente il più equivocato: al punto che i commentatori si dividono tra quanti conoscono una sola delle 'vesti' che ebbe nel tempo e quanti lo moltiplicano per due o per tre inventando storie romanzesche - dalla aneddotica gelosia siciliana al sequestro da parte dei nazisti - sia sulla sua creazione sia per giustificare la sparizione dei presunti 'gemelli'. E racconta anche una seconda storia, quella di Franca e Ignazio Florio e dell'ultima grande dinastia siciliana. È tuttavia soprattutto l'occasione per riaffermare un metodo di lavoro nell'ambito della storia dell'arte, quello che mi ha consentito, nel 2015, durante l'ispezione dello stato conservativo del dipinto, di svelare l'arcano. Prima di tutto, guardare il quadro indagandone con l'occhio la costruzione materiale, il sovrapporsi delle stesure pittoriche, dal termine minimo della pennellata fino a comprendere l'ordine in cui l'artista ha inserito nello spazio, uno a fianco all'altro (e in realtà, almeno in parte, quasi sempre uno sopra l'altro), gli elementi della composizione. Solo dopo, dar peso ai documenti - che contengono dati fondamentali per la cronologia, l'occasione di creazione, la committenza, ma ovviamente esterni alla stesura pittorica. Molto, molto dopo, proporre teorie ed interpretazioni. L'inversione di questi parametri- nel quadro cui è dedicato questo libro le teorie sono state formulate su alcune fotografie datate erroneamente e praticamente senza mai osservare con cura l'opera - produce errori così persistenti, che è difficile scardinarli persino di fronte all'evidenza. Al contrario, seguire fin dove è possibile il percorso materiale di creazione dell'opera, la mano del pittore sulla tela, così come le parole vergate dallo scrittore sulla carta, è l'unico modo verificabile di accedere alla sua mente, e in particolare a ciò che più conta, le sue decisioni, minute e grandi, nelle fasi della creazione." (Matteo Smolizza)

Ritratti. Studio dell'anima

Tomberli Grazia
Polistampa 2018

Disponibile in 3 giorni

12,00 €
"'Il ritratto è per me lo studio dell'anima': così risponde senza indugio, dopo un profondo respiro e con il suo consueto sguardo guizzante e pronto, Grazia Tomberli quando le chiedo che cosa significhi per lei fare un ritratto" (Elena Capretti)

Leonardo da Vinci. La scapiliata....

Carminati Marco
Marsilio 2018

Disponibile in 3 giorni

12,00 €
Leonardo da Vinci era molto affascinato dal tema delle teste femminili con i capelli mossi dal vento, come testimonia un celebre passo del suo Trattato di Pittura: «Fa tu adonque alle tue teste gli capegli scherzare insieme col finto vento intorno alli giovanili volti e con diverso revoltare graziosamente ornargli». Queste righe sono considerate la migliore descrizione della cosiddetta Scapiliata della Galleria Nazionale di Parma, una testa di fanciulla dipinta con terra d'ombra, ambra inverdita e biacca, sopra una piccola tavoletta di legno, larga e alta poco più di una spanna. Da quando questo singolarissimo dipinto è apparso all'orizzonte della storia, gli studiosi non hanno mai smesso di interrogarsi sul suo autore e la sua effettiva natura (dipinto non finito, abbozzo, studio preparatorio?), ma anche sulla data di realizzazione e sulla sua fortuna. La ricostruzione di queste vicende e del contesto storico-artistico in cui si colloca l'opera è raccolta nel saggio di Marco Carminati che, insieme a una scheda tecnica di Chiara Travisonni, compone questo volume di piccolo formato pubblicato in occasione della nuova edizione dell'Ospite illustre alle Gallerie d'Italia, Palazzo Zevallos Stigliano di Napoli (6 luglio-2 settembre 2018).

Contemporaneità del ritratto. Dal...

Mirolla Miriam
Maretti Editore 2018

Disponibile in 3 giorni

20,00 €
"il ritratto può essere studiato da diversi punti di vista. È proprio questo che lo colloca nella contemporaneità: la rappresentazione del Sé, in qualunque epoca, non è necessariamente realistica, fedele e fisionomica, ma rappresenta l'immagine che di sé si vuole trasmettere, il proprio ruolo nel mondo e la propria immagine interna. Il Iritratto, essendo sempre il risultato di una volontà di memoria, è un elemento di enorme interesse per la contemporaneità".

L'arte in sei emozioni. Ediz. a colori

D'Orazio Costantino
Laterza 2018

Disponibile in libreria  
MONOGRAFIE ARTE

24,00 €
La storia dell'arte può essere raccontata da tanti punti di vista: attraverso le tecniche, i movimenti, le committenze, i linguaggi o gli stili. Questo libro sceglie un'altra strada. Ci invita a compiere un viaggio nel tempo, dall'antichità ad oggi, per scoprire come gli artisti hanno rappresentato le emozioni, quelle che si annidano nei nostri stati d'animo più ineffabili e affascinanti. Lo storico dell'arte Costantino D'Orazio ci guida tra capolavori famosi e opere meno note per accompagnarci alla scoperta del desiderio, del delirio, del tormento, dello stupore, del dubbio e dell'allegria. Sentimenti che l'umanità ha avvertito e considerato in maniera sempre diversa nel corso dei secoli. Dai reperti dell'antica Grecia ai capolavori del Rinascimento, dalle invenzioni del Barocco alle rivoluzioni del Romanticismo, fino alle provocazioni del Novecento, l'arte ha attinto alle emozioni delle donne e degli uomini creando simboli e personaggi per raccontarle. Eros per il desiderio, Prometeo per il tormento, Medusa per il delirio, Maddalena per lo stupore, Polimnia per il dubbio e i putti per l'allegria, sono solo alcune delle figure che svelano il tumulto di emozioni contenuto in queste pagine.

500 autoritratti

Santi L.
Phaidon 2018

Disponibile in 3 giorni

27,95 €
Questo volume presenta una sequenza ininterrotta di 500 autoritratti, in ordine cronologico, dall'antico Egitto ai giorni nostri. Per molti la sfida di creare il propri ritratto si è dimostrata irresistibile: il risultato sono opere straordinarie per intensità e potere evocativo dei più grandi artisti di ogni tempo, tra cui Dürer, Rembrandt, Picasso e Andy Warhol.

I volti di Galileo. Fortuna e...

Tognoni Federico
Agorà & Co. 2018

Disponibile in 3 giorni

25,00 €
Protagonista del volume è l'immagine di Galileo intesa non tanto come rappresentazione fisionomica di uno specifico individuo, ma come icona in grado di raccontare una storia. Pochi altri astronomi, matematici e filosofi della natura possono contare, al pari di Galileo, su una serie così ragguardevole di testimonianze figurative: una straordinaria galleria costituita da un cospicuo numero di dipinti, stampe, medaglie avviata alla fine del Cinquecento e giunta senza soluzione di continuità fino al Novecento. Una galleria, una biografia per immagini che si intreccia con la storia di artisti e committenti, prìncipi e granduchi, amatori e collezionisti, sodali e fedeli discepoli pronti ad alimentare il mito del venerato maestro.

I ritratti del museo della musica...

Casali Pedrielli Maria Cristina
Olschki 2018

Disponibile in 3 giorni

90,00 €
Il catalogo, frutto del lavoro congiunto di storici dell'arte e della musica, descrive analiticamente storia e contenuto della collezione di ritratti di musicisti avviata intorno al 1770 dal musicografo francescano Giambattista Martini e proseguita poi nell'Otto e nel Novecento, oggi nel Museo della Musica della città di Bologna. Tra i 312 dipinti spiccano ritratti famosi di Zarlino, Caldara, Porpora, Farinelli, Gluck, J.C. Bach, Mozart, Isabel Colbran, lord Burghersh, Rossini, Martucci, M.E. Bossi.

La modella senza volto. Indagine su...

Schopp Claude
Donzelli 2018

Disponibile in 3 giorni

26,00 €
"L'origine del mondo" di Gustave Courbet è uno dei quadri più scandalosi della storia dell'arte. Esposta per la prima volta solo nel 1988 a New York, posseduta da vari collezionisti, ma sempre tenuta in qualche modo celata, di recente censurata da Facebook come materiale pornografico, la tela nasconde un mistero finora rimasto irrisolto: chi si nasconde dietro quel corpo completamente svelato di cui si omette però il volto? Sull'identità della modella si sono fatte nel tempo varie ipotesi, ma nessuna si è rivelata decisiva. Fino al giorno in cui Claude Schopp, uno dei massimi esperti di Alexandre Dumas, ha casualmente scoperto il suo nome studiando la corrispondenza inedita tra George Sand e Alexandre Dumas figlio. A partire dalla trascrizione sbagliata di una parola, da una frase all'apparenza senza senso e da un equivoco di interpretazione, l'autore arriva all'eccezionale rivelazione: la modella senza volto è Constance Quéniaux, allieva della scuola di ballo dell'Opéra, che diventerà amante del grande diplomatico e collezionista turco Khalil-Bey, personaggio vulcanico della Parigi di fine Ottocento, e poi signora rispettabile dell'alta società. Nel corso dell'indagine - impreziosita da un ricco apparato iconografico che segue le tappe della scoperta, tra lettere, foto e dipinti - prende vita il ritratto completo di Constance, che quando posa per Courbet ha 34 anni: non solo una ballerina e una cortigiana, ma una donna che ha lottato per elevarsi socialmente e per emanciparsi. Pagina dopo pagina, al mistero svelato della modella del quadro si sovrappone il ritratto di una donna del XIX secolo, e insieme a lei quello di un'intera epoca.

Autoritratti

Rebel Ernst
Taschen 2018

Disponibile in 3 giorni

10,00 €
Ritrarre sé stessi è una delle imprese più affascinanti e prolifiche nel campo artistico. Presentando opere che spaziano dal XV secolo ai giorni nostri, questo volume raccoglie alcuni dei più significativi esempi di autoritratto per analizzare l'evoluzione di questo genere nel corso dei secoli, nonché esplorare le eterne questioni sull'identità e la sua rappresentazione che hanno accompagnato l'umanità per lunghi secoli, ben prima dell'avvento dei social media e dei selfie. L'autoritratto è un mezzo con cui l'artista si riflette o è invece un falso specchio come si evince dal titolo che Magritte attribuì al suo quadro del 1928 raffigurante un solo occhio? Cosa ci racconta questa forma d'arte in termini di bellezza, potere e status sociale della persona? Da Albrecht Dürer a Egon Schiele, da Fra Filippo Lippi a Frida Kahlo, questo volume esaustivo esplora le numerose tecniche utilizzate dagli artisti per ritrarre sé stessi, i metodi ingegnosi e le diverse prospettive, nonché le grandi questioni che questo genere artistico solleva.

Ritratto di una virtuosa canterina....

Galassi Cristina
Aguaplano 2017

Disponibile in 3 giorni

16,00 €
Nel 1639 veniva edita a Bracciano una raccolta di componimenti poetici dedicati a una celebre virtuosa del tempo, Eleonora Baroni, intitolata "Applausi poetici alle glorie della signora Leonora Baroni". Tra i sonetti, composti per l'occasione dai più noti poeti e letterati della Roma barocca, in italiano, latino, spagnolo e francese, spicca quello a firma di monsignor Giulio Rospigliosi, l'alto prelato animatore del Teatro Barberini che, nel 1667, sarebbe asceso al soglio pontificio col nome di Clemente IX e che in questa raccolta, con vivida e lucida verve descrittiva, celebra il ritratto della cantante e musicista realizzato dall'artista perugino Fabio della Corgna. Nel volume Cristina Galassi ricostruisce le biografie del pittore e della musicista ritratta, indaga la vicenda del dipinto e discute brillantemente il tema della pittura encomiastica nella Roma al tempo dei Barberini, ricostruendo il clima lascivo e sensuale della capitale, animato da cortigiane, cantanti e castrati.

I volti della Riforma. Lutero e...

De Luca F.
Giunti Editore 2017

Disponibile in 3 giorni

35,00 €
Nel quinto centenario della Riforma protestante gli Uffizi propongono un confronto e una riflessione (approfonditi in questo catalogo) sui rapporti tra la corte granducale toscana e l'Europa del Cinquecento. L'analisi verte sui ritratti di Cranach (in particolare Martin Lutero e Caterina von Bora), di Dürer, su una serie di incisioni propagandistiche e in generale su opere e documenti che raccontano il clima di dialogo e aspra polemica che si viveva in quel tempo.

Neonati e bambini. Disegnare volti...

Civardi Giovanni
Il Castello 2015

Disponibile in 3 giorni

9,80 €
Questo libro è una guida all'osservazione, alla valutazione e, poi, al disegno di teste infantili e delle speciali caratteristiche di anatomia e di proporzione che connotano l'infanzia (fino verso i sei-sette anni) e che sono motivo di interesse per l'artista.

Narciso infranto. L'autoritratto...

Boatto Alberto
Laterza 2015

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
Da Van Gogh a Picasso, da David a Boccioni, da De Pisis a Clemente: Alberto Boatto ripercorre la storia dell'autoritratto dall'inizio del moderno fino al suo tramonto. Il volume, qui proposto in una nuova edizione arricchita di nuovi profili e nuove immagini, è suddiviso in due parti: nella prima l'autore risponde alla domanda "che cos'è un autoritratto?"; nella seconda presenta circa novanta autoritratti, commentandoli e interpretandoli.

Bernardino Lanino ritrattista e...

Giambonini Francesco
Olschki 2013

Disponibile in 3 giorni

38,00 €
I saggi contenuti nel volume analizzano la produzione ritrattistica di Bernardino Lanino, dal ritratto del giurista Cassiano Dal Pozzo, del quale viene offerta un'originale interpretazione a carattere emblematico, al dipinto Marte e Venere conservato presso il Museo del Petit Palais, dietro il quale si celerebbe un ritratto nuziale di Emanuele Filiberto di Savoia e della sua sposa Margherita. Completa il volume un catalogo cronologico di tutte le opere del pittore.

Ritrattisti e ritratti in Emilia...

Ghirardi Angela
CLUEB 2013

Disponibile in 3 giorni

22,00 €
Il libro racconta di ritrattisti e di ritratti in Emilia-Romagna in un arco cronologico lungo otto secoli, da Antelami a Morandi, dal Medioevo all'età contemporanea. Più che in un singolo episodio, magari inedito o poco noto, il significato del lavoro sta nel proporsi come prima sequenza unitaria, ricostruita a partire da segmenti frammentari che, nell'insieme, riguadagnano vitalità e valore. Nella geografia artistica della regione si impongono i centri maggiori di Bologna e Parma, occupa un posto di rilievo il Rinascimento ferrarese; al Cinque e al Settecento appartengono gli specialisti del ritratto, quegli artisti, per dire solo di Bologna, Bartolomeo Passerotti e Lavinia Fontana, Lucia Casalini Torelli e Luigi Crespi, che vi si sono dedicati con impegno primario. Il ritratto è specchio della società: così, seguendone le vicende storiche, si sfiorano questioni cruciali come l'emergere della donna nell'arte, il sentimento nuovo con cui si guarda all'infanzia, gli scambi tra l'arte e la scienza, l'affermarsi di un più paritario rapporto tra i sessi. Un reticolo dinamico, disposto per essere attraversato da diversi punti di vista.

Autoritratti. Iscrizioni del...

Corraini 2013

Disponibile in 3 giorni

25,00 €
"Autoritratti. Iscrizioni del femminile nell'arte italiana contemporanea" è il volume che accompagna l'omonima mostra del MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna che, partendo da una revisione critica delle collezioni contemporanee del MAMbo con la prospettiva di mettere in luce le connessioni fra arte e politica nell'Italia degli ultimi decenni, si concentra sul rapporto tra donne e arte.

Il volto dell'amore

Caroli Flavio
Mondadori 2012

Disponibile in 3 giorni

9,50 €
Nel percorso compiuto dall'arte per raffigurare il corpo, il volto e l'anima dell'uomo, l'immagine dell'amore occupa un ruolo centrale. Se la letteratura e la filosofia hanno da affrontato il tema con straordinaria profondità, le arti visive hanno dovuto c

Ottavio Leoni e la ritrattistica a...

Tordella Piera G.
Olschki 2011

Disponibile in 3 giorni

34,00 €
La ritrattistica a disegno di Ottavio Leoni (1578-1630) restituisce un'altissima declinazione del genere non solo in età protobarocca. La cronotassi del vasto corpus dei fogli datati, attraverso i personaggi che dal 1600 al 1630 la innervano, pone in luce la rete evolutiva di legami collezionistici che il volume affronta anche sotto angolazioni inedite, rideterminando il portato stilistico e culturale dell'intensa, anche solitaria ricerca di un naturalismo rappresentativo affatto singolare, non meno originalmente tradotto nella dimensione calcografica.

I ritratti. Ediz. illustrata

Pericoli Tullio
Adelphi 2009

Disponibile in 3 giorni

27,00 €
Una galleria di ritratti in parte nuova, ispirata a un principio antico, enunciato dallo stesso Pericoli: "una biografia diversa da quella ufficiale, una sintesi visiva, una sorta di faccia-riassunto" - un volto che "somiglia, certo, al volto vero, ma che è ancora più vero perché ne racconta la storia".

Il ritratto dell'amata. Storie...

Ingeborg Walter
Donzelli 2006

Disponibile in 3 giorni

27,50 €
Ogni epoca propone un proprio canone di amore, che in qualche modo determina tutte le forme e i rituali a esso connessi. Qual era questo canone in quello straordinario periodo di fioritura delle arti che è stato il Rinascimento italiano? Alla ricerca di un

La ditta dei ritratti

Witkiewicz S. Ignacy
Pendragon 2003

Disponibile in 3 giorni

14,00 €
Pittore, disegnatore scientifico, fotografo, commediografo, filosofo, critico letterario e romanziere, il polacco Stanislaw Ignacy Witkiewicz è una delle figure più interessanti del panorama culturale europeo nel periodo compreso tra le due guerre ed è noto in Italia come soprattutto agli studiosi di teatro. Vivendo volutamente ai margini delle avanguardie, ha tentato un'impresa assai ardua: creare un unico sistema concettuale che potesse fungere da paradigma sia per la sua filosofia, sia per le sue teorie teatrali ed estetiche. "La ditta dei ritratti" è un manifesto promozionale della sua attività di pittore da leggere come un vero e proprio trattato di estetica.

Il culto delle immagini. Storia...

Belting Hans
Carocci 2001

Disponibile in 3 giorni

71,00 €
Prima dell'età del Rinascimento e della Riforma, le immagini sacre non erano considerate "arte", ma oggetti di venerazione che recavano in sé una tangibile presenza del sacro: oggetti di culto capaci di operare miracoli, emettere responsi, determinare l'esito di una guerra. Il libro prende le mosse dal periodo in cui i cristiani fanno proprio il culto pagano delle immagini e cominciano a sviluppare autonomie pratiche e forme di pensiero, per arrivare fino all'apogeo delle immagini sacre nel mondo medievale. Solo con la fine del Medioevo e l'inizio del mondo moderno, il legame esclusivo tra immagini e culto tende ad allentarsi, e le immagini finiscono per essere apprezzate e discusse soprattutto per il loro stile e per le loro qualità estetiche.

Ladri di facce. Dalla cattura di un...

Pagani Elena
Oligo 2019

Non disponibile

18,50 €
È possibile contribuire alla risoluzione di casi di cronaca disegnando? L'approfondimento artistico-scientifico, espanso in contesti tradizionali di ricerca investigativa, ha particolare valenza per raggiungere questo obiettivo? Il ricordo traumatizzato è raffigurabile graficamente? La sua definizione, suggestionabile come la memoria, è attendibile? L'analisi delle risposte a queste domande è definita nell'operato del Disegnatore Anatomico della Polizia Scientifica che, protagonista nel rendere graficamente visibile chi, o cosa, è necessario cercare, illustrerà modalità tecniche esplicative. Questo libro rappresenterà ai lettori come sia stato possibile, attraverso l'uso dell'arte e del disegno accademico, contribuire all'identificazione di pericolosi criminali ed assicurarli, così, alla Giustizia. Il percorso investigativo di un'artista poliziotto (Elena Pagani) sarà espresso attraverso l'utilizzo di tecniche artistiche ed investigative differenziate da caso a caso: ne verranno evidenziati quattro che, accompagnati dalle note critiche di uno psichiatra criminologo (Alessandro Meluzzi), sapranno accompagnare il lettore in una percorrenza d'indagine unica nel suo genere.

Volti rinascimentali. Ediz. illustrata

Masso delle Fate 2019

Non disponibile

10,00 €
La mostra "Volti rinascimentali" prende spunto dal cinquecentesimo anniversario della nascita di Cosimo I de' Medici, primo granduca di Toscana. In tale occasione la Durerarts Gallery desidera onorarlo proponendo l'esposizione del suo ritratto eseguito dalla bottega di Agnolo Bronzino affiancato da altri undici dipinti realizzati da artisti, sia italiani che stranieri, di primissimo piano, come Baccio Lomi Gentileschi, Tintoretto e Petrus Christus. Il risultato è quello di dare vita ad un excursus che mette in risalto sia personaggi fiorentini che appartenenti ad altre regioni, per poi arrivare a proporre volti misteriosi, provenienti da aree situate fuori dai confini nazionali. Volti Rinascimentali desidera riportare a Firenze undici personaggi dell'epoca, condividendone gli sguardi, le ombre, i sorrisi e i dolori. L'intento dell'esposizione è di compiere un viaggio all'interno del Rinascimento, affidandosi a quello che è stato uno degli elementi più intimi del periodo: il ritratto.

Intorno al ritratto. Origini,...

Accademia University Press 2019

Non disponibile

34,00 €
Il volume trae il titolo dal convegno svoltosi a Torino nel dicembre 2016, promosso e organizzato da un gruppo di dottorandi e dottori di ricerca del Corso di Dottorato in Scienze Archeologiche, Storiche e Storico-Artistiche del Dipartimento di Studi Storici dell'Ateneo torinese. L'idea di incentrare l'iniziativa sul tema del ritratto è scaturita da un ciclo di incontri seminariali in cui si è riflettuto sull'approccio metodologico seguito da Enrico Castelnuovo nel saggio Il significato del ritratto pittorico nella società (1973). Sulla base di questo studio e a partire dalle relazioni esposte, si sono voluti riunire i contributi di giovani studiosi e di studiosi di consolidata esperienza. All'articolazione del convegno corrispondono le quattro sezioni che scandiscono la sequenza degli oltre quaranta testi: Antichità, Medioevo, età moderna e contemporanea. Dalle rappresentazioni arcaiche del Vicino Oriente antico si passa alle forme dell'arte classica, per attraversare il Medioevo e pervenire alle espressioni del ritratto moderno e contemporaneo, con le loro più riconoscibili implicazioni. Calato nel contesto storico, sociale, politico e religioso, il ritratto è indagato sotto differenti profili e in una prospettiva multidisciplinare, che non manca di considerare le fonti scritte nelle loro valenze storica e letteraria.

Vittorio Corcos. L'avventura...

Silvana 2019

Non disponibile

24,00 €
Vittorio Corcos nasce a Livorno da famiglia ebraica e si forma all'Accademia di Firenze e in quella di Napoli, città da lui ambita per la presenza di Domenico Morelli, convinto assertore del concetto di verità. Nel 1880 inizia l'esperienza parigina frequentando il vivace salotto di Giuseppe De Nittis, collettore degli 'italiani di Parigi', ed entrando nell'orbita del mercante Goupil, che sarà tramite di una precoce fortuna internazionale del pittore, favorita dalla sua straordinaria abilità di ritrattista. Nel 1886 rientra a Livorno e sposa Emma Rotigliano, che sarà la "gentile ignota" corrispondente di Giovanni Pascoli, per poi trasferirsi a Firenze dove riceverà il battesimo in San Giovanni il 9 dicembre 1887. Il salotto di casa Corcos diviene da allora meta ambitissima di letterati e artisti, riflesso del milieu culturale aggiornato e poliglotta che si riflette nell'opera dell'artista impegnato nell'illustrazione di libri e riviste, ma soprattutto nel ritrarre protagonisti della società di fine secolo (Carducci, Mascagni, Lega) e donne eleganti e famose (Lina Cavalieri, Maria Josè), signore aristocratiche ambientate nello sfarzo delle loro dimore. Non mancano nella sua produzione quadri di soggetto campestre e popolare che attestano la predisposizione dell'artista ad aderire anche alle poetiche del naturalismo e alla richiestissima pittura di genere, ma la sua fama rimane legata a quelle figure femminili che furono dette "creature che hanno in sé qualche cosa del fantasma e del fiore" e che trovano la più coinvolgente rappresentazione nella giovane introversa e 'medusea' che compare nel quadro intitolato "Sogni".

Smascherati. Storie e segreti...

Bonazzoli Francesca
Mondadori Electa 2018

Non disponibile

17,90 €
L'affascinante Danae dipinta da Tiziano era nella realtà la cortigiana prediletta del cardinale Farnese; la Venere allo specchio fu l'amante di Velázquez e gli diede l'unico figlio maschio. Chi era invece la misteriosa Donna barbuta ritratta dallo Spagnoletto? I secoli hanno condannato all'anonimato molte esistenze che un tempo furono tutt'altro che banali. Oggi le definiremmo "da gossip". Ma altrettante sono le vite ai margini o addirittura criminali, che l'arte ha celebrato rendendole immortali. È il caso di The Neighbour, il vicino di casa assassino del regista Theo Van Gogh, finito sulle pagine di tutti i giornali e ritratto da Marlene Dumas; o di George Dyer, che conobbe Bacon in un gay club a Soho e ne diventò l'amante. L'apparenza inganna, ma Francesca Bonazzoli e Michele Robecchi hanno svelato alcuni retroscena, riservando al lettore non poche sorprese. Parallelamente a questa gustosa raccolta di storie vere, si delinea anche una riflessione che "smaschera" la relazione tra l'artista e il suo modello: un rapporto di forza quasi sempre a vantaggio del primo, ma che nei secoli si è trasformato fino alla negazione del ritratto stesso, con i volti sostituiti da parole e suoni.

Le muse di Anticoli Corrado....

Carrera M.
De Luca Editori d'Arte 2018

Non disponibile

20,00 €
Con l'ausilio di saggi scientifici, schede ragionate, documenti fotografici e opere inedite, il volume propone un focus sulla storia delle modelle di Anticoli Corrado nella prima metà del Novecento e il loro rapporto con gli artisti italiani e stranieri, soffermandosi sulle incredibili storie delle loro vite. Il piccolo borgo non lontano da Roma divenne meta prediletta da numerosi artisti a partire dalla metà dell'Ottocento per i suoi scorci pittoreschi e la bellezza dei suoi abitanti, i quali, nel giro di qualche decennio, divennero i modelli più famosi al mondo. L'analisi si concentra sui ritratti di quelle donne che, già a partire dalla fine dell'Ottocento, stabilirono con gli artisti un legame più profondo e intimo che spesso le condusse all'altare. I loro volti inconfondibili ricorrono con frequenza nelle opere d'arte di numerosi scultori, pittori e incisori, dove le vediamo posare nelle vesti di madonne, miti e vestali. È il caso, tra gli altri, di Lina Ciucci, moglie del marchigiano Adolfo De Carolis, e di Pompilia d'Aprile, moglie di Fausto Pirandello.

Eco e Narciso. Ritratto e...

Gennari Santori F.
Mondadori Electa 2018

Non disponibile  
MONOGRAFIE ARTE

29,00 €
Una conversazione tra Flaminia Gennari Santori e Bartolomeo Pietromarchi ci guida alla scoperta della grande mostra che si dipana attraverso gli ambienti storici di Palazzo Barberini e undici sale aperte al pubblico per la prima volta e restituite alla città, con un'appendice espositiva al MAXXI. L'intendimento dei curatori è stato quello di far dialogare originalmente arte antica e arte contemporanea attraverso un meditato accostamento (esaltato dalle installation views di Agostino Osio) di 37 opere di 25 artisti dalle collezioni delle Gallerie Nazionali Barberini Corsini e del MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo, schedate da Michele Di Monte ed Eleonora Farina. Da Caravaggio a Giulio Paolini, da Raffaello a Richard Serra, da Bernini a Yan Pei Ming e molti altri a evocare la figura dell'artista, allo stesso tempo Narciso ed Eco, condannato a inseguire un'immagine, un riflesso, un'illusione, metafora declinata in innumerevoli sfumature nel ritratto e nell'autoritratto: dal potere all'erotismo, dall'intimo all'esotico, dalla temporalità alla spiritualità, dal concettuale al grottesco.

Il ritratto dell'atleta nell'arte...

Pikler Tiziana
Aracne 2018

Non disponibile

10,00 €
La tipologia dell'atleta in azione risale alla statuaria greca, soprattutto a partire dall'età dello stile severo. Il genere del ritratto, invece, nel Quattrocento acquisisce una propria autonomia, indipendente dalla funzione devozionale. La ricerca, che si basa sulla riconoscibilità degli atleti raffigurati, è stata svolta in un periodo di tempo definito da un termine post quem, il 1870, l'anno precedente alla realizzazione dell'opera che segna la nascita della ritrattistica sportiva contemporanea, e arriva fino ai giorni nostri, per una materia che rimane comunque viva e può essere oggetto di continui aggiornamenti.

Luigi Dallapiccola. L'idea del...

Ruffini M.
Polistampa 2018

Non disponibile

10,00 €
Il catalogo della mostra ospitata dal 7 maggio al 1 giugno 2018 a Firenze, nelle sale dell'Accademia delle Arti del Disegno, riproduce una selezione di opere di grafica, di pittura e di scultura che danno conto della vastissima fortuna visiva dei temi originati dal musicista Luigi Dallapiccola (1904-1975) e dalle sue creazioni. "L'immensa quantità di ritratti e foto riconducibili a Dallapiccola", scrive Mario Ruffini nel suo saggio introduttivo, "impone una riflessione sull'idea stessa del volto del compositore che, come per tutti i grandi personaggi, finisce per associare in emblema caratteristiche del suo pensiero e tratti fisici: le immagini rappresentano un pensiero e l'insieme dei pensieri va a comporre un'unica immagine". Testi di Cristina Acidini, Giorgio Bonsanti, Mario Ruffini, Enrico Sartoni.

Il culto delle immagini. L'arte...

Kitzinger Ernst
Meltemi 2018

Non disponibile

20,00 €
"Per ricostruire questo pezzo di storia Kitzinger ha dovuto estrarre il massimo da ogni frammento superstite, ridiscutere date e attribuzioni, impiantare una nuova fisionomia dell'arte bizantina. Ed ecco la conclusione inaspettata e davvero folgorante: la pittura alta vigilia dell'iconoclastia non è innocente dinanzi alla reazione che ha tentato di sopprimerla. È anzi la maturità stilistica del tema dell'icona, è il suo isolamento rispetto a tutte le altre esperienze estetiche con cui l'uomo bizantino si confronta, che porta allo "scandalo" dell'icona contro cui reagiscono gli iconoclasti. Direi che qui è trasparente, anche se non dichiarata, la riflessione sull'arte del nostro secolo e il riconoscimento alle opere d'arte di una loro capacità provocatoria. Nessun altro storico aveva tentato di riportare con tanta urgenza il discorso sulle icone all'ambito della pittura". Dalla presentazione di Carlo Bertelli.

Il volto della Gioconda

Lopez Enzo
Autopubblicato 2018

Non disponibile

16,00 €
"Particolari del dipinto esposto a Louvre dietro un vetro blindato. Tutto parte dal volto e alla fine mi riporterà al suo enigmatico sorriso." (L'autore)

I vescovi di Agrigento. Ritratti...

Pontillo Giuseppe
EcclesiaViva 2017

Non disponibile

15,00 €
Libro sui ritratti dei vescovi di Agrigento e sulle opere e apparato decorativo del Palazzo Arcivescovile con notizie storiche sull'origine della diocesi e sulla successione dei vescovi.

Disegnare il volto. Anatomia,...

Colombo Giovanni
Ikon 2017

Non disponibile  
TECNICHE ARTISTICHE

28,00 €
La nostra specie possiede il sistema di espressione mimica più raffinato e complesso di tutti gli animali viventi... Nelle arti visive, per imparare a disegnare dobbiamo imparare a vedere, a smontare e rimontare un linguaggio, la sua struttura; ma vedere non è guardare, è cercare, ipotizzare, riconoscere, pensare. Questo libro è diretto a chi s'interessa d'immagini e di espressioni e crede che le emozioni siano attitudini fondamentali nella vita e si possa imparare a conoscerle, esprimerle e governarle. Dedicato ai giovani, scritto, illustrato e composto da due insegnanti di arti visive, è anche una sorta di catalogo di espressioni tratte da opere d'arte storiche e da immagini della cultura contemporanea e in larga parte arricchito dalla mano degli autori.

Il cardinale Gianfrancesco Albani e...

Simonato L.
Silvana 2017

Non disponibile

32,00 €
Divenuto cardinale nel 1690, l'urbinate Gianfrancesco Albani iniziò ad assumere un ruolo chiave nella politica artistica dello Stato della Chiesa, tanto a Roma quanto a Urbino, anticipando diversi aspetti che sarebbero diventati centrali una volta salito al soglio papale con il nome di Clemente XI (1700-1721): l'attenzione per Raffaello e le Stanze vaticane, il rapporto con le accademie, le premure nei confronti del territorio marchigiano. Avviata in occasione del ritrovamento, presso l'Università di Urbino, di un suo ritratto marmoreo scolpito da Domenico Guidi nel 1692, la ricerca che qui si presenta mira a offrire un primo inquadramento al tema del rapporto del cardinale Albani con le arti, e in particolare al suo collezionismo e al suo legame con alcuni pittori e scultori, che conobbe durante gli anni della prelatura e ai quali avrebbe affidato da papa la direzione artistica della Roma clementina e l'avvio di un "secondo rinascimento" a Urbino. Primo tra tutti, Carlo Maratti.

Le seduzioni del potere. Medici,...

Manfredini Ilario
Volta la Carta 2017

Non disponibile

12,00 €
Medici, Este e Savoia - così come molte altre famiglie principesche - utilizzarono la pittura per dare lustro alle imprese militari e per nobilitare l'origine della dinastia. I Savoia, forti della discendenza diretta dagli imperatori sassoni, erano soliti farsi rappresentare come principi dell'Impero al servizio della religione cattolica, sempre pronti a schierarsi con la Spagna nella difesa dei nuovi dettami della Controriforma. Le numerose opere raffiguranti Cosimo I si inseriscono invece in un più ampio progetto di esaltazione della figura del sovrano. Firenze, infatti, era ovunque disseminata di emblemi inneggianti al successore dell'omonimo pater patriae, al restauratore dello Stato, al continuatore dei fasti laurenziani, al nuovo Ercole e al nuovo Noè-Giano fondatore della capitale medicea, secondo progetti pensati da Giorgio Vasari, Vincenzio Borghini e dallo stesso Cosimo. Culmine dell'esaltazione dell'opera cosimiana fu il grande programma iconografico pensato dal Borghini e realizzato da Vasari nel salone dei Cinquecento, volto a celebrare le glorie medicee in quel luogo che ricordava il Governo largo di savonaroliana memoria.

Luigi Crespi ritrattista nell'età...

D'Apuzzo M. G.
Silvana 2017

Non disponibile

20,00 €
Noto soprattutto per essere stato l'autore del terzo tomo della "Felsina pittrice" (1769), il bolognese Luigi Crespi (1708-1779), figlio del grande Giuseppe Maria, unisce alla carriera di storiografo quella di pittore. Nell'età di Prospero Lambertini, vescovo di Bologna dal 1731 e in seguito papa con il titolo di Benedetto XIV (1740-1758), Crespi junior diviene in città ritrattista di grido, riuscendo a interpretare le esigenze di una committenza aristocratica che desidera presentarsi esibendo i modi disinvolti ed eleganti della 'civiltà della conversazione'. Protagonisti delle sue tele sono dunque dame e cavalieri, briosi e spigliati, dipinti in "ottimo gusto", in un "bello stile oltremontano" (Zanotti), che viene ulteriormente messo a punto dal pittore a seguito di un soggiorno nell'Europa cosmopolita delle corti di Vienna e Dresda, compiuto nel 1752. Ma il "particolare dono di ritrarre le fisionomie" (Oretti), riconosciutogli dalla critica coeva, lo conduce anche a dare voce ai valori della più sana borghesia, votata al lavoro, produttiva e ingegnosa, individuata nella pastorale di Lambertini come parte essenziale del proprio progetto di riforma.

Faccia a faccia. Studi e...

Tavola M.
emuse 2017

Non disponibile

10,00 €
Faccia a faccia raccoglie ventuno rielaborazioni di ritratti ottocenteschi, rappresentanti personaggi illustri della nascente borghesia lecchese e lo stesso Alessandro Manzoni, presenti nella Galleria Comunale d'Arte. Le opere sono state realizzate da persone con disabilità, frequentanti i Servizi Artimedia. Faccia a faccia vuole proporre al pubblico uno sguardo diverso sull'arte e sulla disabilità: quest'ultima, infatti, al di là dei limiti, può offrire un modo differente di cogliere la realtà, più libero da schemi e preconcetti. Le opere esposte sono il risultato di un percorso personale di ricerca di ogni artista di Artimedia che, "faccia a faccia" con il ritratto scelto, ha sperimentato diverse possibilità interpretative.