Palazzi, ville, case di campagna

Filtri attivi

Palazzo Bentivoglio in borgo della...

Danieli M.
Minerva Edizioni (Bologna)

Disponibile in 3 giorni

29,00 €
Oggi sull'area dove si erge il Teatro Comunale, un tempo sorgeva il palazzo della famiglia gentilizia bolognese Bentivoglio, costruito per volontà di Sante Bentivoglio. Venne chiamato anche "Domus Aurea", per i capitelli e i cornicioni della facciata ricoperti di oro zecchino. Al pianterreno erano situati gli appartamenti degli uomini della famiglia, mentre al piano superiore si trovava l'appartamento di Giovanni II, riccamente affrescato, e quello ugualmente sfarzoso di Ginevra e delle altre donne di casa. Aveva 244 stanze e in esse i Bentivoglio ricevevano illustri personaggi e amici, davano feste e pranzi sontuosi. L'edificio venne distrutto dalla furia popolare, incitata dai nemici della famiglia, nella primavera del 1507. Testimonianza delle macerie della residenza bentevolesca è la via del Guasto, alla destra dell'odierno Teatro Comunale. La distruzione del palazzo ha causato una grave perdita per la storia dell'arte italiana. Cronisti contemporanei e studiosi più recenti hanno cercato di ricostruire, sulla base di descrizioni spesso entusiastiche, l'aspetto della domus magna.

Architettura a Mantova. Dal Palazzo...

Spinelli Luigi
Silvana

Disponibile in 3 giorni

25,00 €
Risultato di una ricerca promossa dal Polo di Mantova del Politecnico di Milano, il libro restituisce un'immagine della città attraverso le sue architetture, sulla base di una campagna fotografica estesa a tutto il territorio urbanizzato. Sono stati selezionati cento casi di studio - dalle presenze medievali ancora leggibili nel tessuto della città all'episodio della Cartiera Burgo di Pier Luigi Nervi, una delle più interessanti realizzazioni di architettura moderna in Italia - documentati dalle fotografie di Marco Introini e descritti dai testi di Luigi Spinelli.

Il restauro di Palazzo dei...

Arte'm

Disponibile in 3 giorni

20,00 €
"In un ambito come Venezia assume grande rilevanza un importante progetto di restauro e di ammodernamento di un edificio di epoca rinascimentale, visto il suo inserimento urbanistico nel cuore pulsante della città lagunare, in uno degli scorci maggiormente ammirati di tutto il mondo. La pubblicazione dei risultati del restauro del Palazzo dei Camerlenghi, quale sede della corte dei conti di Venezia, condotto fra il 2012 e il 2017, non vuole essere esclusivamente la celebrazione della bellezza e unicità della fabbrica cinquecentesca oggetto di questo intervento, ma vuole bensì fornire uno strumento di conoscenza e divulgazione dei risultati ottenuti, oltre che la testimonianza del rigoroso lavoro svolto dal provveditorato interregionale alle opere pubbliche per il veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige". (dalla presentazione di Francesco Sorrentino, responsabile del procedimento)

Palazzo Corsini a Roma. Ediz....

Franco Cosimo Panini 2019

Disponibile in 3 giorni

59,00 €
La storia di Palazzo Corsini, che oggi ospita la sede dell'Accademia Nazionale dei Linceicon la sua Biblioteca e la Galleria Corsini, inizia nel segno dello splendore della Roma rinascimentale. Edificato nel XV secolo dalla famiglia Riario, alla quale apparteneva Sisto IV, diventò a metà del Seicento la dimora di Cristina di Svezia, alla quale si devono gli affreschi della Sala dell'Alcova. Ma è solo alla metà del Settecento, con l'acquisto da parte della famiglia Corsini, che il Palazzo prende la sua forma attuale, frutto del progetto dell'architetto Ferdinando Fuga. Allo stesso periodo risale anche la sistemazione del Giardino (oggi Orto Botanico dell'Università "Sapienza"), che si arrampica sul retrostante colle del Gianicolo.

La villa italiana del Rinascimento....

Burns Howard
Colla Editore 2019

Disponibile in 3 giorni

19,00 €
Il paesaggio italiano e le periferie dei centri storici sono abbelliti da migliaia di ville e residenze nobiliari edificate in epoca rinascimentale che costituiscono una delle maggiori attrazioni turistiche dell'Italia - basta pensare alle ville di Palladio, palazzo Te a Mantova, Caprarola, villa d'Este a Tivoli. Ma da dove viene, perché e come si è sviluppato il genere architettonico della villa, una residenza ben diversa dalla casa di città, che ha influenzato gli architetti di tutto il mondo? Howard Burns, intrecciando in maniera sapiente la storia dell'architettura con la storia sociale, economica e di costume, traccia lo sviluppo di un fenomeno complesso. Ci spiega che la villa italiana risponde non solo al desiderio da parte dei proprietari e dei loro architetti di ricreare le forme e i piaceri delle ville degli antichi romani, con i loro colonnati e giardini, ma anche alle esigenze della sicurezza e dello sfruttamento economico delle campagne. E ci ricorda come la villa rinascimentale è spesso erede del castello medioevale, cioè luogo forte da cui dominare il territorio circostante. Il libro offre al lettore un'introduzione affascinante e originale alla comprensione dei nuovi modi rinascimentali di vivere in campagna e insieme costituisce un'agile guida, arricchita da brevi 'ritratti' di singole ville, per vedere, capire e godere uno dei patrimoni artistici più singolari d'Italia.

Il genius loci linceo a Palazzo...

Quadrio Curzio Alberto
Bardi Edizioni

Disponibile in 3 giorni

15,00 €
Estratto dal volume "Palazzo Corsini a Roma": questo volume su Palazzo Corsini, attraverso i saggi, accompagnati da belle fotografie, di A. Quadrio Curzio, A. Zuccari, E. Borsellino, G. Jona-Lasinio, F. Gennari Santori e L. Gratani, traccia le tappe della storia scientifica e culturale dei Lincei nel contesto politico e istituzionale e celebra questo palazzo come il simbolo di "una Comunità solida e a tutti visibile della Scienza, del Sapere, della Saggezza".

Una mostra, un trasloco. Destini...

Morandotti Alessandro
Scalpendi 2019

Disponibile in 3 giorni

15,00 €
Il libro è una riflessione critica su una vicenda che investe la storia del patrimonio artistico della città di Milano. Si affronta il destino di uno dei più straordinari cicli pittorici a soggetto naturalistico nella storia dell'arte europea del Seicento, di fondo una sorta di incredibile diorama botanico-zoologico destinato a illustrare specie animali e vegetali provenienti da tutto il mondo, a lungo ritenuto opera del grande pittore genovese Giovanni Benedetto Castiglione, detto il Grechetto (1609-1664). Nella prospettiva di trovare fondi per un restauro e al contempo per valutarne il trasloco definitivo in altro edificio, il Comune di Milano ha promosso ora una mostra, aperta tra marzo e luglio 2019 (Il meraviglioso mondo della natura), trasferendo a Palazzo Reale le oltre venti tele che tappezzano senza soluzione di continuità la sala in cui sono collocate fin dai primissimi anni del Novecento: la cosiddetta sala del Grechetto in Palazzo Sormani, l'edificio tardo-barocco sede dal 1956 della Biblioteca Civica. Il libro restituisce la posizione dell'autore su questa vicenda museografica delicata, a lui molto cara, intervenendo nel dibattito quanto mai attuale e scottante.

Palazzo Camerini di Rovigo

Reali Roberta
Apogeo Editore 2019

Disponibile in 3 giorni

35,00 €
Cristoforo Camerini, vissuto sempre nell'ombra del fratello Silvestro fin da quando lo raggiunse nelle campagne di Bondeno per fare anch'egli il "cariolante" negli argini del Reno, volle esternare la sua ascesa economica in maniera "borghese": un palazzo in centro a Rovigo, città che aveva eletto quale sua residenza. Sul palazzo rodigino di Cristoforo si concentra questa ricerca di Roberta Reali, che lo "smonta" mattone per mattone, presentandolo nei suoi complessi particolari architettonici ed artistici, facendoci scoprire uno dei più bei palazzi cittadini, ornato dai più celebri artisti veneziani e veneti dell'800. Il desiderio di riscatto economico e sociale è insito in ogni persona e i fratelli Camerini l'hanno inseguito per tutta la vita. Nati nell'indigenza, sono diventati protagonisti dell'economia veneta accumulando un patrimonio ammontante a svariati milioni di fiorini austriaci, collezionando titoli onorifici ed entrando nel gotha della nobiltà italiana.

Stupinigi. Palazzina di caccia

Ballaira Elisabetta
Piazza D. 2019

Disponibile in 3 giorni

13,00 €
In versione aggiornata al 2019, che dà conto della progressione dei restauri, dalla Sala degli Scudieri agli Appartamenti Reali, la guida di Elisabetta Ballaira accompagna il visitatore, aggiungendo alla bellezza delle immagini l'illustrazione delle radici storiche e culturali della Palazzina nel suo complesso e di ciascuna tappa del percorso di questi fruttuosi anni, a testimonianza della funzione non solo espositiva e museale, ma anche di attestato delle esperienze del conservare, dall'accesso e coordinamento delle risorse, alle scelte estetiche e alle tecniche applicative che fanno di Stupinigi un caso esemplare di conservazione e valorizzazione.

Palazzo della Ragione di Padova....

Autizi Maria Beatrice
Editoriale Programma 2019

Disponibile in 3 giorni

12,00 €
Straordinaria architettura, luogo di cultura e di vita che racchiude in sé la storia cittadina, il senso del governo, un mercato coperto giunto integro fino a noi e una grandiosa decorazione pittorica: Palazzo della Ragione è un vanto della Padova medievale e la sua costruzione, nel 1218, ha determinato un nuovo modo di intendere la vita democratica e il senso civico comune. Oggi Palazzo della Ragione continua a vivere e a rinnovarsi, animato dal suo mercato coperto che dialoga con le belle piazze cittadine, orgoglioso di esibire un Salone affrescato con il più grande ciclo astrologico dipinto, unico al mondo, che riprende l'opera di Giotto e lo spirito di Pietro d'Abano, continuando ad assolvere splendidamente lo scopo che si proponevano il podestà, i Consigli e i cittadini tutti quando decisero di costruirlo per farne il simbolo di Padova.

Palazzo Treves dei Bonfili e il suo...

Massaro Martina
Il Poligrafo 2019

Disponibile in 3 giorni

23,00 €
Sino a poco più di un secolo fa Padova era una città straordinariamente ricca di aree verdi. Edifici pubblici e privati, conventi e palazzi dominicali di grandi e piccole dimensioni erano tutti dotati di magnifici giardini, mentre vaste aree erano ancora destinate alla coltivazione. Nel corso dell'Ottocento molte di queste residenze vengono riammodernate secondo le nuove esigenze abitative, e così i parchi e i giardini. Da qui nascono il palazzo e il giardino Treves dei Bonfili a Ponte Corvo, proprietà di una famiglia di ricchi mercanti e banchieri ebrei trapiantati da Venezia a Padova. Si può dunque scrivere di un palazzo che non esiste più? Sì, perché ne rimane il magnifico giardino a suggerirci la bellezza dell'edificio progettato da Giuseppe Jappelli e perché possiamo entrare nella storia dei suoi committenti. La ricorrenza del nome di questi munifici mecenati nelle cronache dell'epoca e la fitta rete di relazioni e connessioni che sistematicamente riconducono alla loro influenza in contesti diversi offrono un vivace spaccato di storia cittadina ottocentesca.

Pezzi da museo

Sellerio Editore Palermo

Disponibile in libreria  
MONOGRAFIE ARTE

16,00 €

Architettura rurale in Valle...

Soardo G. Pietro
Priuli & Verlucca 2019

Disponibile in 3 giorni

16,00 €
Il disegno per Soardo, professore di Fisica Medica dell'Università di Torino, fa parte di una mentalità quasi scientifica, e costituisce il mezzo con cui acquisire una documentazione soprattutto tecnica, ma anche in parte interpretativa di certe realtà: non solo case contadine, ma anche volti di persone, eventi speciali o quotidiani. Con il disegno, più che con la macchina fotografica, ci si può permettere, secondo Soardo, di illustrare gli incontri e i fatti di una vita, aggiungendo alle immagini un po' di se stessi, una venatura sentimentale. Per vent'anni con i suoi fogli da disegno egli è andato nel tempo libero alla riscoperta delle architetture della Valle d'Aosta, per trarne emozioni, ma soprattutto per svolgere uno studio sulle costruzioni di pietra e legno, fatte cioè con i materiali che naturalmente scaturiscono dall'ambiente. Una specie di ricerca dunque, fatta con il disegno non tecnico, a mano libera, ma secondo una metodologia congeniale alla sua professione di docente universitario, anche se su un tema molto diverso da quelli a lui abituali. Questo volume raccoglie alcuni risultati di un impegno, che ricorda quello dei viaggiatori dell'Ottocento, anch'essi armati di album e matita, per illustrare il racconto di tante esplorazioni. Un impegno fatto tuttavia più di intuizione e di passione, che non di rigoroso approccio scientifico, inteso solo a descrivere e classificare luoghi, date, forme, metodi, materiali. L'intenzione non è dunque di fare un libro di testo per addetti ai lavori, ma di dare qualche ulteriore riferimento a chi opera nel progettare e nel costruire, e di stimolare l'interesse di chi vive o visita questo straordinario territorio, per il lavoro di sconosciuti costruttori, che seppero integrare e fondere le loro opere con l'ambiente.

I palazzi del potere. Manuale...

D'Orta Carlo
Anicia (Roma) 2019

Disponibile in 3 giorni

19,00 €
"Entrare all'interno dei Palazzi del Potere, scoprirne i segreti, le storie e gli aneddoti. Il Potere visto con gli occhi dell'arte e dell'architettura. Una passeggiata culturale tra le istituzioni del nostro Stato". Questo libro è un sasso nello stagno... per ammirare il bello, lottare e ripartire! Si rivolge ai cittadini d'Italia che hanno voglia di conoscere e amare il proprio Paese. Per tutti. Consigliato a chi si interessa di Storia dell'arte, architettura o semplicemente chi vuole conoscere meglio le nostre istituzioni.

Palazzo Colonna. Appartamento...

De Luca Editori d'Arte 2019

Disponibile in 3 giorni

48,00 €
Dopo anni di studi approfonditi si presenta il catalogo dei dipinti dell'Appartamento Principessa Isabelle di palazzo Colonna in Roma. Questo volume è dedicato all'area del Palazzo romano nota come appartamento della principessa Isabelle e ai dipinti in essa contenute che fino a poco tempo fa era scarsamente accessibile ai visitatori. Vengono catalogati e studiati gli oltre 250 capolavori della collezione oltre alle pitture murali delle volte e delle pareti. Fra gli altri sono presenti opere di Pintoricchio, Vanvitelli, Tempesta, Dughet...

Splendori del Settecento sul lago...

Nexo 2019

Disponibile in 3 giorni

28,00 €
Il volume edito in occasione della mostra "Splendori del Settecento sul lago di Como. Villa Carlotta e i marchesi Clerici" (Villa Carlotta, Tremezzina 22 giugno - 3 novembre 2019) presenta testi di storici, storici dell'arte, studiosi di architettura, della moda e del costume, quali Mara Cappelletti, Cinzia Cremonini, Alessandra Kluzer, Marco Leoni, Alessandro Morandotti, Ornella Selvafolta, Andrea Straffi, Paolo Vanoli, Susanna Zanuso. Inedite ricerche relative ai ritratti di famiglia e alle committenze artistiche delle diverse residenze dei Clerici, presenti sul territorio lombardo, accompagnano il lettore alla scoperta degli "splendori" di una delle più influenti famiglie del XVIII secolo. Il libro dedica ampio spazio all'edificazione di Villa Clerici, oggi Villa Carlotta a Tremezzina, all'analisi dei suoi beni artistici e architettonici e del suo splendido giardino. Grazie anche allo studio di due inventari settecenteschi viene ricostruita la descrizione degli ambienti, degli arredi e delle opere d'arte che all'epoca caratterizzavano la sontuosa dimora, facendone una delle più prestigiose e note ville di delizia della Lombardia.

Peccatrici evangeliche, beati...

Ricci Maria Luisa
Affinità Elettive Edizioni 2019

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
Nella primavera del 1788 Giuseppe Benincasa avvia i lavori di decorazione del piano nobile del palazzo di famiglia in via della Loggia. L'occasione di tale rinnovamento è il matrimonio, celebrato qualche mese più tardi, tra suo nipote, il marchese Stefano Benincasa, e la principessa romana Ignazia Altieri. Nel 1803 Stefano convola a seconde nozze con la nobildonna Olimpia Rangoni Terzi di Modena: anche per questo evento, su diretto interessamento dello sposo, si decide di decorare altre stanze del piano nobile. Nelle due interessanti campagne decorative coesistono soggetti di carattere sacro e profano, frutto delle diverse strade che il destino ha tracciato per i due estensori del programma iconografico. L'oratoriano Giuseppe rievoca la sua profonda cultura cristiana, attraverso temi e soggetti carichi di significati redenzionali; suo nipote Stefano decide invece d'immergersi in mondi fantastici ed esotici, celebrando le sue capacità e le sue ambizioni.

Officina Liberty

Oberti Gualtiero
Lubrina-LEB 2019

Disponibile in 3 giorni

25,00 €
L'edificio trattato nel libro è un modesto fabbricato in muratura di mattoni e pietrame, disposto su due livelli distinti e coperto da un tetto a padiglione. L'impianto originario presentava una rigida simmetria planimetrica e di alzato, spezzatasi a causa di un piccolo ampliamento che, pur ripetendo i rapporti dimensionali e i partiti compositivi della costruzione primigenia, ne ha compromesso l'originario equilibrio. I termini Officina Liberty, con i quali è generalmente conosciuta la costruzione di origine industriale che si trova all'interno del Parco del Mella di Gardone Val Trompia, sono del tutto inadatti a descrivere l'esatta consistenza del manufatto architettonico che non ha mai rivestito alcuna funzione produttiva, ma bensì direzionale, né, soprattutto, presenta alcun carattere rapportabile al periodo Liberty o a un più generico stile floreale. La palazzina fu costruita nella prima metà del XX secolo come ufficio direzionale della Radaelli SpA, una ditta specializzata nella realizzazione di cavi in acciaio già attiva nel lecchese e con stabilimenti produttivi dislocati in altri comuni italiani.

Reggia de Caserta. Guía breve...

Pesce Giuseppe
Colonnese 2018

Disponibile in 3 giorni

10,00 €
Un volume agile e puntuale, ricco di foto, che ripercorre storia e architettura di uno dei più grandiosi palazzi monumentali d'Europa e del mondo. Cominciata a metà del Settecento da Carlo di Borbone - che sognava una nuova "capitale amministrativa" - la Reggia di Caserta fu progettata dal genio di Luigi Vanvitelli, per rivaleggiare con le grandi residenze reali europee, prima tra tutte Versailles. Il Palazzo e il grande Parco Reale, con fontane e giochi d'acqua, visse il massimo splendore sotto il regno di Ferdinando IV e della regina Maria Carolina, e accompagnò gli ultimi decenni della Napoli borbonica. Punta di diamante della Lista del Patrimonio Mondiale Unesco, la Reggia di Caserta è una delle più interessanti ed affascinanti mete del turismo culturale.

Ville e giardini medicei in...

SAGEP 2018

Disponibile in 3 giorni

7,00 €
Delle 36 proprietà medicee censite solo 14, scelte per la loro rappresentatività, sono entrate nella Lista del Patrimonio mondiale per la loro acclamata rilevanza culturale, artistica e paesaggistica determinata da un'autenticità e da una integrità funzionale, strutturale e visiva eccezionale. La massima espressione del potere mediceo si compì nella forma della "villa con giardino", una nuova modalità insediativa, segno di un sistema estremamente innovativo di gestione ed organizzazione del territorio. Quella dei Medici fu una delle più importanti famiglie dell'età dell'Umanesimo e del Rinascimento, protagonista della storia italiana ed europea dal XV al XVIII secolo. Il potere e l'influenza economica, politica e territoriale di questa famiglia, arricchitasi con un'eccezionale rete di attività commerciali e finanziarie, travalicò i confini territoriali a partire dall'originaria zona appenninica del Mugello per diffondersi all'intera Toscana, all'Italia, all'Europa. Moltissimi personaggi appartenenti alla dinastia dei Medici costituirono figure di spicco per la storia, tra essi Lorenzo il Magnifico, i papi Leone X e Clemente VII e la regina di Francia, Caterina de' Medici.

La natura dipinta. Piante, fiori e...

Signorini M. A.
Aboca Edizioni 2018

Disponibile in 3 giorni

14,00 €
Palazzo Vecchio a Firenze è uno dei luoghi d'arte e di storia più conosciuti d'Italia e forse del mondo. Nei suoi appartamenti ducali e nelle sale di rappresentanza è testimoniato, per mano di artisti tra i maggiori del Rinascimento, il potere politico ed economico dei Medici. È però anche il sorprendente atto d'amore della famiglia ducale verso le meraviglie del mondo naturale. I regni della natura diventano qui, infatti, protagonisti non occasionali d'imponenti affreschi e raffinate decorazioni, creando un'opera variegata e ricchissima, forse irripetibile, che ancora oggi incanta milioni di visitatori provenienti da tutto il mondo. Questo libro, scritto da specialisti di discipline diverse, dalla storia dell'arte alla botanica, alla zoologia, è una guida alle immagini della natura contenute nelle stanze del palazzo e allo stesso tempo un saggio puntuale ed esaustivo che aiuta a comprendere le fondamenta simboliche e culturali di un capolavoro del Rinascimento.

Palazzo Citterio verso la grande Brera

Ranaldi A.
Skira 2018

Disponibile in 3 giorni

22,00 €
Acquistato dallo Stato nel 1972, Palazzo Citterio fu pensato da subito come indispensabile aggiunta per fare della Pinacoteca di Brera un museo moderno, dotato di servizi adeguati, con spazi per le opere del Novecento che si contava di acquisire da collezionisti milanesi. La storia del suo recupero è stata alquanto complessa, fatta di incertezze, opposizioni, cause legali, imprevisti tecnici, difficoltà finanziarie. Questo volume, ideale seguito del precedente, ne racconta l'ultimo atto che chiude, finalmente, il "caso Palazzo Citterio". Il difficile percorso per consegnare il Palazzo alla collettività, il progetto, il cantiere, la lunga stagione di restauri dagli anni Settanta a oggi vengono documentati attraverso le molte fotografie, i contributi di Carla Di Francesco (Ed ecco, finalmente, Palazzo Citterio!), Caterina Bon Valsassina (Il caso Palazzo Citterio: ultimo atto), Alberto Artioli (Programmi, progetti, interventi: un difficile percorso per consegnare il Palazzo alla collettività), Amerigo Restucci (Il progetto, il cantiere), Giovanni Carbonara (Una lunga stagione di restauri), Antonella Ranaldi (Sotto il segno di Ermes. Il buon fine di un travaglio), la sezione Dopo i lavori illustrata dalle fotografie di Maurizio Montagna e la Cronologia di Annamaria Terafina.

Villa Adriana. Passeggiate...

Cinque G. E.
Il Formichiere 2018

Disponibile in 3 giorni

29,00 €
La lussuosa residenza eretta tra il 118 e il 130 d.C. dall'imperatore Adriano ai piedi di Tivoli, che per le sue peculiarità aveva provocato stupore già tra i contemporanei, si connota ancora oggi come un'area monumentale caratterizzata da imponenti vestigia e da molteplici elementi di unicità. Questi, distinguendola dalle altre dimore imperiali, hanno contribuito alla sua iscrizione nella lista dei monumenti Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO come simbolo dell'Impero Romano. Questo volume, frutto del lavoro collettaneo di studiosi di diverse discipline, raccoglie saggi, schede tematiche, repertori iconografici, rilievi architettonici e una pianta aggiornata della Villa tiburtina. Tale documentazione sintetizza, aggiornandole, le conoscenze ad oggi attendibili sul complesso adrianeo, utili a nuove indagini, ma anche a chiunque intenda conoscere e apprezzare al meglio uno dei siti archeologici più noti al mondo. Testi: B. Adembri, G. E. Cinque, F. Di Stefano, E. Eramo, R. Hidalgo Prieto, N. Marconi, A. Ottati, C. Ruggero. Schede: D. Bigi, I. Carrasco, J. Ramón Carrillo, G. E. Cinque, L. Cipriani, F. Fantini, V. Florio, R. Hidalgo Prieto, N. Marconi, G. Ortiz Román, A. Ottati, Y. P.

Le ville venete. Ediz. a colori

Marzo Magno Alessandro
Biblioteca dell'Immagine 2018

Disponibile in 3 giorni

12,00 €
3803 sono le ville venete. Strabiliante. Un patrimonio incredibile che tutto il mondo ci invidia. Qui ne trovate, raccontate e disegnate molte. Da quelle famose a quelle dimenticate ma tutte sono state scelte perché ognuna di loro ha una storia incredibile. Sono così numerose e straordinariamente belle le ville Venete che dovremmo ringraziare continuamente coloro che le edificarono. Un patrimonio che tutto il mondo ci invidia. Un viaggio dentro le storie raccontate e disegnate per comprendere come sono state costruite, da chi, quali funzioni avevano e oggi come sono e di chi sono. Un libro costruito in due anni di lavoro.

Le ville friulane, istriane e...

Marzo Magno Alessandro
Biblioteca dell'Immagine 2018

Disponibile in 3 giorni

12,00 €
Sono 435 le ville friulane. A queste se ne aggiungono altre centinaia, istriane e dalmate, tra Spalato e Traù. Un vero e incredibile patrimonio che il mondo ci invidia. Purtroppo alcune sono dimenticate e non poche maltrattate. Qui ne trovate, raccontate e disegnate, molte. Da quelle famose a quelle meno note ma tutte sono state scelte perché ognuna di loro ha una storia incredibile. Da Villa Manin, definita da Dino Buzzati "enigmatica balena bianca maestosamente accovacciata sulla piatta pianura del Basso Friuli" costruita dai Manin così ricchi e potenti che Pietro Gradenigo, appartenente a una delle famiglie più antiche e illustri di Venezia, disse "Iga fato dose un furlàn, la republica xe morta". Previsione funesta ma vera perché sarà proprio Ludovico Manin, la sera del 12 maggio 1797, consegnando al valletto la cuffietta di lino bianco che si calzava sotto il corno dogale a dire "Tolè, questa no la usaròpiù". Ma se questa storia è ben conosciuta meno nota è la vicenda che vede protagonista Giacomo Casanova nel 1744. Casanova si trova a Orsera (Vrsar) in Istria, a Villa Borisi dove lascia un "regalo" alla governante di don Gerolamo la quale lo distribuisce con generosità a tutto il paese. Mesi dopo Casanova ritorna sul posto e il medico del paese lo riconosce e lo ringrazia infinitamente. Il "regalo" aveva reso ricco il medico avendo dovuto curare tutto il paese e chiede a Casanova la bontà di elargire di nuovo il suo dono perché le guarigioni avrebbero compromesso la continuazione del lauto guadagno. Sono tante e tante le storie raccontate e disegnate che rendono questo libro particolarmente intrigante.

Palazzo Brignole Durazzo alla...

Franzone Marco
Aguaplano 2018

Disponibile in 3 giorni

13,00 €
Palazzo Brignole Durazzo alla Meridiana fa parte del Sistema dei Palazzi dei Rolli, l'efficace stratagemma per supplire alla mancanza di un luogo rappresentativo del potere della Repubblica genovese in occasione delle visite dei dignitari stranieri. Realizzato entro il 1628 e inserito nei "rolli", in terza classe, soltanto nel 1664, Palazzo Brignole Durazzo vide l'intervento, intorno al 1700, di Gregorio e Lorenzo De Ferrari, che affrescarono le sale con la notevole quadreria e la collezione degli arazzi. Questo primo volume della collana su «Genova e i Palazzi dei Rolli» presenta il palazzo a partire da una nuova campagna fotografica e sulla scorta di importanti acquisizioni archivistiche e documentarie, proponendosi come una raffinata guida per il pubblico generalista e un utile strumento di ricerca per gli studiosi e gli addetti ai lavori.

Andare per regge e residenze

Merlotti Andrea
Il Mulino 2018

Disponibile in 3 giorni

12,00 €
Incontriamo, nella storia d'Italia, una lunga serie di sovrani di ogni genere - papi, re, duchi - grazie ai quali la penisola è stata costellata di regge e residenze prestigiose. Grandi architetti come Juvarra, Vanvitelli e Piermarini, affiancati da letterati e da artisti, hanno contribuito a trasporre sul piano della progettazione, dell'estetica, della decorazione le esigenze politiche e di autocelebrazione dei loro committenti. Sfilano così i Palazzi Vaticani e il Quirinale, ì Palazzi Reali di Torino, Genova, Milano, Firenze, Napoli e Venezia, le regge di Caserta, Colorno e Venaria, la villa reale di Monza. E insieme a questi sontuosi edifici incontriamo anche gli uomini che li vollero e che li fecero realizzare come teatro del proprio potere. Il viaggio non s'arresta con la caduta della monarchia, ma giunge al nostro presente: molte di tali regge e residenze, infatti, continuano a parlarci delle nostre identità.

La villa medicea di Poggio a...

Galetto Guido
Gangemi 2018

Disponibile in 3 giorni

40,00 €
La villa medicea di Poggio a Caiano fu l'oggetto d'amore dei suoi proprietari, primo fra tutti il suo fondatore, Lorenzo il Magnifico, che inventò il mito della driade Ambra che, per fuggire l'Ombrone, Diana trasformò nell'altura rocciosa su cui si erse la villa. Nella vivacità letteraria della sua corte, Poliziano rispose con una propria variante, l'Ambra, in cui la ninfa era figlia dell'Ombrone. "Fu da' primi anni questa ninfa amata/ dal suo Läur gentile, pastore alpino,/ d'un casto amore", affermava il suo Signore; "Ambra, mei Laurentis amor", ribadiva il poeta. Il libro offre un'ampia panoramica attraverso i secoli di questa splendida villa medicea, affrontando anche argomenti poco o per nulla trattati, come le decorazioni del soffitto di due sale del secondo piano mai studiate o l'analisi dei legami poco noti, ma all'epoca stretti, tra l'Atene degli Acciaiuoli e la Firenze dei Medici. Dei dipinti eseguiti nel '600 da Gabbiani e nell' '800 da Catani, è stata proposta l'identificazione di varie figure mai analizzate e dei temi lí raffigurati, rivelandone l'alta originalità e gli stretti rapporti con opere e cerimonie antiche. È stato poi dato rilievo alle committenze dei Medici e di Elisa Baciocchi, con la pubblicazione d'inediti documenti d'archivio.

Architecture in Mantua. From the...

Spinelli Luigi
Silvana 2018

Disponibile in 3 giorni

25,00 €
Risultato di una ricerca promossa dal Polo di Mantova del Politecnico di Milano, il libro restituisce un'immagine della città attraverso le sue architetture, sulla base di una campagna fotografica estesa a tutto il territorio urbanizzato. Sono stati selezionati cento casi di studio - dalle presenze medievali ancora leggibili nel tessuto della città all'episodio della Cartiera Burgo di Pier Luigi Nervi, una delle più interessanti realizzazioni di architettura moderna in Italia - documentati dalle fotografie di Marco Introini e descritti dai testi di Luigi Spinelli.

Castelli, ville e giardini....

De Luca Federica
Touring 2018

Disponibile in 3 giorni

9,90 €
Questo volume, dal formato piccolo e maneggevole suggerisce vere e proprie rotte tematiche attraverso sette regioni italiane, lasciando a ognuno la possibilità di allungarle e completarle con visite e soste supplementari. Sette gli itinerari proposti, dai titoli accattivanti - Sulle orme di Napoleone; Navigare nel verde; Un giorno da signori; Curiosità di sangue blu; Giardini storici; Castelli, giochi e misteri; Ciak sì gira - alcuni percorsi seguono idealmente la scia di eventi e personaggi che hanno segnato in modo indelebile l'evoluzione della società e influito sulla storia del Vecchio Continente; altri celebrano le eccellenze del Patrimonio UNESCO di cui l'Italia è costellata (e di cui vanta un primato unico al mondo) o invitano a scoprire, da altre prospettive, ville, parchi storici e giardini segreti; altri invece permettono di cogliere le curiosità, in molti casi poco note, di luoghi che si sono rivelati al mondo grazie al piccolo e al grande schermo, o che hanno legato il proprio nome a matrimoni e ricevimenti da fiaba. Spunti di viaggio da seguire sull'onda dell'emozione, del desiderio di immergersi in epoche e atmosfere sospese nel tempo. Ognuno corredato da una mappa d'insieme con un elenco selezionato di luoghi da non perdere e di indirizzi a cui rivolgersi per organizzare la propria esperienza. Un modo per accostarsi alle eccellenze del Bel Paese non solo per goderne la bellezza "di facciata", ma anche per riavvicinarsi al loro passato e coglierne l'essenza, fino quasi a sentirsi coprotagonisti della loro storia, pubblica e privata. Il suggerimento è di leggere questo volume tutto d'un fiato, come una raccolta di racconti brevi, più che come una classica guida turistica. Per poi calarsi in questo o quel percorso, farlo proprio e seguirlo secondo il tempo a disposizione e il desiderio di colmare quelle curiosità che fanno di ogni viaggio una piccola, appassionante avventura individuale. Ogni volta diversa, ogni volta nuova.

Dimore mantovane nel Rinascimento...

Girondi Giulio
Il Rio 2018

Disponibile in 3 giorni

20,00 €
Questo libro racconta, con ordine e precisione, ma con un taglio divulgativo e un linguaggio accessibile a tutti, i principali caratteri dell'architettura e dell'arte che le dimore private mantovane ricevettero nel primo Rinascimento, cioè all'incirca nel periodo compreso tra la dieta contro i Turchi del 1459 e l'arrivo di Giulio Romano nel 1524. Per farlo, si prenderanno in considerazione i modelli distributivi, con una particolare attenzione rivolta agli spazi di ingresso e alla loro natura "cerimoniale", l'articolazione delle facciate, esaminandone anche gli ornati lapidei, in cotto o dipinti, e, in fine, gli apparati decorativi fissi degli ambienti interni. Tutto questo cercando di cogliere le numerose derivazioni dai cantieri promossi dalla famiglia Gonzaga in uno dei momenti di maggiore gloria della dinastia.

Building the landscape. Residential...

Malfona Lina
LetteraVentidue 2018

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
La storia di un piccolo laboratorio di architettura, che negli ultimi dieci anni ha costruito una serie di residenze in una porzione di campagna a nord di Roma, offre l'occasione per condurre una riflessione sul ruolo dell'autorialità nel progetto contemporaneo. Disegni, foto e testi illustrano alcuni aspetti di quello che è stato concepito come un progetto strutturale, mettendo in luce nuove prospettive sulla costruzione del paesaggio italiano.

Il momento del riscatto. Palazzo...

Bellavite 2018

Disponibile in 3 giorni

23,00 €
Questo volume accompagna una mostra di fotografie che attestano la situazione di rovina di Palazzo Arese Borromeo e del suo Parco, dalla quale l'Amministrazione comunale partiva, senza bloccarsi in inutili deplorazioni, per attuarne il riscatto graduale in paesaggi, il primo del quale era l'acquisizione globale del bene.

I cicli pittorici di palazzo...

Lupattelli Simone
Ghaleb 2018

Disponibile in 3 giorni

15,00 €
La pubblicazione sui cicli pittorici di Palazzo Mariotti-Franciosoni, è il frutto del lavoro svolto dall'autore su uno dei monumenti meno conosciuti della città di Vetralla, un patrimonio da valorizzare, conservare e tutelare.

M'illumino d'immenso. La scala del...

La Scuola di Pitagora 2018

Disponibile in 3 giorni

40,00 €
L'eccezionalità del caso vede, in questo volume, la presenza di un'autorevole firma: Alfonso Gambardella, massimo studioso internazionale dell'architetto Ferdinando Sanfelice a cui rinvia il progetto della scala del palazzo Cassano Ayerbo d'Aragona a Napoli. Incerte sono le fonti archivistiche che documentano le trasformazioni del palazzo nobiliare, attualmente Casa Morra - Archivio d'Arte Contemporanea, e il nome dell'architetto ideatore della sua imponente scala settecentesca. La grandiosità della scala di palazzo Cassano Ayerbo d'Aragona consiste nell'essere un 'fuori scala' sia materiale che immateriale, un evento narrativo di grande emozione nella concezione 'immensa' di spazio architettonico. A pianta esagonale, il disegno dell'impianto planimetrico e altimetrico nasce dalla sapiente abilità del progettista di articolare forme geometriche elementari in uno spazio plastico e dinamico, vibrante di tensioni strutturali e visioni multiple, simmetriche e asimmetriche. Elementi, questi, tutti riconducibili alla poetica progettuale di Ferdinando Sanfelice.

Palazzo Penne a Napoli. Tra...

Campi Massimiliano
Arte'm 2018

Disponibile in 3 giorni

35,00 €
Palazzo Penne rappresenta uno dei rari esempi di architettura di impianto rinascimentale ancora esistente nel centro antico di Napoli e costituisce testimonianza tangibile delle vicende civili, politiche e artistiche della città, dal XV al XVIII secolo. La ricerca condotta nell'ambito dell'accordo di collaborazione scientifica tra l'ente attualmente proprietario della quattrocentesca dimora della famiglia Penne (agenzia regionale campana difesa suolo), il Dipartimento di Architettura e il Centro Interdipartimentale Urbaneco dell'Università Federico II di Napoli ha visto l'università mettere a servizio del proprio territorio le competenze tecniche e scientifiche in grado di affrontare un restauro di tale complessità...

Il palazzo di Bianca Cappello a...

Riva Costanza
Pontecorboli Editore 2018

Disponibile in 3 giorni

13,80 €
Sulla facciata di Palazzo Cappello, sotto forma di simboliche allegorie, vi è tutta la vita di Bianca Cappello e Francesco I de' Medici, e soprattutto il loro desiderio di compiere insieme - eternamente uniti - un percorso che si sposava perfettamente con un cammino più intimo, più nascosto, che solo con la profondità del cuore si può sperimentare. E' interessante soffermarsi sulla lettura simbolica della facciata del Palazzo di via Maggio a Firenze che ha visto nascere l'inizio dell'innamoramento di Bianca Cappello e Francesco I de' Medici: un percorso alchemico, che ben si sposa con le intime aspirazioni vissute dalla coppia. Guardando il prospetto esterno dell'edificio si può rimanere alquanto smarriti davanti a tante immagini allegoriche che sembrano susseguirsi senza un vero e proprio ordine iconologico, invece il filo conduttore per dare il via alla lettura di quei simboli c'è ed inizia proprio ai lati del portone d'ingresso per poi proseguire - di piano in piano - su tre ampie bande decorative. Le allegorie magistralmente raffigurate aprono ad una lettura che esula da tutte quelle formulate sino ad ora: quel tessuto di simboli vela un messaggio alchemico-sapienziale

L'architettura della villa moderna....

Boschi Antonello
Quodlibet 2018

Disponibile in 3 giorni

25,00 €
Preceduto da saggi introduttivi e contributi sulle singole opere, il terzo e ultimo dei volumi su "L'architettura della villa moderna" descrive gli anni durante i quali la riscrittura degli etimi moderni dell'architettura avviene sia attraverso il recupero dei linguaggi locali e di quelli legati alla tradizione che attraverso la riproposizione di schemi legati alle avanguardie del primo Novecento. Caratteristica essenziale dell'opera, come nei primi due volumi, è il ri-disegno alla stessa scala di un gran numero di ville del periodo, permettendo al lettore la comparazione non solo compositiva, linguistica o tecnologica, ma anche dimensionale delle singole abitazioni, rendendo evidenti sia i congegni distributivi che le innovazioni concettuali. La casistica estremamente ampia di exempla permette non solo di seguire tutte le evoluzioni del tipo all'interno dell'architettura contemporanea, ma anche di avere una sorta di manuale di soluzioni a specifici problemi di progettazione elaborate dai grandi maestri dell'architettura.