Storia delle Americhe

Filtri attivi

Theodore de Bry. America

Groesen Michiel van; Tise Larry
Taschen - 2019

Disponibilità Immediata

100,00 €
Quando l'editore e incisore fiammingo Theodore de Bry pubblicò il primo volume della sua serie America nel 1590, il Nuovo Mondo era, per la maggior parte degli europei, davvero sconosciuto. Ispirate ai racconti di viaggio di avventurieri come Thomas Harriot e Sir Walter Raleigh, le magnifiche incisioni di De Bry fecero scoprire il nuovo continente e i suoi abitanti a un pubblico estasiato al di là dell'Atlantico. Dalla 'Virginia' (oggi North Carolina) e dalla Florida attraverso l'America Centrale e giù, fino alla Patagonia, i primi nove volumi di America raffigurano panorami e incontri tra Nativi americani ed europei, rivelando la percezione che questi ultimi avevano delle popolazioni indigene. Le raffigurazioni delle scoperte degli europei e dei costumi dei Nativi americani erano basate sia sui resoconti degli esploratori sia sull'immaginazione di De Bry stesso, che però non era mai stato nel Nuovo Mondo. De Bry viveva a Francoforte ma definì le basi di questa serie a Londra, in collaborazione con gli artisti John White e Jacques Le Moyne, i cui acquerelli originali furono ripresi in apertura dei primi due volumi. De Bry fondò insieme ai suoi figli un'impresa di famiglia rinomata per le raffinate incisioni su rame, l'alta qualità delle illustrazioni e l'impareggiabile maestria dell'esecuzione. America ebbe una profonda influenza e diede corpo alle primissime visioni del mondo atlantico in Europa. Nei secoli successivi, innumerevoli illustratori europei trassero ispirazione da quella spettacolare raccolta di immagini. Questa edizione rende omaggio alla raffinata arte di De Bry, ristampando tutte le 218 lastre dei primi nove volumi insieme ai rispettivi frontespizi e alle mappe del continente. I volumi dall'I al VI sono basati sulle edizioni originali colorate a mano conservate nella John Hay Library e nella John Carter Brown Library presso la Brown University di Providence, nello stato di Rhode Island, USA; i volumi dal VII al IX sono basati sulle edizioni conservate presso la Staats- und Stadtbibliothek di Augusta, in Germania.

Il fascismo alla ricerca del «nuovo mondo»....

Giannattasio Valerio
Ombre Corte - 2018

Disponibilità Immediata

22,00 €
L'ascesa del regime di Mussolini segna l'inizio di un periodo di grande e inatteso interesse della pubblicistica italiana per l'America Latina. Sebbene le linee di tendenza appaiano per molti aspetti in continuità con quanto pubblicato durante l'Ottocento e i primi del Novecento, nel corso del ventennio si produce, infatti, una rilevante svolta nella riflessione e nell'interpretazione dei paesi latinoamericani. Sospinti dalle attenzioni riservate dal fascismo alla regione, una folta schiera di giornalisti, scrittori, viaggiatori e accademici prendono a frequentare assiduamente il subcontinente americano, favorendo un progressivo ampliamento quantitativo delle opere e, soprattutto, dell'orizzonte tematico, che inizia a spaziare dalla geografia alla composizione etnica, dall'analisi del quadro politico sino a quella delle relazioni internazionali, economiche e commerciali. Attraverso questa variegata letteratura emergono con sempre più evidenza, oltre a un panorama dell'area complesso e dalle molte sfaccettature, le mire geopolitiche del fascismo, specialmente verso le nazioni interessate da importanti flussi migratori provenienti dall'Italia. Sul finire degli anni venti, in particolare, vengono più schiettamente alla luce le intenzioni del regime mussoliniano, determinato a conquistare anche in quella parte del mondo nuovi bacini dove poter dispiegare i propri progetti di espansionismo ideologico, economico e culturale, nel solco di una nuova politica imperialista e di potenza. Queste ragioni, rinvigorite da un costante sentimento di vicinanza etnica e culturale, fanno sì che, tanto agli occhi degli scrittori quanto a quelli di influenti uomini di governo, l'America Latina divenga, parafrasando un fortunato titolo dell'epoca, un "problema fascista". Prefazione di Angelo Trento.

Filosofia prima

Salimbeni Michele
Taphros Editrice - 2018

Disponibilità Immediata

12,00 €
Il lettore troverà in questo libro qualche riflessione sul West americano. Si tratta di un'originale riflessione filosofica e storiografica, iconologica e critica. Ma non è tutto. Essa è filtrata - e qui sta la più grande novità - attraverso la verifica empirica del West americano e della vita dei cowboy.

Hernán Cortés. L'uomo che ha salvato il Messico

Cozzani Fabio
Cinquemarzo - 2018

Disponibilità Immediata

15,00 €
Hernán Cortés agli occhi di tutti è sempre stato un sanguinario conquistadores. Con questo saggio si vuol far luce sulla vera identità del nobile spagnolo che con il suo comportamento ha salvato il Messico dalla degenerazione in cui erano caduti gli Aztechi guidati da Montezuma. Sacrifici umani, cannibalismo, sodomie, violenze e idolatrie con Hernán Cortés sono finiti. Il giogo che affliggeva il popolo messicano, nel 1521 finalmente fini. La popolazione dopo centinaia di anni scoprì la vera fede che ancora oggi fa del popolo messicano uno dei popoli più cattolici del mondo.

La nudità come naufragio. Bozzetti e prove di...

Glantz Margo
Mimesis - 2017

Disponibilità Immediata

24,00 €
"La nudità come naufragio" raccoglie una serie di saggi che hanno come filo conduttore la riflessione sulla relazione tra processi di colonizzazione e scrittura, intesa nella sua accezione più letterale, quella che rinvia all'atto concreto di prendere la penna e tradurre il pensiero in parola. Il volume è suddiviso in due parti, che riuniscono scritti su tematiche distinte ma intimamente saldate nell'analisi dei meccanismi materiali e politici di acquisizione e posta in essere della scrittura, diritto negato ai popoli colonizzati e, in particolare, alle donne: da un lato, la conquista spagnola del Messico, tracciata nella rilettura delle "Cronache delle Indie" (Hernán Cortés, Bernal Díaz del Castillo, Bartolomé de Las Casas, Álvar Núñez Cabeza de Vaca) e, dall'altro, l'opera letteraria della monaca secentesca sor Juana Inés de la Cruz.

Cowboy. La realtà di un mito

Paleari Alberto
Edizioni dell'Ambrosino - 2016

Disponibilità Immediata

15,00 €
Scopo di questo libro è ristabilire la realtà del contesto in cui il mandriano agiva come gruppo e come singolo individuo, analizzandone con puntiglio da entomologo l'origine, il lavoro in ogni sua parte e la natura stessa dell'"uomo cowboy".

Autobiografia di una rivoluzionaria

Davis Angela
Minimum Fax - 2016

Disponibilità Immediata

13,00 €
"Non intendevo scrivere questo libro. Un'autobiografia, alla mia età, mi sembrava presuntuosa." Ma questa ragazza nera, comunista, giovane filosofa allieva di Marcuse, compagna del leader delle Black Panthers George Jackson, a poco più di vent'anni era già una stella polare per i movimenti dei diritti civili, in America e non solo. E la sua autobiografia, dal momento della sua pubblicazione nel 1974, è stato un classico assoluto della controcultura. Una "narrazione esemplare", intima e collettiva, su temi importanti come il razzismo, la povertà, l'oppressione del potere. Con un saggio di Luca Briasco

L'indipendenza dell'America spagnola. Dalla...

Morelli Federica
Mondadori Education - 2015

Disponibilità Immediata

17,00 €
Il passaggio dell'America spagnola all'indipendenza non è semplicemente una guerra di liberazione coloniale. È un processo frammentato e complesso, contraddistinto da continuità e discontinuità, da violenze e vendette collettive, in cui le esperienze al di là e al di qua dell'Atlantico si influenzano a vicenda. È la prima dissoluzione di uno di quei grandi insiemi multicomunitari, i sistemi imperiali dell'età moderna, che nel corso dell'Otto e del Novecento daranno vita a una pluralità di stati nazionali. Restituendo centralità alla dimensione imperiale, il libro propone una nuova interpretazione dell'indipendenza e della nascita degli stati ispano-americani: le rivoluzioni politiche e sociali non sono la causa del crollo della monarchia spagnola, ma la sua conseguenza. Solo molto lentamente, attraverso violente guerre e continue negoziazioni, si andranno configurando quegli spazi attorno a cui si formeranno le nuove nazioni.

I sette fuochi di Tashunka Witko. Cavallo Pazzo

Olivieri Pino
Croce Libreria - 2015

Disponibilità Immediata

18,00 €
Capelli Chiari è un ragazzino appartenente alla tribù degli Oglala, la grande nazione dei Lakota Sioux, e soffre disperatamente perché sogna di diventare un guerriero, ma è troppo piccolo per riuscire nel suo intento. Tuttavia, seguendo un lungo percorso di preparazione e di apprendimento dell'arte della guerra, diventerà il famoso Cavallo Pazzo, l'incubo dei bianchi.

L'America Latina. Un profilo

Campa Riccardo
Il Mulino - 2014

Disponibilità Immediata

55,00 €
L'America Latina, con l'ampliamento geografico del mondo, giunge finalmente alla modernità. Oriente e Occidente competono fra loro secondo un sistema di conoscenze che, dal Rinascimento all'illuminismo, propizia l'avvento dell'industrializzazione; Spagna e Portogallo devono fronteggiare i nuovi assetti territoriali americani che, sulla scorta dei movimenti rivoluzionari del Nord America anglosassone e dell'Europa continentale, ambiscono a configurarsi autonomamente nello scenario internazionale. Dopo un secolo e mezzo di drammatico riassestamento frontaliere e normativo, caratterizzato dall'instabilità autoritaria, l'influenza della tecnologia moderna consente di trasformare, sia pure gradualmente, l'antica economia agraria e padronale in economia industriale e dei servizi, contribuendo a instaurare, negli ultimi decenni del XX secolo, la democrazia rappresentativa, impegnata nel processo di modernizzazione dell'area e di promozione dei diritti positivi e dello sviluppo, secondo criteri di salvaguardia ambientale e comportamentale.

Compagni di stadio. Sócrates e la Democrazia...

Cavalcante Solange
Fandango Libri - 2014

Disponibilità Immediata

18,50 €
Negli anni bui e silenziosi della lunga dittatura militare brasiliana, una squadra di calcio ispirò un'intera nazione e contribuì al ritorno della democrazia e della libertà. Questa è la storia dell'ingenua Comune, repubblica democratica o incredibile soviet calcistico, che fiorì e prosperò in Brasile nello Sport Club Corinthians Paulista tra il 1981 e il 1985. Nello stesso popolarissimo club il destino riuscì a riunire un dirigente sociologo, un terzino sindacalista, un centravanti ribelle e un attaccante dal nome di filosofo, laureato in Medicina, Sócrates Brasileiro Sampaio de Souza Vieira de Oliveira, per il mondo intero semplicemente Sócrates. A loro si unirono un geniale pubblicitario, i compagni di gioco, di lotta, di vita, di stadio e il popolo brasiliano. Nelle stagioni 1982/83 il Corinthians di San Paolo vinse il campionato con la parola "Democracia" stampata sulle magliette. Una vittoria che, per Sócrates, fu "probabilmente il momento più perfetto della vita". Era il punto di arrivo di una battaglia iniziata con la Democrazia Corinthiana, il tentativo di trasformare l'autoritarismo con cui si gestivano le squadre di calcio in un sistema in cui tutti, dai massaggiatori alle riserve, condividevano le decisioni attraverso il voto: salari, contratti, cessioni e nuovi acquisti, arrivando addirittura a mettere in discussione il tabù dei ritiri prima delle partite. Genio e sregolatezza, Sócrates è diventato il simbolo di un calcio impegnato, amato in patria e nel mondo...

Il mondo atlantico e la globalizzazione. Europa...

Di Nolfo Ennio
Mondadori Università - 2014

Disponibilità Immediata

16,00 €
Esiste una stretta interdipendenza tra l'Unione Europea e gli Stati Uniti: il tema è al centro dei dibattiti del Parlamento europeo. Questo libro discute la divaricazione tra economia pianificata e economia capitalistica e il modo in cui i paesi occidentali vissero la Guerra fredda. Lo scontro bipolare era accompagnato da una dialettica interna al sistema atlantico. La fine dell'Urss mutò i rapporti globali, senza intaccare l'interdipendenza del modo di produzione capitalistico. Nacquero invece nuovi problemi, come la dominazione degli Stati Uniti e la crescita di nuove potenze, quali la Cina e l'India. Si trattava di sfide per il sistema atlantico, che continua a prevalere, ma che in prospettiva può essere sopraffatto dalla concorrenza asiatica. Di qui le ragioni di una nuova intesa atlantica che dia vita a un soggetto economico-politico che ricopra un ruolo centrale nell'economia globale. Tre capitoli del saggio documentano l'importanza del tema in termini statistici, in termini politici e con una ricostruzione delle fasi del negoziato.

Siamo ancora qui. Storia indigena del Chiapas e...

Ammetto Alessandro
Red Star Press - 2014

Disponibilità Immediata

22,00 €
In Chiapas la resistenza all'oppressione condivide con l'arrivo degli europei in Messico una storia lunga ormai più di cinquecento anni: una ribellione mai domata che, oggi, trova una degna incarnazione nella rivoluzione zapatista e nell'Esercito Zapatista

L'Isola di Pasqua. I misteri del più grande...

Métraux Alfred
Ghibli - 2014

Disponibilità Immediata

16,00 €
La scoprirono gli olandesi più di due secoli fa. Sperduta e meravigliosa, deserta e testimone di un'antica bellezza, Isola di Pasqua è rimasta avvolta nel mistero. Chi furono i primi abitanti? Perché scelsero una terra vulcanica, difficile e così poco este

Quei pochi giorni preziosi. Jack e John...

Andersen Christopher
Sperling & Kupfer - 2013

Disponibilità Immediata

18,00 €
John e Jackie: incredibilmente belli, potenti, glamour, follemente ricchi. L'incarnazione della coppia perfetta, almeno fino alla tragedia dell'omicidio, dopo la quale emersero sospetti, chiacchiere, ombre, sempre più fitte, sul passato di lui e sulle scel

Veti presidenziali. Presidenti e maggioranze...

Buratti Andrea
Carocci - 2013

Disponibilità Immediata

19,00 €
L'analisi dei 1.497 veti opposti dai presidenti americani (da George Washington a Barack Obama) consente di ricostruire le trasformazioni della presidenza, della forma di governo e, più in generale, della retorica democratica negli Stati Uniti d'America. Qui, dopo più di due secoli di storia costituzionale, il veto presidenziale appare oggi trasformato: dall'iniziale rafforzamento di una presidenza tribunizia al suo appropriarsi della produzione legislativa.

Rockefeller. Una dinastia americana

Collier Peter
Odoya - 2013

Disponibilità Immediata

25,00 €
Questa è l'incredibile storia di una dinastia americana. È la storia del padre che costruì la fortuna della famiglia. È la storia del figlio che riuscì a "ripulirne" il nome, macchiato da alcune azioni disinvolte del padre. È la storia dei nipoti che manipolarono nome e fortuna per i propri scopi. Ed è la storia dei pronipoti, che forse non avrebbero voluto ricevere in eredità né il nome né il denaro. Le vicende delle quattro generazioni Rockefeller sono un'autentica saga capace di superare l'inventiva di un autore di romanzi popolari. Eppure, per oltre un secolo, la storia dei Rockefeller è stata strettamente legata alla storia degli Stati Uniti: il potere della famiglia si accresceva mentre l'America si affermava come potenza internazionale. Le idee, i convincimenti morali, le nevrosi, i capricci dei Rockefeller, la loro sete di denaro o la loro generosità hanno influito non solo sul loro Paese, ma su gran parte del mondo, e ancor oggi, in qualsiasi parte del pianeta, se qualcuno è più o meno ricco, se ha problemi economici o no, lo deve, almeno in parte, a una decisione presa decenni prima nel grattacielo Rockefeller di New York. Collier e Horowitz, per scrivere quest'opera di riferimento, hanno avuto accesso agli archivi della famiglia e consultato documenti tenuti segreti per oltre mezzo secolo. Gli autori hanno anche parlato con i Rockefeller dell'ultima generazione.

La via cilena al socialismo. Scritti e...

Allende Salvador
Pgreco - 2013

Disponibilità Immediata

16,00 €
Il progetto di Allende era chiaro: costruire il socialismo in Sudamerica. Nelle scelte politiche, ma soprattutto in questi scritti c'è tutta la lucidità dell'intenzione che gli Usa non tollerarono. Questo libro riunisce gli scritti teorici di Salvador Allende, le sue considerazioni politiche e sociologiche più profonde. Probabilmente con queste opere Allende firmò una sorta di condanna all'ostilità nordamericana e degli oppositori interni. Forse firmò così la sua condanna a morte. Un testamento di un grande uomo politico e di un teorico che dimostra tutta la sua conoscenza della situazione politica internazionale.

Alle origini del conservatorismo americano....

Sanguinetti Oscar
D'Ettoris - 2013

Disponibilità Immediata

17,90 €
Yankee purosangue - nasce nel Vermont nel 1803 -, pastore protestante, poco oltre la trentina Brownson si emancipa dal conformismo umanitarista e socialista della East Coast, convertendosi al cattolicesimo. Brillante oratore e penna semplice ma graffiante, riversa nella sua nuova appartenenza lo zelo proselitistico della vecchia militanza e offre alla causa cattolica le armi affilate di un intelletto lucido e penetrante. Scrittore di valore, apologeta battagliero, divulgatore efficace, predicatore trascinante, organizzatore instancabile, acuto commentatore politico e religioso, nonché editore di classe, i suoi sforzi sono volti a liberare il cattolicesimo del suo Paese dai complessi d'inferiorità verso il protestantesimo, nonché a ridefinire in senso conservatore l'"ordine americano". Muore nel 1876 a Detroit. Figura per molti versi singolare, egli fissa le coordinate del pensiero conservatore cattolico d'ispirazione burkeana negli Stati Uniti dell'Ottocento e influenza in larga misura il movimento che verrà nel secolo XX.

Brevissima relazione della distruzione delle...

Las Casas Bartolomé de
Marsilio - 2012

Disponibilità Immediata

17,00 €
Nel 1552 Bartolomé de Las Casas dà alle stampe "la Brevissima relazione della distruzione delle Indie", vibrante atto d'accusa sulle violenze commesse dagli spagnoli nel Nuovo Mondo. Con questo memoriale, il frate domenicano invoca l'intervento dell'imperatore Carlo V, "padre e pastore" dei nuovi sudditi americani, per far cessare massacri e crudeltà. Con la radicale opposizione tra l'innocente bontà degli indios e la malvagità dei conquistatori, Las Casas dipinge l'invasione spagnola come un tragico flagello che ha snaturato la missione provvidenziale della corona: riunificare l'umanità in nome della fede cattolica e della fratellanza cristiana. Sarà la denuncia del genocidio materiale e spirituale degli indigeni americani compiuto da "lupi e tigri e leoni" mossi dalla brama dell'oro a determinare lo straordinario successo della "Brevissima", divenuto un classico della cronachistica spagnola sull'America. Oggi, come allora, l'opera di Las Casas più conosciuta e più letta mantiene intatto il suo valore di appassionata difesa dei diritti naturali dei popoli americani e riporta in primo piano il dovere morale del rispetto dei valori della persona.

Le relazioni tra Italia e Stati Uniti. Dal...

Ducci Lucia
Carocci - 2012

Disponibilità Immediata

16,00 €
Il volume ricostruisce i rapporti fra l'Italia e gli Stati Uniti dagli anni del Risorgimento alle ripercussioni degli attentati dell'11 settembre 2001, con particolare attenzione alla dimensione politico-istituzionale ma senza trascurare aspetti come i flussi migratori e la diplomazia culturale. Evidenzia come, partendo da una situazione di sostanziale indifferenza, le relazioni si siano poi intensificate dal primo conflitto mondiale, fino a quando, con la Guerra fredda, il governo italiano ha reso gli Stati Uniti l'interlocutore privilegiato, in parte abdicando alla sua sovranità e assoggettando la propria politica estera agli orientamenti americani, per perseguire una ricerca di status internazionale che ha continuato a fare affidamento su Washington anche dopo la fine del conflitto tra i blocchi.

Le anime del commercio. Pubblicità e consumi...

Fasce Ferdinando
Carocci - 2012

Disponibilità Immediata

17,50 €
La pubblicità ha una storia affascinante. Una storia che ha contrassegnato gli Stati Uniti del Novecento, dall'età dei commessi viaggiatori e degli imbonitori da fiera a quella del consumo diffuso, dei mass media, delle agenzie pubblicitarie. Il libro ripercorre questa storia e il lavoro di uomini e donne impegnati a persuadere i loro simili a consumare. Mostra come il commercio abbia avuto e abbia più "anime". E come la pubblicità sia stata e sia una sfida continua, materiale e simbolica, tra imprese, pubblicitari, media e consumatori.

I nuovi mandarini. Gli intellettuali e il...

Chomsky Noam
Il Saggiatore - 2012

Disponibilità Immediata

14,00 €
Pubblicato per la prima volta nel 1967, all'epoca dell'intervento in Vietnam, "I nuovi mandarini" è considerato ancora oggi come una delle più autorevoli prese di posizione contro le guerre americane. Chomsky denuncia come negli Stati Uniti i legami tra af

Desperados. L'epopea dei fuorilegge americani...

Horan James D.
Odoya - 2012

Disponibilità Immediata

18,00 €
In questo suo saggio narrativo ormai considerato un classico, Horan ripercorre le storie vere di leggendari banditi, fuorilegge e assaltatori di banche, treni e diligenze del West. Un ritratto di queste ombre a cavallo che attraversarono la scena del grande melodramma americano del Middle Border, dove si traccia un inedito parallelo tra la banda dei fratelli James e Younger e il famigerato Mucchio Selvaggio che circondava Butch Cassidy. Tutti uomini in carne e ossa, disperati e malvagi ma non privi di fascino. Il libro ci rivela così il carattere insicuro e ombroso nascosto dietro alla maschera da bandito di Jesse James, sfatando al contempo il mito del Robin Hood che non trascura mai una nobile attenzione nei confronti dei diseredati o un gesto galante verso il gentil sesso. La sua morte per mano di Bob Ford mise fine a un regno del terrore che sconvolse il Middle West per ben sedici anni. Ma ancora più a ovest Butch Cassidy, Sundance Kid e i loro compagni erano pronti a profilarsi e incombere sullo stesso "banditesco sentiero". Dal 1882 al 1889 il Mucchio Selvaggio formò un piccolo esercito che riunì centinaia di spietati razziatori, malviventi, giocatori d'azzardo, ladri di cavalli, ballerine d'infimo ordine e cowboy rinnegati. Dal loro covo sulle colline sfidarono il governo degli Stati Uniti tenendo testa a interi squadroni di cavalleria, fino a quando i suoi capi si trasferirono in Sud America, rimanendo simboli viventi di un'intera era della storia americana. Introduzione di Jim Dullenty.

Il vecchio e il nuovo nelle politiche...

Galloni Giovanni
Editori Riuniti Univ. Press - 2012

Disponibilità Immediata

18,00 €
Lo storico del domani riconoscerà nel crollo del muro di Berlino rappresentato dalla immagine sulla copertina - la data della fine della cultura moderna iniziata con la scoperta dell'America. Le anticipazioni della cultura postmoderna nascono in Italia dal confronto tra tutti i partiti antifascisti, i quali compirono non un compromesso ma un superamento delle rispettive ideologie raggiunto attraverso l'accordo sui principi fondamentali della Costituzione approvata, mentre sono nati negli Usa sotto la guida di Franklin Delano Roosevelt con il New Deal del 1934, che seguì la sconfitta nel 1929 del capitalismo e poi, con l'aiuto dell'Urss, anche del nazifascismo alla fine della seconda guerra mondiale e poi con la piena vittoria di Obama alla Presidenza della Repubblica nel 2008. Nel pensiero di Moro, di Berlinguer e di Dossetti fu segnato l'avvio della cultura postmoderna attraverso la indicazione delle tre unità da costruire nel mondo: la unità per il ripudio della guerra oltre che di tutti i paesi del mondo nell'Onu con la riduzione delle singole sovranità nazionali; il dialogo tra tutte le religioni spirituali del mondo con il reciproco riconoscimento e il rifiuto del fondamentalismo religioso; la unità del diritto nella giustizia secondo i principi delle rispettive Costituzioni. In conclusione, la auspicata vittoria di Obama nelle prossime elezioni americane del 6 novembre 2012 potranno accelerare l'avvio verso la cultura postmoderna? Prefazione di Furio Colombo.

Cristiada. Messico martire

Ziliani Luigi
Amicizia Cristiana - 2012

Disponibilità Immediata

15,00 €
La storia della Chiesa in Messico rappresenta un esempio di coraggio e resistenza, sottomessa a una violenta ostilità dal 1911 al 1940. Fu così aspra che Pio XI la paragonò a quella dei primi secoli cristiani. Le forze liberali e massoniche trionfatrici nel 1917, erano nelle mani di uomini visceralmente nemici della Chiesa, che operarono nel tentativo di cancellare per sempre l'uomo cattolico messicano. Una così forte intolleranza era dovuta al carattere popolare del Cattolicesimo messicano, la cui diffusione fra la gente era così incomoda da dover essere soppressa con la forza. All'inizio, poiché era impossibile realizzarlo con le armi, si cercò di farlo con le leggi. Ma quando si dimostrarono inefficaci, si tornò ai plotoni di esecuzione. Nessuno dei Martiri fu sottomesso a un processo legale; nessuno fu condannato per crimini accertati dalla legge. Come in ogni persecuzione, il motivo della condanna fu la semplice appartenenza esplicitamente professata a Gesù Cristo, confessato senza ambiguità con quel grido ripetuto mille volte da quei martiri prima di morire: "Viva Cristo Re! Viva la Vergine di Guadalupe!".

Guida politicamente scorretta alla storia degli...

Woods Thomas E. jr.; Brunetti M. (cur.)
D'Ettoris - 2012

Disponibilità Immediata

24,90 €
L'approccio di Woods alla storia americana, ha affermato lo storico Clyde N. Wilson, "è ardito, brillante, provocatorio e, cosa ancora più apprezzabile, è piacevole". L'opera, spiega l'autore nella sua prefazione, intende essere un'introduzione ad alcuni degli aspetti più controversi della storia americana - dalle origini coloniali fino all'"era Clinton" - quasi sempre presentati, anche di qua dell'oceano, con lenti ideologiche deformanti. Si potrà, allora, scoprire quanto gli ideali della guerra di indipendenza americana fossero lontani da quelli della Rivoluzione in Francia del 1789; che la cosiddetta "Guerra di secessione" non fu combattuta solo e principalmente per la schiavitù; che le politiche assistenziali nel New Deal e lo strapotere dei sindacati peggiorarono gli effetti della Grande Depressione; che l'infiltrazione comunista nelle stanze di Washington ai tempi del senatore McCarthy era reale; che la politica e la personalità di alcuni tra i presidenti più amati dall'establishment liberal - Abraham Lincoln, Franklin D. Roosevelt o John F. Kennedy - furono tutt'altro che esenti da ambiguità. Come per le altre guide, al testo sono affiancati riquadri che ne vivacizzano la lettura: suggerimenti bibliografici, citazioni sorprendenti, soprattutto di "parte avversa", e incursioni nel bizzarro mondo del politicamente corretto.

Oltre il secolo americano? Gli Stati Uniti...

Baritono R. (cur.); Vezzosi E. (cur.)
Carocci - 2011

Disponibilità Immediata

22,10 €
Attacco all'America, trauma, lacerazione, vulnerabilità, l'Orrore: sono solo alcune delle espressioni usate per evocare l'attentato alle Torri gemelle, l'11 settembre 2001. A dieci anni da quel tragico evento, si può azzardare una riflessione sul suo significato, sulla storia e sulla politica statunitense? Si può considerare l'11 settembre uno spartiacque, una data che segna un prima e un dopo? I saggi qui contenuti intendono offrire una risposta a questi interrogativi attraverso un'analisi degli anni compresi tra la presidenza Clinton e la presidenza Obama, affrontando temi centrali della storia e della realtà statunitense.

Camilo Cienfuegos

Franqui Carlos
Massari - 2011

Disponibilità Immediata

12,00 €
Era l'alba del 6 febbraio 1932, quando nel popolare quartiere avanero de La Vibora, in seno a un'umile famiglia di emigrati spagnoli, nacque un bel bimbo che i genitori Ramon Cienfuegos ed Emilia Gorriaràn chiamarono Camilo. Il 2 gennaio del 1959, 27 anni dopo, mentre milioni di cubani impazziti dalla gioia stavano celebrando sin dal giorno prima la festa della libertà, Camilo Cienfuegos - giovane guerrigliero di fama leggendaria, con l'aria di un Cristo cubano, bello, simpatico e allegro, che camminava come se ballasse un son veniva acclamato dagli abitanti dell'Avana. Dieci mesi dopo, il 28 ottobre dello stesso anno, come un lampo di breve durata, Camilo scomparve alla stessa velocità con cui era apparso: il Cessna in cui volava da Camagüey all'Avana non giunse mai a destinazione. Strana e misteriosa scomparsa. Queste pagine sono un breve ritratto della sua vita e delle sue gesta guerrigliere, così come delle circostanze drammatiche che precedettero la sua morte, origine di una serie di avvenimenti e situazioni che hanno cambiato il destino di Cuba.

Messico. La scoperta del passato

Matos Moctezuma Eduardo
Jaca Book - 2010

Disponibilità Immediata

110,00 €
Forse in nessun altro luogo meglio che in Messico, il passato archeologico è così profondamente legato alla costruzione della nazione. L'immaginario del passato indigeno e gli eventi che riguardano la sua graduale scoperta hanno letteralmente formato l'identità nazionale, fornendo una rappresentazione unitaria del Paese, altrimenti composto da culture, popoli e tradizioni linguistiche eterogenee. Il libro racconta l'immenso sforzo compiuto per ricostruire il passato indigeno messicano, che appare straordinariamente stratificato e, per questo motivo, difficile da essere tracciato e descritto. Nel periodo preispanico, gli Aztechi già conducevano scavi archeologici nel magnifico sito di Teotihuacan: la ricerca del passato era già incominciata prima dell'arrivo dei conquistadores. La conquista spagnola fu, come risaputo, un violento e drammatico evento, largamente distruttivo per le popolazioni precolombiane. Il lavoro della memoria, tuttavia, compiuto muovendo dalla persistente vitalità delle tradizioni indigene, è iniziato quasi immediatamente ed è rimasto costante nel corso dei secoli fino a che, nel XIX secolo, si è trasformato in una emergenza politica, in una missione nazionale. Oggi, il Messico possiede una rete di siti archeologici ben preservati, organizzati seguendo aggiornate idee museografiche, che permettono la comunicazione e l'intelligibiità del passato ai moderni utenti.

Immersione rapida. La storia segreta dello...

Sontag Sherry
Il Saggiatore - 2010

Disponibilità Immediata

11,00 €
Dopo sei anni di accurate ricerche, gli autori svelano finalmemte una storia di avventura, ingegno, coraggio e tragedia sotto i mari, coprendo il periodo che va dagli anni immediatamente successivi alla Seconda guerra mondiale fino alle attuali operazioni

L'impero invisibile. Destra e razzismo dalla...

Caldiron Guido
Manifestolibri - 2010

Disponibilità Immediata

20,00 €
Con l'elezione di Barack Obama, gli Stati Uniti sono entrati nella loro "era postrazziale"? Quel che è certo è che stando ai dati dell'ultimo censimento demografico nello spazio di un decennio, gli wasp, i bianchi di origine anglosassone e di fede protestante, che hanno diretto per quasi due secoli il paese, non rappresenteranno più la maggioranza della popolazione. Da tempo, del resto, è di difesa della cultura bianca, (definita come un misto di religione, stili di vita e spirito della frontiera), che sarebbe minacciata da milioni di nuovi immigrati latinos, che parlano la destra e i movimenti nativisti. Contro i clandestini si mobilitano i governatori repubblicani degli Stati del Sud, mentre l'intero partito, orfano dei Reagan e dei Bush, vede emergere al proprio interno figure sempre più radicali. Nella società americana, dove il fattore razziale ha giocato un ruolo determinante e dove organizzazioni fasciste come il Ku Klux Klan hanno goduto del sostegno di milioni di persone, i conservatori hanno agitato le paure dei piccoli bianchi per smontare le conquiste politiche e culturali degli anni Sessanta. Dall'abolizione della schiavitù all'ingresso del primo afroamericano alla Casa Bianca sono passati 150 anni, scanditi da violenze, discriminazioni e pregiudizi. Una storia che pesa ancora oggi sugli Stati Uniti.

Victorio. Guerriero e capo apache

Chamberlain Kathleen P.
Il Punto d'Incontro - 2010

Disponibilità Immediata

13,90 €
Strenuo difensore della propria gente durante le guerre contro gli invasori anglo-americani, il capo apache Victorio merita la stessa attenzione di personaggi più noti, come Cochise e Geronimo. Presentando la storia di questo guerriero del XIX secolo, Kathleen Chamberlain ce ne fa conoscere il ruolo nelle guerre apache e ne colloca la vicenda all'interno delle politiche fallimentari del governo americano versoi pellerossa e dell'odio nutrito dalle popolazioni americane e messicane della frontiera nei confronti degli Apache. Leader pragmatico e uomo profondamente spirituale, Victorio fu intrappolato nelle assurdità della politica sui pellerossa dopo la guerra civile e lottò per i bisogni materiali, fisici e spirituali dei nativi contro le ostinate decisioni sbagliate di Washington. Fuori dagli archivi militari la documentazione sulla vita di Victorio è scarsa, ma Chamberlain attinge a fonti etnografiche per farcene conoscere l'infanzia e la giovinezza e per abbozzare la tradizionale vita sociale, religiosa ed economica degli Apache di Warm Springs. Ricostruendo la vita di Victorio al di là dei conflitti militari, l'autrice ne interpreta il carattere e le azioni non solo come le videro i bianchi, ma anche come logica conseguenza del suo retaggio culturale e della sua visione del mondo.

La lingua della terra. I Mapuche in Argentina e...

Ray Leslie
BFS Edizioni - 2010

Disponibilità Immediata

20,00 €
La lunga storia della lotta di resistenza dei Mapuche, indigeni sudamericani oggetto di una politica segregazionista e repressiva da parte dei governi cileni e argentini. Il popolo della terra (traduzione letterale di Mapuche) è stato deportato in riserve, ridotto alla fame e alla marginalità sociale dalle logiche statali e dall'avidità dei proprietari terrieri e delle multinazionali (emblematico il conflitto con il gruppo Benetton). Con una scrittura chiara e appassionata, Leslie Ray ci racconta le tradizioni e l'identità culturale di un popolo "senza confini" che ha subito pesanti discriminazioni razziali negli ultimi due secoli. Quando l'autore incontrò per la prima volta le organizzazioni mapuche, era un winka, un "invasore", una persona di cui diffidare. Ora, dopo anni di esperienze condivise, è considerato un peñi, un "fratello". Forte di queste premesse, il libro narra l'avvincente e sofferta storia dei Mapuche, finalmente dal loro punto di vista.

La questione indigena in America latina

Giraudo Laura
Carocci - 2009

Disponibilità Immediata

14,50 €
L'America latina sta vivendo oggi un'interessante stagione "multiculturalista", e l'intenso protagonismo degli attori sociali e politici autoctoni ha riportato di grande attualità la cosiddetta "questione indigena". Il libro ripercorre alcuni momenti della storia latinoamericana (e internazionale), soffermandosi soprattutto sull'ultimo secolo, alla ricerca di eventi, processi, significati, interpretazioni, attori e istituzioni che hanno definito le peculiari configurazioni della questione indigena nel subcontinente. Nell'analizzare le vicende attuali e il nuovo indigenismo sorto in un contesto multiculturalista e all'ombra del modello neo-liberista, il libro illustra gli elementi di rottura e di continuità, proponendo una lettura critica delle sfide del tempo presente e del futuro immediato.

Il vero dottor Stranamore. Edward Teller e la...

Goodchild Peter
Cortina Raffaello - 2009

Disponibilità Immediata

36,00 €
"Uno dei baluardi della libertà americana"per il presidente Ronald Reagan;"un nemico dell'umanità" per il collega Isidor Rabi, Nobel per la fisica. Nel bene e nel male Edward Teller giganteggia come un protagonista del Novecento dalla nativa Ungheria alla

Patagonia. Invenzione e conquista di una terra...

Fiorani Flavio
Donzelli - 2009

Disponibilità Immediata

19,00 €
Luogo di immagini e immagine di altri luoghi, la Patagonia mantiene inalterata nei secoli la forza del suo mito. Se fino al Settecento la curiosità dei viaggiatori ha cercato il paradiso terrestre in queste remote terre australi, nel Novecento la Patagonia è divenuta una scena dell'atemporalità, un fondale immobile e arcaico in cui il racconto postmoderno di Bruce Chatwin e dei suoi epigoni trascrive un'erranza all'estremità del mondo. In questa terra, ci dice dunque l'autore, si può compiere soltanto un viaggio a ritroso nel tempo. La Patagonia irrompe infatti nella cultura e nell'immaginario europei come uno spazio estremo, una frontiera assoluta. Dal periplo di Magellano fino al Settecento, sarà oggetto di una continua invenzione: qui convergono motivi letterari e repertori simbolici, gli spazi australi creano l'illusione ottica del gigantismo dei suoi abitanti. Su questa regione incognita si proiettano i sogni di una città fantastica, il mito dell'Eldorado, e si costruisce un utopico "mondo alla rovescia". Nell'Ottocento i resoconti di naturalisti come Charles Darwin incorporano la Patagonia nella mappa del nuovo sapere scientifico. Più tardi, conquistato dalle campagne militari, diviene territorio dell'Argentina. Depurato dalla presenza dei "selvaggi", il "deserto" patagonico si trasforma in paesaggio di una nazione in marcia verso il progresso quando scienza e dominio della geografia declassano i popoli autoctoni a mero reperto museale condannato all'estinzione.

Storia della libertà americana

Foner Eric
Donzelli - 2009

Disponibilità Immediata

18,00 €
"'Freedom' è la parola che più di ogni altra connota l'intera storia degli Stati Uniti d'America. Dalla Rivoluzione settecentesca ai giorni nostri, per gli americani la libertà è stata insieme una terra promessa e un campo di battaglia, il più forte legame culturale e la più pericolosa linea di tensione. Di sicuro è il valore più caro, il più forte marcatore di identità. La Dichiarazione d'Indipendenza ha annoverato la libertà tra i diritti inalienabili dell'umanità; la Costituzione americana si è proposta di assicurarne a tutti i benefici; per essa, o contro di essa, è stata combattuta la Guerra civile; a suo nome si è ripetuta la battaglia contro la schiavitù e contro l'apartheid. E, infine, la difesa della libertà anche al di fuori dei propri confini è stato il dichiarato criterio ispiratore - e insieme il principale schermo ideologico - della politica estera americana, dalla seconda guerra mondiale alla guerra fredda, da Cuba al Vietnam, dalla guerra del Golfo a quella del Kosovo. Tutta la vicenda americana si riassume insomma attorno a questo concetto-chiave: una verità vivente e incontrovertibile, per alcuni americani; un paravento e una crudele menzogna per altri." (Presentazione di Alessandro Portelli)

Pretty Shield. La donna-medicina dei Crow

Linderman Frank B.
Il Punto d'Incontro - 2009

Disponibilità Immediata

11,90 €
Una leggendaria donna-medicina dei Crow ci racconta com'era la vita nelle Grandi Pianure Quando i bisonti erano ancora numerosi. Saggia guaritrice, energica, abile e compassionevole, visse un periodo di enormi cambiamenti Quando la sua gente, originariamente nomade, venne obbligata a vivere nelle riserve alla fine del XIX secolo. Pubblicato nel 1932 e divenuto subito un classico, "Pretty Shield" è stato il primo libro che ha descritto la vita, le responsabilità e le aspirazioni delle donne crow; l'infanzia indiana, i semplici giochi e le bam¬bole, i lavori delle ragazze e delle donne. Attraverso gli occhi di Questa grande donna riusciamo a vedere il corteggiamento, il matrimonio, il parto e lo svezzamento dei bambini, i sogni di guarigione, la cura dei malati e altre sfaccettature della femminilità crow.

Michelle Obama. First Lady della speranza

Lightfoot Elizabeth
Nutrimenti - 2009

Disponibilità Immediata

18,00 €
Barack Obama la chiama scherzosamente "The Boss". Lei, con ironia pungente, in riferimento alla questione razziale negli Usa, si è definita "un errore statistico". Di certo Michelle Obama, prima first lady afroamericana degli Stati Uniti, sembra destinata

Il vento dal basso. Nel Messico della...

Sergi Vittorio
editpress - 2009

Disponibilità Immediata

16,00 €
Questo libro critica i luoghi comuni e le rappresentazioni romantiche dello zapatismo e dei movimenti sociali messicani, fornendo un contributo utile tanto alla ricerca sociale quanto all'azione politica e solidale. Oggi in Messico si sta manifestando il nuovo disordine mondiale che Marcos ha definito quarta guerra mondiale. L'autore traccia una mappa del presente e dei possibili sviluppi di un conflitto che procede verso l'attualità della categoria di rivoluzione. Il movimento zapatista rimane infatti uno dei tentativi e delle ipotesi di cambiamento sociale radicale più interessanti, tanto in Messico come nel continente Americano ed esercita un'importante influenza sui movimenti politici radicali nel "nord" del pianeta.

Conquista. La distruzione degli indios americani

Livi Bacci Massimo
Il Mulino - 2009

Disponibilità Immediata

16,00 €
Quali furono le cause e i meccanismi della catastrofe demografica seguita alla scoperta dell'America? La documentazione giunta fino a noi è straordinariamente ricca: conquistadores, religiosi, uomini di legge, funzionari e mercanti scrivevano memorie e rapporti, stilavano atti, svolgevano inchieste, emettevano sentenze. Il mondo indigeno, per parte sua, ha lasciato eloquenti tracce degli eventi e molte testimonianze dirette dello spietato soggiogamento perseguito dagli europei. Facendo parlare queste fonti, Livi Bacci dimostra che il rovinoso declino degli indios non fu la conseguenza inevitabile del contatto con gli europei, ma un risultato cui contribuirono sia i modi della Conquista, sia la natura delle società sottomesse.

Il sentiero delle lacrime. Storia degli...

Buffarini Domenico
Biblioteca dell'Immagine - 2008

Disponibilità Immediata

12,50 €
Nel terzo volume si raccontano le Prime Guerre e i Trattati, i combattimenti dei Creek, la grande pulizia etnica, le deportazioni dei Cherokee, le guerre Seminole, e l'inizio della corsa all'Impero Americano.

In populo pauperum. La Chiesa latinoamericana...

Scatena Silvia
Il Mulino - 2008

Disponibilità Immediata

35,00 €
Luogo di incontro fra le profonde trasformazioni che investono l'America Latina negli anni Sessanta e il processo di rinnovamento teologico avviato dal concilio Vaticano II, la conferenza dell'episcopato latinoamericano tenutasi nel 1968 a Medellín, in Colombia, ha segnato un prima e un poi nella storia della chiesa continentale. Attraverso l'esame di documentazione inedita, questo volume si propone di contribuire ad una conoscenza più approfondita dell'ampio processo ecclesiale che portò la chiesa latinoamericana dal concilio all'assemblea di Medellín.

Suicidi in capo al mondo. Cronaca di un paese...

Guerriero Leila
Marcos y Marcos - 2007

Disponibilità Immediata

14,50 €
Las Heras, una cittadina in capo al mondo. Nella Patagonia argentina, ma lontana dalle rotte turistiche. Una comunità tranquilla, dignitosa, che per secoli vive di pastorizia e agricoltura. Cinquemila abitanti poveri, ma non alla fame. Cinquemila persone unite da fierezza, tradizioni, speranze. Poi cambia tutto. Perché Las Heras si trova su un enorme giacimento di oro nero: arrivano i falchi del petrolio, e si diffonde la sensazione che sia arrivato un bastimento carico di soldi e modernità. Passa qualche tempo, ma a Las Heras il grande salto non c'è stato: i soldi sono andati tutti nelle tasche dei petrolieri. In meno di un paio d'anni, a Las Heras dodici giovani si suicidano: Leila parte per la città e indaga, e la sua voce restituisce al lettore le vite dei giovani suicidi, la testimonianza delle persone a loro vicine.

Vite di riserva

Onofri Sandro
Fandango Libri - 2006

Disponibilità Immediata

17,50 €
In questo libro si conosce il destino miserabile degli indiani d'America, oggi detti, "nativi", che l'autore va a visitare nelle squallide porzioni di terra loro concesse dal governo degli Stati Uniti, le riserve, appunto, e ritrae nell'atto di rimandare a domani il loro ultimo respiro. Questo libro è il sopralluogo nella loro agonia, agonia di una cultura oltre che di un popolo, ancora più vergognosa perché artificialmente prolungata dall'accanimento conservativo con cui i "visi pallidi" continuano ad alimentare il mito costruito attorno ai pellirossa dopo averli sterminati.

Anima pellerossa. La voce del piccolo grande...

Sequichie Hifler Joyce
Il Punto d'Incontro - 2006

Disponibilità Immediata

11,90 €
Dall'autrice del best-seller "Diario pellerossa" una nuova raccolta di brani tratti dai discorsi di famosi capi indiani. Da Cochise a Satanta, da Geronimo ad Alce Nero e a Cavallo Pazzo, oltre centoventi rappresentanti del "piccolo grande popolo" ci offrono una meditazione per ogni giorno dell'anno. Scritto con animo nobile e sincero da una discendente del clan Cherokee dei Sequichie, "Anima pellerossa" ha il potere di arricchire la vita e lo spirito di coloro che desiderano riscoprire i segreti della semplicità, del rispetto reciproco, dell'amore per la natura e per tutte le creature.

Il sentiero delle lacrime. Storia degli...

Buffarini Domenico
Biblioteca dell'Immagine - 2006

Disponibilità Immediata

12,50 €
Questo è il primo volume della grande storia degli Indiani d'America. Un'opera importante, che raccoglie in maniera dettagliata la storia dei Nativi Americani. Dalla conquista spagnola del nuovo continente ai giorni nostri. Quest'opera si divide in sei volumi, qui viene presentanto il primo della serie.