Storia delle Americhe

Filtri attivi

Zeitoun

Eggers Dave
Feltrinelli

Disponibilità immediata

11,00 €
Quando l'uragano Katrina si abbattsu New Orleans, Abdulrahman Zeitoun, un americano di origini siriane, benestante e padre di quattro figli, decise di sfidare la tempesta e di restare in citt per proteggere la propria casa e l'attivitlavorativa di ristrutturazioni immobiliari. Nei giorni successivi si mise a girare per le strade allagate su una canoa di seconda mano, portando aiuti e viveri alle persone e agli animali bloccati nelle case dall'inondazione. Ma il 6 settembre 2005 Zeitoun sparall'improvviso. La moglie, sfollata con i figli nel Texas, disperata cercdi avere sue notizie, nel timore che gli fosse successo qualcosa di molto brutto. Cosa successe ad Abdulrahman Zeitoun? In questa opera di non-fiction, per la quale ha condotto ricerche e lavorato per tre anni, Dave Eggers, sulle tracce delle radici siriane del protagonista, racconta il suo matrimonio con Kathy - un'americana convertitasi all'Islam, la nascita dei figli, e soprattutto dipinge magistralmente l'atmosfera surreale (a New Orleans e negli Stati Uniti) che ha reso possibile quanto accaduto a Zeitoun.

Verso Ovest. Storia e mitologia del...

Cartosio Bruno
Feltrinelli

Disponibilità immediata

15,00 €
Chicago, 1893. La CittBianca, sede dell'Esposizione mondiale colombiana, nell'anniversario dei quattrocento anni della scoperta dell'America. Gli Stati Uniti proclamano al mondo la loro volontdi potenza e il cammino che hanno fatto in poco pidi un secolo di storia. Il giovane Frederick Jackson Turner sale al podio per esporre la sua relazione su "Il significato della frontiera nella storia americana". Nello stesso momento Buffalo Bill, il cui nome gidiventato sinonimo di cowboy, si sta esibendo nel suo spettacolo grandioso e popolarissimo, il Wild West. Quello che hanno in comune l'uomo di spettacolo e il giovane ricercatore che fonda su una nuova base l'interpretazione della storia nazionale la celebrazione della raggiunta grandezza degli Stati Uniti. Bruno Cartosio parte da qui per ripercorrere i fatti della "conquista del West" e raccontarne miti e rappresentazioni. Indaga la vitalitdel mito e la sua capacitdi assorbire contraddizioni, passi falsi, bugie e, in ultima analisi, di dare forma a un pezzo di storia americana e mondiale. un viaggio caleidoscopico, compiuto cercando di separare realte leggenda, ma al tempo stesso rivelandone gli intrecci e le interdipendenze. Con sguardo critico, Cartosio mostra come la costruzione ottocentesca del mito, poi esportato in tutto il mondo dai western di Hollywood, abbia forgiato l'identitamericana, accompagnando e spesso coprendo con la maschera dell'avventura le realtdella violenza anti-indiana, della vita dura di singoli e famiglie, della conquista e dello sfruttamento rapinoso delle risorse di una terra ricca e generosa.

Breve storia degli Stati Uniti...

Remini Robert Vincent
Bompiani 2019

Disponibile in 3 giorni

22,00 €
Robert Remini in questo volume ci offre una storia breve, accessibile e vivace del paese più importante economicamente e politicamente del XX secolo... Remini illustra come la comunità di coloni inglesi abbia sviluppato un'identità nazionale con un forte senso di sovranità, indipendenza, passando per governi repubblicani e democratici. I passaggi storici dalla guerra civile alla fine del novecento sono molto utili come guida alla comprensione del presente della nazione e per l'analisi della situazione politica della superpotenza nel contesto internazionale.

Theodore de Bry. America

Groesen Michiel van; Tise Larry
Taschen 2019

Disponibile in 3 giorni

100,00 €
Quando l'editore e incisore fiammingo Theodore de Bry pubblicò il primo volume della sua serie America nel 1590, il Nuovo Mondo era, per la maggior parte degli europei, davvero sconosciuto. Ispirate ai racconti di viaggio di avventurieri come Thomas Harriot e Sir Walter Raleigh, le magnifiche incisioni di De Bry fecero scoprire il nuovo continente e i suoi abitanti a un pubblico estasiato al di là dell'Atlantico. Dalla 'Virginia' (oggi North Carolina) e dalla Florida attraverso l'America Centrale e giù, fino alla Patagonia, i primi nove volumi di America raffigurano panorami e incontri tra Nativi americani ed europei, rivelando la percezione che questi ultimi avevano delle popolazioni indigene. Le raffigurazioni delle scoperte degli europei e dei costumi dei Nativi americani erano basate sia sui resoconti degli esploratori sia sull'immaginazione di De Bry stesso, che però non era mai stato nel Nuovo Mondo. De Bry viveva a Francoforte ma definì le basi di questa serie a Londra, in collaborazione con gli artisti John White e Jacques Le Moyne, i cui acquerelli originali furono ripresi in apertura dei primi due volumi. De Bry fondò insieme ai suoi figli un'impresa di famiglia rinomata per le raffinate incisioni su rame, l'alta qualità delle illustrazioni e l'impareggiabile maestria dell'esecuzione. America ebbe una profonda influenza e diede corpo alle primissime visioni del mondo atlantico in Europa. Nei secoli successivi, innumerevoli illustratori europei trassero ispirazione da quella spettacolare raccolta di immagini. Questa edizione rende omaggio alla raffinata arte di De Bry, ristampando tutte le 218 lastre dei primi nove volumi insieme ai rispettivi frontespizi e alle mappe del continente. I volumi dall'I al VI sono basati sulle edizioni originali colorate a mano conservate nella John Hay Library e nella John Carter Brown Library presso la Brown University di Providence, nello stato di Rhode Island, USA; i volumi dal VII al IX sono basati sulle edizioni conservate presso la Staats- und Stadtbibliothek di Augusta, in Germania.

Filosofia prima

Salimbeni Michele
Taphros Editrice 2018

Disponibile in 3 giorni

12,00 €
Il lettore troverà in questo libro qualche riflessione sul West americano. Si tratta di un'originale riflessione filosofica e storiografica, iconologica e critica. Ma non è tutto. Essa è filtrata - e qui sta la più grande novità - attraverso la verifica empirica del West americano e della vita dei cowboy.

Hernán Cortés. L'uomo che ha...

Cozzani Fabio
Cinquemarzo 2018

Disponibile in 3 giorni

15,00 €
Hernán Cortés agli occhi di tutti è sempre stato un sanguinario conquistadores. Con questo saggio si vuol far luce sulla vera identità del nobile spagnolo che con il suo comportamento ha salvato il Messico dalla degenerazione in cui erano caduti gli Aztechi guidati da Montezuma. Sacrifici umani, cannibalismo, sodomie, violenze e idolatrie con Hernán Cortés sono finiti. Il giogo che affliggeva il popolo messicano, nel 1521 finalmente fini. La popolazione dopo centinaia di anni scoprì la vera fede che ancora oggi fa del popolo messicano uno dei popoli più cattolici del mondo.

Ossessioni americane. Storia del...

Teodori Massimo
Marsilio 2017

Disponibile in 3 giorni

15,00 €
La storia degli Stati Uniti non è solo la brillante vicenda di una democrazia aperta, di una società ricca e all'avanguardia del mondo contemporaneo. Accanto all'America come luogo della libertà che amiamo, c'è un lato oscuro, dove le paure e le ossessioni hanno dato corpo negli ultimi due secoli a movimenti politici e sociali capaci di segnare un risvolto dell'identità nazionale. La storia degli Stati Uniti, allora, è anche quella dei nativisti - ossessionati dalla «supremazia bianca» -, dei populisti - cantori dell'America profonda custode delle virtù tradizionali in declino -, degli isolazionisti - che tra le guerre mondiali si rinchiusero nel nazionalismo dell'«America First» contro la guerra a Hitler -, e degli autoritari - che fiorirono in tutte le stagioni fino al Red Scare degli anni venti e al maccartismo degli anni cinquanta. Massimo Teodori descrive come nel tempo gli americani tradizionalisti con le loro ossessioni abbiano trasformato il patriottismo in nazionalismo e l'amore per la propria comunità in razzismo. Il libro conclude che, quali che siano i tentativi autoritari, l'America resta una società aperta che rispetta la democrazia e i diritti civili perché il suo sistema politico e costituzionale possiede gli antidoti per reagire ad ogni abuso di potere presidenziale.

La legge del più forte. Storia dei...

Barbieri Luca
Odoya 2017

Disponibile in 3 giorni

14,00 €
Un libro appassionante che invita il lettore a un appuntamento con i più celebri protagonisti del Far West, entrati nell'immaginario collettivo come cavalieri di nobile coraggio, ma di fatto farabutti della peggior specie e squallidi assassini. Vicende biografiche, atrocità e curiosi aneddoti, come la ricostruzione della sparatoria dell'OK Corral, riportati con precisione storica e dovizia di particolari; un ritratto feroce degli uomini, delle armi e dei duelli della Frontiera dove vigeva "La legge del più forte"...

La vera storia del «Che»

Cormier Jean; Guevara Hilda; Granado Alberto
BUR Biblioteca Univ. Rizzoli 2017

Disponibile in 3 giorni

15,00 €
"La purezza del Che e la sua morte tragica lasciano spalancate le porte del sogno" scrive Jean Cormier, che ha trascorso sette anni a indagare su questo personaggio leggendario, incontrando i suoi compagni di lotta, i membri della sua famiglia, i politici e gli intellettuali che lo affiancarono. Il risultato è questa appassionante biografia a cui hanno collaborato Hilda Guevara, figlia del Che, e Alberto Granado, amico d'infanzia che lo accompagnò nel suo viaggio giovanile in motocicletta attraverso il Sud America. Ma la ricerca non si ferma qui: a questa edizione aggiornata si uniscono nuove voci, come quella di Juan-Martin, fratello minore di Ernesto, di suo figlio Camilo, e quelle di altri personaggi che, con il loro contributo, rinnovano i particolari più emozionanti per comprenderne meglio la complessità. Attraverso il racconto della sua formazione e della sua lotta, Cormier anima quella icona di capo rivoluzionario carismatico che ha motivato un'intera generazione di giovani tra gli anni Sessanta e Settanta. Dalla nascita ai viaggi dell'adolescenza, a quelli giovanili nei Paesi sudamericani in cui si formò la sua coscienza politica, all'attività di medico, a quella di guerrigliero. Dalla sua dedizione totale alla causa dell'America Latina oppressa dal capitalismo americano fino al coinvolgimento personale nelle ingiustizie perpetrate verso gli oppressi di tutto il mondo.

Cowboy. La realtà di un mito

Paleari Alberto
Edizioni dell'Ambrosino 2016

Disponibile in 3 giorni

15,00 €
Scopo di questo libro è ristabilire la realtà del contesto in cui il mandriano agiva come gruppo e come singolo individuo, analizzandone con puntiglio da entomologo l'origine, il lavoro in ogni sua parte e la natura stessa dell'"uomo cowboy".

L'indipendenza dell'America...

Morelli Federica
Mondadori Education 2015

Disponibile in 3 giorni

17,00 €
Il passaggio dell'America spagnola all'indipendenza non è semplicemente una guerra di liberazione coloniale. È un processo frammentato e complesso, contraddistinto da continuità e discontinuità, da violenze e vendette collettive, in cui le esperienze al di là e al di qua dell'Atlantico si influenzano a vicenda. È la prima dissoluzione di uno di quei grandi insiemi multicomunitari, i sistemi imperiali dell'età moderna, che nel corso dell'Otto e del Novecento daranno vita a una pluralità di stati nazionali. Restituendo centralità alla dimensione imperiale, il libro propone una nuova interpretazione dell'indipendenza e della nascita degli stati ispano-americani: le rivoluzioni politiche e sociali non sono la causa del crollo della monarchia spagnola, ma la sua conseguenza. Solo molto lentamente, attraverso violente guerre e continue negoziazioni, si andranno configurando quegli spazi attorno a cui si formeranno le nuove nazioni.

Storia vera e terribile tra Sicilia...

Deaglio Enrico
Sellerio Editore Palermo 2015

Disponibile in 3 giorni

14,00 €
In una calda notte di luglio del 1899, la sconosciuta Tallulah - un puntino sulla mappa del Nuovo Mondo, trecento chilometri a nord della famosa New Orleans - fu teatro di un linciaggio collettivo, immotivato e feroce. La causa? Una capra abbandonata per s

Il paese dell'utopia. Viaggio...

Martinelli Leonardo
Laterza 2015

Disponibile in 3 giorni

13,00 €
Negli ultimi anni la sinistra di tutto il mondo ha trovato la sua fonte di ispirazione principale in un piccolo paese del Sudamerica, l'Uruguay. Il protagonista di questa storia è senza dubbio José Mujica, ex guerrigliero tupamaro e poi presidente, personaggio inclassificabile e anticonformista, promotore di una serena austerità. Oltre a segnare progressi nella lotta alla povertà, il presidente ha lanciato il paese in progetti innovativi a livello mondiale, come la legalizzazione della marijuana o il programma che ha portato un computer a tutti gli studenti, anche nella pampa più sperduta. Ma tutto il paese è da sempre ricco di storie di visionari. In questo viaggio incontriamo persone originali e coraggiose, storie in contrasto con il vittimismo e la noncuranza della nostra Europa.

Il declino dell'impero americano

Romano Sergio
Longanesi 2014

Disponibile in 3 giorni

14,90 €
Nel 2003, con "Il rischio americano", Sergio Romano affermava, nella nuova fase politica internazionale iniziata dopo gli attentati dell'11 settembre, che gli Stati Uniti, unica superpotenza mondiale, avevano agito con arroganza anche perché l'Europa era stata assente o insignificante. Poco più di dieci anni dopo, in un contesto di continua fibrillazione acuita dalla perdurante crisi economica apertasi nel 2007/2008, la domanda di fondo è sempre la stessa: cosa vuol fare l'Europa da grande? Se il declino degli Stati Uniti come impero mondiale sembra evidente, non altrettanto chiaro è il modo in cui gli americani sapranno attraversare questa fase della loro storia. La condizione imperiale è una droga da cui non è facile disintossicarsi. La parabola del declino americano sarà tanto meno rischiosa quanto più sarà accompagnata dalle scelte ragionevoli di Cina, Russia, Brasile, Iran e di altri paesi. Ma la responsabilità maggiore è dell'Unione europea, che non può assecondare l'America in ciò che rimane della sua politica imperiale, e le sarà tanto più utile quanto più diverrà, in una realtà multipolare, una sorta di Svizzera continentale. Per gli americani che ancora credono nella vocazione imperiale del loro paese, un'Europa divisa è il migliore degli alleati possibili. E l'unità europea si farà soltanto a dispetto dell'America: per garantire un ruolo all'Europa in un mondo in cui lo spazio creato dal declino americano verrebbe riempito da potenze extraeuropee.

Compagni di stadio. Sócrates e la...

Cavalcante Solange
Fandango Libri 2014

Disponibile in 3 giorni

18,50 €
Negli anni bui e silenziosi della lunga dittatura militare brasiliana, una squadra di calcio ispirò un'intera nazione e contribuì al ritorno della democrazia e della libertà. Questa è la storia dell'ingenua Comune, repubblica democratica o incredibile soviet calcistico, che fiorì e prosperò in Brasile nello Sport Club Corinthians Paulista tra il 1981 e il 1985. Nello stesso popolarissimo club il destino riuscì a riunire un dirigente sociologo, un terzino sindacalista, un centravanti ribelle e un attaccante dal nome di filosofo, laureato in Medicina, Sócrates Brasileiro Sampaio de Souza Vieira de Oliveira, per il mondo intero semplicemente Sócrates. A loro si unirono un geniale pubblicitario, i compagni di gioco, di lotta, di vita, di stadio e il popolo brasiliano. Nelle stagioni 1982/83 il Corinthians di San Paolo vinse il campionato con la parola "Democracia" stampata sulle magliette. Una vittoria che, per Sócrates, fu "probabilmente il momento più perfetto della vita". Era il punto di arrivo di una battaglia iniziata con la Democrazia Corinthiana, il tentativo di trasformare l'autoritarismo con cui si gestivano le squadre di calcio in un sistema in cui tutti, dai massaggiatori alle riserve, condividevano le decisioni attraverso il voto: salari, contratti, cessioni e nuovi acquisti, arrivando addirittura a mettere in discussione il tabù dei ritiri prima delle partite. Genio e sregolatezza, Sócrates è diventato il simbolo di un calcio impegnato, amato in patria e nel mondo...

Il mondo atlantico e la...

Di Nolfo Ennio
Mondadori Università 2014

Disponibile in 3 giorni

16,00 €
Esiste una stretta interdipendenza tra l'Unione Europea e gli Stati Uniti: il tema è al centro dei dibattiti del Parlamento europeo. Questo libro discute la divaricazione tra economia pianificata e economia capitalistica e il modo in cui i paesi occidentali vissero la Guerra fredda. Lo scontro bipolare era accompagnato da una dialettica interna al sistema atlantico. La fine dell'Urss mutò i rapporti globali, senza intaccare l'interdipendenza del modo di produzione capitalistico. Nacquero invece nuovi problemi, come la dominazione degli Stati Uniti e la crescita di nuove potenze, quali la Cina e l'India. Si trattava di sfide per il sistema atlantico, che continua a prevalere, ma che in prospettiva può essere sopraffatto dalla concorrenza asiatica. Di qui le ragioni di una nuova intesa atlantica che dia vita a un soggetto economico-politico che ricopra un ruolo centrale nell'economia globale. Tre capitoli del saggio documentano l'importanza del tema in termini statistici, in termini politici e con una ricostruzione delle fasi del negoziato.

Siamo ancora qui. Storia indigena...

Ammetto Alessandro
Red Star Press 2014

Disponibile in 3 giorni

22,00 €
In Chiapas la resistenza all'oppressione condivide con l'arrivo degli europei in Messico una storia lunga ormai più di cinquecento anni: una ribellione mai domata che, oggi, trova una degna incarnazione nella rivoluzione zapatista e nell'Esercito Zapatista

Sogno cose che non sono state mai

Kennedy Robert F.
Einaudi 2012

Disponibile in 3 giorni

11,00 €
Impulsivo e senza paura, Robert F. Kennedy credeva nell'esigenza di una profonda rivoluzione politica a "misura d'uomo" che restituisse dignità alle persone e colmasse le distanze tra neri e bianchi, ricchi e poveri, giovani e vecchi. Fra tutti i Kennedy era forse il più Kennedy. E di certo il più lungimirante. "Sogno cose che non sono state mai" raccoglie i suoi discorsi più significativi a partire dal 1964, quando, dopo la morte del fratello John, tornò alla politica, fino al 1968, anno della sua campagna per la presidenza conclusasi con l'attentato di Los Angeles. In tutti gli interventi viene fuori il "Bobby" che decise di proseguire il lavoro del fratello, ma anche il promotore di politiche sociali che richiedevano oltre al denaro, immaginazione, coraggio, determinazione e sincerità. Una figura di straordinario spessore umano, che, attraverso ideali e programmi, obiettivi e scelte, pensò e agì in modo nuovo, consegnandoci una visione politica attualissima ancora oggi. Prefazione di Kerry Kennedy.

Brevissima relazione della...

Las Casas Bartolomé de
Marsilio 2012

Disponibile in 3 giorni

17,00 €
Nel 1552 Bartolomé de Las Casas dà alle stampe "la Brevissima relazione della distruzione delle Indie", vibrante atto d'accusa sulle violenze commesse dagli spagnoli nel Nuovo Mondo. Con questo memoriale, il frate domenicano invoca l'intervento dell'imperatore Carlo V, "padre e pastore" dei nuovi sudditi americani, per far cessare massacri e crudeltà. Con la radicale opposizione tra l'innocente bontà degli indios e la malvagità dei conquistatori, Las Casas dipinge l'invasione spagnola come un tragico flagello che ha snaturato la missione provvidenziale della corona: riunificare l'umanità in nome della fede cattolica e della fratellanza cristiana. Sarà la denuncia del genocidio materiale e spirituale degli indigeni americani compiuto da "lupi e tigri e leoni" mossi dalla brama dell'oro a determinare lo straordinario successo della "Brevissima", divenuto un classico della cronachistica spagnola sull'America. Oggi, come allora, l'opera di Las Casas più conosciuta e più letta mantiene intatto il suo valore di appassionata difesa dei diritti naturali dei popoli americani e riporta in primo piano il dovere morale del rispetto dei valori della persona.

Le anime del commercio. Pubblicità...

Fasce Ferdinando
Carocci 2012

Disponibile in 3 giorni

17,50 €
La pubblicità ha una storia affascinante. Una storia che ha contrassegnato gli Stati Uniti del Novecento, dall'età dei commessi viaggiatori e degli imbonitori da fiera a quella del consumo diffuso, dei mass media, delle agenzie pubblicitarie. Il libro ripercorre questa storia e il lavoro di uomini e donne impegnati a persuadere i loro simili a consumare. Mostra come il commercio abbia avuto e abbia più "anime". E come la pubblicità sia stata e sia una sfida continua, materiale e simbolica, tra imprese, pubblicitari, media e consumatori.

Cristiada. Messico martire

Ziliani Luigi
Amicizia Cristiana 2012

Disponibile in 3 giorni

15,00 €
La storia della Chiesa in Messico rappresenta un esempio di coraggio e resistenza, sottomessa a una violenta ostilità dal 1911 al 1940. Fu così aspra che Pio XI la paragonò a quella dei primi secoli cristiani. Le forze liberali e massoniche trionfatrici nel 1917, erano nelle mani di uomini visceralmente nemici della Chiesa, che operarono nel tentativo di cancellare per sempre l'uomo cattolico messicano. Una così forte intolleranza era dovuta al carattere popolare del Cattolicesimo messicano, la cui diffusione fra la gente era così incomoda da dover essere soppressa con la forza. All'inizio, poiché era impossibile realizzarlo con le armi, si cercò di farlo con le leggi. Ma quando si dimostrarono inefficaci, si tornò ai plotoni di esecuzione. Nessuno dei Martiri fu sottomesso a un processo legale; nessuno fu condannato per crimini accertati dalla legge. Come in ogni persecuzione, il motivo della condanna fu la semplice appartenenza esplicitamente professata a Gesù Cristo, confessato senza ambiguità con quel grido ripetuto mille volte da quei martiri prima di morire: "Viva Cristo Re! Viva la Vergine di Guadalupe!".

Guida politicamente scorretta alla...

Woods Thomas E. jr.; Brunetti M. (cur.)
D'Ettoris 2012

Disponibile in 3 giorni

24,90 €
L'approccio di Woods alla storia americana, ha affermato lo storico Clyde N. Wilson, "è ardito, brillante, provocatorio e, cosa ancora più apprezzabile, è piacevole". L'opera, spiega l'autore nella sua prefazione, intende essere un'introduzione ad alcuni degli aspetti più controversi della storia americana - dalle origini coloniali fino all'"era Clinton" - quasi sempre presentati, anche di qua dell'oceano, con lenti ideologiche deformanti. Si potrà, allora, scoprire quanto gli ideali della guerra di indipendenza americana fossero lontani da quelli della Rivoluzione in Francia del 1789; che la cosiddetta "Guerra di secessione" non fu combattuta solo e principalmente per la schiavitù; che le politiche assistenziali nel New Deal e lo strapotere dei sindacati peggiorarono gli effetti della Grande Depressione; che l'infiltrazione comunista nelle stanze di Washington ai tempi del senatore McCarthy era reale; che la politica e la personalità di alcuni tra i presidenti più amati dall'establishment liberal - Abraham Lincoln, Franklin D. Roosevelt o John F. Kennedy - furono tutt'altro che esenti da ambiguità. Come per le altre guide, al testo sono affiancati riquadri che ne vivacizzano la lettura: suggerimenti bibliografici, citazioni sorprendenti, soprattutto di "parte avversa", e incursioni nel bizzarro mondo del politicamente corretto.

Zeitoun

Eggers Dave
Mondadori 2011

Disponibile in 3 giorni

10,00 €
Quando l'uragano Kathrina si abbatté su New Orleans, Abdulrahman Zeitoun, un americano di origini siriane, benestante e padre di quattro figli, decise di sfidare la tempesta e di restare, per proteggere la propria casa e l'attività lavorativa di ristrutturazioni immobiliari. Nei giorni successivi si mise a girare per le strade allagate su una canoa di seconda mano, portando aiuti e viveri alle persone e agli animali bloccati nelle case dall'inondazione. Ma il 6 settembre 2005 Zeitoun sparì all'improvviso. La moglie, sfollata coi figli nel Texas, disperata cercò di avere sue notizie, nel timore che gli fosse successo qualcosa di molto brutto. Cosa successe ad Abdulrahman Zeitoun? In questa opera di non-fiction, per la quale ha condotto ricerche e lavorato per tre anni, Dave Eggers, sulle tracce delle radici siriane del protagonista, racconta il suo matrimonio con Kathy - un'americana convertitasi all'Islam la nascita dei figli, e soprattutto dipinge magistralmente l'atmosfera surreale (a New Orleans e negli Stati Uniti) che ha reso possibile quanto è accaduto a Zeitoun.

Camilo Cienfuegos

Franqui Carlos
Massari 2011

Disponibile in 3 giorni

12,00 €
Era l'alba del 6 febbraio 1932, quando nel popolare quartiere avanero de La Vibora, in seno a un'umile famiglia di emigrati spagnoli, nacque un bel bimbo che i genitori Ramon Cienfuegos ed Emilia Gorriaràn chiamarono Camilo. Il 2 gennaio del 1959, 27 anni dopo, mentre milioni di cubani impazziti dalla gioia stavano celebrando sin dal giorno prima la festa della libertà, Camilo Cienfuegos - giovane guerrigliero di fama leggendaria, con l'aria di un Cristo cubano, bello, simpatico e allegro, che camminava come se ballasse un son veniva acclamato dagli abitanti dell'Avana. Dieci mesi dopo, il 28 ottobre dello stesso anno, come un lampo di breve durata, Camilo scomparve alla stessa velocità con cui era apparso: il Cessna in cui volava da Camagüey all'Avana non giunse mai a destinazione. Strana e misteriosa scomparsa. Queste pagine sono un breve ritratto della sua vita e delle sue gesta guerrigliere, così come delle circostanze drammatiche che precedettero la sua morte, origine di una serie di avvenimenti e situazioni che hanno cambiato il destino di Cuba.

Immersione rapida. La storia...

Sontag Sherry
Il Saggiatore 2010

Disponibile in 3 giorni

11,00 €
Dopo sei anni di accurate ricerche, gli autori svelano finalmemte una storia di avventura, ingegno, coraggio e tragedia sotto i mari, coprendo il periodo che va dagli anni immediatamente successivi alla Seconda guerra mondiale fino alle attuali operazioni

L'impero invisibile. Destra e...

Caldiron Guido
Manifestolibri 2010

Disponibile in 3 giorni

20,00 €
Con l'elezione di Barack Obama, gli Stati Uniti sono entrati nella loro "era postrazziale"? Quel che è certo è che stando ai dati dell'ultimo censimento demografico nello spazio di un decennio, gli wasp, i bianchi di origine anglosassone e di fede protestante, che hanno diretto per quasi due secoli il paese, non rappresenteranno più la maggioranza della popolazione. Da tempo, del resto, è di difesa della cultura bianca, (definita come un misto di religione, stili di vita e spirito della frontiera), che sarebbe minacciata da milioni di nuovi immigrati latinos, che parlano la destra e i movimenti nativisti. Contro i clandestini si mobilitano i governatori repubblicani degli Stati del Sud, mentre l'intero partito, orfano dei Reagan e dei Bush, vede emergere al proprio interno figure sempre più radicali. Nella società americana, dove il fattore razziale ha giocato un ruolo determinante e dove organizzazioni fasciste come il Ku Klux Klan hanno goduto del sostegno di milioni di persone, i conservatori hanno agitato le paure dei piccoli bianchi per smontare le conquiste politiche e culturali degli anni Sessanta. Dall'abolizione della schiavitù all'ingresso del primo afroamericano alla Casa Bianca sono passati 150 anni, scanditi da violenze, discriminazioni e pregiudizi. Una storia che pesa ancora oggi sugli Stati Uniti.

Victorio. Guerriero e capo apache

Chamberlain Kathleen P.
Il Punto d'Incontro 2010

Disponibile in 3 giorni

13,90 €
Strenuo difensore della propria gente durante le guerre contro gli invasori anglo-americani, il capo apache Victorio merita la stessa attenzione di personaggi più noti, come Cochise e Geronimo. Presentando la storia di questo guerriero del XIX secolo, Kathleen Chamberlain ce ne fa conoscere il ruolo nelle guerre apache e ne colloca la vicenda all'interno delle politiche fallimentari del governo americano versoi pellerossa e dell'odio nutrito dalle popolazioni americane e messicane della frontiera nei confronti degli Apache. Leader pragmatico e uomo profondamente spirituale, Victorio fu intrappolato nelle assurdità della politica sui pellerossa dopo la guerra civile e lottò per i bisogni materiali, fisici e spirituali dei nativi contro le ostinate decisioni sbagliate di Washington. Fuori dagli archivi militari la documentazione sulla vita di Victorio è scarsa, ma Chamberlain attinge a fonti etnografiche per farcene conoscere l'infanzia e la giovinezza e per abbozzare la tradizionale vita sociale, religiosa ed economica degli Apache di Warm Springs. Ricostruendo la vita di Victorio al di là dei conflitti militari, l'autrice ne interpreta il carattere e le azioni non solo come le videro i bianchi, ma anche come logica conseguenza del suo retaggio culturale e della sua visione del mondo.

Storia degli Stati Uniti

Bergamini Oliviero
Laterza 2010

Disponibile in 3 giorni

25,00 €
Un panorama agile e sintetico, ma esauriente e rigoroso, della storia degli Stati Uniti dalle origini ai giorni nostri, con particolare attenzione agli ultimi avvenimenti i cui sviluppi, ancora incerti, non potranno prescindere dai fondamenti ideologici, sociali, economici e politici frutto di un travagliato percorso storico. Oliviero Bergamini insegna Storia dell'America del Nord e Storia del giornalismo presso l'Università degli Studi di Bergamo.

Il sentiero delle lacrime. Storia...

Buffarini Domenico
Biblioteca dell'Immagine 2008

Disponibile in 3 giorni

12,50 €
Nel terzo volume si raccontano le Prime Guerre e i Trattati, i combattimenti dei Creek, la grande pulizia etnica, le deportazioni dei Cherokee, le guerre Seminole, e l'inizio della corsa all'Impero Americano.

Anima pellerossa. La voce del...

Sequichie Hifler Joyce
Il Punto d'Incontro 2006

Disponibile in 3 giorni

11,90 €
Dall'autrice del best-seller "Diario pellerossa" una nuova raccolta di brani tratti dai discorsi di famosi capi indiani. Da Cochise a Satanta, da Geronimo ad Alce Nero e a Cavallo Pazzo, oltre centoventi rappresentanti del "piccolo grande popolo" ci offrono una meditazione per ogni giorno dell'anno. Scritto con animo nobile e sincero da una discendente del clan Cherokee dei Sequichie, "Anima pellerossa" ha il potere di arricchire la vita e lo spirito di coloro che desiderano riscoprire i segreti della semplicità, del rispetto reciproco, dell'amore per la natura e per tutte le creature.

Sentiero pellerossa

Sequichie Hifler Joyce
Il Punto d'Incontro 2006

Disponibile in 3 giorni

11,90 €
Dall'autrice del best-seller "Diario pellerossa" una nuova raccolta di brani tratti dai discorsi di famosi capi indiani. Un messaggio di speranza e di incoraggiamento fondato sul rispetto della natura e su una solida fede in ciò che la sostiene. Ogni pagina contiene una citazione di eloquenti figure, quali Capo Seattle, Falco Nero, Satanta, Tecumseh, Ohiyesa e molte altre, che diventano vere e proprie meditazioni quotidiane.

Il sentiero delle lacrime. Storia...

Buffarini Domenico
Biblioteca dell'Immagine 2006

Disponibile in 3 giorni

12,50 €
Questo è il primo volume della grande storia degli Indiani d'America. Un'opera importante, che raccoglie in maniera dettagliata la storia dei Nativi Americani. Dalla conquista spagnola del nuovo continente ai giorni nostri. Quest'opera si divide in sei volumi, qui viene presentanto il primo della serie.

Stelle e strisce. Storia di una...

Testi Arnaldo
Bollati Boringhieri 2003

Disponibile in 3 giorni

9,50 €
La bandiera a stelle e strisce funziona, negli Stati Uniti, come un potente simbolo religioso. La bandiera è circondata da tabù: deve essere trattata secondo regole protocollari precise e chi non le rispetta suscita scandalo. La bandiera è onnipresente, in ogni luogo pubblico e privato. Attraverso la storia, ricca di aneddoti, della bandiera che da tredici stelle delle origini passa alle attuali cinquanta, Arnaldo Testi, professore di storia degli Stati Uniti d'America all'Università di Pisa, fa sfilare sotto gli occhi del lettore la storia dell'intera nazione nordamericana.

Diario pellerossa. L'eredità...

Sequichie Hifler Joyce
Il Punto d'Incontro 2003

Disponibile in 3 giorni

11,90 €
Una raccolta selezionata di 365 meditazioni accompagnate da discorsi, riflessioni e lettere dei più famosi capi indiani. . Un'agenda che dischiude i segreti di una saggezza che considera ogni giorno della vita come una festa... una festa alla quale siamo tutti invitati.

Gli incas

Polia Mario
Xenia 1999

Disponibile in 3 giorni

7,50 €

Quello che ho visto in America

Chesterton Gilbert Keith
Lindau

Disponibile in 3 giorni

26,00 €
Il 1922 non fu solo l'anno della conversione di Chesterton alla Chiesa cattolica, ma anche quello in cui uscil libro che raccoglieva le riflessioni dello scrittore sul suo viaggio negli Stati Uniti. Il racconto di Chesterton costellato di esperienze e di incontri sorprendenti: dalle luci dei grattacieli di New York alle casette di legno nei sobborghi delle grandi citt dal contadino bulgaro diventato cameriere a uno sconosciuto sceriffo astronomo dell'Oklahoma. Sotto ogni cielo lo sguardo dello scrittore persempre fisso sull'uomo comune e sul suo destino, perchmai come quando si in terra straniera ci si rende conto di quanto sia errato considerare l'umanitcome una massa indistinta. Il primo passo per incontrare altri uomini partire dall'acuto sentimento di una reciproca diversit Tuttavia, se l'America lo sfondo delle parole di Chesterton, il soggetto del suo discorso sono le fondamenta su cui si regge ogni istituzione politica. Gli immensi edifici di New York, nella loro mirabolante bellezza, diventano i simboli di un capitalismo sfrenato e della dittatura dell'industrializzazione, che hanno illuso l'umanitcon l'utopica visione di nazioni tutte uguali, e dunque amiche. Un'uguaglianza che Chesterton non esita a chiamare "schiavitcamuffata da progresso", ma che non ha cessato di incantare gli uomini fino ai nostri giorni...

Cos? si ? fatto il Brasile. Tre...

Vieira Pedro Almeida; Ambrosini F. (cur.)
Mimesis

Disponibile in 3 giorni

24,00 €
Un minuscolo Stato marinaro ai margini dell'Europa, il regno del Portogallo, nel 1500 aveva "scoperto" e fatto suo un enorme territorio sulle coste meridionali del continente americano. I nuovi arrivati portoghesi fecero strage di indigeni, ma in parte si mescolarono con loro. Per disporre di forza lavoro, deportarono dall'Africa intere popolazioni in schiavitche gradualmente, tra grandi sofferenze, si amalgamarono con altri abitanti. Per diffondere la parola del Dio dei cristiani, fecero giungere dall'Europa i gesuiti che penetrarono nelle zone pirecondite. Con l'intento di stabilirsi in quelle terre, crearono insediamenti e coltivazioni, vagarono per il sert, navigarono su fiumi che sembravano mari, combatterono infinite battaglie anche contro pirati francesi, invasori olandesi, coloni ispanici, come loro assetati di conquista. La corsa allo sfruttamento delle miniere e i conflitti sociali lasceranno il segno e infine nasceruno Stato indipendente, smisurato e pieno di risorse, che all'inizio dell'Ottocento inizieril suo percorso autonomo dalla madrepatria, per diventare un protagonista sulla scena mondiale.

La ?nazione indispensabile?. Storia...

Luconi Stefano
Le Monnier Università

Disponibile in 3 giorni

26,00 €
Sviluppo di colonie europee fondate nel Seicento in America Settentrionale a ridosso dell'Atlantico, gli Stati Uniti sono assurti alla primazia mondiale in meno di quattro secoli. Mentre hanno esteso i propri confini fino al Pacifico e al golfo del Messico nel corso dell'Ottocento, si sono trasformati da Paese agricolo in potenza industriale che ambiva non solo alla conquista dei mercati internazionali, ma anche a propagare all'estero il proprio modello sociale, politico ed economico in nome della diffusione di ideali di libertche, a causa del radicamento della schiavitfino al 1865 e della successiva discriminazione degli afroamericani, hanno rappresentato una conquista sofferta e osteggiata perfino sul piano nazionale. Arrogatisi la rappresentanza della democrazia contro l'autoritarismo e il totalitarismo nel Novecento, gli Stati Uniti hanno goduto di un decennio di egemonia apparentemente incontrastata alla fine del secolo per poi assistere al ridimensionamento della propria leadership in seguito all'emergere di nuove sfide globali e al manifestarsi di un senso di stanchezza verso gli impegni internazionali, ribadito sotto l'amministrazione Trump.

Pellerossa. Antologia dal Sandcreek

Delle Cese Mirco; Ventura Emiliano
Arbor Sapientiae Editore 2019

Non disponibile

25,00 €
Immagini e voci, è l'antologia dal Sandcreek, la Spoon River dei nativi americani (o pellerossa come si diceva nei film di qualche anno fa), la risposta dei nativi americani alla versione eurocentrica di Edgar Lee Masters. Le immagini sono i fieri volti dei capi indiani, le voci i testi che ne raccontano la verità. Il fiume Sand Creek è il luogo in cui nel 1864 si consuma uno dei più noti e feroci massacri ad opera dell'esercito degli Stati Uniti contro un villaggio di nativi, purtroppo non è stato l'unico.

Verso Ovest. Storia e mitologia del...

Cartosio Bruno
Feltrinelli 2018

Non disponibile

28,00 €
Chicago, 1893. La Città Bianca, sede dell'Esposizione mondiale colombiana, nell'anniversario dei quattrocento anni della scoperta dell'America. Gli Stati Uniti proclamano al mondo la loro volontà di potenza e il cammino che hanno fatto in poco più di un secolo di storia. Il giovane Frederick Jackson Turner sale al podio per esporre la sua relazione su "Il significato della frontiera nella storia americana". Nello stesso momento Buffalo Bill, il cui nome è già diventato sinonimo di cowboy, si sta esibendo nel suo spettacolo grandioso e popolarissimo, il Wild West. Quello che hanno in comune l'uomo di spettacolo e il giovane ricercatore che fonda su una nuova base l'interpretazione della storia nazionale è la celebrazione della raggiunta grandezza degli Stati Uniti. Bruno Cartosio parte da qui per ripercorrere i fatti della "conquista del West" e raccontarne miti e rappresentazioni. Indaga la vitalità del mito e la sua capacità di assorbire contraddizioni, passi falsi, bugie e, in ultima analisi, di dare forma a un pezzo di storia americana e mondiale. È un viaggio caleidoscopico, compiuto cercando di separare realtà e leggenda, ma al tempo stesso rivelandone gli intrecci e le interdipendenze. Con sguardo critico, Cartosio mostra come la costruzione ottocentesca del mito, poi esportato in tutto il mondo dai western di Hollywood, abbia forgiato l'identità americana, accompagnando e spesso coprendo con la maschera dell'avventura le realtà della violenza anti-indiana, della vita dura di singoli e famiglie, della conquista e dello sfruttamento rapinoso delle risorse di una terra ricca e generosa.

Il fascismo alla ricerca del «nuovo...

Giannattasio Valerio
Ombre Corte 2018

Non disponibile

22,00 €
L'ascesa del regime di Mussolini segna l'inizio di un periodo di grande e inatteso interesse della pubblicistica italiana per l'America Latina. Sebbene le linee di tendenza appaiano per molti aspetti in continuità con quanto pubblicato durante l'Ottocento e i primi del Novecento, nel corso del ventennio si produce, infatti, una rilevante svolta nella riflessione e nell'interpretazione dei paesi latinoamericani. Sospinti dalle attenzioni riservate dal fascismo alla regione, una folta schiera di giornalisti, scrittori, viaggiatori e accademici prendono a frequentare assiduamente il subcontinente americano, favorendo un progressivo ampliamento quantitativo delle opere e, soprattutto, dell'orizzonte tematico, che inizia a spaziare dalla geografia alla composizione etnica, dall'analisi del quadro politico sino a quella delle relazioni internazionali, economiche e commerciali. Attraverso questa variegata letteratura emergono con sempre più evidenza, oltre a un panorama dell'area complesso e dalle molte sfaccettature, le mire geopolitiche del fascismo, specialmente verso le nazioni interessate da importanti flussi migratori provenienti dall'Italia. Sul finire degli anni venti, in particolare, vengono più schiettamente alla luce le intenzioni del regime mussoliniano, determinato a conquistare anche in quella parte del mondo nuovi bacini dove poter dispiegare i propri progetti di espansionismo ideologico, economico e culturale, nel solco di una nuova politica imperialista e di potenza. Queste ragioni, rinvigorite da un costante sentimento di vicinanza etnica e culturale, fanno sì che, tanto agli occhi degli scrittori quanto a quelli di influenti uomini di governo, l'America Latina divenga, parafrasando un fortunato titolo dell'epoca, un "problema fascista". Prefazione di Angelo Trento.

Il tramonto della grande razza. Le...

Grant Madison; Linguardo M. (cur.)
Thule Italia 2018

Non disponibile

30,00 €
È il 1916 quando viene pubblicato per la prima volta The Passing of the Great Race (Il tramonto della grande razza), che verrà in seguito considerato "il trattato più influente del razzismo scientifico americano". A scriverlo è Madison Grant (1865-1937), avvocato statunitense con la passione per la biologia uscito dall'Università di Yale, amico di due presidenti americani come Theodore Roosevelt ed Herbert Hoover, nonché tra i massimi rappresentanti di quel movimento eugenetico sorto negli Stati Uniti alla fine dell'800 e che nei primi decenni del '900 stava sempre più prendendo piede. Il libro ebbe un immenso successo. Fu più volte ristampato negli Stati Uniti e tradotto in varie lingue. E le tesi di Grant avranno riscontro anche nella vita politica americana. Nel 1924, verrà infatti emanato l'Immigration Act, una legge mirata a limitare l'immigrazione, stabilendo quote d'ingresso - basate sulle statistiche di Grant, che opererà in tale contesto da esperto di dati razziali mondiali - sugli immigrati da alcuni paesi dell'Europa meridionale e orientale, soprattutto italiani, slavi ed ebrei dell'Europa dell'Est.