Biazzo Curry Corrada

Biazzo Curry Corrada

Pensieri fra due mondi

Biazzo Curry Corrada
La Zisa

Disponibile in libreria in 5 giorni

13,90 €
Pensieri fra due mondi è un viaggio interiore fra due mondi: il sud rurale della Louisiana, terra incomprensibile e ammaliante, dove la poetessa è emigrata; e il paese siciliano sacro delle sue origini. La silloge nasce dal contrasto fra questo luogo remoto e selvaggio e il calore dei focolari sacri e antichi, dai conflitti interiori maturati durante questo periodo d'esilio, dall'inevitabile passaggio del tempo, e dalla memoria come unica testimonianza di un vissuto. Il libro nasce dalla crescente consapevolezza d'appartenenza a un'isola magica, situata al di là dell'oceano, e a un paese di artisti e di poeti, di dei e santi; dalla nostalgia e dai ricordi riemersi dall'incontro fra passato e presente; dalle speranze e dai sogni che sono maturati in suolo straniero; e infine dalla continua ricerca di una Terra Immortale, senza più né tempo né dolore. Alcune poesie sono dedicate "al paese sacro", visto come Terra Promessa; altre sottolineano il disagio sentito a causa dell'impenetrabile segreto racchiuso in questa "terra strana e misteriosa"; numerose liriche si concentrano infine sugli aspetti mistici e spirituali dell'universo e sulla precarietà della vita, mettendo in evidenza la necessità del sogno e del divino. Questo racconto poetico pone quindi diversi quesiti esistenziali, rilevando anche i limiti della parola nel suo tentativo di interpretare la realtà che ci circonda in maniera coerente.

Il senso del male

Biazzo Curry Corrada
La Zisa

Disponibile in libreria in 10 giorni

10,00 €
Attraverso la magica manipolazione della "parola-benedizione" - come la definisce Gesualdo Bufalino -, Il Senso del Male è "un racconto poetico autobiografico" che delinea il dramma di un'emigrante ritornata nella patria amata per tanti anni, e poi costretta a lasciare nuovamente il suo amato paese per ritrovare ancora una volta la luce al di là dell'oceano. Sopraffatta dal dolore nella propria terra, la protagonista cerca di trovare il senso di un male radicato nella bellezza di una terra antica e seducente, soffrendo e lottando per una giustizia irraggiungibile, ma costantemente perseguita e bramata in una patria divenuta oramai incomprensibile (Gli anni romani). Passando attraverso i cerchi del male e del peccato, e superando gli ostacoli creati dalle "bestie feroci", la pellegrina riapproda infine nella "terra strana e misteriosa" dove crede di trovare una salvezza (L'esilio). È in questa "natura mistica e selvaggia" che cerca di annegare il proprio dolore, ritrovando una pace consolatoria e tentando di ristabilire un'apparente armonia col mondo esterno. Tuttavia, la sofferenza persiste nei ricordi dei momenti tristi passati nella propria terra, nella solitudine e nel senso di estraneità verso il luogo che la ospita. Sarà forse la speranza in un'altra realtà, in una "Terra immortale" "senza più dolore", a darle finalmente la forza di sopravvivere?