Economia dell'organizzazione industriale

Filtri attivi

Organizzazione industriale

Pepall Lynne; Richards Daniel J.; Norman George; Calzolari G. (cur.)
McGraw-Hill Education - 2017

Disponibilità Immediata

51,00 €
La terza edizione italiana del testo "Organizzazione industriale", come la precedente seconda edizione, ha beneficiato significativamente di commenti e suggerimenti frutto dell'esperienza «sul campo" del volume attualmente utilizzato in numerose Università italiane. Il testo è stato aggiornato e rivisto in alcuni aspetti chiave, mantenendo sempre intatta la propria specificità originale composta da un felice connubio di completezza, modernità di approccio e utilizzo intelligente e non tecnico degli strumenti della teoria dei giochi. L'analisi della differenziazione verticale e orizzontale del prodotto è stata riorganizzata così da permettere due percorsi di presentazione e studio indipendenti tra loro, se necessario. Il tema infatti è inizialmente introdotto con dettaglio nel Capitolo 7 per il caso semplice del monopolio. Poi, nel Capitolo 10 esso viene ripreso per l'analisi dei mercati oligopolistici. In questo capitolo il tema è ora ripresentato in modo modulare così che uno studente che non abbia letto il Capitolo 7 relativo al monopolio possa comunque apprendere il tema nella sua completezza. Allo stesso modo lo studente che avesse già studiato il caso del monopolio può velocemente passare alle novità specifiche del capitolo.

RilanciaFriuli. Oltre la decrescita infelice e...

Mattioni Fulvio
L'Orto della Cultura - 2017

Disponibilità Immediata

13,00 €
RilanciaFriuli conclude la "trilogia dell'affetto" iniziata con Cara Autonomia (2014) e proseguita con Caro modello Friuli (2015). Un affetto nostalgico verso il Friuli V. G. che, in un passato, si è fatto apprezzare in Italia e all'estero per l'uso creativo della sua autonomia speciale e per l'etica del lavoro delle sue genti. Autonomia e modello Friuli, infatti, erano due facce della stessa medaglia - una istituzionale, l'altra socioeconomica - che aveva incisa la volontà di essere finalmente protagonisti del proprio destino.

Complessità, valore e imprese. Valutazione...

Comuzzi Eugenio
Giappichelli - 2016

Disponibilità Immediata

35,00 €
Il valore costituisce da sempre uno dei temi più interessanti e stimolanti dell'economia e acquista un rilievo importante nell'ambito delle discipline aziendali quando si pone l'obiettivo di determinare il valore economico di un'azienda o di un asset aziendale, o ancora quando si pone l'obiettivo di misurare la creazione, la conservazione, la distruzione del valore economico. Intorno al tema si sono sviluppati e consolidati nel tempo diversi contributi dottrinali e di prassi. A volte tesi a stimolare il dibattito intorno alla superiorità o meno del valore come espressione del successo o insuccesso della strategia, della gestione e della struttura aziendali. Altre volte destinati a favorire una o più soluzioni al problema della scelta del metodo, dello strumento di calcolo, di misure e tecnicalità. Altre volte ancora indirizzati a stimolare la messa a punto di proposte, sia nella prospettiva della misurazione per il prezzamento, sia nella prospettiva della costruzione di sistemi di controllo per il governo aziendale. Con questa premessa e con la consapevolezza che gli obiettivi intorno al tema sono molti, le prospettive d'analisi spesso differenti, le opinioni condivise poche, le modellizzazioni e i tecnicismi diversi, nasce questo lavoro.

Economia industriale. Economia dei mercati...

Scognamiglio Pasini Carlo
Luiss University Press - 2016

Disponibilità Immediata

39,00 €
"Economia Industriale. Economia dei mercati imperfetti" di Carlo Scognamiglio Pasini si presenta come un'efficace trattazione degli argomenti classici della disciplina che risale ad Alfred Marshall, attraverso la sintesi di tre principali corpi teorici o "scuole" di pensiero, ossia quelle di Harvard, di Chicago e la "Nuova Economica Industriale". Il testo si sofferma sulla natura e il funzionamento dei mercati imperfetti, coniugando rigore nella trattazione con numerosi esempi ed applicazioni alla realtà concreta dei mercati. Il testo contiene un'ampia descrizione della teoria e dell'evidenza delle politiche industriali, anche sulla base della passata esperienza di Ministro della Repubblica dell'autore, oltre che dei suoi numerosi incarichi istituzionali o di consulenza nel governo dell'economia. Il libro appare dunque non solo come un organico testo di base per gli studenti di Scienze economiche e sociali, ma anche un'affascinante rappresentazione dell'evoluzione della politica industriale in Italia - dove non mancano riferimenti al quadro europeo preziosa anche per manager e regolatori.

Diritto ed economia delle società. Con e-book

Vella Francesco
Il Mulino - 2015

Disponibilità Immediata

35,00 €
L'approccio interdisciplinare caratteristico del primo volume del manuale, "Diritto dell'impresa e dell'economia" (2014), è qui ulteriormente sviluppato nell'analisi della disciplina delle società. Dopo un'introduzione sui fondamenti delle teorie economiche delle imprese collettive e una sintesi ragionata delle recenti riforme, sono presi in considerazione i diversi modelli di società, contestualizzati in rapporto ai temi dello sviluppo dei mercati regolamentati, degli assetti proprietari e della finanza d'impresa. Le appendici ai capitoli integrano il testo e forniscono gli strumenti per approfondire i principali aspetti del diritto societario contemporaneo, dai più semplici ai più complessi.

Il ruolo strategico del sistema metalmeccanico...

Quadrio Curzio A. (cur.); Fortis M. (cur.)
Il Mulino - 2015

Disponibilità Immediata

24,00 €
Il ruolo strategico del sistema metalmeccanico italianio, sotto una prospettiva ampia che va dai metalli alla meccatronica, è un aspetto fondamentale nella qualificazione produttiva dell'industria italiana. La Fondazione Edison e l'Accademia Nazionale dei Lincei hanno promosso un Convegno (a Roma il 23 ottobre 2014) su tale tema allo scopo di favorire uno scambio di opinioni tra imprenditori, categorie imprenditoriali e studiosi. Si è analizzato come il settore metalmeccanico abbia contribuito al cambiamento della specializzazione produttiva dell'Italia, orientandola sui comparti più innovativi e a più alto valore aggiunto e dando un rilevante apporto al saldo attivo della bilancia commerciale con l'estero. L'Italia è oggi il terzo Paese al mondo per avanzo commerciale nella meccanica non elettronica e dimostra quindi una capacità innovativa che spesso non viene apprezzata in quanto non conosciuta. Il successo sin qui ottenuto non dà garanzie che sarà così anche in futuro, ma richiede una riflessione su come il settore e le politiche industriali possano determinare un ulteriore evoluzione. Tra le molte filiere di rafforzamento si pongono anche le collaborazioni tra pubblico e privato per le iniziative di ricerca e di brevettazione all'insegna di quella tecno-scienza che la collaborazione tra Fondazione Edison e Lincei da anni propugnano.

Produzione intelligente. Un viaggio nelle nuove...

Berta Giuseppe
Einaudi - 2014

Disponibilità Immediata

16,50 €
Sul futuro dell'Italia industriale ci si è molto interrogati, anche prima che la crisi economica mordesse la carne viva delle strutture produttive: con il 20 per cento di occupati nell'industria e la predominanza di piccole e medie aziende, il nostro Paese ha rappresentato un'anomalia e in molti hanno dubitato della capacità del sistema di rigenerarsi. Oggi, con l'avanzare delle difficoltà economiche da un lato, e delle nuove tecnologie dall'altro, il sistema industriale continua a subire mutamenti profondi, organizzandosi su una nuova geografia e nuove funzioni. Giuseppe Berta riconosce il delinearsi di un nuovo modello, articolato intorno a un insieme di gangli di "manifattura intelligente", all'interno di imprese in cui l'associazione produttiva si coniuga con l'alta qualità dei servizi e dell'assistenza. Un reticolo che travalica le precedenti linee di demarcazione territoriale grazie a cui si era conformata la rappresentazione delle differenti Italie economiche. Il disegno, però, è ancora embrionale: contribuire al suo assestamento è un passo decisivo verso il superamento della crisi.

Made in Torino? Fiat Chrysler Automobiles e il...

Barba Navaretti Giorgio
Il Mulino - 2014

Disponibilità Immediata

11,00 €
Made in Torino? La fusione tra Fiat e Chrysler integra realtà culturali, tecnologiche, geografiche e istituzionali diverse in un grande gruppo globale. È una delle operazioni più interessanti e dibattute, ma paradossalmente meno comprese, del panorama industriale contemporaneo. In realtà, l'unione transatlantica offre una prospettiva unica sul futuro dell'industria nelle economie mature come l'Italia. Il libro, scritto per il grande pubblico, attraverso la lente di Fiat Chrysler Automobiles, discute alcuni quesiti fondamentali per lo sviluppo industriale del XXI secolo: si può essere competitivi senza abbassare i salari? Si può migliorare la qualità dei prodotti senza aumentare i costi? Si può automatizzare senza perdere posti di lavoro? Che ruolo deve avere lo Stato?

Parole, economia, storia. I discorsi dei...

Cortelazzo M. (cur.); Gambarotto F. (cur.)
Marsilio - 2013

Disponibilità Immediata

20,00 €
Questo volume raccoglie un insieme di saggi che indagano sul ruolo della Confederazione Italiana degli Industriali nel processo di cambiamento socio-economico del nostro Paese dal dopoguerra fino ai giorni nostri. I discorsi dei presidenti di Confindustria

Logiche e metodologie di valutazione d'azienda....

Gonnella Enrico
Pisa University Press - 2013

Disponibilità Immediata

22,00 €
La materia della valutazione d'azienda è al centro di una grande revisione, imposta da numerosi fenomeni economici in atto, tra cui la tendenza alla dematerializzazione delle aziende e il crescente sviluppo dei mercati finanziari. Le tecniche valutative stanno vivendo una fase di grande evoluzione, per effetto dell'elaborazione dottrinale e dello sviluppo della prassi valutativa, entrambe alla continua ricerca di "soluzioni'' sempre più razionali. Il panorama degli strumenti utilizzabili per le stime di aziende e di partecipazioni societarie si presenta - soprattutto nel nostro Paese, assai ricco e molto articolato. Il livello di analisi appare sempre più approfondito. L'attività di valutazione richiede agli esperti una crescente professionalità. Non è un caso che già da molti anni all'estero, in particolare nel contesto nord-americano, vero "avamposto" nel campo della Business Valuation, siano sorte significative associazioni tra professionisti della valutazione d'azienda, che provvedono alla formazione e accreditamento dei loro affiliati, nonché alla statuizione di principi di valutazione e all'elaborazione anche di codici etici. Il testo, frutto di esperienze in campo universitario e professionale, vuole esaminare con un linguaggio piano i temi fondamentali della materia, partendo dai loro presupposti teorici e dall'osservazione della migliore prassi valutativa.

Organizzare. L'impresa tra forme emergenti e...

Zaninotto Enrico
Il Mulino - 2012

Disponibilità Immediata

23,00 €
Organizzare significa intervenire sulle condizioni che influenzano le azioni degli altri, producendo interazioni maggiormente prevedibili e ordinate. Come si realizza questo risultato in ambito economico-aziendale? Il volume illustra i problemi e le scelte organizzative delle imprese prestando particolare attenzione alle recenti acquisizioni dell'economia comportamentale e a quelle relative ai fenomeni di autoorganizzazione. Ne deriva un originale approccio allo studio di temi cruciali per le organizzazioni, come quelli del coordinamento e della gestione della conoscenza.

Microimpresa macrocompetizione. Innovare e...

Scalia A. (cur.)
EGEA - 2012

Disponibilità Immediata

38,00 €
Questo libro nasce, prima di tutto, da una grande passione e da una esperienza per la microimpresa, quel luogo produttivo e ideale in cui l'essere umano è artefice e protagonista della propria esistenza lavorativa, ben lungi dalla fabbrica fordista del famoso film di Charlie Chaplin, "Tempi Moderni". Oggi in Italia è inevitabile puntare sulla microimpresa, quella della manifattura, dei servizi, del commercio o dell'agricoltura, una forma organizzativa che è molto più diffusa di quello che comunemente si crede: le microimprese con meno di 20 addetti rappresentano in Italia il 98% circa di tutte le imprese esistenti. Vi sono motivazioni profonde, insomma, per interessarsi della microimpresa e il contesto tecnologico della nostra epoca non solo non limita le peculiarità presenti nel DNA italiano, quali sono l'ingegno e la creatività, ma ne esalta le caratteristiche ed è in grado di spalmarle, potenzialmente, in tutto il "mondo piatto" ben descritto da esperti e guru. Un avvertimento è necessario: la competizione delle imprese italiane dovrebbe finalizzarsi al sempre maggiore valore dei prodotti e servizi realizzati. È un certo tipo di innovazione la chiave di volta per gli imprenditori italiani che, da sempre, sono attenti per aggiungere peculiarità e valore al loro lavoro, quella innovazione che spesso non si vede, quella fatta giorno dopo giorno con l'ossessione della perfezione, quella invisibile che sta dentro le catene globali del valore, quella che ormai si sviluppa nelle reti.

Elementi di economia industriale

Salvadori Neri; D'Alessandro Simone; Fanelli Domenico
Giappichelli - 2012

Disponibilità Immediata

22,00 €
Questo volume raccoglie lezioni di economia industriale che uno degli autori ha tenuto negli ultimi quindici anni. L'attenzione è concentrata sulla concorrenza alla Bertrand, una concorrenza in cui due o più imprese fissano simultaneamente i prezzi di vendita, vincolandosi a fornire i consumatori disponibili a pagare quel prezzo con tutta la capacità a loro disposizione. Il libro può essere distinto in due parti con un capitolo di cerniera. Nei primi sei capitoli si analizza il duopolio: si trattano i classici modelli di Bertrand, di Edgeworth, di Kreps e Scheinkman, di Hotelling, e di collusione tra imprese (con particolare attenzione alla "tit-for-tat strategy"). Gli ultimi due capitoli sono dedicati a problemi di entrata nel mercato: l'ottavo all'entrata non strategica, il nono all'entrata strategica. Il capitolo settimo, invece, estende all'oligopolio alcuni dei risultati della prima parte ed è una premessa al problema dell'entrata di nuove imprese nel mercato. Sono molti i libri di economia industriale che hanno scopi principalmente informativi: riportare molti risultati acquisiti nella letteratura scientifica con cenni più o meno precisi alle dimostrazioni, per cui il lettore accurato è di fatto rimandato alla letteratura originaria. In questo testo, invece, gli autori si sono limitati ai risultati essenziali, ma hanno cercato di dare delle dimostrazioni complete, rese didatticamente chiare dall'uso di grafici. Il volume è, quindi, più formativo che informativo.

Musica e industria. Storia, processi, culture e...

D'Amato Francesco
Carocci - 2009

Disponibilità Immediata

18,00 €
Non c'è dubbio che l'industria musicale stia attraversando una delle trasformazioni più radicali degli ultimi cento anni, tanto da rimettere in gioco l'idea stessa di industria musicale, spesso assimilata, fino a pochi anni fa, ad apparati e processi della produzione fonografica. Analizzare mutamenti di tale portata richiede un allargamento dell'ambito di riferimento, sia per cogliere la molteplicità e la complessa articolazione dei fattori implicati sia per misurare qualità e proporzioni del cambiamento su uno sfondo più ampio, evitando di incorrere in errori di prospettiva. Che cosa si intende per industria musicale? Quali sono i processi che la definiscono e come si sono strutturati storicamente? Su quali assetti, dinamiche e culture si innestano le trasformazioni attuali e quali sono le loro possibili direzioni di sviluppo? Adottando un'ottica interdisciplinare, con riferimenti alla sociologia e all'economia industriale, ai media e ai cultural studies, agli studi sulla popular music e sull'innovazione, l'autore individua alcune coordinate per riflettere su questi interrogativi.

Il corporativismo. Dall'economia liberale al...

Spirito Ugo
Rubbettino - 2009

Disponibilità Immediata

45,00 €
I saggi raccolti nei volumi qui ristampati sono intrinsecamente legati alla rivista «Nuovi studi di diritto, economia e politica» che fu pubblicata negli anni dal 1927 al 1935 sotto la direzione mia e di Arnaldo Volpicelli. Dal 1932 in poi vennero esprimendo in gran parte le ricerche della Scuola di studi corporativi dell'Università di Pisa, scuola che ebbe anche una sua propria rivista, l'«Archivio di studi corporativi» diretta da Giuseppe Bottai. Il significato del mio rapporto col Bottai è stato da me precisato in una nota Interpretazione del corporativismo - pubblicata in «Il diritto del lavoro», 1965, n. 4-5. Per la storia di tutto questo periodo storico si può confrontare il libro di Antimo Negri, Dal corporativismo comunista all'umanesimo scientifico: Itinerario teoretico di Ugo Spirito, Lacaita editore, Manduria 1964.

Tre lezioni sulla società postindustriale

Cohen Daniel
Garzanti Libri - 2007

Disponibilità Immediata

11,00 €
La società industriale collegava un modo di produzione a un sistema di protezione e di welfare. La questione economica s'intrecciava con quella sociale, con fortissime implicazioni politiche. La società postindustriale tende invece a separare queste due sfere, segnando così l'inizio di una nuova era, dove il dominio assoluto del mercato non crea più tra chi vi partecipa una evidente comunità di destini e di interessi, un orizzonte sociale condiviso. A determinare il nuovo modello postindustriale sono state in primo luogo le quattro grandi rivoluzioni (tecnologica, sociale, culturale, finanziaria) che Cohen pone al centro della sua prima lezione. A queste trasformazioni si aggiunge l'impatto della globalizzazione, con la divergenza tra l'immaginario collettivo proiettato dalla società dell'informazione e le identità territoriali, e con il divario crescente tra ricchezza e povertà su scala planetaria e su scala locale. L'autore ricostruisce la rottura che si è delineata a partire dagli anni Ottanta del Novecento, identificando gli snodi più significativi ed evidenziando le conseguenze di una trasformazione ancora in corso. Nella lezione conclusiva ci aiuta a capire le sfide e le opportunità che ci pone questo scenario, centrato sull'immaterialità e sulla velocità di internet e della finanza internazionale.

La perfetta valutazione del marchio

Vasco Emilio
Lupetti - 2005

Disponibilità Immediata

7,75 €
Il marchio ha assunto una particolare importanza, nell'economia globalizzata e nella società della comunicazione; in quanto il marchio e gli altri beni intangibili rappresentano ormai uno dei componenti principali del valore di mercato di un'azienda dinamica e innovativa. Questo testo espone i problemi che si devono risolvere nella fase di valutazione di un marchio, i fattori a monte che determinano il suo specifico valore di mercato, nonché i vantaggi e i limiti delle metodologie più condivise.

I sistemi di produzione locale in Europa

Il Mulino - 2004

Disponibilità Immediata

30,00 €
Questo volume è il risultato di una ricerca comparata e transnazionale condotta da una serie di istituzioni scientifiche e universitarie in Italia, Germania, Francia e Regno Unito. Lo studio esamina sistematicamente l'evoluzione delle economie locali nei quattro principali paesi europei, analizzando i rispettivi contesti nazionali, la loro trasformazione complessiva, i modelli di "governance", la creazione di vantaggi competitivi grazie alle risorse locali. Un'indagine e una riflessione approfondite sul ruolo dei sistemi produttivi locali nell'economia globalizzata.

Industria 4.0. Uomini e macchine nella fabbrica...

Magone A. (cur.); Mazali T. (cur.)
Guerini e Associati - 2016

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
Il mondo delle fabbriche è alla soglia di un cambiamento tanto profondo da essere chiamato 'quarta rivoluzione industriale'. Un cambiamento che travolge prodotti, servizi e metodologie produttive, e ha al cuore una rottura tecnologica senza precedenti: la fusione tra mondo reale degli impianti industriali e mondo virtuale della cosiddetta Internet of Things, un sistema integrato di dispositivi intercomunicanti e intelligenti che mette in contatto, attraverso la rete, oggetti, persone e luoghi. Secondo i teorici di questo paradigma, che è anche un manifesto culturale, in un futuro ormai prossimo la facoltà di comunicazione tra le macchine, nelle fabbriche, apporterà alle linee di produzione la capacità autodiagnostica di rilevare gli errori e correggerli. La flessibilità dagli impianti sarà tale da personalizzare i prodotti in funzione del singolo cliente. I robot lavoreranno a contatto con l'uomo e da esso apprenderanno in modo naturale. Il flusso di lavoro potrà essere riprodotto in modo virtuale, dunque prima di approntarlo fisicamente in officina, per verificarne il comportamento in astratto e potenziarne le performance. La fabbrica saprà approvvigionarsi di energia senza sprechi e al minor costo possibile, in una parola sarà smart.

10 tesi sull'impresa. Contro i luoghi comuni...

Grandori Anna
Il Mulino - 2015

Disponibile in 5 giorni

12,00 €
Nella discussione sulle cause e i rimedi della persistente crisi economica il dibattito si è concentrato sui temi macroeconomici: più o meno tasse, più o meno "libero" mercato e flessibilità, più o meno regolazione dei mercati finanziari. Ma nessun mercato, nessun "gioco" funziona se i giocatori sono impazziti. Come avere buoni giocatori? Non esistono giocatori buoni se le istituzioni che li costituiscono sono sbagliate. E tra i giocatori più importanti vi sono, senz'altro, le imprese. Anna Grandori, in questo breve scritto polemico e controcorrente, sostiene che la crisi che viviamo è una crisi dell'istituzione impresa, almeno tanto quanto è una crisi del mercato e perciò da lì bisogna partire. Le riflessioni sulla natura, l'organizzazione e il governo dell'impresa sono sintetizzate in 10 tesi, presentate in contrasto con altrettanti "luoghi comuni", che contraddicono e si candidano a sostituire. Una parte troppo vasta dei dibattiti che si svolgono attorno alle famose riforme di cui tutti parlano sono zeppi di quei luoghi comuni, che sono sorprendentemente diffusi anche tra i soggetti e le parti che hanno il potere e la responsabilità di agire: rappresentanti del governo, dei partiti, delle imprese, dei sindacati. È il momento di fare chiarezza.

Economia aziendale

McGraw-Hill Education - 2019

Non disponibile

34,00 €
Testo Create per il Corso di laurea in Economia aziendale dell'Università IULM.

Economia aziendale

McGraw-Hill Education - 2019

Non disponibile

34,00 €
Testo Create per il Corso di laurea in Economia aziendale dell'Università IULM.

«Piccolo è bello»: fine di una stagione. Una...

Associazione Italiana Politiche Industriali (cur.)
Universitas Studiorum - 2018

Non disponibile

20,00 €
Come completare la prima e parziale integrazione europea per garantirsi un ruolo in un mondo economico sempre più globalizzato. Si può? E come? E la globalizzazione è davvero alla fine? Nello scenario che si intravvede l'Italia, anche con la nuova legge di stabilità per il prossimo triennio, che posizione si troverà ad occupare? Le misure adottate, che vengono vendute come quarta rivoluzione industriale, sono sufficienti e adeguate alla realtà? Le linee di azione si possono così configurare: dove trovano le risorse per essere realizzate? L'economia del nostro Paese può fornire risorse? Le possibili risposte dalle tecnologie e dalla organizzazione a che punto sono? Il "piccolo è bello" deve andare in soffitta? Partendo da un'analisi dei dati statistici predisposti da Eurostat, DIW, DIWEcon, London Economics, quale quadro emerge comparando le situazioni dei vari Paesi, gli errori commessi, la storia pregressa e quali prospettive? E infine, l'impresa può venire in soccorso della politica?

Una nuova transizione al socialismo. Il ruolo...

Canesi Marco
Franco Angeli - 2017

Non disponibile

24,00 €
In tutti i Paesi socialisti la pianificazione centralizzata si è scontrata con una contraddizione cruciale: la non corrispondenza tra modo formale e modo reale di appropriazione dei mezzi di produzione, a causa di un insufficiente grado di interdipendenze e integrazioni delle loro strutture produttive. Si era ritenuto che tale non corrispondenza fosse solo di ordine cronologico, cioè che potesse essere superata puntando ad una crescita accelerata dell'economia. Ma, con la fine del fordismo e l'esigenza di un'offerta sempre più differenziata, a fianco della storica tendenza alla concentrazione e alla centralizzazione è emersa una seconda tendenza esattamente opposta, la deconcentrazione e la decentralizzazione. Di conseguenza, si è ritenuto che fosse inevitabile ammettere un'organizzazione in cui il mercato prendesse sempre più rilevanza rispetto al piano, con un evidente rischio: il ritorno al capitalismo. Al contrario, in questo saggio, grazie a un coordinamento strategico e paritario, si sostiene la possibilità di una nuova organizzazione produttiva e, con essa, di una nuova transizione al socialismo. Cuba e il Centro America potrebbero esserne un avamposto.

Economia industriale

McGraw-Hill Education - 2017

Non disponibile

24,00 €
Il Custom Publishing di McGraw-Hill Education. In cosa consiste il Custom Publishing? McGraw-Hill dispone di un vasto database, "Create", in cui sono contenuti in forma digitale i propri volumi, sia italiani sia stranieri. Con un semplice clic del mouse, il docente può creare il testo per il proprio corso attingendo a singoli capitoli dai più disparati volumi, in modo da realizzare un libro personalizzato che risponda al meglio alle esigenze del proprio corso, con la possibilità di aggiungere anche materiale originale scritto dal docente stesso. Quali sono i vantaggi del Custom Publishing? Per i docenti: I materiali didattici sono ritagliati su misura del corso. Il docente può controllarne i contenuti così come la struttura. È possibile includere materiale proprio, in qualunque lingua. La copertina è personalizzabile con i dettagli del corso, il nome del docente, il logo dell'istituzione ecc. Per gli studenti: Il testo contiene esattamente i contenuti utili per il corso. Gli studenti in un unico volume trovano tutti i materiali necessari e risparmiano tempo, non dovendo raccogliere testi da diverse fonti. Il testo contiene solo ed esclusivamente i materiali del corso, pertanto gli studenti risparmiano sull'acquisto non dovendo pagare per contenuti non utilizzati.

Economia industriale

McGraw-Hill Education - 2016

Non disponibile

24,00 €
Il Custom Publishing di McGraw-Hill Education. In cosa consiste il Custom Publishing? McGraw-Hill dispone di un vasto database, "Create", in cui sono contenuti in forma digitale i propri volumi, sia italiani sia stranieri. Con un semplice clic del mouse, il docente può creare il testo per il proprio corso attingendo a singoli capitoli dai più disparati volumi, in modo da realizzare un libro personalizzato che risponda al meglio alle esigenze del proprio corso, con la possibilità di aggiungere anche materiale originale scritto dal docente stesso. Quali sono i vantaggi del Custom Publishing? Per i docenti: I materiali didattici sono ritagliati su misura del corso. Il docente può controllarne i contenuti così come la struttura. È possibile includere materiale proprio, in qualunque lingua. La copertina è personalizzabile con i dettagli del corso, il nome del docente, il logo dell'istituzione ecc. Per gli studenti: Il testo contiene esattamente i contenuti utili per il corso. Gli studenti in un unico volume trovano tutti i materiali necessari e risparmiano tempo, non dovendo raccogliere testi da diverse fonti. Il testo contiene solo ed esclusivamente i materiali del corso, pertanto gli studenti risparmiano sull'acquisto non dovendo pagare per contenuti non utilizzati.

Outlet Italia. Cronache di un paese in (s)vendita

Fara Gian Maria
Datanews - 2013

Non disponibile

16,00 €
Molte delle nostre migliori realtà imprenditoriali, sono state schiacciate dalla congiuntura economica negativa, unita all'iperburocratizzazione della macchina amministrativa, ad una tassazione iniqua, alla mancanza di aiuti e di tutele e alla impossibilit

Organizzazione industriale

McGraw-Hill Education - 2013

Non disponibile

50,00 €
Una delle più importanti lezioni che si possono trarre dallo studio dell'organizzazione industriale è capire come costruire un ragionamento economico razionale le cui implicazioni possano essere, in linea di principio, sottoposte alla prova empirica. Questo manuale, ponendo una nuova attenzione alle applicazioni empiriche, trasmette efficacemente questa lezione. Nel complesso l'organizzazione del manuale tocca tutti gli argomenti trattati nei corsi di Economia Industriale. Gli autori del testo sono: Pepall, Richards, Norman, Calzolari.

Economia industriale. Economia dei mercati...

Scognamiglio Pasini Carlo
Luiss University Press - 2013

Non disponibile

39,00 €
"Economia Industriale. Economia dei mercati imperfetti" di Carlo Scognamiglio Pasini si presenta come un'efficace trattazione degli argomenti classici della disciplina che risale ad Alfred Marshall, attraverso la sintesi di tre principali corpi teorici o "

Pressione socio-economica e strategie emergenti...

Sabbatini M. (cur.)
Franco Angeli - 2012

Non disponibile

33,00 €
Il volume analizza l'evoluzione delle strutture produttive agricole attraverso il supporto statistico del microdato aziendale di fonte Istat. In particolare, dal confronto tra due soglie temporali (2000 e 2007), si evidenziano i percorsi strategici delle aziende agricole utilizzando una classificazione tipologica predefinita che poggia su nove tipologie e tre archetipi strategici (a-competizione, competizione precaria e competizione sostenibile). Dopo un'analisi descrittiva sull'evoluzione dell'agricoltura nell'arco temporale considerato, si analizzano le dinamiche aziendali nelle loro prospettive strategiche fornendo un supporto informativo dettagliato sia a livello aggregato che per circoscrizione territoriale. La competitività costituisce la chiave di lettura dei dati permettendo di far emergere i processi in atto nell'agricoltura italiana alle soglie di un nuovo periodo di programmazione dello sviluppo agricolo. La multidimensionalità degli aspetti esaminati nella classificazione tipologica permette di ricollocare i percorsi strategici aziendali nell'ambito dei diversi obiettivi della programmazione comunitaria verificando la coerenza tra modelli normativi e positivi di sviluppo agricolo. Completano il volume alcuni approfondimenti tematici che caratterizzano l'impresa agraria. In fine, i principali risultati dell'indagine sono proiettati nel quadro della futura programmazione dello sviluppo rurale per alcune considerazioni sulla nuova Pac.

Economia industriale. Economia dei mercati...

Scognamiglio Pasini Carlo
Luiss University Press - 2012

Non disponibile

45,00 €
"Economia Industriale. Economia dei mercati imperfetti" di Carlo Scognamiglio Pasini si presenta come un'efficace trattazione degli argomenti classici della disciplina che risale ad Alfred Marshall, attraverso la sintesi di tre principali corpi teorici o "scuole" di pensiero, ossia quelle di Harvard, di Chicago e la "Nuova Economica Industriale". Il testo si sofferma sulla natura e il funzionamento dei mercati imperfetti, coniugando rigore nella trattazione con numerosi esempi ed applicazioni alla realtà concreta dei mercati. Il testo contiene un'ampia descrizione della teoria e dell'evidenza delle politiche industriali, anche sulla base della passata esperienza di Ministro della Repubblica dell'autore, oltre che dei suoi numerosi incarichi istituzionali o di consulenza nel governo dell'economia. Il libro appare dunque non solo come un organico testo di base per gli studenti di Scienze economiche e sociali, ma anche un'affascinante rappresentazione dell'evoluzione della politica industriale in Italia - dove non mancano riferimenti al quadro europeo preziosa anche per manager e regolatori.

Principi di economia aziendale

Bastia Paolo
CEDAM - 2012

Non disponibile

36,00 €
I contenuti dell'opera, oltre all'analisi dei fondamentali dell'Economia Aziendale, si estendono ai profili di mitigazione del rischio, al rafforzamento della regolamentazione e dei controlli interni, al riconoscimento della dimensione etica della gestione, alla ricerca di condizioni di flessibilità tecnologica, strategica, organizzativa, manageriale, con apertura a configurazioni aziendali dai confini labili e mutevoli. L'impianto metodologico del libro, la sistematicità e l'ampiezza delle prospettive di analisi, il costante riferimento alle evidenze empiriche, consentono di sviluppare un ragionamento sistematico intorno all'azienda e alla sua gestione, colta anche negli stadi evolutivi di maggiore complessità strutturale, nella veste di holding, di impresa rete, di protagonista di percorsi di crescita per linee esterne, tramite fusioni ed acquisizioni, ovvero di soggetto vigilato in quanto quotato e disciplinato nella definizione e nel funzionamento della sua corporate governance. Il quadro teorico di riferimento è certamente ancorato alla tradizione di pensiero dell'Economia Aziendale italiana, con gli opportuni collegamenti alla letteratura internazionale di Management, agli Studi organizzativi e al pensiero economico neoistituzionalista, contribuendo così ad un lavoro rigoroso sul piano dottrinale, contestualizzato alla nostra situazione economica interna, ma al tempo stesso integrato con l'evoluzione delle teorie e prassi internazionali.