Conservatorismo e ideologie democratiche di destra

Active filters

Perchè Mussolini rovinò l'Italia (e...

Vespa Bruno
Mondadori

Disponibile in libreria

20,00 €
L' Italia fascista è alla resa dei conti. Sono gli anni dell'asse Roma-Berlino, del fatale Patto d'Acciaio, delle leggi razziali, dell'ingresso dell'Italia in guerra al fianco di Hitler, della terribile guerra d'Africa, e della campagna di Russia. Dopo aver dedicato al Fascismo due volumi di grande successo, Bruno Vespa firma il terzo atto, ripercorrendo gli anni drammatici e decisivi per il crollo del regime e la fine del Ventennio. Anni che restituirono alla Storia un Paese da ricostruire. Oggi come allora, dopo la pandemia di Covid-19, per l'Italia è tempo di ripartire.

Una storia popolare

Formigoni Roberto
Cantagalli

Disponibile in libreria

25,00 €
La storia popolare di cui è protagonista Roberto Formigoni è divisa in quattro parti: la giovinezza e l'incontro con Gioventù Studentesca e Comunione e Liberazione; gli anni alla guida del Movimento Popolare; gli anni al governo di Regione Lombardia; bilanci e rivelazioni sul rapporto di CL con la politica, sulla DC, Silvio Berlusconi, la Lega di Bossi, i giorni in carcere, don Giussani e don Julián Carrón. Un libro concepito per preservare la memoria di ciò che l'establishment (politico, mediatico, forse anche ecclesiastico) vorrebbe far dimenticare. Che spazia dalla ricostruzione dell'operato come governatore di Regione Lombardia ai retroscena su Andreotti, Pertini, Saddam Hussein, Fidel Castro... Le prime due parti sono come un grande romanzo storico, documentatissimo ma anche traboccante di aneddoti e avventure inedite. La terza parte è una sorta di manuale per il buon amministratore pubblico, con approfondimenti tecnico-scientifici, e la descrizione di un metodo con cui si costruisce una regione. La quarta parte racconta degli ideali messi alla prova. I due post scriptum finali gettano uno sguardo sul futuro. Introduzione Camillo Ruini.

Io sono Giorgia. Le mie radici le...

Meloni Giorgia
Rizzoli

Disponibile in libreria

18,00 €
Ho visto troppa gente parlare di me e delle mie idee per non rendermi conto di quanto io e la mia vita siamo in realtà distanti dal racconto che se ne fa. E ho deciso di aprirmi, di raccontare in prima persona chi sono, in cosa credo, e come sono arrivata fin qui. In questo libro, Giorgia Meloni parla per la prima volta di sé a tutto tondo. Delle sue radici, della sua infanzia e del suo rapporto con la mamma Anna, la sorella Arianna, i nonni Maria e Gianni e del dolore per l'assenza del padre; della passione viscerale per la politica, che dalla "sua" Garbatella l'ha portata prima al Governo della Nazione come Ministro e poi al vertice di Fratelli d'Italia e dei Conservatori europei; della gioia di essere madre della piccola Ginevra e della storia d'amore con Andrea; dei suoi sogni e del futuro che immagina per l'Italia e per l'Europa. Ma affronta anche, con la schiettezza e la chiarezza che la caratterizzano, temi complessi come la maternità, l'identità e la fede. Un racconto appassionato, scandito nei titoli da quel tormentone nato per essere ironico ma diventato un manifesto identitario. Passato, presente e futuro del leader politico sul quale sono puntati gli occhi di molti, in Italia e non solo.

Reagan. Il presidente che cambiò la...

Sangiuliano Gennaro
Mondadori

Disponibile in libreria

22,00 €
Il 4 novembre 1980, con un risultato schiacciante, gli americani eleggono presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan. È una valanga: Ronnie, come lo chiamano gli amici, vince in 45 Stati su 50; per il presidente uscente, il democratico Jimmy Carter, che chiedeva la rielezione, è un'umiliazione. Nonostante i numeri, l'ascesa di Reagan alla Casa Bianca è stata accolta con stupore: un ex attore di Hollywood, molto noto al pubblico televisivo, che assumeva la guida della più grande superpotenza planetaria? Si trattava di un azzardo pericoloso o di un evento in anticipo sui tempi? Quella di Ronald Wilson Reagan, in realtà, è una storia tutta americana. Nato a Tampico nel 1911, all'epoca una minuscola cittadina dell'Illinois, il piccolo «Dutch» - come viene soprannominato in famiglia per le linee paffute del volto - cresce nella regione geografica che è il cuore pulsante della nazione a stelle e strisce, il Midwest. Il padre è un cattolico irlandese senza un lavoro stabile e con il vizio dell'alcol, la madre una donna religiosissima, devota alla Chiesa dei discepoli di Cristo. Dopo la laurea in economia, Reagan approda a Hollywood quasi per caso e fa una discreta carriera nel mondo del cinema, fino a quando non scopre l'importanza dell'impegno politico, prima in qualità di presidente del sindacato degli attori (Screen Actors Guild) e poi come governatore della California dal 1967 al 1975 nelle file del Partito repubblicano, lui che da giovane aveva avuto simpatie per il democratico Roosevelt. La scalata al Grand Old Party era ormai tracciata. A quarant'anni dall'insediamento di Ronald Reagan alla Casa Bianca, Gennaro Sangiuliano dedica al presidente più popolare dell'America moderna una biografia dettagliata e avvincente, piena di informazioni, notizie e aneddoti. Se oggi gli anni Ottanta del Novecento sono ricordati come una stagione felice di benessere e di prosperità economica, lo si deve proprio a quella spinta di ottimismo, di pragmatismo e di modernizzazione che Reagan seppe imprimere agli Stati Uniti e di conseguenza a tutte le nazioni industrializzate dell'Occidente. Artefice, sul piano ideologico e culturale, della «rivoluzione conservatrice» e antistatalista che caratterizzò gli ultimi decenni del secolo breve, Reagan è anche il presidente degli Stati Uniti che ha sconfitto il comunismo sovietico - e vinto la Guerra fredda - «senza sparare un colpo», come dirà Margaret Thatcher. Guadagnandosi per sempre un posto nella Storia.

Ultradestra. Radicali ed estremisti...

Mudde Cas
Luiss University Press

Disponibile in libreria in 3 giorni

19,00 €
L'estrema destra, anche quando esplicitamente vicina a posizioni xenofobe, antisemite, fasciste e naziste non è più una questione limitata a sparute minoranze di collocazione prevalentemente extraparlamentare. In meno di un secolo dalla fine del secondo conflitto mondiale, movimenti, partiti, leader e idee dell'ultradestra sono entrati a far parte della cultura di massa, hanno permeato le campagne e le agende dei partiti tradizionali, influenzando il contenuto del dibattito pubblico e arrivando al governo di alcune tra le più grandi democrazie al mondo. Ultradestra dimostra come l'emergere di forze un tempo considerate eversive sia tutt'altro che una tendenza episodica e destinata a esaurirsi nel breve periodo, ma il momento culminante di un processo lungo anni che ha portato allo sdoganamento di stili, linguaggi e politiche un tempo ritenuti pericolosi e di minoranza. La prepotente marcia dell'ultradestra descritta da Cas Mudde in queste pagine ha stravolto nel volgere di pochi anni la percezione di temi come immigrazione, diversità, sicurezza, Europa e globalizzazione, e sarà ricordata, indipendentemente dalle traiettorie politiche che seguiranno le nostre società future, come una stagione di profonda messa in discussione dei principi fondamentali della democrazia liberale.

Dio e patria. I cattolici genovesi...

Varnier Giovanni Battista
Termanini

Non disponibile

18,00 €
La pubblicazione presenta, in forma agile ma documentata, le posizioni assunte dal mondo cattolico genovese di fronte al primo conflitto mondiale. Dopo un inquadramento storico generale, ci si addentra in alcune "piste di ricerca", illustrando i momenti storici fondamentali della dolorosa stagione del primo conflitto, per soffermarsi quindi sulle figure più rappresentative. Il volume include numerosi documenti, pubblicati anche integralmente, a corredo e per approfondimento.

La destra e la strategia della...

Pessot Sergio
Solfanelli

Disponibile in libreria in 3 giorni

12,00 €
Questo libro si propone di riunire in unico testo tutti i tentativi di colpo di Stato ufficialmente conosciuti in Italia. Lungi dal trattarsi di una mera operazione storico-archeologica, l'intento è piuttosto quello di ripercorrere i sentieri che hanno portato tanti giovani, della destra ufficiale e non, nella costellazione delle più disparate realtà ideologiche radicali. L'ipotesi del libro è che tale radicalizzazione sia l'esito di tentativi di reazione e di rivolta, anche molto differenti nelle forme e nei modi, provocati a loro volta da uno sforzo generalizzato nel panorama politico italiano di soffocare la voce della destra radicale. Le questioni che si pongono diventano, allora, due: da una parte ripristinare il progetto originario d'instaurare un nuovo tipo di civiltà, con il realizzare un nuovo costume di vita e il favorire l'affermarsi di una nuova Weltanschauung sull'uomo e sulla società. Dall'altra, indagare i rapporti che intercorrono tra quest'intento iniziale e il caleidoscopio di realtà che, senz'avere su di esse uno sguardo normativo e giudicante, l'Autore prende in considerazione. Obiettivo finale del libro risulta una disamina che permetta al lettore di discriminare esperienze e realtà qualitativamente costruttive da quelle che, contro ogni vanto, in effetti non lo sono.

Lamezia Terme. Un fallimento o una...

Viola Riccardo
Grafichèditore

Disponibile in libreria in 3 giorni

10,00 €
Per dare un giudizio complessivo del lavoro di Riccardo Viola, voglio riportare il pensiero dell'Autore sulla differenza tra il modo in cui parlava Almirante nei comizi e il modo in cui parlava Gianfranco Fini. È un giudizio che coglie sottilmente la diversità di fondo tra il MSI del segretario Almirante e Alleanza Nazionale del segretario Fini. Almirante infiammava le folle con la sua oratoria apprezzata anche dagli avversari politici, era un oratore, dice Viola. Fini era un sottile argomentatore, era un maestro del 'politicamente corretto', quello che ci voleva per un partito di destra che ormai faceva parte dell'area di governo.

House of Trump. Ritratto di una...

Borgognone Giovanni
Università Bocconi Editore

Disponibile in libreria in 3 giorni

17,00 €
Imprenditore spericolato, star televisiva, infine presidente della prima superpotenza globale: quella di Donald Trump è una parabola unica, che ha segnato una cesura nella storia politica statunitense. L'ostentazione della sua personalità narcisistica, l'ideologia privatistica, la costruzione populistica della sua figura come outsider contro l'establishment si riassumono nell'inclinazione di Trump a spostare tutto nel «privato», nel voler risolvere da questo punto di vista ogni problema, anche sul piano delle relazioni internazionali. Ne discende una gestione del potere a metà tra la sceneggiatura del reality-show The Apprentice e quella della serie tv House of Cards, una forma parossistica e riottosa di governance pubblico-privata della nazione a cui partecipano membri della famiglia Trump, esponenti dell'establishment politico, figure appartenenti alle alte gerarchie militari, rappresentanti di Wall Street. Con piglio narrativo, questo volume ripercorre le vicende della presidenza Trump proponendone una lettura critica e originale: una «presidenza privata».

Culture di estrema destra. Vol. 1:...

Rossiello Antonio
Youcanprint

Non disponibile

20,00 €
Opera di un giornalista pubblicista free-lance, Antonio Rossiello, propenso alla storiografia e alla politica e culture varie. Libero e indipendente, moralmente ed eticamente severo con se stesso in ogni attimo della propria vita, non compromesso con i poteri e i potentati del giornalismo e dell'editoria e dell'industria culturale deviante e manipolatrice.

Il grande inganno. Il «federalismo...

Festa Gianni
Terebinto Edizioni

Disponibile in libreria

10,00 €
Il Sud tradito ancora. Mentre si celebra un nuovo ritorno ai nazionalismi e ai sovranismi, mentre si tuona in tutte le piazze "Prima gli Italiani", si consuma anche un'altra decisiva azione, quella del cosiddetto "federalismo differenziato". A nord della "linea gotica", dunque, si tuona "Prima il Nord", distinguendolo poi accuratamente in "Prima i lombardi", "Prima i veneti", "Prima gli emiliani", "Prima i piemontesi", "Prima i liguri"..., mentre al Sud si declina un nazionalismo fuori dal tempo e dalla storia. Questo è il "grande inganno". Ma prima o poi questo "gioco" che sfocia nel populismo, sarà scoperto e si dovrà dire con chiarezza se si è per l'Italia o per il "federalismo differenziato". Insomma, non si può essere "leghisti del Nord" a Bergamo e "leghisti sovranisti" nel resto d'Italia. Questo libro - che raccoglie alcuni editoriali del Direttore del "Quotidiano del Sud" (Edizione Irpinia) Gianni Festa e alcuni saggi sulla questione meridionale del Direttore scientifico del Centro di Documentazione sulla Poesia del Sud Paolo Saggese - intende fare chiarezza.

Il ritorno dell'estrema Destra. Il...

Fotia Mauro
Edizioni Lavoro

Non disponibile

14,46 €
All'interno del fenomeno di ricomparsa in Europa di una forte destra, nazionalista, populista, xenofoba e razzista, è di particolare rilievo il successo anche elettorale del francese Fronte nazionale di Jean-Marie Le Pen. Questo libro intende affrontare e analizzare, in un'ottica europea e in un momento di recrudescenza di nazionalismi sanguinosi e scontri etnici, il fenomeno lepenista.

L'estrema Destra in Europa

Ignazi Piero
Il Mulino

Non disponibile

10,33 €
Dopo aver definito i criteri della collocazione di estrema destra rispetto ai tradizionali partiti conservatori e aver messo ordine tra i termini concorrenti, Ignazi esamina i vari casi nazionali, illustrando le caratteristiche delle diverse sigle politiche. Distingue poi due tipo di partito: quelli riconducibili all'estrema destra tradizionale, eredi dell'ideologia fascista (ad esempio il M.S.I.) e quelli dell'estrema destra postindustriale ( i Republikaner o il Front National) che rappresentano la vera novità dello scenario politico. I secondi, figli della società contemporanea e dei suoi problemi, sono estranei alle mitologie fasciste, ma non di meno antidemocratici, antisistema e xenofobi.

Io sono Matteo Salvini. Intervista...

Giannini Chiara
Altaforte Edizioni

Disponibile in libreria in 3 giorni

17,00 €
Cento domande all'uomo più discusso d'Europa. Perché l'Italia non è la Polonia, l'Ungheria o la Repubblica Ceca. L'Italia è uno dei paesi fondatori della Unione Europea e il suo terzo contribuente. Cento risposte per raccontare quanto di sé stesso informa la propria azione di governo. Cento risposte a chi lo ama, a chi lo critica, a chi ripone fiducia in lui e a chi lo vorrebbe vedere "penzolare a testa in giù". E poi tante testimonianze; quelle della gente della strada, di chi vive la propria vita e di chi si è trovato a difenderla, dei politici amici e di quelli nemici, degli animatori dei salotti televisivi e della carta stampata. Un confronto a distanza che, ancora una volta, traccia il solco, sempre più invalicabile, tra popolo e classe dirigente. Prefazione di Maurizio Belpietro.

Una vita in Avanguardia Nazionale

Ferrario Ippolito Edmondo
Ritter

Disponibile in libreria in 5 giorni

20,00 €
La vicenda di Domenico "Mimmo" Magnetta si lega indissolubilmente a quella di Avanguatdi Nazionale, una delle principali e più articolate formazioni dell'estrema destra extraparlamentare sorte in Italia nel dopoguerra. La storia di Mimmo si inserisce nel contesto specifico di Avanguardia Nazionale a Milano, in un periodo, i primi anni Settanta, in cui la repressione giudiziaria e la gogna mediatica si abbattono sui neofascisti come una scure. Ciò che emerge prepotente dal suo racconto è la certezza di una generazione intera, salita su opposte barricate, che si potesse cambiare lo stato delle cose senza scendere a compromessi, attraverso la strada della lotta armata. Sogni, speranze, illusioni furono la benzina dei cosiddetti "Anni di Piombo". Questo libro è la testimonianza diretta, senza falsi moralismi, di chi allora aderì in modo totale a un progetto umano e politico e vi credette fino in fondo, assumendosi le proprie responsabilità.

Dalla parte di Jekyll. Manifesto...

Rossi Filippo
Marsilio

Disponibile in libreria in 3 giorni

12,00 €
Autorevole ma non autoritaria, in grado di dare risposte concrete senza semplificare la realtà in italiani e stranieri, «onesti» e corrotti, quella che Filippo Rossi definisce «la buona destra» è una delle culture politiche che ha contribuito a fare dell'Italia un paese moderno. Eppure, come il rispettabile dottor Jekyll porta sempre con sé il fantasma del temibile Mister Hyde, ancora oggi chi si ispira a un pensiero liberale e conservatore non può non evocare allo stesso tempo immagini di sopraffazione dei più deboli, razzismo e altre barbarie del secolo scorso. All'alter ego capace di ogni nefandezza aizzato da chi sta al governo, e che esprime l'istinto di un paese in disarmo, livido e spaventato, l'autore contrappone nella sua analisi il racconto di una cultura di destra orgogliosa della propria differenza e della propria tradizione, ma che rischia di finire, come il protagonista del romanzo di Stevenson, vittima della sua stessa ombra. In un j'accuse tanto contro xenofobi e populisti quanto contro la sinistra anemica dei nostri tempi, Rossi propone un viaggio alla riscoperta di una politica che accetti la sfida del nuovo e faccia del cambiamento uno stile di vita, lanciando allo stesso tempo un appello a tutti coloro che si sentono viandanti culturali, migranti politici e che rifiutano la retorica delle radici e la tirannia degli album di famiglia.

Lo specchio nero. I sovranismi...

Dikotomiko
Dots

Disponibile in libreria in 3 giorni

15,00 €
A volte ritornano. A guardar bene, forse non stanno tornando, perché non erano mai andati via. Solo che oggi vanno di gran moda: parlano, seducono, governano. Sono neofascisti, sono neonazisti, ma si fanno chiamare identitari, sovranisti, mentre rievocano un passato nero, nerissimo. E sul nero degli schermi aumentano le storie che parlano di loro: documentari, commedie, action movie, instant movie; rappresentazioni nostrane e internazionali dell'esistenza di gruppi neonazisti e neofascisti, che mescolano nuovi linguaggi e nostalgia. Dikotomiko ha selezionato narrazioni audiovisive italiane e straniere in cui il passato getta la sua ombra sul presente; un racconto della contemporaneità organizzato per schede, un montaggio di storie e visioni da cui emerge il lato più oscuro di un presente che sembra un brutto film, purtroppo già visto.

La rinascita della gioventù europea

Ferloga Stelio
Anteo (Cavriago)

Non disponibile

12,00 €
L'Europa è in fiamme, ma i suoi figli fanno fatica ad accorgersene. Migrazioni illegali, austerità che marcia imperterrita nonostante l'impoverimento progressivo di tutti i popoli del continente, insicurezze sul lavoro, diritti sociali sempre più in bilico... Fino a 30 anni fa l'Europa era ancora un luogo vivo, economicamente all'avanguardia. E per ricostruirla da zero bisogna anzitutto raggiungere un obiettivo: richiamare i giovani alla propria eredità storica e culturale, nella speranza di renderli consapevoli di quanto sia bello farne parte. Prefazione di Matteo Salvini.

Lettera a un neonazista

Mantegazza Raffaele
Castelvecchi

Disponibile in libreria in 3 giorni

9,00 €
«Caro ragazzo neonazista, tu ci chiederai adesso: "Va bene, ma voi cosa fate con e per me?". E qui devo darti in parte ragione. Perché se i neofascisti e neonazisti hanno conquistato la tua anima qualche responsabilità l'abbiamo anche noi; se queste formazioni riempiono un vuoto di senso e di significato è perché quel vuoto non siamo stati capaci di riempirlo e forse, senza volerlo, abbiamo contribuito a crearlo. E francamente quando un ragazzino di quindici anni si fa tatuare sul petto una svastica io non riesco a dire che è colpa degli altri, perché questo modo di de-responsabilizzarsi è proprio il tipico modo di pensare che apre al nazismo». Prefazione di Giannino Piana.

Inganno Bannon

Cinabro Edizioni

Non disponibile

12,00 €
Si tratta di un volume collettaneo scritto da Maurizio Blondet, Andrea Marcigliano, Gianluca Marletta, Claudio Mutti, Raido, Rigenerazione Evola. Steve Bannon è davvero il paladino del sovranismo europeo e il padre nobile della destra degli anni duemila? Ci troviamo realmente di fronte ad un valido anti-Soros o soltanto dinanzi all'artefice dell'ennesimo progetto egemonico a stelle e strisce in chiave conservatrice anziché liberal? Questo volume collettaneo si propone di rispondere a questi interrogativi con l'obbiettivo di smascherare il malcelato inganno orsito da Steve Bannon, attraverso The Movement, per attrarre le forze populiste e sovraniste europee, in particolare italiane, condizionandole in chiave anti-eurasiatica, anti-islamica e filo-atlantista. Si tratta di un pamphlet di battaglia e di denuncia, o per meglio dire di un "manifesto", volto a contribuire alla maturazione dei necessari anticorpi contro il virus dell'alt-right.

Dieci anni in azione

Pesato Vittorio
Eclettica

Disponibile in libreria in 3 giorni

16,00 €
"Dieci anni di politica, militanza, cultura, vittorie, radicamento sul territorio e goliardia. Un decennio, quello di Azione Universitaria Pavia, che Vittorio Pesato racconta nei minimi particolari".

Nuvole nere

Ruju Pasquale
Feltrinelli

Disponibile in libreria in 3 giorni

16,00 €
Una favola bucolica si trasforma in tragedia e, ispirandosi a fatti reali, getta luce sul fenomeno inquietante della deriva neonazista che oggi minaccia l'Europa. I Garver vivono a Wolkendorf, piccolo paese immerso nella campagna tedesca. Bernhard, vedovo, si è rifatto una vita con Nadia, pittrice di origini algerine. Insieme, cercano di crescere in armonia i rispettivi figli, Dennis e Jasmine, entrambi adolescenti. La serenità della famiglia comincia a incrinarsi quando alcune case del paese vengono acquistate da simpatizzanti di un nuovo movimento econazista, i Völkischen. L'ombra di una nube minacciosa incombe su Wolkendorf e sui Garver. Un assedio progressivo, un contagio che mina anche il fragile equilibrio interno della famiglia. Man mano che i vecchi residenti abbandonano il villaggio, l'inquietudine dei Garver si tramuta in paura. Sono rimasti ormai soli. Solo loro e i Völkischen. Berhnard non vuole lasciare il paese a cui è legato, vuole proteggere la sua terra e la sua famiglia, ma la sua ostinazione potrebbe portare a drammatiche conseguenze.

La destra che vorrei

Nardone Alessandro
Youcanprint

Disponibile in libreria in 3 giorni

12,00 €
"Nardone ci regala un sogno per superare l'incubo che viviamo ogni giorno", scrive Francesco Storace nella sua prefazione, riferendosi all'incubo di una destra svanita nel nulla e che, secondo Nardone, va ricostruita ripartendo dai valori, innanzitutto, ma tenendo presente che, per far sì che si propaghino, dovrà essere in grado di liberarsi del passato, parlando un linguaggio nuovo e, soprattutto, trovando nuovi punti di riferimento in grado d'incarnare quei principi. I valori della destra in 5 canzoni, 5 film e 5 libri: da Jovanotti a Fabri Fibra, passando per Guccini, Saramago, Salinger, Orwell, per arrivare all'intervista immaginaria al protagonista di Fight Club: è il tentativo con il quale l'autore abbandona gli stereotipi che - dagli anni '70 ad oggi hanno composto l'iconografia della destra italiana, per mettersi alla ricerca di spunti nuovi attraverso i quali comporre il mosaico di una destra realmente figlia del nostro tempo, in grado di parlare alle nuove generazioni facendosi capire e, magari, tornando ad appassionarle.

Mi ricordo...

Guazzaloca Giorgio
Alberto Perdisa Editore

Non disponibile

12,00 €
Gianni Agnelli, Giulio Andreotti, Giacomo Biffi, Lucio Dalla, Federico Fellini, Indro Montanelli, Alberto Moravia, Giorgio Napolitano, Romano Prodi, Gigi Riva... Sono solo alcuni dei personaggi che Giorgio Guazzaloca ricorda in questo libro che narra i sentimenti e gli avvenimenti di una vita intensa che lo ha visto ricoprire importanti incarichi pubblici e associativi non solo nella sua città, Bologna, ma anche a livello nazionale. Ricordi di momenti felici e di momenti tristi che lo hanno visto protagonista, assieme a gente comune, ai suoi famigliari e spesso a noti personaggi della politica, della cultura, della scienza e dello sport. Brevi frammenti per raccontare vicende personali e pubbliche che tracciano la storia di una città e di una nazione in un arco di tempo lungo sessant'anni.

Destra e sinistra. Ragioni e...

Bobbio Norberto
Donzelli

Non disponibile

13,00 €
"Dunque, destra e sinistra esistono ancora? E se esistono ancora e tengono il campo, come si può sostenere che hanno perduto il loro significato? E se un significato ancora lo hanno, questo significato qual è?". Bobbio affronta la questione a partire dal s

Senza la Sicilia l'Italia non è...

Poidomani Giancarlo
Bonanno

Non disponibile

44,00 €
Senza la Sicilia l'Italia non è Nazione. Così disse Agostino Depretis, nel giugno 1876, per sottolineare l'urgenza di dare compimento a un processo unitario ancora incompiuto per la mancata integrazione del Mezzogiorno, e in particolare della Sicilia, nel neonato Stato italiano. La Sicilia era quella regione in cui la Destra storica aveva dovuto affrontare nei 15 anni precedenti problemi enormi di governo in condizioni difficilissime di ordine pubblico, una situazione socio-economico precaria, una pubblica sicurezza inesistente, renitenza alla leva diffusa, ripetuti tentativi insurrezionali rivoluzionari e reazionari. Eppure i governi della Destra storica si erano sforzati di governare l'isola non ricorrendo soltanto alla repressione, alle misure eccezionali, alla militarizzazione dell'ordine pubblico ma cercando anche di risolvere quei problemi di arretratezza economica, sociale, infrastrutturale che il regime borbonico aveva lasciato in eredità alle nuove classi dirigenti.