Edifici residenziali, case

Filtri attivi

Le strutture socio-assistenziali e residenziali...

Morena Marzia
Maggioli Editore - 2014

Disponibilità Immediata

34,00 €
Il modello di accompagnamento tradizionale alle esigenze della vecchiaia è orientato soprattutto alla cura delle malattie e al sostegno delle più gravi perdite dell'autonomia La realtà urbanistica e i modelli di organizzazione urbana sono però raramente pensati in relazione alle esigenze quotidiane delle diverse età della vita. Così, città e case possono arrivare a rappresentare vere e proprie barriere alla libera espressione dei più anziani, soprattutto in presenza di disabilità e fragilità correlate con l'età. Gli stessi modelli istituzionali di accoglienza di persone con autonomia ridotta sono spesso inadatti a soddisfare le loro esigenze e i loro desideri. La maggior parte dei paesi a economia avanzata ha già avviato riforme importanti dell'organizzazione e della tipologia di servizi, ma anche in assenza di interventi normativi o regolativi le soluzioni ricercate dalla persone vanno oggi in direzioni diverse rispetto alla normale tradizione istituzionale. Il testo analizza alcune linee di sviluppo di questi scenari, a partire dalla delicata linea di confine tra le normali soluzioni abitative e quelle in grado di integrare la casa con servizi proporzionati. Esistono molte variabili e il quadro di insieme è estremamente fluido, anche perché si tratta di coniugare il desiderio delle persone di abitare in luoghi che sente propri e che può vivere nella pienezza della propria esistenza con le necessità imposte dalle soluzioni organizzative e dai modelli di servizio.

La giungla in casa

Carter Hilton
Logos - 2019

Disponibile in 3 giorni

20,00 €
Divertitevi a girovagare per l'appartamento e lo studio di Hilton Carter, e una serie di altri spazi lussureggianti, stracolmi di splendide piante verdi, e imparate tutto ciò che vi serve per creare la vostra personalissima giungla urbana. Proprietario di oltre 200 esemplari, Hilton ha le idee chiare riguardo all'importanza delle piante in casa - oltre che per la loro bellezza, per i benefici che apportano alla salute dei suoi abitanti: "Avere delle piante non solo porta un tocco di vita in casa, ma contribuisce al ricambio d'aria nei vari ambienti. E, ovviamente, è un elemento di design fondamentale quando si arreda. A mio avviso, inoltre, non basta aggiungere piante verdi a caso: io cerco sempre le varietà giuste, perché mi piace vedere foglie di colori e texture diverse raggruppate insieme. Provate a prendere un Ficus lyrata e sistemarlo tra una Strelitzia reginae e una Monstera deliciosa... wow!". Pagina dopo pagina, acquisirete il bagaglio di competenze necessarie per prendervi cura delle vostre piante e imparerete dove collocarle, come propagarle, come trovare il giusto vaso e tanto altro ancora. Cosa più importante, imparerete come sistemarle in casa per farle apparire al meglio. Combinate foglie di forme e dimensioni diverse per ottenere risultati stupefacenti, provate a propagare le vostre succulente per talea, allestite un angolino di tillandsie... non c'è limite alla creatività!

Habitat 5.0. L'architettura nel Lungo Presente

Ricci Mosè
Skira - 2019

Disponibile in 3 giorni

16,00 €
Quali abiti o scarpe disegnati negli anni Ottanta e ancora prima possono essere oggi indossati senza apparire vecchi o fuori dal tempo? Quanti mobili, case, o quartieri urbani di quel periodo sono ancora oggi attuali? Quasi tutti, potremmo dire. In questi anni le forme dell'abitare non sono molto cambiate. Ancor meno è cambiato il loro disegno e la maniera di progettarle. Da sessant'anni, la moda, la musica e l'architettura sembrano esprimere sempre le stesse aspirazioni, le stesse attese. È possibile che siano rimaste così indifferenti ai grandi mutamenti tecnologici e sociali dell'ultimo mezzo secolo? Mentre tutto cambia vorticosamente nella rete e nei dispositivi digitali nel mondo materiale non è così. È saltato il paradigma che lega l'estetica alla proiezione del tempo. La distanza tra "gestalt" e "zeitgeist" non è mai stata così drammatica. Si vive come in un eterno presente dove le forme sensibili dello spazio solido non realizzano più un'idea di futuro. Sembrano sempre le stesse. Immutabili e svuotate di senso nel turbine della rivoluzione informatica. Come cambiano/cambieranno gli spazi dell'abitare? L'architettura può ancora proporre innovazione e senso nell'era della tecnologia 5.0? Questa fase richiede nuovi paradigmi, come nuovi punti di vista sul futuro e una nuova idea di progetto dello spazio fisico. Si tratta di una sfida che nel valorizzare l'esistente utilizzi dispositivi concettuali capaci di operare sul senso e sui nuovi cicli di vita degli spazi abitabili. Una sfida che consideri il contesto come progetto, il paesaggio come un'infrastruttura ecologica e il futuro della città un progetto collettivo e non autoriale. Questo libro racconta la fine della modernità e gli effetti della rivoluzione digitale sugli spazi fisici dell'architettura e della città al tempo del lungo presente. Contrappunti di Andrea Branzi, Nicola Pugno, Carlo Ratti.

Case museo in Lombardia. Ville, palazzi, dimore...

Villoresi Valerio; Volpato Andrea L.
AdArte - 2019

Disponibile in 3 giorni

59,00 €
Nella collana delle Case (già uscite Case di Torino, Case di Milano, Case di Genova, Case di Roma, Case di Genova e della Riviera, Case di montagna - Vialattea, Case di Portofino, Case del Gavi e dintorni, Ville dimore corti lombarde) è ora la volta di dimore donate dai proprietari alla collettività o conservate come case private ma in qualche modo rese accessibili al pubblico Custodite e tramandate attraverso i secoli, talvolta restaurate e riportate agli antichi fasti dopo lunghi periodi di abbandono oppure da sempre appartenute alla stessa famiglia che è riuscita a conservarne la proprietà, tuttora in mani private o munificamente donate alla collettività: una scelta di venti spettacolari case museo, aperte al pubblico oppure visibili solo su richiesta o in occasione di eventi, raccontate da coloro che le vivono. Sono case in città dove collezionisti illuminati hanno voluto che le loro raccolte, beni artistici frutto della passione di una vita, fossero rese accessibili a tutti dopo la loro scomparsa, così importanti da essere ormai mete irrinunciabili per il turista. Ma ci sono, anche più numerosi, palazzi privati e ville di rappresentanza o di villeggiatura, incantevoli edifici incastonati nelle insenature del lago e seminascosti in giardini dall'atmosfera riservata, oppure affacciati su valli verdeggianti, talora affrescati da celeberrimi artisti dei quali i primi proprietari furono mecenati. Il comune denominatore di tutte queste dimore è la volontà di conservare un patrimonio artistico che i proprietari sentono la responsabilità di salvaguardare e consegnare alle generazioni future.

Il nido. Ediz. illustrata

Oberti Gualtiero
Lubrina-LEB - 2019

Disponibile in 3 giorni

20,00 €
Un luogo. Un rifugio. Un nido. Un luogo familiare, che riconosciamo come nostro e del quale ci sono noti i confini. Un rifugio sicuro dove tornare, che ci isola e ci restituisce il respiro. Un nido avvolgente, che ci calma e ci rianima. Uno spazio vitale, a misura d'uomo. Una grande ellisse, pura geometria. Una curva perfetta concepita dal pensiero umano e assunta quale simbolo di armonia, ma non più compiuta e integra, bensì spezzata, ruotata e scivolata sul fianco. Una figura complessa, ma di nobile genesi, che, per estrusione, dà forma a un volume articolato e scomposto, le cui superfici laterali restituiscono profili diversi e inaspettati. Un volume aperto e chiuso al contempo dove i pieni dei tubolari di ferro si alternano ai vuoti degli interspazi e dove la percezione del fuori muta con il volgere dello sguardo: proiettandolo all'esterno, così da inquadrare i primi rilievi orobici, o trattenendolo al suo interno, facendolo vibrare al ritmo accelerato delle superfici metalliche stondate. Nel concreto, l'opportunità di dare una risposta architettonica a una latente esigenza urbanistica e sociale: ricostruire una terrazza pericolante e transennata, posta ai lati della via che attraversa il borgo montano. Un'occasione per trasformare un reliquato urbano abbandonato e cadente attivandone una metamorfosi fisica e formale, trasmutandolo da non-luogo - nell'accezione di Marc Augé - quale spazio irrelazionale e impersonale, a luogo, quale spazio relazionale e identitario. Restituire alla comunità un punto di sosta e d'incontro, affacciato sulla valle, nel quale riconoscersi e del quale sentirsi partecipi. Ecco allora una piccola piazza geometrica e misurata che si confronta con un paesaggio naturale, aperto e spazioso, composto da crinali e da vallate, da azzurri e da verdi, da luci e da ombre. Un luogo che isola e che si isola dal contorno, che accoglie e che respinge, che concede e che nega. Calcestruzzo, ferro e pietra: materiali naturali utilizzati al grezzo. Direttamente plasmati sul posto o prodotti dall'industria oppure coltivati in una cava. Un bulbo di béton brut che àncora a terra e sostiene come un piedistallo; un perimetro metallico che simultaneamente contiene e separa; un pavimento in ciclopiche lastre di Serpentino della Valmalenco che si spezza e, come deformato da una spinta ctonia, rende manifeste invisibili forze telluriche. Un luogo che nel tempo vedrà la sua partitura metallica rivestirsi e poi mutarsi in sostanza vegetale, assecondando e rincorrendo la natura metamorfica della pietra che ne ricopre il suolo. E poi il carattere quasi metafisico degli arredi in pietra artificiale. A-geometrici, pallidi e levigati; forme ovoidali e feconde; oggetti fuori scala, forse i prodotti di un'allucinazione, che sono al contempo organici e minerali e dei quali ne è sconosciuta la provenienza. Infine le ombre portate della recinzione metallica che tagliano la piazza ogni volta in modo nuovo: meridiane generate e mosse dal nascere e dal vagare del sole. Ritmate e geometriche sul piano orizzontale; mutevoli e sinuose quando lambiscono le indefinite sagome degli arredi: luce e materia che danzano insieme. Una piccola piazza ai margini della via, utile per incontrare un amico o per osservare il paesaggio oppure, semplicemente, per rincorrere un pensiero. Un luogo dove rallentare e, forse per un istante, elidere gli eccessi della surmodernità: l'aumento incontrollato dei riferimenti temporali e spaziali prodotto da una globalizzazione che non crea né identità singola, né relazione, ma solitudine e similitudine.

La casa on/off. Spazi dell'abitare produttivo

Misino Paola
LetteraVentidue - 2018

Disponibile in 3 giorni

9,90 €
Le nuove logiche economiche e sociali che organizzano tempi e modalità del lavoro, hanno oltrepassato la soglia dello spazio domestico, dando vita a nuove forme di relazione tra le funzioni pubbliche delle attività lavorative e l'intimità dell'abitazione. Il binomio spazio produttivo e residenza rappresenta un fenomeno urbano storicamente diffuso soprattutto in luoghi con un alta concentrazione di popolazione. Tuttavia nell'ambito della cultura del progetto contemporaneo, i casi più noti sono confinati alle case-atelier/studio individuali, rivolte ad una committenza ristretta. Il libro, viceversa, propone una rilettura inedita della "casa produttiva" estesa alla scala dell'edificio ad alta densità abitativa, includendo anche attività commerciali e di servizio. Qui il limite tra l'alternarsi della condizione pubblica del lavoro, con quella intima della vita domestica sembra andare oltre le peculiarità dello spazio fisico. La componente relativa al tempo d'uso, disciplinata dagli abitanti stessi, può spingersi fino a definire una sorta di codice binario - online/offline - dello spazio di confine.

Come costruire una passive house in area...

Piraccini Stefano
Altralinea - 2018

Disponibile in 3 giorni

35,00 €
Il libro racconta, in prima persona, la costruzione della Fiorita Passive House, la prima multi-residenza in legno certificata Passive House in area mediterranea. Il progettista-narratore riporta i problemi - e le soluzioni - che si possono incontrare nel processo edilizio per la costruzione di edifici Nearly Zero Energy Building (NZEB) in area mediterranea, partendo dalla constatazione che nella letteratura tecnica non vi sono libri che spiegano, passo a passo, come progettare una Passive House, dalla forma dell'edificio al dettaglio costruttivo, ai problemi durante l'esecuzione, quali attenzioni al clima mediterraneo, come comporre il gruppo di progettazione, individuare le maestranze, controllare i costi, ecc. in un'area dove la costruzione di case passive è ancora una singolare eccezione. In questo libro, una sorta di diario di bordo, i fenomeni fisici sono misurati attraverso una modellazione in grado di restituire la prestazione energetica reale, successivamente verificata attraverso il monitoraggio dell'edificio costruito. Si vuole far trasparire al lettore quanto questo viaggio sia appassionante, come l'obiettivo sia raggiungibile e quali le strategie da mettere in campo. Con contributi di Kristian Fabbri.

Il disegno dell'autonomia. Per una nuova...

Prati Carlo
Libria - 2018

Disponibile in 3 giorni

14,00 €
Oggi il disegno di architettura italiano gode di uno stato di rinnovata vitalità e può rappresentare il veicolo attraverso cui riposizionare la nostra cultura del progetto nel quadro del dibattito internazionale. Negli ultimi cinquant'anni essa ha seguito una parabola discendente perdendo la capacità penetrativa che l'aveva contraddistinta per anni anche fuori dell'Italia costituendo un rife¬rimento per tanta parte delle generazioni di professionisti e studiosi nati nel primo dopoguerra. Questo libro ha un duplice obiettivo, individuare una linea di continuità temporale tra diversi indirizzi di ricerca e, attraverso le immagini dell'autore, affermare l'autonomia del disegno quale campo di indagine in grado di assolvere in sé stesso il complesso dei problemi disciplinari prima¬ri, compositivi, poetici e progettuali.

Portali a Viggiù

Liceo artistico «Angelo Frattini» di Varese
Wip Edizioni - 2018

Disponibile in 3 giorni

10,00 €
A Viggiù si possono vedere circa un centinaio di portali artistici che punteggiano le case lungo le vie del centro storico. Quest'ultimi sono stati studiati, rilevati, disegnati ed elaborati dagli allievi, del corso di architettura, del Liceo Artistico "Angelo Frattini" di Varese, nel corso dell'ultimo biennio scolastico. Sono il segno distintivo delle case viggiutesi ed erano, sino a metà del Novecento, il biglietto da visita dei laboratori delle famiglie viggiutesi distribuiti un po' in tutto il centro storico.

Modernità resiliente. Esperienze d'habitat in...

Atzeni Carlo; Mocci Silvia
Quodlibet - 2018

Disponibile in 3 giorni

26,00 €
Lo sviluppo di nuovi habitat moderni in Marocco e in Algeria costituisce uno degli argomenti tra i più interessanti per l'architettura della seconda metà del XX secolo. Fin dall'Ottocento i territori francesi in Africa sono stati infatti un terreno di sperimentazione privilegiato per l'urbanistica francese. In seguito al IX CIAM del 1953, nel momento in cui anche il Team io maturava la sua posizione critica, prese forma un generale ripensamento dei paradigmi dell'alloggio sociale, in direzione di un superamento dell'approccio universalizzante al tema dell'abitazione di massa, e quindi in favore di progetti rivolti all'uomo in quanto individuo, nel rispetto delle culture locali. In questo contesto le nuove proposte nascono - e talvolta si consumano - in tempi e modi accelerati, spesso tumultuosi. Il volume affronta in particolare le poco studiate realtà algerine (Aéro-habitat di Louis Miquel, Pierre Bourlier e B. José Ferrer-Laloé; Cité Henri Sellier di Louis Miquel, Pierre Bourlier e Pierre-André Emery; Climat de France e Diar el-MahQoul di Fernand Pouillon; Djenan el-Hasan e Timgad di Roland Simounet). In queste proposte, la dimensione dell'habitat orizzontale e verticale (tra individuale e collettivo) e gli ibridi sistemi delle «casbah verticali» esplorano differenti modelli di relazione fra tessuti e spazi aperti. Sullo sfondo, si delinea un progetto di grande ambizione sul piano della capacità realizzativa e della sperimentazione delle tecnologie più avanzate accanto a quelle più tradizionali. Identità e innovazione possono così innescare una dialettica estremamente significativa, raramente eguagliata anche nelle più avanzate esperienze di costruzione dei tessuti urbani. La tensione tra modelli abitativi e insediativi, prodotto di un «razionalismo illuminato» ma comunque autoritario, e i confusi processi di riappropriazione delle ordinate periferie coloniali da parte di nuovi protagonisti sociali (gli immigrati che abbandonano le aree periferiche dei Paesi del Maghreb e si riversano nelle medie e grandi conurbazioni) che le reinterpretano a propria misura, costituiscono un campo di indagine e di riflessione irto di contrasti e paradossi, e proprio per questo una sfida ormai ineludibile al progetto contemporaneo.

Le case INA di Corso Sebastopoli. 1957-2017....

Libert Giancarlo
Atene del Canavese - 2017

Disponibile in 3 giorni

17,00 €
L'autore prende in esame il caso torinese delle Case INA di corso Sebastopoli, sorte nel periodo del boom edilizio della città di Torino alla fine degli anni '50 del secolo scorso per dare un'abitazione a operai e impiegati. Le Case INA, nome del grandioso progetto avviato in numerosi comuni dallo Stato Italiano sin dal 1949, vennero costruite in diversi isolati posti sull'asse di via Castelgomberto tra corso Siracusa, via Guido Reni, via Boston e corso Cesare Correnti. Il progetto, conosciuto come Piano Fanfani, ebbe tra i suoi principali esponenti l'ingegnere torinese Filiberto Guala; a Torino in particolare si svilupparono anche altre iniziative come la Falchera e il quartiere Cep delle Vallette. Nei locali posti a pianterreno delle Case INA furono ricavate le aule scolastiche per poter ospitare i moltissimi bambini della zona. Solo qualche anno dopo venne edificata una vera e propria scuola, dedicata a Renato Sclarandi.

Borgate romane. Storia e forma urbana

Farina Milena; Villani Luciano
Libria - 2017

Disponibile in 3 giorni

20,00 €
Nate in territori di frontiera tra la città e la campagna, le borgate realizzate dall'Istituto Case Popolari dalla seconda metà degli anni Trenta hanno conservato nel processo di espansione urbana una loro distinta identità e sono oggi tra i luoghi più affascinanti e vitali della periferia romana. Seppur afflitte da profondi problemi, nonché prigioniere di antichi e mai del tutto sopiti pregiudizi, appaiono come isole dalle qualità e dalle risorse inaspettate nella marea urbanizzata della capitale. La bassa densità, la generosità degli spazi aperti e il loro rapporto misurato con il costruito, sono i caratteri distintivi delle borgate "ufficiali", risultato di una fertile sperimentazione sulla città in grado di riallacciarsi sia alla tradizione italiana del disegno urbano sia alle ricerche più avanzate del Movimento Moderno. Il volume, arricchito di numerose foto storiche e dello stato attuale, di planimetrie, schemi compositivi e di un ampio e documentato regesto, ricostruisce la storia delle borgate dal fascismo al dopoguerra, i principi insediativi, i caratteri tipologici e i temi figurativi.

Nomadic Homes. Architecture on the move. Ediz....

Jodidio Philip
Taschen - 2017

Disponibile in 3 giorni

50,00 €
Esistono case ambulanti di ogni forma e misura. Ci sono case per ricchi e per poveri, per gusti raffinati e per i meno fortunati. L'idea di migrare verso luoghi nuovi in cui mettere radici è vecchia come il mondo, e se un tempo la partenza era legata al mutare delle stagioni, oggi spostarsi può essere semplicemente una forma di svago. Questo volume ricco di immagini, scritto e curato da Philip Jodidio, raccoglie alcuni tra gli esempi più straordinari di abitazioni itineranti. A cominciare dal grande ritorno dei caravan Airstream, passando per yacht incredibili, come il Motor Yacht A di Philippe Starck, questa panoramica non accenna a fermarsi e passa in rassegna le migliori soluzioni in fatto di camper e tende, fino ad arrivare ai jet privati di categoria A319 o Boeing 737, vere e proprie regge volanti per pochi privilegiati. Sull'altro piatto della bilancia, troviamo le dimore di fortuna per chi è costretto a una vita sulla strada, come i rifugi progettati dall'architetto Shigeru Ban, vincitore del Pritzker Prize. Pagina dopo pagina, il libro ci mostra come lo spirito nomade dei nostri antenati cacciatori-raccoglitori sia ancora vivo in noi, donne e uomini della modernità. Se da un lato l'architettura si è sviluppata ricercando un senso di stabilità, legato a una vita sedentaria, l'era moderna ha portato con sé una nuova consapevolezza dello spazio e del tempo limitati, un'idea di futuro e un'aspettativa di vita senza grandi pretese. Non c'è pensiero più moderno del desiderio irrefrenabile di spostarsi, eguagliato forse solo dal desiderio di crescere, ma comunque con la voglia di spostarsi. Come disse l'antico filosofo cinese Lao Tzu: "Un buon viaggiatore non ha un piano prestabilito e non è teso verso una meta". Ciò che conta è il viaggio in sé, e questo libro ne è la prova.

La casa. Sperimentazioni attorno al tipo

Cocco Giovanni Battista
Gangemi - 2016

Disponibile in 3 giorni

14,00 €
Questo libro è un modo per parlare di architettura, coniugando la propria formazione alla ricerca con le attitudini al progetto. L'investigazione considera 'il tipo' come aspirazione della forma e propone una riflessione teorica sul suo divenire. Essa s'interroga sul difficile rapporto tra carattere e forma degli edifici attraverso due progetti, realizzati in Sardegna a partire da committenze reali. L'obiettivo è leggere 'il tipo' nell'atto del suo farsi opera concreta.

Opaco Mediterraneo. Modernità informale

Lanzetta Alessandro
Libria - 2016

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
La "mediterraneità", che costituisce il filo rosso di questo libro, è considerata una condizione spaziale dell'architettura contemporanea, caratterizzata da una dimensione di "opacità" che discende, direttamente o indirettamente, dagli ambienti urbani e dalle architetture vernacolari dell'area mediterranea. La tesi proposta è che molte strategie operative della progettazione architettonica contemporanea abbiano origine dall'adozione, da parte di alcuni maestri del Movimento Moderno, dei processi di costruzione tipici dell'ambiente tradizionale mediterraneo. Esemplificativo è il lavoro di Le Corbusier che s'innamorò del paesaggio di quest'area proponendo una modernità ispirata alla sua architettura, sia a quella alta del classicismo che a quella bassa e ambigua dei contesti popolari. Un altro esempio è la figura di Bernard Rudofsky che introdusse ed esaltò l'edilizia vernacolare mediterranea come modello possibile di un'architettura astorica, basata sulle esigenze degli abitanti.

Luoghi abbandonati. Tra borghi, castelli e...

Bettolla Maggy
Giacché Edizioni - 2015

Disponibile in 3 giorni

15,90 €
Questo libro ci accompagna in un angolo di Liguria sconosciuto e sospeso nel tempo. Immersi nel silenzio e nel verde, giriamo tra casolari, macine e altri oggetti corrosi dal tempo. Qualche bambino ormai cresciuto ha dimenticato un trenino o una bambola, qualcun altro la tavola apparecchiata... Ville e palazzi dai nomi tenebrosi ci attirano con la loro aria spettrale; nobili resti di borghi e castelli incutono rispetto con le loro pietre millenarie. I luoghi abbandonati hanno una magia che cattura. Impossibile sottrarsi al fascino di queste stanze in cui la natura poco a poco ha finito per riprendersi il suo spazio. Luoghi che parlano a chi sa ascoltare e raccontano storie lontane...

Il liberty a Torino. Sei itinerari nella «Belle...

Fontana Miranda
Neos Edizioni - 2015

Disponibile in 3 giorni

14,50 €
Sei itinerari nei quartieri torinesi alla scoperta dei capolavori architettonici della Belle Epoque, Liberty, Neogotico ed Eclettismo. Dimore e villini, gallerie e cortili, ma anche caffè, teatri e delizie, frutto di un tempo di straordinaria fioritura e rinnovamento politico, culturale e di costume della città.

Stalker/Savorengo Ker. Dal campo nomadi alla...

Careri F. (cur.)
Linaria - 2015

Disponibile in 3 giorni

5,00 €
Savorengo Ker: "la casa di tutti", in lingua Romanes. Una casa immaginata insieme agli abitanti di Casilino 900, storico campo nomadi romano oggi sfollato: un progetto sperimentale di architettura condiviso da Stalker/Osservatorio Nomade con le comunità.

I cavalli di Firenze. La storia dei ferri....

Superti John
Sarnus - 2014

Disponibile in 3 giorni

19,00 €
Fin dal tardo XIII secolo i ferri da cavallo venivano fabbricati per legare i cavalli alle facciate di molti edifici e portali dell'antica Firenze. Oggi che non sono più utilizzati nella la loro funzione originaria, restano come puro ornamento architettonico a ricordarci un tempo passato. Il volume offre una breve storia dei ferri e dei palazzi a cui sono appesi. Le fotografie a colori mettono in luce, in particolare, le sculture di animali che li sormontano: una forma creativa, seppure primitiva, dell'antica arte popolare italiana. Scrive Claudio Paolini: "Non credo esista un repertorio così esteso come quello qui proposto. Emerge forte, accanto alla storia passata di questi ferri lavorati, quello che è il loro presente".

Architecture now! Houses. Ediz. italiana,...

Jodidio Philip
Taschen - 2013

Disponibile in 3 giorni

39,99 €
Questo nuovo volume della collana Architecture now! presenta 60 tra le abitazioni più spettacolari di tutto il mondo. Il lettore potrà ammirare la straordinaria House Turtle progettata dagli artisti Carsten Höller e Marcel Odenbach a Biriwa, in Ghana, visitare l'impressionante Casa a Monterrey di Tadao Ando, in Messico, o la Flight of Birds House di Bernardo Rodrigues, nelle isole Azzore. Questo volume permetterà al lettore di esplorare le più belle case del mondo opera degli architetti più talentuosi e rinomati del momento, in un'esclusiva visita privata sia all'interno che all'esterno. Come tutti gli altri volumi della collana, i progetti sono corredati da fotografie e disegni, e dalle informazioni di contatto degli architetti, oltre a una lista delle loro opere già realizzate.

Ritorno all'abitare. Una cooperativa in città....

Quinzii Chiara
LetteraVentidue - 2013

Disponibile in 3 giorni

22,00 €
Questo libro parla di una realtà milanese poco conosciuta, ma che permea profondamente lo spirito della città. A Milano, dove si incontrano futurismo, editoria, industria, nasce la prima cooperativa di abitanti in Italia: la SEAO (Società Edificatrice Abit

Quattro case. Viste da dentro. Ediz. italiana e...

Auciello Nicola
LetteraVentidue - 2013

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
Quattro architetture di interni di diverso taglio (small, medium, large, extralarge), dal 2003 al 2013, narrate attraverso tre scritture incrociate: disegni, parole e foto, delineano una personale ricerca. Progetti, basati su un percorso poetico-emozionale

Roma, Napoli, Firenze. Ediz. multilingue

Listri Massimo
Edizioni Sabinae - 2013

Disponibile in 3 giorni

33,00 €
"Dopo il volume Biblioteche, il fotografo internazionale Massimo Listri affida nuovamente a Edizioni Sabinae la pubblicazione di un percorso alla scoperta di straordinari interni italiani. Il suo sguardo questa volta si è soffermato sulle città di Roma, Na

Housing is back in town. Breve guida...

Corbellini Giovanni
LetteraVentidue - 2012

Disponibile in 3 giorni

9,90 €
Spinta all'interno della riflessione disciplinare dai drammatici fenomeni socioeconomici che hanno caratterizzato l'ultimo secolo, la residenza collettiva rappresenta uno dei campi che hanno maggiormente caratterizzato in senso sperimentale il progetto mod

Gli spazi in sequenza di Luigi Moretti

Spinelli Luigi
LetteraVentidue - 2012

Disponibile in 3 giorni

9,90 €
Dopo il bombardamento su Milano del 15 agosto 1943 l'obiettivo di chi lavora in città negli anni immediatamente successivi alla guerra è quello di ricostruire, destreggiandosi tra le norme di piani e regolamenti variamente interpretabili. È in questo conte

Palazzo Mayer. Immagini e storia di un casato...

Del Bello Domenico M.
Meta (Treglio) - 2012

Disponibile in 3 giorni

15,00 €
È una testimonianza lunga due secoli delle trasformazioni profonde nei costumi e nella società, registrate e lette attraverso il percorso genealogico di un casato senza tempo come quello dei Mayer.

Luoghi dell'abitare. Tham & Videgård...

Butini R. (cur.)
Libria - 2012

Disponibile in 3 giorni

16,00 €
Il volume presenta il lavoro dello studio svedese Tham & Videgård Architekter con una raccolta di progetti dedicati al tema della casa unifamiliare. Il tema residenziale riveste per T&V un ruolo preponderante e, sebbene i progetti selezionati rappresentino solo una parte della loro ampia ricerca, grazie al loro valore paradigmatico sono in grado di descriverne esaurientemente i risultati sin qui raggiunti. Le opere scelte mostrano la capacità di controllo del progetto in ogni sua parte, la chiarezza di linguaggio e l'originalità interpretativa dei temi scelti, definendo i contorni di un raffinato metodo progettuale. Il tema dell'abitazione è affrontato con una coerente e continua ricerca di dialogo tra natura e architettura, che si traduce in figure architettoniche semplici e l'impiego di forme organiche non risponde ad un'intenzione mimetica, ma piuttosto astrattamente evocativa.

L'arte dell'abitare in Toscana. Forme e modelli...

Bertoncini Sabatini Paolo
Polistampa - 2011

Disponibile in 3 giorni

35,00 €
Una raccolta documentaria indispensabile per chiunque voglia approfondire un settore dell'architettura civile, quello residenziale, che nel corso dei secoli ha lasciato importanti testimonianze sul territorio toscano. È quanto ci offre l'accurato lavoro di Emilia Daniele e Paolo Bertoncini Sabatini: voluto dalla sezione toscana dell'Associazione Dimore Storiche Italiane, il libro propone un'ampia rassegna di quel sistema abitativo, contribuendo a diffondere la conoscenza del patrimonio artistico-culturale di questa terra. Invece di compilare un mero catalogo di frammenti pur eccellenti di un patrimonio molto vasto e complesso, gli autori hanno organizzato i materiali secondo un criterio geografico, evidenziando i fenomeni che stanno all'origine di una fondazione urbanistica, di un rinnovamento edilizio o di un complesso di interventi puntuali ma tipologicamente, formalmente, cronologicamente omogenei. Gli edifici, anziché comparire come esempi isolati, acquistano rilevanza e significato anche per il loro appartenere a un fenomeno più ampio.

Uomini e case nel Medioevo tra Occidente e Oriente

Galetti Paola
Laterza - 2008

Disponibile in 3 giorni

24,00 €
Case contadine e residenze signorili, castelli e ville rustiche, torri e palazzi del patriziato cittadino, dimore borghesi e abitazioni povere. Nei modi di abitare dell'uomo medievale, l'evoluzione e le caratteristiche degli aspetti materiali, economici, culturali della civiltà europea, anche nei suoi con il Vicino ed Estremo Oriente. Nei primi secoli del Medioevo, l'irrompere delle popolazioni barbariche nel territorio dell'impero romano portò alla convivenza e al confronto diretto di diverse culture. A partire dal Mille, la cilviltà europea dovette poi a sua volta confrontarsi con altri mondi e civiltà. Soldati, viaggiatori, missionari, mercanti si spinsero verso mondi e culture diverse. Il racconto di quanti percorsero le vie terrestri e marittime che portavano in quei lontani paesi permette di gettare lo sguardo su quelli che erano i modi di abitare e gli stili di vita di altre civiltà.

Dimore di montagna nelle valli di Susa e...

Bacchella Adriano
Priuli & Verlucca - 2005

Disponibile in 3 giorni

39,90 €
Le più belle dimore di montagna delle Valli di Susa e Chisone che nel 2006 ospitano le olimpiadi, presentate e raccontate attraverso le suggestive immagini di Adriano Bacchella e i testi di Sisi Cazzaniga, entrambi firme di testate di architettura. Il volume contiene un'introduzione di Andrea Pininfarina e di Giorgetto Giugiaro.

Case

Rosato Lucio
Libria - 2004

Disponibile in 3 giorni

7,00 €

L'edilizia residenziale

Zaffagnini Mario
Hoepli - 2002

Disponibile in 3 giorni

25,50 €
Il volume sull'edilizia residenziale inaugura la serie "Tipologie" dei Quaderni del Manuale di Progettazione Edilizia e rappresenta di fatto la ripubblicazione integrale del capitolo omonimo steso da Mario Zaffagnini per il volume 1 (tomo 1) del Manuale di progettazione edilizia (1994). L'approccio tipologico all'architettura si basa su una lettura funzionalista, ritenuta tuttora la più efficace per una comunicazione agile e non ambigua tra i vari operatori dell'edilizia. Il testo offre un'illustrazione sistematica e sintetica delle regole che governano la progettazione e realizzazione dei vari tipi di edilizia residenziale sia privata sia pubblica (sovvenzionata; convenzionata-agevolata; convenzionata; agevolata).

Architettura rurale e casali in Campania. Album...

Gravagnuolo Benedetto
CLEAN - 2017

Disponibile in 5 giorni

10,00 €
Questo volume raccoglie due saggi sull'architettura rurale in Campania redatti negli anni Ottanta da Benedetto Gravagnuolo, quando per una complessa serie di motivazioni sociali, il tema della cultura contadina ritornò al centro della attenzione critica più avvertita. Questo pamphlet offre un contributo al rinnovato interesse scientifico sull'architettura rurale e soprattutto richiama l'attenzione sull'improrogabilità di una tutela del nostro bistrattato territorio agricolo. L'"album fotografico" di Fiorenzo de Marinis assume - del tutto involontariamente - un sapore di documentazione archivistica di un paesaggio in via di estinzione.

Palazzo Borromeo

Zuffi Stefano; Carminati Marco
Mondadori Electa - 2019

Non disponibile

39,00 €

Di casa in casa

Rizzo Renato
Codice - 2019

Non disponibile

18,00 €
La casa è una scultura sentimentale, un prisma dalle diverse facce interpretative che può coinvolgere molti saperi e molte emozioni. Questo libro mette la casa sul lettino di un grande psicanalista, la racconta attingendo ai ricordi di un inviato davvero speciale, la scopre «alla coreana» nei progetti di due architetti. E la esamina con gli occhi di una sociologa, negli scatti di un fotografo del disagio sociale, nelle esperienze di un uomo di pace. Mentre una guru dell'abitare condiviso spiega come andare in vacanza gratis "facendo surf" sui divani altrui e un esperto di nuove tecnologie ci apre stanze parlanti con robot maggiordomi. Interviste a: Augusto Romano, Domenico Quirico, Motoelastico, Gea Scancarello, Ernesto Olivero, Tommaso Mori, Marianna Filandri, Riccardo Oldani.

La cultura dell'abitare a Buenos Aires alle...

D'Amia G. (cur.); Iarossi M. P. (cur.)
Maggioli Editore - 2019

Non disponibile

18,00 €
Il volume presenta gli esiti di una ricerca, incentrata sull'ampia casistica di residenze civili progettate e realizzate da architetti e costruttori italiani tra la fine del XIX secolo e il primo decennio del Novecento, che ha preso avvio da un workshop internazionale svolto a Buenos Aires nel 2016. Il repertorio proposto, oggetto di un lavoro di censimento e catalogazione, è stato selezionato a partire dal volume "La Repubblica Argentina all'Esposizione Internazionale di Milano", concepito come una vetrina dell'imprenditorialità italiana a Buenos Aires in occasione dell'Esposizione del Sempione del 1906. Un campionario che offre uno scenario rappresentativo della cultura dell'abitare nella capitale argentina alle soglie del XX secolo e che oggi appare fortemente minacciato dalle dinamiche di trasformazione urbana.

Amsterdam and the «droom in baksteen». Urban...

Giolitti Giuseppe
Youcanprint - 2019

Non disponibile

15,00 €
Una guida molto diversa da quelle abitualmente nelle mani di chi va ad Amsterdam: non vi si trova infatti nessuna informazione, notizia, suggerimento destinati al turista medio. Una guida che si rivolge ai pochi che preferiscono uscire dalle rotte consuete, dall'affollamento dei luoghi ambiti dal turismo di massa, per scoprire altri volti della capitale olandese, come quello frutto del "sogno in mattoni" (dare a tutti i lavoratori "belle abitazioni operaie, monumento, alla lotta delle classi lavoratrici"). Sogno fattosi realtà con la grandiosa pianificazione urbanistica di inizio '900 e il suo eccezionale risultato: la profonda trasformazione del volto di Amsterdam, che ne ha fatto un monumento all'urbanistica del XX secolo e la Mecca dell'housing sociale. Con sei percorsi, tutti esterni al centro storico, chi si affiderà alla Guida per pochi verrà accompagnato personalmente alla scoperta dell'architettura della Scuola di Amsterdam e della sua particolarissima concezione dell'edilizia sociale, secondo la quale "niente può essere troppo bello per gli operai che hanno vissuto tanto a lungo senza bellezza".