Antropologia

Active filters

I fratricidi. Jugoslavia Bosnia...

Morin Edgar
Meltemi

Disponibile in libreria

10,00 €
"Cari amici e fratelli, Croati, Serbi, Macedoni, Montenegrini, Albanesi, non aspirate a restare solo croati, serbi, macedoni, montenegrini, albanesi; siate anche pienamente europei. L'Europa potrveramente diventare Europa solo creando molteplici e diverse associazioni tra nazioni ed etnie collegate, e sarproprio l'integrazione di tutte queste unioni a costituire il suo tessuto vivente". l'accorato appello di Edgar Morin, posto in apertura a questa lucida analisi delle guerre iugoslave, delineata nel periodo di maggior asprezza del conflitto. Lo sguardo del grande sociologo francese illustra lo scontro fra due concezioni incompatibili dello stato e dell'identitnazionale: una rigida, esclusiva, intollerante, follemente "purificatrice", e una rispettosa delle pluralitdelle culture, delle memorie e dei modi di vita, considerata come la fonte stessa della vitalitdi uno stato e dell'Europa tutta.

I poteri dell'odore

Le Guérer Annick
Bollati Boringhieri

Disponibile in libreria

14,00 €
Non vero che l'uomo, allontanandosi dall'animalit avrebbe abbandonato l'uso dell'olfatto, atrofizzatosi rispetto a quello dei nostri antenati, ma piuttosto mutato lo status attribuito al senso dell'odorato, nonchai poteri riconosciuti agli odori nelle societantiche. Ricostruendo dall'antichitfino ai nostri giorni la storia degli odori e basandosi sulle pirecenti ricerche scientifiche, Annick Le Guer mostra in particolare il loro stretto rapporto con la sessualit il loro potere simbolico nei miti e nelle religioni, gli immensi poteri di vita e di morte che agli odori furono attribuiti dalla medicina.

Lab.REA. Laboratorio di ricerca...

Chiarandini Tommaso
L'Orto della Cultura

Disponibile in libreria in 3 giorni

10,00 €
Il Quaderno, risultato del lavoro del Laboratorio REA raccoglie i risultati delle ricerche effettuate negli ultimi anni nell'ambito delle attività di "Musei mostre e momenti", un'iniziativa che riguarda la rete di musei e imprese che, ricorrentemente ogni autunno, propone visite guidate a un pubblico composto da bambini e adulti. Il focus dell'opera si pone sul lavoro dell'uomo, in rapporto all'ambiente e al tempo, sulla sua capacità di trasformare e quindi di essere al mondo, di conservare per trasmettere quanto realizzato alle future generazioni. In particolare, la ricerca tratta tre casi emblematici dei processi di trasformazione industriale della provincia di Udine: il cascamificio di Bulfons, tra archeologia industriale e alta moda, risalente al 1902 e tuttora attivo, costruito in seguito alla costruzione della diga di Crosis, ideata da Arturo Malignani, scienziato e imprenditore; il piano di rilancio di un'area, tra antichi e nuovi mestieri, a Prossenicco, un piccolo paese di montagna situato sul confine italo-sloveno, l'ex cortina di ferro; la storia dei cementifici del Cividalese, in cui le storie di Arturo Malignani e dell'Italcementi si incontrano.

La disabilità tra riabilitazione e...

De Silva Virginia
Università La Sapienza

Non disponibile

25,00 €
In lingua tigrina gudat akal significa "corpo danneggiato", espressione utilizzata nel contesto locale per indicare la disabilità fisica. Basato su una ricerca antropologica realizzata tra l'ottobre 2014 e l'agosto 2015 in due aree urbane del Tigray (nord Etiopia), questo libro studia le modalità di costruzione sociopolitica della disabilità, una categoria relazionale, porosa e fluida, plasmata da differenti sistemi medici e regolata da specifici rapporti di forza. Il testo si articola in cinque parti: un capitolo introduttivo e quattro sezioni tematiche approfondiscono storie, discorsi, diseguaglianze, pratiche (r)esistenziali e ruoli di cura nella gestione pubblica e intima della disabilità. Riflessioni e descrizioni si alternano in un costante intreccio dialogico tra soggettività e istituzioni. Attraverso la lente dell'antropologia medica, fondata sulla ricerca etnografica, l'Autrice riesce a mostrare come le più intime percezioni del sé risultino influenzate da processi socio-politici più ampi e profondi.

Codex YHWH

De Angelis Alessio
Youcanprint

Non disponibile

20,90 €
"Codex YHWH è la ricostruzione di uno dei periodi più importanti della storia dell'umanità. Il volume tratta, tra le varie ricerche, l'identificazione dell'Adamo biblico con il re sumero Alulim e la caduta di una cometa che precipitò intorno al 3000 a.C. sulla Terra, generando il mito del Diluvio Universale. Questa catastrofe avrebbe indotto due tra i figli di Noè ad emigrare verso l'Egitto, dando origine alla dinastia dei faraoni, a partire da Narmer, e al processo di formazione degli dèi egizi, tutti accuratamente individuati tra i discendenti di Noè. Nel libro l'autore identifica i patriarchi biblici con mitannici di sangue reale, a partire da Sarah, sorella di Abramo e figlia del re Parsasatar, sconfitto nella battaglia di Megiddo. Sarah avrebbe sposato il faraone egizio, dalla cui unione sarebbe nato Isacco, padre di Giacobbe, di sangue reale mitannico-egizio. Lo studio rivela la cospirazione avvenuta ai danni del faraone Thuitmose IV probabile cugino di Giacobbe, alias re Artatama di Mitanni, da parte del patriarca biblico Giuseppe. La ricerca si conclude analizzando la figura di Amenhotep III, figlio della mitannica Mutemuia e di Giuseppe, entrambi figli del re Artatama, nonché probabile padre di Mosè."

L'«uomo di mare» di Tarquinia....

Ledizioni

Non disponibile

22,00 €
I Quaderni si affiancano ai Supplementi dando inizio a una nuova serie della Collana Tarchna. La serie è rivolta principalmente a temi e problematiche che coinvolgono Tarquinia. Il continuo affluire dei dati e la realtà di un approccio pluridisciplinare hanno indotto all'adozione di un formato, più adatto, di minori dimensioni.

I «Passaggi» di Ernesto de Martino....

Jacobelli Gian Piero
Luca Sossella Editore

Non disponibile

15,00 €
Rileggere de Martino, uno dei maggiori antropologi e filosofi del secolo scorso? Certamente, ma non basta rileggere le sue opere più note e frequentate, dalle prime ricerche sul magismo a quelle dedicate agli usi e costumi del Meridione d'Italia. Anche queste opere riprendono vita quando vengono illuminate dalla lettura della opera postuma di de Martino, dedicata alla fine del mondo. Qui si è cercato di ricomporre un mosaico variamente accidentato, selezionando i brani più significativi e predisponendoli a una possibilità di lettura più scorrevole e consequenziale. Si è cercato, inoltre, di ricostruire la genesi e le vicissitudini della ricezione dell'opera, opera di cui ancora oggi non si può fare a meno se si vuole affrontare in maniera non convenzionalmente allarmistica le tante paure che si addensano intorno alle contraddizioni del progresso tecnologico e ai complessi processi della globalizzazione.

Sguardi sul corpo tra Oriente e...

Azzaroni Giovanni
CLUEB

Disponibile in libreria in 3 giorni

28,00 €
Il movimento del corpo e la decisione volontaria di agirlo sostanziano il punto zero di orientamento. Il corpo è dotato di sensazioni, sensibilità, controllo e capacità di riflettere su se stesso, non è un contenitore passivo e le sue azioni non rappresentano esclusivamente segni che richiamino l'attenzione su forme astratte, distinte dalla vita reale, ma è soggetto alla nascita e alla decadenza e acquisisce sia specifiche abilità e capacità sia manchevolezze e debolezze. Corpo e mente non sono separati nella descrizione dello stesso oggetto, ma si interrelano scambiandosi informazioni e suggerendo soluzioni. L'antropologia filosofica si propone di definire questo incontro nelle molteplici tipologie suggerite nei variegati percorsi di studi, in epoche diverse e nelle differenti culture. In questo saggio la struttura corpo-mente è stata indagata sia nella cultura occidentale che in quella orientale.

Perch? a me? Il valore terapeutico...

Scalabrella Silvano
NeP edizioni

Non disponibile

15,00 €
Un punto di vista antropologico potrebbe recitare cos non importa cosa si soffre e come si sopporta, quanto piuttosto chi colui che soffre. La persona, dunque, risalta in primo piano: va sempre difesa e rispettata la sua dignitsoggettiva, soprattutto quando debole. questo un monito rivolto in primo luogo al mondo della Medicina: per la sua integralitl'uomo non puessere sostituito dalla malattia, npuessere ridotto a malato. Egli resta persona e non puidentificarsi - o essere identificato - con la sua malattia. Di qui un grave compito per l'individuo e per la societ la salute, intesa come compito personale da assumere, implica un atteggiamento di responsabilitconsapevole di fronte al dolore, alla malattia, alla morte; la salute, come virtsociale, va oggi perseguita in contrasto alla pretesa dell'era tecnologica di produrre industrialmente una salute migliore, presentando la salute stessa come un prodotto di consumo. Nel tempo della malattia ogni persona, come anche il corpo sociale, deve conservare - se non espandere - la coscienza unitaria di s fino a comprendere che la scoperta di sconsiste nel trovare l'uomo sano in noi...

La straordinaria evoluzione della...

Braun Lasse
Golena

Non disponibile

14,00 €
Un viaggio antropologico sull'evoluzione fisica e sessuale della femmina umana. Il rapido cambiamento del comportamento e degli attributi sessuali di poche femmine ha trasformato ominidi primitivi in esseri umani, salvando l'umanità da prematura estinzione. Fatti e proposte per risolvere l'enigma più interessante dell'evoluzione umana. Un rapporto scritto senza riguardo per le pressioni censorie del mondo accademico e religioso.

Irrazionalit?. Storia del lato...

Smith Justin E. H.
Ponte alle Grazie

Disponibile in libreria

29,00 €
Scoperta dai greci, esaltata nell'etmoderna, divinizzata dall'Illuminismo, la facoltdella ragione sempre stata una guida, un modello, parte della definizione stessa di essere umano. Eppure - questa la tesi centrale del nuovo libro di Justin E.H. Smith - tutti i tentativi di imporre la razionalit di rendere le persone o le societpirazionali, hanno inevitabilmente scatenato una reazione opposta e contraria, svelando la resistenza dell'irrazionalitnella vita umana. La storia della logica e dell'interpretazione dei sogni, le teorie sulla cognizione animale e il populismo, l'oralite la scrittura, le pseudoscienze, l'arte e la censura, l'elezione di Trump, le ingerenze di Putin, la disillusione sulle potenzialitdi Internet e dei social media di rappresentare un nuovo spazio di comunicazione razionale e costruttiva: con una godibile e ambiziosa narrazione, ricca di aneddoti e provocazioni, che spazia tra filosofia, antropologia, politica e attualit "Irrazionalit esplora la natura piprofonda dell'uomo, cioquella di animale irrazionale. Proprio lo scontro, la necessaria convivenza, fra ragione e irrazionalitci caratterizza. Bisogna farsene una ragione.

Lo straniero che viene. Ripensare...

Agier Michel
Cortina Raffaello

Disponibile in libreria

15,00 €
La condizione di straniero destinata a diffondersi. Ma la mobilitche ci piace celebrare si scontra con le frontiere che gli Stati nazione erigono contro i "migranti", trattati picome nemici che come ospiti. Spinti a compensare l'ostilitdei loro governi, molti cittadini si sono trovati costretti a fare qualcosa: accogliere, sfamare o trasportare viaggiatori in difficolt Hanno cosridestato un'antica tradizione antropologica che sembrava sopita: l'ospitalit Questo modo di entrare in politica aprendo la porta di casa rivela peri suoi limiti. Ogni sistemazione una goccia d'acqua nell'oceano del peregrinare globale e la benevolenza alla base di questi gesti non pufungere da salvacondotto permanente. Michel Agier ci invita a ripensare l'ospitalitattraverso la lente dell'antropologia, della filosofia e della storia. Se da un lato ne sottolinea le ambiguit dall'altro ne rivela la capacitdi scompaginare l'immaginario nazionale, perchlo straniero che arriva ci obbliga a vedere in modo diverso il posto che occupa ciascuno di noi nel mondo. Prefazione di Adriano Favole.

Il discepolato di Ernesto De...

Chiariglione Giancarlo
Petite Plaisance

Non disponibile

10,00 €
Convintosi della potenza totalistica del sacro e che la religione è soprattutto un dramma, un'esperienza sia individuale che collettiva che implica un'azione, il giovane E. De Martino, che aderisce dapprima al fascismo e poi al mito della Rivoluzione d'Ottobre, incontra nei suoi giorni e negli studi filosofi come M. Eliade, J.-J. Rousseau, A. Gramsci, G. Sorel e soprattutto Vittorio Macchioro, un uomo eclettico, geniale e vivente su molteplici confini culturali oltre che geografici che influenzerà come pochi altri pensatori la ricerca teorica del futuro autore di Sud e magia. Ebreo triestino, studioso dell'orfismo e autore di singolari scoperte in campo archeologico illuminate da riflessioni filosofiche e intuizioni antropologiche, Macchioro pare infatti intuire quella deriva materialistico-economicistica e scientista che ci ha portati all'attuale mondo disincarnato, "liquido", tanto che anche dopo la rottura consumatasi tra i due, gli studi dell'ex maestro e dell'ex discepolo, in una certa misura, saranno ancora orientati a definire, a indagare la decrepitezza di una società sempre più votata all'artificiale, alla spettacolarizzazione, alla depravazione più o meno raffinata.

Il corpo in scena. Tecniche,...

libreriauniversitaria.it

Non disponibile

34,90 €
È ancora possibile dire e scrivere qualcosa intorno al corpo? Oggetto del conoscere e soggetto del conoscere, attraversato da pratiche e rappresentazioni, prodotto storico e simbolico, il corpo continua a interrogare il pensiero e a farsi pensiero. Questo volume raccoglie la sfida e ne fa l'occasione di un confronto tra saperi antropologici e filosofici, storici e storico-religiosi, giuridici e filologico-letterari, nella consapevolezza che soltanto una prospettiva interdisciplinare - e comparativa - può permettere d'accostare la caleidoscopica complessità di ciò che si dischiude con la parola "corpo".

Popoli ed etnie dell'Australia e...

Arnell Peter Louis
Youcanprint

Non disponibile

18,00 €
Vengono detti aborigeni gli australiani appartenenti alle popolazioni autoctone dell'Australia. I loro antenati vi giunsero probabilmente 60.000 anni fa, benché la datazione rimanga tuttora incerta. Al tempo del loro primo contatto con i colonizzatori europei, nel tardo XVIII secolo, i nativi australiani erano prevalentemente popoli di cacciatori-raccoglitori in possesso di una ricca cultura orale e valori spirituali basati sulla venerazione della terra e sulla fede nel "sogno", inteso contemporaneamente come l'antica epoca della creazione del mondo (il cosiddetto dreamtime, o "tempo del sogno") e l'effettiva realtà del sognare (dreaming). L'esatta epoca di arrivo degli antenati degli aborigeni è oggetto di disputa tra gli archeologi. L'opinione più accreditata è che giunsero dall'Indocina più di 50.000 anni fa: questo significa che si sono succedute in Australia oltre 2500 generazioni. La data di 50.000 anni fa è basata su alcune misure di termoluminescenza eseguite in siti archeologici dell'Australia settentrionale. Un gran numero di siti è stato datato tramite il radiocarbonio a circa 40.000 anni fa, portando alcuni ricercatori a dubitare dell'accuratezza del metodo a termoluminescenza. La datazione a termoluminescenza del sito di Jinmium nel Territorio del Nord ha indicato per l'insediamento un'età di 120.000 anni.

Popoli ed etnie dell'Australia e...

Arnell Peter Louis
Youcanprint

Non disponibile

30,00 €
Vengono detti aborigeni gli australiani appartenenti alle popolazioni autoctone dell'Australia. I loro antenati vi giunsero probabilmente 60.000 anni fa, benché la datazione rimanga tuttora incerta. Al tempo del loro primo contatto con i colonizzatori europei, nel tardo XVIII secolo, i nativi australiani erano prevalentemente popoli di cacciatori-raccoglitori in possesso di una ricca cultura orale e valori spirituali basati sulla venerazione della terra e sulla fede nel "sogno", inteso contemporaneamente come l'antica epoca della creazione del mondo (il cosiddetto dreamtime, o "tempo del sogno") e l'effettiva realtà del sognare (dreaming). L'esatta epoca di arrivo degli antenati degli aborigeni è oggetto di disputa tra gli archeologi. L'opinione più accreditata è che giunsero dall'Indocina più di 50.000 anni fa: questo significa che si sono succedute in Australia oltre 2500 generazioni. La data di 50.000 anni fa è basata su alcune misure di termoluminescenza eseguite in siti archeologici dell'Australia settentrionale. Un gran numero di siti è stato datato tramite il radiocarbonio a circa 40.000 anni fa, portando alcuni ricercatori a dubitare dell'accuratezza del metodo a termoluminescenza. La datazione a termoluminescenza del sito di Jinmium nel Territorio del Nord ha indicato per l'insediamento un'età di 120.000 anni.

Il dolore degli altri. Atti di...

Busacchi Vinicio
Aracne

Non disponibile

24,00 €
«Affrontare la questione dello Homo patiens all'interno di un percorso che allo stesso tempo intende coniugare un approccio di fondamento antropologico, con il confronto che proviene dal linguaggio delle arti, dalla meditazione religiosa e dall'accompagnamento della medicina, risulta oggi più che mai urgente, in tempi come i nostri di grandi tabuizzazioni del mistero del male e di quello della morte. [...] Tale tematica è stata al centro di un ampio convegno, distribuito su tre giorni di lavori intensi, svoltosi a Roma nel novembre 2016, intitolato Il dolore degli altri» (dall'Introduzione).

Ricerca etnografica di una festa...

Bitto Giulia
Youcanprint

Non disponibile

7,50 €
Il presente saggio analizza da un punto di vista demo-antropologico la festa in onore di san Nicola di Bari a Gualtieri Sicaminò. L'autrice ha svolto una ricerca etnografica sul campo nel mese di agosto 2016 al fine di redigere la tesi di laurea; tale lavoro, successivamente, con il patrocinio del Comune di Gualtieri Sicaminò è diventato una pubblicazione. Il testo non si configura come una ricerca a carattere folkloristico o di tradizioni popolari, bensì come analisi antropologica dei significati profondi che soggiacciono all'evento festivo, delle politiche che stanno dietro l'organizzazione della festa e del confronto con la contemporaneità da parte degli abitanti. Sono dunque messi volutamente da parte aspetti devozionali e rigide descrizioni del rito festivo per lasciare spazio alle voci dei Gualtieresi e di chi si occupa di organizzare un evento così cruciale per l'identità del cittadino.

Vivi l'Italia. Tra storia e...

Gasparroni Alessandra
Ricerche&Redazioni

Disponibile in libreria in 3 giorni

15,00 €
L'affascinante libro dell'antropologa Alessandra Gasparroni propone una sorta di «Grand Tour del nostro secolo che conduce il lettore a visitare o rivisitare luoghi italiani molto conosciuti o mai percorsi. Scorci d'Italia sui quali ancora tanto può dirsi...» Curiosità e realtà di un vissuto che riemerge, a tratti, durante questo viaggio ideale dove, tra le pieghe di antichi costumi tradizionali d'Abruzzo e Molise, di simboli fittili delle Puglie, di rifugi cari a personaggi come Leopardi, giovane favoloso, ognuno troverà esaudito il proprio desiderio di conoscere. Eco e musicalità si dipanano tra i panni stesi del rione Sanità, la vita e la morte convivono in una Napoli mai del tutto scoperta. Realtà storiche si coniugano a risvolti antropologici tra gli spazi della Campania Felix. La Sibilla Appenninica che dimorava nei monti delle Marche conversa con quella Cumana che guarda il lago d'Averno. Sacre devozioni nascoste in Emilia Romagna e Lombardia si alternano a quelle legate a figure di animali nel Lazio e in Abruzzo. Paesi e contrade trovano così un loro spazio per continuare a vivere nella mente del viaggiatore». Un libro che vi farà sognare e inviterà al viaggio!

Machina memorialis. Meditazione,...

Carruthers Mary
Scuola Normale Superiore

Non disponibile

35,00 €
La traduzione italiana del libro di Mary Carruthers, "The Craft of Thought. Meditation, Rhetoric, and the Making of Images, 400-1200", pubblicato da Cambridge University Press nel 1998, mette a disposizione di un pubblico più ampio un testo che è già diventato un punto di riferimento, a livello internazionale, per studiosi dagli interessi più diversi: dalla retorica alla storia del libro, dalla musicologia alla storia dell'arte. Il titolo della traduzione italiana, Machina memorialis, corrisponde alla primitiva intenzione dell'autrice. Uno dei temi centrali del libro è infatti la concezione della memoria come una macchina che opera, nutrendosi, allo stesso tempo, di passioni, facendosi carico di un patrimonio di conoscenze. Sottolineando la ricchezza e la specificità dell'esperienza medievale, Mary Carruthers tende a ridurre drasticamente il ruolo svolto dalla retorica classica e a sottolineare l'importanza delle tecniche della meditazione monastica, il nesso che la memoria ha con l'inventio, la mediazione essenziale che essa svolge fra le modalità della lettura e quelle della composizione, che può essere anche puramente mentale. Prendendo in esame una quantità notevole di testi, di immagini, di edifici, il libro li presenta al lettore in un'ottica a volte straniante, ma sempre ricca di sollecitazioni, capace di farci interrogare sui nostri schemi interpretativi.