Cibo e società

Active filters

Trentino. Vite e vino. Storia, arte...

Giordani Mariano
Curcu & Genovese Ass.

Disponibile in libreria

25,00 €
Mariano Giordani di vini e vitigni se ne intende. Così come di scrittura. Mettendo insieme le due cose ci conduce, per bicchiere, attraverso i territori trentini della cultura, dell'economia, dell'arte, della filosofia, aprendoci di volta in volta una finestra su di un tema del passato o del presente, toccando anche lo stretto rapporto tra arte e vino. Un rapporto simbolico, metaforico, allegorico, via via dipanatosi su pietra - i tralci di vite scolpiti sugli architravi del duomo di Trento - passando per Fortunato Depero e l'arte grafica, toccando la pittura nelle numerose scene bacchiche dipinte sulle pareti di innumerevoli ville rinascimentali e barocche, approdando alle etichette d'arte, un vero e proprio archivio visivo dove l'arte strizza l'occhiolino all'enologia. È un viaggio che ci trasforma in erranti, seduti sulla macchina del tempo, indietro ed avanti, tra Reti e romani, tra concili e arcivescovi, tra identità e il rimpianto di non avere, il Trentino, un vero e proprio museo del vino, nonostante la presenza di una produzione vitivinicola tra le più pregiate che si possano trovare a sud e a nord delle Alpi.

Cotto

Pollan Michael
Adelphi

Disponibile in libreria

14,00 €
Quanto più invadenti sono i presunti virtuosismi di aspiranti cuochi, tanto meno sappiamo mettere in tavola qualcosa di decente. Michael Pollan, si sa, ama i paradossi, e nel tentativo di sciogliere quello alla base del suo nuovo libro è partito per un viaggio sulle piste dei quattro elementi con cui da tempo immemorabile cuciniamo (acqua, aria, terra, fuoco), e a caccia dei piccoli, affascinanti misteri che i maghi, non tanto della cucina ma della preparazione dei nostri alimenti, rivelano a chi sa ascoltarli. Un'avventura che lo ha portato molto lontano: a vagare nelle immense fornaci del locale nel North Carolina dove si allestisce un barbecue leggendario in tutti gli Stati Uniti o ad apprendere da un grande fornaio per quali vie sottili e imprevedibili acqua e aria trasformino il grano in pane, oppure ancora a curiosare nei laboratori di quegli autentici domatori di germi e batteri che sono i maestri della fermentazione - formaggiai e birrai. Ma altrettanto appassionanti sono gli esperimenti che Pollan compie tutti i giorni al tavolo della sua cucina, e di riflesso della nostra: che dopo aver letto questo libro non riusciremo più a guardare (né a usare) nello stesso modo.

Forse non tutti sanno che in...

Panella Francesco
Newton Compton Editori

Disponibile in libreria

10,00 €
Nella percezione comune, l'America è simbolo di progresso e modernità ma anche di junk food. Francesco Panella, ristoratore dei due mondi e presentatore di fortunatissimi programmi televisivi, grande conoscitore della cucina degli Stati Uniti, introduce il lettore a una serie di incontri con uomini e donne straordinari che forniscono un inedito punto di vista e la chiave per superare il pregiudizio. Chef, agricoltori, produttori, imprenditori del cibo, personaggi visionari che, sin dall'800, hanno contribuito ad accogliere e rivisitare tradizioni gastronomiche dei coloni come delle popolazioni già radicate nel territorio. L'entusiasmante tour, ricco di aneddoti personali, parte dal Nord Est, dove i piatti sono ancora molto legati alle tradizioni che i coloni inglesi portarono in dote, attraversa il Midwest, un crogiolo di cucine, che trae le sue radici culinarie soprattutto dal vecchio continente e dai nativi, e passa poi per il Sud dove la grande varietà di preparazioni è determinata in larga parte dalle numerose e differenti etnie che l'hanno popolato. Lo spirito di esplorazione e la curiosità di Francesco Panella ci portano fino alla regione Ovest, l'area più grande del Paese per estensione geografica, composta da paesaggi molto diversi e che vanta una cucina caratteristica, fortemente ispirata dai pionieri e attenta al tema della sostenibilità.

Presi per la gola. Perch? quasi...

Spector Tim
Bollati Boringhieri

Disponibile in libreria

24,00 €
Il primo mito da sfatare, parlando di cibo, che le linee guida e i piani dietetici siano buoni per tutti. Non cos La veritche siamo diversi e quello che vale per una persona non detto che valga per tutte. Anche per questo motivo, Tim Spector ci mette in guardia contro le facili e onnipresenti diete miracolose che ormai a centinaia invadono le nostre vite, il pidelle volte basandosi su dati scientifici a dir poco fallaci, quando non del tutto inesistenti. In realt pistudiamo davvero la nutrizione, meno chiare sembrano le cose. incredibile scoprire quanto poche prove valide ci siano per molte delle nostre idee piradicate sul cibo. Per questo, ogni capitolo di questo libro si pone l'obiettivo di sfatare un mito. Le calorie indicano quanto un cibo faccia ingrassare? Non proprio. La carne fa sempre male alla salute? Non detto. Bere cafffa male? Non sempre. I prodotti locali sono sempre i migliori e i pisostenibili? Non esattamente. Spector esplora la scandalosa mancanza di buona scienza alla base di molte raccomandazioni mediche e denuncia come l'industria alimentare domini le politiche nutrizionali degli Stati e le nostre scelte. "Presi per la gola" un libro che ci costringe a mettere in discussione ogni programma dietetico, ogni raccomandazione ufficiale, ogni supposta cura miracolosa e ogni dettagliata etichetta alimentare, incoraggiandoci a ripensare completamente la relazione tra uomo e cibo. La dieta puessere la medicina piimportante che abbiamo; c'urgente bisogno di imparare a usarla al meglio, non solo per la nostra salute, ma anche per il futuro del pianeta.

Relazioni, conversazioni e saggi...

Ditonno Nunzia Maria
Artebaria

Disponibile in libreria

15,00 €
La bellezza delle informazioni offerte da questa signora della cucina salentina la difesa della tradizione e di un mondo in fuga. La stessa saggezza la ritrovo nel libro che stiamo per sfogliare. Vi sono raccolte molte conversazioni tenute nelle sessioni dell'Accademia Italiana della Cucina e altri saggi che capitato di redigere alla Ditonno nelle sue peregrinazioni gastronomiche tra le ricette i vocaboli le pietanze gustate o preparate nel corso dei suoi primi ottant'anni. Un libro che non deve mancare nella libreria di ogni cultore della storia, dell'etnologia e della linguistica di casa e neppure nella biblioteca di ogni donna che intenda ben figurare con i suoi commensali.

Il bicchiere mezzo pieno. Liberarsi...

Zolotti Stefania
Le Lettere

Disponibile in libreria in 5 giorni

19,00 €
Il vino inizia molto prima del bicchiere ma nessuno lo ricorda mai. Complici gli esperti che, da decenni, continuano a spostare l'attenzione solo sul prodotto, solo sulle proprie percezioni, solo su sé stessi. Il vino del 2020 non ha niente a che vedere con quello di quarant'anni fa. È urgente diffondere la cultura del vino, vera carenza del nostro Paese. È urgente che le aziende e i comunicatori si prendano responsabilità nuove: non è più tempo di appiattire i messaggi, di regalare bottiglie ai giornalisti, di svendere il proprio valore a blogger e influencer seriali. È urgente che i consumatori dicano la loro prima di scegliere cosa bere ma, per farlo, serve conoscenza e non aver paura di sbagliare.

Combinazioni alimentari antiage

Caprioglio Vittorio
Riza

Disponibile in libreria in 5 giorni

12,00 €
Le ricerche scientifiche e l'osservazione delle popolazioni che vivono più a lungo hanno dimostrato che l'alimentazione ha un ruolo fondamentale nel proteggere la salute e contrastare l'invecchiamento. È importante fornire al nostro organismo attraverso i cibi tutte le sostanze utili per preservare i nostri organi nel tempo. Ma è fondamentale anche abbinare bene gli alimenti, per assimilare meglio vitamine, minerali e molecole utili a proteggere il corpo. Nel libro indichiamo non solo cosa portare in tavola spesso per mantenersi giovani, ma anche come combinare i cibi nei pasti per potenziare il loro effetto antiage.

Il gusto di una vita

Caputo Iaia
ED-Enrico Damiani Editore

Disponibile in libreria in 5 giorni

15,00 €
In queste pagine Iaia Caputo intreccia le due grandi passioni di una vita raccontando attraverso il cibo - assaporato, azzannato, rifiutato, gustato, cucinato, condiviso - il dispiegarsi dei suoi anni, e insieme quelli di un'intera generazione. Ecco dunque un'infanzia anni Sessanta a Posillipo, scandita da riti e divieti, da regole e felici solitudini, da grandi letture e un sentimento di sostanziale "inappartenenza" che la spingera "scavalcare impaziente i recinti per correre sempre piavanti". Una giovinezza improntata alla passione politica, condita da arancini afferrati al volo per strada e interminabili riunioni alla nicotina. E, infine, una maturitmilanese, laboriosa e inquieta, dove la "guantiera di paste" non che una copia sbiadita di quella che fu. Mentre profumi e sapori di ieri si alternano a un presente insonne e vorace, Iaia corre avanti e indietro nel tempo e si sofferma sui legami familiari, sui temibili pranzi della domenica, sull'angolo rustico di paradiso "Da Gigino", dove si festeggiava la fine della scuola sotto una pergola fiorita dividendo l'unica, gigantesca teglia di pizza lunga pidi due metri. Tra le righe, lo "sfarinamento di un mondo che prelude al crollo", l'amore per i libri, quel "fazzoletto di terra d'esilio" da cui sgorga la voce della scrittrice, tesa a testimoniare il suo tempo attraverso lo sguardo della letteratura.

Ottantafame. Ricettario...

Spinelli Carlo
Marsilio

Disponibile in libreria

17,00 €
È negli anni ottanta che il cibo in Italia diventa food. Appena uscito dagli anni di piombo e dalla crisi economica, il Paese desidera lasciarsi alle spalle divisioni e austerità, per aprirsi al mondo e allo stesso tempo dedicarsi al piacere privato del mangiare. In una cultura gastronomica varia ma tradizionalista come la nostra questo vuol dire in primo luogo rompere tabù, «contaminare»: ecco quindi che il salmone affumicato, il risotto alle fragole e champagne e le merendine Girella prendono posto nelle case degli italiani che fanno sfoggio di un nuovo benessere, mentre i giovani scoprono il lusso in un Long Island, l'America in un fast food, e Gualtiero Marchesi rivoluziona l'alta cucina internazionale con piatti che sembrano venire da un altro pianeta. In questo percorso a tappe tra pietanze iconiche e ingredienti inusuali, Carlo Spinelli (che in quel decennio era solo un bambino attratto irresistibilmente dal turbinio di pubblicità zuccherose e seducenti) approfondisce e divaga con leggerezza su un periodo fondante della nostra identità e dei nostri desideri, raccontando splendori e miserie di una nazione divisa tra il disastro di Chernobyl e la Milano edonista di yuppie e paninari. Confermando che, in qualunque epoca, siamo quello che mangiamo, ma soprattutto mangiamo come le persone che vorremmo essere. Con 24 ricette più o meno memorabili semplici da realizzare facili da riassaggiare deliziose da provare anche da chi, all'epoca, non era ancora nato!

Una francese a Torino. Il tempo, la...

Frontino Christian
Yume

Non disponibile

15,00 €
Christine Marie di Francia (o Cristina di Borbone), Prima Madama Reale alla corte dei Savoia nel XVII secolo, donna affascinante e colta, abituata a ricevere ospiti e a dare memorabili feste. Proprio da questa figura unica, che fa parte della storia piemontese e che raccoglie le simpatie dei torinesi, Christian Frontino parte per analizzare la storia del cibo, della tradizione e della tavola in Piemonte. Un viaggio interessante attraverso le radici storiche e culinarie di una terra che ha raccolto le innumerevoli suggestioni dei visitatori che vi sono passati e che ha in sé una storia contadina e montanara allo stesso tempo. Fatevi trasportare nel milleseicento, le danze stanno per iniziare, i vestiti sono splendidi e il banchetto vi attende...

Sapori della mente. Dizionario di...

Aragona Raffaele
In Riga Edizioni

Non disponibile

20,00 €
Il volume, con un rapido accenno alla storia e alle tematiche della letteratura contrainte, contiene testi di carattere gastronomico: i laboratori dell'Oulipo e dell'Oplepo, per non producono nuovi prodotti gastronomici ndiverse procedure culinarie, bensassemblaggi, combinazioni il cui legame non necessariamente quello del gusto e dei sapori ma un nesso d'altro tipo. Vengono cosfuori storie gastronomiche e menu caratterizzati esclusivamente da una unicitcromatica, da riferimenti letterari o cinematografici, dal rispetto di regole che non hanno a che fare con la cucina ma con la retorica, non con i fornelli ma con la combinatoria, non con i tempi di cottura ma con la metrica, non grammi ma lipogrammi, non crostacei ma acrostici, non pasticci ma bisticci, non glasse ma glosse, non ossibuchi ma ossimi. Del resto lo stesso "D'une thrie culinaire" di No Arnaud poneva l'attenzione su tutto quanto vi fosse di commestibile nell'universo incommestibile, esaltando una cucina di eccezioni. Non detto, per che le pietanze, esito di queste strane ricette o elencate nei sorprendenti menu potenziali, non siano immediatamente edibili nche non lo diventino col tempo...

Coco optimo. Cuochi, briganti e...

Del Verme Laura
Francesco D'Amato

Disponibile in libreria in 5 giorni

13,00 €
allegro, indefinito e caotico, il mondo dei cuochi nella Roma Imperiale. Furfanti geniali e creativi, controllati a vista dai ricchi patrizi che li prendevano 'a nolo' al mercato, erano ricercati e temuti e, nell'arco dei secoli, sono stati gli artefici invisibili di quelle celebrate bontche noi oggi consideriamo ardite mescole. Quello dei Romani un gusto per palati assai diversi dal nostro: noi siamo troppo abituati a cibi sorprendentemente estranei alla nostra terra, per apprezzare gli intingoli che mandavano in visibilio i Romani, per cui anche la sola capacitdi versare la giusta quantitdi garum nelle vivande, era un'arte. Per gli storici sembra quasi che i romani passassero la loro vita a tavola: li rappresentano come ghiottoni insaziabili, ma in realtfino a sera facevano quasi a meno di mangiare e, per secoli, apparecchiarono le mense solo a giornata finita. Va chiarito che protagonista di queste pagine una categoria professionale, anche se il nostro racconto inevitabilmente attingerinformazioni dalle fonti che si soffermano sui grandi mercati dell'Impero, dove era possibile reperire i cuochi piricercati e in grado di lavorare i generi alimentari pirari.

Cibo e identità

Capuano Vincenza
StreetLib

Non disponibile

9,99 €
Il ruolo che riveste il cibo nella vita sociale è ricco di significati, dal momento che la qualità, la quantità e la modalità di assunzione varia in rapporto alle esigenze di ciascun individuo e al contesto socio culturale in cui è inserito. Il volume affronta il rapporto con il cibo nella ricerca di un giusto equilibrio attraverso la definizione della propria identità. Nuova edizione rivista e aggiornata.

Ulisse e Polifemo. Viaggio tra cibo...

Castaldo Flavio
Delta 3

Non disponibile

15,00 €
Da Ulisse impariamo che l'uomo greco è simbolo della cultura vincitrice e Polifemo è la barbarie dell'Occidente, ingannata e sconfitta. Dall'Odissea apprendiamo non ricette o di modi di preparare i cibi e i vini ma come la civiltà greca identificava se stessa nel mangiare e nel bere. Il diverso era inferiore e mostruoso. Ulisse era davvero così buono? I Greci così civili? I popoli dell'Italia così terribili? Coloro che non parlavano greco erano davvero cannibali che non mangiavano pane e bevevano vino? Omero ci racconta così. I Greci, portatori di cultura e civiltà, erano generosi e pacifici? Quando arrivarono in Occidente erano già maestri di democrazia? I Greci decisero che il popolo dell'Italia Meridionale andava dominato per rieducarlo, portando con sé un nuovo modello di vita che includeva cibi e vini diversi. Fu così che si tentò la cancellazione del precedente. Così nacque la Magna Grecia, la vittoria della cultura sulla barbarie. Leggendo questo libro forse vedrete con occhi diversi Ulisse e Polifemo e capirete un po' di più ciò che mangiamo e ciò che beviamo...

Legami con il cibo

Scelzo Anna
Aldenia Edizioni

Disponibile in libreria in 5 giorni

17,00 €
In questa opera l'intento dell'autrice quello di parlare del cibo come di un elemento che crea legami, attraverso tutte le sue rappresentazioni sociali, culturali, politiche, personali e antropologiche e del cibo che diventa legame tramite le sue simbologie, il suo contenuto intrinseco legato a sensazioni, pensieri e quindi ad emozioni e reazioni. Il cibo infatti, si presenta come un vero e proprio linguaggio e il rapporto che con esso si instaura diventa metafora della relazione con gli altri, nonchcon noi stessi. Si parla quindi di cibo attraverso un'ottica che permetta di cogliere le valenze emotive che stanno dietro alla "rappresentazione" di S del proprio corpo e dei propri gusti. Intorno al cibo infatti ruota tanto di ciche fa parte del nostro quotidiano, nel bene e nel male, nel piacere e nella dannazione, nei suoi aspetti culturali e spirituali, nella commercializzazione e nelle sue rappresentazioni pimacabre e drammatiche quando esso viene a mancare. Vengono inoltre esplorate le origini e significati di oggetti che sono presenti nella nostra vita anche quando non ce ne sarebbe bisogno, come la bilancia, e di termini utilizzati anche dal mondo medico e che diventano parametri insindacabili a tal punto da determinare l'utilizzo o meno di un sondino nasogastrico o di un intervento di chirurgia bariatrica. Prendendo spunto da queste considerazioni il volume offre una riflessione profonda sulle problematiche inerenti sia il rapporto con il cibo sia il rapporto con la propria immagine corporea usando sempre un linguaggio chiaro ed accessibile.

Antiche osterie toscane. Tra Lucca,...

Poggetti Laura
Editoriale Programma

Non disponibile

9,90 €
Al giorno d'oggi sentiamo sempre più frequentemente parlare dell'apertura di una nuova osteria, quasi come se si volessero recuperare quelle tradizioni genuine e atmosfere popolari che tanto caratterizzavano questi luoghi in passato, per contrastare ed esorcizzare un mondo frenetico, che pranza nei fast food e non ha più tempo per godersi i sapori semplici e sinceri. Ma l'osteria è proprio la stessa, oggi? Si chiacchiera, si beve, si bestemmia, si mangia, si discute e si litiga ferocemente come un tempo? Con questo libro, seguendo la Via Francigena tra le province di Lucca, Pisa e Livorno, varchiamo la soglia di alcune delle osterie più antiche della Toscana, come se entrassimo in una macchina del tempo per vedere cosa è rimasto e cosa è cambiato.

Non tutto fa brodo

Niola Marino
Il Mulino

Disponibile in libreria in 5 giorni

12,00 €
Se tutti gli uomini mangiano, ogni cultura mangia a modo suo. E fa della cucina la sua carta d'identit Passioni, ossessioni, emozioni, tradizioni, trasformazioni, repulsioni, contraddizioni, contaminazioni. Tutto si dice attraverso il cibo. Dalla scoperta del fuoco all'invenzione della piastra a induzione, gli uomini si distinguono in base alle loro grammatiche alimentari. Cosa mangiare, cosa non mangiare, quanto, quando, come, perch con chi. Tipi di cottura, successione delle portate, galatei culinari, tabreligiosi, digiuni e astinenze. Il libro esplora le regioni note e meno note di un pianeta gastronomico che cambia alla velocitdella luce. E che oggi appare sempre pidiviso tra piacere e dovere, estetica e dietetica, gusto e disgusto.

Carnipedìa. Appunti per una piccola...

Pulina Giuseppe
Franco Angeli

Disponibile in libreria

24,00 €
Nell'epoca degli 'ismi, che ispirano produzioni letterarie improntate alle mode imperanti e infestano l'ecosistema social di notizie infondate, Carnipedìa è un libro che diverte, istruisce e, per il tema trattato, tenta di disinfestare il dibattito corrente dai falsi pregiudizi e dagli altrettanti frettolosi giudizi sul mondo della carne. Arricchito di immagini di opere d'arte di grande bellezza, legate al mondo dell'allevamento animale, molte della quali non accessibili al pubblico in quanto appartenenti a collezioni private, e impreziosito da una raccolta di proverbi sardi e da una serie di aforismi, il libro è al tempo stesso un'opera di lettura e di approfondimento su uno dei temi centrali del dibattito contemporaneo: il valore del cibo e tutto ciò che è legato alla sua produzione. Scorrendo le voci, si possono scoprire curiosità storiche e apprendere aspetti nutrizionali, oltreché rispondere ai quesiti legati alla sostenibilità ambientale e approfondire temi sociali e delle culture rurali costituenti il ricco caleidoscopio del mondo delle carni. La carne è un alimento fondativo della specie umana. Per milioni di anni il genere Homo si è evoluto su una nicchia alimentare comprendente nella dieta sempre più prodotti di origine animale, carne in particolare. La necessità di approvvigionamento continuo di questo prezioso alimento ha comportato salti nell'organizzazione sociale che hanno permesso alla nostra specie di aggregarsi in gruppi sempre più vasti e di trasmettere la cultura della caccia fra le generazioni. L'allevamento animale è stata la prima forma di agricoltura e il consumo delle carni ha sempre rappresentato, e costituisce ancora oggi, un indicatore di benessere economico di comunità e nazioni. La carne è un alimento ricco e che apporta al nostro organismo principi nutritivi indispensabili, difficilmente sostituibili da integratori naturali o artificiali, in particolare nelle diete delle età giovanile e senile e in quelle delle madri gestanti e allattanti e degli sportivi. Il libro approfondisce i temi legati al mondo di questo prezioso alimento in modo non canonico, ma scientifico, con un linguaggio semplice ma rigoroso, attraverso la compilazione di un dizionario che, in ossequio della moda imperante, è intitolato Carnipedìa, con l'accento sulla "ì", come per Enciclopedìa.

L'alimentazione dell'operaio russo...

Kabo Elena O.
Biblion

Disponibile in libreria in 5 giorni

20,00 €
La ricerca, pubblicata nel 1926, della ex militante menscevica Elena O. Kabo, impegnata dopo l'Ottobre nelle istituzioni di statistica del lavoro del nuovo Stato sovietico, riguarda la condizione operaia rilevata attraverso i bilanci familiari dagli anni che precedono la guerra mondiale a quelli immediatamente successivi alla guerra civile in Russia. Al suo rilevante interesse storico si aggiunge il valore pionieristico per gli studi di statistica sociale e di sociologia del lavoro, interrotti in URSS per via del clima politico affermatosi a partire dagli anni '30 del secolo scorso e solo parzialmente ripresi negli anni '60. Il testo di Kabo è preceduto da un saggio di Maria Grazia Meriggi, "Riformatori e scienziati sociali studiano i bilanci operai. Una lunga storia", che fornisce un quadro degli strumenti che il mondo del lavoro si è dato per conoscere la propria realtà, e mostra la continuità dell'opera di Kabo rispetto a una grande tradizione europea di ricerche sulla questione sociale. Chiude il volume una nota biografica sull'autrice.

Patate in laguna e altrove...

Scopel Marina
CLEUP

Non disponibile

15,00 €
Tra gli alimenti giunti dall'America al seguito di Cristoforo Colombo un posto di primo piano è occupato dalla patata che, come il mais, ha integrato quelli che fino ad allora erano stati gli alimenti di base, contribuendo a sfamare generazioni di indigenti. Non riscuote tuttavia un immediato successo. Osteggiata perché si crede che delle sue foglie si cibino le streghe per volare, o più realisticamente perché contiene una consistente dose di solanina che provoca effetti allucinogeni, rimane per molto tempo relegata nei giardini conventuali e 'dei semplici'. Saranno gli 'anni della fame' dell'inizio dell'Ottocento a imporla sulle tavole degli italiani, grazie alle coraggiose sperimentazioni di possidenti illuminati che ne vedono con lungimiranza le opportunità alimentari ed economiche. Per il Veneto, singolare l'esperienza del patrizio veneziano Pietro Antonio Zorzi che nelle sabbie salmastre dell'isola della Giudecca pone a coltura diversi nuovi incroci, aprendo la strada a varietà locali recentemente rivalutate.

Carta canta... i menu raccontano

Liberi Roberto
ETS

Disponibile in libreria in 5 giorni

24,00 €
Sfogliare una raccolta di menu significa fare un viaggio nella storia. Storia della cucina, certo, visto che il menu in definitiva, una lista di piatti, ma anche storia della grafica e, soprattutto, Storia, quella con la "S" maiuscola. Perchnei pranzi e nei banchetti si festeggia un avvenimento, un personaggio e quel cartoncino comunque una significativa traccia di un particolare momento e di un particolare ambiente. Per chi ha la pazienza di interrogarlo e di ascoltarlo ogni menu ha il suo racconto e in una raccolta di menu questi racconti si intrecciano fra loro e, come fossero tessere di un mosaico, formano un disegno sempre pichiaro e definito quanto pialto il loro numero. Ci raccontano di come eravamo e di come ci siamo trasformati, ci ricordano eventi lieti e altri che magari avremmo preferito non ricordare, ma che appartengono alla nostra Storia e alle nostre radici.

Etica del mangiare. Cibo e relazione

Fabris Adriano
ETS

Disponibile in libreria in 5 giorni

10,00 €
L'etica del mangiare non è quella di chi fa chilometri per raggiungere un presidio slow food o di chi si accontenta d'ingurgitare i panini di un fast food. Non coincide neppure con il comportamento di chi proibisce alcuni alimenti o feticizza certe fonti di cibo, come gli animalisti, i vegetariani e i vegani. Riguarda invece l'attitudine di chi sa che mangiare e porsi in relazione con tutto ciò che può nutrirci: una relazione rispettosa, equilibrata, che tiene conto dei molteplici legami in cui ogni essere vivente è coinvolto. È l'agire di chi capisce che a dover essere regolamentato è il suo desiderio, non il suo bisogno di mangiare. In che modo una relazione alimentare buona può essere attuata? Ce lo dice questo libro. E, nel decalogo alla fine di esso, ci dice anche come farlo concretamente.

Cibo e identità

Capuano Vincenza
StreetLib

Non disponibile

5,99 €
Il ruolo che riveste il cibo nella vita sociale è ricco di significati, dal momento che la qualità, la quantità e la modalità di assunzione varia in rapporto alle esigenze di ciascun individuo e al contesto socio culturale in cui è inserito. Il volume affronta il rapporto con il cibo nella ricerca di un giusto equlibrio attraverso una autodefinizione della propria identità.

Cultura del cibo tra Etruria e...

Martinelli Maurizio
Arbor Sapientiae Editore

Non disponibile

45,00 €
Il tema del cibo e dell'alimentazione costituisce una chiave di lettura culturale tra le più significative per la comprensione dei popoli, perché è correlato con le attività dell'uomo e con le sue interazioni con l'ambiente; esso rivela stili di vita e strutturazione di una società, come anche aspetti del mondo produttivo ed economico, dei contatti culturali e della permeabilità alle suggestioni esterne, dell'interazione col paesaggio naturale ed antropizzato, della vita simbolica, spirituale ed artistica . Il cibo è dunque da un lato "alimento per il corpo", ma esiste tuttavia uno spazio culturale e sociale del cibo, dove esso è uno dei campi della rappresentazione sociale ed ideologica. Lo sviluppo dell''Etruria nell'arco del primo millennio a.C. è anche la storia di una trasformazione dell'ambiente e delle sue risorse alimentari, dei metodi di consumo del cibo, delle ideologie di convivialità, e di rapporti con le altre culture contemporanee, che avvennero non solo per terra e per mare, ma anche in cucina.

Cavoli a merenda. Le parole della...

Ballarini Giovanni
Tarka

Disponibile in libreria in 5 giorni

16,50 €
Un antico proverbio, pare cinese, afferma che "il principio della saggezza sta nel dare alle cose il loro giusto nome". Un compito non facile e che, soprattutto oggi, parte dal cercare di conoscere come i nomi - anche degli alimenti e cibi - siano nati e si siano formati. Di questo si tenta di dare conto nelle pagine del libro, dove sono considerati vari aspetti di parole e detti che riguardano gli alimenti e le loro trasformazioni in cibi e bevande, dopo averli raggruppati secondo un criterio di uso o di affinità. Non solo si è cercata l'origine del nome, ma si sono anche considerati alcuni aspetti di vita reale, o soltanto sperata e sognata.