Unione Europea e istituzioni europee

Active filters

«Tu etwas Tapferes»: compi un atto...

Malandrino Corrado
Il Mulino

Disponibile in libreria in 5 giorni

15,00 €
Segretario di Stato agli Esteri nel governo tedesco guidato da Adenauer, Walter Hallstein (1901-1982) fu dal 1950 tra i fondatori delle Comunità europee, e primo presidente della Commissione CEE dal 1958 al 1967. In quegli anni, Hallstein giocò un ruolo fondamentale nello sviluppo comunitario, dando vita a un'efficiente struttura politico-amministrativa che realizzò l'unione doganale e la politica agricola comune. Nel momento in cui volle rafforzare ulteriormente l'unione comunitaria, incontrò però la netta opposizione della Francia gollista. De Gaulle fece ritirare la Francia dalla Comunità per un intero semestre; fu la "crisi della sedia vuota" conclusasi nel gennaio 1966 con il "compromesso del Lussemburgo", che mise fuori gioco Hallstein.

«Per un'Europa libera e unita». Dal...

Giardina Roberto
Imprimatur

Non disponibile

16,50 €
La storia dell'Unione Europea è fatta dalle storie degli uomini che hanno prima sognato, e poi cominciato a costruire la nostra Europa comune. I loro difetti e le loro virtù sono importanti quanto i deficit o le valute. I giochi dietro le quinte, le alleanze segrete e i tradimenti contano più dei trattati ufficiali. Siamo sempre un'alleanza di Stati, non ancora un'unica nazione europea. Forse non lo diventeremo mai, ma nonostante la politica e la finanza, e tutte le differenze che li dividono, gli europei sono già uniti perché hanno saputo superare il passato. L'Europa unita nasce da due guerre e mentre è in corso la guerra fredda, che si teme possa scatenare un altro massacro. Durante la seconda guerra mondiale alcuni giovani al confino a Ventotene scrivono un manifesto, il primo documento in cui si presentano le idee che saranno alla base della nostra Unione, e che rivela un incredibile spirito profetico. Non saremo mai gli Stati Uniti d'Europa, e non è neanche augurabile. Siamo un insieme di vecchi paesi, e di genti, con tradizioni radicate. "E pluribus unum" è il motto degli Usa. Noi dovremmo aspirare a in pluribus unum, a una concordia tra molti. La forza dell'Europa, il suo fascino, l'anima della sua cultura sono la molteplicità e la diversità.

What does Brexit mean? Tra scenari...

CLEUP

Non disponibile

17,00 €
A fronte delle incalzanti domande dei giornalisti, dei cittadini britannici e del mondo intero, il Primo Ministro britannico Theresa May ha affermato: "Brexit means Brexit". La perentorietà di queste parole non ha sgombrato il campo dagli interrogativi che, a più di un anno dal referendum che ha spaccato l'Unione Europea, rimangono insoluti. Questo volume si propone di indagare le principali direttrici di un evento inedito nella storia comunitaria, tra scenari di disgregazione e nuove opportunità di integrazione.

Viva l'Europa viva

Giacalone Davide
Rubbettino

Non disponibile

15,00 €
Europei si nacque. Europeisti si era. Antieuropeisti o euroscettici lo si è diventati. Europeisti lo eravamo per normalità, molto anche per retorica, certo. Antieuropeisti lo si è diventati dopo avere goduto dei benefici dell'integrazione, i quando i molti errori commessi e l'affermarsi dei vincoli parametrali hanno consentito di operare la più fantastica delle falsificazioni: i conti dissestati, la spesa pubblica improduttiva, il debito stellare, la connessa demoniaca pressione fiscale, non erano più conseguenza delle scelte i che si erano fatte, del diffondersi dell'assistenzialismo, delle reclamate elemosine di Stato, dei contrasti al dispiegarsi del libero mercato e della tenace difesa delle rendite di posizione, ma erano tutte colpe dell'Europa. Ciliegiona sulla torta: la viltà delle classi dirigenti, politica e non solo, che anziché assumersi il compito di richiamare alla ragionevolezza e all'ordine hanno provato a scaricare il peso delle cose dovute su un'entità astratta e prevalente: ce lo chiede l'Europa. C'è del buono, in questo percorso degenerativo, che buono non è. Una delle cose buone è che dirsi europeisti non è più lo scontato e indistinguibile luogo comune, praticabile in qualche adunanza domenicale o in qualche rituale celebrazione scolastica. Dirsi europeisti è diventato un problema, un'affermazione che desta reazioni vivaci. Taluni credono sia quasi segno di follia. E io sono un europeista.

Verso una nuova agricoltura...

De Castro Paolo
Agra

Non disponibile

14,00 €
Obiettivo di questo studio è rendere comprensibili al grande pubblico i cambiamenti che hanno interessato e interesseranno la nuova politica agricola europea anche a seguito dell'allargamento dell'Unione. In collaborazione con quattro ministri dell'Agricoltura in carica - il francese Hervé Gaymard, la tedesca Renate Künast, l'ungherese Imre Német e l'inglese Nick Brown - il volume analizza gli interventi necessari per legare la politica agricola alla sicurezza alimentare, al rapporto con l'ambiente e con il territorio, alla competitività e non solo quindi alla difesa dei redditi dei produttori.

Verso un pilastro sociale europeo

Key Editore

Non disponibile

27,00 €
Dopo la Dichiarazione di Göteborg la Fondazione Basso ha organizzato a Roma presso la sua sede un Convegno sul tema Verso un pilastro sociale europeo? Dopo la Joint Declaration di Göteborg. Il Volume raccoglie i contributi ( aggiornati) al Convegno che intendeva provocare una discussione aperta e non aprioristica su questo scenario riflettendo, senza alcun pregiudizio, sui più rilevanti limiti dell'ordinamento europeo in campo sociale ed il significato che le proposte che sono emerse dal dibattito precedente e successivo alla Dichiarazione possono avere nel rilanciare un garantismo sociale all'altezza delle intervenute trasformazioni sia produttive che degli stessi stili di vita soggettivi, sul ruolo delle parti sociali, sul significato oggi della formula della flexicurity ed infine sul nesso prioritario tra la democratizzazione e razionalizzazione del "governo dell'euro" e un rilancio delle protezioni sociale su scala continentale .Il volume ospita contributi di carattere più generale che valutano l'idea di un social pillar nell'attuale contesto di crisi dell'Unione (Giubboni, Dastoli e Fabbrini) anche in rapporto alla revisione da molti prevista del "patto europeo", contributi più mirati ad approfondire singoli aspetti dei Documenti ufficiali ed il loro eventuale impatto sulle politiche (nazionali e sovranazionali) esistenti del social pillar (D'Onghia sulla sicurezza sociale, Guarriello sul ruolo delle associazioni sindacali, Caruso sulle protezioni dei lavoratori digitali, Orlandini per il contrasto del dumping sociale, De Michele sull'impatto della giurisprudenza della Corte di giustizia), si esamina la proposta di un reddito minimo per i cittadini del'Unione (Allegri) e quella di un Progetto di finanziamento Ue delle infrastutture sociali (Reviglio), si ricostruisce, infine, la posizione di apertura del sindacato europeo (Monaco).

Verso l'Europa dei diritti. Lo...

Amato G.
Il Mulino

Non disponibile

18,00 €
L'eliminazione delle frontiere nell'Unione europea agevola l'esercizio del diritto dei cittadini di circolare e soggiornare nel territorio di tutti gli stati membri. Ma pone anche problemi difficili: può favorire la criminalità, libera di spostare più facilmente i suoi traffici; e può aggravare le conseguenze negative di politiche nazionali divergenti in materia di immigrazione e diritto di asilo. La costruzione di uno Spazio europeo di libertà, sicurezza e giustizia mira a risolvere questi problemi. È un'impresa ardua e complessa, di grande importanza per tutti gli europei.

Verso gli Stati Uniti d'Europa....

Serafini Umberto
Carocci

Disponibile in libreria in 3 giorni

46,00 €
In occasione del cinquantenario della Fondazione Adriano Olivetti, il libro raccoglie una scelta degli scritti (dal 1954 al 2002) di Umberto Serafini, Presidente della Fondazione nel suo primo ventennio di attività. Spiccano la lungimiranza, la concretezza degli obiettivi, la ricchezza delle strategie politiche e delle argomentazioni dell'autore. Vengono inoltre commentati i principali eventi politici della seconda metà del secolo scorso attraverso una visione "dal basso" dei poteri locali, base fondante degli Stati nazionali e delle federazioni sovranazionali. I diversi livelli di governo della cosa pubblica (dalle autonome comunità locali "a misura d'uomo" agli Stati Uniti d'Europa e oltre, fino all'intero pianeta) sono visti nei loro reciproci condizionamenti al fine di perseguire gli interessi generali dei cittadini. L'auspicio di questa pubblicazione è di favorire - in un momento cruciale dell'integrazione europea - una maggiore conoscenza del federalismo, in particolare fra gli amministratori locali, gli esponenti politici nazionali, le giovani generazioni.

Valori e culture in Europa

Galland Olivier
Il Mulino

Disponibile in libreria in 3 giorni

11,50 €
L'evoluzione dell'Unione europea, insieme alla produzione di un'ampia letteratura sull'integrazione dal punto di vista giuridico, economico, politico, sociale, ha anche favorito analisi e dibattiti sui fondamenti culturali di tale unificazione. Esiste un'"identità dell'Europa", un "noi" europeo costituito da sentimenti comuni di appartenenza e da valori condivisi? Religione, vita quotidiana, lavoro, istituzioni: passando in rassegna gli orientamenti valoriali dei cittadini europei, il volume, sulla base dei dati scaturiti da alcune grandi indagini campionarie, delinea i sistemi di valori sui quali di volta in volta convergono o si divaricano i diversi paesi.

Uscita di insicurezza. Brexit e...

Clausi Leonardo
Manifestolibri

Disponibile in libreria in 3 giorni

16,00 €
L'uscita della Gran Bretagna dall'Ue mette a repentaglio non solo la sopravvivenza dell'Unione, ma anche l'assetto dell'Europa dopo il 1945. Eppure lo shock è in parte ingiustificato: in fondo il Regno Unito è sempre stato il paese europeo meno europeo. Questo libro propone un'agile disamina delle caratteristiche dell'eccezionalità storica, politica e culturale anglo-britannica rispetto al continente. La singolarità del Regno Unito e le sue specificità politico-istituzionali si lasciano comprendere a partire da una serie di assenze: di una rivoluzione borghese compiuta come quella francese; di una filosofia politica sistematica e trasformativa; di una sconfitta o invasione militare nelle due guerre mondiali che rendessero necessaria una ricostruzione non solo materiale. A queste assenze fa invece riscontro la grande permanenza psicologica dell'Impero, su cui si è cementata la vaga identità di «Britishness», paradossalmente in pericolo proprio per un gesto profondamente autarchico come la Brexit, che ha accentuato il rischio di secessione scozzese e nordirlandese.

Uno sguardo statistico all'Unione...

Marvulli Roberto
CELID

Non disponibile

11,00 €
L'allargamento dell'Unione Europea del 2004 ha generato interesse e un forte desiderio di acquisire rapidamente informazioni di ordine statistico sulle situazioni socioeconomiche delle varie nazioni e sul confronto con l'Italia. Il testo fornisce una prima risposta attraverso la presentazione quartilica e con numeri indice della posizione di ciascuno dei paesi di rilevanza europea nei confronti dei rimanenti, rispetto a 29 variabili. Le situazioni sono poi riassunte attraverso un "multidimensional scaling".

Unità europea. Ieri, oggi, domani

Cinquanta R.
Unicopli

Non disponibile

16,00 €
Il convegno "Unità europea, ieri, oggi, domani", tenutosi presso l'Università di Pavia il 30 novembre e 1 dicembre 2006, si svolse in un momento di impasse del processo di unificazione europea: tra la bocciatura, nel 2005, del Trattato che istituisce una Costituzione per l'Europa da parte di Francia e Paesi Bassi e l'avvio delle procedure che porteranno al Trattato di Lisbona del 2007. È stato quindi di grande interesse esaminare le ragioni di tale blocco e proporre, a partire dalla definizione del ruolo che un'Europa unita avrebbe potuto e dovuto giocare sulla scena internazionale, modalità e strumenti di rilancio del processo in direzione dell'unificazione politica. I relatori del Convegno, personalità accademiche e politiche di spicco in materia di federalismo europeo, hanno affermato con forza la necessità degli Stati Uniti d'Europa, con argomentazioni che, in virtù di ricognizioni storiche e analisi di carattere strutturale, sono oggi di grande attualità per dare nuovo vigore alla battaglia per un'Europa politicamente unita, che operi a favore dei suoi cittadini.

Unione politica in progress....

Levi G.
CEDAM

Disponibile in libreria in 3 giorni

22,50 €
L'idea di questo libro nasce dall'esigenza di approfondire il ruolo e i caratteri dei partiti politici a livello europeo, registrarne le variazioni nel tempo, e di tracciare il percorso politico e organizzativo che essi hanno seguito. La peculiarità di questo volume è duplice. In primo luogo, rispetto ad altri lavori di ricerca che in passato hanno trattato tali tematiche, prende in considerazione sia la dimensione intra-parlamentare (i gruppi nel Parlamento europeo) sia quella extra-parlamentare (i partiti a livello europeo). In secondo luogo, raccoglie saggi sia di carattere storico sia politologico, favorendo di fatto un approccio multidisciplinare. Quest'ultima specificità ci sembra un fattore in grado di rafforzare la capacità esplicativa del volume, poiché coniuga il rigore della ricostruzione storica dei passaggi politici interni ai singoli partiti e gruppi parlamentari europei con la capacità di analisi e theory-oriented della scienza politica.

Unione Europea. Una visione...

Santagostino Angelo
Rubbettino

Disponibile in libreria in 10 giorni

19,00 €
Questo libro è il frutto delle convinzioni di una vita. È controcorrente dalla prima all'ultima pagina. Controcorrente perché rivendica al pensiero liberale le basi dell'Europa integrata e dell'euro-federalismo. Controcorrente perché fa di Luigi Einaudi no

Unione europea. Sintesi e schemi....

Bedin Luana
CISU

Non disponibile

18,00 €
La vita dei cittadini è sempre più condizionata dalla presenza dell'Unione europea che incide continuamente sulle attività legislative e sui processi istituzionali e amministrativi dei suoi paesi membri. Lo scopo e la finalità principale di questo libro è quello di contribuire all'aggiornamento e alla preparazione di coloro che devono sostenere le prove di esame per i concorsi pubblici e/o per le ammissioni alle facoltà universitarie. Il testo è uno strumento utile per l'estrema semplicità di consultazione e per l'accurato lavoro di sintesi che lo caratterizza. Il libro, diviso in quattro capitoli, è arricchito da schede grafiche e schemi di sintesi per facilitare la comprensione degli argomenti; per esercitarsi sono stati inseriti cento quiz a risposta multipla, di cui cinquanta con soluzione e commento. Infine, a conclusione del volume, sono stati predisposti la cronologia degli avvenimenti, le sigle, i link utili e in appendice il "Glossario" e il "Gergo europeo".

Unione europea. 60 anni e un bivio....

Paganetto L.
Eurilink

Non disponibile

18,00 €
Sono passati sessant'anni da quando i Trattati Europei furono firmati a Roma. Il 25 marzo si celebra a Roma, in Campidoglio, la ricorrenza. L'atmosfera festosa che fino a qualche tempo fa si poteva immaginare per una data così importante è oggi inficiata dal diffuso euroscetticismo che circola in Europa. Anche in Italia, fino a ieri considerata il campione dell'europeismo, sta progressivamente crescendo il coro dei critici dell'Europa e dell'euro sia nella versione di chi vorrebbe una revisione dei Trattati sia in quella di chi ritiene necessaria un'uscita dall'euro o addirittura dalla UE. Siamo, dunque, a un bivio. Questo volume, che raccoglie i contributi di autorevoli studiosi aderenti al "Gruppo dei 20", intende riaffermare la validità della scelta europea e di quella dell'euro, sia pure asserendo la necessità della ripresa di un'iniziativa politica in grado di ristabilire più armonici rapporti tra cittadini e Istituzioni europee. Ciò è tanto più importante nel momento in cui la Brexit e i cambiamenti annunciati ed avviati dalla nuova Amministrazione USA sembrano dare forza alle idee degli euroscettici. Ci sono oggi, indubbiamente, una serie di circostanze che si trovano ad operare tutte insieme e rendono difficile il quadro europeo: la globalizzazione senza una governance adeguata, l'aumento delle ineguaglianze di reddito e benessere, l'impatto dei flussi migratori e di una insicurezza crescente, gli effetti della tecnologia sul futuro dell'occupazione, gli squilibri commerciali e finanziari internazionali. Il clima di incertezza e di ansietà per il futuro, diventato dominante presso famiglie ed imprese, ha portato a rappresentazioni in cui si contrappongono visioni "populiste" e non, piuttosto che soluzioni da adottare per affrontare i problemi dei ceti maggiormente toccati dalla crisi degli ultimi 10 anni.

Unione Europea, storia di...

Fondazione Alcide De Gasperi
Itaca (Castel Bolognese)

Disponibile in libreria in 3 giorni

10,00 €
Oggi l'Europa è in crisi e non sembra capace di reggere l'urto di questo cambiamento d'epoca. Ma quando nacque l'idea dell'Unione Europea il mondo non era migliore di oggi: distrutto dalla guerra mondiale, flagellato da crisi continue e diviso in due blocchi pronti a cominciare un'altra guerra. Eppure il sogno di unirsi e camminare insieme si sviluppò molto velocemente da un seme semplice e umanissimo: l'amicizia fra tre uomini - Adenauer, De Gasperi, Schuman - che non ebbero paura di sognare. Come è stato possibile che il loro sogno sia diventato il sogno di un intero continente? Come la loro storia può aiutare a capire il presente e a immaginare il futuro? Vogliamo guardare a quell'inizio, perché oggi come allora, l'Europa può essere ricostruita, se sapremo rendere viva l'eredità di sogni, ideali, fede e visione che ci hanno consegnato.

Unione Europea ieri oggi domani....

Augenti Antonio
Schena Editore

Non disponibile

20,00 €
Antonio Augenti ci prospetta una vera Europa, quella della Conoscenza, che finalmente possa creare un comune sentore di valori, nel rispetto totale di tutte le diversità, senza pericolo alcuno di egemonie. Le contraddizioni finalmente svaniscono. Le separa

Unione Europea a rischio di collasso

Edizioni Punto Rosso

Non disponibile

8,00 €
La sinistra europea si attivi a rovesciare assetti antidemocratici, bluff monetaristi e neoliberisti e relativi disastrosi orientamenti antisociali e antieconomici, che nella crisi del 2008 si sono generalizzati, onde prevenirne il collasso e rilanciarne le motivazioni valide, ed evitare una gigantesca tragedia sociale.