Costituzione: Governo e Stato

Filtri attivi

L'ABC della Costituzione

Artifoni Rocco
Edizioni Gruppo AEPER - 2014

Non disponibile

5,00 €
"Il libro contiene il testo vigente della Carta Costituzionale, corredato dalle note relative alle modifiche apportate dopo l'approvazione nel 1947 nell'Assemblea Costituente. La nostra Legge fondamentale è accompagnata da una rilettura ed esposizione attraverso 24 parole chiave, scelte e commentate dai due autori (Filippo Pizzolato e Rocco Artifoni). In quanto legge fondamentale dello Stato, la Costituzione non chiede solo 'obbedienza' ma molto di più: corresponsabilità, ossia impegno a essere liberi con gli altri e per gli altri. Non basta allora conoscerli, gli articoli della Costituzione. Bisogna metterli in pratica nella vita di ogni giorno, individuale e sociale, privata e pubblica. Farli diventare cultura e costume. È lo scopo di questo libro, strumento prezioso per 'scavare' in quelle pagine e trasformare la loro carta in 'carne', vita vissuta. Il linguaggio della democrazia è corresponsabilità, alfabeto del 'noi' - non monologo, parola dell'io. E la Costituzione resta la più alta sintesi del linguaggio della democrazia e delle responsabilità che essa ci affida." (dalla prefazione di don Luigi Ciotti)

Costituzione e religione

CEDAM - 2014

Non disponibile

42,00 €
Percorsi costituzionali vuole prendere in esame in questo numero argomenti non nuovi ma sempre attuali quali, appunto, la libertà religiosa inquadrata nel tradizionale schema dei rapporti fra stati e confessioni.

Lo Stato e il suo diritto

Cassese Sabino
Il Mulino - 2013

Non disponibile

16,00 €
Diritto amministrativo e costituzionalismo come hanno contribuito alla storia dello Stato in Europa? Quali sono state le principali vicende dei diversi tipi di Stato europei? E come cambia lo Stato con l'europeizzazione e la globalizzazione? Dallo Stato di diritto allo Stato amministrativo, allo Stato sociale, passando attraverso gli esperimenti totalitari, i regimi politici europei sono riusciti ad adattarsi ai mutamenti della storia e resistono anche alla europeizzazione e alla globalizzazione.

Giorgio Napolitano. I discorsi veneziani

Pellicani N. (cur.)
Marsilio - 2013

Non disponibile

12,00 €
Giorgio Napolitano è sempre stato legato alla città di Venezia, un rapporto che ha inteso mantenere anche durante gli anni trascorsi al Quirinale. Alla Fondazione Pellicani, da lui stesso inaugurata nel 2007 lo legano l'amicizia e il sodalizio politico decennali con Gianni Pellicani (1932-2006), rapporto rinsaldato da Massimo Cacciari, presidente della Fondazione. Non a caso Venezia e Mestre sono state teatro, in particolare, di due discorsi che hanno decisamente caratterizzato il pensiero politico di Napolitano. L'ultimo, pronunciato il 6 settembre 2012 nell'ambito del Festival della Politica di Mestre, è stato dedicato al futuro dell'Europa, e ha catturato l'attenzione nazionale. Napolitano vi ha rilanciato con forza il progetto d'integrazione europea, parlando di Unione federale costruita nel segno della solidarietà e della sussidiarietà, dell'"europeizzazione" dei partiti e della politica fino alla formazione di liste con candidati comuni dei diversi Stati, alle prossime elezioni per il Parlamento europeo. Nel 2008 da Palazzo Ducale a Venezia aveva pronunciato un discorso altrettanto importante, in occasione del sessantesimo anniversario della Costituzione. Un momento solenne per rimarcare l'attualità e la modernità della nostra Carta, ma anche per sollecitare il Parlamento a rileggerne la seconda parte in chiave federalista. In appendice al volume la Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea. Prefazione di Massimo Cacciari.

L'idea di costituzione repubblicana

Cassirer Ernst
Morcelliana - 2013

Non disponibile

8,00 €
Ernst Cassirer fu uno dei pochi intellettuali che, negli anni della Repubblica di Weimer, si espresse a favore della Costituzione della Repubblica: il testo qui tradotto è la trascrizione di questa sua presa di posizione pubblica, nel 1928. Vi si respirano gli ideali dell'illuminismo e della Bildung, come formazione del carattere e educazione morale, che furono fondamentali per il processo di assimilazione degli ebrei in Germania. Alla crisi della cultura, della politica e dello Stato di quegli anni queste pagine oppongono il ruolo attivo della filosofia: certo non la sola necessaria, eppure una forza decisiva, a partire dal richiamo alla ragione, non solo per spiegare a posteriori gli eventi, ma per comprenderli e orientarli nel loro corso.

Parlamentarismo e responsabilità politica

D'Anna Giancarlo
Aracne - 2013

Non disponibile

33,00 €
L'irresponsabilità politica generalizzata, eclatante nella nostra penisola ma diffusa ovunque, principale causa della corruzione, della crisi economica e finanziaria, dell'instabilità e dell'allontanamento dei cittadini dalle istituzioni, dipende, in modo diretto o mediato, da specifiche ingiustificabili normative giuspubblicistiche le quali si possono modificare senza difficoltà, eventualmente inserendo, o emendando, qualche riga nelle Carte fondamentali, come sperimentato da decenni in Germania ed altrove. Tali norme disfunzionali hanno in ogni Paese un intenso impatto sulla sua cultura civile, politica, economica e giuridica la quale a sua volta cospira per la sopravvivenza di se stessa e di quelle o per il loro rafforzamento di direzioni ancor più deresponsabilizzanti, particolarmente comode per i settori meno consapevoli e più inetti, o affaristici, delle classi dirigenti.

Il discorso di Giorgio. Le parole e i pensieri...

Zevi Tobia
Donzelli - 2013

Non disponibile

17,00 €
Ricostruire il percorso umano e politico a partire solo dai testi scritti? Per Giorgio Napolitano, si può. Il presidente della Repubblica, perno della vita politica italiana, riesce a distillare spunti e impulsi personali nella prosa controllata dei suoi discorsi pubblici. Con una sintassi d'altri tempi e un lessico decisamente classico, Napolitano ha trovato una chiave per rivolgersi agli italiani, anche ai più giovani. Basandosi sul corpus presente nel portale del Quirinale, Tobia Zevi - giovane studioso della lingua italiana - seleziona sette argomenti nel messaggio presidenziale, evidenziandone gli elementi più controversi: l'importanza della patria e dell'impegno per definire una memoria condivisa da tutti gli italiani; l'Europa, gigante economico ma troppo debole sul piano politico; la Costituzione, casa degli italiani che va riformata senza furbizie e strumentalizzazioni; la figura del presidente della Repubblica, fondamentale nell'architettura istituzionale, che potrà avere in futuro poteri diversi purché si plasmino adeguati pesi e contrappesi; il ruolo dei partiti politici, che vanno rinnovati senza indulgere in facili populismi; un sistema della giustizia che merita più efficienza e più rispetto da parte della politica ma anche da parte dei suoi operatori; il futuro, infine, apparentemente oscuro, che può invece regalare all'Italia un nuovo sviluppo, se gli italiani metteranno in campo impegno e senso di responsabilità.

Giornale di storia costituzionale. Colonie e...

eum - 2013

Non disponibile

30,00 €
Non è semplice né abituale associare le esperienze della colonizzazione al termine concetto costituzione. Per certi versi questo accostamento sembrerebbe configurare un ossimoro. Il costituzionalismo identifica infatti quel percorso fatto di esperienze concrete e di elaborazioni dottrinali che conduce, pur attraverso una pluralità di manifestazioni, alla figura dello Stato costituzionale di diritto e alla sua funzione di limitazione del potere sovrano a vantaggio dei diritti e delle libertà dei cittadini. La "costituzione dei moderni" vuole governare lo snodo fondamentale che unisce e mette in tensione la decisione politica, la libertà dei soggetti, il principio di eguaglianza. Questo percorso è, a sua volta, parte integrante dell'idea moderna della civilizzazione occidentale.

La costituzione violata

Ferrara Gianni
La Scuola di Pitagora - 2013

Non disponibile

4,00 €
Gianni Ferrara, costituzionalista dagli anni del Dopoguerra, ripercorre i caratteri salienti delle Costituzioni moderne, mostrandone il rapporto simbiotico con le grandi trasformazioni storiche da cui sono scaturite. Appare, così, vividamente, il legame del diritto con le forze politiche e sociali che "violano" le leggi dell'esistente in vista di un nuovo modello umano, prima che giuridico, di Stato e di società. Ferrara invita i "creatori" del diritto a superare il paradigma positivista e a riscoprire il loro ruolo di "difensori" dei valori di civiltà insiti nella nostra Costituzione.

La Costituzione italiana è una cagata pazzesca....

Leccese Andrea
Sovera Edizioni - 2013

Non disponibile

13,00 €
"La Costituzione italiana è una cagata pazzesca!", questa l'opinione di gran parte degli Italiani, siano essi politici, camionisti, studenti, professionisti, metalmeccanici e così via. È inevitabile, pertanto, che, nelle discussioni al bar come sulle pagine dei quotidiani, essa sia oggetto di continue critiche e richieste di modifica. Eppure, un altro dato campeggia nella descrizione più veritiera del Belpaese: solo pochi dei suoi abitanti hanno una sufficiente conoscenza dei principi contenuti nella sua Legge fondamentale. Ecco, quindi, la necessità di una divulgazione della Carta costituzionale, mai capita a fondo e mai applicata totalmente, per comprendere quanto essa abbia contribuito alla restituzione dell'Italia alla libertà e quanto ancora possa offrire a un popolo che non crede più in se stesso.

I discorsi

Napolitano Giorgio
Europa Edizioni - 2013

Non disponibile

13,90 €
Nella Collana "Fare Mondi", il posto d'onore deve essere assegnato a Giorgio Napolitano. Non soltanto perché Giorgio Napolitano è il Presidente della Repubblica, ma perché da molti anni, e ben prima di essere eletto Capo dello Stato, egli si è dedicato con coerenza ed entusiasmo a promuovere l'idea europea. Lo ha fatto con intelligenza; con conoscenza della storia recente e passata; con realismo e passione, nello stesso tempo. Dal 1985 al 1992 è stato membro del Parlamento europeo e Presidente della Commissione per gli Affari Costituzionali. Queste responsabilità lo hanno portato ad intensificare il suo interesse per la politica di unità europea, interesse che si è approfondito costantemente. Prova ne sono i suoi numerosi interventi in quel Parlamento e in Italia. Il 10 maggio 2006 è stato eletto Presidente della Repubblica dalle Camere riunite. Nel nuovo prestigioso incarico ha intensificato la sua attività in favore dell'unità dell'Europa. Ne sono testimonianza i numerosissimi interventi sull'argomento. Quelli che pubblichiamo in questo volume coprono unicamente gli anni più recenti. Sono sempre esternazioni dettagliate, concrete, informate e appassionate, che sottolineano il suo impegno.

Stati Uniti

Stroppiana Luca
Il Mulino - 2013

Non disponibile

16,00 €
Nella Costituzione americana del 1787 si ritrova l'intelaiatura dell'ordinamento statunitense, divenuto, dopo l'intervento vittorioso nella seconda guerra mondiale e dopo la fine della guerra fredda, pietra di paragone e baluardo delle liberaldemocrazie. L

Corso di diritto parlamentare

Gianniti Luigi
Il Mulino - 2013

Non disponibile

28,00 €
Il manuale costituisce un utile strumento per comprendere una realtà articolata e complessa come è quella del Parlamento italiano, esaminandone in dettaglio i meccanismi di funzionamento. Approfondire la conoscenza dei procedimenti parlamentari, disciplinati da una serie di regole e di prassi, alcune di vecchia data, altre invece del tutto nuovi, può aiutare a decifrare i meccanismi interni della politica rappresentativa e orientarsi meglio nelle odierne vicende politico-istituzionali.

Piccolo codice costituzionale. Legislazione,...

Ainis Michele
LED Edizioni Universitarie - 2012

Non disponibile

48,00 €
La settima edizione del Piccolo codice cadeva nel 15º anniversariodella scomparsa di T. Martines e nel 150º dell'unità d'Italia. L'ottava si limita a registrare la riforma costituzionale sul pareggio di bilancio. Questo codice ospita una raccolta di testi normativi, di materiali giurisprudenziali e di altri documenti d'interesse costituzionale, destinata alle esigenze della didattica universitaria nel settore del diritto pubblico, ma che può soddisfare anche chi desideri informarsi sulle linee fondamentali dell'ordinamento vigente. Il criterio di scelta delle leggi e degli altri materiali che ne formano il tessuto consiste nella loro "contiguità" ai principi costituzionali, ossia nell'attitudine a precisarne o a svilupparne il senso. Ma questo volume si segnala soprattutto per la sua facilità di lettura, ottenuta per un verso attraverso l'attenta selezione di quanto inciascun documento risponda a un interesse sostanziale; per altro verso attraverso la distribuzione delle singole in calce alle disposizioni costituzionali di riferimento, così offrendone con immediatezza la portata normativa. Completano il codice un indice cronologico e un ampio indice analitico.

Nel segno della Costituzione. La nostra carta...

Carlassare Lorenza
Feltrinelli - 2012

Non disponibile

19,00 €
Di fronte alle drammatiche sfide del presente, la Costituzione ha ancora risposte adeguate da dare? I suoi principi sono applicabili a situazioni nuove, un tempo imprevedibili? Il dubbio non è irragionevole. Ma il fatto che sia un programma per il futuro, pensato e costruito intorno a valori essenziali e senza tempo - la persona umana e la sua dignità - rende ancora possibile ricavare dalla Carta fondamentale indicazioni forti persino riguardo a questioni inedite, quali quelle derivanti dal flusso ininterrotto di persone in fuga da guerre, morte, miseria, in cerca di pace e lavoro. I punti di riferimento per orientarsi, se non per risolvere definitivamente problemi complessi e mutevoli, sono molteplici. In particolare il principio di laicità, prima regola per una convivenza possibile. Un principio legato in modo indissolubile al rispetto della persona, della sua sfera di libertà, della sua coscienza inviolabile e della sua autodeterminazione. Dignità della persona si coniuga poi con eguaglianza, parola chiave, vessillo delle rivoluzioni settecentesche d'America e d'Europa che oggi non è solo parità di fronte alla legge, divieto di trattamenti discriminatori, ma obiettivo da raggiungere con la rimozione degli ostacoli che generano diversità. La dignità della persona è inscindibile dalla centralità del lavoro sul quale la Repubblica si fonda e dall'istruzione, presupposto essenziale della democrazia. La conoscenza della Costituzione è il punto di partenza per un popolo che si voglia libero.

Una costituzione viva. Vivissima

Scalfaro Oscar L.
Cittadella - 2012

Non disponibile

12,00 €
Oscar Luigi Scalfaro ripercorre con lucidità le tappe che hanno portato all'elaborazione del testo della Carta Costituzionale, riflettendo soprattutto sul clima che ne ha caratterizzato i lavori. È una storia ricostruita dall'interno che, partendo dagli ev

Piccolo mondo vaticano. La vita quotidiana...

Valli Aldo Maria
Laterza - 2012

Non disponibile

16,00 €
"All'ingresso di porta Sant'Anna, subito dopo il controllo della gendarmeria, sulla destra, c'è un bancomat dello Ior. Si trova in una nicchia ricavata nel muro e, apparentemente, è come tutti i bancomat di questo mondo. Se però vi avvicinate (e siete in compagnia di chi dispone dell'apposita tessera) scoprite che ha una particolarità. Le istruzioni, oltre che in italiano, francese, tedesco, inglese e spagnolo, sono fornite anche nella lingua dei padri. "Carus expectatusque venisti" dice la videata introduttiva: in pratica, "benvenuto". Dopo di che, ecco l'indicazione operativa: "Inserto scidulam quaeso ut faciundam cognoscas rationem", che sarebbe come dire "inserisci per favore la scheda, per accedere alle operazioni consentite". I latinisti hanno un po' arricciato il naso, perché secondo loro l'adattamento è stato un po' troppo disinvolto, ma bisogna ammettere che non è facile tradurre in una lingua antica concetti moderni. E una volta inserita la scidula che succede? Quattro le opzioni: "deductio ex pecunia" (prelievo), "rationum aexequatio" (saldo), "negotium argentarium" (movimenti) e "retrahe scidulam deposita" (ritirare la tessera). L'unico problema è che se scegliete la prima opzione dopo pochi secondi il bancomat sputerà fuori comunissimi euro e non preziose monete romane d'oro e d'argento". Aldo Maria Valli non lesina dettagli, spiega come si entra in Vaticano, racconta curiosità, stranezze e aneddoti, visita il garage del papa, fa un giro nell'appartamento pontificio...

Dal Colle più alto. Al Quirinale, con Ciampi...

Puri Purini Antonio
Il Saggiatore - 2012

Non disponibile

17,50 €
Il 14 maggio 1999, Antonio Puri Purini viene chiamato dal Quirinale per affiancare Carlo Azeglio Ciampi, appena eletto presidente della Repubblica Italiana, nel ruolo di consigliere diplomatico. Comincia così la sua esperienza accanto alla personalità politica che più di ogni altra, negli ultimi decenni, ha saputo infondere passione, serietà e concretezza al servizio del Paese. Il presidente, salito in carica con i governi di centrosinistra di D'Alema e Amato, si trova ben presto ad affrontare eventi che sconvolgono gli equilibri mondiali. L'attentato alle Torri gemelle, l'intervento armato in Afghanistan, la guerra preventiva in Iraq irrompono con prepotenza nell'agenda della politica estera italiana, che, sotto la guida del governo Berlusconi, tornato al potere nel maggio 2001, devia bruscamente dal suo solco naturale. La rottura di un codice comportamentale collaudato, il riposizionamento forzato e incomprensibile nei rapporti con i partner europei, le intemperanze senza precedenti delle componenti leghiste minano seriamente la credibilità del nostro Paese. Nei giorni drammatici dello scoppio del conflitto iracheno, l'Italia sta per essere trascinata in una guerra unilaterale, al di fuori del mandato delle Nazioni Unite. La fermezza del presidente riesce, però, ad ancorare il ruolo italiano a una cornice multilaterale.

La costruzione della libertà. Appunti per una...

Blanco Valdés Roberto L.
Rubbettino - 2012

Non disponibile

19,00 €
Poche cose, come la libertà ed il costituzionalismo, possono considerarsi come patrimonio comune del nostro continente, l'unico che attualmente ha consentito che non divenisse una chimera quel concetto formulato dalla Costituzione di Cadice del 1812 secondo il quale il fine ultimo di ogni società politica è il benessere dei propri membri. Il presente lavoro analizza il lungo processo storico in cui la nostra libertà si è costruita, attraverso le Costituzioni approvate nei vari Stati europei alla fine del XVIII secolo. Dopo avere esaminato la rottura storica con l'assolutismo che favorì lo Stato liberale, affronta le novità essenziali apportate dalla Rivoluzione - la Costituzione e lo Stato rappresentativo - tracciando i diversi sviluppi che hanno conosciuto gli Stati europei fino ai nostri giorni. Il libro si chiude con un utile quadro sinottico sulle grandi tappe del costituzionalismo.

W Montecitorio! Guida pratica ai «misteri»...

Baldelli Simone
Rubbettino - 2012

Non disponibile

10,00 €
Battaglie parlamentari su questo o quel provvedimento, voti di fiducia, decreti, mozioni, dibattiti, votazioni segrete, ostruzionismo: di tutto questo e di altro ancora, di solito, si sente parlare in tv o si legge sui giornali. In realtà pochissimi sanno cosa succede davvero nelle aule parlamentari e come funzionano i meccanismi delicati e complessi che regolano l'attività quotidiana dei nostri maltrattati organi di rappresentanza politica nazionale. In questo libro, Simone Baldelli, che da anni è tra i protagonisti dei lavori della Camera dei Deputati, prende per mano il lettore e lo introduce, con un linguaggio semplice e dinamico, che alterna spunti ironici e autoironici a momenti di seria riflessione politica ed istituzionale, all'interno dei "segreti" dell'emiciclo di Montecitorio, offrendo al pubblico un punto di vista originale ed inedito: quello di chi, giorno per giorno, quasi sempre lontano dai riflettori, svolge il compito di vicepresidente con delega all'Aula del gruppo parlamentare più numeroso dell'ultimo mezzo secolo di storia repubblicana. Prefazione di Fabrizio Cicchitto.

L'insulto del silenzio. Stato moderno come...

Rotelli Ettore
Rubbettino - 2012

Non disponibile

19,00 €
I territori dell'Europa occidentale continentale più colpiti dalla crisi economica e sociale dell'ultimo lustro, soprattutto le penisole iberica e italiana, coincidono, forse non a caso, con quelli non rappresentati alla firma della pace di Westfalia la sera del 24 ottobre 1648 a Münster. Non come altri hanno percorso, infatti, la parabola dello Stato moderno o semplicemente Stato, fatto e fenomeno di amministrazione pubblica, organizzazione e attività, civile e militare, fiscale e giudiziaria, che nei secoli XVI-XVIII si è determinato sotto legittimazioni di lunga durata. I tratti essenziali della vicenda effettiva nelle aree decisive, inglese, francese, tedesca, risultano ormai recuperati anche in Italia nei primi anni Settanta, quando certa storiografia, non solo locale, ancora convinta di una propria competenza generalista, anziché affrontare il problema, sceglie di declassare lo Stato a concetto e dichiararne la morte presunta, prima di abbandonarsi all'insulto estremo del silenzio.

Come riformare la costituzione e i diritti....

Peterlini Oskar
Prokopp & Hechensteiner - 2012

Non disponibile

82,00 €
L'autore presenta le sue riflessioni e critiche alle democrazie moderne che soffrono di una crescente distanza tra cittadino e rappresentanza politica. Costatando uno svuotamento delle prerogative del Parlamento quale rappresentanza democratica propone una serie di misure, confluite nei suoi disegni di legge e mozioni presentati al Senato della Repubblica nella XVI legislatura. I temi spaziano dalla riforma costituzionale, la legislazione elettorale e la democrazia diretta, dalla famiglia, la tutela sociale e ambientale, fino alla previdenza e al riassetto della finanza mondiale.

Rispettare la Costituzione. Parlamento,...

Dattiroli Fedele
Youcanprint - 2012

Non disponibile

18,00 €
Un libro sconvolgente. Con un linguaggio chiaro, con le parole stesse dell'Assemblea Costituente, pone interrogativi gravissimi. Una lucida messa a punto delle funzioni e disfunzioni dei tre organi primari dello Stato. Un libro utile a tutti i cittadini molto spesso raggirati, che farebbe molto bene ai politici e ai costituzionalisti, che devono disporsi a cambiare. Di uno Stato ben funzionante al servizio del Popolo sovrano c'è bisogno sempre, ma ancor più nei momenti di crisi.

Sulla rappresentanza

Brunet Pierre
Mucchi - 2012

Non disponibile

8,00 €
Il concetto di rappresentanza si situa al cuore della costruzione della nozione di Stato moderno: tutti i teorici e i filosofi dello Stato moderno hanno sviluppato una teoria della rappresentanza. Così, per Hobbes lo Stato è un organismo artificiale che non può parlare se non per il tramite dei suoi rappresentanti. Una siffatta costruzione dello Stato moderno non è tuttavia opera dei soli filosofi. Anche i giuristi vi hanno partecipato sviluppando, nell'ambito del diritto costituzionale, una dottrina sulla rappresentanza (così come essi hanno elaborato una dottrina della sovranità). Così facendo, tuttavia, essi non hanno semplicemente dato vita ad una dottrina sintetica della rappresentanza, bensì hanno costruito empiricamente una dottrina della rappresentanza in relazione a quella della sovranità...

Stato amico o nemico?

Kirchhof Paul
Pagine - 2012

Non disponibile

14,00 €
Quando si parla dello Stato come garante e oppositore della libertà, viene sollevato un tema classico delle scienze politiche e del diritto pubblico. La causa che è all'origine dell'ordinamento sociale è la guerra civile, in cui ognuno lotta contro tutti e gli individui si distruggono reciprocamente. Lo Stato sostituisce questa tendenza autodistruttiva della società con un accordo pacifico tra i cittadini. Si assume, così, e detiene da solo, il diritto di esercitare la forza, portando a compimento civiltà, famiglia, economia e legalità. La libertà, garantita in sicurezza dallo Stato, può condurre individualmente, attraverso i rischi a cui si è esposti nella vita, alla mancanza di sicurezza e di libertà. Perciò lo Stato si assume il compito di procurare, per quanto possibile, il minimo indispensabile per vivere, di garantire il diritto alla salute, una tutela in caso di disoccupazione, l'assistenza agli anziani, un'istruzione di base. Lo Stato di diritto civile diventa Stato sociale. Nell'impegno ad accompagnare l'esistenza umana e preservarla, si sviluppa uno Stato che vuole pianificare, organizzare e condurre il futuro del diritto comunitario e del singolo individuo in un sistema di tutela della pace, dell'esistenza, dei diritti umani, dell'ambiente.

Credere nei valori. Discorsi sulla Costituzione...

Scalfaro Oscar L.
Interlinea - 2012

Non disponibile

10,00 €
"Dico sempre che la costituzione chiede di es sere amata e per essere amata ha bisogno di essere conosciuta. Bisogna poter sentire che quelle parole scritte rappresentano la vita mia, delle persone che mi sono care, delle persone che mi sono contro, la vita di ciascuno". Oscar Luigi Scàlfaro ha dedicato gran parte della propria vita all'impegno politico e alla difesa di principi in cui ha fortemente creduto: tra questi i valori della costituzione, oggi spesso oggetto di polemiche, importanti soprattutto per i più giovani. È proprio a loro che si rivolge il presidente emerito della Repubblica, scomparso nel gennaio 2012, in questa raccolta di testi sull'Italia per diffondere la speranza e il coraggio di credere nel futuro.

Carta Costituzionali italiana. (Donada in Roma...

Loy G. (cur.); Murgia I. (cur.)
CUEC Editrice - 2012

Non disponibile

7,00 €
La pubblicazione è promossa dal Centro Studi Relazioni Industriali dell'università di Cagliari nell'ambito delle attività volte a promuovere lo studio e l'uso della lingua sarda.

Indipendenza e sovranità. Conversazioni sui...

Corsetti Carla
Tempesta Editore - 2012

Non disponibile

14,50 €
Questo libro vuol far conoscere il profondo significato democratico della nostra Costituzione ed illustra uno per uno i 12 articoli della Parte Prima, i Principi Fondamentali. Importante è la proposta fatta dall'autrice di un nuovo articolo 7 che dichiari che lo Stato è ateo, il Paese è laico, i cittadini sono liberi...

Una costituzione amica

Fassone Elvio
Garzanti - 2012

Non disponibile

19,60 €
L'Italia repubblicana sta attraversando uno dei momenti più diffìcili della sua storia. In questa situazione solo l'unità del paese e un forte senso di solidarietà sociale possono offrire speranza di un futuro accettabile per tutti. A infondere questa convinzione è la Costituzione, il patto su cui è fondata la nostra repubblica. Tuttavia in questi decenni la Costituzione non ha avuto vita facile. Nata in una stagione di generosi entusiasmi e alimentata dalla volontà di rompere con il passato, all'inizio apparve a molti una testa di ponte lanciata verso l'utopia: dunque per molti aspetti cruciali la sua attuazione fu assai lenta. Negli ultimi trent'anni è stata invece costantemente sotto attacco, per vari motivi: l'ansia di governabilità, le spinte federaliste o addirittura secessioniste, infine le ansie del "cittadino globale" e la debolezza degli stati di fronte a entità sovranazionali, quali la globalizzazione, la pressione della finanza e dei mercati, e la stessa Unione europea. Con competenza, lucidità e passione civile, Elvio Fassone ci trasmette il senso profondo della carta che fa di noi dei cittadini, e che per questo è definita "amica". Ne evidenzia la genesi e gli obiettivi, soppesa la validità dei suoi principi, racconta i tentativi di riforma - più o meno condivisibili - portati avanti in questi anni. Soprattutto, ci fa capire dove e come può essere aggiornata, per guidare l'Italia e gli italiani in un'epoca di grande cambiamento.

Forme di Stato e forme di governo

Amato Giuliano
Il Mulino - 2012

Non disponibile

10,00 €
Gli assetti istituzionali sono l'esito delle correlazioni tra le vicende storiche, politiche, sociali, economiche e le organizzazioni statuali. Il volume ne traccia una breve ma limpida analisi, in riferimento sia agli Stati contemporanei sia all'Unione eu

La rivoluzione promessa. Lettura della...

Pasquino Gianfranco
Mondadori Bruno - 2011

Non disponibile

15,00 €
Frutto della convergenza di formulazioni liberali, cattolico-democratiche, socialiste e comuniste, la Costituzione italiana è il documento che ha segnato l'avvento della democrazia parlamentare e repubblicana nel nostro paese. Definita da Piero Calamandrei "rivoluzione promessa" per i suoi contenuti civili e sociali in cambio di una "rivoluzione mancata' che la Resistenza non riuscì a produrre, la Costituzione ha accompagnato il consolidamento e il funzionamento della democrazia in Italia. Da più di trentanni è in corso uno sterile dibattito sulla necessità di mai meglio precisate riforme costituzionali che troppo spesso sembrano delineate per favorire gli interessi di alcuni gruppi, partiti, leader e non dei cittadini italiani. Altrettanto spesso, si ha Fimpressione che la gente comune, ma anche troppi politici e commentatori parlino di argomenti che non hanno studiato e che non conoscono a sufficienza. Questo libro propone in maniera chiara e sintetica una lettura della Costituzione come patto fra i cittadini, i rappresentanti e i governanti e come relazione equilibrata fra le istituzioni, Parlamento, Governo, Magistratura e Presidenza della Repubblica. La Costituzione italiana mantiene la sua validità e contiene anche le modalità con le quali aggiornarla, revisionarla, riformarla in maniera partecipata e democratica. Per migliorarla sarebbe indispensabile un progetto complessivo di cui la classe politica italiana non appare, al momento, capace.

Lo Stato siamo noi

Calamandrei Piero
Chiarelettere - 2011

Non disponibile

7,00 €
"Chiamare i deputati e i senatori 'rappresentanti del popolo' non vuol dire oggi quello che voleva dire in altri tempi: si dovrebbero chiamare 'impiegati del loro partito'."

Il custode. Giorgio Napolitano: dal PCI al...

Cazzato Giampiero
Castelvecchi - 2011

Non disponibile

12,50 €
Giorgio Napolitano, pur ricoprendo fedelmente il ruolo super partes che gli compete, è sempre più protagonista nella quotidiana discussione politica del Paese. E lo fa non su posizioni meramente conservatrici ma spingendo per un concreto programma di rifor

Percorsi di unità. Italia a misura di costituzione

In Dialogo - 2011

Non disponibile

12,00 €
I 150 anni dell'Unità d'Italia sollecitano una riflessione sul significato di questa storia e sull'impegno dei cattolici nello Stato unitario, guardando in particolare al valore e all'attualità della Carta Costituzionale e al senso dell'essere cittadini. Da ieri a oggi: cosa si aspettano i giovani dall'Italia? Come intendono l'unità e il pluralismo? Cosa pensano della democrazia e della Costituzione?

Il vademecum delle istituzioni. Guida alle...

Panizza Saulle
Plus - 2011

Non disponibile

10,00 €
Qual è il principale obiettivo di questo volume? Rendere la conoscenza delle Istituzioni repubblicane chiara e comprensibile a tutti. Gli autori, per raggiungere questo obiettivo, utilizzano uno stile agile e al tempo stesso rigoroso, studiato appositament

Ri-costituente, la Costituzione italiana...

Capo Daniele
Ghaleb - 2011

Non disponibile

10,00 €
Il bene della democrazia non è dato una volta per tutte, va rinnovato e alimentato non solo nelle istituzioni, ma anche nella pratica quotidiana di ciascuno di noi. Rileggere la Carta in modo nuovo, con la freschezza e la leggerezza dei disegni di Daniele Capo.

I poteri dello Stato e la Costituzione

Almerighi M. (cur.); Manna A. (cur.)
Aracne - 2011

Non disponibile

12,00 €
Il volume contiene gli atti del Convegno dal titolo "I poteri dello Stato e la Costituzione" tenutosi in Roma il 14 maggio 2010, in ricordo del prof. Giuliano Vassalli. I rapporti tra i poteri dello Stato, prefigurati dal costituente su un piano di equilibrio, sono invece da tempo caratterizzati da un notevole stato di fibrillazione. Questa è la ragione ispiratrice del convegno stesso, ove si è ritenuto di analizzare la tematica in oggetto secondo diversi angoli visuali, ovverosia il diritto dell'Unione europea, il diritto costituzionale, il diritto e il processo penale. Particolare attenzione ha meritato la tematica dell'autonomia e l'indipendenza della magistratura. Anche gli interventi programmati si sono mossi su analoga falsariga, sia con riferimento alle riforme del processo penale, sia con riguardo ai profili attinenti al diritto comunitario. Da ultimo, la tavola rotonda, magistralmente diretta dal presidente della I Commissione Affari costituzionali della Camera dei deputati, ha visto intrecciarsi i punti di vista di docenti, magistrati, avvocati e di coloro che hanno rivestito un ruolo importante nel Consiglio Superiore della Magistratura.

Chi comanda qui? Come e perché si è smarrito il...

Bertinotti Fausto
Mondadori - 2010

Non disponibile

18,00 €
Nella primavera del 1945 l'Europa, benché sconvolta dall'immane catastrofe del secondo conflitto mondiale, si sente rinata. Rinata perché la guerra è finita e perché è reduce dalla vittoria contro un nemico dell'intero genere umano: il nazifascismo. In Italia e in Francia tale successo è stato ottenuto anche grazie all'azione e al sacrificio delle donne e degli uomini che hanno dato vita alla Resistenza, ed è proprio in questi due paesi che si sviluppa con maggior vigore lo spirito costituente, cioè la volontà del popolo di stabilire regole di convivenza civile e un assetto istituzionale che scongiurino per sempre il ritorno agli orrori del recente passato. Fausto Bertinotti ricostruisce la genesi della nostra Carta repubblicana e il ruolo che ha avuto nei "trent'anni gloriosi" seguiti alla promulgazione. Alla luce di alcuni suoi articoli, essa appare agli occhi dell'autore come uno dei punti più alti del diritto costituzionale di tutti i tempi, poiché il suo destinatario non è più il cittadino indifferenziato, reso tale dalla legge, ma la persona così come storicamente si è andata definendo attraverso il suo lavoro, cioè la lavoratrice e il lavoratore in carne e ossa. Oggi le Costituzioni democratiche europee sono seriamente minacciate dalla "globalizzazione" e si registrano forti pressioni affinché vengano progressivamente sostituite da costituzioni materiali, che non sono frutto di assemblee costituenti ma di processi reali, le cui finalità spesso non sono neppure dichiarate.

Lo Stato costituzionale. La dimensione...

Caretti P. (cur.); Grisolia C. (cur.)
Il Mulino - 2010

Non disponibile

58,00 €
I saggi qui raccolti affrontano una serie di temi legati alla nascita e allo sviluppo dello Stato costituzionale, inteso come il prodotto più avanzato del costituzionalismo moderno. A questo filone di studi, Enzo Cheli ha dedicato gran parte del proprio impegno di ricerca nel corso della sua carriera scientifica e nello svolgimento dei numerosi e prestigiosi incarichi istituzionali da lui ricoperti. Gli autori intendono così esprimere la loro riconoscenza nei confronti di uno studioso di altissimo livello, da cui hanno raccolto spunti e suggerimenti fondamentali.

La garanzia della costituzione. Chi custodisce...

Bindi Elena
Giappichelli - 2010

Non disponibile

15,00 €
Senza una Corte costituzionale, a cosa si ridurrebbe la Costituzione? Senza un contropotere alla potenza del numero, cosa rimarrebbe del patto fondante la Repubblica? Senza un custode che garantisca il rispetto delle regole del gioco e assicuri la tutela dei diritti, quali sarebbero i contrappesi alla forza della maggioranza, legittimata dal voto popolare? Ma se il garante della Costituzione deve essere esterno ai poteri democraticamente legittimari, su cosa fonda la propria legittimazione? Infine, se è il custode che non rispetta le regole del gioco, chi custodisce il custode? Per dare risposta a queste domande, il libro racconta una breve storia di quello che l'organo di giustizia costituzionale ha rappresentato nel quadro istituzionale dell'Italia repubblicana in più di cinquanta anni di attività, attraverso un excursus giurisprudenziale che si articola in alcuni snodi fondamentali quali il rapporto tra Corte e magistratura e tra Corte e Parlamento, il ruolo della Corte nella veste di arbitro dei conflitti di attribuzione e il dialogo con le Corti dell'integrazione europea.

La costituzione francese tra continuità e...

Biagi Roberta
Giappichelli - 2010

Non disponibile

16,00 €
Il volume analizza alcuni aspetti particolari della Costituzione francese della V Repubblica, come modificata dalla riforma Sarkozy del 2008, per mettere in rilievo come proprio quelle che, nella formulazione originaria, erano state considerate le sue "anomalie", il Senato ed il Consiglio costituzionale, istituti ideati per appoggiare l'Esecutivo contro l'Assemblea nazionale, oggi al contrario rappresentino, in una forma di governo sempre più orientata verso il presidenzialismo, due imprescindibili garanzie di democraticità del sistema.

Costituenti ombra. Altri luoghi e altre figure...

Buratti A. (cur.); Fioravanti M. (cur.)
Carocci - 2010

Non disponibile

45,00 €
Trentotto saggi dedicati ad altrettanti "costituenti ombra": persone, città, riviste, editori, giornali, università, istituzioni, partiti che animarono il panorama culturale italiano negli anni della Costituente e che con essa dialogarono e si confrontarono. Un variegato mosaico di "figure" e "luoghi" che furono tra i protagonisti della rinascita della vita culturale, attraverso iniziative e proposte di trasformazione istituzionale e sociale ispirate al rinnovamento radicale e alla prosecuzione dello spirito della Resistenza. Tenute ai margini dei lavori costituenti dai grandi partiti di massa e trascurate nella riflessione storiografica, queste visioni minoritarie e alternative avrebbero continuato ad influire "nell'ombra" sulla cultura politica repubblicana, rappresentando altrettante direttrici di lotta e di interpretazione costituzionale.