Battaglie e campagne

Filtri attivi

Le battaglie che cambiarono il mondo

Masini Sergio
Rusconi Libri 2019

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
Questo volume illustra come si sono svolte, e con quali conseguenze nella cultura delle nazioni, le principali battaglie della storia dell'umanità, analizzandone il retroterra culturale, filosofico e religioso, gli strumenti, le forze in campo, le cause e gli effetti politici, sociali ed economici. Da Maratona a Waterloo, da Canne a Lepanto, da Sedan fino alla Guerra del Golfo: attraverso alcune delle grandi battaglie che hanno sensibilmente modificato il corso della storia, gli autori delineano lo scenario che ha definito gli assetti politici e le concezioni strategiche e tecniche valide sino ad oggi. Oltre alla descrizione dei singoli eventi, il testo è corredato da importanti note storiche e bibliografiche e di accenni di come tale battaglia è stata trattata nella letteratura, nell'arte, nel cinema.

Le grandi battaglie della seconda...

Rasolo Giuseppe
Newton Compton

Disponibile in libreria  
STORIA CONTEMPORANEA

12,90 €
Le strategie, le armi e i protagonisti del conflitto che ha cambiato l'assetto del mondo. La seconda guerra mondiale rappresenta senza ombra di dubbio lo spartiacque della storia del Novecento, un evento unico per la ferocia dei combattimenti e il numero di persone coinvolte. Il crudele bilancio finale parlerà di sessanta milioni di morti in uno scontro che, sui diversi fronti, non è stato solo una contrapposizione di eserciti, ma una lotta per la supremazia economica e militare, una sfida tra i totalitarismi e i nazionalismi da una parte e il mondo democratico dall'altra. Questo libro vuole ripercorrere le battaglie che ne hanno determinato l'esito, dal primo scontro in Polonia fino al suo epilogo a Berlino, in un'innovativa prospettiva comparativa. I teatri operativi qui descritti sono molteplici: si va dalla Guerra-lampo al Fronte orientale, dalla Campagna d'Africa al Fronte italiano, da quello occidentale al Pacifico, oltre alle battaglie che videro protagonisti in prima persona gli italiani e alla caduta finale del Reich. Un lavoro esauriente, indispensabile per chi vuole disporre di un compendio completo, ma anche un testo stimolante per chi si avvicina per la prima volta alla storia del nostro recente passato.

Ordine di Kesslring: Arretrare...

Moncada Raffaele
Ugo Mursia Editore

Disponibile in libreria  
STORIA CONTEMPORANEA

19,00 €
Le decisioni operative della Campagna d'Italia nella primavera del 1944; le scelte degli Alleati e la strategia di Kesselring; le descrizioni dei combattimenti da cui emergono i diversi stili di guerra: la flessibilità tattica e la relativa autonomia decisionale dei comandanti tedeschi; l'attitudine americana a evitare il sacrificio degli uomini e, da un altro lato ancora, la determinazione dei francesi e il grande tributo di vite degli ufficiali, alla guida di truppe prevalentemente coloniali. Una storia di uomini e a volte di drammi personali, con lo sguardo rivolto ai combattenti di entrambi gli schieramenti.

1859. Palestro, Magenta, Melegnano,...

Palmisano Vitantonio
Gemini Grafica 2019

Disponibile in 3 giorni

14,90 €
La Campagna militare del 1859 riguarda una pagina decisiva del Risorgimento nazionale italiano, ed è trattata in questo testo descrivendo ancorché sinteticamente tutti gli avvenimenti più importanti della guerra. Il testo scorre attraverso i luoghi e le date più significative: Montebello (20 maggio 1859), Palestro, Vinzaglio e Confienza (30 maggio 1859), Magenta (4 giugno 1859), Melegnano (8 giugno 1859), San Martino e Solferino (24 giugno 1859).

La guerra di Roma. Storia di...

Tomassini Stefano
Il Saggiatore 2018

Disponibile in 3 giorni

32,00 €
Il Regno d'Italia cinge Roma d'assedio. La attornia, la scruta dai campi al confine, entra di soppiatto con gli occhi delle spie, si sporge con cautela dalle feritoie, la reclama con furia dalle pagine dei giornali, la pretende in Parlamento. Corre l'anno 1862, l'unità nazionale è ormai compiuta, eppure Roma, il centro del mondo, continua a sfuggire e a resistere sotto il trono papale e la mal sopportata protezione dei francesi. Il neonato governo italiano cerca di scardinarne le difese con la politica, mentre Garibaldi raduna in Sicilia una schiera di volontari per muovere bellicosamente verso la predestinata capitale, prima di essere fermato dal regio esercito sull'Aspromonte. Cinque anni dopo, l'eroe dei due mondi viene sconfitto dalle truppe pontificie sostenute dai francesi nella battaglia di Mentana e a Roma fallisce l'insurrezione. Ogni tentativo di conquista si infrange contro la barriera invisibile che sembra avvolgere la città e imprigionarla in un'assenza dal mondo e dal tempo. Eppure la percezione è che l'urbe possa da un momento all'altro crollare. Vittorio Emanuele II e Napoleone III, Pio IX e Francesco II, Mazzini e Garibaldi, il cardinale Antonelli e monsignor de Mérode, Ricasoli e Rattazzi. Governi sorti e caduti in pochi mesi, briganti, tradimenti, attentati, manovre segrete. Astuti triangoli politici e fini giochi di potere. Bombe e petardi. Molti carcerati, anche, e morti ammazzati. Nella Guerra di Roma Stefano Tomassini mette in scena una storia appassionante: la ricostruzione - compiuta attraverso una straordinaria messe di documenti - dei dieci anni che hanno portato alla breccia di Porta Pia e alla presa di Roma. Alla fine del Risorgimento e al principio della nostra storia contemporanea.

L'ultima vittoria di Hitler. Arnhem...

Beevor Antony
Rizzoli 2018

Disponibile in 3 giorni  
FASCISMO E NAZISMO

34,00 €
Nel settembre del 1944 l'esercito del Terzo Reich sta lentamente arretrando verso la Germania, mentre gli Alleati avanzano in Belgio puntando ai Paesi Bassi. Intanto, sul fronte orientale, anche l'Armata rossa mette pressione ai generali tedeschi, ormai in balia di Hitler sempre più ansioso e delirante. Per il feldmaresciallo britannico Bernard Montgomery è l'occasione perfetta: vuole mettersi al comando delle operazioni alleate nel continente, una risposta alla nomina - a suo parere ingiusta - di Dwight Eisenhower come comandante supremo. "Monty" sostiene con vigore un piano a dir poco ambizioso: l'operazione Market Garden, con la quale prendere il controllo dei ponti che attraversano il basso Reno e sfondare in territorio nemico. Una prima ondata di truppe paracadutate oltre le linee tedesche aprirà la strada all'avanzata trionfale della fanteria. Ma gli alti ufficiali stanno dimenticando una massima fondamentale della strategia militare: nessun piano sopravvive intatto all'incontro con il nemico. Troppe cose devono andare lisce perché l'operazione riesca. Quel piano avventato si tradurrà in un disastro costato la vita a migliaia di soldati, costretti a giorni di scontri incessanti circondati dai nemici, fino alla tragica e disperata ritirata. Ma il prezzo più alto lo pagheranno i civili olandesi, schierati da subito al fianco dei liberatori e presto schiacciati dalla terribile rappresaglia nazista. Antony Beevor, utilizzando fonti inedite o trascurate, conduce il lettore nel cuore degli scontri, mostrandoci la terribile realtà dei combattimenti che il generale tedesco Kurt Student definì «l'ultima vittoria tedesca».

Kursk 1943

Forczyc Robert
Libreria Editrice Goriziana 2018

Disponibile in 3 giorni

24,00 €
Nell'estate del 1943, in ritirata dopo la sconfitta a Stalingrado, Hitler scelse di mettere in atto una circoscritta offensiva per eliminare il controllo sovietico sul saliente di Kursk. Nel corso di un classico attacco a tenaglia sul modello del successo ottenuto nella campagna di Kharkov del 1942, l'obiettivo era infliggere all'Armata Rossa perdite che consentissero alla Wehrmacht tempo a sufficienza per recuperare le forze. Ma la pronta reazione sovietica condusse a perdite elevatissime per ambo le parti, grazie alle mine anticarro russe e a un fiero combattimento che portò a liberare Orel dai tedeschi. Il testo riunisce i due studi Osprey sull'argomento, il primo dei guali affronta prima l'azione sul fronte settentrionale tra il 5 luglio e il 18 agosto, con lo scontro fra il generale Model e il generale Rokossovsky, mentre il secondo esamina l'azione a meridione e la battaglia di Prochorovka, tra le più sanguinose della Seconda guerra mondiale. Fonti documentarie riguardanti entrambi gli avversari, fotografie d'epoca e contemporanee, mappe accurate e illustrazioni accompagnano una narrazione esaustiva e precisa, in grado di rendere chiara e appassionante una fase decisiva per l'esito della guerra.

Le ali dell'Ibis. La missione...

Adami Gianni
Itinera Progetti 2018

Disponibile in 3 giorni

21,00 €
La Missione Ibis prende il via nel dicembre del 1992 e si presenta fin dall'inizio come missione dura, in un ambiente ostile per le avverse condizioni climatiche e con una logistica resa problematica dalle enormi distanze e ancor più dalla esiguità dei mezzi a disposizione. Il rapporto umano che si venne a creare fra gli uomini impegnati nella missione, sotto il sole dell'equatore, mangiando poco e male, in precarie condizioni igieniche e nel rischio quotidiano della vita, ha quindi qualcosa di particolare e unico. Sono queste le premesse che fanno da sfondo alla puntuale narrazioni degli eventi che si svolsero in Somalia e che ebbero il loro apice, il 2 luglio 1993, nello scontro a fuoco di check point "Pasta" nel quale l'autore, a bordo del suo A-129 Mangusta, ebbe un ruolo di primo piano. Un vero reportage di guerra quindi che, per la prima volta, espone il punto di vista italiano sull'operazione Restore Hope, culminata nella battaglia di Mogadiscio, e resa celebre dal saggio storico di Mark Bowden Black Hawk Down, da cui è tratto l'omonimo film.

Due gentiluomini. Oceano Pacifico...

Alfano Massimo
Pathos Edizioni 2018

Disponibile in 3 giorni

28,00 €
Secondo capitolo della trilogia iniziata con "La cannoniera e l'ammiraglio". Due gentiluomini di mare condussero le loro squadre navali a battersi, come i cavalieri medioevali si misuravano in abilità e coraggio nei tornei. Sir Christopher Cradock innalzava i limiti della perfezione formale ed era appassionato interprete della più nobile tradizione navale inglese. Maximilian von Spee univa alla limpidezza di un pensiero kantiano una modernità di approccio ai problemi e una temperanza umana che lo proiettavano nel futuro. La guerra li sorprese, senza riuscire a renderli altro che avversari, concorrenti per qualcosa di astratto chiamato vittoria. Si batterono il primo novembre 1914.

Lo sbarco in Normandia

Wieviorka Olivier
Il Mulino 2018

Disponibile in 3 giorni  
STORIA CONTEMPORANEA

15,00 €
Per le difficoltà superate e la complessità e la dimensione dello sforzo "Operazione Overlord", cioè lo sbarco in Normandia, è obiettivamente la più colossale delle imprese condotte nella seconda guerra mondiale. Ed è entrata rapidamente nel mito popolare della guerra, anche grazie al cinema, da "Il giorno più lungo" a "Salvate il soldato Ryan". Ora in questo libro, Wieviorka racconta il D-Day depurandolo dell'alone leggendario che l'ha trasformato in scontro fra bene e male, per recuperare la storia concreta di un'operazione militare, con tutte le differenze di vedute fra i comandi alleati, la penuria di materiali, gli errori tattici, le difficoltà psicologiche dei combattenti, le violenze ai civili, ma anche i dissensi politici di cui si compose. "Overlord" fu un successo che aprì la strada alla liberazione della Francia e alla vittoria finale della guerra in Europa, ma l'esito non era scontato.

Massacri e cultura. Le battaglie...

Hanson Victor Davis
Mondadori 2017

Disponibile in 3 giorni

19,00 €
La supremazia dell'Occidente è ormai da secoli un fatto indiscutibile. Ma a cosa è dovuta? Nel tempo sono stati evocati diversi fattori: razziali, tecnologici, di organizzazione economica, politica, morale... Hanson mette insieme tutto questo ma offre anche una sua provocatoria spiegazione: gli occidentali hanno vinto perché sono più bravi a uccidere. Focalizzandosi sull'aspetto militare della civiltà occidentale, Hanson vede nella guerra un momento privilegiato per studiare il carattere di una società. E se un ruolo importante nel costruire la supremazia bellica dell'Occidente lo hanno certo giocato le tecnologie più avanzate e le tattiche più efficaci, ¡1 fattore cruciale è stato di natura culturale: gli eserciti delle «democrazie in armi», basati su disciplina e organizzazione, ma anche sulla libertà individuale del cittadino, sulla discussione e sull'inventiva, si sono rivelati più efficaci anche contro armate imponenti di semplici «sudditi» come è accaduto per gli antichi Greci contro gli Imperi orientali. Per indagare le ragioni e i modi di questa millenaria vicenda, Hanson racconta con verve nove celebri battaglie, ciascuna esemplificativa di un particolare aspetto della «guerra occidentale», da quella di Salamina nel 480 a.C. all'offensiva del Tet nel 1968, passando per la conquista del Messico da parte di Cortes e le Midway, fino a giungere ai giorni nostri e a gettare uno sguardo sul nostro futuro.

Le cento battaglie che hanno...

Davis Paul K.
Newton Compton 2017

Disponibile in 3 giorni  
MANUALI STORIA

12,00 €
Le cento battaglie che hanno avuto un ruolo chiave nella storia. Cosa sarebbe successo se nel 546 a.C. Ciro non avesse sconfitto i Lidi a Sardi, dando vita all'impero persiano? Se nel 1066 a Hastings, nella battaglia che segnò l'inizio del regno normanno in Inghilterra, avessero invece vinto i Sassoni? Se nel 1532 gli Spagnoli fossero stati sconfitti dagli Inca a Cajamarca? Se in Normandia le truppe alleate fossero state respinte dall'esercito tedesco? Non c'è dubbio: il mondo sarebbe oggi molto diverso. Questo libro seleziona cento battaglie - da quella di Megiddo, che nel 1479 a.C. consolidò il dominio egiziano in Palestina, al Desert Storm contro l'Iraq di Saddam Hussein - che hanno avuto un ruolo chiave nella storia. Sono state scelte in base ai cambiamenti politici o sociali che hanno determinato o perché hanno rappresentato un punto di svolta nella tecnica bellica. Di ogni battaglia vengono descritti il contesto storico, il luogo, le forze in campo, lo svolgimento e le perdite subite dai contendenti, analizzando inoltre l'influenza che essa ha avuto e in che modo ha cambiato il corso della storia. Mappe e bibliografie corredano i singoli episodi.

Ponte Milvio 312 d.C. La battaglia...

Cowan Ross
Libreria Editrice Goriziana 2017

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
L'Impero romano all'inizio del quarto secolo dopo Cristo è stato appena salvato dalle energiche riforme di Diocleziano, che con le sue decise azioni mise fine all'anarchia militare protrattasi per lunghi decenni. Tuttavia, il sistema della tetrarchia, ideato per rinnovare l'architettura istituzionale dell'Impero, si rivela da subito fragile: è in questo contesto che si colloca l'ardua ascesa al potere di Costantino, figlio dell'augusto Costanzo. In uno scenario tortuoso e ricco di colpi di scena, numerosi rivali incrociano le loro ambizioni in alleanze e contrasti repentini: oltre a Costantino, Galerio, Massimino Daia, Licinio, Massimiano e Massenzio. Questo libro è incentrato proprio sul contrasto tra Costantino e Massenzio, che signoreggiava sull'Italia e l'Africa. La posta in gioco per i due rivali era la più significativa per l'Occidente e per tutto l'Impero: Roma, l'antica capitale, dove Massenzio si era asserragliato dopo aver rinnovato e ampliato le fortificazioni cittadine. In una veloce campagna, Costantino passò dalla Gallia al Nord Italia: presi i maggiori centri urbani da Torino ad Aquileia, discese verso l'Urbe; alle sue porte, presso il Ponte Milvio, si sarebbe svolta la battaglia determinante per le sorti imperiali. Non si trattava solo di politica: anche la religione giocò un ruolo determinante. Si trattasse di fede o di propaganda, Costantino si dichiarò destinatario di un messaggio di Cristo, che gli ordinò di adottare come vessillo il suo monogramma. Con la successiva vittoria, il suo percorso verso il trono era destinato a intrecciarsi sempre più con il cristianesimo, mentre allo sconfitto Massenzio sarebbe spettata la damnatio memoriae. Tutti questi aspetti sono trattati con lucida completezza nelle pagine del libro, che non trascura gli elementi legati al rinnovamento dell'esercito romano, molto mutato rispetto ai secoli precedenti. Tattica, strategia e armamenti sono analizzati ed esposti con l'ausilio di immagini, fotografie e mappe: la battaglia, breve ma di notevole intensità, è così restituita compiutamente all'attenzione dei lettori, che potranno conoscere nel dettaglio questo momento essenziale per la storia di Costantino e dell'Impero romano.

Soldato Salza Renato l'eroismo e...

Raviglione Anna
Tra le righe libri 2017

Disponibile in 3 giorni

14,00 €
Partito per il fronte greco-albanese nel 1941 e poi nel 1942 per la Russia il protagonista di questa storia rappresenta la dolorosa esperienza di un sopravvissuto a due campagne e anni di prigionia. Renato Salza era un soldato della divisione "Sforzesca" richiamato il 20 gennaio del 1941 nel 53° reggimento di fanteria "Umbria". Il reggimento raggiunse il fronte greco-albanese partecipando ai combattimenti di Mali Scindeli, Mali Trebescines, Klisura. Il 9 aprile dopo quarantadue giorni di linea, il plotone di Salza venne finalmente posto a riposo e spostato nelle retrovie a Cascisti. Di 180 uomini erano rimasti solamente in 38. A luglio, dopo le ultime operazioni, l'unità rientrò a Biella. Il 26 giugno del 1942 Salza partì per la Campagna di Russia inquadrato nell'ARMIR. A Natale dopo la ritirata della "Sforzesca", il soldato, con altri compagni, venne catturato e internato nel campo di concentramento 54/4 di Kamenka dal quale rientrerà solamente nel 1948.

Ascoli e Roma. Due guerre...

Balena Primo
Capponi Editore 2017

Disponibile in 3 giorni

25,00 €
Nell'Antichità Roma e Ascoli si incontrarono più volte, prima come alleate, poi come antagoniste. Nel 268 a.C. Ascoli dovette difendersi da un'aggressione scatenata dai Romani per volontà di conquista. Dal sanguinoso conflitto il Piceno uscì ridimensionato nel territorio, ma conservò l'indipendenza e la sovranità, seppure in condizione di alleanza subordinata. In seguito i popoli italici si ribellarono a Roma, che negava loro ostinatamente il riconoscimento della parità dei diritti politici; tale rivolta armata, detta "guerra sociale", ebbe inizio proprio ad Ascoli. Dal conflitto l'Urbe uscì vincente, ma solo perché si decise a riconoscere quei diritti che aveva sempre negato agli Italici. Ascoli fu duramente punita, ma nel corso della guerra gli Ascolani videro più di una volta la schiera dei legionari di Roma in fuga precipitosa. Gli storici moderni tendono spesso ad ignorare questa che in verità fu la prima guerra combattuta da Italiani uniti in difesa del nome sacro d'Italia. Conservare la memoria di questi fatti, testimonianza evidente dell'autentica grandezza del nostro popolo, è la ragion d'essere di questo lavoro.

Le grandi battaglie della storia....

Ordas Patrice
Editoriale Cosmo 2017

Disponibile in 3 giorni

4,90 €
Napoleone è costretto dal grande incendio di Mosca a lasciare il Cremlino e, per salvare i suoi uomini, ordina la ritirata. Non sarà così facile, però, attraversare la Beresina. Tanto più che il suo sosia, Pantaleone Simeoni, viene prima ferito e poi rapito dai briganti. Sarà il temerario tenente Martel, un veterano realista ora al servizio dell'impero, a dover liberare il malcapitato prima che si trasformi in un arma politica contro il valoroso comandante corso.

Superare Caporetto. L'esercito e...

Gorgolini L.
Unicopli 2017

Disponibile in 3 giorni

25,00 €
La sconfitta di Caporetto fu un momento di cesura importante, per molti versi di svolta, nella storia della Grande Guerra condotta dall'Italia. Quanto accadde nei giorni e nelle settimane successive alla notte tra il 23 e il 24 ottobre 1917 ebbe effetti dirompenti non solo sul piano strettamente militare e strategico, ma anche sul versante del fronte interno, della sua mobilitazione, della storia politica del primo conflitto mondiale: l'occupazione dei territori invasi determinò l'odissea di migliaia di civili profughi costretti ad abbandonare le proprie case; il controllo statale sull'economia e sulla società conobbe un'ulteriore estensione; il problema del consenso all'interno della popolazione e tra le fila dei soldati venne posto al centro della riflessione dei rinnovati vertici dell'esecutivo nazionale e dello Stato Maggiore dell'esercito; sul piano delle forze armate la sua riorganizzazione venne realizzata tentando di superare il precedente modello coercitivo, e si passò da una strategia bellica offensiva ad una difensiva. Il libro intende offrire uno sguardo ampio e inedito sugli effetti che quella sconfitta ebbe non solo sull'esercito e sul corso della guerra nazionale.

Inferno su Malta. La più lunga...

Malizia Nicola
Ugo Mursia Editore 2016

Disponibile in 3 giorni

23,00 €
L'isola di Malta, punto strategico e importante crocevia nel Mediterraneo, dopo il lungo assedio subito nel XVI secolo da parte dell'impero ottomano, ne ha affrontato un altro ben più drammatico durante la Seconda guerra mondiale: tra il 1940 e il 1943 è stata bersaglio di un attacco durissimo della Regia Aeronautica, con rinforzi quasi immediati della Luftwaffe. Nei suoi cieli e nei suoi mari si combatté un'interminabile battaglia e l'isola dovette fare appello a tutte le sue forze per resistere all'assedio italo-tedesco e uscirne vittoriosa nonostante l'evidente disparità numerica. L'urlo delle sirene d'allarme, il ruggito dei motori nell'aria, fra caccia in attacco e in difesa, accompagnati dal boato di centinaia di bombe, delineano uno scenario di morte e distruzione che è stato realtà quotidiana per gli abitanti dell'isola e per i belligeranti. Sotto forma di diario di guerra, gli scontri nei cieli di Malta e la tenace difesa svolta dai suoi abitanti. Un racconto preciso e puntuale da cui emergono, con la passione di chi vi ha partecipato in prima persona, l'eroismo dei combattenti e l'alto prezzo pagato in termini di vite umane e di devastazione dell'isola intera.

Le campagne di Napoleone in Italia

Haythornthwaite Philip
Libreria Editrice Goriziana 2016

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
Nel gennaio 1794 l'Armata d'Italia francese, in condizioni di crescente precarietà, era guidata dal generale Dumerbion: tra i suoi collaboratori più fidati c'era un comandante d'artiglieria di venticinque anni che si era già saputo mettere in luce, Napoleone Bonaparte. La rivoluzione francese aveva portato cambiamenti notevoli nel sistema militare: primo fra tutti, la coscrizione che diede l'avvio al formarsi di un esercito nazionale. L'utilizzo di nuove tattiche e alcune notevoli iniziative consentirono al brillante ufficiale Bonaparte di farsi strada rapidamente e avanzare di grado. Nel 1796 il giovane corso era al comando delle forze francesi in Italia e, alla conclusione di una campagna di quattordici mesi, era la personalità militare più influente della sua epoca. Gli scontri dei francesi contro le forze austriache e degli Stati italiani sono ripercorsi in una narrazione accurata: il ponte di Lodi, l'assedio di Mantova, Rivoli, Arcole e tutte le battaglie della campagna sono ricostruite accuratamente anche grazie a mappe e illustrazioni. Specifiche tavole a colori sono dedicate ad esaminare in dettaglio le uniformi dei soldati. Un momento cruciale della storia d'Europa e del cammino di Napoleone verso la gloria in un racconto avvincente e ricco di dettagli.

La cannoniera e l'ammiraglio....

Alfano Massimo
Pathos Edizioni 2016

Disponibile in 3 giorni

24,00 €
1914, Oceano Pacifico. Arcipelago francese delle Isole della Società. Tahiti. L'ammiraglio Maximilian von Spee attacca l'isola con la sua potente squadra navale. Il tenente di vascello Maxime Destremau la difende con ben poco oltre la propria determinazione. Il governatore di Tahiti vuole arrendersi e consegnare l'isola ai tedeschi. Quando il potere politico si muove contro il bene del paese è lecito opporsi e agire contro le sue direttive?

Vienna 1683. L'Europa cristiana...

Millar Simon
Libreria Editrice Goriziana 2013

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
Alla fine dell'estate del 1683 il sultano Maometto IV decide di dare l'assalto a Vienna, capitale del Sacro Romano Impero. Non è il primo assedio ottomano alla città: già 154 anni prima il sultano Solimano il Magnifico e i suoi 120.000 uomini avevano attaccato la città, ma non erano riusciti nel loro intento. Nel settembre del 1683 le schiere islamiche ritornano sotto le mura di Vienna e conquistano subito le fortificazioni esterne. Il 12 settembre Jan III Sobieski e Carlo Sixte di Lorena, alla testa di un esercito cristiano di liberazione, affrontano gli Ottomani sui monti di Kahlenberg e li sconfiggono in una drammatica battaglia. Questo libro racconta i particolari della campagna che segnò l'inizio della decadenza ottomana nell'Europa.

La battaglia di Azio. 31 a. C. La...

Sheppard Si
Libreria Editrice Goriziana 2013

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
Nel 32 a.C., la Repubblica precipitò nella guerra civile tra le forze di Ottaviano a Occidente e gli amanti Cleopatra e Antonio a Oriente. Nelle acque che bagnano la colonia romana di Azio, in Grecia, avvenne un sanguinoso e decisivo scontro tra le flotte, in cui le leggere e agili navi di Ottaviano sconfissero le pesanti imbarcazioni di Antonio. Poco dopo la disfatta i due amanti si uccisero, e Ottaviano si dichiarò imperatore di Roma. Immortalata nell'arte di tutti i tempi, quella di Azio è una delle battaglie navali più famose e importanti del mondo antico, che sigillò la secolare esperienza della Repubblica romana.

La battaglia di Borodino. 1812. Il...

Haythornthwaite Philip
Libreria Editrice Goriziana 2013

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
Nella battaglia di Borodino, la più importante che si svolse durante l'invasione della Russia da parte di Napoleone nel 1812, l'imponente Grande Armée dell'imperatore, formata da soldati di numerosi Stati entrati nella sfera d'influenza francese, fronteggiò un tenace esercito russo agli ordini del maresciallo Kutuzov. Dopo una sanguinosa serie di attacchi frontali e di disperati contrattacchi, i due schieramenti si annientarono a vicenda, ma Napoleone non cedette terreno e marciò su Mosca, da dove sarebbe iniziata la tragica ritirata verso la salvezza. Questo libro abbraccia la campagna del 1812 nella sua interezza, dall'ingresso dell'esercito francese in territorio russo, in giugno, fino al suo ripiegamento, sotto le incessanti molestie delle truppe nemiche lungo il percorso oltre la Vistola; la battaglia di Borodino è il punto su cui s'incentra tutta la narrazione.

La battaglia di Maratona

Krentz Peter
Il Mulino 2013

Disponibile in 3 giorni

14,00 €
La battaglia di Maratona, una delle battaglie più famose della storia, fu combattuta e vinta nel settembre del 490 a.C. dagli ateniesi contro il potentissimo esercito persiano su una piana costiera a una quarantina di chilometri da Atene. L'episodio, riferito da Erodoto, è stato sempre un rompicapo per gli storici dell'antichità. Come è possibile che gli ateniesi uscissero vincitori da uno scontro così impari? Come è possibile, ad esempio, che essi andassero all'assalto dei persiani correndo, armati, per un chilometro e mezzo, come racconta Erodoto? Krentz ricostruisce pazientemente lo stato originario del luogo dello scontro, la dislocazione degli eserciti, gli armamenti (persino il loro peso), le tattiche, giungendo a quella che si può considerare la più documentata e dettagliata descrizione della battaglia che, ponendo fine all'invincibilità persiana, costituì un punto di svolta decisivo nella storia della Grecia e, alla lunga, dello stesso Occidente.

La battaglia di El Alamein

Di Giusto Piero
Biblioteca dell'Immagine 2011

Disponibile in 3 giorni

12,00 €
Questo libro narra la grande storia attraverso l'esperienza di una persona comune, di un soldato che combattè al fronte, nella battaglia di El Alamein, una tra le più note e raccontate del secondo conflitto mondiale. In queste pagine vivono i ricordi di Piero Di Giusto, classe 1918, pordenonese, uno degli ultimi superstiti protagonisti dell'epopea dei "Ragazzi della Folgore", celebrata largamente nell'epica nazionale. Una narrazione senza enfasi del vivere quotidiano di chi si trovò, senza averlo chiesto, al centro della scena, fianco a fianco con gli attori principali di un capitolo tra i più drammatici nella storia dell'umanità. Diciassettemila italiani, tredicimilacinquecento inglesi e novemila tedeschi morirono in quella battaglia.

«Aggredisci e vincerai». Storia...

Loi Salvatore
Ugo Mursia Editore 2008

Disponibile in 3 giorni

17,00 €
Nell'aprile del 1943, il fronte d'Africa si è ormai ristretto alla Tunisia e degli entusiasmi che hanno accompagnato le imprese di Rommel attraverso la Marmarica, rimane soltanto il ricordo. In quei giorni, a Takrouna, la "Trieste" è impegnata nella sua ultima, eroica battaglia nel disperato tentativo di arginare l'avanzata dell'8ª armata britannica. Si conclude così la sua storia gloriosa, iniziata sul fronte occidentale contro la Francia nel 1940 e proseguita l'anno successivo in Africa settentrionale dove combatte, da Tobruk a El Alamein, in coordinamento con l'Afrikakorps di Rommel e nella successiva ritirata verso il confine tunisino. Prima della resa di Capo Bon del 13 maggio 1943, la 101ª divisione motorizzata "Trieste" viene sciolta ufficialmente. Nel dopoguerra le tradizioni legate al suo nome sono ereditate da altri reparti dell'esercito italiano.

Memoria

Nachtwey James
Contrasto

Non disponibile

65,00 €

La battaglia del Montello e la...

Tessari R.
Gaspari 2019

Non disponibile

29,00 €
Il "Carso verde" con le doline e i boschi è il luogo dove avvennero le battaglie d'arresto del novembre 1917, la battaglia del Solstizio nel giugno 1918 e la battaglia finale nell'ottobre 1918. Ma è anche il luogo di Baracca, delle imprese degli Arditi, di Comisso, Marinetti, Triska e di E. A. Mario che nella notte sul 24 giugno 1918 compose di getto La leggenda del Piave, la canzone più popolare della Grande Guerra, che fu anche inno d'Italia dal 1943 al 1946, fino a quando non venne sostituito dall'Inno di Mameli.

D-Day. La battaglia che salvò l'Europa

Beevor Antony
BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

Non disponibile

12,50 €
"Il giorno più lungo", come lo definì Rommel, sta per iniziare. Sono le ore 0.00 del 6 giugno 1944 e le truppe vengono allertate: è il D-Day, gli Alleati stanno per sbarcare in Normandia. L'obiettivo è la resa incondizionata della Germania nazista. Il cont

San Martino 1859

Maffei Emilio
Segni d'Autore 2019

Prossima uscita

19,90 €
La battaglia di San Martino viene ricordata e commemorata sia perché, con la sconfitta degli austriaci, venivano esaltate le aspirazioni dei patrioti legate ai valori risorgimentali dell'epoca, sia perché l'imprenditore svizzero Jean Henry Dunant, presente in quei giorni sui luoghi della battaglia, rimase impressionato dai numerosi feriti italiani, francesi e austriaci ed ebbe l'idea di creare un gruppo neutrale, costituito da medici e infermieri, per assistere i bisognosi. Qualche anno dopo nascerà ufficialmente la Croce Rossa Internazionale, grazie alla sensibilità umanitaria di Henry Dunant, primo premio Nobel per la pace della storia.

Saturday night soldiers. I...

Acerbi Enrico
Soldiershop 2019

Non disponibile

29,00 €
Durante la Grande Guerra sul fronte italiano, i due avversari, Italia ed Austria-Ungheria, si avvalsero spesso del supporto dei propri alleati. Nel 1918 tutte le truppe germaniche furono ritirate a scaglioni dal fronte italiane, mentre inglesi e francesi rimasero in linea, spostandosi in primavera ed estate sull'altopiano di Asiago, nella zona di Cesuna (inglesi) e di cima Echar (francesi). Nell'occasione tali truppe furono determinanti nel fronteggiare l'ultimo violento attacco austriaco del giugno 1918. In autunno parte del contingente fu spostato sul Piave (Grave di Papadopoli) concorrendo allo sfondamento decisivo conosciuto come battaglia di Vittorio Veneto.

La guerra lampo. L'inarrestabile...

Deighton Len
Res Gestae 2018

Non disponibile

24,00 €
Analisi dettagliata della campagna tedesca nella prima fase del secondo conflitto mondiale, fino all'episodio bellico di Dunkerque in cui gli alleati sfiorarono la disfatta. Arricchito da mappe, disegni e fotografìe dell'epoca, il libro si apre con la prefazione del Generale Nehring, capo di Stato Maggiore di Guderian, stratega del blitzkrieg, la guerra lampo, e ne mette in luce il pensiero tattico, soffermandosi sul ruolo del suo protagonista indiscusso: il carro armato Panzer.

Le grandi battaglie della storia....

Sassi E.
Editoriale Cosmo 2018

Non disponibile

5,90 €
Continua il viaggio attraverso i più importanti, celebri e sanguinosi combattimenti che hanno determinato il corso della storia. Nell'albo potrete leggere due racconti completi che, non rinunciando al gusto per l'avventura, vi porteranno sulla linea del fronte per rivivere il terribile scontro di Dunkirk e l'ancor più terrificante assedio di Camerone.

Le grandi battaglie della storia....

Gloris Thierry
Editoriale Cosmo 2018

Non disponibile

8,00 €
Leggendo il capitolo dedicato alla contesa di Castillon potrete rivivere lo scontro che ha insanguinato l'Aquitania durante i regni di Enrico VI d'Inghilterra e Carlo VII di Francia. Sfogliando quello dedicato alla battaglia di Valmy potrete entusiasmarvi per la prima mischia affrontata dalla Francia Rivoluzionaria. Godendovi quello dedicato alla disfatta de La Beresina, infine, potrete assistere alla fine della Campagna di Russia che portò, di fatto, alla conclusione dell'espansione napoleonica.

Battaglie. Le 100 grandi battaglie...

Cau Paolo
Giunti Editore 2018

Non disponibile

26,00 €
Le strategie, le armi, il genio militare e i fatali errori tattici che hanno cambiato il corso della storia sui campi di battaglia. L'evoluzione tecnologica, dai carri falcati alla guerra elettronica. Un testo di riferimento, completo e accessibile, arricchito da più di trenta tavole estremamente dettagliate, elaborate sulla base della documentazione storica più aggiornata. Prefazione di Nicola Labanca.

La guerra dello Yom Kippur. Il...

Dunstan Simon
Libreria Editrice Goriziana 2018

Non disponibile

24,00 €
Il 6 ottobre 1973 due attacchi in simultanea su fronti distinti prendono di sorpresa Israele, minacciando i territori occupati a seguito della Guerra dei Sei Giorni del 1967. In uno dei giorni più sacri del calendario ebraico, le forze israeliane (anche a causa di errori di intelligence) sono mal preparate, per cui l'attraversamento del Canale di Suez per gli egiziani e delle alture del Golan per i siriani iniziò nel segno del successo. Nel corso delle settimane successive si sarebbe svolta la difficile ma ferma reazione israeliana contro le forze nemiche, fino all'intervento diplomatico di Stati Uniti e Unione Sovietica. Simon Dunstan sviluppa nel volume un'analisi attenta della guerra dello Yom Kippur, descrivendo le battaglie e le forze coinvolte anche con il supporto di mappe, foto e illustrazioni, presentando comandanti e mezzi militari, esaminando infine anche le rilevanti conseguenze del conflitto. Nonostante una formale vittoria, per Israele si trattò infatti di un colpo durissimo, le cui conseguenze continuano a farsi avvertire nello scenario mediorientale.

Cronaca di una gloriosa disfatta....

Parisi Salvatore
Zetacidue 2018

Non disponibile

20,00 €
Il 26 luglio del 1941, nelle calde e storiche acque della rada della città di Valletta, a Malta, nella luce mattutina falsata dalle tenebre diradanti e dalla tremula foschia dell'alba, si compiva una delle più grandi tragedie umane provocata, come sempre, dagli egoismi, dagli interessi e dalle discordie internazionali.

Le battaglie più sanguinose della...

Peruffo Alberto
Newton Compton 2018

Non disponibile  
MANUALI STORIA

12,00 €
Le battaglie, il momento culminante di ogni guerra. Lo scontro decisivo che decreta la sorte di un conflitto, quasi un giudizio inappellabile che i contendenti sono tenuti a rispettare nelle successive trattative per arrivare a una pace. Il mondo occidentale considera da sempre la battaglia come la concentrazione della massima violenza, limitata nello spazio più ristretto e nel minor tempo possibile. La guerra, infatti, provoca lutti e sofferenze, almeno all'inizio, il combattimento campale non era altro che un tentativo di ritualizzarla. Gli episodi bellici esaminati in questa rassegna rappresentano gli scontri più cruenti della storia: sfide tra eserciti anche sterminati che hanno lasciato sul campo decine, talvolta centinaia di migliaia di caduti. E nonostante ciò, non sempre si è trattato di carneficine risolutive di un conflitto. Spesso volute e provocate da comandanti ambiziosi e spregiudicati, queste sanguinose e cruciali giornate hanno avuto come veri protagonisti i soldati, di cui il volume evidenzia il punto di vista.

Le vittorie del Piave. Dalle...

Stato Maggiore dell'Esercito 2018

Non disponibile

20,00 €
Il volume raccoglie una serie di opuscoli dell'Ufficio Operazioni del Comando Supremo sulla guerra italiana nel 1918 editi nei mesi immediatamente successivi alla fine delle operazioni allo scopo di valorizzare sul piano propagandistico il contributo dell'Italia alla vittoria dell'Intesa nell'ultimo anno di conflitto. Sono riportati anche uno studio dell'Ufficio Storico pubblicato nel 1923 sull'Armistizio di Villa Giusti ed una traduzione in inglese della relazione sulla battaglia di Vittorio Veneto. L'opera è corredata di una appendice fotografica e di una documentaria relative alle fasi finali delle operazioni in Italia ed al testo armistiziale del 3 novembre. Tali riproduzioni di materiale edito, difficilmente reperibile in fondi bibliotecari, sono accompagnate da un capitolo introduttivo in cui viene sottolineato come le battaglie del Solstizio del giugno 1918 e di Vittorio Veneto dell'ottobre-novembre successivi siano tutt'oggi sottostimate e sminuite dalla storiografia internazionale, non solo europea, che continua ad alimentare giudizi approssimativi sulla guerra al fronte italiano, coniugati ad una sostanziale ignoranza della storia nazionale.

Le vittorie del Piave. Dalle...

Stato Maggiore dell'Esercito 2018

Non disponibile

20,00 €
Il volume raccoglie una serie di opuscoli dell'Ufficio Operazioni del Comando Supremo sulla guerra italiana nel 1918 editi nei mesi immediatamente successivi alla fine delle operazioni allo scopo di valorizzare sul piano propagandistico il contributo dell'Italia alla vittoria dell'Intesa nell'ultimo anno di conflitto. Sono riportati anche uno studio dell'Ufficio Storico pubblicato nel 1923 sull'Armistizio di Villa Giusti ed una traduzione in inglese della relazione sulla battaglia di Vittorio Veneto. L'opera è corredata di una appendice fotografica e di una documentaria relative alle fasi finali delle operazioni in Italia ed al testo armistiziale del 3 novembre. Tali riproduzioni di materiale edito, difficilmente reperibile in fondi bibliotecari, sono accompagnate da un capitolo introduttivo in cui viene sottolineato come le battaglie del Solstizio del giugno 1918 e di Vittorio Veneto dell'ottobre-novembre successivi siano tutt'oggi sottostimate e sminuite dalla storiografia internazionale, non solo europea, che continua ad alimentare giudizi approssimativi sulla guerra al fronte italiano, coniugati ad una sostanziale ignoranza della storia nazionale.

Nove giorni. Cronaca della...

Sanzovo Pierluigi
Autopubblicato 2018

Non disponibile

10,00 €
Nel giugno del 1918 la terra rossa del Montello si è mischiata con il sangue dei soldati dell'Ottava Armata del Regio Esercito italiano. Decine di migliaia di uomini che per nove giorni hanno disperatamente conteso la collina agli austroungarici che altrettanto disperati, gliela volevano strappare. Questa è la storia di quei giorni, terribili e gloriosi. Contiene l'albo d'oro dei caduti e dispersi italiani nella battaglia del solstizio sul Montello.

La campagna del 1867 nell'Agro romano

Calci Carmelo
Dunp Edizioni 2018

Non disponibile

67,00 €
Quella sostenuta contro l'esercito pontificio nell'Agro romano nell'autunno del 1867 fu l'ultima delle campagne garibaldine combattute per l'unificazione italiana. Gli eventi, i protagonisti e i luoghi di quel breve, ma intenso, scorcio di storia patria rivivono in una particolareggiata trattazione corredata da un imponente apparato iconografico, composto da ben 548 immagini. Alla minuziosa narrazione storica sono abbinati dettagliati apparati di approfondimento, concernenti le relazioni militari, gli eserciti belligeranti, i feriti, i caduti e i prigionieri, nonché le decorazioni concesse dalle autorità pontificie, italiane, francesi e dai sovrani degli Stati preunitari della penisola e le medaglie commemorative coniate in memoria degli episodi cruciali e dei principali protagonisti.

Le grandi battaglie della seconda...

Rasolo Giuseppe
Newton Compton 2017

Non disponibile

9,90 €
Le strategie, le armi e i protagonisti del conflitto che ha cambiato l'assetto del mondo. La seconda guerra mondiale rappresenta senza ombra di dubbio lo spartiacque della storia del Novecento, un evento unico per la ferocia dei combattimenti e il numero di persone coinvolte. Il crudele bilancio finale parlerà di sessanta milioni di morti in uno scontro che, sui diversi fronti, non è stato solo una contrapposizione di eserciti, ma una lotta per la supremazia economica e militare, una sfida tra i totalitarismi e i nazionalismi da una parte e il mondo democratico dall'altra. Questo libro vuole ripercorrere le battaglie che ne hanno determinato l'esito, dal primo scontro in Polonia fino al suo epilogo a Berlino, in un'innovativa prospettiva comparativa. I teatri operativi qui descritti sono molteplici: si va dalla Guerra-lampo al Fronte orientale, dalla Campagna d'Africa al Fronte italiano, da quello occidentale al Pacifico, oltre alle battaglie che videro protagonisti in prima persona gli italiani e alla caduta finale del Reich. Un lavoro esauriente, indispensabile per chi vuole disporre di un compendio completo, ma anche un testo stimolante per chi si avvicina per la prima volta alla storia del nostro recente passato.

I grandi generali e condottieri...

Iacopini Roberto
Newton Compton

Non disponibile

9,90 €
Questo libro racconta le abilità e le debolezze dimostrate sui campi di battaglia da 33 protagonisti della seconda guerra mondiale. Muovendo dal presupposto che il condottiero perfetto non esiste, tutti ebbero i loro limiti, molti riuscirono a correggerli e alcuni soprattutto tra gli italiani non si rivelarono particolarmente brillanti. Ci furono grandi innovatori nell'arte bellica e chi comprese che la guerra, più che una questione di comando, si era trasformata in una questione di amministrazione delle forze, diventando più manager che comandanti. Attraverso le vite e strategie dei generali più famosi - da George Patton ad Andrew Browne Cunningham, da Erwin Rommel a Georgij Zukov, fino a Pietro Badoglio e Rodolfo Graziani, ripercorreremo le fasi salienti della seconda guerra mondiale e i combattimenti per terra, mare e cielo, analizzando i diversi teatri operativi in cui si svolse e le nuove tecnologie militari utilizzate nel conflitto. I grandi generali e condottieri della seconda guerra mondiale ci offre una panoramica esaustiva e documentata sugli uomini che hanno cambiato il modo di combattere e il corso della storia nel Novecento.

La battaglia che decise la seconda...

Scagnetti Gianluca
Newton Compton

Non disponibile

9,90 €
Quella nota in codice come "Overlord" è stata la più grande e rischiosa operazione anfibia della storia. Con lo sbarco sulle coste della Normandia, nel giugno del 1944, gli anglo-americani hanno aperto un secondo fronte con il nemico tedesco, a sua volta duramente impegnato a Oriente contro l'Armata rossa. Lo scopo era di crearsi un varco da nord nell'Europa continentale e iniziare un'avanzata verso Parigi e poi fino in Germania, dove sarebbe avvenuto il congiungimento con le truppe sovietiche e, di conseguenza, la sconfitta di Hitler. Per farlo, però, gli Alleati hanno dovuto superare enormi difficoltà sia di natura tecnica che logistica. E non sono mancate le divergenze sul piano strategico fra i vari comandi. Nel libro vengono analizzate le fasi preparatorie del D-Day, con le attività dei servizi segreti dei Paesi coinvolti. Ampio spazio è dedicato poi alle operazioni vere e proprie, con la serie di sbarchi sulle diverse spiagge e il contrasto da parte tedesca. Infine vengono presentati i profili dei maggiori protagonisti (comandanti militari sul campo e leader politici), le armi in uso e le loro filosofie d'impiego.