Elenco dei prodotti per la marca Le Lettere

Le Lettere

Admirabile commercium. La...

Frosini Giordano
Le Lettere

Disponibile in libreria in 3 giorni

24,00 €
Admirabile commercium è la formula che i padri della chiesa idearono per sintetizzare il cuore del messaggio cristiano, ovvero lo 'scambio miracoloso' tra il divino e l'umano, per cui Dio assunse la natura umana, affinché l'essere umano potesse divinizzarsi. Uno scambio ben impari, tutto a vantaggio dell'umanità e realizzato solo per amore e per grazia. A partire da Ireneo di Lione, la 'formula dello scambio' è divenuta, nei primi secoli, la carta d'identità dei cristiani. È forse giunto il tempo di rivalutarla. Oggi che i tratti 'transumanisti' di immortalità e onnipotenza vengono invocati con particolar prepotenza, il recupero del concetto cristiano di 'divinizzazione' è la preziosa risposta della teologia al desiderio più profondo che abita da sempre l'animo umano. Come è da intendere questa divinizzazione? A quale realtà allude? Nessuno può rispondere a questi interrogativi meglio dei padri della chiesa greci e latini, di cui questo libro offre, per la prima volta nella pubblicistica italiana, una ricognizione globale. Prefazione di Giuseppe Lorizio.

Le cose più belle. Nuova ediz.

Caterina da Siena (santa)
Le Lettere

Disponibile in libreria in 5 giorni

19,00 €
Le Lettere di Caterina da Siena costituiscono una presenza precoce e costante nella vita e nelle opere di Federigo Tozzi, quasi un ideale livre de chevet che ne accompagna lo stesso passaggio dal giovanile laicismo anarco-socialista al contraddittorio cattolicesimo, aspro e problematico, della maturità. Modernamente, nella grande conterranea lo scrittore riverbera soprattutto la propria insaziata ansia di conoscenza. «Santa Caterina - scrive Tozzi - ci sbarazza di tutto ciò che ci impedisce di giungere al nostro io più profondo». Ed è proprio nell'ottica di una riproposizione senza schemi eruditi o facili ideologismi del Medioevo cristiano e 'primitivo', che nel 1918 Tozzi sintetizza in un esile, straordinario libretto il monumentale corpus delle lettere cateriniane «per chi non ha tempo né voglia di leggerlo da cima a fondo». Le cose più belle di Santa Caterina da Siena è così un documento indispensabile per comprendere appieno la potenza di intuizione e la colta complessità novecentesca dello scrittore senese. Ma è anche un modo per avvicinarsi con un percorso originale a una delle esperienze più radicali e affascinanti della letteratura mistico-religiosa occidentale. Introduzione di Marco Marchi.

Vita e letteratura di Paolina Leopardi

Benucci Elisabetta
Le Lettere

Disponibile in libreria in 3 giorni

19,50 €
Paolina Leopardi (1800-1869), la dimenticata "sorella", condusse per molti anni una vita triste e malinconica, ma riuscì in tarda età a spezzare le catene che la costringevano nel palazzo di famiglia e a "volare via" per vivere la sua «stagion lieta». Per la prima volta e su basi rigorosamente scientifiche se ne ricostruisce l'esistenza attraverso documenti e lettere perlopiù inediti, rintracciati negli Archivi e Biblioteche di tutta Italia, con il risultato di ricomporre nei minimi dettagli la figura e il pensiero di questa donna poco ricordata, ma fuori del comune e di alto spessore culturale. Soprattutto se ne ricostruisce l'attività intellettuale, l'aspetto forse più importante, e più trascurato, che dà ragione di quegli aggettivi «colta e forte», con i quali il famoso fratello l'aveva definita. Due destini, quello di Giacomo e di Paolina, che si intrecciano inevitabilmente, con risvolti mai indagati come in questo libro; in particolare, oltre la partecipazione della "sorella" all'esperienza intellettuale del poeta, emerge il loro difficile rapporto con i genitori, con gli altri fratelli, con i parenti, con la società recanatese. Ne risulta così il quadro di una vita e di un'epoca, sullo sfondo della storia della nobile famiglia di uno dei più straordinari protagonisti dell'Ottocento culturale europeo.

Filosofia e letteratura in età...

Le Lettere

Disponibile in libreria in 3 giorni

32,00 €
Il presente volume indaga il rapporto tra filosofia e letteratura in una prospettiva storica, attraverso ricerche puntuali su casi specifici di 'incontri, dialoghi, confluenze' tra i due ambiti. Spaziando dal Rinascimento al Novecento, i contributi si concentrano su singoli autori o singoli testi filosofici e letterari, esaminando la presenza di figure, opere e tematiche della storia del pensiero filosofico nei testi letterari o, viceversa, mostrando come nelle sue molteplici forme - dal mito al poema, dal dialogo alla confessione - la letteratura sia stata per la filosofia una fonte di ispirazione, un interlocutore costante e spesso un alleato prezioso. Dal complesso delle singole analisi emerge la natura multiforme e problematica di un rapporto fecondo, che impedisce ogni interpretazione in termini estremi e radicali, si tratti della assoluta opposizione o della totale assimilazione. Un rapporto, piuttosto, di reciproca irriducibilità e tuttavia ricco di chiaroscuri, privo di una netta linea di demarcazione, da sempre alimentato dal dialogo, dalla condivisione di stili e contenuti, dalla sinergia nell'impegno sociale e politico.

Anima e Dio sono una cosa sola

Eckhart
Le Lettere

Disponibile in libreria in 5 giorni

16,00 €
Vissuto al culmine della civiltà medievale, negli anni in cui Dante scriveva la sua Commedia, il tedesco Eckhart (1260-1328 ca.) è unanimemente riconosciuto come il più profondo mistico occidentale e, insieme, come grandissimo pensatore. Non a caso i contemporanei lo chiamarono meister, ovvero magister, non tanto per la cattedra universitaria che aveva tenuto a Parigi, quanto per la sapienza dispiegata sul tema cruciale per ogni intelligenza umana: conoscenza dell'anima e conoscenza di Dio. Eckhart infatti da un lato recepisce in pieno la lezione della filosofia classica: conosci te stesso e conoscerai anche Dio, perché uno solo è il logos, umano e divino; dall'altro rivendica per ogni cristiano quel che Gesù afferma di sé stesso: l'essere una cosa sola col Padre. Rovesciando così completamente il dualismo biblico, per cui c'è un Dio lassù nei cieli e un uomo quaggiù in terra, il maestro domenicano insegna invece che l'anima e Dio sono una cosa sola. Questa paradossale verità la comprende però soltanto l'uomo interiore, ovvero l'uomo completamente distaccato, che ha evangelicamente rinunciato a sé stesso e ha così scoperto l'essenza dell'anima, il suo "fondo", ove essa diventa spirito, così come Dio è spirito. Si apre allora per lui, "uomo nobile", già qui nel tempo la luce abbagliante dell'eternità, e già qui nel molteplice la dimensione beatificante dell'Uno.

L'ombra dell'altro gemelli

Ubidia Abd?n
Le Lettere

Disponibile in libreria in 3 giorni

21,00 €
Quito, a cavallo del secolo e del millennio, sotto il dominio del segno dei gemelli. Tutto sembra crollare, franare, disgregarsi, nella vita di Bruno, un pittore cinquantenne che ha perduto la fede nell'arte e negli ideali della gioventù. Per salvarsi, per salvare quel che resta, tenta di costituire una Fondazione, coinvolgendo AleXandra, la sua amante che ama senza passione. Dopo che anche questo espediente naufraga, deluso dal fratello, Renato, imprenditore di successo ma discusso, che non ha risposto al suo appello di aiuto, decide infine di 'optare per il Male', come gli suggerisce l'altra voce del suo intimo gemello, e ricattare lo stesso Renato. E seguiranno poi un omicidio e il ritorno di un grande amore. Senza redenzione possibile, Bruno si dibatte sullo sfondo di una società spietata, neoliberista, ingorda, dove gli artisti non hanno più ragione di essere e di esistere. Dove il mercante prevale e dove l'unico territorio intatto e inviolabile pare essere il passato. Per Bruno, questo strampalato, grottesco, struggente Zuckermann latinoamericano, l'idillio del passato è una valle vista dall'alto di un pianoro, sull'orlo di un precipizio, illuminata dalla luce obliqua del crepuscolo, "la luce dei cervi".

Il bicchiere mezzo pieno. Liberarsi...

Zolotti Stefania
Le Lettere

Disponibile in libreria in 3 giorni

19,00 €
Il vino inizia molto prima del bicchiere ma nessuno lo ricorda mai. Complici gli esperti che, da decenni, continuano a spostare l'attenzione solo sul prodotto, solo sulle proprie percezioni, solo su sé stessi. Il vino del 2020 non ha niente a che vedere con quello di quarant'anni fa. È urgente diffondere la cultura del vino, vera carenza del nostro Paese. È urgente che le aziende e i comunicatori si prendano responsabilità nuove: non è più tempo di appiattire i messaggi, di regalare bottiglie ai giornalisti, di svendere il proprio valore a blogger e influencer seriali. È urgente che i consumatori dicano la loro prima di scegliere cosa bere ma, per farlo, serve conoscenza e non aver paura di sbagliare.

Le poesie. Nuova ediz.

Guidacci Margherita
Le Lettere

Disponibile in libreria in 5 giorni

29,00 €
La seconda edizione, riveduta e accresciuta di questo volume che integra definitivamente l'opera poetica di Margherita Guidacci, riunisce con cura filologica e bio-bibliografica l'intero corpus poetico della poetessa fiorentina: dalle acerbe ma già personali Prime del 1939-40, maturate nell'ambiente "ermetico" di formazione, al folgorante esordio del 1946 con La sabbia e l'angelo, alla tragica "discesa agli Inferi" di Neurosuite (1970) e all'epifania amorosa dell'Inno alla gioia (1983), fino al postumo e testamentario Anelli del tempo (1993). Dall'arco cinquantennale delle raccolte e delle molte "disperse" ritrovate e riunite, balza con singolare e scolpita coerenza una delle figure più alte e limpide del nostro Novecento poetico, intrisa di vaste e profonde consonanze europee (Guidacci fu traduttrice empatica ed eclettica, soprattutto dai prediletti Donne, Dickinson ed Eliot, ma anche da Guillén e da poeti slavi e cinesi). Si staglia qui con assolutezza la voce oggettiva, austera e tenera a un tempo, di una "Sibilla" classica e cristiana, dall'ethos intimamente civile e religioso ma non confessionale né omologabile a ortodossie ideologiche o letterarie, fedele solo alla sua "crescita" interiore e cosmica.

Contro i ladri dei libri....

Coco Lucio
Le Lettere

Disponibile in libreria in 3 giorni

13,50 €
Il furto dei libri ha rappresentato nella storia sempre un rischio per qualsiasi biblioteca o libreria. Per questo motivo proprio per proteggere i libri da ladri e malintenzionati in tutte le epoche, oltre alle solite precauzioni (chiavi, armadi ecc.) sono stati escogitati metodi più inusuali come il ricorso ad anatemi e maledizioni. Alcune di queste, venate da una sottile ironia oppure latrici di neppure tanto velate minacce, sono state raccolte in questo libro che rappresenta per il tema e l'argomento un vero e proprio unicum editoriale. Con una nota di Edoardo R. Barbieri.

Quaderno del nulla

Ferri Dina
Le Lettere

Disponibile in libreria in 3 giorni

18,00 €
Dina Ferri, primonovecentesca «poetessa pastora » delle campagne senesi prematuramente scomparsa poco più che ventenne, era abitata dalla poesia. Il suo "Quaderno del nulla", apparso per la prima volta postumo nel 1931, che qui si ripubblica accompagnato da suoi testi inediti finora del tutto sconosciuti, lo dimostra. È certo che una morte troppo prematura non consentì alla voce della Ferri di dispiegarsi e sviluppare compiutamente un graduale e articolato percorso di crescita e affinamento del suo dono, ma già quello che il suo libro e i testi a esso affiancabili propongono al lettore è sufficiente a situare in maniera significativa e indelebile la sua figura e il suo operato nel panorama della poesia italiana di primo Novecento. Spetta di diritto all'«incompiuto canto» di Dina Ferri questo posizionamento storiografico culturalmente fondato, accertabile sulla base di quelle stesse conoscenze letterarie (la poesia di Pascoli in primis) di cui la giovane poteva disporre e che la sua produzione rende di primo acchito apprezzabili. Un pascolismo a sfondo naturale dipendente in primo luogo da Myricae che alla Ferri era possibile originalmente rivivere a contatto con la sua natura, secondo la propria quotidiana esperienza di contadinella vissuta tra i campi, i boschi e le pareti della sua casa (un «povero casolare da presepe» secondo Aldo Lusini). Una ragazza dedita al pascolo e alle fatiche rurali prima ancora che agli estetici lavori di ricamo che tanto le piacevano e a quella scrittura rivelatasi presto, per lei, come lo spazio espressivo d'elezione. (dall'Introduzione di Marco Marchi). Pubblicato postumo nel 1931 per le cure di Piero Misciattelli presso la casa editrice Treves di Milano, il "Quaderno del nulla" di Dina Ferri comprendeva una scelta di poesie e prose attinte da un quaderno su cui la Ferri aveva via via trascritto dai suoi elaborati scolastici ricordi, storie e impressioni della sua vita trascorsa fra i lavori dei campi e le amate letture. Alla riproposta della prima storica edizione del libro, questo volume affianca un nucleo consistente di testi finora inediti tratti dal testimone autografo superstite del "Quaderno del nulla" custodito nell'archivio di famiglia. Introduzione di Marco Marchi.

Gli egoisti

Tozzi Federigo
Le Lettere

Disponibile in libreria

11,00 €
Nel corpus narrativo di Federigo Tozzi un romanzo come "Gli egoisti" rivendica una posizione singolarmente originale. Affidandosi di nuovo alla scrittura e proiettandosi in un personaggio protagonista come il musicista Dario Gavinai, Tozzi aggiorna un proprio impegno allegorico, rappresentativo e decifrante, messo al servizio delle esigenze di quel "romanzo interrogativo" così ben delineato, nelle sue mappe storiografiche di afferenza italiana ed europea, da Giacomo Debenedetti. Redigendo "Gli egoisti" Tozzi scrive in effetti un ulteriore capitolo del suo ideale, unico, grande romanzo a sfondo autobiografico: la propria «vita scritta». L'elemento desunto dall'esistenza, letterariamente dislocato e rivissuto, investe in primo luogo, come di consueto, un inetto in balia delle sue velleitarie e insoddisfatte attitudini artistico-creative e dei suoi ambigui sentimenti. In un'ambientazione delle vicende non più senese ma romana, anche l'intero cast delle presenze convocate dalla trama rimanda puntualmente alla vita dello scrittore: da Albertina Marelli al Carraresi, dal Papi al Giachi. L'accertabile derivazione autobiografica non impedisce tuttavia a Tozzi di trascenderla e sublimarla in arte, facendo del racconto di una contrastata storia d'amore - una storia d'amore inaspettatamente a lieto fine e proiettata sugli espressionistici scenari di una Roma di primo Novecento - una rigorosa indagine delle profondità della psiche.

Utopie ed eterotopie....

Succio Marco
Le Lettere

Disponibile in libreria in 3 giorni

16,00 €
Anche in Spagna, dove l'immagine della capitale nella letteratura è stata oggetto di numerosi studi e ricerche scientifiche, il tema della Madrid letteraria degli anni della Transizione democratica non è ancora stato sufficientemente sviluppato. Eccezion fatta per alcuni saggi pubblicati in riviste letterarie, non esistono monografie e/o volumi collettanei di carattere scientifico dedicati al tema specifico. Questo volume si configura come uno spazio di riflessione su alcuni aspetti relativi all'immagine letteraria della città di Madrid nell'epoca del passaggio dalla dittatura franchista alla democrazia (1975-1982), con particolare attenzione agli aspetti sincronici e diacronici delle rappresentazioni da parte degli autori che stanno assistendo al processo di Transizione politica, fino alla Madrid ricordata, quella che prende forma nei romanzi pubblicati negli ultimi vent'anni, a partire dalla fase revisionista che ha caratterizzato il più recente dibattito storiografico spagnolo.

Gigliola Curiel. Una vita nella moda

Castellini Curiel Gaetano
Le Lettere

Disponibile in libreria in 3 giorni

16,50 €
Gigliola Curiel stata una delle piimportanti stiliste italiane del dopoguerra. Una donna forte, temprata dalle difficolt affascinante e corteggiata, geniale e capace. La sua vita si intreccia con i piemblematici avvenimenti storici del nostro Paese e con le maggiori personalitdel mondo culturale italiano. Nipote di Ortensia, famosa sarta triestina, e sorella di Eugenio Curiel, partigiano e Medaglia d'oro al valore militare, Gigliola cresce spensierata in una cittmultietnica, circondata dall'intellighenzia triestina, tra cui Saba e i cantanti del Politeama. Fin da piccola, si appassiona alla moda e decora i suoi quaderni di scuola con schizzi di vestiti che fa realizzare dalle sarte della citt Siamo negli anni del delitto Matteotti quando il fascismo comincia a consolidare il suo potere e presto tutto il Paese dovrfare i conti con i piani di Mussolini. Nel 1938, in seguito alle leggi razziali e alla prematura morte del padre, la famiglia Curiel costretta a lasciare Trieste, sparpagliandosi per il Paese. Stabilitasi a Roma negli anni della guerra, Gigliola grazie all'aiuto di un amico, si trasferisce all'Hotel Plaza, sede delle SS, dove crede che nessuno verra cercarla. In quei giorni confusi, sotto le bombe che flagellano la apitale, Gigliola costretta a barcamenarsi tra il suo sogno di lavorare nella moda e le necessitdella guerra. Dopo l'arresto del fratello Sergio, sarcostretta a fuggire di nuovo, in attesa che gli alleati liberino la citt Sarprima a Todi, poi in Campania, dove tramite il fratello forniraiuto ai partigiani che sostengono l'avanzata alleata. Qui conosce Nino Brozzetti. I due si innamoreranno perdutamente dando vita a una storia passionale e tormentata. Gigliola, una donna forte e determinata, continuernel suo progetto e nel 1945, al termine della guerra, tornera Milano per fondare la sua casa di moda. I successi del marchio Curiel furono numerosi. La stilista, amata dalle grandi dame milanesi, apprezzata anche da Camilla Cederna, diventerin breve tempo una delle piseguite della citte i suoi vestiti sfileranno pivolte alla prima della Scala. Gigliola imprenditrice dinamica e capace ma dovrfare i conti anche con le figlie, Gabriella, nata dall'amore con Nino e soprattutto Raffaella che ormai diciottenne passa sempre pitempo in sartoria. Raffaella ha il carattere testardo e determinato della madre che, dopo alcuni anni di litigi, metteralla prova la figlia, affidandole una collezione.

Autunno in Sardegna

Jünger Ernst
Le Lettere

Disponibile in libreria

14,00 €
Il volume raccoglie tre testi, "San Pietro", "Serpentara" e "Autunno in Sardegna", uniti da un filo rosso agli scritti dedicati alla Prima guerra mondiale che hanno reso famoso Ernst Jger. Egli approda in Sardegna animato da quella stessa volontdi rinnovarsi interiormente tramite la fuga da una civiltmoderna "lontana dalla terra" che lo aveva condotto sui campi di battaglia. Certo, Jger un testimone del suo tempo troppo lucido per non accorgersi che la Sardegna un microcosmo arcaico prossimo al tramonto, in cui si vanno gimoltiplicando i segni della modernite dunque dell'"annessione alla tecnica planetaria". Tuttavia, l'Isola offre ancora la possibilitdi aprirsi un varco verso la pienezza di vita della natura: Sardinia sive natura, si potrebbe quindi dire, dato che l'Isola vissuta come un tripudio di forme e colori in cui si manifestano la potenza e la feconditdi una natura risacralizzata nel segno dell'immagine archetipica della Grande Madre. Uomini e fiere perdono, cos sotto gli occhi di Jger, contorni netti per prendere parte ai "ludi bellici ed amorosi di partner animali nel sogno della vita".

Ultima frontiera. Diario, incontri,...

Cerri Giovanni
Le Lettere

Disponibile in libreria

16,00 €
Nell'orizzonte contemporaneo, appare significativa la testimonianza di questi scritti di Giovanni Cerri, "Ultima frontiera". In un connotato diaristico, divenuto sempre più raro, vive la "voce" dei ricordi, dei volti, dei momenti esistenziali, delle figure dell'esistere: richiami all'adolescenza, le prime immagini dell'arte nello studio del padre, conoscenze di personaggi testimoniali, incontri con artisti. In una scrittura aperta, esplorativa, emergono due tematiche in una singolare originalità: la periferia come corrispettivo della solitudine dell'anima; lo sguardo senza tempo nell'inconscio, in ciò che abbiamo amato, in ciò che non è accaduto.

Che cosa hai fatto?

Castro-Urioste José
Le Lettere

Disponibile in libreria

12,00 €
«La scuola elementare stava finendo e in tutti quegli anni non sono riuscito a sapere dove se ne era andata Adriana. Il Perù era espropriato e a Tacna c'erano caserme dappertutto e i militari tiravano fuori carri armati e mitragliatrici in occasione delle Feste Nazionali, e la gente era impressionata perché mancava solo che mostrassero una versione locale della bomba atomica. Lo stesso prete direttore della scuola che aveva smerdato Hitler rimaneva a bocca aperta davanti a un simile equipaggiamento militare e sicuramente diceva dentro di sé: Padre nostro che sei nei cieli, fa' che non ci sia guerra qui sulla terra». L'amicizia tra un gruppo di compagni di scuola e la storia d'amore di Tito e Adriana, nata nell'infanzia e in continua evoluzione, s'intreccia con la storia della violenza politica vissuta in Perù negli anni dalla dittatura di Velasco ai primi anni del governo Fujimori. Tra incontri e separazioni, dall'infanzia fino all'età adulta, le varie vicende che s'intrecciano diventano emblematiche della storia del Perù.

Due minuti con Paul McCartney

Delius Friedrich C.
Le Lettere

Disponibile in libreria

16,00 €
Un pallone, un cane, un Beatle, due studenti tedeschi che studiano a Londra e sette ragazze a Regent's Park il giorno in cui la canzone Getting better viene registrata per l'album Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band. Un avvenimento insignificante raccontato in 66 versioni. Un gioco divertente, con prospettive che cambiano e belle varianti, un ventaglio colorato di stili e tonalità, di composizioni letterarie e giochi di parole. Un libro da regalare a persone intelligenti, soprattutto ai fans dei Beatles, agli amanti del calcio, agli amanti della letteratura, agli insegnanti di lingua e in special modo ai docenti di tedesco.

Luoghi dello spirito, luoghi della...

Le Lettere

Disponibile in libreria in 5 giorni

36,00 €
I saggi su Giorgio Bassani qui raccolti sono l'esito di un convegno promosso dal Centro Studi Bassaniani e dall'International Studies Institute (noto anche come ISI Florence) presso le rispettive sedi a Ferrara e Firenze. L'esigenza di riunire esperti di varie nazionalità che potessero trattare molteplici aspetti della vita e dell'opera dello scrittore ferrarese è nata dalla convinzione che Bassani sia stato un protagonista della cultura italiana nel secondo Novecento il cui valore non risulta ancora del tutto apprezzato perché - sotto certi aspetti - a lungo, e forse intenzionalmente, frainteso. In parte, ciò è dovuto anche allo stile e ai toni da lui prediletti, lontani dal clamore e dalle apparenti sicurezze ideologiche che hanno a lungo dominato il dibattito sia politico sia culturale del nostro Paese. Ne costituisce un chiaro esempio il suo modo di porsi rispetto a qualsiasi forma di presunta "diversità" e alle misure repressive messe in atto da chi si considera immune e superiore a simili "devianze". I contributi forniti nel presente volume aiutano, quindi, a meglio comprendere l'originalità e l'importanza (dal punto di vista artistico, civile, morale e psicologico) della prospettiva che Bassani assunse nei più svariati contesti, tra cui si annoverano - per citare alcuni dei temi qui discussi - la cinematografia, la letteratura, il teatro e il ruolo culturale dell'Italia nel mondo.

Per Enrico Fenzi. Saggi di allievi...

Le Lettere

Disponibile in libreria in 5 giorni

40,00 €
Con questo volume, colleghi e amici rendono omaggio a Enrico Fenzi in occasione del suo ottantesimo compleanno. La varietà dei suoi interessi, la sua curiosità intellettuale, la profondità del suo sguardo critico hanno nutrito e guidato studiosi italiani e stranieri, che testimoniano qui il loro debito con il suo lavoro di ricerca sottolineando la vastità delle sue prospettive con l'ampiezza cronologica degli studi offerti. Naturalmente l'omaggio e il ringraziamento sono rivolti anche all'umanità del Maestro, alla sua gentilezza, e alla generosità disinteressata del suo magistero. Il volume è curato da Paolo Borsa (Université de Fribourg, Suisse), Paolo Falzone (Sapienza Università di Roma), Luca Fiorentini (Sapienza Università di Roma), Sonia Gentili (Sapienza Università di Roma) , Luca Marcozzi (Università di Roma Tre), Sabrina Stroppa (Università di Torino), Natascia Tonelli (Università di Siena).

Il bianco della luna

De Vita Nino
Le Lettere

Disponibile in libreria in 3 giorni

17,50 €
Quando un poeta si antologizza non fa soltanto una scelta delle sue poesie più riuscite o conosciute, ma si impegna a fornire al lettore le coordinate di un percorso che nel tempo ha assunto la forma di un dialogo col proprio mondo interiore e con la realtà che lo circonda. È il caso di questo volume di Nino De Vita. De Vita propone una selezione personale e al tempo stesso esemplare, partendo dalla prima raccolta, Fosse Chiti, per arrivare fino alla più recente, Tiatru, concludendo con una scelta di inediti che anticipa la direzione attuale della sua poesia. "Il bianco della luna" schiude le porte a una visione del mondo che nasce da uno dei suoi tanti ombelichi: per il poeta la contrada siciliana di Cutusìo, il cui lessico dialettale permea l'opera, che diventa così lo scrigno di parole altrimenti a rischio di perdersi senza memoria. Prefazione di Emanuele Trevi.

Le istruzioni del gioco

Durante Roberta
Le Lettere

Disponibile in libreria in 3 giorni

14,00 €
Le istruzioni del gioco si presenta come un singolare diario in versi, che ha come motivo ricorrente il tema per eccellenza della poesia: l'amore. Declinato, però, in forme stranianti e anticonvenzionali, e con una lingua che sembra avere gli stessi tic delle parole dei bambini: insomma, con quello stile sghembo e sorprendente che ha imposto la voce di Roberta Durante all'attenzione dei lettori di poesia. Spunti quasi metafisici si alternano alla registrazione di minime variazioni emotive, riferimenti all'immaginario anni novanta si intrecciano con cronache di stretta attualità. Lungo il filo di un discorso amoroso frammentario ma totalizzante che disvela la bellezza di due mondi complementari: quello a occhi aperti e quello a occhi chiusi. Con uno scritto di Tiziano Scarpa.

Nel Duecento di Dante

Suitner Franco
Le Lettere

Disponibile in libreria in 3 giorni

50,00 €
Il volume presenta un ampio affresco del mondo storico e umano della "Commedia", attraverso la trattazione di una serie selezionata di personaggi riferibili principalmente al Duecento. Studiosi di letteratura e storici si confrontano, ora offrendo dei rinnovati profili dei personaggi, ora analizzandone aspetti e caratteristiche ancora inedite. L'insieme degli interventi, concepiti in origine per un convegno tenutosi presso la SocietDantesca Italiana, offre ampio materiale per approfondire alcuni dei principali nodi interpretativi del poema, affrontati attraverso un taglio interdisciplinare che mira a cogliere la complessitdel mondo dantesco attraverso il campionario di umanitin esso rappresentato.

Poesie d'amore

Donne John
Le Lettere

Disponibile in libreria in 3 giorni

14,00 €
A giudicare da quel che si sa della sua vita, John Donne doveva essere un tipo capace di cavarsela in una rissa come in una disputa filosofica, in una taverna come in un salotto, su una nave da guerra come sul pulpito di una cattedrale. Entra giovanissimo all'università di Oxford per poi passare forse a Cambridge; studia diritto a Londra, dove si dà a una vita mondana brillante; si imbarca nelle spedizioni marittime del conte di Essex e di Sir Walter Raleigh; diventa segretario privato del Lord Guardasigilli, ma, quando si scopre che ne ha sposato segretamente la nipote Anne More, perde l'impiego e affronta un lungo periodo di gravi difficoltà. Tuttavia si risolleva e prende i voti nella Chiesa d'Inghilterra. Arrivano allora - benché segnati dal dolore per la perdita della moglie - gli anni della consacrazione pubblica, culminati nella nomina a cappellano di corte del re Giacomo e decano della cattedrale di San Paolo. La sua personalità multiforme si riflette nella sua opera - animata da un'eloquenza prodigiosa - e in particolare nelle sue liriche d'amore, che parlando d'amore evocano un intero universo. Questo volume presenta una scelta di poesie tra le più rappresentative, nelle quali si intrecciano slancio passionale e raffinatezza intellettuale, fervore e cinismo, arguzia mondana e affiato spirituale.

Il confine, il confine...

Sbarra Stefania
Le Lettere

Disponibile in libreria in 3 giorni

20,00 €
Il mondo rappresentato nei romanzi di Theodor Fontane e di Wilhelm Raabe è strutturato da confini rigidi, superare i quali comporta un prezzo molto alto qualora si imbocchi la strada di una certa eccentricità. Se è vero, secondo il celebre assunto di Lotman, che il testo narrativo è tale se almeno un personaggio attraversa la linea che separa uno spazio semantico da un altro, nella narrazione realista questa struttura è anche un centro ideologico fondamentale. La concretezza dell'idea di confine e di limite affiora fin dalla trama, e si palesa nella descrizione delle case e dei palazzi che fanno da sfondo alle vicende narrate. L'onnipresenza del confine evoca per contrasto il suo superamento, annunciando così quella semantica che Nietzsche, contemporaneo degli autori qui presentati, mobilita nei suoi scritti per demolire l'edificio dei luoghi comuni che gravano sulle nature meno addomesticabili. Il libro vuole mettere in luce questa affinità tra una letteratura e una filosofia che, nella Germania di fine Ottocento, condividono un orizzonte di esperienze storiche e culturali comuni che trova nella casa, in quanto spazio delimitato da confini tangibili, una delle sue metafore più pregnanti.

La religione della libert? e altre...

De Bosis Laura
Le Lettere

Disponibile in libreria in 3 giorni

14,00 €
Il volume raccoglie alcuni scritti saggistici di Lauro de Bosis (1901-1931), gitradotti e pubblicati nel 1948 da Gaetano Salvemini, con note di Mario Vinciguerra, per la collana "Biblioteca Leone Ginzburg (Documenti e studi per la storia contemporanea)" dell'editore De Silva di Torino. arricchito inoltre da un'appendice con le lettere finora inedite indirizzate da de Bosis a Benedetto Croce tra il 1924 e il 1930. Il titolo del libro riproduce quello scelto da Lauro per una delle sue conferenze americane, chiaramente ispirato alla "Storia d'Europa nel secolo decimonono" di Croce, che de Bosis fece in tempo a leggere negli Atti della Accademia di Scienze Morali e Politiche dove apparvero nella primavera del '31 alcune anticipazioni, e in modo particolare il primo capitolo dell'opera:" La religione della libert. Si intende in questo modo richiamare l'attenzione su una straordinaria figura di antifascista prossima a scivolare nell'oblio, sulla sua leggendaria fama di violatore del cielo fascista di Roma, sulle idealite sulla filosofia in cui metteva radici la sua azione, sulla sua matura statura di oppositore ad ogni forma di totalitarismo - di destra e di sinistra -, sulla sua lodevole funzione di ambasciatore della "civiltitaliana" negli Stati Uniti, sulla sua lungimirante intelligenza cosmopolitica e internazionalistica, anticipatrice per molti versi del futuro europeismo. Prose lucide e vibranti, realistiche e epiche al tempo stesso, a testimonianza del valore ideale della "civiltitaliana" ancora oggi tutelata dalla Lauro de Bosis Postdoctoral Fellowship istituita presso la Harvard University.

Bios. Poesie haiku distici

Del Serra Maura
Le Lettere

Disponibile in libreria in 3 giorni

12,00 €
Bios. Poesie 2015-2019 prosegue il lungo e complesso itinerario poetico di Maura Del Serra - da "L'opera del vento" (2006), a "Tentativi di certezza" (2010), a "Scala dei giuramenti" (2016) - con una raccolta in cui la scolpita compattezza strutturale delle cinque sezioni approfondisce in rinnovata ricchezza ed energia stilistica la passione conoscitiva ed etica dell'autrice, l'arco tematico del suo viaggio testimoniale nella condizione umana, che tocca accenti ad un tempo intimi e cosmici, civili e memoriali, dialettici ed epigrammatici, in cui l'esperienza personale di una tarda maturità femminile spazia in voci e ritratti, si vena di tenero humour familiare o si affila in pathos satirico contro le violente lusinghe della storia, trasfigurando con affascinante visione l'illusoria caducità della nostra sorte in pegno e promessa di assolutezza metatemporale.

Critica della ragione secolare. La...

Pera Marcello
Le Lettere

Disponibile in libreria in 3 giorni

20,00 €
Il principio secolare della modernitche si affermato a partire dal Seicento sostiene che ogni pretesa conoscitiva, compresa la rivelazione, deve sottostare al primato della ragione. Kant fu strenuo difensore di questo primato, ma si oppose alle conseguenze irreligiose che, nell'etdei Lumi e ancor oggi, ne vengono tratte. Con il suo progetto di combinazione fra ragione e fede, sostenne che Dio non conoscibile, ma nondimeno la fede in Dio razionale, perchil presupposto del sapere positivo e il postulato del dovere morale. Tramite la sua interpretazione morale del cristianesimo, Kant si impegninoltre a provare che fra la ragione e la Scrittura non vi solamente compatibilit ma unione. La morale fondata sulla ragione coincide con l'insegnamento fondamentale del Vangelo. Filosofo cristiano e di profonda fede cristiana, Kant andoltre un grande esercizio di analisi filosofica e teologica. In un'epoca di dispotismi clericali e di assolutismi politici, egli si propose di mostrare che un cristianesimo reso amabile e alla portata di tutti dalla critica della ragione avrebbe superato le distinzioni fra laici e credenti, protestanti e cattolici, abbattuto un ostacolo alla coesistenza fra gli Stati, e costituito una chiesa visibile universale con una bandiera di virtunificante della civilteuropea. Tutti scopi che la modernitha mancato e a cui sembra aver rinunciato.

Vie romee. Gli itinerari dei...

Le Lettere

Disponibile in libreria in 3 giorni

14,00 €
Questo volume è frutto di un'iniziativa promossa dall'Ente Cassa di Risparmio di Firenze, per favorire il turismo "slow", per riscoprire e valorizzare le principali vie romee della Toscana, riproponendone i percorsi attraverso l'individuazione sul territorio di tracciati pedonali o ciclabili, svolgentisi lungo le direttrici delle strade medievali. Percorsi di fede, di commercio, di cultura tracciati nei secoli dai sandali, dagli zoccoli dei cavalli dei pellegrini tornano ad essere oggi realmente percorribili. La guida storico-artistica, ricca di immagini, avrà un comodo formato. Al suo interno il moderno viaggiatore potrà trovare la descrizione dei percorsi, approfondimenti su storia artistica e naturalistica di ogni itinerario, cartine e indicazioni pratiche per il percorso a piedi, in bicicletta o a cavallo. A disposizione del lettore anche informazioni sui luoghi di maggiore interesse o sui punti di alloggio e ristoro lungo il tragitto.

La rivelazione indiana

Moser Sabina
Le Lettere

Disponibile in libreria

18,00 €
Persuasa che la rivelazione divina non sia esclusiva di un popolo e di un tempo, Simone dedicgli ultimi anni della sua breve vita (1909-1943) a un'indagine nelle tradizioni religiose di tutto il mondo, alla ricerca di cosa unisce nella veritle diverse rivelazioni. Particolare rilievo in questa indagine lo ebbero le grandi filosofie e religioni dell'India: l'induismo, esaminato nei suoi principali testi - le Upanishad e la Bhagavad-Grta - per le quali Simone studiintensamente il sanscrito; il buddhismo, soprattutto nella sua forma Zen, e, di riflesso, anche il taoismo cinese. Nella "rivelazione indiana" Simone trovquegli elementi essenziali che non aveva trovato in quella biblico-cristiana: il distacco dall'ego, con la conseguente identificazione con l'Uno-Tutto; il concetto impersonale e, insieme, personale di Dio, una cosa sola con l'anima. Sul piano morale, trovla risposta al problema dell'azione e della forza, tanto piscottante durante la guerra: come Krishna insegna ad Arjuna, l'azione buona se compiuta senza guardare ai frutti, "senza perch, come dicono i mistici cristiani. Simone si convinse infatti che la veritdelle religioni non sta nelle rappresentazioni teologiche, ma nella mistica. Le mistiche - scrisse - si rassomigliano tutte, fin quasi all'identit Cogliere questa identit ma anche il rilievo di quel "quasi", fu l'impegno che assolse fino alla morte.

Il dossier di Avignone (9 febbraio...

Allegretti Paola
Le Lettere

Disponibile in libreria in 3 giorni

55,00 €
Nel Cielo delle stelle fisse san Pietro profetizza a Dante e al mondo il trasferimento della Curia Romana ad Avignone. Anche in cima al Purgatorio nel paradiso terrestre, il giorno prima, Beatrice e uno spettacolo enigmatico con più attori avevano preannunciato questa rivelazione (Purg. XXXII-XXXIII), ma nel Paradiso le parole di san Pietro sono esplicite. Dure, autorevoli: i Guaschi e i Caorsini saranno i prossimi pontefici (Par. XXVII 58-60). La parodia della salvezza è spaventosa. Il sangue di Pietro e dei primi papi martiri (Par. XXVII 40-42) verrà bevuto in un rito demoniaco (Par. XXVII 27). Nell'istante della rivelazione, datata 1300, tutto l'ottavo cielo diventa rosso scuro. Clemente V, il papa guasco (1305-1314), era già atteso in Inferno e sarebbe caduto a capofitto nella profonda bolgia dei simoniaci (Inf. XIX 82-87 e Par. XXX 142-148). Ma che ne è nella Divina Commedia del caorsino Jacques Duèse, papa con il nome di Giovanni XXII (1316-1334)? Succede infatti che l'unico documento storico in originale, segreto ma ufficiale, che contenga il nome di Dante Alighieri di Firenze sia proprio un documento della Curia di Giovanni XXII. Due cardinali nipoti del papa (Bertrand du Pouget e Arnaut de Via) e l'abate di Saint-Sernin di Tolosa (Pierre Le Tessier) sono i testimoni ad Avignone di una denuncia che coinvolge anche Dante: a Milano Matteo Visconti ha fatto costruire una statuetta-ymago d'argento di Giovanni XXII e la vuole distruggere con sortilegi. Nel 1320, giorno per giorno, un anno prima che Dante Alighieri muoia. Qui si pubblicano e si commentano i documenti dell'Archivio Apostolico Vaticano. E si dialoga con le domande che si pongono i dantisti, i lettori della Commedia, i filologi, gli archivisti e gli storici. Edizione critica, diplomatica e facsimilare.

L'uomo di penna e di pennello. Il...

Donno Ruben
Le Lettere

Disponibile in libreria in 3 giorni

35,00 €
Nel corso degli anni l'attività pittorica dell'intellettuale Ardengo Soffici è stata studiata separatamente da quella letteraria, e con maggiore attenzione. Questo studio, per la prima volta, desidera invece evidenziare la stretta aderenza e l'evidente influenza del doppio talento dell'artista di Poggio a Caiano, e il modo in cui egli subì il fascino delle nuove correnti artistiche italiane ed europee del Novecento. Il volume indaga approfonditamente la figura dello scrittore-pittore dal punto di vista del doppio talento, mettendo in parallelo i problemi teorici del visivo e del letterario alla luce delle influenze fiorentine, italiane ed extraeuropee, soprattutto francesi, che agirono sulla sua formazione. Soffici ne emerge così come una figura necessaria e imprescindibile, punto di snodo e, al contempo, di approdo, per comprendere le dinamiche artistiche, figurative e letterarie che si affacciavano al nuovo secolo e la loro interazione con il nuovo concetto di modernità. Prefazione di Valter Leonardo Puccetti. Postfazione di Floriana Conte.

Destino dell'uomo e religione...

Ghia Guido
Le Lettere

Disponibile in libreria in 3 giorni

26,00 €
Il volume è diviso in due parti: nella prima, condotta in dialogo con Lessing, ci si focalizza su una concezione della religione che trova nella libertà il suo momento sorgivo e rivelativo nella coscienza di ogni uomo, e che, nel suo dinamismo, si contrappone con decisione alla fissità del confessionalismo dogmatico; nella seconda, condotta in dialogo con Fichte, il concetto di trascendentale viene declinato nella sua valenza specificamente etico-religiosa, nel senso di una mistica oscillante tra i poli di un'identitas entis e di un'alterità della Trascendenza incomprensibile alla ragione calcolante umana e intuibile unicamente con il sentimento. Ne risulta, così, una tensione - fissata sintomaticamente nella categoria concettuale della "religione secondo l'Illuminismo" - tra la volontà dell'individuo di cercare incessantemente la verità e la consapevolezza dei limiti della ragione umana in questa ricerca, sicché il destino dell'uomo consiste non soltanto in un costante perfezionamento etico, ma anche nell'abbandono a una Provvidenza e a uno spazio di Trascendenza che il cuore percepisce, agostinianamente, intimior intimo meo.