Disabilità: aspetti sociali

Filtri attivi

  • Disponibilità: Non disponibile

Bambini sordi. Non solo un deficit...

Caselli M. Cristina
Il Mulino

Non disponibile

9,80 €
I bambini che nascono sordi sono circa uno o due su mille e di questi il 95% è figlio di genitori udenti. Un libro per famiglie, operatori, insegnanti, su un deficit "invisibile", che pone il bambino a cavallo tra il mondo degli udenti e quello minoritario - ma altrettanto ricco - di chi parla un'altra "lingua".

Adolescenza e sordità. Le relazioni...

Baldassarre M. L.
Carocci

Non disponibile

15,00 €
II volume ha come tema la sordità e in particolare le dinamiche relazionali di alcuni adolescenti affetti da questo disturbo. Il lavoro di ricerca ha coinvolto i ragazzi del Convitto nazionale dei sordi di Roma, con l'obiettivo di valutare e riflettere sulle eventuali difficoltà di vivere con una disabilità sensoriale complessa e "invisibile" come quella dell'udito. I dati ottenuti vogliono fornire spunti di riflessione e contribuire a far conoscere agli udenti il mondo dei sordi.

Verso una università inclusiva. La...

Bellacicco Rosa
Franco Angeli

Non disponibile

27,00 €
Il volume indaga, nel panorama internazionale, nazionale e locale, le opportunità degli studenti con disabilità di conseguire il successo formativo e di partecipare attivamente alla vita accademica. La riflessione mette in luce la sfida che la diversità ha posto alla dimensione organizzativa, pedagogico-didattica e valutativa delle università, evidenziando i traguardi raggiunti ma anche i processi che devono essere ancora implementati per diffondere maggiormente i principi inclusivi e rendere sempre più adeguati i servizi e i contesti. L'opera tratteggia, attraverso più vertici di osservazione - scientifico-culturale, normativo, statistico, politico -, gli snodi strategici del percorso che ha reso i sistemi accademici progressivamente più qualificati e funzionali ai bisogni differenziati della popolazione studentesca. Vengono individuate, inoltre, le questioni ancora aperte caratterizzanti le esperienze dei giovani con difficoltà nella formazione universitaria, dall'orientamento in ingresso alla transizione verso il mondo del lavoro. Il focus, in particolare, è posto su un'indagine empirica che ha interpellato direttamente la voce degli studenti disabili e permette di evidenziare più da vicino i progressi e gli ostacoli incontrati nelle diverse articolazioni della vita accademica, nonché di identificare alcune buone prassi, eventualmente replicabili, orientate a favorire la realizzazione delle loro aspirazioni personali, formative e professionali e, più ampiamente, l'esercizio della cittadinanza attiva nella società.

Il mio bambino speciale

Barnett Kristine
Mondadori

Non disponibile

11,00 €
Jacob ha un quoziente intellettivo più elevato di quello di Einstein, una straordinaria memoria fotografica e ha imparato l'analisi matematica da solo in due settimane. A nove anni ha cominciato a elaborare un'originale teoria astrofisica che gli studiosi ritengono potrebbe un giorno metterlo in lizza per il premio Nobel e a dodici è diventato ricercatore in fisica quantistica. Ma la storia di Jake è ancor più straordinaria se si considera che, quando aveva poco più di due anni, i medici gli diagnosticarono l'autismo e dissero a sua madre Kristine che, da adulto, avrebbe potuto non essere nemmeno in grado di allacciarsi le scarpe. "Il mio bambino speciale" è il memoir di una madre e di suo figlio. Mentre gli esperti cercavano di far emergere quelle capacità "standard" che lo avrebbero reso più simile a tutti gli altri, Jake non migliorava, scivolando sempre di più nel suo mondo fino al punto di smettere completamente di parlare. Kristine, in cuor suo, sapeva che qualcosa doveva cambiare e che toccava a lei agire. E così, contro il parere del marito Michael, diede retta al suo istinto, togliendo Jake dalle scuole "speciali" e preparandolo lei stessa a frequentare l'asilo tradizionale, decisa anche ad assecondare le sue inclinazioni e i suoi interessi. Questa filosofia, insieme alla fiducia nel potere delle semplici esperienze dell'infanzia come il gioco, le diedero ragione. E i risultati andarono al di là di quello che lei stessa avrebbe immaginato.

Il debito simbolico. Una storia...

Schianchi Matteo
Carocci 2019

Non disponibile

39,00 €
Proprio perché riguarda il corpo, la disabilità ci pone da sempre quesiti decisivi. Lo statuto di inferiorità assegnato agli individui con tali caratteristiche è la risposta. Le biografie di un eroe del Risorgimento, di un letterato e di ignoti individui, il potere sociale e culturale della religione, i silenzi sugli infortuni nel sistema di fabbrica e le insufficienti forme di riparazione, la costruzione della figura dell'infermo da parte di un quotidiano e della letteratura italiana sono il banco di «trasformazione della storia in natura» (Bourdieu). Il debito simbolico è il modo stesso con cui, tutti, pensiamo e consideriamo gli individui dal corpo menomato, è il fardello con cui deve fare i conti il loro percorso sociale. Esaminare la lunga eredità che la storia ci ha lasciato è il primo passo per costruire modalità capaci di arginare processi di inferiorizzazione, ritenuti "naturali". In alternativa, non si può che assistere, e contribuire, al perpetuarsi di rapporti che, per quanto misconosciuti, restano di forza e di dominio.

Le social derrière le handicap....

Schianchi Matteo
L'Harmattan Italia 2019

Non disponibile

52,50 €
Storia sociale dell'infermità come frammento di una nozione più generale, quella del corpo. Analisi teorica e contestuale (l'Italia fra il XIX e il XX secolo) dell'«invenzione» del concetto di handicap e della violenza simbolica che racchiude, sino a produrre una trasformazione della storia in natura, dell'arbitrio culturale in idea naturale.

Percorsi di vita e disabilità....

Marchisio Cecilia M.
Carocci 2019

Non disponibile

14,00 €
La Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità ha prodotto un cambio di paradigma all'interno del quale oggi bisogna muoversi per costruire servizi e sostegni. In quest'ottica diventa necessario attivare nuove modalità e strategie per creare le condizioni di contesto, sociali e materiali, affinché le persone con disabilità vivano come cittadini nel mondo di tutti. Il testo descrive, alla luce dell'esperienza sul campo degli ultimi anni, percorsi e strumenti volti a costruire insieme alle persone con disabilità e alle loro famiglie un futuro nella società, con le stesse opportunità degli altri. L'approccio della coprogettazione capacitante permette di delineare in maniera articolata le fasi della vita, sostenendo la persona in un percorso emancipatorio, costruito attraverso l'evoluzione di ruoli, spazi e relazioni autentici all'interno della società.

Diritto al lavoro e disabilità

Curto Natascia
Carocci 2019

Non disponibile

16,00 €
Il lavoro costituisce un tema complesso dal punto di vista storico, sociologico e culturale, intriso di implicazioni sia di ordine tecnico che etico. Il cambio di paradigma portato dalla Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità chiama in causa nuove riflessioni e nuovi strumenti per consentire alle persone con disabilità di accedere al lavoro, strumento di cittadinanza e garanzia di deistituzionalizzazione.

Se sembra impossibile allora si può...

Vio Bebe
BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

Non disponibile

12,00 €
Chiunque incontri Bebe, o anche solo la veda in tv, rimane incantato dall'energia positiva che sprigiona a ogni parola, ogni gesto, ogni sguardo. Come si spiega questo suo modo di essere che le ha permesso non solo di superare difficoltà apparentemente insormontabili, ma anche di raggiungere eccezionali traguardi sportivi? Sembra un mistero.Invece, se si leggono gli spassosissimi racconti dei tanti episodi raccolti in questo libro, si scopre che Bebe affronta ogni genere di ostacolo utilizzando strumenti e risorse che ciascuno di noi ha a disposizione... anche se spesso non se ne accorge nemmeno! Innanzi tutto, Bebe è da sempre consapevole che bisogna trovarsi un sogno da perseguire con la massima passione: per esempio, lei ha iniziato a cinque anni a desiderare con tutte le sue forze di andare alle Olimpiadi. Per raggiungere la propria meta è fondamentale poi imparare a collaborare con gli altri, fare squadra, chiedere aiuto perché «da solo non sei nessuno». Ma ci sono anche tanti altri alleati a portata di mano: l'ironia, la capacità di rimanere "scialli", il saper fare tesoro delle critiche positive stando però attenti a quelle cattive e agli hater. E persino la paura, un'emozione normalissima, può essere gestita: basta sapere come prenderla.Scritto con lo stile spontaneo e frizzante che contraddistingue Bebe, Se sembra impossibile, allora si può fare è una lettura che può ispirare e confortare persone di tutte le età, dai giovanissimi, che possono rispecchiarsi nella sensibilità e nel linguaggio fresco di una ventenne, agli adulti che si trovano a combattere battaglie quotidiane, magari impercettibili agli altri ma ugualmente gravose e impegnative.

10 cose che ogni persona con...

Contardi Anna
Erickson 2019

Non disponibile

16,50 €
Negli ultimi 40 anni sono migliorate molte cose per le persone con la sindrome di Down, dall'aspettativa e qualità della vita all'ingresso nel mondo del lavoro, a una maggiore conoscenza e consapevolezza da parte di tutta la società. Questa rivoluzione è stata resa possibile anche grazie alle famiglie, alle associazioni, agli operatori e alla scelta fondamentale dell'inclusione. In questo libro abbiamo cercato di condividere alcune informazioni, ma anche tante testimonianze interessanti, riassunte in «10 cose» da sapere sulla sindrome di Down. 1. Down non vuol dire giù 2. Prima di tutto persone 3. Non siamo tutti uguali 4. Siamo più lenti ma possiamo imparare 5. Ridiamo, piangiamo, siamo felici e ci arrabbiamo 6. Diventare autonomi si può 7. Anche noi diventiamo grandi 8. Anche noi ci innamoriamo 9. Sappiamo di essere persone con la sindrome di down 10. Vogliamo andare a vivere da soli Perché vorremmo far conoscere un po' meglio questi nostri compagni di viaggio.

La sessualità della persona...

Mannucci
Franco Angeli 2019

Non disponibile

15,00 €
Nonostante l'evoluzione degli studi di pedagogia e didattica speciale e l'attenzione del mondo educativo sulle strategie di inclusione, le persone diversabili si scontrano quotidianamente con pregiudizi e barriere, materiali e culturali, che ne minano l'autonomia, l'autostima e in ultima analisi la qualità di vita. Uno degli stereotipi più duri a morire è quello secondo il quale la persona diversabile rimane sempre un po' bambina, trovandosi così negata nel suo essere soggetto di emozioni, desideri, pulsioni anche sessuali. Le famiglie in primo luogo, ma anche educatori e insegnanti rimangono soli nella gestione di questi problemi, che affrontano come sanno e come possono, talora negandolo, talora confrontandovisi in maniera creativa. Frutto della sua lunga esperienza di dialogo con le famiglie delle persone diversabili e di formazione dei professionisti che se ne occupano - educatori ed educatrici, insegnanti -, con questo libro l'autore raccogliere la conoscenza acquisita su un tema ancora "scabroso" in una forma agile e pratica, offrendo un manuale di consultazione per quanti si trovano ad accompagnare la persona diversabile nel suo cammino verso una autodeterminazione, sempre individuale e diversa, che ne migliori la qualità di vita complessiva.

Le parole ritrovate. La rivoluzione...

De Stefani Renzo
Erickson 2019

Non disponibile

15,00 €
Le Parole ritrovate sono un movimento che negli ultimi vent'anni ha cercato di rivoluzionare la salute mentale in Italia. Lo ha fatto in maniera «dolce», attraverso la passione e l'impegno di migliaia di persone. La rivoluzione di Le Parole ritrovate si ispira a un principio: fare in modo che anche utenti e familiari abbiano voce e ruolo e siano coinvolti nelle decisioni che contano, attraverso l'approccio diventato noto in tutta Italia come "fareassieme". Un principio semplice, ma non scontato. Nell'Italia della salute mentale, che viaggia a velocità diverse, ci sono realtà dove le persone che soffrono di disturbi psichici, e le loro famiglie, sono abbandonate e inascoltate. Questo libro racconta la storia di Le Parole ritrovate: tante esperienze, spesso piccole, ma che unite dipingono un quadro di fiducia e speranza e raccontano di un cambiamento possibile, per una salute mentale più umana e più giusta.

Potere H. I disabili che hanno...

Zucchi
Il Prato 2019

Non disponibile

13,00 €
Il concetto ispiratore di questo libro è raccontare le vite dei disabili che hanno fatto la Storia con la maiuscola, quella che resta scolpita negli annali o nell'immaginario collettivo. Non quelli che hanno battuto record o dimostrato "di potercela fare", ma uomini e donne che, nonostante i propri handicap, sono arrivati ai vertici assoluti nelle rispettive discipline o arti. Dalla politica allo sport, dalla musica alla fisica. Una carrellata di vite eccezionali articolata in una quarantina di ritratti: personaggi celebri - Omero o Beethoven, Roosevelt o Hawking, Ray Charles o Alex Zanardi - come pure meno noti al grande pubblico, ma per questo più sorprendenti: dal Re Pescatore custode del Graal, al rivoluzionario francese in carrozzina, ai "mezzi uomini" del cinema americano. Senza dimenticare coloro che, con il loro lavoro o il loro esempio, attraverso i secoli hanno contribuito in modo decisivo alla progressiva accettazione, integrazione e, infine, inclusione sociale dei disabili: da Braille o De l'Epee a indimenticabili testimonial come Christopher Reeve o Mohammed Alì.

Verso la montagna

Solimes Alberico
Vertigo 2019

Non disponibile

12,90 €
Le montagne si elevano maestose, con le loro cime aguzze trapassano il cielo e si spingono fin oltre le nubi, e sono la meta del cammino dell'esploratore alla scoperta del mondo e della bellezza della vita. Lo scalatore si arrampica con tutte le sue forze fin sulla vetta e da lì resta in bilico sul limbo, al confine tra finito e infinito. Il titolo di questo romanzo Verso la montagna ci prende per mano e ci guida delicatamente in una sorta di meraviglioso viaggio alla scoperta della bellezza della vita. Le parole, pagina dopo pagina, ci raccontano la storia di chi ha perso la vista, prima da un occhio, e poi da entrambi, ma il miracolo è che al posto del buio dentro di lui è entrata una sorta di luce, con una tale forza che solo allora le cose attorno, le persone e gli eventi si sono svelati sotto un altro aspetto. Una luce che investe e ricopre tutto ciò che ci circonda e che illumina la notte, quel buio che rende cieco chi invece ha il dono fisico della vista, perché per vedere nell'anima delle persone non bastano gli occhi ma ci vuole il cuore. "Chiudere gli occhi per sempre" scrive Alberico Solimes "non significa camminare nel buio, ma procedere nella vita con uno sguardo diverso. L'illuso che pensa di vedere, invece, è più facile che cammini nel buio, inciampando sulle proprie idee e, nonostante tutto, persevera nella sua illusione di vedente. Questi, infatti, è più facile che diventino disabili in Amore".

Come aquiloni... o quasi

Mosconi Alessandro
StreetLib 2019

Non disponibile

24,99 €
"Come aquiloni... o quasi" tratta di disabilità e normalità, partendo dalla originale esperienza dell'autore come padre di tre figli, due dei quali disabili intellettivi per diverse condizioni genetiche casuali: raccoglie similarmente a un colorato patchwork frammenti di vita vissuta, esperienze e sentimenti, in modo solo apparentemente (e volutamente) un po' casuale, proponendosi in modo serio ed al tempo stesso ironico, pieno di speranza e disincanto, gioia e dolore, così come normalmente è la vita dei genitori "disabili". Un abbecedario che fa da contrappunto ai singoli capitoli dimostra attraverso una sottile e spesso irriverente ironia quanto poco si conoscano queste persone e quanto radicati e dannosi siano spesso tanti stereotipi e comportamenti.

Psicologia della disabilità e dei...

Zanobini Mirella
Franco Angeli 2019

Non disponibile

40,00 €
Molte cose sono cambiate nel campo della disabilità dall'uscita della prima edizione di questo testo, che risale al 1995: dalla terminologia utilizzata, alle classificazioni in uso, alla normativa nazionale e internazionale, ai modelli teorici sottostanti le diverse interpretazioni dei disturbi. In particolare, si è assistito al consolidamento di una prospettiva neurocostruttivista come chiave di lettura delle profonde differenze tra individui che presentano la stessa "condizione di salute": le traiettorie evolutive sono il risultato di una continua interazione tra fattori genetici, substrato neurale e fattori contestuali, intesi come condizioni ambientali, caratteristiche della persona ed esperienze di vita. In quest'ottica, all'attitudine a suddividere in categorie rigide i singoli disturbi si è sostituita una prospettiva dimensionale, che interpreta la diversa espressività dei sintomi come un continuum e riconosce i livelli di gravità come frutto non solo delle differenze individuali, ma della qualità e quantità di supporto. La quinta edizione del DSM applica tale prospettiva alla descrizione dei cosiddetti "disturbi del neurosviluppo", macrocategoria in cui, come si evidenzia nel corso del volume, ricadono molte delle condizioni descritte. Come nelle edizioni precedenti, il volume descrive percorsi di sviluppo e prospettive di intervento centrati sulla persona, nella sua complessa interdipendenza con i contesti storici, culturali e familiari. Scienza applicata? Un manuale per l'intervento? Anche, ma non solo. Certamente un'utile disamina degli aspetti psicologici connessi alla disabilità, una guida di base per la formazione degli studenti, ma anche delle diverse figure professionali - dagli specialisti agli insegnanti - e dei genitori che potranno trovarvi informazioni nuove o spunti interessanti per ulteriori approfondimenti.

Bullismo e disabilità. Riconoscere...

Davì Dario
Aut Aut Edizioni 2019

Non disponibile

13,00 €
Il bullismo, che sia reale o virtuale, è sempre più presente nelle relazioni dei più giovani. Nel suo saggio, Dario Davì, affronta un aspetto del bullismo spesso sottovalutato, quello subìto da persone con diverse disabilità, sia fisiche che mentali. Attraverso un intenso excursus di testimonianze, l'autore affronta i vari aspetti del bullismo, ne rintraccia le caratteristiche, i soggetti protagonisti, proponendo, infine, una possibile risoluzione dei conflitti che ne stanno alla base.

Sulla mia vita. I vissuti, le...

Grossi Francesco
Città del Sole Edizioni 2019

Non disponibile

10,00 €
La disabilità "limiti reali o etica culturalmente retriva e codina"? Questa è la questione fondante del libro. Ed è attraverso il racconto di avvenimenti reali, e di vita vissuta che si cerca di dipanare il filo di tutta la vicenda che concerne la vita dell'autore. Certamente la disabilità acclara e rende evidente nonché chiaro agli occhi di tutti "inabilità e fragilità" proprie del soggetto disabile. Inabilità e fragilità che dovrebbero contrassegnare lo status e la vita di tutti gli uomini. Eppure talvolta non è così; difatti nella società si tende a individualizzare e a fare del disabile un esempio di difformità in assoluto. In assoluto, perché del disabile si evidenziano solo le fragilità, che culminano nello stereotipo culturale del più "debole". In questo libro si cerca di narrare come ciò sia superficiale e privo di fondamento. Ovviamente, il disabile ha un vissuto più "profondo" e impervio rispetto a quello che di solito volgarmente si definisce "normodotato". Un percorso di accettazione e di comprensione di se stesso, che conferisce alla vita una maggiore galeropia ed acutezza visiva, che oltrepassa quei limiti apparentemente insormontabili. Ma il disabile come tutti ha una vita che va oltre i più insuperabili limiti. Il disabile vive e convive con gli amici e gli amori. E se fosse solamente un maledetto preconcetto o un pregiudizio retrivo la disabilità? Ovvero in altri termini, il problema è forse l'etica del mondo in cui per dirla heideggerianamente siamo "gettati"? Una cosa è certa Amor omnia vincit, ovvero l'amore vince su tutto, anche sulle più ardue e fosche vie della vita.

Il social work con le persone non...

Corradini Francesca
Erickson 2019

Non disponibile

18,00 €
Per effetto delle dinamiche demografiche e della crisi delle risorse fiscali disponibili per i sistemi di welfare, accade che s'imponga sempre più alla nostra attenzione la condizione di non autosufficienza, sia quella che riguarda persone adulte con disabilità sia, soprattutto, quella legata all'età anziana. Il volume intende indagare, attraverso un metodo di ricerca originale, il tema del fronteggiamento sociale dei problemi di vita e della maniera in cui esso può essere facilitato dai professionisti dell'aiuto. L'indagine, di sicuro interesse per professionisti del settore e studiosi, mostra il lavoro effettivamente svolto dagli assistenti sociali nelle situazioni di non autosufficienza, con l'obiettivo di mettere in luce le caratteristiche distintive del loro apporto e di identificare le pratiche professionali che possono risultare maggiormente efficaci nell'innestare e sostenere i processi di assistenza.

Nel principio erano i mostri....

Mantegazza Raffaele
Kanaga 2019

Non disponibile

13,00 €
Handicappati, diversamente abili, disabili. Cambiamo i nomi per definirli, ma come li vediamo? Questo libro presenta alcune immagini delle persone disabili nella convinzione che il modo di rappresentarci la disabilità abbia una diretta conseguenza sul modo di rapportarci, non solo a queste persone, ma agli altri volti della diversità. Dopo un'analisi delle figure dei cosiddetti mostri in un testo medievale, il libro si occupa dello sterminio dei disabili nella Germania nazista e dell'immane operazione di propaganda che lo precedette e lo accompagnò, per poi analizzare alcune immagini della disabilità nella comunicazione pubblicitaria.Chiude il testo una riflessione su disabilità e sessualità a partire dalla figura dell'assistente sessuale, introdotta in alcuni Paesi e discussa anche in Italia.

Disabilità relazione e...

Velar 2019

Non disponibile

25,00 €
Questo volume è la raccolta degli atti del VII Congresso Internazionale sulla Disabilità relazione e riconoscimento sociale nell'epoca della tecnologia tenutosi a Capodistria dal 24 al 26 maggio 2018. Con i lavori congressuali si è voluto suggerire un cambio di mentalità culturale che appare, ormai, ineludibile. Nell'epoca delle tecno-scienze, la questione della disabilità rischia, infatti, di essere vittima di una sorta di rimozione. Da un lato, perché la risposta ai bisogni delle persone con disabilità non può derivare unicamente dallo sviluppo ambivalente della tecnologia. Dall'altro, perché essa richiede, al contempo, un'elaborazione politica, culturale e legislativa eticamente adeguata, in cui la condizione umana della disabilità non sia considerata residuale rispetto ai temi della dignità e della giustizia sociale.

PINUS. Inclusive project for...

Image (Ravenna) 2019

Non disponibile

10,00 €
Si descrive il progetto Pinus, in riferimento alle Linee Guida per il godimento dei Siti Unesco, messe a punto con il progetto europeo Usefall, che raccomandano di sviluppare percorsi museali per tutti i possibili utenti, prevedendo una comunicazione a vari livelli: verbale, testuale, simbolica, visiva, tattile, olfattiva o tecnologica. Basandosi su questi presupposti e soprattutto all'attenzione ai cittadini con disabilità visive, nasce il progetto PINUS, che attraverso tavole tattili e sculture tridimensionali vuole avvicinare anche gli utenti con bisogni speciali ai temi dell'iconografia artistica e della salvaguardia delle specie vegetali e animali. La biodiversità locale, così fiorente e abbondante nelle decorazioni musive di V e VI secolo, e in particolare nel catino absidale di Sant'Apollinare in Classe, in cui si rappresenta l'ambiente delle nostre valli come simbolo di un giardino paradisiaco, è oggi a rischio di totale estinzione, assieme agli habitat che la ospitavano.

La disabilità tra riabilitazione e...

De Silva Virginia
Università La Sapienza 2019

Non disponibile

25,00 €
In lingua tigrina gudat akal significa "corpo danneggiato", espressione utilizzata nel contesto locale per indicare la disabilità fisica. Basato su una ricerca antropologica realizzata tra l'ottobre 2014 e l'agosto 2015 in due aree urbane del Tigray (nord Etiopia), questo libro studia le modalità di costruzione sociopolitica della disabilità, una categoria relazionale, porosa e fluida, plasmata da differenti sistemi medici e regolata da specifici rapporti di forza. Il testo si articola in cinque parti: un capitolo introduttivo e quattro sezioni tematiche approfondiscono storie, discorsi, diseguaglianze, pratiche (r)esistenziali e ruoli di cura nella gestione pubblica e intima della disabilità. Riflessioni e descrizioni si alternano in un costante intreccio dialogico tra soggettività e istituzioni. Attraverso la lente dell'antropologia medica, fondata sulla ricerca etnografica, l'Autrice riesce a mostrare come le più intime percezioni del sé risultino influenzate da processi socio-politici più ampi e profondi.

Museo laboratorio della mente....

Silvana

Non disponibile

20,00 €
Il Museo Laboratorio della Mente è un museo di narrazione che si confronta con la complessa tematica del disagio mentale e del suo processo di disumanizzazione, attraverso testimonianze, memorie, documenti, oggetti, interpretazioni artistiche e performative. Un percorso espositivo, immersivo e multimediale che offre ai visitatori una lettura dell'alterità, delle sue forme e dei suoi linguaggi. Un'esperienza soggettiva che si genera nell'attraversamento degli spazi manicomiali e nell'apparire inatteso delle storie rievocate.

Vincere nel silenzio. Il più grande...

Pirolli Armando
Pasquale Gnasso Editore 2019

Non disponibile

9,00 €
"Vieni, ti prenderò per mano e ti porterò a guardare, anche senza luce, lo splendore della mia stella". Non è una frase di circostanza, ma il senso di una scelta che si racconta in modo semplice, quasi genuino, tra le pagine di questo libro; un viaggio tra le emozioni, le sconfitte, le risalite e la voglia di mostrarsi al mondo con tutto il bello che può nascondersi nel silenzio. Una piccola storia di un uomo semplice, ma proprio per questo destinato a essere un grande protagonista dello sport e del nostro tempo.

Il superdisabile. Analisi di uno...

Ferrazzoli Marco
Lu.Ce 2019

Non disponibile

15,00 €
Dalle cronache giornalistiche alle trasmissioni televisive, dal cinema allo sport, sempre più persone con disabilità divengono protagonisti pubblici e molti cosiddetti "supercrip" (traducibile in italiano come "superdisabili") sono diventati modelli di notorietà planetaria. Personaggi come Alex Zanardi, Bebe Vio, Giusy Versace e Nicole Orlando - con le loro imprese - sono in grado di ispirare autostima, fiducia e proattività in chi vive condizioni di handicap, invalidità, menomazione. Il libro affronta con una riflessione critica quest'evoluzione rispetto allo stigma, alla vergogna, all'isolamento e al pietismo che spesso hanno connotato le persone disabili in passato: partendo da un'analisi del "diverso" nella storia e nell'immaginario, fino ad arrivare ai progressi della ricerca e della tecnologia che hanno aiutato a migliorare la qualità della vita e a favorire l'inclusione sociale delle persone con disabilità. Non va, tuttavia, dimenticata la realtà quotidiana e lontana dai riflettori di chi vive tali condizioni e quella dei caregiver, le difficoltà, i costi e i carichi che la appesantiscono. Bisogna cioè evitare che la superdisabilità diventi un nuovo stereotipo.

Abitare inclusivo. Il progetto per...

Anteferma Edizioni

Non disponibile

32,00 €
Il volume affronta il tema dell'abitare, inteso nel suo significato più ampio di abitare uno spazio, un luogo, sia esso chiuso o aperto, costruito o meno, raccogliendo i risultati di studi, ricerche e sperimentazioni di architettura in chiave inclusiva, condizione necessaria a garantire una vita autonoma e indipendente con attenzione mirata alle persone (giovani, adulte e anziane) con problemi di salute o di disabilità che ne limitano l'autonomia nelle attività di base e strumentali. Si tratta di una raccolta strutturata di esperienze che origina dalla volontà dei componenti del Cluster Accessibilità Ambientale della Società Italiana di Tecnologia dell'Architettura di rilevare un modello funzionale attuale di riferimento scientifico interdisciplinare dell'architettura, declinato alle diverse scale delle opere, dei prodotti e dei processi, per l'avanzamento tecnologico di una progettazione sempre più mirata alla persona e al suo valore in un processo etico di sviluppo sociale.

Studio sulla popolazione di persone...

Solipaca A.
Erickson 2018

Non disponibile

13,00 €
Questa ricerca, commissionata dalla Lega del Filo d'Oro e condotta dall'Istituto nazionale di statistica, mira a fornire una stima della presenza di persone sorde, cieche e sordocieche nel nostro Paese; ma soprattutto ha lo scopo di offrire strumenti per analizzare le difficoltà che queste persone incontrano nel loro vissuto quotidiano. Lo studio descrive a grandi linee le condizioni di vita di chi ha disabilità sensoriali e le mette in relazione con quelle osservate nel resto della popolazione. Le analisi condotte dall'Istat sono focalizzate sulle principali dimensioni dell'inclusione sociale indicate nella Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità. In particolare, vengono affrontati i temi legati alla partecipazione sociale, al diritto all'istruzione e al lavoro. I dati che emergono dalla lettura dell'indagine Istat confermano l'urgenza del fenomeno. «Dopo questo studio non si può più fare finta di non sapere. Non possono più farlo la politica, le istituzioni pubbliche, le organizzazioni dei cittadini e della società civile.» (Carlo Francescutti)

Libera Chiara

Tonelli Paolo
Il Margine 2018

Non disponibile

13,00 €
Per spiccare il volo non servono ali possenti. Nessuna ala ci porterebbe in alto. Sempre il peso stesso del nostro essere ci fa precipitare. L'energia per librarsi sull'esistenza viene da altrove. Occorre un passo leggero per colmare il vuoto del vivere (Piergiorgio Cattani) È la passione che l'ha contraddistinta, una passione che era fatta di testa, di ragione e di grande cuore. La sua curiosità, il suo mettersi in gioco, la sua capacità di fare quel passo in più anche quando la vita l'ha privata di alcune possibilità, ma contemporaneamente l'ha certamente arricchita d'altro (don Luigi Ciotti) Chiara: una farfalla, capace di volare anche con le stampelle, usate, quasi, per darsi l'ultimo slancio, lo strappo per non sentire la pesantezza insidiosa, tentazione da vincere ogni giorno (don Marcello Farina)

Vita fragile vita comune. Incontri...

Lizzola Ivo
Il Margine 2018

Non disponibile

10,00 €
Molte donne e molti uomini sentono oggi di vivere le loro fragilità nei frammenti di una convivenza dai legami incerti. In questo tempo di attraversamento delicato, nel quale prevale l'indistinto e l'ambivalente, il lavoro sociale ed educativo può permettere di leggere e di coltivare il nuovo che sta nascendo: dalle prossimità, da circuiti di responsabilità, in nuove configurazioni della vita comune. Certamente si vive il rischio di rifugiarci in «solidarietà perimetrate», ma si può pure partecipare a inedite danze tra fragilità e capacità. Come artigiani della vita quotidiana, dei legami, della giustizia. Comunità è un modo di ritrovarsi in prossimità, spesso tra sconosciuti. È una soglia: un luogo e un tempo di visione, di presa di iniziativa, di prova e di scoperta. Dove si pulisce il futuro, si matura un invio verso l'aperto, ci si avvia. Insieme.

Neurodiversità. Per una sociologia...

Caniglia Enrico
Meltemi 2018

Non disponibile

20,00 €
L'autismo, la sindrome da deficit d'attenzione e iperattività infantile (ADHD) e la famiglia dei disturbi dell'apprendimento (dislessia, discalculia, disgrafia, ecc.) sono condizioni accomunate dal riguardare non tanto la classica categoria del ritardo mentale o del deficit intellettivo, bensì le "incapacità" connesse ad aspetti strettamente sociali come la socialità, le abilità implicate nel comunicare e nel capire gli altri e diversi aspetti "ovvi" dei processi di apprendimento. Ciò rende queste condizioni sia di grande interesse per chi studia le basi della socialità umana, sia un formidabile terreno di incontro, o di scontro, tra le prospettive "biologiste", incarnate dalla medicina e soprattutto dalle neuroscienze, e quelle "umaniste", sostenute dal pensiero critico. Quale significato va assegnato a tali condizioni? Sono "disturbi" da curare o "diversità" da rispettare negli ambienti sociali (la scuola, lo spazio pubblico, il lavoro, ecc.)? Hanno basi biologiche oppure sono un'ennesima forma di medicalizzazione del comportamento umano? Neurodiversità è il recente neologismo impiegato per descrivere tali condizioni allo scopo di evidenziarne la natura di "variazioni" rispetto alla normalità, rigettando così l'idea che si tratti semplicemente di malattie. In questo senso autismo, ADHD e dislessia costituiscono un ambito privilegiato per indagare l'operato di due categorie costitutive del nostro vivere sociale: la normalità e la devianza.

Come quando la piscina dorme....

Nanni Stefania
Longanesi 2018

Non disponibile  
NOVITA NARRATIVA

16,90 €
Fin dalla nascita Luca è un bambino speciale: non cresce come gli altri, non cammina come gli altri, non parla come gli altri. Ci vogliono tre anni perché questa condizione trovi un nome: sindrome dell'X fragile, che causa ritardo mentale e per cui non esiste cura. All'epoca della diagnosi nessuno scommetterebbe sul futuro di Luca, che infatti cresce chiuso in un mondo di cui sembra impossibile trovare l'accesso. Forse ha ragione chi, in quel bambino ipercinetico e a volte aggressivo, vede solo un problema da contenere in aule speciali, lontano dagli altri, i normali. O forse ha ragione Stefania, sua madre, che rifiuta di arrendersi e dichiara battaglia al pregiudizio e alla paura del diverso. E Maria, la vicepreside della scuola superiore a cui Luca approda ormai adolescente, che crede nel potere del confronto con ciò che non ci somiglia. Fatto sta che il miracolo (che poi un miracolo non è) si compie, e l'ex bambino prigioniero di un mondo impenetrabile si trasforma in un ragazzo solare, portatore di una ventata di surreale allegria nella vita di chi lo incontra, beniamino della sua scuola e infine star del web, grazie a un delizioso video rap prodotto dai suoi compagni ma scritto, in un certo senso, da lui stesso. Come quando la piscina dorme racconta in che modo tutto questo sia potuto accadere. Ma è anche e soprattutto una storia di formazione e d'amore, quello che ha sempre circondato Luca e che lui, nel suo modo unico, restituisce ancora più luminoso a chi ha la fortuna di stargli accanto.

UNIversal inclusion. Rights and...

Pace S.
Franco Angeli 2018

Non disponibile

29,00 €
Nel mondo accademico, come in altri contesti formativi, l'adozione del modello dell'inclusione è l'imperativo del ventunesimo secolo, secondo i recenti pronunciamenti dei principali organismi mondiali (ONU, Convenzione sui diritti delle persone con disabilità del 2006; Agenda 2030 del 2015) ed europei (Programma UE 2010-2020). Attorno al binomio università-disabilità si è formata una comunità intellettuale internazionale che, consapevole delle difficoltà e degli ostacoli che rallentano il processo di non discriminazione, perfeziona reti e approcci interdisciplinari nelle politiche e nelle pratiche: il processo inclusivo non è estraneo a ostacoli, in relazione alle culture e alle scelte dei diversi paesi. L'Italia partecipa a questo cammino investendo risorse in molte direzioni: erogazione di servizi/strumenti a supporto; personalizzazione dei piani di studio; individuazione di un docente, delegato del Rettore, per il coordinamento delle iniziative su accessibilità e inclusione. La Conferenza Nazionale Universitaria dei Delegati per le Disabilità (CNUDD) è riferimento essenziale per il confronto tra politiche e pratiche su scala nazionale. In collaborazione con gli atenei piemontesi - Università degli Studi di Torino, Politecnico di Torino e Università del Piemonte Orientale - ha inteso favorire il dibattito sul ruolo che l'alta formazione svolge a sostegno del progetto di vita e dell'avviamento al lavoro per i giovani adulti con disabilità. Questo volume raccoglie riflessioni ed esperienze strategiche di studiosi del settore: le politiche universitarie per l'inclusione, il protagonismo di studenti con disabilità, il tutorato tra pari e la mobilità studentesca, l'Universal Design for Learning e l'insieme di tecnologie dell'informazione e della comunicazione. Introducono le sezioni alcuni esperti internazionali: Serge Ebersold, Dominique Archambault, Hervé Benoit, Sheila Riddel con Elisabet Weedon, Jutta Treviranus. Apre la raccolta di saggi Andrea Canevaro, decano degli studi italiani sulla Pedagogia Speciale.

Noi siamo immortali. Due vite...

Cupidi
Mondadori Electa 2018

Non disponibile

16,90 €
Giovanni Cupidi non è nato per arrendersi. Questa convinzione lo accompagna da sempre, soprattutto da quando, all'età di tredici anni, è diventato tetraplegico. Da quel giorno tutto è cambiato, tutto è diventato più difficile - alzarsi dal letto, vestirsi, spostarsi - e di colpo la vita si è trasformata in una sfida continua. Ma nonostante questo Giovanni è andato avanti e ha affrontato la sua difficile situazione con coraggio, forza e determinazione. Ha studiato, lavorato e viaggiato, e sulla sua sedia a rotelle ha raggiunto traguardi ai quali nessuno pensava potesse approdare nella sua condizione. In questo libro Giovanni racconta la sua storia: il prima e il dopo, la spensieratezza dell'infanzia, il rapporto con i genitori e gli amici, fino alla malattia e alla rinascita. Ma non solo. In queste pagine l'autore ci parla della sua battaglia per i diritti dei disabili, del suo ruolo di attivista e dell'impegno costante profuso per dare voce a chi troppo spesso viene dimenticato dalle istituzioni. E poi gli obiettivi raggiunti, i desideri, i sogni e le ambizioni verso cui tendere da una carrozzina elettronica, che da impedimento può diventare un mezzo per "muovere" il mondo. "Noi siamo Immortali" è un omaggio alla vita, alla forza di volontà e all'orgoglio. Perché la storia di Giovanni è la storia di tanti che non hanno voglia di nascondersi e pretendono di mostrarsi per quello che sono: esseri unici e irripetibili. Prefazione di Lorenzo Jovanotti.

Proposte tipologiche per...

Mollo L.
Aracne 2018

Non disponibile

10,00 €
La monografia, vuole, in modo agile e sintetico, avvicinare studiosi e progettisti alla "vita" dei disabili visivi e fornire indicazioni tipologiche e buone pratiche costruttive per una economica risoluzione degli enormi problemi che questi incontrano anche nelle attività più semplici, per colpa, o comunque con la complicità, di una sensibilità ancora insufficiente del mondo della progettazione.

Minority reports (2015). Vol. 5:...

Mimesis 2018

Non disponibile

20,00 €
Contributi di Ciro Tarantino, Alessandra M. Straniero, Giacomo Todeschini, Sabrina Tosi Cambini, Fulvio Librandi, Fabio Coccetti, Monica Matera, Marco Mazzeo, Linda De Feo, Luca Santiago Mora.

Disabili e lavoro

Riccardi Angelica
Cacucci 2018

Non disponibile  
DIRITTO DEL LAVORO

30,00 €
La trattazione è articolata in due parti. Nella prima Angelica Riccardi analizza i soggetti del sistema collocativo. Sin dall'intitolazione dei paragrafi si intravede in maniera nitida l'impostazione seguita dall'autrice, che evidenzia, quanto all'area dei soggetti protetti, il passaggio dalla frammentazione che connotava la Legge n. 482 (articolata per categorie) alla ricomposizione operata dalla Legge n. 68; quanto all'area dei soggetti obbligati, l'abbandono nella nuova disciplina dell'impostazione rigoristica della precedente, connotata da un alto tasso di ineffettività, e l'adozione di una linea flessibile attraverso un articolato ventaglio di deroghe. La seconda parte della trattazione è interamente dedicata alla strumentazione a cui si affida l'inserimento e l'integrazione lavorativa dei disabili per garantirne il diritto di cittadinanza attiva. Centrale è il passaggio da un sistema bloccato sull'imposizione a uno incentrato sul collocamento mirato, affidato nella mens legis anche al sistema convenzionale, partitamente analizzato nelle sue varie declinazioni.

Visabilità. Il giubileo dei malati...

Guarino Angela
Franco Angeli 2018

Non disponibile

33,00 €
"Visabilità" offre uno sguardo sulla rappresentazione della disabilità e della malattia a partire da una ricerca svolta a Roma durante i giorni dedicati al Giubileo della Misericordia. Si inserisce in una tradizione di studio mirata a comprendere l'evento giubilare, pur partendo da una sua autonomia metodologica e da obiettivi conoscitivi legati anche all'impatto sociale dei nuovi media. Nell'era della diffusione delle immagini, complici le tecnologie sempre più user-friendly e la partecipazione alla rete anche in ambito religioso, come ci si comporta quando l'attenzione è rivolta al malato e al disabile? Una ricerca visuale, di cui le fotografie digitali sono la base conoscitiva: quelle dei ricercatori e quelle dei giubilanti. I contributi del volume ne presentano alcune negli inserti che lo arricchiscono, raccontandoci con gli strumenti dell'analisi sociologica un evento unico nel suo genere, ma utile anche a riflettere sul cambiamento dei costumi e della rappresentazione sociale del sé. Si passa dalla descrizione e interpretazione cronologica dell'evento effettuata con gli occhi dei giubilanti e dei ricercatori coinvolti ad approfondimenti ad hoc lungo le tematiche emergenti con cui è stato analizzato e studiato il materiale, conducendo il lettore dall'evento in sé a riflessioni più vaste, dall'organizzazione alle articolazioni delle relazioni sociali e alla loro intensità, dalle reti sociali di comunità e territoriali al web.

Benessere e intercultura. Nuove...

Armani
Franco Angeli 2018

Non disponibile

15,00 €
In anni di flussi migratori diversificati, che danno luogo a comunità sempre più marcatamente multiculturali, appare improrogabile prestare attenzione alle esigenze dei migranti, monitorandone cambiamenti ed evoluzioni. Negli ambiti educativi e del prendersi cura, segnatamente, si rileva la sempre maggiore presenza di situazioni problematiche delicate che richiedono urgenti soluzioni. Disabili e malati migranti hanno modo di accedere ai servizi e alle strutture preposte? Enti e associazioni sono preparati a dare risposte concrete? E in tutto questo, dove si colloca l'educazione interculturale e qual è il suo ruolo? Il volume propone un argomento trasversale fra l'educazione interculturale e la pedagogia speciale: la concezione di benessere, di salute e di disabilità nelle diverse culture. Dalla diversità nel pensare e descrivere tali concetti conseguono infatti differenti modi di relazionarsi con le persone disabili, nonché diverse pratiche di riabilitazione e cura nell'ottica di una concezione olistica della persona e di un rapporto integrato tra servizi e tra professionisti, avvalorata dalla ricerca condotta dall'autrice presso esperti e professionisti italiani e stranieri. L'opera si rivolge a educatori, pedagogisti, insegnanti, nonché ai professionisti socio-sanitari che nella loro realtà lavorativa incontrano persone particolarmente vulnerabili a forte rischio di marginalizzazione.

La bellezza dei margini

Pacelli Donatella
Domograf 2018

Non disponibile

15,00 €
Prospettive di sviluppo della fruizione culturale e dell'avviamento al lavoro di persone disabili.

Verso la montagna

Solimes Alberico
Autopubblicato 2018

Non disponibile

7,50 €
"Un bambino, poi un ragazzino, infine un ragazzo, 'Verso la montagna' racconta la storia reale di Alberico e la sua trasformazione da vedente a non-vedente, accompagnandoci attraverso le proprie avventure e disavventure, rendendoci protagonisti delle sue paure e insicurezze e allo stesso tempo di vittorie personali e conquiste. Partendo dall'infanzia, passando per l'adolescenza fino ad arrivare alle porte dell'età adulta, presentandoci le problematiche connesse alla scuola e all'accettazione del diverso da parte dell'altro, Alberico Solimes ci mostra il modo di vivere la difficoltà come opportunità, riuscendo a scovare anche nelle situazioni più drammatiche il lato giocoso e positivo, che quasi sempre non riusciamo a vedere. Un racconto che scivola tra le dita come seta, ma che in alcuni punti si mostra forte e pungente, proprio come le sfumature della vita di ognuno di noi." (Marianna Mangifesta)

Disabilità adulta: prospettive

Botti S.
Qudulibri 2018

Non disponibile

12,00 €
"La domanda da porsi nella progettazione è non tanto quali funzioni siano abilitanti nel soggetto e quali siano i deficit funzionali, ma quanto sia necessario e possibile intervenire sul sistema spaziale, relazionale, strutturale del contesto per favorire la piena partecipazione e inclusione della persona disabile. In questo senso il cambiamento culturale che si impone è quello di non considerare più la persona disabile come oggetto di sostegno di tipo prestazionale legato ai deficit, ma come soggetto di diritti". (Simonetta Botti)

Riprogettiamo il D-Mondo. Tuteliamo...

Follis Carlo Filippo
StreetLib 2018

Non disponibile

34,99 €
"Attraverso un viaggio realmente vissuto e ancora in corso da più di 55 anni, vi propongo il mio concetto di D-Mondo. Quell'ideale pianeta che raggruppa tutti noi disabili, una realtà immateriale che dovrebbe riunirci orgogliosi per ciò che siamo e per quel valore che dimostriamo pretendendo il massimo dalle nostre capacità residue. Vi propongo concretezza, combatto l'ipocrisia, introduco concetti nuovi o, quantomeno, fortemente rivisitati per giungere a un certo numero di proposte di legge utili al D-Mondo. La disabilità può essere di tutti, questo è il primo messaggio da trasmettere affinché il popolo dei 'normaloidi' inizi a pensare che ognuno può diventare disabile nel corso della vita. È per questo che il contenuto di questa opera interessa tutti, è necessario parlare meno di disabili è più di disabilità perché quest'ultima, mi ripeto, è di tutti anche solo a causa di una naturale vecchiaia. Sapere come ci si deve definire, capire come tutelare la D-Famiglia introducendo il concetto di 'disabilità estensiva', capire quali sono gli ingredienti di una "Vita Indipendente" ancor prima di valutare come dovrebbero essere concepiti i Progetti di Vita Indipendente, per poi partire dal D-Bimbo per parlare di un'età prescolare che va da 0 a 6 anni e giungere quindi a scuola, lavoro, tempo libero, sentimenti, affettività, sessualità, mobilità, anzianità e molto altro. Sono nato disabile il 25 febbraio del 1963, quanto vi propongo è quindi frutto di esperienze dirette." (L'autore)