Monete, banconote, medaglie, sigilli (numismatica)

Filtri attivi

Testimoni parlanti. Le monete...

Missere Fontana Federica
Quasar 2009

Disponibile in 10 giorni

28,00 €
Il collezionismo di monete antiche nel Cinquecento e nel Seicento ha avuto uno straordinario sviluppo. I personaggi che popolano questo libro sono figli del Rinascimento e del suo fervido amore per le antichità. Siano essi mercanti o eruditi, collezionisti

Il dono dei dogi. La raccolta di...

Zorzi Alvise; Rancan Luigino
Biblos 2009

Disponibile in 10 giorni

45,00 €
La storia della Serenissima Repubblica di Venezia attraverso l'iconografia delle oselle, le monete che, dal 1521 con il doge Antonio Grimani, ogni dicembre venivano regalate ai patrizi del Maggior Consiglio in sostituzione dell'antico dono di anitre (le oselle, appunto). Una collezione quella dell'Istituto di Credito vicentino unica e preziosa per essere la sola al mondo completa e visibile al pubblico. In appendice l'intero catalogo illustrato.

A minima ad maxima. La raccolta di...

Vangelli De Cresci Gabriele
Campisano Editore 2019

Disponibile in 3 giorni

200,00 €
Il volume presenta un complesso intreccio di storia artistica italiana e francese, sorto nella gloriosa cornice del Grand Tour e ancora in auge durante l'epoca napoleonica, seguendo la vicenda di una manifattura lucchese recentemente scoperta ed inedita, specializzata nella raffinata arte di fare le impronte tratte da gemme incise, cammei, medaglie e piccoli bassorilievi. Queste effigi, facilmente trasportabili e del tutto fedeli nello stile all'antico manufatto originario, comprendono i ritratti di personaggi illustri e scene mitologiche, e divennero tra XVIII e XIX secolo un'inestimabile fonte di insegnamento morale e di ispirazione artistica. La moda, dilagante in questo periodo, di collezionare e studiare questi piccoli calchi, riflette pienamente un nuovo atteggiamento culturale rivolto allo studio esatto delle antiche vestigia, all'insegna dell'utilità e della bellezza. La raffinata produzione di questa manifattura toscana, in gran parte conservata nel Museo dell'Antica Zecca di Lucca, è indagata nei suoi protagonisti, nelle sue vicende famigliari e commerciali, e in particolare nei complessi procedimenti tecnici e nei finissimi materiali usati. A impreziosire questa ricerca è la presenza, come in filigrana, delle antiche fonti, dettagliatamente esaminate in rapporto ai manufatti catalogati e alle "diverse maniere di fare le impronte". Il rinvenimento del laboratorio, rimasto intatto nel tempo all'interno dell'antica proprietà, appartenuta a questa eclettica impresa famigliare, situata nella contrada lucchese, si è rivelato scrigno di preziose testimonianze e ha gettato una nuova luce sui procedimenti tecnici, finora poco indagati. Della straordinaria raccolta lucchese, che costituisce un'inestimabile antologia universale di migliaia di modelli riferibili a quella vasta produzione artistica di ambito continentale, sia figurativa che ornamentale, databile dall'antichità classica fino al XIX secolo, viene presentata una ricca selezione ragionata, illustrata da un ricco apparato fotografico. Secondo le testimonianze raccolte, si tratta del più vasto repertorio dell'epoca: glittica antica e moderna, placchette rinascimentali di soggetto sacro e profano, fregi con raffigurazioni storiche, mitologiche ed ornamentali, piatti figurati, reliquiari, monete, medaglioni e medaglie, compresa l'intera "Historia metallica" napoleonica. Da rilevare che nella vicenda della manifattura, rinomata nell'ambiente artistico parigino, si possono annoverare commesse prestigiose anche dal Cabinet des médailles di Parigi. Ma ciò che spicca nella stessa raccolta, per l'eccezionale stato di conservazione, per completezza e per la grande bellezza e fantasia delle raffigurazioni, è il set di impronte tratte da una selezione di gemme incise, che un tempo fecero parte della leggendaria e prestigiosa collezione del principe polacco Stanislao Poniatowski (1754-1833), la cui intricata vicenda è analizzata ed etichettata come "il falso vero"; indubbiamente uno dei casi di falsificazione pianificata più affascinanti e sorprendenti nella storia del collezionismo. Protagonisti indiscussi di questa rassegna sono dunque il mito, l'arte compositiva e lo stile tra classico, neoclassico e "invenzione": ripercorrendo i principali miti dell'antichità greco-romana, attraverso queste accattivanti scene di amore, metamorfosi, lotta, morte e oltretomba, tali soggetti vengono accompagnati dai versi degli antichi autori e dalla ricerca iconografica dei modelli di ispirazione.

Euro 2019-20

Unificato 2019

Disponibile in 3 giorni

29,00 €
Monete per la circolazione; Tutte le monete commemorative; Serie divisionali; Starter Kit; Cartamoneta.

Il falso d'epoca nella moneta...

Pezzi Franco
Sometti 2018

Disponibile in 3 giorni

15,00 €
Perchè una ricerca sul falso d'epoca numismatico? Nel mondo del collezionismo la moneta falsa e il riconio sono talvolta accettati con benevolenza, una prassi certamente poco ortodossa ma utile per definire collezioni altrimenti incomplete. Ben diversa è la dignità del falso d'epoca analizzato in questo dettagliato lavoro di Franco Pezzi: le monete false coniate nel periodo del Regno d'Italia non erano infatti destinate a collezionisti inesperti ma venivano regolarmente utilizzate nelle contrattazioni quotidiane. Mezzi di scambio quindi, certamente falsi, ma utili indicatori di un fenomeno diffuso e del malessere sociale che l'ha generata.

Monete e zecche del Piemonte e...

Biaggi Elio
Susalibri 2015

Disponibile in 3 giorni

9,90 €
Ricollocare le monete e le zecche di questo volume in un contesto storico-economico nel quale il denaro non era virtuale ma concreto, e le zecche, per produrlo, non dovevano ottenere il viatico delle Banche Centrali per noi oggi della Banca Europea - bensì disporre dei metalli utili per la coniazione. La monetazione era allora molto più tangibile di quella attuale e infatti il suo valore, come ogni altra verità economica concreta, dipendeva dall'incontro fra domanda e offerta, così come ancora oggi avviene, per esempio, per il cacao, il cotone e qualsiasi altra materia prima.

Monete e zecca nella terra di Lanciano

Perfetto Simonluca
Carabba 2013

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
Un particolare caso di demanialità "sub signo Aragonum" (1441-1554). Dai documenti degli Archivi Italiani e da quelli della Biblioteca Comunale di Lanciano è emerso che la zecca di questa gloriosa università fu l'officina personale del sovrano e degli Arag

Il Fiorino. Storia, aneddoti e...

Giovannelli Filippo
Ab Edizioni e Comunicazioni 2013

Disponibile in 3 giorni

14,90 €
Un viaggio nella storia della moneta che, per tre secoli, ha dominato il mondo ed il sistema economico dell'epoca, accompagnando e rendendo grande Firenze dal Medioevo al Rinascimento. L'arte di battere moneta e il procedimento del conio raccontati e descritti dal Maestro Paolo Penko .

Medaglie italiane del Museo...

Toderi Giuseppe
Polistampa 2007

Disponibile in 3 giorni

85,00 €
Il volume, quarto e ultimo della serie, completa la catalogazione delle medaglie italiane conservate al Museo Nazionale del Bargello di Firenze. Vi sono classificate e descritte le medaglie del XIX secolo e riportate anche le descrizioni di un gruppo di medaglie francesi, quelle di Napoleone III per la sua alleanza con Vittorio Emanuele II nella guerra contro gli Austriaci e riguardanti le battaglie in Italia dell'esercito franco-sardo. Complessivamente sono illustrate 1110 medaglie: per ciascuna una scheda riporta il nome del personaggio effigiato, del quale, quando necessario, sono elencati anche i dati caratteristici che permettono di inquadrarlo storicamente; ugualmente, nel caso di avvenimenti o Istituzioni, sono riportate date e motivazioni. Delle medaglie, 1097 appartengono alla collezione storica del Museo Nazionale del Bargello e soltanto 13 al Museo Archeologico.

Archeologia della moneta....

Barello Federico
Carocci 2006

Disponibile in 3 giorni

20,20 €
Questo volume vuole chiarire nel modo più didattico possibile quale debba essere l'approccio "archeologico" ad una delle più sfaccettate e complesse testimonianze di una società antica, la moneta, non solo nei suoi aspetti più esteriori (iconografici, celebrativi, propagandistici ecc.), ma soprattutto nei risvolti tecnico-produttivi, nei suoi molteplici usi e nelle sue forme di abbandono, che aprono molti interrogativi a partire dal rinvenimento sino allo studio contestuale più approfondito. Vengono illustrati, inoltre, i tratti salienti della storia monetale antica, insieme alla bibliografia essenziale di riferimento.

Medaglie italiane del Museo...

Toderi Giuseppe
Polistampa 2006

Disponibile in 3 giorni

85,00 €
In questo volume sono classificate e descritte 966 medaglie italiane del XVIII secolo provenienti dalla collezione del Museo Nazionale del Bargello di Firenze. Di queste, 264 provengono dal Museo Archeologico. Le medaglie sono ordinate per luogo di produzione a partire dall'Italia del Nord. All'interno dei singoli ambiti regionali, sono catalogate per autore secondo un criterio cronologico. Ciò permette di poter osservare l'evoluzione artistica dei vari medaglisti del Settecento durante tutto il periodo della loro carriera e di avere un quadro generale della medaglistica italiana di questo periodo. Riuniti in un capitolo a parte, inoltre, sono riportati dei cenni biografici per ciascuno dei 68 medaglisti.

Mille lire al mese. Tre secoli di...

Russo Gaetano; Ardimento Giovanni
Lampi di Stampa 2018

Disponibile in 5 giorni

16,60 €
Storia sociale ed economica degli italiani, seguendo le orme del mille lire.

Elogio della numismatica. Elogium...

Cappellari Damiano
AlboVersorio 2015

Disponibile in 5 giorni

20,00 €
Il traguardo del presente lavoro è l'elogio della numismatica, ma forse più della nummofilìa, che è quella vibrazione di repentina allegrezza che brilla negli occhi e ondeggia nel torace aitante dei nummofili (cioè degli amatori di monete antiche). Damiano

La monetazione di Reggio Magnogreca...

Silberstein Trevisani Ceccherini Susanna
Gangemi 2014

Disponibile in 5 giorni

28,00 €
Il volume costituisce una sintesi della produzione monetale di Rhegion, limitatamente a quella emessa fra il IV e il I sec. a.C, e ne illustra i vari aspetti - da quello cronologico, metrologico e tipologico-iconografico a quello relativo alla sua ampia diffusione - effettuandone anche utili confronti con altre monetazioni coeve, soprattutto della Magna Grecia e della Sicilia. Queste emissioni si concentrano nei due secoli che intercorrono dall'anno 356 a.C, in cui Dionigi II si stabilisce nella polis, fino al momento della chiusura della zecca, evento che viene qui datato intorno alla metà del II sec. a.C. Un periodo dunque che abbraccia momenti decisivi della storia di Rhegion, dalla sua alleanza con Roma (282 a.C.) e l'acquisizione dello status di civitas foederata (270 a.C), fino al coinvolgimento nelle due prime guerre puniche (264-241 a.C. e 218-202 a.C), che segnano l'inizio del suo passaggio da un ambito culturale prevalentemente greco a uno, in cui la scelta della polis si sposta progressivamente verso il mondo romano, pur mantenendo i tratti fondamentali delle proprie radici. L'esame di oltre 4000 monete, emesse dalla zecca reggina durante questo arco temporale, permette di individuare 44 serie, che vengono ripartite in otto Periodi. Ne risulta un quadro di riferimento per le singole serie monetali, per ciascuna delle quali, oltre a un suo inquadramento storico, viene effettuata una dettagliata... Postfazione di Ermanno A. Arslan.

Zecca e monete del comune di Pisa....

Baldassarri Monica
Felici 2010

Disponibile in 5 giorni

75,00 €
Lo studio che ci si accinge a presentare in questo volume cerca di cogliere tutti questi aspetti, giocando di rimando tra le varie fonti. Il quadro che ne emerge non è sempre organico, e i documenti spesso non raccontano tutto quello che avremmo voluto. Eppure, per lo studio della monetazione e della zecca comunale di Pisa, questa era l'unica via da tentare. L'assenza pressoché totale degli atti pubblici sulla zecca medievale, che soli avrebbero potuto rendere conto in modo esaustivo di certi fenomeni, quali gli ordini di coniazione, il titolo ed il volume delle monete, la struttura dell'officina monetaria e l'organizzazione dei monetieri, ha reso ancora più importante lo studio di tutti gli altri documenti, per quanto meno immediati. Ne è nato un mosaico che, accostando piccoli frammenti, delinea un'immagine in parte nuova per Pisa ed il suo Comune, soprattutto per il periodo che va dal 1260 fino all'epilogo della signoria gambacortiana, anche se numerosi interrogativi rimangono ancora aperti, soprattutto per il periodo a cavallo del Trecento. Ma si sa che la ricerca non ha mai fine, ed anche questa deve essere considerata solo una tappa, cui seguirà già un secondo passo con il volume successivo incentrato sulle monete della Seconda Repubblica, cui saranno uniti tessere e gettoni del Comune ascrivibili a questi secoli.

Vada Volaterrana. I rinvenimenti...

Facella Antonino
Plus 2004

Disponibile in 5 giorni

50,00 €
Lo scavo degli horrea di Vada Volaterrana, costruiti ex novo in età flavia su di un'area già occupata nel IX secolo a.C. con tracce di frequentazione in epoca tardo-repubblicana, ha permesso il recupero di oltre 2.150 monete (ne risultano leggibili poco me

Monete romane

Savio Adriano
Jouvence 2002

Disponibile in 5 giorni

29,00 €

Ritrovamenti monetali di età romana...

Stella Andrea
Esedra 2019

Non disponibile

50,00 €
Sedicesimo titolo della collana Ritrovamenti monetali di età romana nel Veneto, dedicata alle collezioni pubbliche e private del territorio di Este.

Dal Gabinetto numismatico al...

Asolati M. (cur.); Crisafulli C. (cur.)
Esedra 2019

Non disponibile

39,00 €
Il volume analizza in modo completo una ventina di medaglioni romani di età imperiale, conservati nel Museo Correr di Venezia, sia dal punto di vista storico-numismatico che iconografico, mediante le più recenti tecniche informatiche di indagine e rappresentazione bi e tridimensionali. Lo studio si pone come esemplare dal punto di vista metodologico, per ricerche analoghe che si propongano non solo la conoscenza delle particolarità morfologiche di questi pezzi straordinari, ma anche il loro intrinseco valore storico. Completa il volume un saggio di Michele Asolati nel quale vengono delineati i modi di rappresentazione della moneta, dall'antichità a oggi.