Rifugiati e asilo politico

Active filters

Cosi è l'America. La mia storia da...

Omar
HarperCollins Italia

Disponibile in libreria

18,50 €
Ilhan Omar aveva solo otto anni quando in Somalia è scoppiata la guerra civile. Ultima di sette fratelli, dopo aver perso la madre in tenera età è stata cresciuta dal padre e dal nonno, e quando un commando armato ha attaccato la zona in cui vivevano è fuggita da Mogadiscio insieme alla famiglia, per approdare infine in un campo profughi in Kenya, dove ha patito la fame e ha visto morire amici e parenti. Dopo quattro anni e un iter burocratico lungo e penoso, finalmente ha ottenuto lo status di rifugiata ed è stata accolta ad Arlington, in Virginia. All'epoca aveva dodici anni, era poverissima, parlava soltanto somalo e aveva perso diversi anni di scuola, ma si è rimboccata le maniche, decisa a inseguire il suo sogno americano. E pur scontrandosi con la dura realtà degli immigrati in America, ha lavorato senza sosta per smantellare stereotipi e costruire ponti all'interno della sua comunità. In meno di vent'anni è diventata un'attivista, si è laureata ed è stata eletta al Congresso come rappresentante del Minnesota facendo registrare un'affluenza record alle urne, pronta ad abbattere altri muri e a chiedere maggior trasparenza alle istituzioni di Washington. Insieme ad altre donne innovatrici e progressiste come lei, da esempio di successo locale la deputata Omar è diventata una vera icona della politica in campo nazionale e internazionale nonostante i feroci e costanti attacchi dei suoi oppositori. Nel mezzo delle peggiori tempeste politiche ha sempre mantenuto la gentilezza, la sagacia e lo spirito patriottico che la contraddistinguono, senza mai rinunciare a difendere i propri ideali e a lottare per un'America più giusta. "Così è l'America" non è solo la storia di formazione di una giovane rifugiata da cui trarre ispirazione, ma anche il racconto multidimensionale di speranze e ideali, delusioni e fallimenti, sacrifici e successi di una donna che oltre a servire lo Stato con passione nutre anche un'incrollabile fiducia nelle promesse dell'America.

L'immigrazione in Italia da Jerry...

Impagliazzo Marco
Guerini e Associati

Disponibile in libreria in 3 giorni

22,50 €
L'omicidio del giovane sudafricano Jerry Essan Masslo, il 24 agosto 1989 a Villa Literno, segnl'inizio della scoperta dell'immigrazione da parte degli italiani. Sino ad allora gli immigrati non facevano notizia, anche se il saldo migratorio in Italia era gipositivo da tempo. Dalla vicenda Masslo tutto cambi ci s'interrogsul razzismo; si discusse di regole sull'immigrazione, con la presentazione di un pacchetto di norme che avrebbe costituito la base della legge Martelli; il dibattito pubblico si polarizz tra chi voleva mantenere politiche d'accoglienza e chi invocava la chiusura delle frontiere. Sullo sfondo c'erano imponenti cambiamenti internazionali: il crollo del Muro di Berlino e le prime ondate migratorie dall'Est, l'aumento dei viaggi dei migranti nel mar Mediterraneo, la costruzione del sistema di Schengen che ridefiniva il ruolo dei confini. A trent'anni di distanza da quegli avvenimenti, l'immigrazione continua a infiammare il dibattito pubblico. spesso considerata un'emergenza e gli italiani, mediamente, ne sovrastimano i numeri. Eppure, l'integrazione degli immigrati nella societitaliana una realtche si riscontra a ogni livello, dalla scuola al mondo del lavoro, allo sport, all'economia. Il paese ha mostrato nel tempo di avere grandi capacitd'inclusione e oggi l'11% della popolazione in Italia immigrata o d'origine immigrata. In questo libro studiosi di diverse discipline riflettono sull'immigrazione in Italia, da Jerry Masslo a oggi, la inquadrano nella comune storia nazionale e le restituiscono i suoi contorni reali, ragionando sulle sfide, le problematicite le opportunitche essa comporta. Introduzione Andrea Riccardi.

Il monitoraggio dei Centri di...

CELID

Disponibile in libreria in 5 giorni

14,00 €
Una tipologia oramai molto diffusa in Italia di centri di accoglienza per persone migranti sono i CAS (Centri di Accoglienza Straordinaria), istituiti nel 2014 e amministrati dalle Prefetture locali che periodicamente ne effettuano ilmonitoraggio. Questo volume scaturisce da un momento di riflessione collettivo sulle differenti modalitcon cui possibile monitorare ciche avviene all'interno di centri che, sebbene sussunti sotto uno stesso acronimo - CAS, appunto - sono tra loro molto diversi. Presenta quindi strategie differenti di monitoraggio che sono state recentemente proposte e in alcuni casi attuate, in Piemonte ma anche inaltre regioni, provando a rispondere agli stessi interrogativi: come svolgere un monitoraggio serio, trasparente e uniforme dei/nei diversi CAS? A cosa serve e a quali risultati puportare?

Mediterraneo. Il dramma dei «senza...

Cortesi Alessandro
Nerbini

Disponibile in libreria

14,00 €
La frontiera dell'accoglienza rappresenta un ambito cruciale su cui impostare prospettive di impegno e di prassi per il futuro. I saggi presentati in questo volume costituiscono l'esito di un lavorodi ricerca promosso dal Centro Espaces 'Giorgio La Pira' per contribuire al percorso di riflessione in atto nelle Chiese del Mediterraneo e nel quadro del momento storico, carico di preoccupazioni e di incertezze. Convinti che lo spazio Mediterraneo nonostante i drammi umani e i conflitti che lo attraversano costituisca un laboratorio unico di incontro tra religioni e culture, non solo in un tempo storico ormai passato ma al cuore della complessità del presente, ci siamo riproposti di ripercorrerne sinteticamente le principali emergenze sociali e culturali che esigono di essere affrontate con lungimiranza e con una visione progettuale, a partire dai poveri e da coloro che sono privati dei diritti fondamentali.

Con le ali ai piedi

Kazerooni Abbas
Salani

Disponibile in libreria

12,00 €
Abbas ha nove anni ed iraniano: i suoi genitori, per evitare che sia reclutato dall'esercito tra i bambini-soldato, decidono che lui e la mamma partiranno per Istanbul e poi per Londra. All'aeroporto, per la mamma viene fermata. Abbas dovrpartire da solo. Inizia cosl'avventura di un bambino che deve diventare adulto in poche ore di volo: arrivato a Istanbul, Abbas dovrtrovare un albergo, raggiungere l'ambasciata, ottenere il visto. E aspettare. Tutto cisenza conoscere la lingua e avendo con spochissimo denaro. Ma Abbas coraggioso, e soprattutto bravo a farsi nuovi amici: fra tassisti, proprietari di alberghi, gioiellieri e consoli di ambasciate, il bambino riesce a costruirsi una sorta di famiglia e a cavarsela. Fino alla partenza per Londra...

Rifugiati. La vicenda storica dei...

Possieri Andrea
Morlacchi

Non disponibile

14,00 €
Nell'estate del 1979, il Governo italiano dà vita ad una delle più importanti operazioni di soccorso in mare nella storia dell'Italia repubblicana: una missione umanitaria, svolta nel Golfo del Siam da parte dell'8° Gruppo navale della Marina militare, che porta al salvataggio di circa 900 profughi indocinesi. Sono i cosiddetti boat people, uomini, donne e bambini che fuggono a migliaia, in prevalenza dal Vietnam, a bordo di vecchi pescherecci di legno o su grandi scafi di acciaio. Oggi, a quarant'anni di distanza dallo svolgimento della missione nel Sud-Est asiatico, la vicenda dei profughi indocinesi in Italia sembra essere dimenticata dall'opinione pubblica. Questo volume ripercorre le tappe principali di questa storia - attraverso lo studio di documenti d'archivio inediti pubblicati in appendice - dando particolare importanza al dibattito istituzionale e a quello pubblico. Un dibattito di grande interesse storico che rimanda ad alcune questioni di straordinaria attualità. Con appendice documentaria.

La moglie di Lot. Vivere in esilio

Edizioni Lavoro

Disponibile in libreria in 5 giorni

7,75 €
Un libro che affronta i problemi dell'esiliato visto come persona, tolto dalla massa indiscriminata degli stranieri. Un tentativo di descrivere, anche attraverso testimonianze di vita vissuta, il percorso in virtù del quale un individuo può definirsi rifugiato.

Lo «status» e la «qualità» di...

Spedicati Mauro
Milella (Lecce)

Non disponibile

6,00 €
Con la sentenza pronunciata lo scorso 14 maggio, con la quale la Grande Sezione ha deciso in merito alle controversie insorte in tre cause riunite (la C-391/16, la C-77/17 e la C-78/17), scaturite da altrettanti rinvii pregiudiziali, la Corte di Giustizia dell'Unione Europea ha fornito utili indicazioni interpretative sul contenuto dei paragrafi 4, 5 e 6 dell'art. 14 della direttiva 2011/95/UE, soffermandosi, per un versante, sul rapporto tra le norme in essi contenute e quelle contemplate nell'articolo 78 del TFUE e nell'art. 18 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione Europea e, più in generale, sulla relazione che intercorre tra la direttiva in oggetto e i principi contenuti nella Convenzione di Ginevra, della quale, come è noto, sono parti contraenti tutti gli stati membri dell'Unione, benché quest'ultima non vi aderisca.

Cartoline da Lesbo

Salvini Allegra
Edizioni Clichy

Disponibile in libreria in 3 giorni

15,00 €
Dal marzo 2016, con l'accordo fra Unione Europa e Turchia per bloccare il flusso dei migranti, l'isola greca di Lesbo, di fronte alle coste turche, è il grande miraggio di chi cerca comunque di raggiungere il suolo europeo. Da meta turistica, l'isola si è così trasformata in una grande prigione a cielo aperto, un angolo buio d'Europa dove migliaia di richiedenti asilo sono bloccati e tenuti in condizioni disumane. Dalla storia del libraio iracheno Samer, a quella di Iman dall'Iran, passando per quelle di volontari e abitanti del luogo, "Cartoline da Lesbo" prova a restituire un volto e una storia a uomini e donne inghiottiti dalla cosiddetta «crisi dei migranti», che le politiche europee hanno ridotto soltanto a numeri.

Se fosse tuo figlio

Govoni Nicolò
Rizzoli

Disponibile in libreria

17,00 €
«Mi chiamo Nicolò. E tu?» «Hammudi» dice, indicandosi. «Siria.» È sfuggito alla guerra, è sopravvissuto al mare, ma il suo sorriso è enorme. Nicolò sente che rischierebbe tutto, per non spegnere quel sorriso. Intorno a loro si estende l'hotspot di Samos, un posto che assomiglia all'inferno, in cui i profughi vivono ammassati nelle tende, senza acqua né luce, tra cumuli di immondizia. Per Hammudi e gli altri bambini del campo anche le cose più semplici, come giocare a palla o mangiare una pizza, sembrano impossibili. Nicolò è solo un volontario, ma di una cosa è convinto: il mondo, lui, lo vuole cambiare. Così decide di combattere il pregiudizio e l'omertà che circondano l'hotspot: vuole aprire una scuola, una scuola vera, un posto in cui i piccoli rifugiati possano finalmente sentirsi al sicuro. Imparando ad ascoltare, a perdonare e a credere nei propri sogni, Hammudi si lascia alle spalle gli orrori del passato e scopre, insieme a Nicolò, che la casa non è una questione di mura, ma di cuore, e la paternità non ha a che fare col sangue, ma con la fiducia. Con lo sguardo di chi vive ogni giorno sulla propria pelle le ferite più scottanti della nostra attualità, Nicolò Govoni ci racconta l'esperienza luminosa e piena di coraggio di un bambino senza futuro e di un ragazzo che lotta per ridargli speranza.

Ebrei a Shanghai. Storia dei...

Giunipero E.
O Barra O Edizioni

Disponibile in libreria in 3 giorni

14,00 €
Un capitolo della storia della Shoah pressoché sconosciuto in Italia. Alla fine degli anni Trenta, Shanghai aprì le porte a oltre 18.000 ebrei, perlopiù tedeschi e austriaci, che fuggivano dalle persecuzioni naziste in Europa. Rispetto alle restrizioni sull'immigrazione imposte dalla maggior parte degli Stati, Shanghai costituì un'eccezione. La "Parigi d'Oriente" divenne la cornice di un'integrazione complessa eppure riuscita: migliaia di rifugiati trovarono asilo all'interno del ghetto di Hongkou dove condussero un'esistenza difficile, ma priva di conflitti con la popolazione locale. Al termine della seconda guerra mondiale, il numero dei sopravvissuti era così elevato da far parlare di "miracolo di Shanghai". I diversi contributi raccolti nel libro, a cura di Elisa Giunipero, ripercorrono gli eventi storici di quegli anni e descrivono lo straordinario sviluppo economico e socioculturale della metropoli in seguito all'incontro tra popoli tanto distanti tra loro. Accanto alle vicende collettive, emergono la voce della testimone Sonja Mühlberger, nata a Shanghai nel 1939, e la storia esemplare del console cinese a Vienna Ho Feng Shan, riconosciuto "Giusto tra le Nazioni" per essersi opposto ai suoi superiori e aver concesso il visto di espatrio a molti ebrei in fuga dal Terzo Reich.

Io sono. Ediz. italiana e inglese

Menazzi Moretti L.
Giunti Editore

Disponibile in libreria in 5 giorni

24,00 €
"Io sono" è il libro dell'ultimo progetto curato da Luisa Menazzi Moretti, prodotto da Fondazione Città della Pace per i bambini Basilicata, Cooperativa Sociale Il Sicomoro, Arci Basilicata. Raccoglie le fotografie e i racconti di alcuni rifugiati e richiedenti asilo conosciuti durante la sua permanenza in Basilicata nel 2017. "Ho incontrato persone arrivate nel nostro paese alla ricerca di una vita migliore. Insieme a moltissime altre sbarcano e si confondono nell'indistinto afflusso di uomini e donne senza volto e senza storia. Non sappiamo nulla di loro. Da dove vengono, chi sono? Li vediamo da lontano. In televisione, su internet, paiono tutti uguali. È difficile riuscire a concepire il loro essere innanzitutto persone prima che migranti".

Lo straordinario viaggio di Nujeen....

Mustafa Nujeen
HarperCollins Italia

Disponibile in libreria in 3 giorni

9,90 €
Nujeen Mustafa ha sedici anni e soffre di una grave forma di paralisi cerebrale che l'ha costretta su una sedia a rotelle e le ha impedito di frequentare la scuola pubblica. Ma questo non l'ha fermata: ha imparato l'inglese guardando le soap opera americane trasmesse dalla tv del suo paese e nello stesso modo ha studiato storia, letteratura, scienze. Dimostrando di avere un coraggio da leone, questa adolescente che sogna di incontrare la Regina d'Inghilterra e di diventare astronauta si è messa in viaggio insieme alle sorelle e ha seguito la rotta dei migranti, oltre 6000 chilometri dalla Siria fino al confine con l'Ungheria e poi in Germania. Con voce fresca e originale, Nujeen ci racconta cosa significa crescere in un paese in guerra e cosa si prova a dipendere dagli altri per ogni cosa; ci spiega come la guerra civile abbia distrutto una nazione orgogliosa e abbia smembrato intere famiglie, e soprattutto ci fa capire quanto coraggio occorra per continuare a sorridere e sperare nonostante tutto.

Ho imparato dalle formiche. Il...

Kakar Khalid
Esperidi

Non disponibile

12,00 €
Il libro narra della vita di Khalid Kakar, giovane ingegnere proveniente da Logar, in Afghanistan, e rifugiatosi in Italia nel 2010. L'autore ripercorre la sua vita di bambino, trascorsa tra le bombe e la paura, e quella di giovane uomo in fuga, desideroso di rifarsi una vita e costruire un futuro. Suo padre gli racconta una storia e lui decide di metterla in pratica: "Una formica camminava stringendo a sé un seme, piccolo e prezioso fardello. Proprio quando era giunta alla sua tana, su di un albero, perse l'equilibrio e cadde giù, e il seme con lei. La formica allora si rialzò, raccolse il seme e si incamminò di nuovo lungo il tronco dell'albero. Arrivata in cima però, il seme le sfuggì e lei lo seguì precipitando, di nuovo. La formica si rialzò e ritornò in cima all'albero con il suo piccolo seme. Cadde ancora... sei, sette, otto volte. La formica si rialzò sempre, finché non riuscì a portare il seme al sicuro, nella sua tana".

Ruspe o biberon. Migranti. Oltre i...

Mangano Antonello
StreetLib

Non disponibile

7,99 €
A cena con vecchi amici. Su Internet e in autobus. Ovunque siamo avvelenati da luoghi comuni razzisti o paternalisti. Quelli dei cattivi e quelli dei buoni: la ruspa (dobbiamo cacciarli) o il biberon (dobbiamo assisterli). Ma qual è la realtà? Perché i somali si bruciano le dita, gli eritrei vogliono sfondare il confine italiano, gli egiziani mettono in crisi le multinazionali e tutti hanno il terrore di "Dublino"? Perché invochiamo la chiusura dei confini adesso che siamo noi a partire? È vero che c'è un'invasione in corso? Allora perché aiutiamo i dittatori africani? Le storie delle migrazioni sono articolate e affascinanti. Eppure ovunque siamo avvelenati dalla semplificazione e dai luoghi comuni razzisti. Quelli dei cattivi e quelli dei buoni: la ruspa ("dobbiamo cacciarli") o il biberon ("dobbiamo assisterli"). Ma il migrante non esiste, è una figura creata dalla nostra immaginazione In questo libro la potenza narrativa delle storie di vita e la chiarezza dei numeri irrompono mostrandoci un mondo pulsante del tutto diverso dalla rappresentazione comune.

La mia storia. Mon histoire

Diallo Aboubacar
Era Nuova

Non disponibile

10,00 €
Questo libro rappresenta una tappa per l'Associazione "Make Art Not Walls Italia", nata nell'ottobre 2016 a sostegno dei migranti arrivati nel comune di Trevi (PG) con il progetto Arcisolidarietà Ora d'Aria. Attraverso l'attività di arte-terapia i migranti image-makers hanno potuto avviare un processo di integrazione sociale, culturale e lavorativa. Hanno acquisito strumenti e competenze utili favorendo relazioni sociali con gli abitanti locali e rendendo la loro vita di migranti meno faticosa... Aboubacar Diallo è nato a Kindea, in Guinea, nel 1997. A 11 anni ha perso sua madre e a 12 anni suo padre, ucciso durante un massacro politico nello stadio di Conakry. Questo libro, scritto e illustrato da lui, racconta questa storia...

L'asilo come diritto. Richiedenti,...

Omizzolo M.
Aracne

Non disponibile

18,00 €
La collettanea unisce l'analisi scientifica elaborata da ricercatrici e docenti, le esperienze di lavoro, ricerca ed elaborazione personale di qualificati operatori sociali, con forme di ricerca-azione capaci di analizzare il tema del diritto d'asilo, provando a comprendere e valutare la qualità e le capacità del sistema italiano nell'applicazione di questo fondamentale principio giuridico, sociale e umano. Si analizza, in particolare, il sistema Sprar, indagandone le dimensioni e le prospettive possibili. Il diritto d'asilo è la cartina di tornasole del Paese e la lente di ingrandimento attraverso la quale leggere, comprendere, interrogare il "Sistema Italia" e la sua capacità di rispondere ai bisogni specifici di alcune categorie di richiedenti asilo o di rifugiati.

Rifugiato

Mbolela Emmanuel
Agenzia X

Disponibile in libreria in 3 giorni

15,00 €
Arriva nelle librerie italiane il libro di Emmanuel Mbolela, uno dei tanti esseri umani che rischiano la vita intraprendendo un viaggio disperato. La differenza di queste pagine rispetto a molti altri memoir sull'argomento è che Mbolela è un'attivista colmo di dignità con un'instancabile voglia di lottare. In ogni situazione ha sempre tenuto la testa alta, superando le difficoltà che ogni migrante deve affrontare: il racket della dogana, i trafficanti di carne umana, le imboscate nel deserto, il lavoro in nero e la terribile arroganza della polizia africana, per approdare poi in Marocco, dove è rimasto intrappolato per quattro anni. Proprio qui, insieme ad alcuni compatrioti, è riuscito a fondare l'Associazione dei rifugiati congolesi in Marocco (Arcom) che ha promosso clamorose proteste. La sua emozionante e drammatica narrazione ci pone davanti a una realtà di violenza e sfruttamento che le donne, ancor più degli uomini, devono subire giorno dopo giorno.

La solidarietà tra gli Stati membri...

Morgese Giuseppe
Cacucci

Disponibile in libreria in 3 giorni

23,00 €
"Il significativo afflusso di migranti che da anni interessa l'Unione europea ha messo in luce, a partire dalla crisi migratoria del 2015, alcuni problemi 'strutturali' della politica comune in materia di immigrazione e asilo. Tali problemi derivano, in parte, dal fatto che il sistema Schengen, diretto ad assicurare la libertà di circolazione tra gli Stati parte attraverso l'abolizione dei controlli alle loro frontiere interne, lascia il controllo delle frontiere esterne - quelle, cioè, tra lo spazio Schengen e Paesi terzi - ai singoli Stati membri. In altra parte, i problemi risiedono nell'operare del regolamento Dublino che, stabilendo i criteri per determinare quale sia lo Stato competente a esaminare le domande dei richiedenti protezione internazionale, si fonda sulla regola del "Paese di primo ingresso". Il risultato è che alcuni Stati europei - quali l'Italia, la Grecia, Malta e la Spagna - sopportano non solo l'onere di controllare le proprie frontiere esterne per conto di tutti gli Stati Schengen, ma anche quello di accogliere ed esaminare le domande dei richiedenti protezione internazionale e di rimpatriare coloro che non hanno o non hanno più le condizioni per rimanere sul territorio nazionale. Ciò in quanto, com'è noto, le rotte migratorie più utilizzate sono quelle africane che, attraverso il Maghreb e soprattutto la Libia, hanno il loro punto di arrivo in Italia e, in parte, in Spagna; e quella asiatica che, attraverso la Turchia, sfocia in Grecia e nei Paesi balcanici. [...] Ci sembra, pertanto, utile occuparci della solidarietà nell'Unione Europea, con particolare riferimento a quella tra Stati nelle politiche comuni in materia di controllo delle frontiere, di asilo e si immigrazione. Un'indagine di questo tipo trova giustificazione al fine non solo di individuare le caratteristiche e il ruolo che la solidarietà può svolgere, alla luce soprattutto del principio contenuto nell'art. 80 TFUE, ma anche di esaminare le modalità con cui le istituzioni ne hanno sinora dato applicazione." (dall'intoduzione)

Fuga per la vita. La tragedia dei...

Drudi Emilio
Simple

Disponibile in libreria in 3 giorni

16,00 €
Secondo i dati dell'Alto Commissariato Onu per i rifugiati (Unhcr), pubblicati a metà giugno 2017 si è arrivati, in tutto il mondo, a 65,6 milioni di profughi. È una novità epocale. Per il fenomeno migratorio, innanzi tutto, perché i profughi a vario titolo sono ormai la maggioranza rispetto ai flussi di persone mosse da pur legittime, condivisibili, motivazioni economiche e di lavoro che abbiamo conosciuto fino a poco tempo fa e a cui, in ogni caso, chiunque ha diritto. Ma, al di là di questo aspetto, è un fatto epocale in senso assoluto. L'unico precedente di un esodo da "fuga per la vita" di queste dimensioni risale agli anni immediatamente successivi alla seconda guerra mondiale. Ma allora, con la fine del conflitto, il problema si avviava a soluzione. Oggi, invece, la tendenza è a crescere rapidamente e tutto lascia credere che si sia soltanto all'inizio del fenomeno.

Profughi ambientali: cambiamenti...

Marino Cristina
Montecovello

Non disponibile

15,00 €
"Il cambiamento climatico è un argomento molto dibattuto, sempre più spesso se ne sente parlare in televisione, soprattutto in seguito a eventi meteorologici estremi. Perché il clima sta cambiando? Cosa succederà in futuro? Sono solo due delle domande per cui ho cercato una risposta. Poter esaurire il dibattito in poche pagine è difficile poiché le discipline che si occupano del tema sono diverse, ma è comunque possibile fare una panoramica che coinvolga la meteorologia, la geopolitica e anche la giurisprudenza. Il focus del libro riguarda una delle conseguenze più disastrose dei cambiamenti climatici eppure la meno dibattuta: i profughi ambientali, cioè persone che fuggono dal proprio Stato dentro o al di fuori di esso, a causa dei disastri climatici. A differenza dei profughi di guerra, pienamente riconosciuti dalla giurisdizione, i profughi ambientali non hanno alcun riconoscimento formale; questa mancata attenzione aumenta la confusione sul tema e rende ancor più difficoltoso l'aiuto a milioni di uomini che lottano per la propria vita." (L'autrice)

Dopo l'approdo. Un racconto per...

Pinelli B.
editpress

Disponibile in libreria in 3 giorni

18,00 €
Punto strategico d'osservazione delle mi-grazioni forzate nel Mediterraneo e della linea politica seguita dall'Europa, l'Italia è un luogo centrale per avviare una riflessione critica sulle dinamiche di protezione, controllo e abbandono rivolte ai rifugiati e richiedenti asilo. Campi di accoglienza e abitazioni improvvisate, piazze e stazioni, economie regolari o fatte di espedienti, attese protratte e rituali burocratici, violenza sociale e sopraffazione, marginalità spesso estrema e abbandono istituzionale scandiscono tempi e spazi della richiesta d'asilo in Italia. Questa lunga documentazione, iniziata nel 2014 in Sicilia e arrivata in città come Roma e Milano, punti di transito informale e istituzionale, racconta con fotografie e narrazioni esperienze, condizioni e vicissitudini dei richiedenti asilo dopo il loro arrivo sulle coste italiane.

Abbandoni. Assembramenti umani e...

Romeo A.
Edizioni SEB27

Disponibile in libreria in 3 giorni

18,00 €
Questo libro tratta di due abbandoni: quello urbano di quattro palazzi parte di un villaggio olimpico, costruito in fretta e male, e quello umano di centinaia di profughi, scappati e scacciati dalla guerra civile in Libia, costretti a cercare protezione in Italia, come migliaia di altri richiedenti asilo, rifugiati e migranti lasciati a se stessi dopo un periodo d'improvvisata accoglienza. Così è nata una tra le più grandi occupazioni in Italia: più di milleduecento persone di oltre venticinque nazionalità, soprattutto uomini, ma anche donne e bambini, vivono dal 2013 in quelle quattro palazzine del fu villaggio olimpico, noto come ex Moi, aiutati dalla solidarietà degli uni, osteggiati dalle campagne d'odio razziale di altri, oggetto di cronache malinformate e faziose, ignorati da anni di assenze e omissioni delle istituzioni pubbliche. Un ghetto votato alla rimozione dalle nostre coscienze, oppure un luogo dove una convivenza dignitosa è possibile, con quali sforzi e per quanto tempo? Questa vicenda si svolge a Torino, ma è caratterizzata dagli stessi vizi e inadempienze diffusi in scala nazionale; raccontarla è l'esortazione a superare gli abbandoni che l'hanno generata.

I ragazzi dell'esilio (Argentina...

Vigevani Vera
24marzo.it

Disponibile in libreria in 3 giorni

18,00 €
Negli anni Settanta, nel tragico periodo dell'ultima dittatura, un'intera generazione di adolescenti dell'ambiente liceale di Buenos Aires, politicamente impegnati, si ritrova perseguitata. Ragazze e ragazzi dai 15 ai 20 anni, sono costretti ad abbandonare il paese, divenuto teatro di sparizioni inquietanti. Attraverso le testimonianze, raccolte decenni più tardi da Diana Guelar, da Vera Vigevani Jarach e da Beatriz Ruiz, vengono salvate le vicende dolorose che precedettero le partenze, le storie di militanza, di presa di coscienza, di progetti e di utopie; le lotte, le certezze, i dubbi; le vicende di paura, di fughe e di clandestinità; fino alla drammatica decisione dell'esilio. Il materiale raccolto include le corrispondenze che gli adolescenti esiliati hanno mantenuto con familiari e amici, attraverso vari testi, su un passato che non può passare.

Giona. Quando i profughi eravamo noi

Ruggiero Carlo
Round Robin Editrice

Disponibile in libreria in 5 giorni

15,00 €
Una strana foto, sgualcita, sgranata, nebbiosa. E un trafiletto su un vecchio giornale. Due pezzi di carta stropicciata, roba vecchia, scovata nel fondo di un cassetto tutto scheggiato. È l'inizio di un lungo viaggio nella storia di una famiglia in fuga, che ha patito la fame e il freddo, e che ha guardato la morte in faccia più volte. La storia di due adulti, una ragazzina e tre bambini che sono stati maltrattati, rinchiusi, umiliati, che si sono persi per poi ritrovarsi. Eppure non erano somali, siriani o afghani, e nemmeno curdi. Venivano tutti da un paesino arroccato sui monti Aurunci, a neanche 150 chilometri da Roma. Per settant'anni questi fatti sono rimasti sepolti sotto due dita di polvere, annacquati nel chiacchiericcio quotidiano. Poi sono stati tirati fuori, e per farlo si è dovuto scavare a fondo. Quando si scava, però, di solito ci si sporca le mani e c'è sempre il rischio di graffiarsi. E di scontrarsi con , un presente che non è molto diverta so dal nostro passato. Perché la Storia (quella con la S maiuscola) si ripete sempre due volte. La prima come tragedia, la seconda pure.

La Puglia dell'accoglienza....

Leuzzi Vito A.
Progedit

Non disponibile

20,00 €
La tolleranza - religiosa, politica e umana - e il confronto multietnico hanno in Italia un importante precedente storico: l'accoglienza che la Puglia ha dimostrato per tutto il '900 nei confronti di armeni, ebrei e slavi di diversa nazionalità, nonché di rimpatriati da Grecia, Dalmazia, Egitto e Turchia. Questo libro, esamina diversi casi ed episodi che testimoniano questa capacità della Puglia di segnare una sua presenza operosa nello scacchiere geopolitico del Mediterraneo. I momenti più significativi furono rappresentati da crisi e da conflitti, che investirono l'area del Mediterraneo. All'indomani dell'8 settembre 1943 la Puglia manifestò questo suo spirito di accoglienza a ex internati, rifugiati, sfollati di diverse nazionalità.