Geografia storica

Active filters

Paesaggi storico-geografici

Quaini Massimo
Il Nuovo Melangolo

Non disponibile

25,00 €
Rispetto a qualsiasi condizionamento scientifico-disciplinare, qui il paesaggio sentito e vissuto come una scelta di libert Sono infatti convinto che il paesaggio non interessante come categoria analitica per leggere l'ambiente o il territorio in termini scientifici, ma lo in quanto contenitore di miti, sogni ed emozioni, in quanto accumulatore di metafore per capire le contraddizioni e i problemi del nostro tempo. Proprio per queste sue qualitnel campo delle rappresentazioni e nel territorio dell'estetica diventa una componente necessaria per riprogettare il mondo in cui viviamo.

L'America dimenticata. I rapporti...

Russo Lucio
Mondadori Università

Non disponibile

18,00 €
La quasi totalità degli studiosi ha finora negato l'esistenza di antichi contatti tra l'America e il Vecchio Mondo, ma in questo libro, indagando su una questione apparentemente secondaria di storia della geografia (l'origine di un grossolano errore di Tolomeo), si dimostra che le fonti ellenistiche dell'antico geografo conoscevano latitudini e longitudini di località dell'America centrale. Questa scoperta costringe a rivedere sotto una nuova luce molti aspetti della storia. Da una parte mostra come il crollo delle conoscenze che investì il mondo mediterraneo all'atto della conquista romana sia stato ben più profondo di quanto in genere si creda. Dall'altra apre nuovi possibili scenari di lungo periodo, lasciando intravedere la possibilità di sostituire all'idea oggi dominante dell'evoluzione indipendente e parallela delle civiltà un'unica storia, connessa sin dalla remota antichità. Con nuova postfazione di "Obiezioni e risposte" alle reazioni suscitate dalla prima edizione del volume.

La collezione cartografica della...

Manitta Giuseppe
Il Convivio

Non disponibile

10,00 €
Si presenta lo studio ragionato della collezione cartografica della Biblioteca Villadicanense di Castiglione di Sicilia (CT). Nonostante la sua eterogeneità, tale raccolta costituisce un documento tangibile degli interessi 'geografici' degli arcipreti che si sono succeduti nei secoli e un valore documentario importante per la comunità. Essa, a parte una catalogazione sommaria precedentemente fatta, non possedeva sino ad ora una descrizione dei singoli elementi né uno studio specifico. L'urgenza di conoscere un fondo inesplorato della Biblioteca ha fatto sì che Giuseppe Manitta riuscisse a individuare sia gli autori sia le fonti da cui sono state tratte le carte e le stampe, nonché di fornire la datazione di ogni singolo elemento e di ridurre il numero delle carte non identificate ad una quantità estremamente esigua. Ad una breve introduzione, che analizza i dati generali e alcuni dei componenti più antichi ed interessanti da un punto di vista bibliografico e cartografico, si aggiunge la catalogazione delle 131 cartine e stampe ed un'appendice fotografica.

Ecumene Sicilia

Polto Corradina
Pàtron

Non disponibile

28,00 €
Attraverso un'indagine geo-storica lo studio mira a delineare l'evoluzione nel tempo del rapporto uomo-territorio in Sicilia ripercorrendo le tappe del processo insediativo, condizionato dalle peculiarità territoriali e dai processi storici ed economici che ne hanno caratterizzato le dinamiche. Sono state così enucleate le motivazioni geografiche, ideologiche, politiche ed economiche che, nei diversi momenti storici. Talvolta i mutamenti della trama urbana furono sollecitati dall'esigenza di ricostruire, spesso in siti diversi dagli originari, i centri devastati dalle eruzioni dell'Etna e dai fenomeni sismici. In altri casi la creazione di articolate infrastrutture viarie e le profonde trasformazioni agrarie nelle fasce litoranee indussero lo sdoppiamento dei centri collinari con la nascita di gemmazioni costiere, veri e propri centri di via, dilatatisi progressivamente fino ad acquisire autonomia amministrativa. In tempi più vicini a noi i processi di bonifica integrale per il recupero alla produttività delle aree malsane e di colonizzazione del latifondo portarono alla creazione di nuove città e borghi rurali, oggi in parte abbandonati.

Geografia degli antichi stati...

Anceschi Alessio
Incontri Editrice

Non disponibile

28,00 €
Il libro vuole coniugare il passato con il presente, portando il lettore ad approfondire la conoscenza del nostro territorio ed allo stesso tempo il semplice "escursionista" ad interrogarsi sulle tracce di storia che ancora può incontrare lungo il suo cammino.

Trame nello spazio. Quaderni di...

All'Insegna del Giglio

Disponibile in libreria in 10 giorni

20,00 €
Il volume è composto da sette saggi, che evidenziano la molteplicità degli approcci delle discipline geografiche e quindi le diverse attività di studio e di ricerca del nostro laboratorio. Il del saggio di C. Greppi, dal titolo Le case dei contadini, che faceva parte del volume collettivo L'uomo e la terra e qui viene ripubblicato. Il saggio di M. Tomassini apre il volume, lo studio è frutto di una lunga e approfondita ricerca condotta dall'autrice sul campo in Galles. Lo scritto di G. Macchi Jánica, riprende alcune indagini distributive sull'insediamento medievale in Toscana, con un'attenta riflessione sulla semplificazione che spesso caratterizza i modelli storiografici. Il saggio di C. Bartoli riporta invece l'attenzione su un tema tra i più centrali nell'attività di ricerca del laboratorio: la cartografia storica e il suo utilizzo come fonte primaria per lo studio delle dinamiche sociali di appropriazione dello spazio.I due scritti di Macchi e Deravignonesi qualificano come sperimentazioni importanti anche sotto un profilo internazionale. Infine A. Palumbo offre una rilettura critica dell'opera di J. Diamond.

Omphalos. Il primo centro del...

Frau Sergio
Nur Neon.o

Non disponibile

40,00 €
"'Omphalos. Il primo centro del mondo' restituisce un senso (ma anche una geografia reale) alle parole degli antichi e all'isola di Atlante, la Sardegna che fino al XII secolo a.C. funzionò da Montagna Cosmica per tenere in ordine spazio e tempo nella preistoria. Nel libro si verificano due miti paralleli: quello di Atlante e della sua isola al centro del mondo (di cui parlano Platone, Omero, Esiodo, Socrate, Aristotele & C.) e quella di Amleto e del suo Mulino Cosmico, che teneva in ordine tempo e spazio nel Primo Mondo, quello dell'Età dell'Oro di Kronos. Storie parallele quelle di Atlante e Amleto? O un'unica storia straziante raccontata in modo differente? Basta misurare su un mappamondo il 40° parallelo Nord, per rendersi conto che lì, proprio al centro, perfettamente equidistante dalle coste pacifiche di Giappone ed America, c'è un isola che sbuca, a sorpresa, dal mare: un'isola già antica per gli antichi prima felice poi pestilente, malarica, abbandonata. Un album fotografico mostra quel che avvenne: decine e decine i nuraghi sepolti vivi sotto il fango com'era su Nuraxi di Barumini prima che Giovanni Lilliu gli levasse di dosso quella collina coltivata a fave. Finisce - nel 1175 a.C., giurano gli egizi e Giovanni Lilliu - la civiltà nuragica e la sua storia continua sui picchi d'Italia. Orte, Orvieto, Cortona, Volterra, Verucchioio: un popolo del mare più distante possibile dal mare. Ormai, però, si chiamano etruschi. Plutarco - in vita di Romolo - ce li dice "Coloni dei Sardi". Perché non credergli? Del resto basta guardare le splendide foto di Gianluca Belei presentate nel libro: il loro Aldilà è l'Isola dei Padri. Un Mar Sacro in cui tuffarsi, una meta felice da raggiungere pagando l'obolo a Caronte, e tenendo in mano l'Omphalos, simbolo sacro di quel centro del mondo che hanno dovuto abbandonare."

Paesaggi mediterranei di età...

Mastrocinque G.
Edipuglia

Non disponibile

70,00 €
Il volume raccoglie gli Atti del Convegno internazionale "Paesaggi mediterranei di età romana. Archeologia, tutela, comunicazione" (Bari-Egnazia, 5-6 maggio 2016) in cui si presentano gli esiti di recenti progetti che, nell'orizzonte diacronico connaturato allo studio dei paesaggi antichi, hanno riservato un approfondimento specifico al periodo romano, tra l'estensione del dominio dell'Urbe sulla penisola e sui territori destinati a confluire nell'Impero e la fine del IV secolo d.C., prima delle profonde trasformazioni che segnano il Mediterraneo in età tardoantica. Ad accomunare le ricerche e a favorire il confronto dei risultati è l'interesse a cogliere il rapporto tra città e territorio, con il ricorso allo scavo stratigrafico e alla ricognizione sistematica e con l'attenzione alle molteplici componenti insediative, infrastrutturali, produttive, commerciali, religiose e culturali, lette nel quadro del rapporto uomo-ambiente e dunque in una costante interazione tra indagine storico-archeologica e studi di carattere ambientale.

Stampalia. Perla del Dodecaneso....

Tarsuli Athinà
Aracne

Non disponibile

14,00 €
"Stampalia", in greco Astypàlea, è un diario di viaggio che racchiude rare informazioni storiche, geografiche e folcloriche sulla remota isola del Dodecaneso. L'autrice, Athinà Tarsuli, porta i lettori in questa terra che i romani proclamarono civitas foederata e che in seguito divenne feudo dei Veneziani. Costoro vi eressero l'imponente Kastro Querini, che dalla sommità del paese domina tuttora il paesaggio dell'isola. Presentazione di Filippo Bencardino. Introduzione di Giulio Querini.

«Città varie e costumi il fin...

Masetti Carla
Franco Angeli

Disponibile in libreria in 10 giorni

25,00 €
Il nobile viaggiatore romano Pietro Della Valle (1586-1652) è famoso per essere protagonista di uno dei più impegnativi e straordinari viaggi del XVII secolo, una peregrinazione dalle eccezionali dimensioni, sia in termini di tempo (ben dodici anni, dal 1614 al 1626) che di spazio (dalla Turchia alla Persia e all'India). Una delle testimonianze di tale esperienza sono le lettere indirizzate al suo corrispondente e amico Mario Schipano, confluite nei suoi Viaggi ed edite in tre parti dal 1650 al 1663, attraverso le quali il viaggiatore trasferì in Occidente una gran quantità di informazioni geografiche, storiche, antropiche, contribuendo ad ampliare le conoscenze del mondo orientale. Vivace e arguto nello stile, accurato ed efficace nella forma, Della Valle affronta, con grande modernità, larghezza di vedute e una narrazione ricca di aneddoti, i più vasti campi del sapere, spaziando dalla geografia alla storia, dalla politica all'economia, dalla botanica alla medicina, dalla religione all'etnografia, dall'archeologia all'urbanistica, con informazioni specifiche sui toponimi, illustrate attraverso l'approfondimento delle proprie conoscenze linguistiche; i resoconti diretti degli eventi di cui è testimone ci introducono agli aspetti più esclusivi delle culture e delle comunità con le quali entra in contatto. Sulla base delle lettere che compongono la seconda parte dei Viaggi, dedicata alla Persia, il presente volume intende delineare i tratti più significativi e originali dell'esperienza del "Pellegrino" e di ricostruire le principali fasi e gli itinerari che egli percorse attraverso tale regione nel periodo safavide. Completa il volume la traduzione annotata, in italiano, del trattato di Della Valle "De recentiori imperio Persarum subiectis regionibus", il cui manoscritto originale è conservato presso la Biblioteca Estense di Modena.

Geografia degli stati estensi. I...

Anceschi Alessio
Incontri Editrice

Non disponibile

28,00 €
Questo libro vuole coniugare il passato con il presente, portare il lettore ad approfondire la conoscenza dei luoghi e allo stesso tempo l'escursionista ad interrogarsi sulle "tracce" del cammino che, forse ignaramente, percorre tra le nostre montagne, a piedi, in bicicletta o in automobile.

Dalla carta antica al Sistema...

Bartolini Fabio
Stilgraf

Non disponibile

25,00 €
In questo libro, dopo un breve inquadramento sul recupero metrico della cartografia antica in ambiente digitale, viene esposto il procedimento di realizzazione di un Sistema Informativo Territoriale Storico (HGIS), volto allo studio dell'evoluzione di un antico canale, che per oltre sei secoli ha rappresentato l'anello trainante dell'economia agricola della città di Cesena (FC). Questo procedimento viene analizzato trattando: una breve introduzione sulla cartografia, descrivendone l'evoluzione dai primi supporti analogici ai più moderni supporti digitali; l'esposizione del caso oggetto di studio, dal punto di vista geografico e storico, seguita da un censimento dei dati storici disponibili, cartografici e testuali, recuperati in ambiente digitale; la descrizione dettagliata delle fasi di elaborazione in ambiente digitale di tutti i dati raccolti, allo scopo di realizzare un HGIS: l'acquisizione dei dati in digitale, la georeferenziazione e la mosaicatura delle cartografie, l'analisi delle deformazioni cartografiche e l'inserimento dei dati lavorati e recuperati all'interno del Sistema Informativo Territoriale Storico.

La collezione cartografica della...

Manitta Giuseppe
Accademia Il Convivio

Non disponibile

10,00 €
"Lo studio ragionato della collezione cartografica della Biblioteca Villadicanense, appartenente all'Arcipretura parrocchiale 'Santi Pietro e Paolo'. Nonostante la sua eterogeneità, tale raccolta rappresenta un documento tangibile degli interessi 'geografici' degli arcipreti che mi hanno preceduto nei secoli e un valore documentario importante per la comunità. Essa, a parte una catalogazione sommaria precedentemente fatta, non possedeva sino ad ora una descrizione dei singoli elementi né uno studio specifico. L'urgenza di conoscere un fondo inesplorato della Biblioteca ha fatto sì che Giuseppe Manitta riuscisse a individuare sia gli autori sia le fonti da cui sono state tratte le carte e le stampe, nonché di fornire la datazione di ogni singolo elemento e di ridurre il numero delle carte non identificate ad una quantità estremamente esigua. Ad una breve introduzione, che analizza i dati generali e alcuni dei componenti più antichi ed interessanti da un punto di vista bibliografico e cartografico, si aggiunge la catalogazione delle 131 cartine e stampe ed un'appendice fotografica."

Dipignano-Laurignano-Tessano....

Scarcello Antonio
The Writer

Non disponibile

12,00 €
Scrivere un lavoro di toponomastica, cominciando con tutta la documentazione storica necessaria a trattare la persistenza o il cambiamento, a volte drastico, in base a grandi eventi sia naturali sia sociali, è già un compito arduo in sé. Espletare un lavoro simile in modo che sia fruibile a più persone, di cui la maggior parte non possiede né le tecniche analitiche né l'accesso alle fonti storiche necessarie, è un compito ancora più arduo. A volte le lacune storiche possono essere impressionanti. Di primo acchito sembra che si salti da una serie di prediali d'ovvia origine latina, quale prædium Laurinianum, prædium Depinianum, prædium Texianum, in cui sono evidenti i nomi di centurioni romani (Laurinius, Depinius e Texius sono tutti nomi documentati nella famosa opera di Schultze, Römische Eigennamen), al riconoscimento di un'arcipretura di Dipignano, con chiese a Laurignano e Tessano, nella Platea dell'arcivescovo cosentino Luca Campano, allievo del grande Gioacchino, del 1203-1204.

Guida di Reggio Calabria e dintorni...

Geraci Placido
30,00 €
La guida, qui proposta come ristampa dell'edizione del 1928, fu edita subito dopo la costituzione della "Grande Reggio" e che oggi si colloca nell'attualità della Reggio Calabria 'Città Metropolitana', fu dagli autori concepita con attento e ampio respiro nella precisa essenzialità delle notizie storiche archeologiche e artistiche, abbinate a quelle delle attualità socio-culturali-economiche per una finalità, come scrisse Luigi Parpagliolo, che la "valorizzazione della città dipende dalla sua maggiore conoscenza". La ristampa è preceduta da una estesa 'Nota introduttiva' di Enzo Bentivoglio.

Firenze e la riscoperta delle Americhe

Chiarelli Brunetto
Pontecorboli Editore

Non disponibile

10,00 €
Se a Colombo deve attribuirsi l'"idea" e la realizzazione del "buscar ellevante por el poniente", certamente un grosso supporto scientifico all'idea e un sostegno politico, gli fu dato da Paolo del Pozzo Toscanelli, nato a Firenze nel 1397, con il suo famoso planisfero che dimostrava la possibilità di raggiungere per mare i luoghi di approvvigionamento delle spezie, le Indie, navigando per occidente. La perseveranza di Colombo trovò lo "sponsor" nella regina Isabella di Spagna; ma il supporto scientifico dell'idea gli venne fornito da Paolo del Pozzo Toscanelli, con il famoso planisfero che dimostrava la possibilità di raggiungere per mare il Cipango (Giappone) e quindi le Indie navigando per occidente.