Gozzini Giovanni

Gozzini Giovanni

Storia contemporanea. Ediz. MyLab....

Detti Tommaso
Pearson

Disponibile in libreria in 5 giorni

26,00 €
Chiarezza, completezza e sintesi caratterizzano la trattazione della "storia contemporanea" svolta nella Seconda edizione di questo volume relativo all'Ottocento, in cui gli autori offrono una lettura ragionata e innovativa del secolo che rappresenta un ponte tra età moderna e tempo presente. Ecco dunque che, adottata la periodizzazione dall'ultimo quarto del XVIII secolo al 1914, fra i termini a quo del libro è stata inclusa la rivoluzione americana, uno dei principali eventi che inaugurano il "lungo Ottocento" segnando un punto di svolta epocale. Fin dall'inizio, pertanto, l'eurocentrismo della nostra tradizione storiografica è integrato con una visione globale che evidenzi connessioni e legami tra i fenomeni verificatisi nei diversi continenti. Un altro aspetto di originalità è infatti la centralità attribuita alla categoria di "globalizzazione", ormai divenuta chiave di lettura imprescindibile della world history in una prospettiva di lungo periodo. Uno strumento davvero prezioso si rivelano, infine, gli Approfondimenti a conclusione dei vari capitoli: vengono isolati dei temi o dei fenomeni particolarmente rilevanti ripercorrendone le varie interpretazioni lungo il dibattito storiografico.

Storia contemporanea. Ediz. MyLab....

Detti Tommaso
Pearson

Disponibile in libreria in 3 giorni

24,00 €
Pearson Learning Solution nasce dall'esperienza del principale editore educational nel mondo. Ogni progetto didattico Pearson è composto da un manuale di riferimento e da una serie di supporti digitali - piattaforme di e-learning, eText e siti dedicati - che accrescono la qualità dello studio, riducono i tempi di apprendimento, aiutano a misurare il livello di preparazione raggiunto tramite test ed esercizi di autovalutazione. L'esperienza nazionale e internazionale mostra che i prodotti didattici Pearson migliorano in maniera significativa i risultati raggiunti.

Il vento della rivoluzione. La...

Flores
Laterza

Disponibile in libreria in 3 giorni

24,00 €
È passato un secolo dalla fondazione del Partito comunista italiano a Livorno, nel gennaio 1921. Nasce allora un piccolo partito, destinato però a diventare uno dei pilastri della Repubblica italiana. Nasce insieme alla vittoria di Lenin e della rivoluzione bolscevica in Russia. E morirà nel 1991, ancora insieme all'Unione Sovietica. Milioni di italiani lo hanno votato, altre decine di migliaia sono stati suoi militanti dedicandogli il loro tempo libero. Eppure all'inizio è una piccola «falange d'acciaio», come la chiama uno dei suoi fondatori, Antonio Gramsci: pochi uomini e qualche donna, uniti dal sogno di «fare come in Russia». Sono destinati a essere sconfitti sanguinosamente dal fascismo di Mussolini. Ma resisteranno, tra mille difficoltà, continuando a inseguire quel sogno. Il libro ripercorre non solo le vicende organizzative e la storia politica del partito, ma anche gli itinerari personali di vita di alcuni dei suoi dirigenti: Bordiga, Gramsci, Togliatti, Tasca, Bombacci. Cerca così di rispondere alla domanda più attuale: come ha fatto quella piccola falange a trasformarsi in un grande partito di massa? Quali bisogni degli italiani è stato capace di interpretare e rappresentare? Che ruolo ha avuto nella politica italiana? Perché è nato? E perché è morto?

Storia contemporanea. Ediz. MyLab....

Detti Tommaso
Pearson

Disponibile in libreria in 3 giorni

28,00 €
Questa edizione del manuale di riferimento per la storia contemporanea presenta un capitolo nuovo sulle pandemie nella storia e con la piattaforma online arricchita. L'opera inserisce la storia italiana ed europea in un contesto globale, dando ampio rilievo a quella del resto del mondo. Un rilievo centrale viene attribuito ai processi di globalizzazione.

Storia del giornalismo. Ediz....

Gozzini Giovanni
Pearson

Disponibile in libreria in 3 giorni

24,00 €
I giornalisti sono servi del padrone o antagonisti critici del potere? Manipolano la realtà o ne garantiscono la conoscenza? Invadono la sfera privata dei cittadini o rappresentano fattori di trasparenza e democrazia? Il libro risponde a queste domande restituendo un'identità complessa e plurale della stampa che è, nello stesso tempo, libertà e diritto, industria culturale e monopolio privato, tecnologia complessa, strumento di potere e consenso. Le vicende dei diversi giornalismi nazionali, dalle prime gazzette degli imperatori cinesi ai social media, vengono raffrontate tra loro per mettere in evidenza analogie e differenze, ritardi e anticipazioni, modelli e imitazioni.

1968. Un anno spartiacque

Flores Marcello
Il Mulino

Disponibile in libreria in 5 giorni

22,00 €
È stata la stagione dei giovani: in tutto il mondo i figli del baby boom postbellico, affluiti in massa all'università, rivendicano diritti, affermano istanze di libertà nella sfera personale come in quella sociale, inaugurano nuovi costumi e consumi. Ma il 1968 vede anche l'invasione della Cecoslovacchia, con l'avvio di una fase di irrigidimento sovietico, che sta alla base della crisi del mondo comunista; e poi l'inizio della globalizzazione finanziaria, la rinascita islamica, il primo sgretolarsi dell'identità della classe operaia, l'instabilità crescente in Africa, il diffondersi del terrorismo in molti paesi, mentre emergono nuove forme di impegno, con il costituirsi delle Ong, e nuovi movimenti politici e sociali come il femminismo e l'ambientalismo.

L'età del disordine. Storia del...

Detti Tommaso
Laterza

Disponibile in libreria in 3 giorni

20,00 €
L'età del disordine è un tempo dominato dalla paura, che è figlia dell'ignoranza. Ci sembra di vivere in balia del caos. La globalizzazione è divenuta per molti un incubo: robot che sostituiscono operai, stabilimenti che si trasferiscono in Serbia o in Cina, crisi finanziarie a ripetizione, ondate di immigrati che affluiscono alle frontiere, attentati terroristici. Questo libro è un tentativo di trovare un ordine in tutto ciò, a partire dai cinque anni che aprono questa nuova era: 1968-1973. Iniziano allora i grandi mutamenti da cui è scaturito il mondo attuale: il predominio della finanza sulla produzione, la graduale perdita della presa delle due superpotenze sul mondo, l'uscita dal sottosviluppo di un numero crescente di paesi asiatici, una maggiore consapevolezza del fatto che gli equilibri ambientali stanno saltando. La globalizzazione non è un complotto. Non è molto diversa da quella di cento anni fa, quando migranti, capitali, merci e informazioni si spostavano in misure paragonabili a quelle odierne. Allora la politica la fermò, con i nazionalismi e due guerre mondiali, al prezzo di settanta milioni di morti. Oggi, in preda alla paura, si diffonde la stessa tentazione. Per non ripercorrere quella strada c'è bisogno di una nuova politica che sappia elevarsi al livello planetario delle sfide: migrazioni, finanza, povertà ed ineguaglianze, clima.

Il mondo globale come problema storico

Gozzini Giovanni
Archetipo Libri

Disponibile in libreria in 3 giorni

19,00 €
Le profonde trasformazioni che hanno cambiato il mondo nell'ultimo trentennio richiedono un ampliamento della ricerca storiografica e una riformulazione delle gerarchie dei fenomeni storici. Questo volume affronta la globalizzazione come problema storico con una introduzione e una ricca antologia di studi critici che descrivono questo fenomeno fin dalle origini. Globalizzazione è una parola che viene usata per indicare aspetti molto diversi della modernità: dall'informatica all'ambiente, dal capitalismo ai problemi della fame, della povertà, dell'immigrazione e, più in generale, dell'ingiustizia nel mondo. I fenomeni che fanno parte del processo di globalizzazione sono oggetto di intensi dibattiti in parte tra gli storici e in parte tra gli economisti, i sociologi, i filosofi e gli scienziati della politica. L'antologia offre un vasto repertorio di studi, alcuni tradotti per la prima volta, e registra un'articolata documentazione sul tema della globalizzazione secondo un'originale e aggiornata prospettiva multidisciplinare, capace di mettere in luce nessi fondamentali per comprendere un fenomeno così complesso e stratificato della nostra modernità.

La mutazione individualista. Gli...

Gozzini Giovanni
Laterza

Disponibile in libreria in 3 giorni

24,00 €
Molto più di tutti gli altri media che l'hanno preceduta nella storia (stampa, radio, cinema) la televisione suscita mitologie e denunce, entusiasmo e demonizzazione, assuefazione e ripulsa. Secondo il Censis l'Italia di oggi appare una società frammentata e confusa, priva di punti di riferimento forti e stabili, dove la televisione domina largamente i consumi culturali. Quasi il 70% dei cittadini le si affida (in particolare ai telegiornali) per formare le proprie scelte di voto. Giovanni Gozzini ripercorre le tappe principali dell'uso della tv da parte degli italiani. Dalla televisione top-down, pedagogica e autoreferenziale di Ettore Bernabei a una televisione bottom-up, bidirezionale che - lungo un percorso che va da trasmissioni come "Portobello" (1977) fino al "Grande Fratello" (2000) - mette in scena, celebra e mitizza l'italiano medio. Senza contare le reti private commerciali. La tesi di Giovanni Gozzini è che la tv più che determinare il mutamento ha rispecchiato, catalizzato e amplificato la 'rivoluzione individualista' esplosa negli anni '80 e celebrata dalla permanenza di Berlusconi sulla scena politica. Nonostante la televisione funzioni dappertutto nel mondo come in Italia, solo da noi è diventata soggetto politico. Così, frammentata e individualista, l'Italia sopravviverà anche dopo Berlusconi.

La strada per Auschwitz. Documenti...

Gozzini Giovanni
Mondadori Bruno

Disponibile in libreria in 3 giorni

12,00 €
Forse nessun altro tema è stato studiato dagli storici più dello sterminio nazista degli ebrei. Eppure nella coscienza collettiva questo lavoro non sembra lasciare traccia: Auschwitz rimane sinonimo di un male tanto assoluto quanto incomprensibile. Per questo è necessario comprendere come il progetto politico sotteso allo sterminio degli ebrei sia drammaticamente vicino a noi nel tempo e nello spazio. Il libro porta l'attenzione del lettore proprio sulla "modernità" di Auschwitz, mettendo in luce la metodologia tecnico-burocratica dello sterminio, così come la strumentalità politica implicita nella logica della pulizia etnica.

Le Migrazioni di ieri e di oggi....

Gozzini Giovanni
Mondadori Bruno

Disponibile in libreria in 3 giorni

11,00 €
II testo presenta un'analisi su scala planetaria dei movimenti migratori effettuata in comparazione con i movimenti di persone verificatisi a cavallo tra Otto e Novecento. Ne emergono analogie e differenze significative: la moltiplicazione dei paesi d'origine e di destinazione; le dinamiche psicologiche personali e collettive che presiedono alla scelta di migrare; il nuovo ruolo esercitato dalla criminalità organizzata nel traffico di esseri umani; il crescente protagonismo delle donne; il peso dei rifugiati di guerra. Possono gli immigrati bilanciare la stasi demografica dei paesi ricchi dando un contributo decisivo al mercato del lavoro e ai conti pensionistici del welfare state? Qual è l'effetto dell'emigrazione sullo sviluppo economico dei paesi d'origine dei migranti? Quale modello di immigrazione scegliere nella società attuale?

Storia contemporanea. Vol. 1:...

Detti Tommaso
Mondadori Bruno

Non disponibile

22,00 €
Una "lunga" storia contemporanea che copre un arco di oltre duecento anni, introdotta da un ampio capitolo metodologico che spiega questa periodizzazione alla luce del dibattito storiografico più recente. Il volume parte dalla doppia rivoluzione (francese e industriale) e si conculde con lo scoppio della prima guerra mondiale, secondo cinque grandi sezioni: Inghilterra e Francia: la "duplice rivoluzione", restaurazioni e rivoluzioni, l'età della borghesia, grandi potenze e spartizioni del mondo, la fine della "belle époque".

Storia contemporanea. Vol. 1:...

Detti Tommaso
Mondadori Bruno

Non disponibile

23,00 €
In questa nuova edizione gli autori interpretano l'epoca tra l'ultimo quarto del XVIII secolo e il 1914 come una prima fase di sviluppo dei processi di globalizzazione destinati a dispiegarsi nella seconda metà del Novecento. È con questa lente che vengono qui riletti la depressione del 1873-96, la seconda rivoluzione industriale, la "grande migrazione" e il colonialismo europeo. Ancora, pur riservando lo spazio più ampio alla storia italiana ed europea, l'opera le inserisce in un contesto globale per evidenziare i legami tra i fenomeni verificatisi nei diversi continenti, dalle guerre dell'oppio alla rivoluzione del 1848, dalla rivolta di Taiping in Cina al "grande ammutinamento" indiano, dalla guerra civilie americana alla restaurazione Meiji in Giappone. Inline, per motivare la centralità attribuita alla categoria della globalizzazione, l'opera si apre con una sintesi dei tratti di fondo del mondo attuale per risalire indietro nel tempo, alla ricerca del momento in cui assunsero per la prima volta una chiara fisionomia.

Storia contemporanea. Ediz. MyLab....

Detti Tommaso
Pearson

Non disponibile

28,00 €
Come scrisse Marc Bloch (1949), «noi, volentieri, contiamo per secoli» ma, «per disgrazia, nessuna legge della storia impone che gli anni il cui millesimo termina con la cifra 1 coincidano con i punti critici dell'evoluzione umana». Non è dunque un problema se questo libro, pur intitolandosi Il Novecento, si apre con la prima guerra mondiale e si inoltra nel nuovo millennio. Anzi: sempre secondo Bloch ragionando per secoli «noi ci diamo l'aria di distribuire secondo un rigoroso ritmo pendolare, arbitrariamente scelto, realtà alle quali questa regolarità è assolutamente estranea. È una sfida al buon senso. Naturalmente ne usciamo molto male. Bisogna cercare di meglio».

Storia contemporanea. Vol. 2: Il...

Detti Tommaso
Mondadori Bruno

Non disponibile

26,00 €
Un storia contemporanea che copre un arco di oltre duecento anni, introdotta da un ampio capitolo metodologico che spiega questa periodizzazione alla luce del dibattito storiografico più recente. Il secondo volume si apre con la prima guerra mondiale (1914) e individua un momento di svolta epocale nell'ultimo venticinquennio del Novecento. Più che la fine del comunismo e del 'sistema bipolare', sono i processi di globalizzazione del mondo a segnare i caratteri costitutivi del tempo presente e l'inizio di una nuova epoca storica.

Storia del giornalismo

Gozzini Giovanni
Mondadori Bruno

Non disponibile

22,00 €
I giornalisti sono servi del padrone o antagonisti critici del potere? Manipolano la realtà o ne garantiscono la conoscenza? Invadono la sfera privata dei cittadini o rappresentano fattori di trasparenza e democrazia? Questo libro risponde a queste domande restituendo un'identità complessa e plurale della stampa che è, nello stesso tempo, libertà e diritto, industria culturale e monopolio privato, tecnologia complessa, strumento di potere e consenso. Le vicende dei diversi giornalismi nazionali, dalle prime gazzette degli imperatori cinesi a Internet, vengono raffrontate tra loro per mettere in evidenza analogie e differenze, ritardi e anticipazioni, modelli e imitazioni.

Storia del giornalismo

Gozzini Giovanni
Mondadori Bruno

Non disponibile

23,00 €
La storia del giornalismo è la storia di una professione: la storia di uomini e donne che hanno dato vita a un nuovo mestiere, lo hanno reso autonomo da altre figure lavorative, lo hanno fatto crescere in complessità e potere sociale. Da molto tempo gli effetti di questo processo plurisecolare sono davanti agli occhi di tutti: il potere incarnato dal sistema dell'informazione è oggetto di una costante discussione civile che lo esalta o lo demonizza a seconda delle circostanze. Il panorama tracciato da Gozzini restituisce l'identità complessa e plurale della stampa che è, nello stesso tempo, libertà e diritto, industria culturale e monopolio privato, tecnologia complessa e strumento per creare consenso. Le vicende dei diversi giornalismi nazionali dalle prime gazzette degli imperatori cinesi a Internet - vengono raffrontate tra loro per mettere in evidenza analogie e differenze, ritardi e anticipazioni, modelli e imitazioni. Questa nuova edizione è arricchita dal quadro delle più recenti trasformazioni del mondo della notizia, tra la crisi della carta stampata e le rivoluzionarie modalità di informazione condivisa del web 2.0, che hanno portato alla nascita di nuove prospettive e professionalità.

Le migrazioni di ieri e di oggi....

Gozzini Giovanni
Mondadori Bruno

Non disponibile

18,00 €
Questo nuovo libro di Giovanni Gozzini è l'analisi su scala planetaria dei movimenti migratori effettuata in comparazione con i movimenti di persone verificatisi a cavallo tra Otto e Novecento. Ne emergono analogie e differenze significative: la moltiplica

La strada per Auschwitz. Documenti...

Gozzini Giovanni
Mondadori Bruno

Non disponibile

11,00 €
Forse nessun altro tema è stato studiato dagli storici più dello sterminio nazista degli ebrei. Eppure nella coscienza collettiva questo lavoro non sembra lasciare traccia: Auschwitz rimane sinonimo di un male tanto assoluto quanto incomprensibile. Per questo è necessario comprendere come il progetto politico sotteso allo sterminio degli ebrei sia drammaticamente vicino a noi nel tempo e nello spazio. Il libro porta l'attenzione del lettore proprio sulla 'modernità" di Auschwitz, mettendo in luce la metodologia tecnico-burocratica dello sterminio, così come la strumentalità politica implicita nella logica della pulizia etnica.

Globalizzazione

Gozzini Giovanni
Giunti Editore

Non disponibile

10,00 €
Globalizzazione è uno dei termini più ricorrenti nel linguaggio comune e nei motori di ricerca della rete. E' un fenomeno le cui radici affondano nel tempo. Abbraccia questioni quali le nuove tecnologie informatiche e Internet, gli equilibri e le diseguaglianze economiche del mondo, la finanza globale, l'inquinamento del pianeta, le guerre di oggi e i diritti umani, l'occidentalizzazione e le culture extraeuropee, i flussi migratori della fine del XIX secolo e quelli odierni, lo scontro tra civiltà, la povertà e la ricchezza, lo sviluppo e il sottosviluppo. Insomma tutto quello che fa del mondo in cui viviamo una realtà globale. Che questo libro aiuta a capire nelle sue dinamiche, ricostruendo la storia dei processi che fin dall'età moderna hanno impresso una svolta nei rapporti tra le più lontane aree del mondo.

Il segreto dell'elemosina. Poveri e...

Gozzini Giovanni
Olschki

Non disponibile

33,00 €
I registri di Montedomini, la Pia Casa di Lavoro creata per i poveri fiorentini agli inizi dell'Ottocento, restituiscono le strategie di sopravvivenza di un mondo del lavoro strutturalmente precario e, insieme, la perdurante forza della beneficenza come strumento di governo paternalistico della società.

Storia del Partito Comunista...

Martinelli Renzo
Einaudi

Non disponibile

41,32 €
Questa seconda parte della storia del Pci nell'Italia repubblicana abbandona la dimensione della storia politica, al centro del volume 1945-48, come punto di riferimento esclusivo e si concentra in particolare sulla dimensione della storia sociale, analizzando i nodi strutturali del ruolo e della funzione del partito di massa nella società moderna: rappresentanza degli interessi, reclutamento e formazione del personale politico, mobilitazione e integrazione di ceti e soggetti sociali, strutturazione del voto.

Un'idea di giustizia....

Gozzini Giovanni
Bollati Boringhieri

Non disponibile

32,00 €
Questo libro si propone di spiegare storicamente la divisione del mondo in paesi ricchi e paesi poveri, e lo fa applicando al passato la categoria di globalizzazione, intesa come movimento di merci, capitali, persone attraverso le frontiere nazionali. Sono dinamiche che non nascono oggi né si possono evitare: accompagnano la storia del genere umano fin dal suo primo apparire sulla Terra. Nello stesso tempo determinano rapporti di forza e gerarchie, vincitori e vinti. Nel corso dell'Ottocento la rivoluzione industriale e il colonialismo scavano un fossato profondo: le economie africane e asiatiche vengono piegate alle necessità delle nazioni ricche, quelle indipendenti dell'America latina sono protette da barriere doganali che conservano equilibri di potere oligarchici e povertà di massa. Soltanto pochi paesi asiatici - prima il Giappone, poi la Corea del Sud e Taiwan, infine la Cina e l'India - riescono a ribaltare questo destino di sconfitta, grazie a una miscela di fattori: riforma agraria e uguaglianza sociale, scolarizzazione di massa, contenimento demografico, stabilità politica, esportazioni di prodotti industriali a crescente contenuto tecnologico. È l'assenza di uno o più di questi fattori a spiegare l'odierna povertà di ampie zone dell'Africa e dell'America latina.