Genealogia, araldica, nomi e onorificenze

Filtri attivi

Ordres et Décorations du Saint-Siège

Henneresse Dominique
Libreria Editrice Vaticana - 2019

Disponibilità Immediata

48,00 €
Il libro, promosso dalla Segreteria di Stato della Santa Sede, presenta tutte le onorificenze Pontificie lungo la storia. Il testo è corredato di foto e descrizioni minuziose. Prefazione del Card. Pietro Parolin.

Notizie e stemmi delle antiche famiglie fiorentine

Giannetti Vincenzo; Giannetti Stefano
Pontecorboli Editore - 2019

Disponibilità Immediata

18,00 €
Leggere questo libro è come "fare un ritorno al passato" in quanto riporta alla memoria quel periodo storico detto Medioevo in cui nacquero per necessità politiche quegli "orpelli" che furono gli stemmi, i quali svolsero un'importante funzione: quella di dimostrare visivamente a tutti l'identità e la potenza delle più illustri Famiglie dell'epoca. L'argomento può sembrare, a prima vista, un'ostentazione sterile di erudizione mentre dallo studio e dalla ricerca degli stemmi, possiamo acquisire tante informazioni storiche su quelle famiglie e sulle loro "imprese".

Famiglie nobili di Cosenza. Memoria storica

Napolillo Vincenzo
StreetLib - 2018

Disponibilità Immediata

9,99 €
Gli storici del passato definirono Cosenza città "antichissima e nobilissima". Quali dunque le sue origini? Elia D'Amato, nella Relazione del 4 agosto 1712, pubblicata da Serafino Montorio nel suo Zodiaco, sfatò il mito, protrattosi fino a oggi, che Cosenza fu sempre autonoma poiché fu città demaniale. Purtroppo l'elenco dei diversi dominatori o "padroni" della città non è breve. Menzionata da Strabone come città dei Bretti (secondo il nome greco) o dei Bruzi (secondo il nome latino), Cosenza fu fondata da un gruppo di servi che fuggirono dall'antica Lucania o, come vuole una tradizione meno accreditata, fu edificata in nome della giovane Brettìa, che aprì le porte a 600 Africani assoldati da Dionisio il Giovane. Aulo Giano Parrasio pensò, invece, che Cosenza avesse avuto la sua origine da Brezio, figlio di Ercole e di Balezia...

Gli stemmi dei comuni toscani al 1860

Borgia L. (cur.); Pagnini G. P. (cur.)
Polistampa - 2018

Disponibilità Immediata

75,00 €
La raccolta degli stemmi dei Comuni toscani nasce dal ritrovamento delle tavole ottocentesche realizzate dal pittore Luigi Paoletti su incarico del Cavaliere Luigi Passerini. L'opera torna in un'edizione speciale a tiratura limitata, ottenuta dalla cucitura dei fascicoli originali impressi su carta Arcoprint Avorio Fedrigoni in stile Bodoni. Frutto dell'estro grafico di Carlo Savona e arricchito da un'introduzione di Luigi Borgia, il volume costituisce un punto fermo negli studi di araldica civica e allo stesso tempo un prodotto artistico in grado di arricchire qualunque biblioteca.

Gli Staglieno. Origini, ritratti e protagonisti...

Lercari A. (cur.)
SAGEP - 2018

Disponibilità Immediata

50,00 €
La storia di Genova può essere letta anche come un insieme di intrecci familiari e il volume ricostruisce la lunga vicenda storica degli Staglieno, una famiglia patrizia, originaria dell'omonima località della Val Bisagno dalla quale trasse il proprio casato, nell'immediato Levante della città di Genova, oggi nota per il cimitero monumentale, uno dei maggiori d'Europa, ma sino alla metà del XIX secolo luogo di villeggiature e di produzioni agricole importanti nel panorama locale. Gli Staglieno, che sempre hanno rivendicato la propria discendenza da Caio Elio Staleno, senatore romano e tribuno della Plebe nemico di Marco Tullio Cicerone, si affermano certamente nel tessuto sociale ed economico urbano tra XIV e XV secolo, prendendo anche parte ai commerci internazionali nel Mediterraneo come consuetudine dei membri del ceto dirigente genovese...

Famiglie nobili di Cosenza. Memoria storica

Napolillo Vincenzo
Santelli - 2018

Disponibilità Immediata

12,00 €
Strabone la menzionò come città dei Bruzi, fondata da un gruppo di servi che fuggirono dalla Lucania; un'altra tradizione vuole che la stessa città fu edificata in nome della giovane Brettìa, che aprì le porte a 600 Africani assoldati da Dionisio il Giovane. Parrasio pensò, invece, che lì avesse avuto la sua origine da Brezio, figlio di Ercole e di Balezia. I grandi storici furono però tutti concordi sul fatto che Cosenza fosse una città "antichissima e nobilissima". Furono infatti moltissime sia le famiglie che dominarono la città bruzia che quelle locali che ne furono protagoniste, ciascuna con le proprie peculiarità e il proprio contributo per la città.

Il Palazzo Lombardi-Satriani in San Costantino...

Molea A. (cur.)
ilTestoEditor - 2018

Disponibilità Immediata

15,00 €
È la storia di una famiglia originaria di Vibo Valentia. Trasferitasi dopo il 1783 a San Costantino di Briatico (VV) è divenuta con gli anni polo di aggregazione sociale e centro di attività economiche funzionali all'intero territorio. Il filmato parte da una panoramica di San Costantino, focalizza il Palazzo dei Lombardi Satriani, e passa poi alla narrazione storica del casato soffermandosi su alcune figure di rilievo: quelle di Alfonso e di Raffaele Lombardi Satriani. Il Palazzo fu meta e luogo di richiamo di diversi personaggi, come Pasquale Galluppi, Gerhard Roholfs, Fortunato Seminara. Assume rilevante importanza l'intervista di Romeo Bufalo a Luigi M. Lombardi Satriani, in cui si delineano alcune tappe della biografia intellettuale dell'antropologo calabrese. Il libro, invece, si apre con una relazione di Francesca Valensise su alcuni tratti della famiglia Lombardi Satriani nel contesto della nobiltà meridionale del Sette-Ottocento e raccoglie poi le testimonianze dei più noti allievi di Luigi da Ottavio Cavalcanti a Vito Teti. In appendice una riproduzione di documenti, codici, pergamene e foto che hanno variamente segnato la storia di questo casato.

I Farnese del ramo di Latera e Farnese

Bonaventura Caprio
Annulli - 2018

Disponibilità Immediata

20,00 €
Il libro ripercorre la storia del «ramo minore» della famiglia Farnese, quello di Latera e Farnese, la cui esistenza è stata spesso posta in ombra dalla storiografia nazionale, per lo più concentrata sulle vicende e sui personaggi del «ramo maggiore» di Castro e Ronciglione e di Parma e Piacenza. I Farnese di Latera e Farnese, al pari dei parenti più illustri, si distinsero per la loro accorta politica dei matrimoni, per l'esercizio delle armi in forme nuove e strategiche, per l'audacia di alcune iniziative e, non ultimo, per il loro mecenatismo artistico. Partendo dalle umili campagne della Tuscia viterbese arrivarono a esercitare il loro potere in città grandi e potenti come Roma, Firenze, Parma e Bologna. Con Isabella Farnese (suor Francesca, fondatrice delle Monache farnesiane) «rischiarono» addirittura di onorare la loro stirpe con una santa.

Scrittura e simboli del potere pontificio in...

Paolucci Alberto
Artemide - 2016

Disponibilità Immediata

50,00 €
Il volume è dedicato all'epigrafia esposta sui muri di Roma negli anni della sovranità papale dopo il ritorno dalla sede avignonese. Diffuse ovunque nella città le epigrafi costituiscono una rete di luoghi di memoria dove ha sintesi il rapporto spazio-tempo, un museo all'aperto che documenta le modificazioni intervenute nell'assetto urbano per l'azione incessante dei papi. Al parlato di pietra, che direttamente o indirettamente si riferisce all'esercizio della sovranità dei papi, danno il loro apporto anche membri delle istituzioni e della corte ruotanti attorno al papa: cardinali, esponenti di famiglie della nobiltà, figure delle professioni, che si autorappresentano ricorrendo a pubbliche iscrizioni. Lo studio ricostruisce l'immagine di Roma attraverso il visibile parlare della scrittura incisa, osservata nelle regole formali e modalità di rappresentazione, e nei diversi aspetti di valore che vi si possono leggere, come la continuità del potere e il tributo di memoria ai predecessori, la funzione assegnata al riuso della monumentalità antica e al restauro come restituzione alla cittadinanza, il rapporto con le istituzioni comunali e le figure ecclesiali, la difesa della Chiesa e la ricerca della pace e della giustizia. Il repertorio delle epigrafi e la documentazione relativa sono contenuti nel DVD, allegato al libro, con oltre mille immagini a colori.

I D'Annunzio. Origini e storia

Bellafante Fernando
Menabò - 2016

Disponibilità Immediata

20,00 €
Il libro, con un saluto introduttivo di G.B. Guerri, riporta la genealogia e le vicende storiche e sociali, a partire dal XVI secolo, del cognome d'Annunzio e ne rivela le origini marchigiane. Si tracciano i profili dei paesi (Poggio Canosa, Montefiore, Fermo e Campofilone) che caratterizzarono la vita familiare e lavorativa degli antenati di Giuseppe Nunzi che nel 1740 si stabilì a Pescara. Qui la famiglia D'Annunzio con il commercio e intelligenti investimenti diventa una delle famiglie più impegnate dal punto di vista economico, amministrativo e politico. I personaggi dei d'Annunzio che si prendono in considerazione sono Teofilo, Francesco Rapagnetta-d'Annunzio, Antonio, Vincenzo, Erminio e Luisa de Benedictis. Teofilo e Francesco (il padre di Gabriele) si distinsero per la capacità amministrativa e favorirono lo sviluppo urbanistico ed economico di Pescara. L'ultima parte del libro è dedicata a Gabriele d'Annunzio. Di lui si raccontano la prima giovinezza con il primo matrimonio, il suo intenso rapporto con la madre Luisa e gli amici abruzzesi e, in particolare, la candidatura a deputato del Parlamento Italiano nel 1897 e la rappresentazione de "La figlia di Iorio" nel 1904.

Araldica della regia aeronautica. Ediz....

Moncalvo Pierluigi
Gruppo Modellistico Trentino - 2016

Disponibilità Immediata

30,00 €
Centinaia di immagini a colori e in b/n, oltre a novanta disegni degli stemmi dei vari Reparti, 16 profili a colori di aerei del periodo dal 1920 al 1942. Il secondo volume di questa serie riprende il percorso iniziato con successo con la prima raccolta, pubblicata dal G.M.T. nel 2010. In ordine cronologico, la nuova carrellata copre una ventina d'anni, iniziando da un distintivo celebre, quello della 32a Squadriglia da Ricognizione, addirittura precedente la fondazione della Regia, per concludere con emblemi personali risalenti al tardo 1942. Ci sono distintivi noti, come l'"Arciere" del 1° Stormo ed altri finora mai identificati, come l'"Angelo" della 160a Squadriglia. Ma una caratteristica li accomuna tutti, quella dell'estrema precisione del disegno che include i più minuti dettagli, ricavati da foto originali. Volume di 144 pagine formato A/4 in carta patinata opaca da 115 grammi, con copertina in cartoncino plastificato a quattro colori.

Araldica benacense e valsabbina

Stefani Enrico
Liberedizioni - 2016

Disponibilità Immediata

25,00 €
Il volume comprende storie, stemmi e blasoni, in tavole a colori, di centinaia di casate protagoniste, per secoli, della zona compresa fra il Garda bresciano e la Valle Sabbia.

I cimbri del XIII comuni veronesi

Rapelli Giovanni
Editrice La Grafica - 2016

Disponibilità Immediata

10,00 €
Il volumetto, di 80 pagine, è inteso a dare informazioni sommarie sulla popolazione dei Cimbri delle montagne veronesi, formante un tempo i cosiddetti "XIII Comuni Veronesi". Questo popolo di origine tedesca risiede oggi nella sola località di Giazza, in comune di Selva di Progno.

Vita a Palazzo Litta. Signori e grandi dame,...

Pizzini Franca
Skira - 2015

Disponibilità Immediata

24,00 €
Il racconto si basa sulla storia di Palazzo Litta e delle persone che lo hanno abitato. Franca Pizzini tratteggia il percorso di tre secoli di vita milanese con uno stile di facile lettura. Ne risulta un affresco ricco e dettagliato con un punto di vista "interno", quasi fosse una storia di famiglia (l'autrice discende dal ramo Litta Modignani). Le biografie delle persone che hanno vissuto nella dimora, o che l'hanno frequentata, sono arricchite da dipinti, disegni e fotografie che raffigurano sia il palazzo sia i proprietari e i visitatori illustri. Personalità importanti della famiglia Litta e di altre famiglie a essa collegate, come gli Arese, i Visconti, i Borromeo, gli Attendolo Bolognini, si incontrano con scrittori, artisti, musicisti come Verri, Goldoni, Stendhal, Foscolo, J.C. Bach, Mozart. Accanto alla storia principale vi sono storie di retroscena che riguardano maggiordomi, cameriere e personale di servizio che hanno reso confortevole la vita nel palazzo.

L'antenato nel cassetto. Manuale di scienza...

Sarzi Amadè Luca
Mimesis - 2015

Disponibilità Immediata

28,00 €
Chi furono i nostri antenati? Dove vivevano? Che mestieri svolgevano? Quanti di noi si sono posti, almeno per una volta, queste domande! Ecco: la ricerca genealogica soddisfa proprio queste curiosità; tuttavia essa ci permette anche di indagare, attraverso

L'arme segreta. Araldica e storia dell'arte nel...

Ferrari M. (cur.)
Le Lettere - 2015

Disponibilità Immediata

35,00 €
Il volume, nato dalle giornate di studio tenutesi nel 2011 presso il Kunsthistorisches Institut in Florenz e la Scuola Normale Superiore di Pisa, offre un approccio innovativo a una disciplina storica - l'araldica - a lungo trascurata o coltivata, in modo superficiale o strumentale, da eruditi e dilettanti. Suo oggetto di studio sono gli stemmi, espressioni figurate dell'identità che, comparse alla metà del XII secolo, si diffusero in modo rapido e capillare in tutta l'Europa. Questi segni costituiscono uno strumento di conoscenza utile per lo storico e, ancor di più, per lo storico dell'arte, cui si rivolge in primo luogo questo libro. Gli stemmi non servono solo alla datazione, al riconoscimento della committenza o delle vicende collezionistiche di un'opera, ma ne illuminano il significato e il contesto di produzione. Elemento essenziale della comunicazione visiva nelle società medievali, ci informano sulla mentalità e le abitudini percettive della committenza e del pubblico. Attraverso lo studio di alcuni casi esemplari, i saggi riuniti in questo volume dimostrano come l'araldica assolva un indispensabile compito ermeneutico per la storia dell'arte. Introduzione di Alessandro Savorelli.

Cartografia e nomi locali

Cinausero Barbara
De Bastiani - 2015

Disponibilità Immediata

14,00 €
Saggio di una raccolta dei toponimi del Friuli storico presenti nella cartografia dei secoli XVI - XIX.

Famiglie e personaggi nella storia di un comune...

Rusciani Eliana
Città Calabria - 2015

Disponibilità Immediata

19,00 €
Morano Calabro ha origini antichissime e un passato ricco di storia che la documentazione archeologica e le fonti scritte permettono di ricostruire in modo parziale rispetto alla quantità di eventi che attraversarono nei secoli la popolazione e il territorio. Il saggio puntualizza episodi di vita locale, ma non solo, attingendo dalle fonti primarie là dove è stato possibile e rileggendo in chiave critica quanto è stato scritto da altri. Si configura come una raccolta di articoli cronologicamente ordinati e, volendo, leggibili per argomenti, secondo gli interessi e i gusti di ciascuno, senza dover affrontare una lettura organica. Vi si trovano sia questioni di facile accesso per chi non è uno specialista del settore, sia temi più complessi e cari agli addetti ai lavori. La storia degli allevamenti equini, il contrabbando di seta praticato nel XVI secolo, le risse per la supremazia tra le parrocchie interesseranno i moranesi residenti e le migliaia che emigrarono in località vicine e lontane del pianeta. Gli appassionati di storia locale troveranno qualcosa in più su quanto è stato già scritto intorno alla successione dei baroni in età feudale e sulla circolazione del denaro in chiese e confraternite tra Cinquecento e Seicento. Nel volume, un'attenzione particolare è stata dedicata alle famiglie, vero cardine storiografico intorno al quale ruota il rovello non risolto di chi vuole scandagliare sulle origini della complessa, discussa, inestricabile questione della borghesia calabrese.

Tambellini. Dal ducato estense a Lucca....

Tambellini Barsanti Romano
Tra le righe libri - 2015

Disponibilità Immediata

13,00 €
A Lucca molto si sa dei Mansi, dei Bernardini, dei Cenami, famiglie cittadine che nel tempo hanno svolto incarichi pubblici delle quali è rimasta testimonianza in centinaia di documenti. Si è a conoscenza della loro storia genealogica, dei patrimoni personali, delle rapide ascese economiche e, per alcune, dei repentini fallimenti. Ciò che si vuole mettere in evidenza con questi studi sono le vicende di un casato altrettanto antico, ma poco conosciuto in Lucchesia da un punto di vista storico, le cui radici nascono fuori dalla piccola Repubblica. Il casato è quello dei Tambellini composto, da principio, da una singola famiglia che, con il trascorrere del tempo, si ramifica in varie località, crescendo di numero. La storia inizia analizzando i documenti conservati nella Pieve di Segromigno che presenta un archivio ricco di notizie, nomi, fatti salienti, che sono stati il fondamento per lo sviluppo successivo. Ecco allora che la vicenda familiare complessiva non può considerarsi solo lucchese, avendo origine nell'Antico Ducato di Ferrara e ancora prima a Bergamo.

I Canarisi. Cenni storici sulle famiglie dei...

Panigadi Trombetta Pierluigi M.
Dominioni - 2014

Disponibilità Immediata

16,50 €
Nella zona di Torno sul lago di Como, ancora prima del XIV secolo vivevano diverse famiglie accomunate dall'appellativo Canaris (pronunciato Canaríis nella forma dialettale), erano dedite alla pesca oppure a piccoli commerci di tessuti di lana. Dal XV al XVIII secolo, ed in concomitanza anche con la caduta della potenza commerciale di Venezia, la più parte di questi gruppi famigliari, almeno cinque, emigrarono come altre famiglie del comasco e del mendrisiotto verso la Germania occidentale. Là si insediarono validamente mantenendo il patronimico Canaris (ora pronunciato in Germania Canàris) ed ampliarono sino ad oggi la loro attività. Una di queste famiglie rimase a Como, ovviamente perché aveva raggiunto un livello sociale elevato e un notevole potere economico. Innalzata nel Settecento, al rango marchionale dall'Imperatrice Maria Theresia d'Austria e acquisito anche il patronimico "Eredi Volpi", fu famiglia insigne con secoli di presenza nella storia locale e si estinse alla fine dell'Ottocento.

I nomi di battesimo a Firenze (1450-1900). Dai...

Sestito Francesco
Società Editrice Romana - 2014

Disponibilità Immediata

35,00 €
L'onomastica personale in Italia ha già all'attivo numerosi studi, in maggioranza incentrati sulle fasi più antiche della formazione del repertorio e su periodi recentissimi. Tra il Duecento e il Novecento, però, c'è una grande lacuna che ora, per il perio

Cento storie di strada. Guida toponomastica non...

Presutti Daniele
Bibliotheka Edizioni - 2014

Disponibilità Immediata

18,50 €
Noi tutti ci spostiamo, nel tempo e nello spazio. Viaggiamo, partiamo e raggiungiamo luoghi, paesaggi volti, odori ed atmosfere. Viaggiare nella storia, quindi nel passato che ci è stato raccontato da altri, spesso per ragioni scolastiche o accademiche, non capita spesso. Quasi mai. Ci capita però di ritrovarci alle prese con il tentativo di frugare nelle tasche della memoria che é scolpita nelle lapidi, non necessariamente cimiteriali. I sepolcri urbani, come l'autore ha inteso interpretare quel dedalo infinito di nomi e luoghi, date ed eventi che riempiono i tracciati stradali della Città Eterna, lungo i quali il passato si è cristallizzato nel travertino inciso a colpi di scalpello. Ci capita di fare uno sforzo per ricordarne alcuni frammenti, informazioni spesso incomplete, parziali, talvolta plagiate fin da prima che le accogliessimo nel nostro patrimonio di conoscenze, per quanto sintetiche. Cento piccole storie, seguendo un percorso articolato in poco meno di tre millenni. Storie che raschiano la ruggine dai ricordi. Storie che conducono alla burla, alla fandonia, alla mestizia, alla risata macabra talvolta, ma sono cento storie dentro la verità. La verità dimenticata.

Cognomi ebraici nel nord Sardegna prima e dopo...

Denti Antonietta
Youcanprint - 2013

Disponibilità Immediata

23,00 €
Quali sono i cognomi d'origine ebraica presenti ad Alghero prima e dopo il 1492? In quali altri centri del Nord Sardegna risiedono dopo tale data? Dove è la sinagoga d'Alghero? Le risposte a queste, ed altre domande, sono contenute in questo studio, nel tentativo di dare un modesto contributo per conoscere la storia della Sardegna.

I Le Brun di Firenze

Sona Lucia
Youcanprint - 2012

Disponibilità Immediata

12,00 €
Questo scritto è nato per una ricerca genealogica, ma retrocedendo nelle generazioni e nei secoli ci siamo trovati di fronte a un frammento di storia non solamente familiare. Si è deciso allora di dividere il racconto in due parti principali: una per così dire "discendente", partendo cioè dal passato più remoto e più incerto fino ad arrivare agli anni per cui tutto è documentato, l'altra invece "ascendente" e riguardante la ricerca genealogica tradizionale e quindi risalendo negli anni e nelle generazioni di figlio in padre fino agli avi più lontani nel tempo i cui nomi sono stati trovati nei registri dei battesimi.

Cognomi di Romagna. 1624 storie

Costa Tiziano
Studio Costa - 2012

Disponibilità Immediata

24,90 €
Nessuno conosce la storia vera della propria famiglia anche se gli avi hanno lasciato tracce precise nei documenti. Questo libro ha messo insieme tantissimi fatti pubblici e privati per raccontare la storia antica di tutta la coloratissima gente di Romagna: soldati, contadini, capitani di un castello, eroi, patrioti... o magari anche poveri diavoli o briganti che furono appesi alle forche del mercato.

Albero genealogico e notizie della famiglia...

Omacini Caterina
Corponove - 2012

Disponibilità Immediata

38,00 €
Notizie relative a 42 componenti della famiglia Omacini; alla peste del 1630 a Dossena; ed agli Omacini Bastazi e Caravana. Con albero genealogico ramo della famiglia Alcaini di Dossena poi diventata Omacini.

La Toscana sacro romano impero di nazione...

Cini Luciano
Bonfirraro - 2011

Disponibilità Immediata

15,00 €
Sino ad adesso l'immaginario collettivo dei toscani credeva di appartenere culturalmente e geneticamente al popolo etrusco. Ma quando si vedevano i visi dei toscani degli anni '80 si restava perplessi: sembravano più volti di inglesi e tedeschi del nord che medioorientali mediterranei. Questo fenomeno si accentuava di più nelle campagne. La risposta si ha allorquando si studia il Medioevo toscano e l'alto Medioevo. Nel 2010 la conferma scientifica di ricercatori di varie università (Stanford, Parma, Ferrara, Firenze): i toscani di stirpe medievale non hanno DNA mitocondriale paleosiriano etrusco, ma sono discendenti dei toscani altomedievali. Dopo le guerre gotico bizantine infatti la Tuscia era spopolata, ma fu ripopolata da popolazioni germaniche (goti, turingi, longobardi, e dopo i franchi). Esse si sovrapposero ai pochi discendenti dei legionari romani delle centuriazioni. Il libro è corredato da stemmi di famiglie toscane, così che molti lettori potranno conoscere e vedere il proprio stemma nobiliare.

Mille anni di storia attraverso le vicende...

Fusai Luca
ETS - 2010

Disponibilità Immediata

29,00 €
Molteplici famiglie segnarono la Storia di Siena, caratterizzandone i lineamenti ed i rilievi tracciati dallo scorrere del tempo. Tuttavia la discendenza di Oddo, soldato franco giunto in Toscana al seguito di Carlo Magno, era destinata ad assumere importanza e valore particolare, dando vita prima alla vasta Famiglia dei primi Conti di Siena, i Berardenghi, poi a diversi rami che svilupparono destini assolutamente separati. Uno di questi sarà la Gens Bandinella poi famiglia Bandinelli, che si articolerà a sua volta in Paparoni e Cerretani, fondando una delle maggiori e più potenti Consorterie non solo tra i confini senesi ma di primo piano anche nell'intera Toscana. Rolando Bandinelli, Faralmo da Cerreto e Guido da Palazzo furono solo alcuni dei personaggi che fecero grande l'intera Casata, estendendone la fama e la possanza ben oltre i confini della Tuscia. Dagli spalti di Cerreto Ciampoli attraverso le ampie distese della Maremma così come dal poggio d'Asciano e dalla vetta della Torre del Palazzo in Piazza del Campo, la forza e la vitalità della gens Bandinella si tradusse in bagliori di grande Storia, gesta che per la prima volta vengono scritte e pubblicate, in omaggio a un filo conduttore lungo mille anni e mantenuto vivo, ad oggi, dagli attuali rappresentanti della famiglia Cerretani Bandinelli Paparoni.

Lo Stato feudale dei Carafa di Maddaloni....

Dandolo Francesco
Giannini - 2009

Disponibilità Immediata

15,00 €
Il volume delinea la parabola del lignaggio napoletano dei Carafa duchi di Maddaloni, tra i casati più importanti dell'universo feudale europeo. La ricerca, solidamente documentata, si colloca in un arco temporale che va dal XV al XVIII secolo, riannodandosi costantemente alle vicende della monarchia spagnola in età moderna. Francesco Dandolo e Gaetano Sabatini pongono al centro della loro attenzione la fitta e complessa trama di relazioni economiche e sociali che determinano i rapporti di potere all'interno di uno Stato feudale. Ne emerge un affresco originale, che contribuisce ad arricchire la letteratura sulle forme dell'egemonia delle famiglie nobiliari nelle società di Antico Regime.

La memoria dei padri. Cronaca, storia e...

Vivante Cesare
Giuntina - 2009

Disponibilità Immediata

25,00 €
"La memoria dei padri", titolo dell'opera e tema caro alla tradizione ebraica, allude alla genesi della ricerca e all'appartenenza religiosa della famiglia, mentre il sottotitolo rimanda alla vicenda di una famiglia di mercanti e armatori ebrei. Il cuore del libro è uno spaccato della società veneziana ricostruito su fonti d'archivio attraverso le vicende di questa famiglia, che partono in modo dimesso a Corfù con Leon di Menachem Vivante nel primo Settecento, raggiungono il culmine a Venezia con i figli tra la fine di quel secolo e l'inizio del nuovo e si concludono mestamente con i nipoti a metà Ottocento: il tutto, ampiamente annotato, è risolto per lo più in forma narrativa. Nella ricerca delle origini il discorso si spinge tuttavia fino al Cinquecento, e in forma di ipotesi anche oltre, mentre alla fine di questo excursus viene ricostruito in sintesi il passato più recente. L'opera, che si era aperta con un ritratto della famiglia nella quale l'autore ha trascorso la giovinezza, è percorsa da vicende che sfiorano il romanzo, come quella di Rachele Vivante (della quale in Appendice viene pubblicata la straordinaria deposizione resa ai funzionali veneziani), mentre singolare interesse desta tra le altre la ricerca sulle origini dei baroni Vivante di Trieste. L'Appendice, cui hanno collaborato Piergabriele Mancuso (libri ebraici) e Gilberto Penzo (tecnica navale veneziana), reca inoltre gli alberi genealogici della famiglia.

La fine dei Romanov

Alexandrov Victor
Ugo Mursia Editore - 2007

Disponibilità Immediata

19,00 €
Dagli antefatti ai motivi che portarono all'eliminazione di Nicola II e della sua famiglia nel seminterrato di casa Ipatiev a Ekaterinburg, l'autore di questo libro ricostruisce con una rigorosa indagine storica la strage di reali più celebre del XX secolo e fa tabula rasa di luoghi comuni e falsità. Ad esempio, con prove irrefutabili e definitive, dimostra come tutti gli ultimi Romanov siano morti nella strage del 17 luglio 1918 e come quindi le varie sedicenti Anastasia e gli pseudo Alessio siano o impostori o mitomani; chiarisce il ruolo di Vassilij Jakovlev, incaricato dal Cremlino di trasferire la famiglia dello zar a Ekaterinburg; rivela che solo Lenin si dichiarò contrario all'eliminazione che venne invece affrettata dai capi del Soviet degli Urali che temevano che la famiglia imperiale cadesse nelle mani dei bianchi. Il libro è arricchito da una documentazione fotografica, con istantanee private dei Romanov scattate dallo stesso zar.