Religione: argomenti d'interesse generale

Filtri attivi

Fenomenologia della religione

Widengren Geo
EDB 2020

Disponibile in 3 giorni

45,00 €
Quest'opera costituisce un punto d'arrivo forse non superabile nella storia della «fenomenologia della religione» poiché fonde i risultati di ricerche settoriali importanti all'interno di una prospettiva metodologica che cerca di accostarsi al mondo delle strutture profonde della religione. Nell'ampio edificio in cui è racchiusa l'indagine di Widengren si penetra attraverso la soglia dei primi due capitoli su «religione e magia» e «tabù e sacralità», tesi a prendere le distanze dalle concezioni evoluzionistiche del fatto religioso. Ma già il fondamentale terzo capitolo sulla «fede nel Dio supremo» mette in luce il tratto originale di questa costruzione: da questa fede scaturiscono infatti panteismo, politeismo e monoteismo, così come derivano le credenze di tipo dualistico. I successivi capitoli sul «mito», sul «rito» e sulle «pratiche cultuali» rispondono al tipico disegno di presentare i modi con cui l'uomo stabilisce il suo rapporto con un Essere supremo nelle diverse forme in cui storicamente viene adorato. Widengren analizza l'uomo visto nello svolgimento di una funzione decisiva come quella regale, nei culti funebri, nelle sue credenze escatologiche e apocalittiche, gnostiche e mistiche e affronta infine i temi della rivelazione, delle sacre scritture e dei relativi canoni per terminare con un capitolo dedicato ai vari tipi di comunità sacra.

Il rimedio. Viaggio nel bosco delle...

Treccani Chinelli Alberto
Prospettiva Editrice 2020

Disponibile in 3 giorni

14,00 €
Ormai vecchio, e sempre più vicino alla fine, l'autore decide di iniziare un viaggio nel mondo del sacro, forse con la speranza di ritrovare una fede persa da molti anni. Ha così modo di approfondire la conoscenza delle religioni più seguite (ma anche di molte "minori"), e di vagliare la fondatezza di alcune certezze, quali "Dio è amore", "le religioni sono al servizio della pace" e "la preghiera protegge il mondo". Il saggio si conclude con un sonetto.

Il canto degli uccelli. Frammenti...

De Mello Anthony
Paoline Editoriale Libri 2019

Disponibile in 3 giorni

14,00 €
Nuova edizione del famoso testo di Anthony De Mello, che è una raccolta di brevi storie, pregnanti e spesso provocatorie, provenienti dalle diverse religioni: sono storie buddhiste, cristiane, chassidiche, zen, indù, sufiche, antiche e moderne. "Queste storie hanno in comune una qualità singolare: se lette in modo particolare, produrranno una crescita spirituale", afferma l'autore, che poi sottolinea: "Questo libro è stato scritto per persone di ogni convinzione, religiose e non religiose". Le storie sono seguite da un breve commento che, nelle intenzioni di De Mello, è solo un esempio di quello che ciascun lettore può elaborare per sé. La storia che ispira il titolo: «I discepoli facevano molte domande su Dio. Il maestro disse: "Dio è ignoto e inconoscibile, ogni affermazione che lo riguardi, ogni risposta alle vostre domande è una distorsione della verità". I discepoli rimasero perplessi: "Ma allora perché parli di lui?". "Perché cantano gli uccelli?", disse il maestro».

Alienazione religiosa. I buchi neri...

Zanon Gian Carlo
presentARTsì 2019

Disponibile in 3 giorni

15,00 €
"Forse è giunto il tempo di cercare in qualche modo di capire come funziona, o non funziona, il pensiero dell'essere umano che è in prima istanza un movimento inconscio".

La religione nell'epoca della morte...

Bergamaschi M. (cur.)
Mimesis 2019

Disponibile in 3 giorni

10,00 €
Morte di Dio e trionfo della religione: tali le coordinate che inquadrano la riflessione di questo saggio. Le società secolarizzate, che hanno relegato il religioso alla mera sfera privata, ne stanno conoscendo l'inatteso revival nella sfera pubblica. È in un contesto emancipato dalle tradizioni, epurato dal riferimento a Dio e al divino, che la religione instaura il proprio incontrastato trionfo: non quale rapporto verticale con il trascendente, bensì come dispositivo di gestione sociale del desiderio, come amministrazione orizzontale degli uomini e delle collettività.

Religione e secolarizzazione. La...

Cucci Giovanni
Cittadella 2019

Disponibile in 3 giorni

16,90 €
Il desolante panorama offerto dal crescente numero di edifici sacri abbandonati o destinati agli usi più inconsueti richiama l'attualità della profezia di Nietzsche circa la morte di Dio. Uno sguardo più attento mostra tuttavia come le tematiche religiose (il sacro, il senso della vita e della morte) non scompaiano ma piuttosto si diffondano in maniera capillare e diversificata. Il libro indaga tale andamento mostrando possibili conseguenze a livello sociale, culturale e spirituale. Le nostre società "laiche" sembrano incapaci di affrontare la gran parte delle problematiche odierne: migrazioni, crollo demografico, sfaldamento del tessuto sociale, crisi delle istituzioni e della politica, aumento della solitudine e del male di vivere. Tutto ciò rende improrogabile la ripresa del dialogo tra secolarità e religione. La posta in gioco è la sopravvivenza della nostra civiltà.

Tutto religioni

De Agostini 2018

Disponibile in 3 giorni

12,50 €
Per conoscere e confrontare i concetti base delle tre grandi religioni monoteiste, con le loro suddivisioni storiche e le diverse confessioni, ma anche le credenze, le pratiche e le comunità. Per sapere di più delle religioni orientali e di quelle native dell'Africa, dell'Oceania e delle Americhe.

Opera omnia. Vol. 16: Storia e...

Lubac Henri de
Jaca Book 2018

Disponibile in 3 giorni

30,00 €
«Il titolo di questa sezione dell'Opera Omnia indica chiaramente l'oggetto delle opere presentate e subito si può intuire come siamo condotti al cuore dell'esistenza della Chiesa, che vive della Parola e del Pane, nutrendosi alla Tavola dei due alimenti necessari all'esistenza. I volumi di questa sezione hanno una data lontana nel tempo (1949, 1950, 1959-1993, date delle prime edizioni francesi), e tuttavia corrispondono a questioni che oggi sono più che mai importanti e difficili per la teologia e per l'esistenza cristiana; soprattutto, come si vedrà, la questione della lettura e interpretazione della Scrittura. [...] Le opere di de Lubac contenute in Scrittura ed Eucarestia trattano due grandi temi, che coincidono con i fondamenti della fede e della teologia cristiana. La Chiesa, infatti, vive della Parola testimoniata e portata dal Libro, e della Eucarestia, nella memoria di Gesù, celebrazione ma anche sintesi di tutta la storia e del mistero della salvezza. Sono opere che hanno fecondato la riflessione teologica del periodo immediatamente precedente il Vaticano il, e, anche se non citate, hanno nutrito alcuni documenti conciliari tra i più importanti (sulla rivelazione, sulla Chiesa, sulla liturgia). [....] È questo il significato delle opere di de Lubac, che rimangono dei classici della teologia del XX secolo, e proprio perché classici si presentano sempre attuali. Non si può capire la Chiesa senza pensare all'Eucarestia, e viceversa. L'esegesi, ricerca attenta, rigorosa, di tutta la dimensione storica e filologica della Scrittura, ha assoluto bisogno della lettura sempre attenta al "senso spirituale": solo così la Parola vivifica. Altrimenti rimane lettera morta, addirittura portatrice di morte.» (Dall'Introduzione di Azzolino Chiappini alla Sezione quinta dell'Opera Omnia)

Legge di Dio, leggi degli uomini....

De Oto Antonello; Mariani Cerati Pietro
Compagnia Editoriale Aliberti 2018

Disponibile in 3 giorni

13,00 €
La Legge di Dio può conciliarsi con le leggi degli uomini? Qual è il confine fra religione e laicità, sul piano della giustizia e del diritto? Come rispettare l'identità religiosa in una società plurale, e conciliarla con i principi della libertà individuale che sono alla base della società occidentale? L'ebraismo, l'islam, il buddhismo, le religioni dell'Estremo Oriente: ogni grande religione, nata e sviluppatasi con un suo sistema normativo, pone questioni pressanti alla nostra convivenza laica e multiculturale. Un giovane giurista che si occupa di religioni, Antonello De Oto - docente di diritto ecclesiastico all'Università di Bologna - ne discute con il direttore della collana "Bibbia e Giornale" Pietro Mariani Cerati in un dialogo aperto, sincero, senza pregiudizi ideologici o confessionali, con un linguaggio divulgativo e rigoroso. Un libro per aiutarci a fare luce in questo sempre più complesso tempo presente. Nel buio degli integralismi che si scontrano e delle intolleranze che crescono, un contributo prezioso, forse necessario, alla ricerca di un'armonia possibile. Prefazione di Pierluigi Castagnetti.

Educazione ed esperienza religiosa....

Dal Toso P. (cur.); Loro D. (cur.)
Franco Angeli 2018

Disponibile in 3 giorni

25,00 €
L'educazione religiosa costituisce una tematica da tempo trascurata dalla pedagogia accademica, ma di grande ed evidente attualità, proprio perché sollecitata dal contesto socioculturale odierno che ne sottolinea l'urgenza educativa. In realtà la dimensione religiosa non può essere trascurata nel processo educativo, come non dovrebbe esserlo all'interno della vita culturale del nostro tempo. Di fatto essa risulta ampiamente sottovalutata nella sua incidenza nella storia dell'evoluzione umana e per la formazione dell'uomo. Di qui la necessità di ripensare la religiosità sia a livello culturale generale sia a livello educativo. Questo libro testimonia la ripresa degli studi pedagogici sulla religione e sull'educazione religiosa, ad opera di pedagogisti di diverse Università italiane, confluenti in un gruppo di lavoro della Società Italiana di Pedagogia (SIPED). Il tema dell'educazione religiosa è affrontato in chiave pedagogica, con alcuni approfondimenti filosofico-religiosi che ne danno il quadro di riferimento. In un confronto a più voci, si sviluppa quindi una riflessione sulla formazione religiosa nelle diverse stagioni della vita, in rapporto ai passaggi di vita e ai cambiamenti interiori. Nella prospettiva del dialogo interculturale, nel quale l'esperienza religiosa oggi può essere un problema o una risorsa, il libro prende anche in esame l'educazione e l'esperienza religiosa in alcune tradizioni non cristiane (buddista, ebraica, sufi). Contributi di: A. Augelli, M. Bortolotto, E.M. Bruni, M. Caputo, M. C. Castaldi, L. Cavana, R. Cima, P. Dal Toso, S. Guetta, A. Lascioli, D. Loro, G. Mari, M. T. Moscato, M. Musaio, A. Naccari, C. Nanni, G. Pinelli, A. Porcarelli, P. Secchi, M. Tempesta, P. Triani.

Diario 1970-1985

Eliade Mircea
Jaca Book 2018

Disponibile in 3 giorni

38,00 €
Testimonianza conclusiva di una vita interamente dedicata alla ricerca scientifica e alla scrittura letteraria, il "Diario 1970-1985" di Mircea Eliade si presenta quale documento poliedrico di una feconda e appassionata apertura all'universo umano e alla sua storia. Note e riflessioni critiche, riletture ad appunti di viaggio ma soprattutto incontri e conversazioni e, al centro, una «geografia spirituale»: Parigi (la città dell'esilio); Bucarest e la terra romena (sempre dolorosamente presenti nella consapevolezza dell'impossibilità del ritorno); Chicago (il luogo dell'affermazione professionale) e l'Italia (direttamente scoperta nella prima giovinezza e sempre rivisitata, frequentata o sognata). «La vita come iniziazione labirintica», cifra dell'esistenza e personale religiosità, è il tema costante del Diario.

Approcci al fenomeno religioso

Schuon Frithjof
Edizioni Mediterranee 2018

Disponibile in 3 giorni

16,50 €
"Come approcciare il fenomeno religioso? Quando non ci si vuole attenere a uno studio di semplici circostanze storiche e psicologiche, bisogna anzitutto riconoscere che quel fenomeno rappresenta una realtà positiva la quale è insieme una e diversificata, comporta cioè modi quasi equivalenti circa l'essenziale; giacché 'tale religione' è una cosa e la 'religione in quanto tale' è un'altra. Quest'assioma è tuttavia insufficiente se non ammettiamo a un pari il carattere soprannaturale - non soltanto psichico o sociale - del fatto religioso; carattere che è il contenuto stesso e il motivo della religione ed è il solo a renderla degna d'interesse". "Il linguaggio della religione è il simbolismo, e questo è ciò che al tempo stesso separa e unisce. Il simbolismo costituisce la particolarità insieme illuminante e separativa che caratterizza le religioni, e ancora il simbolismo, per la sua validità universale e la sua illimitatezza in profondità, permette invece di pervenire alla religio perennis; di liberare il contenuto uno, e la ragion d'essere, del fenomeno religioso. Questo fenomeno dà conto della duplice missione dell'uomo, del suo dharma a due dimensioni: conoscere l'Assoluto movendo dal contingente e manifestare il primo nel secondo". (dalla Prefazione dell'autore)

Dizionario del mito

Eliade Mircea
Jaca Book 2018

Disponibile in 3 giorni

40,00 €
Il mito è un racconto sacro ed esemplare che riferisce un avvenimento del tempo primordiale e fornisce all'uomo un senso determinante per il suo comportamento. Per la sua funzione simbolica, esso svela il legame dell'uomo con il sacro. I miti sono giunti a noi tramite testi scritti e tradizioni orali: grazie a questa copiosa documentazione, la ricerca moderna ha potuto fare una rilettura delle spiegazioni del mito elaborate nel corso dei secoli. Le radici del pensiero mitico affondano nel Paleolitico e l'arte parietale rappresenta una documentazione di primaria importanza per lo studio di questo pensiero e delle sue origini. Si giunge quindi alla ricerca di Mircea Eliade e altri sull'edificio religioso del Neolitico. Con la sedentarizzazione e la scoperta dell'agricoltura, l'uomo diventa produttore del proprio cibo, sperimentando così una solidarietà «mistica» tra sé e la vegetazione. La scienza delle religioni situa il mito «al centro», si pronuncia per la realtà dí un progetto organico che tende a delineare la statura dell'uomo elementare con un tratto che va dal simbolo al rito, passando per il mito. Questa traiettoria bio-antropologica, una volta sviluppata, si ripiega e ritorna al simbolo, suo principio. Continuamente ripreso o ripetuto nei lampi della violenza e nei morsi dell'eros, il progetto organico del simbolo, del mito e del rito tende a generare l'immagine di una spirale a cerchi variabili la cui punta ricerca un assoluto che si schiude negli esiti del sacro e che potrebbe essere chiamato, non dio, ma il divino. Introducono alla lettura i saggi dí Julien Ries e Jacques Vidal.

Religioni di minoranza tra Europa e...

Giorgi Alberta
Mimesis 2018

Disponibile in 3 giorni

16,00 €
Questo libro parla di religione, e allo stesso tempo non parla solo di religione. L'oggetto del volume riguarda il posto delle religioni di minoranza in Italia sullo sfondo dei processi di cambiamento che caratterizzano le società contemporanee - secolarizzazione, laicizzazione, europeizzazione, immigrazione - e delle tensioni che innescano o mettono in luce. Il processo di secolarizzazione ha gli stessi effetti per le diverse comunità religiose - per la loro organizzazione interna, per il modo di intendere la fede e il religioso, per il modo in cui sono trattate a livello pubblico e politico? Come si configura la laicizzazione, nel senso di separazione tra le istituzioni religiose e politiche, alla luce delle trasformazioni del religioso contemporaneo? E qual è l'impatto del processo di europeizzazione? In particolare, come incide la redistribuzione delle competenze di governo a livello sovra- e sub-nazionale sulle geometrie di laicità? L'europeizzazione ha un effetto secolarizzante? Come si configura la dimensione 'religiosa' dell'immigrazione, in un'ottica intersezionale?

La religione in giudizio. Tra Corte...

Annicchino Pasquale
Il Mulino 2018

Disponibile in 3 giorni

20,00 €
La Corte Suprema degli Stati Uniti e la Corte europea dei diritti dell'uomo rivestono un ruolo centrale nella protezione dei diritti fondamentali negli Stati Uniti e in Europa. Lo svolgimento di tale delicata funzione espone talvolta a critiche entrambe le Corti e le pone al centro di un vivo dibattito relativo alla natura e ai limiti del ruolo contro-maggioritario del potere giudiziario. Il volume approfondisce l'impatto delle due Corti nello sviluppo della giurisprudenza sulla libertà religiosa e sui conflitti di valori, oltre ad esaminare casi «sensibili» riguardanti l'aborto, il matrimonio di coppie dello stesso sesso, il fine vita.

Dopo Babele. Dalla superficie del...

Bormolini G. (cur.); Damianis E. (cur.); Ungaro D. (cur.)
La Parola 2018

Disponibile in 3 giorni

19,00 €
Dopo Babele è frutto di alcuni incontri di dialogo interculturale e interreligioso tra rappresentanti di ogni grande religione (Induismo, Buddismo, Ebraismo, Cristianesimo, Islam), ed esperti di altre discipline quali la psicoterapia, il counseling e le scienze sociali, fra i quali spicca uno dei grandi maestri spirituali del nostro tempo, il candidato al premio Nobel per la Pace Claudio Naranjo. Il racconto biblico, sulla costruzione e la distruzione della grande torre utilizzata come scala verso il cielo, ha determinato due principali filoni interpretativi. Uno spiega la distruzione della torre da parte di Dio come una punizione dell'orgoglio umano. Il secondo, invece, vede nel sorgere di lingue e culture reciprocamente incomprensibili l'occasione per l'uomo di rivolgersi verso l'Altro per scoprire sé stesso. La possibilità di comprendersi reciprocamente, oltre le differenze linguistiche, culturali o le differenti credenze, per amarsi l'un l'altro, è il grande messaggio di questo volume di grande attualità in questo particolare momento storico e sociale. Il tema dell'incontro con il diverso, sviluppato in questo progetto, intende quindi partire da un piano di onesta autoanalisi - da parte delle grandi religioni, delle tradizioni spirituali non formalmente religiose e delle scienze sociali - per avviare un percorso di reciproca comprensione, che ci possa condurre dalla superficie del conflitto alla profondità dell'incontro con l'Altro, facendoci così costruttori di nuovi e solidi ponti anziché di antiche e pericolose torri.

La casa dell'eternità

Camporesi Piero
Il Saggiatore 2018

Disponibile in 3 giorni

26,00 €
«Le mappe dell'inferno sono ormai illeggibili. Non solo non si sa come raggiungerlo, ma non è nemmeno più chiaro dove si trovi. Né se sia ancora aperto. Un prestigioso teologo poco tempo fa ha affermato, non si sa sulla base di quali informazioni, che l'inferno esiste ma probabilmente è vuoto. Dominatore della scena cristiana, punto di riferimento indispensabile all'Europa medievale e moderna, protagonista d'innumerevoli drammi spirituali, potente macchina di condizionamento continuamente perfezionata e aggiornata durante i secoli, questo grande collettore di terrori e di spasimi, inesauribile deposito di angosce e di incubi, si sta tranquillamente dissolvendo nella coscienza e nell'inconscio della gente. Si può ormai affermare che l'inferno è finito, che il grande teatro dei tormenti è chiuso a tempo indeterminato, che lo spettacolo dopo quasi duemila anni di rappresentazioni agghiaccianti non si replica più. La lunga, trionfale stagione è terminata. Sembra che rimanga il diavolo, signore della materia. Ma, come un sovrano deposto, come un re in esilio, chiusa la porta del doloroso regno, non ha più né una reggia, né una corte, né città, né castelli. Bancarottiere senza molto credito, campa stentatamente di rendita con i pochi spiccioli di quelle cattive azioni che la sua industria metallurgica, una volta fiorente, gli ha assicurato. Siamo entrati - bisogna che ce ne rendiamo chiaramente conto - nel postinferno.» (Piero Camporesi). "La casa dell'eternità" sonda le delizie dell'aldilà celeste e le nequizie del reame inferico. Camporesi scava nelle fonti letterarie e documentarie più disparate e traccia l'evoluzione degli oltremondi immaginati e anticipatamente vissuti dalle genti che nei secoli hanno popolato la Terra: dal larvale averno degli antichi, dimora di esangui e malinconiche ombre pagane, all'inferno cattolico, carnaio dei corpi marci e putrescenti dei dannati, guasti dal peccato. Fino ad arrivare a oggi, tempo in cui la casa del diavolo sembra rimasta senza inquilini e altre sono le fantasie che sconvolgono l'ordinato lavoro della mente umana.

Lo stato della materia

Devoti Giuseppe Sebastiano
Demian Edizioni 2018

Disponibile in 3 giorni

22,00 €
Partendo da un'analisi della coscienza madre del pensiero, sono state impostate le basi per considerare la sensibilità come elemento sostanziale del dolore che ci costituisce esseri viventi. Poi si è passati ad approfondire il sistema mitico simbolico in cui si colloca Dio e dunque la condizione "sine qua non" di garanzia dell'equilibrio esistenziale della comunità umana. Il mito che esprime la genuina concezione del mondo è propria dell'umanità primitiva, incarna la lingua primordiale rappresentando la fusione tra forma espressiva e la concezione primordiale del mondo. L'autonomia semantica del simbolismo mitico si estrinseca in un proprio mondo ed in una propria sfera di verità. In questo senso sono stati affrontati due aspetti particolari della mitologia biblica: Il diluvio universale e il passaggio del Mar Rosso, dimostrando che esistono scelte diverse dall'azione miracolosa. Il miracolo è semplicemente la resa attiva di una legge prevista nel "fiat" ma tacitata perché non più necessaria dallo scorrere del tempo.

L'invenzione cristiana della laicità

Antiseri Dario
Rubbettino 2017

Disponibile in 3 giorni

12,00 €
La Grecia ha passato all'Europa l'idea di razionalità come discussione critica -e di conseguenza, per dirla con P.S. Shelley "noi tutti siamo Greci". Ma non fu la Grecia a passare all'Europa i suoi dei. Il Dio delle popolazioni europee è il Dio della Bibbia e del Vangelo, è il Dio che relativizza il potere politico e, insieme, desacralizza, "mortifica" la natura rendendola disponibile - non essendo più sacra e quindi intoccabile - alla manipolazione e all'indagine scientifica in una misura prima impensabile. La laicità dello Stato, laico perché non più assoluto; e la secolarizzazione, con una natura non più sacra e una Terra abitata da uomini fallibili: sono due realtà strettamente connesse al messaggio della Bibbia e del Vangelo. Per questo non si può dare torto a Th. S. Eliot quando afferma che "se il Cristianesimo se ne va, se ne va tutta la nostra cultura. E allora si dovranno attraversare molti secoli di barbarie".

Il rito religioso. Uno studio...

Reik Theodor
Ghibli 2017

Disponibile in 3 giorni

24,00 €
Seguendo la tecnica psicoanalitica suggerita da Freud in "Totem e tabù "(1913), Reik analizza le ritualità comuni sia ai costumi degli uomini primitivi sia alle credenze di certe religioni moderne, alla ricerca di un significato e una funzione profondi, ignoti ai praticanti, analoghi a quelli dei "riti privati" dei nevrotici ossessivi. Gli usi, le tradizioni e le credenze dei popoli seguono infatti, secondo Reik, la logica di tutte le produzioni mentali che scaturiscono dall'inconscio, come la logica dei sogni o dei sintomi morbosi nevrotici.

Dialogo su Dio

Vanini Giulio Cesare; Carparelli M. (cur.)
La Scuola di Pitagora 2017

Disponibile in 3 giorni

4,00 €
Il 9 febbraio 1619, quando aveva da poco compiuto 34 anni, Giulio Cesare Vanini fu bruciato a Tolosa per «ateismo, bestemmia, empietà e altri eccessi». Meno di tre anni prima, nel settembre 1616, aveva pubblicato la sua opera più famosa, il "De admirandis naturae reginae deaeque mortalium arcanis" ("I meravigliosi segreti della natura, regina e dea dei mortali"). La censura, approvandola senza battere ciglio, non vi trovò nulla di «ostile o contrario alla Religione Cattolica Apostolica Romana». In realtà, sebbene in modo velato e criptico, essa contiene e veicola idee a dir poco esplosive in materia di religione, politica, biologia e fisica. Idee per le quali, nel 1629, fu inserita nell' "Indice dei libri proibiti". Tra i sessanta dialoghi in cui si struttura l'opera quello più celebre e rilevante è, senza ombra di dubbio, il "Dialogo su Dio", il cinquantesimo, che in questo volumetto si riporta in forma integrale. Non è un dialogo come tutti gli altri ma, in virtù dell'autonomia e della coerenza interna che io caratterizzano, un'opera nell'opera e soprattutto, per la completezza ed esaustività degli argomenti trattati, una piccola stimma del pensiero sovversivo di Vanini. Con un saggio di Dario Acquaviva.

I molti altari della modernità. Le...

Berger Peter L.
EMI 2017

Disponibile in 3 giorni

19,00 €
La nostra epoca è segnata dal forte ritorno delle religioni nello spazio pubblico. La teoria della secolarizzazione («più» modernità = «meno» fede) si è rivelata errata. Berger, un tempo sostenitore di quel paradigma, non ha timore ad ammettere lo sbaglio: l'osservazione della realtà lo porta ad affermare che oggi non viviamo in un'età secolare ma in quella del pluralismo. Le fedi sono compresenti a livello planetario: gli Hare Krishna ballano davanti alle cattedrali gotiche d'Europa, il cristianesimo si diffonde nella Cina confuciana, l'America Latina (un tempo uniformemente cattolica) vive un'esplosione di presenza protestante, la regina Elisabetta si proclama «difensore di tutte le fedi nel Regno Unito». Al contempo i credenti sono immersi nella propria epoca vivendo in prima persona il pluralismo in quanto persone sia religiose sia secolari. Ma cosa significa il fatto che il pluralismo è il paradigma della condizione spirituale moderna? In che modo le istituzioni religiose ne vengono condizionate? Cosa succede alla fede in questo contesto? Questo libro risponde con lucidità a tali domande. Berger intreccia un'impareggiabile competenza accademica con la sapida capacità di indagare i fatti propria dell'uomo curioso di capire.

L'individuo e la sua religione

Allport Gordon W.; Galli N. (cur.)
La Scuola 2017

Disponibile in 3 giorni

22,50 €
Un'analisi del sentimento religioso visto come intenzione propulsiva che anima lo sviluppo individuale secondo un ideale che comprende e, nel contempo, trascende il reale e non come regressione, evasione o illusione. Questo saggio - ormai un classico della psicologia e della pedagogia della religione - contiene numerosi spunti per un'educazione religiosa basata sulla fiducia, sull'ottimismo, sullo spirito di ricerca e sul desiderio del bene. Il messaggio di Allport è quanto mai attuale: occorre fare affidamento sui poteri razionali, sulle autonome motivazioni e sulle capacità progettuali dell'uomo. La religione dell'uomo è la sua audace sfida per legarsi al creato e al Creatore. È il suo tentativo ultimo per dilatare e completare la propria personalità con il reperire il contesto supremo del quale a buon diritto fa parte.

L'alba dell'uomo e il sacro

Cataldo Maria Concetta
FaLvision Editore 2017

Disponibile in 3 giorni

12,00 €
Se l'antropologia è la scienza dell'uomo e un discorso sull'uomo, l'antropologia religiosa, quale rapporto tra l'uomo e il sacro, va al di là dei fatti strettamente religiosi e non può limitarsi ad un ambito strettamente teologico. Una siffatta analisi deve partire dalla struttura del pensiero dell'uomo come homo religiosus, attraversare il mondo dell'uomo che vive il sacro come esperienza fin dalle sue primitive rappresentazioni e dal posto che egli ha voluto occupare nell'universo, infine comprendere il suo rapporto con un'entità misteriosa che lo supera. Questi motivi spingono il nostro sguardo verso quelle ere remote che annotarono il suo primo apparire come essere pensante sulla scena terrestre, per scoprire le modalità del pensiero dell'uomo arcaico, la mentalità primitiva, e seguire la lenta, ma costante evoluzione delle sue credenze strettamente legate al tipo di vita ed a comportamenti nomadi o stanziali: in sintesi, il formarsi all'interno della coscienza umana delle prime forme del sacro [...]

Le parole del Dio. Dizionario...

La Roque Marcus
Yume 2017

Disponibile in 3 giorni

15,00 €
La religione costituisce un patrimonio di esperienze straordinariamente variegato, che ha prodotto un numero illimitato di divinità, culti, riti, pratiche, ecc. Vi sono termini che sono ricorrenti nelle religioni, accanto ad altri specifici di questo o quel culto: in questo dizionario ne sono stati raccolti numerosi al fine di fornire al lettore non specialista l'opportunità di conoscerne il significato, l'origine, la storia. Dopo secoli di letture in chiave mistica, dopo le affabulazioni del positivismo e le stroncature del materialismo, la religione risulta un valore che si presenta all'individuo come fatto culturalmente fondamentale in tutte le società. Questo dizionario, ponendosi super partes non intende entrare nel merito dell'esistenza di Dio, ma di spiegare come e con quali modalità l'uomo ha dato un senso alla divinità, modellando parole, linguaggi, immagini.

Opera omnia. Vol. 8: Meditazione...

Lubac Henri de
Jaca Book 2017

Disponibile in 3 giorni

30,00 €
«Il senso che la Chiesa, e l'appartenenza ad essa, riveste per il credente in Cristo, per il suo essere uomo e la sua salvezza è tutt'altro che scontato: verrebbe anzi da dire che è sempre meno scontato. Quale sia il motivo per cui, in altri termini, la salvezza si realizzi - pur in modo incipiente - in forma ecclesiale e perché il credere del cristiano sia strutturalmente un con-credere rimane quasi sempre questione inevasa. [...] La visione ecclesiologica di de Lubac resta a tutt'oggi, tra gli studi occidentali, una delle poche all'altezza di una tale fondamentale questione. Ciò è evidente quando si leggano i testi a carattere ecclesiologico del teologo di Lione in raffronto con gli altri suoi studi, soprattutto quelli sul soprannaturale: cosa assolutamente legittima e forse doverosa dal momento che, come ha notato un autorevole commentatore come Balthasar, in Cattolicismo c'era già in nuce tutto quanto si sarebbe sviluppato nella monumentale opera di de Lubac. In un tale orizzonte appare infatti evidente come esista, per così dire, un "aspetto sociale del soprannaturale": tanto più visibile quanto più si passi da una sua considerazione in termini formali a una sua lettura che ne rifletta la concretezza cristologica. L'uomo è creato non solo in una generica immagine di Dio, ma porta impressa in sé l'immagine del Figlio fatto uomo, dell'Unigenito che si è fatto il "primogenito di molti fratelli" (Rm 8,29): per questo non esiste altra vocazione umana che non sia quella alla filiazione divina e, dunque, alla fraternità con gli altri uomini. Il senso per il quale la Chiesa sia la forma incipiente della salvezza è rinvenibile quando si consideri che non esiste uomo se non in Cristo e, dunque, vocato alla filiazione divina e alla fraternità inter-umana. Per l'uomo essere è partecipare dell'essere di Cristo e dunque, co-essere con gli altri uomini, suoi fratelli. Si tratta di dimensioni fondamentali e in certo senso previe a qualunque altra riflessione ecclesiologica, su cui l'opera delubachiana può ancora beneficamente indirizzare». (Dall'Introduzione di Roberto Repole alla Sezione terza dell'Opera Omnia)

Guarire lo spirito

Leloup Jean-Yves; Skali Faouzi; Teundroup Lama Denis
La Parola 2017

Disponibile in 3 giorni

22,00 €
La medicina moderna tende ancora a dissociare la guarigione del corpo e quella dello spirito. Di fronte a questa insufficienza, numerose tradizioni mettono in sinergia salute e spiritualità e pongono l'idea di una terapia globale al centro del loro approccio. In occasione di un pellegrinaggio inter-tradizioni nel luogo del risveglio del Budda, a Bodhgaya in India, tre figure importanti della spiritualità moderna hanno scelto di condividere la loro esperienza e confrontare le tradizioni sufi, cristiana e buddista per rispondere a domande fondamentali per affrontare un cammino di guarigione fisica e spirituale: come, attraverso la disciplina dello spirito e il pellegrinaggio interiore, liberarsi delle grandi afflizioni della mente? Di fronte alla malinconia, alla sofferenza emotiva, come possono la preghiera e l'arte divenire degli strumenti terapeutici? Che effetti possiamo aspettarci sulla salute del corpo? Un dialogo sapiente e ricco di suggerimenti, che affronta tutte le questioni fondamentali del rapporto tra uomo e trascendente, dell'uomo con le proprie origini, offrendo risposte straordinariamente attuali.

Opera omnia. Vol. 9: Paradosso e...

Lubac Henri de
Jaca Book 2017

Disponibile in 3 giorni

30,00 €
«Il senso che la Chiesa, e l'appartenenza ad essa, riveste per il credente in Cristo, per il suo essere uomo e la sua salvezza è tutt'altro che scontato: verrebbe anzi da dire che è sempre meno scontato. Quale sia il motivo per cui, in altri termini, la salvezza si realizzi - pur in modo incipiente - in forma ecclesiale e perché il credere del cristiano sia strutturalmente un con-credere rimane quasi sempre questione inevasa. La visione ecclesiologica di de Lubac resta a tutt'oggi, tra gli studi occidentali, una delle poche all'altezza di una tale fondamentale questione. Ciò è evidente quando si leggano i testi a carattere ecclesiologico del teologo di Lione in raffronto con gli altri suoi studi, soprattutto quelli sul soprannaturale: cosa assolutamente legittima e forse doverosa dal momento che, come ha notato un autorevole commentatore come Balthasar, in 'Cattolicismo' c'era già in nuce tutto quanto si sarebbe sviluppato nella monumentale opera di de Lubac. In un tale orizzonte appare infatti evidente come esista, per così dire, un 'aspetto sociale del soprannaturale': tanto più visibile quanto più si passi da una sua considerazione in termini formali a una sua lettura che ne rifletta la concretezza cristologica. L'uomo è creato non solo in una generica immagine di Dio, ma porta impressa in sé l'immagine del Figlio fatto uomo, dell'Unigenito che si è fatto il 'primogenito di molti fratelli' (Rm 8,29): per questo non esiste altra vocazione umana che non sia quella alla filiazione divina e, dunque, alla fraternità con gli altri uomini. Il senso per il quale la Chiesa sia la forma incipiente della salvezza è rinvenibile quando si consideri che non esiste uomo se non in Cristo e, dunque, vocato alla filiazione divina e alla fraternità inter-umana. Per l'uomo essere è partecipare dell'essere di Cristo e dunque, co-essere con gli altri uomini, suoi fratelli. Si tratta di dimensioni fondamentali e in certo senso previe a qualunque altra riflessione ecclesiologica, su cui l'opera delubachiana può ancora beneficamente indirizzare.» (dall'introduzione di Roberto Repole)

Dizionario delle religioni

Eliade Mircea; Couliano Ioan Petru
Jaca Book 2017

Disponibile in 3 giorni

35,00 €
"I dizionari delle religioni esistenti sono abbastanza numerosi, compilazioni di un solo autore oppure opere collettive. Ma non c'è bisogno di dire che scrivere un dizionario delle religioni che sia, a un tempo, corretto (dal punto di vista scientifico) e accessibile è un'impresa insensata, a meno che l'autore o gli autori non dispongano di un filtro che consenta loro di gettare una luce originale sul sistema delle religioni. Mircea Eliade aveva senza dubbio un suo filtro ermeneutico, non meno che un'incomparabile esperienza nello studio delle religioni. Inoltre era dotato di una curiosità rara quanto la sua duttilità metodologica. Infatti, alla fine della sua carriera, egli invidiava la libertà e la creatività di cui godevano gli scienziati rispetto agli storici e agli altri studiosi universitari nel settore delle scienze umane, le cui inibizioni egli attribuiva a un grande complesso di inferiorità. Negli articoli più complessi di questo dizionario si sottolineerà il carattere sistemico della religione; questa concezione, benché espressa in maniera diversa, è presente in Mircea Eliade sin dai suoi primi libri. (...) Fedele a un ideale che egli aveva più volte enunciato, ho cercato continuamente di ampliare l'orizzonte delle mie conoscenze di storia delle religioni fino a integrare la bibliografia essenziale di tutte le religioni conosciute. Senza tutti gli articoli che dal 1974 Eliade pubblicò su 'Aevum, Revue de l'histoire des religions, History of Religions, Studi e materiali di Storia delle religioni, Journal for the Study of Judaism, Journal of Religion, Church History' e altri, mi sarebbe stato impossibile portare a termine felicemente questo progetto di dizionario delle religioni. A partire dal 23 marzo 1986 e fino alla sua morte, avvenuta il 22 aprile, ho visto Mircea Eliade tutti i giorni. Fino al 13 aprile le nostre discussioni di lavoro ebbero in generale come oggetto questo dizionario. [...] Mircea Eliade non è più fra noi per darci l'approvazione finale a questo lavoro. Tuttavia, poiché desiderava che questo progetto venisse realizzato a ogni costo, non ho voluto abbandonarlo. (...) Chiunque lo abbia conosciuto si ricorderà la straordinaria generosità di un uomo, la cui sola ambizione professionale era quella di far progredire la disciplina della storia delle religioni. Sono convinto che egli avrebbe accettato con entusiasmo tutto ciò che questo dizionario comporta di nuovo, in termini di metodo, ma sento di dovermene anche assumere la piena responsabilità, per quanto riguarda il contenuto e la forma." (Ioan P. Couliano)

Il nuovo politeismo. La rinascita...

Miller David L.; Hillman James
Ghibli 2016

Disponibile in 3 giorni

14,00 €
E se per comprendere la nostra psiche fosse necessario un radicale processo di rimitizzazione? In questo saggio, David Miller mette in luce la natura politeista insita nei territori della psicologia, della cultura e della religione. Sulle orme della tradizione psicologica archetipica introdotta da James Hillman a inizio anni Settanta, Miller sostiene che il politeismo riflette in maniera esemplare le diversità tipiche della natura umana. Al contrario del monoteismo, essenzialmente unilaterale, il politeismo attiva procedimenti dinamici. Un trattato provocatorio che invita a ripensare la nostra visione del mondo. Prefazione di Henry Corbin.

Piccoli atei crescono. Davvero una...

Garelli Franco
Il Mulino 2016

Disponibile in 3 giorni

16,00 €
Atei, non credenti, increduli: è la rappresentazione che sempre più spesso viene data delle nuove generazioni. In effetti la negazione di Dio e l'indifferenza religiosa tra i giovani sta crescendo sensibilmente, anche per il diffondersi di un "ateismo pratico" tra quanti mantengono un legame labile con il cattolicesimo. Tuttavia, la domanda di senso è vivace. Per molti il sentimento religioso si esprime nella propria interiorità personale, passando da una dimensione verticale (lo sguardo alla trascendenza) ad una orizzontale (la ricerca dell'armonia personale). Tenendo presente questo profondo mutamento, il volume mette in luce il "nuovo che avanza" a livello religioso.

Opera omnia. Vol. 29: Pico della...

Lubac Henri de
Jaca Book 2016

Disponibile in 3 giorni

30,00 €
«Lo studio della figura e dell' opera di Pico è serio, attento, fatto sulla lettura dei testi, secondo l' abitudine e la grande capacità esegetica di de Lubac. Anzi, il gesuita francese rifugge dall'attualità banale. 'Anche gli storici più seri dell'umanesimo e del Rinascimento [ ... J non hanno saputo veramente capire i grandi umanisti cristiani. Ma nel mondo intellettuale ci sono certe correnti di pensiero che è utopia sperare di cambiare'. De Lubac accetta la sfida e riesce a far rivivere la figura di Pico rendendola attraente nel nostro tempo. [ ... J Gli anni della vita di Pico sono quelli del momento di passaggio, dove si scoprono o si riscoprono, anche con il ritorno all'antichità classica, orizzonti nuovi. È epoca di concepimento, di gravidanza e di parto: questo significa esperienza di gioia e di sofferenza, come sempre quando nasce qualche cosa di nuovo. Pico esplora, cerca di capire. Interesse per il mondo antico, incontro con i Padri della Chiesa, curiosità e desiderio di conoscenza della cabbalà e del mondo della natura e delle scienze». (Dall'Introduzione di Azzolino Cbiappini)

Spezzare il tetto della casa. La...

Eliade Mircea
Jaca Book 2016

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
"Spezzare il tetto della casa" è un gesto che sta a significare l'apertura dell'uomo al divino. Nella costruzione della casa l'umanità crea il luogo della sua memoria e della conservazione di miti e riti. Nelle società più diverse, fino a tempi recenti, in momenti significativi della vita umana si è usato infrangere la copertura della propria dimora quasi a voler offrire, libera dal peso della materia, l'anima al suo destino. Tale gesto simbolico ci introduce a questo volume in cui la simbiosi tra Eliade narratore ed Eliade storico delle religioni si afferma con particolare nettezza in un insieme di riflessioni sulla creazione, nelle differenti accezioni del termine: i suoi simboli diversi e perenni, legati al sottile gioco che unisce la vita e la morte, vi sono descritti e decifrati in sintesi limpide e ricche di esemplificazioni. Questo libro è frutto di una lunga riflessione sull'ermeneutica del mistero della creatività, dove creazione divina (il mondo e l'uomo) e creazione umana (l'arte e Dio) si illuminano reciprocamente in un tutto composto da parti apparentemente diverse tra loro ma tutte ancorate risolutamente nella nostra epoca.

Dio odia le donne

Sgrena Giuliana
Il Saggiatore 2016

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
Quando si tratta di discriminare la donna, le principali religioni monoteiste sono tutte d'accordo. Ogni donna sarà etichettata come figlia di Maria o figlia di Eva: la donna è l'origine del peccato, la tentatrice che seduce e porta alla perdizione. E allora la religione, alibi del patriarcato, serve per opprimere e sconfiggere, secolo dopo secolo, millennio dopo millennio; e allora serve un dio maschio, un figlio di dio maschio, un profeta maschio, sacerdoti maschi. Norme, tradizioni e costumi hanno l'unico scopo di perpetuare il controllo sociale sulla donna, spesso grazie alla sua pia connivenza, ancora più spesso attraverso l'assuefazione alla violenza. Giuliana Sgrena svela e denuncia tutte le forme di questo odio nei confronti delle donne. Da fenomeni estremi come l'infibulazione "faraonica " e lo stupro di guerra, che se ripetuto per dieci volte fa sì che la donna sia finalmente convertita, a tragedie quotidiane come il femminicidio, versione contemporanea ma non meno cruenta del delitto d'onore, con cui il maschio rivendica il possesso della moglie, figlia, sorella, il diritto di deciderne la vita o la morte. Ma esistono anche prevaricazioni più sottili e subdole, come l'ideale di purezza e verginità, che condiziona le donne nelle scelte di vita, nel ruolo sociale, perfino nell'abbigliamento. Giuliana Sgrena risale alla radice stessa della sottomissione femminile, mostrando quanto ancora oggi la legge della religione riproduca la la subalternità della donna al "primo sesso".

Non esistono innocenti. Può Dio...

Esile Oscar
Eracle 2016

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
Un libro in cui l'autore, Oscar Esile, esprime la sua ideologia e vuole convincere anche il lettore, che riuscirà ad arrivare fino in fondo alla lettura del libro, delle sue teorie motivandole e portando diverse prove e diverse testimonianze. In poche parole l'autore afferma che per cambiare il mondo c'è bisogno solo di noi stessi, della nostra volontà, del nostro interesse, del nostro coinvolgimento, della nostra maturità e soprattutto della nostra presa di coscienza poiché non esiste alcuna divinità che sia in grado di guidare e delineare la nostra vita e il nostro destino. Siamo noi a costruirci giorno per giorno, scelta dopo scelta, il nostro destino, il prosieguo della nostra vita. Dobbiamo responsabilizzarci e comprendere cosa è bene e cosa è male non solo per noi ma per tutta l'umanità intera. L'autore cita diversi passi della Bibbia, del Corano a dimostrazione della sua tesi e afferma che il comandamento più importante e rilevante sia: Amatevi gli uni gli altri. Sarà questo che condurrà l'umanità verso la salvezza eterna.

A Dio piacendo. La secolarizzazione...

Giordano Salvatore
Nulla Die 2016

Disponibile in 3 giorni

20,00 €
Siamo tutti portati a pensare che il nostro sia il tempo della razionalità e della secolarizzazione. Ci appare irrazionale - o fondamentalista o nostalgico - chi si attardi a sostenere posizioni "anacronistiche" o in contrasto con lo spirito del progresso, della laicità e della democrazia. E invece? Il libro indaga una regione oscura del nostro tempo e del nostro mondo globalizzato che si dice siano il regno del disincanto e della disillusione. A Dio Piacendo mostra come la modernità non abbia prodotto la secolarizzazione ma il suo opposto: il fondamentalismo. Un fondamentalismo religioso che si accompagna con l'inevitabile corredo del temutissimo armamentario oltranzista. Si tratta di un testo fondamentale e di grande attualità nella ricerca sui temi della psicologia del fondamentalismo religioso e della sociologia delle religioni, ma che conquista per il suo risultato più ambizioso: benché accurato e dettagliato, dotato di rigore scientifico ineccepibile, è un libro semplice e gradevole, accessibile a chiunque e utile a tutti.

Ri-generati. Meditare sulla...

Prisco Ada
Corponove 2016

Disponibile in 3 giorni

10,00 €
La misericordia è proposta come forma di rigenerazione sostenuta da ogni tradizione religiosa con tratti di originalità e irriducibilità. Dalle ricadute interreligiose della Misericordiae Vultus, il libro intraprende un viaggio alla riscoperta del bisogno di misericordia come linfa vitale, attraversando ebraismo, cristianesimo, islam, sanãtana-dharma, buddhismo, confucianesimo e daoismo. Alla sociologia della misericordia il compito di valorizzarne la risorsa nelle società contemporanee. La liturgia interreligiosa sul tema chiama direttamente in causa le fedi nel servire insieme un mondo più vitale e pacificato.

Il valore delle religioni

Benoist Alain de
Idrovolante 2016

Disponibile in 3 giorni

12,00 €
In diversi paesi del mondo il numero di chi si definisce non religioso è in aumento, il che lascia presagire un futuro incerto per la religione istituzionale. Le violenze e gli orrori causati o promossi dalla religione, gli scandali sessuali che coinvolgono leader religiosi e altri fattori meno evidenti spingono sempre più persone a chiudere i conti con il culto. Eppure, proprio mentre le credenze religiose sembrano sgretolarsi, non facciamo altro che parlare di una sorta di ritorno del "fondamentalismo" e di "scontro tra civiltà", specie quando ci si trova di fronte a fatti di cronaca nera eclatanti. Nella realtà, dunque, non si è mai parlato tanto di religione da quando questa, almeno nell'Europa occidentale, sembra aver perso l'ascendente che aveva un tempo. Proprio quell'Occidente che ha bisogno di chiedersi quale sia davvero il valore della religione.

Le tavolette votive. Miracoli a...

Coco Elena
Il Soffio 2016

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
Elena Coco, ispirata dalle "Tavolette Votive" di Trecastagni, comprovanti la connessione tra l'uomo e la divinità, esplora gli eventuali "significati" attribuiti da noi occidentali ai miracoli. L'escursus segna i tempi storico-culturali dei "Tre Santi", l'inconoscibilità degli archetipi, tramite C.G. Jung e J. Hillman, il simbolismo dell'arte-terapia per opera di 19 tavolette realizzate tra il 1885 e il 2005, per la prima volta descritte in italiano e in siciliano. Lo "spirito immaginale" dell'autrice offre un'inedita descrizione di Vaste del periodo e originali momenti di vita familiare a casa di Santa Benedetta. Interessante il confronto tra la visione occidentale e la mistica orientale, che si rispecchia nella scienza moderna e non nella società. Il "Pensiero Buddhista" racconta di un "Universo" che appare e scompare in ogni istante, questi e altri aspetti animano temi riferiti alla "Teoria dei Quanti", applicata alle scienze sociali. Il saggio, infine, compie uno studio attraverso una "Lettera Speciale" che si pronuncia sul "Cristo che Ritorna" e che rivela molte verità sorprendenti.

Chi è Dio?

Soler Jean
Mucchi 2016

Disponibile in 3 giorni

13,00 €
Questo libro rappresenta una silloge delle opere di Jean Soler, tutte dedicate alla critica del monoteismo e delle sue conseguenze storiche, spesso tragiche, a partire dalla sua invenzione a Gerusalemme, nel IV secolo prima della nostra era, fino ai totalitarismi del Novecento e alle ideologie che li hanno preceduti e accompagnati. Come scrive Michel Onfray nella nota che accompagna questa traduzione, Soler è uno studioso che "preferisce la verità all'illusione che rassicura".

Abramo: la nascita dell'io

Carbajosa I. (cur.)
Itaca (Castel Bolognese) 2015

Disponibile in 3 giorni

12,00 €
La grande malattia del mondo di oggi è la mancanza dell'io, l'oscuramento di cosa è l'uomo. È proprio questa crisi d'identità che è alla base del crollo delle evidenze, della violenza nei rapporti, della vita non vissuta, del senso di orfanità sperimentato da tanti. Qual è il metodo di Dio per venire incontro a questa circostanza? Cosa c'entra Abramo, quell'uomo sconosciuto della Mesopotamia? "Tutta la storia di tutto il mondo diventa chiara in un filone che parte da un uomo della Mesopotamia, Abramo. Dio lo ha scelto per farsi conoscere dagli uomini e per salvare gli uomini che navigavano in una dimenticanza totale o in una affermazione della totalità secondo una propria misura" (Luigi Giussani). Con Abramo avviene la "nascita" dell'io. La concezione dell'io come rapporto con un tu che mi chiama nella storia, la percezione dunque della vita come vocazione e del lavoro come compito assegnato da un altro, la categoria di storia lineare nel rapporto con Dio, sono dimensioni che entrano in gioco per prima volta con la chiamata di Abramo.

Lavoro e religione. Per chi e...

Ellul Jacques
Centro Studi Campostrini 2015

Disponibile in 3 giorni

19,00 €
La questione del lavoro occupa oggi un posto considerevole, se non centrale, nelle preoccupazione di molti governi e popolazioni del mondo. Tanto che, in molti paesi, il lavoro non è considerato solo un mezzo di sostentamento ma un diritto: un diritto che garantisce la dignità della persona. Questo vale, per esempio, per il nostro paese, dove il primo articolo della Costituzione sancisce che il lavoro è il fondamento della nostra democrazia e della nostra Repubblica. Tale riconoscimento non dovrebbe affatto stupirci, se solo pensiamo che dagli albori della modernità fino a oggi, dagli economisti liberali ai movimenti operai, da Marx a Ernst Jünger, il lavoro è visto come il perno della nostra civiltà, e gli si assegna una centralità che rasenta spesso la sacralizzazione. La riflessione sul lavoro ha un posto importante anche nella produzione di Jacques Ellul, sociologo e teologo francese, noto soprattutto come studioso e critico della società tecnica. Si tratta - come si può evincere dagli scritti raccolti in questo volume - di una critica assai radicale dell'ideologia del lavoro che sta alla base della nostra società. Ellul porta avanti la sua riflessione su due piani: storico-sociologico e teologico.

Parliamo della stessa realtà? Per...

Panikkar Raimon
Jaca Book 2014

Disponibile in 3 giorni

12,00 €
Quando due grandi spiriti si incontrano, accade qualcosa di particolare; è come se si creasse una campo energetico percepibile fisicamente, persino nelle vibrazioni dell'aria. Anche a distanza di anni, coloro che erano presenti nell'Aula Magna dell'Istituto universitario di Architettura a Venezia il 9 marzo del 2004 ricordano con emozione l'atmosfera tutta particolare creatasi in occasione dell'incontro fra Raimon Panikkar ed Emanuele Severino. I due giganti del pensiero contemporaneo mettono a confronto Oriente e Occidente per capire se possono collaborare alla ricerca di una possibile realtà ultima. Dall'incontro emergono due elementi di convergenza: l'insoddisfazione radicale nei confronti della visione dominante del mondo e la convinzione che tutto sia eterno. Ma anche l'irriducibile differenza dei rispettivi punti di vista: per Severino la follia consiste nella fede del divenire altro del mondo, che trova la sua estrema realizzazione nella tecnica, mentre Panikkar pensa che il nostro compito non sia risolvere l'enigma del mondo bensì imparare a vivere in esso. Così Oriente e Occidente, pur faticando a comprendersi, non cessano di interrogarsi l'un l'altro.