Musica folk e tradizionale

Active filters

Bella ciao

GARZANTI

Disponibile in libreria in 3 giorni

4,90 €
È difficile trovare oggi qualcuno che non conosca 'Bella ciao': il suo richiamo alla libertà e insieme il suo carattere non violento ne hanno fatto un simbolo universale, legato non più soltanto alla lotta contro il fascismo ma rappresentativo dei più alti ideali di giustizia e libertà. Decine sono le traduzioni in altre lingue, innumerevoli le cover e le citazioni in film e serie tv: in questo volume lo storico Marcello Flores ricostruisce com'è nato, come è stato tramandato e perché ha avuto fortuna questo celebre canto, che affonda le radici nella tradizione della Resistenza italiana, fino a diventare un mito dall'inarrestabile successo planetario.

La canzone napoletana d'autore. Un...

Landolfi Mario
Samnicaudium

Non disponibile

14,00 €
Lo studio di Mario Landolfi punta l'attenzione sulla Canzone Napoletana d'Autore che, affermatasi in particolare tra la fine dell'Ottocento e i primi decenni del Novecento, ha caratterizzato di significati e valori il quadro storico e socio-economico della città. Un percorso compiuto attraverso l'analisi della produzione di grandi autori come Salvatore Di Giacomo, Ferdinando Russo, Ernesto Murolo, Libero Bovio, E. A. Mario, fino a giungere agli anni del secondo dopoguerra con personaggi quali Renato Carosone, e, nell'ultimissima fase, la Nuova Compagnia di Canto Popolare, Pino Daniele e i tanti altri che hanno cercato di rappresentare le difficoltà della Napoli attuale, non rinunciando ad un'importante sperimentazione musicale.

Donna, voja e fronna... Con CD-Audio

Umbria Ensemble
Squilibri

Non disponibile

15,00 €
La rivisitazione di un viaggio etnomusicale iniziato negli anni Cinquanta del Novecento per coronare un amore, altrimenti impossibile, tra le musiche orali della tradizione contadina centro-appenninica e i suoni di un ensemble di formazione classica. Una relazione feconda e dagli esiti sorprendenti nelle diverse possibilità di approccio, dalla più godibile alla più spericolata, e nelle svariate combinazioni tra le fonti originali - restituite da una voce di connaturata autenticità e pertinenza stilistica come quella di Lucilla Galeazzi - e le interferenze in contrappunto di cameristi di chiara fama - i componenti dell'UmbriaEnsemble - chiamati a misurarsi per una volta con l'altra musica. Una sorta di registrazione live, infine, di una performance concertata che l'ascolto indiretto consegna alla ciclicità della memoria: è musica del nostro tempo, quando torniamo ad amarla, fascinosa quanto utopica immagine di quel che siamo e proviamo a diventare

Guns N' Roses. Gli ultimi giganti...

Wall Mick
Tsunami

Non disponibile

21,00 €
I Guns N' Roses sono sempre stati una band al di fuori del proprio tempo, gli ultimi veri giganti del rock. La compagine di teppisti capitanata da Axl Rose sembrava uscita di prepotenza dalla scena rock delle origini, quella dei tardi anni Sessanta, annaffiata da fiumi di alcol e circondata da ogni tipo di droga. Gente pericolosa, ciò che ogni gruppo dopo i Rolling Stones ha provato a essere senza riuscirci. "Vita come suicidio", era questo il motto della band ai tempi in cui vivevano tutti insieme a Los Angeles. Ed è proprio lì che Mick Wall li ha frequentati ed è diventato parte della loro ristrettissima cerchia, prima che uno screzio lo portasse a essere insultato da Axl nel celebre brano "Get In The Ring". Ma con questo libro Mick Wall vuole celebrare l'epopea dei Guns N' Roses come band e di Axl come frontman, raccontandone le vicende e dando loro il posto che meritano nella storia della musica: ovvero quello di una band straordinaria, senza rimorsi, che non guardava in faccia a nessuno e a cui non importava davvero niente di ciò che pensavano gli altri.

Viaggiando, per onde su onde. Il...

Agamennone Maurizio
Squilibri

Disponibile in libreria in 3 giorni

18,00 €
L'avventura del "viaggio di conoscenza" negli anni Cinquanta del secolo scorso, a partire da Alan Lomax e dal suo "viaggio in Italia" con Diego Carpitella, per seguire le tracce di altri grandi viaggiatori, anch'essi curiosi e incantati, nell'Europa di allora: Pier Paolo Pasolini, Guido Piovene, Patrick Leigh Fermor, Constantine Manos, Mario Soldati, Ernesto de Martino, Ingeborg Bachmann e Italo Calvino. In quegli stessi anni la radiofonia imponeva una nuova presenza culturale, con vicende e imprese oggi quasi incredibili, nella stretta integrazione con la ricerca e nella costante diffusione delle registrazioni effettuate sul terreno, all'interno del palinsesto quotidiano. Tirata al traino da quei viaggi e da quelle rilevazioni, la nascente etnomusicologia italiana muoveva i suoi primi passi, impegnandosi in una più convincente definizione del proprio oggetto di studio e degli strumenti più appropriati per una sua adeguata valutazione critica.

"Bonjour mon aimable bergère..."....

Bonino Giovanni
LIM

Non disponibile

35,00 €
La cultura popolare di queste valli si esprime, oltre che in italiano, su tre diversi livelli linguistici popolari, che corrispondono a tre stadi storici più remoti di acculturazione: i patois locali (di radice occitanica), il francese (introdotto nel secolo XVI) e il piemontese (nella sua caratterizzazione occidentale di piemontés, o lingua del contado immediatamente subalpino, che si è insinuata anche nei fondovalle). Il complesso repertorio di canzoni che qui si trova testimonia, nel suo insieme, una vicenda storica di opposizione e di tensione dialettica della civiltà alpina nei confronti dei tentativi di egemonizzazione esterna, vicenda di resistenza secolare della dimensione comunitaria agli eventi di dominazione e di acculturazione; ma rivela anche una vocazione nient'affatto provinciale all'apertura verso orizzonti lontani, un'attitudine a ricevere l'innovazione culturale, accettandola e selezionandola secondo le esigenze del proprio intimo vivere.

Carulina 'e Marechiaro e la curiosa...

Manetti Peppe
Grimaldi & C.

Disponibile in libreria in 5 giorni

16,00 €
"Scétate, Carulí, ca ll'aria è doce." Salvatore Di Giacomo conclude così i versi della celeberrima canzone "Marechiare ". Il libro racconta la vita della bella e triste Carolina Anastasio, la ragazza che, senza saperlo e senza volerlo, ha contribuito a trasformare un piccolo villaggio di Posillipo, pressocché sconosciuto, in una meta turistica d'eccezione, oggi famosa in tutto il mondo. La storia è ambientata alla fine dell'800, nel pittoresco borgo dei pescatori a Marechiaro, quando ancora in quel luogo, ameno e solitario, si viveva in sintonia e in pace con la storia, la natura e il mare. Prima che fosse "travolto" dal successo della canzone. Ho voluto, umilmente, dedicare questo racconto a quella semplice ragazza, Carulina 'e Marechiaro, che, altrimenti per molti studiosi e ricercatori della storia della canzone napoletana, non sarebbe mai esistita...

San Ginesio, terra di cantori....

Paoloni Paolo
Andrea Livi Editore

Non disponibile

20,00 €
Lo scopo del presente scritto è quello di restituire alla storia i nomi di circa venticinque cantori per lo più nati e vissuti a San Ginesio nell'arco di tre secoli, dalla metà del XVI alla metà del XIX. Diversi tra di loro sono noti ai soli musicologi e, con l'eccezione di Giulio Bonagiunta, risulteranno pressoché sconosciuti ai loro concittadini. Eppure l'elenco contempla musici che hanno prestato servizio in prestigiose cappelle musicali come la Giulia e la Sistina a Roma, o la Marciana a Venezia, cantanti che hanno calcato le scene dei teatri di Roma, Venezia, Firenze e, addirittura, Londra. Di alcuni si ignorava del tutto l'origine sanginesina, di altri essa è stata definitivamente accertata attraverso prove irrefragabili. Le fonti d'archivio, pur di varia e difforme natura, hanno offerto una buona messe di notizie utili per ricostruire una vera e propria storia della musica in San Ginesio. Si è proceduto quindi attraverso la redazione di singole schede biografiche dei cantori, disposte in rigoroso criterio cronologico, entro le quali si è cercato di delineare i tratti essenziali delle loro carriere artistiche, ma anche dei tempi e dei luoghi in cui sono vissuti e hanno operato. Data l'ampiezza cronologica dello studio, esso è stato suddiviso in due volumi, il primo dei quali si occupa del XVI secolo nella sua interezza; il secondo, invece, dei secoli XVII-XIX.

Venezuela. Il popolo, il canto, il...

Itaca (Castel Bolognese)

Non disponibile

20,00 €
Il Venezuela vanta una grande tradizione musicale. Il CD realizzato in collaborazione con i migliori musicisti venezuelani raccoglie quattordici canti legati al lavoro, dall'alba fino al tramonto, unendo in ciascun momento, tramite il libro, testo, immagini e canzoni. Il libro mostra il nesso tra dignità dell'uomo e del lavoro e approfondisce la bellezza dei canti.

Il secolo d'oro della musica a...

Diana edizioni

Disponibile in libreria in 5 giorni

16,00 €
Il terzo volume de "Il secolo d'oro della musica a Napoli. Per un canone della scuola musicale napoletana del '700" completa una trilogia per la conoscenza e la riscoperta della grande storia musicale del diciottesimo secolo. Il testo si avvale del contributo di esperti di varia formazione e provenienza. Storici della musica, critici, musicologi, ricercatori e musicisti delineano i profili umani e artistici delle illustri personalità del Settecento barocco che hanno espresso al meglio, per stile, linguaggio musicale e ruolo storico l'appartenenza alla Scuola napoletana. Tra i contributi raccolti in questo terzo volume ritroviamo le più aggiornate ricerche su compositori poco noti al grande pubblico, come Pietro Alessandro Guglielmi e Gaetano Veneziano, oltre a quelle su figure celebri della Scuola napoletana, come i pugliesi Domenico Sarro e Giacomo Tritto.

Grido e controgrido. Il canto...

Anghilante Diego
Araba Fenice

Disponibile in libreria in 3 giorni

13,00 €
Che cosa significa cantare insieme ad altre voci? E se questo avviene non in una "normale" corale, con gli spartiti musicali e sotto la guida di un direttore, ma in un gruppo spontaneo di contadini "padani", tra montanari che urlano a pieni polmoni, aggrappati alle bottiglie di vino di fumose osterie? E quali riflessioni antropologiche, musicologiche, politiche e filosofiche può suscitare quel selvaggio canto polifonico? Come può la pratica del canto popolare assurgere a rito comunitario, e come può tale rito assumere una valenza politica esemplare? E cosa ha a che fare ciò con gli «invasati di Dioniso» di cui scrive Nietzsche? A queste e ad altre domande l'autore cerca di rispondere non attraverso l'asettico approccio dello studioso "esterno", bensì mettendo a frutto una immedesimazione totale col mondo che racconta, cantando a squarciagola insieme all'altro.

Filastrocche, ninne nanne,...

Pontecorboli Editore

Disponibile in libreria in 3 giorni

10,00 €
In Toscana, e specialmente nelle campagne, si cantava: sulle aie, nei campi, nelle fiere di paese, all'osteria, a 'veglia'. Si cantava per passatempo, per attenuare la fatica, per comunicare fra innamorati, per corteggiare la 'bella' o il 'bello', la 'dama' o il 'damo'. Si cantava, sotto forma di stornelli, di rispetti in ottava rima, per far dispetto a qualcuna o qualcuno, per 'prendere in giro' il tonto o il furbo, il giovane o il vecchio, la suocera o la nuora, il contadino o il cittadino, lo stanziale o il forestiero. Si cantava perché la vita sembrasse più gradevole, più sopportabili la miseria e le pene d'amore, più ridenti le gioie dell'amore.

Intra, l'amùr, ul lagh. Canzùn...

Bolognesi Bobo
Alberti

Non disponibile

39,00 €
Con questa raccolta di canzoni continua il progetto di recupero del dialetto di Intra, già avviato con la pubblicazione di Gramàtica dul dialètt da Intra (Alberti Libraio Editore, 2016), Intra e ul so lagh (Alberti Libraio Editore, 2017).

La befana vien di notte in...

Balducci Mariano
C&P Adver Effigi

Disponibile in libreria in 5 giorni

22,00 €
La Befana, assimilata nella tradizione ad una vecchietta dal naso adunco, con pochi denti, adornata da abiti stracciati e scarpe rotte che va girovagando la notte del 5 gennaio, sostenendosi zoppicante ad una lunga scopa che talvolta le serve da bastone e talvolta da propulsore aereo. Chi è dunque costei?... Qual è la sua storia?... Ogni bambino si è posto queste semplici domande alle quali, con un certo rispetto del Soggetto, dobbiamo cercare di dare risposta dal punto di vista etnologico, antropologico, storico, culturale e folcloristico.

Il secolo d'oro della musica a...

Diana edizioni

Disponibile in libreria in 3 giorni

16,00 €
Il secondo volume de "Il secolo d'oro della musica a Napoli. Per un canone della scuola musicale napoletana del '700" è uno strumento per la conoscenza e la riscoperta della grande storia musicale partenopea ed internazionale del diciottesimo secolo. Il testo si avvale del contributo di esperti di varia formazione e provenienza. Storici della musica, critici, musicologi, ricercatori e musicisti delineano i profili umani e artistici dei protagonisti del secolo d'oro della musica a Napoli, descrivendo il fertile contesto storico-sociale e culturale in cui è nata e si è diffusa la "Scuola musicale napoletana". I contributi raccolti in questo volume sono le più aggiornate ricerche sui compositori noti e meno noti al grande pubblico, come il materano Egidio Duni e il veronese Giuseppe Gazzaniga. Tra gli altri ritroviamo alcuni musicisti non italiani ma formatisi a Napoli, come il tedesco Johann Adolf Hasse e il maltese Girolamo Abos, illustri personalità del Settecento barocco che hanno espresso al meglio, per stile, linguaggio musicale e ruolo storico l'appartenenza alla Scuola napoletana.

Musiche tradizionali in Polesine....

Squilibri

Disponibile in libreria in 3 giorni

30,00 €
Nell'aprile del 1968 Sergio Liberovici, in Polesine, si trova di fronte una realtà irriducibile al proprio orizzonte di senso, forgiato di esperienze fortemente orientate da un punto di vista ideologico, dai Cantacronache fino alle ricerche condotte assieme a Emilio Jona sul canto sociale e le memorie operaie. Diviso nelle tre isole di Polesine Camerini, Ca' Venier e Donzella, il territorio si profilava come un mondo arretrato ed arcaico: tutti vivevano promiscuamente di attività integrate, per cui era difficile separare gli ambiti economici e le appartenenze sociali, e ognuno gravitava attorno a gruppi di case aggrappate agli argini e imminenti sull'acqua. Liberovici raccoglie una pluralità di voci e suoni che animano un vivace spaccato della fine degli anni Sessanta. A dispetto del suo isolamento, nei circa 200 documenti conservati nella raccolta 117 degli Archivi di Etnomusicologia, si scopre un luogo di incontro dove convergono, dal sud al nord della Penisola, disparate tradizioni musicali, memorie di ex mondine, di rumorosi canti d'osteria, di esuberanti cori spontanei di un paese fluviale e, in particolare, dalla voce di Angela Binatti.