Costituzione

Filtri attivi

Di sana e robusta Costituzione....

Scalfaro Oscar L.
ADD Editore

Disponibile in 3 giorni

14,00 €
Piero Calamandrei diceva che per cercare i luoghi in cui è nata la Costituzione bisogna andare sulle montagne in cui caddero i partigiani, nelle carceri in cui furono imprigionati e nei campi dove furono impiccati: ovunque è morto un italiano per riscattare la libertà e la dignità di un popolo, lì devono andare i giovani perché lì è nata la nostra Costituzione. Parole forti, che mai come oggi suonano sconosciute proprio a quei giovani che della vita democratica sono linfa vitale e che invece vivono sempre più lontani da quei luoghi del pensiero e dell'azione che i costituenti trasformarono in un grandioso inno alla convivenza civile e alla vita democratica. La Costituzione è la legge fondamentale e fondativa dello Stato italiano. In vigore dal 1° gennaio 1948 la Costituzione non è un atto politico e non è lo strumento di una parte contro l'altra, ma un terreno di confronto pensato e strutturato per adeguarsi alle trasformazioni del paese. Oscar Luigi Scàlfaro e Gian Carlo Caselli si confrontano sull'attualità della carta costituzionale, sul suo stato di salute e sulla necessità di una rivalutazione e di una vera presa di coscienza del suo ruolo centrale nella vita democratica dell'Italia. Completa il libro la pubblicazione integrale della Costituzione della Repubblica Italiana.

La Costituzione, 70 anni dopo

Viella 2019

Disponibile in 3 giorni

29,00 €
Il presente volume raccoglie i contributi presentati in occasione di sei seminari tematici organizzati dall'Anpi con l'intento, annunciato già all'indomani del referendum costituzionale del 2016, di promuovere una riflessione pubblica sui profili attinenti alla mancata attuazione della Costituzione, a settant'anni dalla sua entrata in vigore. Nella seconda parte, un commento redatto collegialmente da un gruppo di lavoro coordinato da Carlo Smuraglia propone un bilancio della discussione e traccia alcune possibili linee di indirizzo per l'attuazione del dettato costituzionale. Completa il volume la lectio magistralis tenuta il 10 dicembre 2018 a Bologna da Gaetano Silvestri in occasione del settantesimo anniversario dell'adozione della Dichiarazione universale dei diritti umani.

Costituzione ragionata

Celotto Alfonso
Neldiritto Editore 2019

Disponibile in libreria  
DIRITTO PUBBLICO COSTITUZIONALE

20,00 €

Costituzione della Repubblica e...

Polistampa 2019

Disponibile in 3 giorni

13,00 €
Nell'anno accademico 2017-2018, nell'ambito della propria programmazione l'Accademia ha ritenuto di dedicare due cicli di studi alla Costituzione della Repubblica e alla Dichiarazione universale dei Diritti dell'Uomo. Per ambedue lo stimolo è nato dalla ricorrenza dei settanta anni da quegli eventi che per il mondo e per l'Italia hanno segnato la storia dal dopoguerra ai nostri giorni. Per ambedue i cicli ci siamo avvalsi di collaborazioni di altissimo profilo tutte tratte dalle fila dell'Accademia, si tratti di Soci effettivi o di Soci corrispondenti.

Costituzione italiana. Con rinvii...

Garofoli Roberto
Nld Concorsi 2019

Disponibile in libreria  
DIRITTO PUBBLICO COSTITUZIONALE

12,00 €
La Costituzione, con le sue previsioni, talvolta solo di programma, vive e si attua anche nelle norme delle altre leggi nazionali, volte ad esplicitare e realizzare i principi affermati nella Legge fondamentale. Al contempo, ai principi della Carta Costituzionale, si affiancano quelli contenuti in importanti "Carte" sovranazionali, dalla Convenzione EDU alla Carta dei Diritti fondamentali dell'Unione Europea. L'opera, originale nel panorama editoriale, offre quindi una mappa delle "Connessioni" tra principi e regole costituzionali e altre norme nazionali e sovranazionali, consentendo di avere un utilissimo quadro d'insieme. In nota ai singoli termini di ciascun articolo della "Costituzione con rinvii" sono riportate le norme collegate, con (in grassetto) le parole che, più di altre, richiamano il principio costituzionale di riferimento. Nessun commento, né dottrinario, né giurisprudenziale, è aggiunto ai testi normativi. Il volume è completato da un indice analitico.

Il diritto del lavoro e la...

Pessi Roberto
Cacucci 2019

Disponibile in libreria  
DIRITTO DEL LAVORO

50,00 €
Con il presente saggio si tenta di verificare se l'assetto costituzionale del Diritto del lavoro e della previdenza sociale, possa ancora costituire un paradigma per la garanzia degli statuti protettivi riferibili alla persona del lavoratore, gravemente colpiti dagli effetti della crisi strutturale in atto, che sono particolarmente pervasivi in paesi a debole struttura produttiva ed ad alto debito pubblico come l'Italia .La ricostruzione, che parte dai lavori dell'Assemblea costituente e dalla costituzionalizzazione del diritto del lavoro, prende e atto della parziale inattuazione della Costituzione e dell'evoluzione, da un lato, dello statuto protettivo del lavoro subordinato (per lungo tempo parametrato alla figura dell'operaio della fabbrica fordista assunto a tempo pieno ed indeterminato) e, dall'altro, del modello nazionale di welfare che, sino agli ultimi interventi, ha sostanzialmente mantenuto un carattere tipicamente occupazionale, stante la forte disattenzione rispetto agli istituti dell'assistenza sociale.

Costituzione italiana: articolo 9

Montanari Tomaso
Carocci 2018

Disponibile in libreria  
DIRITTO PUBBLICO COSTITUZIONALE

13,00 €
Perché leggere la Costituzione italiana? E perché viene così spesso evocata nei dibattiti politici e citata sulle pagine dei giornali, a volte senza neanche essere ben conosciuta? Che cos'hanno di speciale i dodici articoli con cui si apre? I principi e i diritti fondamentali che vi sono enunciati sono viva realtà? Nel settantesimo anniversario della sua nascita, una serie di brevi volumi illustra la straordinaria ricchezza di motivi e implicazioni racchiusa nei principi fondamentali della nostra Costituzione ricostruendone la genesi ideale, ripercorrendo le tensioni del dibattito costituente, interrogandosi sulla loro effettiva applicazione e attualità. Mai come oggi il nono dei dodici principi fondamentali che tratteggiano il volto della Repubblica ha goduto di fortuna e consenso popolare: oggi che esso è di fatto negato da leggi e politiche. Nel 1948 la Costituzione ha spaccato in due la storia della cultura e della ricerca scientifica italiane, assegnando a spiagge e montagne, a musei, università e chiese una missione nuova al servizio del nuovo sovrano: il popolo, cioè noi tutti. La storia dell'arte è in grande parte la storia del potere di re e papi, granduchi e tiranni, principi e banchieri. Ma il progetto della Costituzione ha cambiato questa storia, dando parole nuove a una tradizione secolare che suggeriva che proprio l'arte e il paesaggio fossero leve potenti per rimuovere gli ostacoli all'eguaglianza e permettere il «pieno sviluppo della persona umana» (art. 3).

Costituzione italiana: articolo 10

Costa Pietro
Carocci 2018

Disponibile in libreria  
DIRITTO PUBBLICO COSTITUZIONALE

13,00 €
Perché leggere la Costituzione italiana? E perché viene così spesso evocata nei dibattiti politici e citata sulle pagine dei giornali, a volte senza neanche essere ben conosciuta? Che cos'hanno di speciale i dodici articoli con cui si apre? I principi e i diritti fondamentali che vi sono enunciati sono viva realtà? Nel settantesimo anniversario della sua nascita, una serie di brevi volumi illustra la straordinaria ricchezza di motivi e implicazioni racchiusa nei principi fondamentali della nostra Costituzione ricostruendone la genesi ideale, ripercorrendo le tensioni del dibattito costituente, interrogandosi sulla loro effettiva applicazione e attualità. Quali diritti deve riconoscere lo Stato agli stranieri? Quali pretese può avanzare un individuo nei confronti di una comunità politica cui non appartiene? E a queste difficili domande che risponde l'articolo 10 della nostra Costituzione: sono domande che hanno una lunga storia alle spalle, ma acquisiscono forme e urgenze nuove nel nostro presente. Di fronte al fenomeno - inedito per l'Italia - dell'arrivo di migranti, i principi costituzionali mostrano tutta la loro attualità e sollecitano l'odierna cultura politico-giuridica a superare le tradizionali chiusure statualistiche e a prendere seriamente in considerazione i diritti umani enunciati dai documenti internazionali.

Costituzione italiana: articolo 11

Bonanate Luigi
Carocci 2018

Disponibile in libreria  
DIRITTO PUBBLICO COSTITUZIONALE

13,00 €
Perché leggere la Costituzione italiana? E perché viene così spesso evocata nei dibattiti politici e citata sulle pagine dei giornali, a volte senza neanche essere ben conosciuta? Che cos'hanno di speciale i dodici articoli con cui si apre? I principi e i diritti fondamentali che vi sono enunciati sono viva realtà? Nel settantesimo anniversario della sua nascita, una serie di brevi volumi illustra la straordinaria ricchezza di motivi e implicazioni racchiusa nei principi fondamentali della nostra Costituzione ricostruendone la genesi ideale, ripercorrendo le tensioni del dibattito costituente, interrogandosi sulla loro effettiva applicazione e attualità. L'articolo 11 reca una importante e nobile direttiva, perché sceglie per l'Italia una vera e propria, nonché totale, astensione dalla guerra, di qualsiasi tipo, fuorché ovviamente la legittima difesa. Frutto di un accordo largamente consensuale tra le forze politiche del tempo, questo articolo venne ben presto a trovarsi in contrapposizione con alcune decisioni dei governi del Dopoguerra, in particolare l'adesione al Patto atlantico e al dispositivo militare dell'articolo 5 del Trattato Nato. Negli anni, il dibattito scientifico e politico sulla reale portata e sui limiti della dichiarazione di intenti in esso contenuti è stato vivacissimo. La rinuncia alla guerra è totale e doverosa, ciononostante molti sono stati i casi in cui si è cercato di aggirare il dettato dell'articolo 11, avanzando dubbi sulla sua applicabilità.

RiCostituente. La potenza...

Giacalone Davide
Rubbettino 2018

Disponibile in 3 giorni  
POLITICA

15,00 €
La Costituzione è stata riformata molte volte, ma gli ultimi due tentativi si sono risolti in disastri. Sia la destra che la sinistra, nel 2006 e nel 2016, hanno subìto la bocciatura del referendum confermativo. Vuol dire che agli italiani piace la Costituzione che c'è? No, perché la critica è continua. E allora? Due volte è stato bocciato il medesimo errore-orrore: usare l'articolo 138 non per riformare, ma per riscrivere (o far credere che si stesse riscrivendo) la Costituzione. L'autore parte da qui per mostrarci una raffigurazione spietata di meritati insuccessi, attraverso i quali leggere la realtà italiana che viviamo. Lustri sprecati appresso a pretesi bonapartismi in miniatura, i cui effetti si vedono non solo nel logoramento istituzionale, ma si contabilizzano in un debito patologico, una crescita alla metà della media europea e una disoccupazione al doppio. Mentre questo accadeva l'Italia guadagnava posizioni nei commerci mondiali. I numeri dei diversi settori sono esemplari, raccontando di una potenza. Cosa, allora, porta a saldi contabili tanto deludenti? L'Italia che si è aperta, per vocazione o costrizione, corre alla grande. Quella che s'è chiusa e protetta sprofonda. E la seconda non solo è pesante, ma anche politicamente più rappresentata. Questo è l'assurdo.

La Costituzione italiana....

Pisa University Press 2018

Disponibile in 3 giorni

2,50 €
Alla luce dell'esperienza della XVII legislatura, come è ormai consuetudine dal 2004 esce l'edizione aggiornata della Costituzione italiana con l'Introduzione di Saulle Panizza e Roberto Romboli. Il testo della Costituzione, corredato di note esplicative con gli articoli nelle formulazioni originarie, è accompagnato dall'elenco delle leggi costituzionali e di revisione costituzionale dal 1948 in avanti e da quello delle disposizioni della Carta interessate dai provvedimenti via via intervenuti.  L'Introduzione dà conto dei momenti più significativi dell'evoluzione politico-istituzionale del Paese, ormai a 70 anni dall'entrata in vigore della Carta, e si sofferma in particolare sul tema della revisione costituzionale e delle varie riforme, attuate o tentate. Nella parte finale sono illustrati gli sviluppi più recenti, fino ad arrivare alla legge n. 165/2017, contenente la disciplina elettorale con la quale i cittadini saranno chiamati al voto il 4 marzo 2018. Introduzione di Saulle Panizza e  Roberto Romboli

Immaginare la Repubblica. Mito e...

Caruso
Franco Angeli 2018

Disponibile in 3 giorni

40,00 €
Una costituzione è animata, nel corso di tutta la sua vigenza, da fattori politici, sociali, economici, tecnico-giuridici e culturali. Lo è tanto più all'atto della sua fondazione. Il mutare di quei fattori, però, comporta spesso la trasformazione del senso delle prescrizioni che una comunità intendeva darsi innanzitutto per il futuro. Talvolta queste trasformazioni confliggono con l'intenzione originaria, talaltra ne amplificano l'effettività. Quale equilibrio può esistere tra la scrittura del testo costituzionale e la sua interpretazione? Quanto è forte la suggestione dei valori e dei principi che hanno guidato i protagonisti storici dell'esperienza costituente? Per i settant'anni della Costituzione italiana, un gruppo di studiosi si è posto queste domande, interrogandosi sui metodi e sugli indirizzi inaugurati con la nascita della Repubblica, al fine di isolarne i momenti concettualmente più significativi e i perduranti insegnamenti. L'analisi intreccia il ricordo dei lavori dell'Assemblea Costituente ad un ragionamento plurale sulle ricadute odierne delle riflessioni svolte in quella sede (dal discorso sulle riforme alla tutela dei diritti inviolabili, dal rapporto tra ordinamento interno e diritto sovranazionale al governo dell'economia, dalla forma di governo alla garanzia dell'autonomia territoriale, dall'assetto della giurisdizione alla funzione del controllo di costituzionalità).

Il principio libertà nello Stato...

Ridola Paolo
Giappichelli 2018

Disponibile in 3 giorni

39,00 €
Questo volume si collega idealmente ai due precedenti Diritti di libertà e costituzionalismo e Diritti fondamentali. Un'introduzione, pubblicati nel 1997 e nel 2006 dalla stessa Casa Editrice. Con essi ha in comune il progetto ambizioso di tratteggiare i lineamenti delle esperienze costituzionali della democrazia pluralistica nella cornice della storia del costituzionalismo. Con alcune differenze importanti. Nel primo volume, l'attenzione si focalizzava sulle virtualità del principio costituzionale pluralistico, ed in particolare sui suoi riflessi nel processo politico e in dinamiche della partecipazione politica sempre meno egemonizzate dalle tradizionali forme di aggregazione partitiche. Nel secondo l'attenzione si era incentrata sui diritti, dei quali si è tentato di seguire storicamente l'itinerario che ha condotto, negli ordinamenti di democrazia pluralistica, alla stratificazione di molteplici dimensioni, le quali corrispondono al mutamento di ruolo ed alla estensione del contenuto delle costituzioni. In questo che ora vede la luce, il focus si sposta sul «principio libertà», nello sforzo di esplorare le risposte dell'esperienza giuridica alle domande di libertà (e di dignità), molteplici e spesso contraddittorie, che emergono dalle società complesse, in un contesto sempre più caratterizzato da interdipendenze che trascendono i confini spaziali, politici e culturali e le categorie dogmatiche della statualità.

La Costituzione: un manuale di...

Flick Giovanni M.
Paoline Editoriale Libri 2018

Disponibile in 3 giorni

16,00 €
Il testo, antologia di scritti di Giovanni Maria Flick, curato da Franco Caramazza e Paolo Mazzanti, nasce da esplicite richieste fatte durante gli incontri sulla Costituzione, nell'ambito delle celebrazioni per i 70 anni della sua entrata in vigore. La sua attualità e la poca conoscenza che di essa vi è tra i cittadini, ci spinge a sostenere con una specifica pubblicazione chi, oggi, sta facendo della formazione ai valori fondamentali della nostra Repubblica il senso stesso della propria vita. Numerosi sono gli incontri e le conferenze che Giovanni Maria Flick fa in tutta Italia, con giovani e adulti. Questo testo può essere uno strumento a essi strettamente collegato, per conoscere e andare in profondità sui valori come la dignità della persona, la cultura, l'ambiente, il patrimonio, la Costituzione stessa. Da collegare a questo i precedenti: Elogio della Costituzione e Lanostracotituzione.it

Della «verità che sta nella...

Luogo Antonio
Giappichelli 2018

Disponibile in 3 giorni

10,00 €
La "struttura" del morente Impero tedesco, all'indomani della Rivoluzione francese, sotto i colpi delle armate napoleoniche, si presenta come una "costituzione" "senza Stato", che ha, finanche, la funzione di inibire proprio la formazione del potere dello Stato (Staatsgewalt) e di funzionare, invece, come un insieme di garanzie di "diritti privati" a favore delle diverse parti dell'Impero, che, in tal modo, decretano la 'fine' dell'esistenza politica della Germania. La ricerca si è sviluppata mediante un'accurata analisi critica dei frammenti; una collocazione di essi all'interno dello sviluppo dell'appassionata ricerca hegeliana; infine, una costante connessione, sia alla drammatica situazione dell'Impero, sia alle fonti filosofiche e giuridico-costituzionali esibite o presupposte. Pertanto, da un punto di vista "metodologico", essa ha proceduto sulla una base di una 'esegesi testuale analitica' per ampliarsi, contemporaneamente, attraverso una "filologia contestuale critica".

Codice delle Costituzioni. Vol....

CEDAM 2018

Disponibile in 3 giorni

25,00 €
Nel presente tomo vengono rese oggetto di approfondimento le Costituzioni di Paesi interessati dal fenomeno delle Primavere arabe (Giordania), di Paesi che occupano una posizione strategica nell'Africa occidentale e sahariana e che si configurano quale snodo essenziale delle relazioni politiche, sociali ed economiche con il Nord Africa e quindi con l'Europa (Senegal, Mali, Niger, Sudan), di Paesi dell'area caucasica e centro-asiatica che stanno tuttora sperimentando un processo di vischiosa transizione costituzionale e di problematico consolidamento democratico in seguito all'ottenimento dell'indipendenza conseguente alla dissoluzione dell'Unione Sovietica (Turkmenistan, Tagikistan, Uzbekistan, Kirghizistan), di Paesi che occupano una posizione strategica in seno alle complesse dinamiche mediorientali e del Golfo (Emirati Arabi Uniti, Oman), infine di Paesi che si situano nell'area dell'islamismo dell'Asia orientale e che offrono numerosi profili di interesse quanto all'espansione del costituzionalismo islamico verso oriente (Pakistan e Malesia).

La Corte costituzionale. Quando il...

Celotto Alfonso
Il Mulino 2018

Disponibile in 3 giorni

11,00 €
Organo fondamentale nel sistema di garanzie previsto dalla nostra Costituzione, la Corte costituzionale nasce dall'esigenza di garantire che tutti, compreso il legislatore, rispettino la Costituzione. Tuttavia, la Corte non è solo un «tutore», ma anche un «motore»: ha infatti contribuito in maniera decisiva a promuovere la piena attuazione del dettato costituzionale. Questo libro, in edizione aggiornata, fornisce un quadro dei modelli di giustizia costituzionale nel mondo e chiarisce come funziona e lavora la Corte in Italia.

La costituzione spiegata ai...

Caringella Francesco
Dike Giuridica Editrice 2018

Disponibile in libreria  
DIRITTO PUBBLICO COSTITUZIONALE

14,00 €
È un libro nuovo e necessario, che vuole consegnare ai ragazzi e agli adulti le chiavi per "entrare" nella nostra Costituzione, cogliendone la preziosa attualità come legge che regola in modo democratico la convivenza sociale. Il volume, con un linguaggio chiaro e diretto, spiega i principi, i valori e i precetti più importanti della legge fondamentale. È costruito intorno a domande, cui si danno risposte semplici e immediate. Si rivolge agli studenti, ma anche a tutti i cittadini desiderosi di riscoprire i tesori custoditi nella nostra Carta. Di grande interesse, infine, sono le meditazioni dei padri costituenti, riportate in appendice, che fanno vibrare dalla viva voce dei suoi autori il significato di una legge che rappresenta il nostro passato e dischiude le porte al nostro futuro. Età di lettura: da 12 anni.

Giustizia costituzionale. Con Atti...

Malfatti Elena
Giappichelli 2018

Disponibile in libreria  
DIRITTO PUBBLICO COSTITUZIONALE

37,00 €
"Giustizia costituzionale" è un manuale destinato agli studiosi del diritto costituzionale e agli studenti dei corsi universitari di livello specialistico. L'attenzione degli autori della Giustizia costituzionale, giunta alla VI edizione, si focalizza sugli sviluppi che la materia ha conosciuto nel contesto degli ordinamenti contemporanei, e di quello italiano in particolare, evidenziando il ruolo specificamente svolto dalla Corte costituzionale nell'esercizio di ogni sua competenza, come pure gli aspetti processuali che connotano le diverse attività. Alcune riflessioni sono dirette ad evidenziare il contributo della Corte costituzionale alla forma di governo oltreché le sue relazioni con le Corti d'Europa. Il volume è arricchito da una nota bibliografica essenziale, che contempla le opere monografiche e manualistiche, le voci enciclopediche, i saggi e gli articoli sui singoli temi trattati, con attenzione anche a quelli di più recente pubblicazione.

La Costituzione italiana

Garzanti Libri 2018

Disponibile in libreria  
DIRITTO PUBBLICO COSTITUZIONALE

4,90 €
Il 1° gennaio 1948 entrava in vigore, dopo l'approvazione dell'Assemblea Costituente con 453 voti a favore e 62 contrari, la Costituzione italiana. Il settantesimo anniversario della sua promulgazione offre l'occasione per la rilettura del testo che ha posto le basi della nostra repubblica e che, anche in tempi recenti, è stato oggetto di un partecipatissimo dibattito politico: per conoscerne i principi, per comprenderne lo spirito, per riscoprire - come ci invita a fare Gherardo Colombo nella sua prefazione - l'ideale di dignità e di uguaglianza che ne incarna il valore fondamentale.

La Costituzione della Repubblica...

Giunti Editore 2018

Disponibile in libreria  
DIRITTO PUBBLICO COSTITUZIONALE

10,00 €
La Costituzione non più come testo per addetti ai lavori, ma come libro della memoria, da far circolare tra giovani e adulti, da far entrare in tutte le case d'Italia perché ci racconti e ci ricordi come è stata pensata in origine la nostra Repubblica, su quali fondamenti si è costituita, i limiti precisi e invalicabili di chi ci deve governare, le libertà e i diritti di cui possiamo pubblicamente godere. Per evitare che quelle regole auree del vivere civile, raccolte alla preziosa convergenza di sistemi di valori diversi mossi a un intento comune, vengano costantemente minacciate, ignorate o cancellate per leggerezza, incuria, o dietro spinte dettate da inconsapevolezza e ignoranza. Come Carlo Petrini ci suggerisce nel testo che ha scritto per introdurre questa edizione, "Siamo noi cittadini i primi ad avere la responsabilità di proteggere le parole dando loro realtà, di trasformare gli articoli in quotidianità esigendone il rispetto e agendoli nelle nostre vite, di essere materia vivente di costruzione della società che la carta disegna. Perché questo sia possibile, diventa allora imprescindibile conoscere quello che è lo spirito che anima il testo. Ancora una volta, solo la conoscenza può fornirci gli strumenti per esercitare la nostra cittadinanza nel pieno delle nostre facoltà e possibilità. Ma dipende da noi". Un invito a riappropriarci di un testo nostro, a farlo diventare coscienza individuale e collettiva, base per ragionare con consapevolezza dell'oggi e del domani.

Movimento operaio e lotta per la...

Catone A.
MarxVentuno 2017

Disponibile in 3 giorni

15,00 €
Dopo trent'anni di attacco alla Costituzione di democrazia economico-sociale, il referendum del 4 dicembre 2016 segna una svolta: il progetto - sostenuto dai principali leader dell'Occidente, da Obama alla Merkel, dalle grandi banche d'affari alle grandi organizzazioni padronali - di sostituire il cuore dell'ordinamento democratico per ridimensionare il ruolo del Parlamento e mortificare le autonomie è stato cancellato. Occorre ora lottare per ripristinare il principio del suffragio universale, il criterio proporzionale della rappresentanza politica, violato dal 1993 con il Mattarellum, il Porcellum, l'Italicum. Il connotato disegualitario e disegualizzante del sistema elettorale maggioritario collide con l'eguaglianza intrinseca della democrazia. La democrazia politica, per essere effettiva e per garantire la propria esistenza, deve accompagnarsi alla democrazia sociale ed economica. Testi di: Andrea Catone Domenico Gallo Domenico Losurdo Salvatore d'Albergo Luciano Canfora Claudio De Fiores Antonio Fischetti Alessandra Algostino Stefano G. Azzarà Gaetano Bucci Vincenzo De Robertis.

Il legno storto della giustizia

Colombo Gherardo
Garzanti Libri 2017

Disponibile in 3 giorni  
POLITICA

16,00 €
La corruzione è una piaga che infetta gran parte della vita sociale e politica del nostro paese, in misura non solo eticamente inaccettabile ma anche economicamente insostenibile. Proprio all'Italia sembra infatti spettare un non onorevole posto tra le nazioni più corrotte al mondo: ovunque si formino aggregati di potere, lì alligna il rischio del malaffare. Prendendo le mosse da questi presupposti drammatici che troppo spesso consideriamo immutabili e ai quali sembriamo quasi assuefatti, Gherardo Colombo e Gustavo Zagrebelsky si confrontano con schiettezza e reciproco rispetto discutendo da punti di vista diversi e complementari il senso ultimo del nostro vivere in comunità. Con la consapevolezza che la democrazia può rappresentare un ambiente favorevole alla diffusione della corruzione e scavando nella nostra natura e nel desiderio tipicamente umano di raggiungere fama, potere e ricchezza anche a costo di sopraffare il prossimo, i due autori discutono di letteratura e filosofia del diritto, spaziano dalla storia all'attualità più recente, in un dialogo che sarà motivo di riflessione per quanti ancora credono nell'onestà, nella correttezza e nei principi della nostra Costituzione.

La Costituzione e la bellezza....

Ainis Michele
La nave di Teseo 2017

Disponibile in 3 giorni  
POLITICA

16,00 €
Se l'Italia è una repubblica fondata sulla bellezza, come è stato proposto in parlamento, non c'è dubbio che l'abitudine al bello - e a un patrimonio artistico e culturale che non ha eguali nel mondo - sia il vero elemento unificante degli italiani, e come tale si rifletta nel testo della costituzione promulgata nel 1948. Michele Ainis e Vittorio Sgarbi compongono in questo libro un inedito commento letterario e illustrato alla nostra costituzione in sedici capitoli, uno per ciascuno dei dodici princìpi fondamentali e dei quattro titoli in cui s'articola la prima parte della carta. Un intreccio sorprendente tra arte, diritto e letteratura, che si legge come un'appassionata storia della bellezza d'Italia.

L'enigma presidenziale....

Mastropaolo Antonio
Giappichelli 2017

Disponibile in 3 giorni

30,00 €
"Nel corso della storia repubblicana si può osservare come la richiesta di "decisioni" presidenziali sia andata progressivamente crescendo, trovando spesso ascolto attento e disponibile in chi è stato chiamato, di volta in volta, a ricoprire l'ufficio di capo dello Stato. Lo spazio politico del presidente si è perciò espanso progressivamente, anche se non in maniera lineare e irreversibile, rispetto alle origini, quando qualsiasi sua iniziativa richiedeva l'assenso esplicito e preliminare del governo. Se, in un primo momento, si poteva perciò affermare, semplicemente, che il potere presidenziale effettivo fosse di natura eminentemente simbolica, connesso all'idea che il presidente della repubblica dovesse dare corpo e voce all'unitarietà dello Stato e della sua volontà, a lungo andare sembra che le cose siano divenute un po'diverse, più complesse, sfuggenti." (Dall'Introduzione)

Dizionario breve della...

Panizza Saulle
La Vela (Viareggio) 2017

Disponibile in 3 giorni

12,00 €
Un dizionario che spiega i principali vocaboli della nostra Costituzione. Non un'analisi sistematica di tutti i termini in essa contenuti, quanto piuttosto la definizione dei concetti più rilevanti, corredata, talora, di richiami ad altri articoli, agli interventi di revisione occorsi nel tempo, ai testi normativi che vi hanno dato attuazione o alla giurisprudenza costituzionale che ne abbia chiarito il significato. Ai vocaboli si accompagnano il testo della Costituzione vigente, con il richiamo alle revisioni intervenute, e alcuni temi di educazione costituzionale. Poche pagine per ciascuno, mediante le quali illustrare un organo, un concetto del diritto pubblico, un tratto storico dell'evoluzione dell'ordinamento, sempre in collegamento con le espressioni del dizionario. L'obiettivo è fornire al lettore uno strumento di conoscenza, di approfondimento, o una semplice occasione di riflessione, su quello che dovrebbe rappresentare lo strumento più potente dell'ordinamento per conformare i comportamenti degli individui, così come delle istituzioni, il cui ruolo e rilievo passano anche attraverso la sottolineatura del senso delle parole del diritto, e di quelle della Costituzione.

Elogio della Costituzione

Flick Giovanni M.
Paoline Editoriale Libri 2017

Disponibile in 3 giorni  
DIRITTO PUBBLICO COSTITUZIONALE

15,00 €
Il testo, grazie alla sapiente ed esperta mano di Giovanni Maria Flick, ripropone al lettore e cittadino italiano la centralità della Costituzione Italiana, a settanta anni dalla sua entrata in vigore (1 gennaio 1948). Non è un saggio, quello che il lettore avrà tra le mani, ma un elogio semplice e appassionato della Magna Carta della società italiana. L'autore ne ripercorre la storia, le sue origini, le motivazioni per cui è stata voluta e scritta. Ma, al tempo stesso, fa emergere anche la sua attualità e le sfide per una società che voglia dirsi davvero equa, giusta e solidale. Questo volume - per adulti - e LanostraCostituzione.it (Paoline, settembre 2017) - per adolescenti - sono testi di riferimento per un progetto integrato di formazione alla cittadinanza attiva e responsabile, che sarà proposto alle scuole secondarie di II°.

La «politicità» del giudizio sulle...

Bisogni Giovanni
Giappichelli 2017

Disponibile in 3 giorni

26,00 €
Quando nel 1947 si elaborarono gli artt. 134 e ss. Cost. l'attenzione rivolta al giudizio sulle leggi fu decisamente limitata. Si pensò di istituire un controllo destinato a rilevare sporadiche e puntuali illegittimità costituzionali commesse dal legislatore - senza avere granché peso nella vita istituzionale e politica del paese - e, invece, si è assistito a uno straordinario sviluppo che ha posto la giustizia costituzionale in un ruolo assolutamente rilevante sia tra gli studiosi che nel funzionamento delle istituzioni. Ebbene, le ragioni di questa fortuna - e al tempo stesso il 'filo rosso' che in questo libro tiene unite 'storia' e 'teoria' - stanno nella scarsa consapevolezza teorica, da parte dei costituenti, della 'politicità' insita nel sindacato di costituzionalità della legge. È proprio questa lacuna ad aver dischiuso alla Corte Costituzionale uno spazio all'interno del quale essa ha (quasi) indisturbata-mente costruito il proprio successo; ed è per questo motivo che si è andati alla ricerca, in taluni rappresentanti della filosofia giuridica contemporanea - L. Ferrajoli; J. Habermas; R. Alexy; C.S. Nino; G. Zagrebelsky -, di interpreti disposti ad accettare questo 'debito' teorico lasciato dai costituenti e a dare una possibile risposta al problema della 'politicità' del giudizio sulle leggi.

La Costituzione

Onida Valerio
Il Mulino 2017

Disponibile in 3 giorni  
DIRITTO PUBBLICO COSTITUZIONALE

11,00 €
Aggiornato ai più recenti sviluppi, il libro introduce il lettore alla «legge fondamentale della Repubblica», di cui delinea l'architettura, i concetti chiave, il linguaggio e lo spirito, illustrando con chiarezza i contenuti del testo, dai diritti civili, politici e sociali all'organizzazione dei poteri dello Stato, alla giustizia, ai rapporti internazionali e con l'Europa.

Guida alla Costituzione....

Panizza Saulle
Maggioli Editore 2017

Disponibile in 3 giorni

15,00 €
Il testo, giunto alla seconda edizione, si propone di offrire un agile commento alla Costituzione, favorendone la comprensione del significato nel presente. Ogni articolo è analizzato nel suo contenuto essenziale, con linguaggio semplice ma rigoroso, dando conto, anche mediante accorgimenti grafici, delle eventuali modifiche avvenute nel corso del tempo. L'analisi evidenzia i collegamenti con altri articoli, per agevolare la comprensione sistematica del testo, indicando, ove opportuno, le fonti che hanno contribuito all'attuazione della disposizione in via legislativa o richiamando pronunce chiarificatrici della giurisprudenza costituzionale.

Tra norma e vita. Il mosaico...

Ferrari Zumbini Romano
Luiss University Press 2016

Disponibile in 3 giorni

34,00 €
La Torino di metà Ottocento era già (intellettualmente e moralmente) capitale d'Italia, terra di sedimentazioni costituzionali, d'immigrazione culturale: un vero e proprio laboratorio politico dove le aspirazioni dei liberali - si intersecavano con i fermenti dei democratici e dei radicali impetuosi. Un dualismo giocato su un dilemma: prosaicamente rispettare la forza dei fatti o gettare il cuore oltre l'ostacolo? Prendere atto del fatto che il piccolo Regno di Sardegna ben poco poteva contro il potente impero, o affrontare una sfida impari? Non di rado, fu la seconda opinione a prevalere. E, come mostra Romano Ferrari Zumbini nel suo nuovo studio, anche la dimensione giuridica dell'ordinamento costituzionale fu analogamente sottoposta a torsioni d'inattesa intensità. Tra norma e vita propone numerosi spunti di ricerca innovativi: da una prospettiva storica, l'annus mirabilis 1848 viene smitizzato; da una prospettiva costituzionale, il valore del testo scritto in quanto tale viene sfumato per privilegiare la tavola di valori condivisi che informa di sé una comunità; infine, da una prospettiva culturale, lo studio dimostra che non fu affatto la dottrina francese a forgiare la nascita dello statuto albertino e del costituzionalismo italiano nel XIX secolo. Viene mostrato, perciò, come il cammino costituzionale nel Regno di Sardegna inizi nella primavera del 1846 e che una pluralità di fatti e atti, legislativi e non, ha composto il mosaico costituzionale, all'interno del quale il testo statutario si è posto come semplice tessera di riferimento e non atto apicale. Il tutto s'innesca in un'altra originale osservazione, quella per cui il costituzionalismo subalpino, a dispetto dei luoghi comuni, sorse in assenza di barricate e senza il ricorso a cannonate o polvere da sparo, alimentandosi anzi del desiderio di evitare eventi rivoluzionari. Gli elementi di originalità si snodano nei vari capitoli, imperniati nella scoperta del ruolo dirompente della spontaneità come fonte del diritto. L'autore ricostruisce, con precisione e passione, la genesi spontanea di istituti come il voto di fiducia e sfiducia al governo e ai singoli ministri, il decreto-legge, il decreto legislativo, il Consiglio dei ministri, il presidente del Consiglio, e l'interim ministeriale.

Diritto e giustizia. Interroghiamo...

Rodotà Stefano
La Scuola di Pitagora 2016

Disponibile in 3 giorni

5,90 €
Il grande problema di questo momento è fino a che punto possiamo trascurare la necessità di un'etica pubblica come punto di riferimento, anzi come punto di partenza di una politica costituzionale.

Il diritto alla cultura nella...

Settis Salvatore
Forum Edizioni 2016

Disponibile in 3 giorni

6,00 €
Nessun Paese al mondo ha una Costituzione che affermi il diritto alla cultura con tanta forza e coerenza come fa la nostra Carta fondamentale, eppure nessun'altra nazione in Europa ha tagliato gli investimenti pubblici in questo settore quanto l'Italia. Secondo il nostro ordinamento, valori come la tutela del paesaggio e del patrimonio storico-artistico, appartengono a una sapiente architettura di diritti che si lega strettamente agli orizzonti fondamentali della democrazia: eguaglianza, libertà, equità sociale, dignità della persona umana. Di tali orizzonti la nostra Costituzione è il perfetto manifesto e in un Paese oggi affetto da una crisi collettiva di memoria, dobbiamo ricordare a noi stessi che il patrimonio culturale è un bene comune.

Costituzionalismo meticcio. Oltre...

Bonfiglio Salvatore
Giappichelli 2016

Disponibile in 3 giorni

19,00 €
Nella complessa realtà internazionale vi è il rischio di sbiadire il concetto stesso di costituzione, che deve rimanere invece profondamente legato a quello di costituzionalismo per non smarrire il senso della sua unità e della sua chiara finalità pratica: il riconoscimento dei diritti fondamentali e la loro protezione. A mettere in discussione gli assetti degli Stati democratici e la stessa scienza del diritto costituzionale non è soltanto il prevalere dell'economia sulla politica e il diritto, ma anche l'inarrestabile crescita dei flussi migratori. Ciò pone problemi vecchi e nuovi di coesione sociale che necessitano non di un abbandono dei princìpi costituzionali fondamentali - a cominciare da quelli di libertà, eguaglianza e solidarietà - ma semmai di una loro rilettura in chiave interculturale, per contrastare fenomeni di fanatismo ideologico e di estremismo religioso.

La Costituzione italiana: riforme o...

Amirante C.
Giappichelli 2016

Disponibile in 5 giorni

19,00 €
La raccolta di saggi 'La costituzione italiana: riforma o stravolgimento?', a cura di Carlo Amirante, si rivolge non solo agli studenti dei corsi di Diritto Costituzionale e Diritto Pubblico ma a chiunque voglia essere informato sulle più recenti riforme legislative in particolare del sistema elettorale e di una revisione costituzionale, che pur proponendosi d'intervenire sulla composizione, sui poteri e competenze del Senato della Repubblica, coinvolge in modo diretto o indiretto numerosi organi costituzionali, finendo per stravolgere un sistema costituzionale fondato su delicati equilibri politico-istituzionali che hanno assicurato per quasi sessant'anni una democrazia politica solida, malgrado dinamiche non solo istituzionali che rischiavano di minacciarne la tenuta. Il binomio riforma elettorale (pericolosamente maggioritaria)/semplificazione-centralizzazione della forma di governo, rischia di stravolgere una costituzione che è stata il modello per molte costituzioni del novecento e del nuovo millennio.

Testi e progetti del sistema...

Bilancia Paola
Giappichelli 2016

Disponibile in 5 giorni

8,00 €
Questa edizione speciale per il Referendum costituzionale 2016, che costituisce un complemento e un aggiornamento della V edizione tuttora in commercio, contiene il testo a fronte della Costituzione vigente (e di alcune leggi costituzionali) con quello che risulta dalla riforma approvata dal Parlamento il 12 aprile 2016 ed ora sottoposta a prossimo referendum popolare, unitamente ai contenuti essenziali della nuova legge elettorale per lo Camera dei deputati e alla disciplina normativa che regola il referendum sulle revisioni costituzionali. L'intento è quello di consentire agli studenti, agli studiosi e più in generale a tutti coloro che saranno chiamati ad esprimere il loro voto sulla riforma, di avere a disposizione, agevolmente e con la possibilità di metterli a confronto con i testi attuali, i contenuti specifici di un insieme piuttosto corposo di ristrutturazioni del circuito democratico-rappresentativo, del procedimento di formazione della legge, del rapporto fiduciario fra Parlamento e Governo, degli istituti di democrazia diretta e dei rapporti fra Stato e Regioni, oltreché di alcuni enti e organi costituzionali, destinato, qualora entri in vigore e a decorrere dalla prossima legislatura, ad innovare in profondità l'impianto istituzionale della Repubblica italiana.

La Costituzione e la Bellezza

Ainis Michele
La nave di Teseo 2016

Disponibile in 3 giorni

22,00 €
Se l'Italia è una Repubblica fondata sulla bellezza, come è stato recentemente proposto in Parlamento, non c'è dubbio che l'abitudine al bello - e a un patrimonio artistico e culturale che non ha eguali nel mondo - sia il vero elemento unificante degli italiani, e come tale si rifletta nel testo della Costituzione promulgata nel 1948. Michele Ainis e Vittorio Sgarbi compongono un inedito commento letterario e illustrato alla nostra Costituzione in sedici capitoli, uno per ciascuno dei dodici princìpi fondamentali e dei quattro titoli in cui s'articola la prima parte della Carta. Un incontro che rivela la bellezza di un documento a cui contribuirono intellettuali come Croce, Marchesi, Calamandrei, capaci di esprimere, nel rigore della forma, un'altissima sensibilità letteraria. Questo "paesaggio umano e naturale", che affiora tra gli articoli e i commi della Costituzione, esprime nella forma più riuscita la corrispondenza tra il diritto e i cittadini: noi stessi, posti davanti allo specchio della legge, potremmo riconoscervi molto della nostra eredità, e scoprirci più ricchi di quanto immaginiamo. Alla bellezza del testo della Carta, testimoniata dalla sua longevità, questo libro affianca un tesoro di riferimenti, assonanze, simmetrie, tratti dalle diverse arti e ispirati ai princìpi costituzionali: suggerimenti di lettura che illuminano la vitalità e l'attualità del testo della Costituzione, un monumento da preservare come parte del nostro immenso patrimonio culturale.

Trasformazioni costituzionali. Un...

Morrone Andrea
Giappichelli 2016

Disponibile in 5 giorni

10,00 €
Per comprendere le riforme istituzionali che interessano la Costituzione italiana è necessario assumere un atteggiamento critico e non ideologico, collocando l'analisi nella storia della Repubblica, individuando le ragioni e gli strumenti che possono giustificare modifiche alle regole fondamentali. La Costituzione è un processo politico che deve essere svolto continuamente. In determinate circostanze, può e deve essere aggiornata, specie per fare in modo che le istituzioni di governo della Repubblica siano sempre capaci di realizzarne il progetto, in maniera adeguata ai diversi contesti storico-politici. Il volume discute i contenuti della legge di revisione costituzionale "Renzi-Boschi" e della nuova legge elettorale "Italicum", mettendo a confronto opinioni favorevoli e contrarie, senza rinunciare ad offrire un'interpretazione organica delle trasformazioni costituzionali in corso di svolgimento.

La Riforma costituzionale...

Lucarelli A.
Giappichelli 2016

Disponibile in 5 giorni

20,00 €
Il presente volume contiene in primo luogo gli Atti del Convegno "La riforma costituzionale Renzi-Boschi. Quali scenari?", che si è tenuto il 20 aprile 2016 presso l'Università degli studi di Napoli "L'Orientale" e organizzato dal Dipartimento di Scienze Umane e Sociali di questo Ateneo. Vi sono ulteriormente pubblicati altri contributi richiesti in un secondo tempo a diversi colleghi e studiosi, al fine di promuovere un'occasione di riflessione e di confronto, improntata anche alla interdisciplinarietà e alla comparazione, su di un tema di stringente attualità, soprattutto alla luce del referendum confermativo che vedrà gli elettori prossimamente a pronunciarsi sul testo di riforma costituzionale.

La Costituzione economica. Un...

Pecchioli Luigi
Agorà & Co. 2016

Disponibile in 3 giorni

16,00 €
L'opera è un'analisi sistematica degli articoli della Costituzione dal 35 al 47, ovvero la parte che tratta i diritti economici dei cittadini. Attraverso uno spaccato delle discussioni avvenute in sede costituente nell'elaborazione delle singole norme, l'autore sottolinea le posizioni dei vari Costituenti su problemi, allora come adesso molto sentiti, quali lo sviluppo e la tutela del lavoro, la regolamentazione della libertà di impresa, la questione dei limiti alla proprietà, la tutela del risparmio. Quello che ne risulta è la visione che i Costituenti avevano sul futuro dell'Italia, un Paese quasi distrutto economicamente dalla Guerra al quale si voleva dare nuova speranza e linee guida per un futuro migliore, più equilibrato e con una maggiore tutela delle classi meno agiate. Analizzando puntualmente ogni articolo del testo vigente ed alcuni approfondimenti che esulano dalla normale analisi tecnico-giuridica dei saggi sulla Costituzione, l'autore dimostra chiaramente l'incompatibilità di quanto voluto ed auspicato dai Costituenti con i principi del libero mercato non regolato e con la prevalenza delle regole di bilancio sui diritti sociali ed economici dei cittadini.

No positivo. Per la Costituzione....

Pasquino Gianfranco
Epoké (Novi Ligure) 2016

Disponibile in 3 giorni

12,48 €
23 buone ragioni per dire NO al referendum costituzionale. Un "No" a riforme da cancellare per fare riforme buone che migliorino il funzionamento del sistema politico italiano e, con un po' di sana retorica, anche la vita dei cittadini.

Tu chiamala, se vuoi, revisione. Il...

Panizza Saulle
La Vela (Viareggio) 2016

Disponibile in 3 giorni

9,00 €
Un centinaio di espressioni, 95 per la precisione, che costituiscono una sorta di dizionario istituzionale, dalla A alla Z, con il quale provare a spiegare i concetti chiave di organizzazione e funzionamento delle nostre Istituzioni, a cavallo tra il testo vigente della Costituzione e quello che potrebbe diventare se il referendum dovesse confermare la legge di revisione votata dal Parlamento. Un esame del merito della riforma, come da più parti auspicato. Di ogni concetto, già presente o introdotto con la revisione, se ne illustra il significato, evidenziando, anche graficamente, i cambiamenti che la riforma Renzi-Boschi produrrebbe nel tessuto costituzionale. In chi abbia già basi di educazione civica o costituzionale, il testo si offre come una prima interpretazione del "nuovo" in caso di prevalenza dei "sì" nel referendum. In chi affronti questi temi senza basi pregresse, esso può contribuire al formarsi di uno spirito critico, consentendo a ciascuno di farsi un'idea, quasi plastica, delle direttrici e dell'impatto del testo di riforma.

Percorsi ricostruttivi per la...

Cocozza Vincenzo
Giappichelli 2016

Disponibile in 5 giorni

30,00 €
"Ci sono molti testi che, in maniera completa e rigorosa, trattano il Diritto Costituzionale per consentirne lo studio. Accanto a una pluralità di manuali che si propongono anche con approcci diversi alla materia, vi sono contributi specializzati per singoli settori tematici che approfondiscono argomenti di particolare rilevanza quali le fonti del diritto, il diritto parlamentare, la giustizia costituzionale, l' ordinamento regionale. In un quadro di tal genere, è assai difficile aggiungere un ulteriore valido strumento dello stesso tipo, utile per lo studio. Una qualche utilità, però, può trarsi da un'esposizione che valorizzi il quadro d'insieme della materia e cerchi di semplificare sottolineando alcuni (dei tanti) aspetti problematici perché risaltino come snodi concettuali per gli opportuni approfondimenti. Questo scritto, che non è un manuale, cerca di utilizzare un metodo coerente con l' obiettivo di cui sopra. Vi è, allora, il tentativo di offrire, con formule snelle, una risposta all'esigenza di seguire, per così dire, percorsi all'interno della materia tentando di tenere insieme le varie parti e consentire, per quanto possibile, una visione unitaria e coordinata." (Dalla Premessa dell'autore).

Storia costituzionale degli...

Volpe Giuseppe
Giappichelli 2015

Disponibile in 5 giorni

37,00 €
Il 2 gennaio del 1921 apparve sulla rivista l'Ordine Nuovo un articolo senza firma, ma scritto da Antonio Gramsci, intitolato II popolo delle scimmie. Nell'articolo veniva richiamata una novella tratta da Il libro della giungla di Rudyard Kipling, che aveva come protagoniste le Bandar-Log, un popolo di scimmie caratterizzato dall'inclinazione alla violenza nei rapporti con gli altri e dall'incapacità di coltivare progetti e di darsi regole coerenti e stabili, ma, nello stesso tempo, presuntuoso, vanaglorioso ed esibizionista, fino a convincersi di appartenere ad una razza superiore; in realtà, assai vulnerabile al rischio di essere rovinosamente illuso e sedotto dal demagogo di turno. Nel corso di questo studio, l'immagine delle Bandar-Log non è mai sparita dalla mia mente, al punto da persuadermi che essa potesse riassumere al meglio la storia degli italiani nel trentennio esaminato, narrata sotto il profilo costituzionale e fornire il filo di Arianna nel labirinto degli eventi che si sono succeduti. I dialoghi immaginari tra personaggi storici di epoche diverse sono da tempo un genere letterario parecchio frequentato. Alla famosa esortazione di Massimo D'Azeglio a fare gli italiani, Benito Mussolini potrebbe rispondere di esserci riuscito, di averli fatti a sua immagine e somiglianza, abituandoli a quella pratica di sostituire il (un) Duce alla realtà, che fu l'essenza del fascismo, destinata a durare nel nostro Paese ben oltre la sua fine.