Storia delle idee

Active filters

Temi e figure della complessità

Gembillo Giuseppe
Le Lettere

Non disponibile

32,00 €
Le vie della complessità sono molteplici e diverse e, in Italia, sono state percorse da più versanti sin dagli anni Ottanta del Novecento. Un sentiero peculiare della complessità - quello in chiave filosofica, che si è cercato di restituire nel presente volume - ha avuto tra i suoi principali protagonisti Giuseppe Gembillo. Allievi, amici, studenti hanno pensato di rendere omaggio al comune maestro, amico, professore con quest'opera che raccoglie molti dei saggi da lui pubblicati sui temi che, da diversi lustri, sono oggetto del suo interesse.

La filosofia come esercizio di...

Petite Plaisance

Non disponibile

13,00 €
Il 23-24 novembre 2018 colleghi, allievi, studiosi suoi amici sono intervenuti e hanno partecipato al seminario di studi sul pensiero di Mario Vegetti nel salone dell'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli. In queste pagine, con un sentimento misto di gioia e dolore, presentiamo gli atti di quelle giornate di studio presiedute da G. Casertano e da L. Palumbo (che hanno curato l'Introduzione del volume con una Nota di F. Li Vigni): le relazioni di E. Berti [Aristotele: quinto nucleo tematico di interesse per Vegetti?], di F. Ferrari [Al di là dell'essere: la dynamis tou agathou. Gli studi di Mario Vegetti sull'idea del Buono in Platone], di S. Gastaldi [Gli studi di Mario Vegetti sull'etica antica: un approccio innovativo], di B. Centrone [Quindici lezioni e non solo. La Lezione (metodologica) di Mario Vegetti su Platone], di F. Fronterotta [L'anima, il corpo, il medico] e di L. Canfora [Mario Vegetti nei «Quaderni di storia»]. Mettiamo dunque a disposizione della comunità scientifica queste pagine importanti come esse sono state scritte, nel tempo che immediatamente è seguito alla scomparsa del grande studioso.

Descartes! Chi è costui?

Marchese Nunzio
CLEUP

Non disponibile

18,00 €
Chi è stato veramente Cartesio? Che cosa ha rappresentato per la scienza, da una parte, e per la metafisica, dall'altra? Quanto importante il suo contributo e quanto decisivo per le sorti del pensiero? Gli storici della filosofia hanno da tempo risposto a queste domande. E ci hanno consegnato un'immagine del filosofo del tutto priva di ambiguità e contraddizioni e che vede in lui il rifondatore del metodo scientifico e al tempo stesso dell'ontologia classica. Ma siamo sicuri che le cose stiano così? E se invece nelle profondità del pensiero cartesiano si nascondessero equivoci ancora da chiarire e problemi tutt'altro che risolti?Nunzio Marchese, per molti anni docente nei licei e poi preside del glorioso Michelangiolo di Firenze, osa porre domande come quelle di cui sopra; e lo fa, dopo aver dedicato un'intera vita all'insegnamento, con la passione e l'acribia dello studioso che finalmente può realizzare la sua antica vocazione per la ricerca.

A-Chronos. Miscellanea di studi...

Antifora Mariangela
CLEUP

Non disponibile

17,00 €
La nostra è la condizione di chi vive in esilio dal proprio tempo, di chi è sottratto alla propria temporalità, tanto più preziosa quanto più fragile. La virtualizzazione del tempo e dello spazio sospende la nostra umanità nel limbo di una socialità mediatica epidermica e volatile, mentre flussi informativi, finanziari e migratori occupano la scena pubblica e travolgono destini individuali e collettivi. Fare filosofia significa emergere dal flusso dell'immediatezza e provare a pensare il senso delle cose. Come abbracciare il mondo e l'anima senza ucciderne la vita in astratti apparati dal valore prettamente funzionale? Come pensare la realtà, restituendola agli uomini nella ricchezza di tutta la sua estensione ed intensità? Sono domande ineludibili alle quali dobbiamo cercare delle risposte. La crisi attuale, infatti, intacca la nostra progettualità perché investe il senso del nostro essere ed agire.

Uomo nuovo. Antropologia dell'uomo...

Rana Franco
Velar

Disponibile in libreria in 5 giorni

10,00 €
L'uomo non ha mai smesso di interrogarsi su se stesso, e soprattutto non ha mai smesso di aspirare a migliorare la propria esistenza sotto tutti gli aspetti. Spera di poter aumentare gli anni da vivere su questa terra, di potere godere di una più sicura salute, di essere più efficiente, di usufruire di maggiore tempo libero, di circondarsi di strumenti sempre più sofisticati per aumentare gli agi della vita. Su questi fronti si schierano i maggiori sforzi della scienza, intesa come tecnica volta a manipolare la natura per dominarla.

Gente di nessuno

Polman Linda
Luiss University Press

Disponibile in libreria in 3 giorni

20,00 €
L'arrivo in Europa di migliaia di persone in fuga dalla guerra, da regimi autoritari o semplicemente in cerca di un futuro migliore, sembra abbia generato una profonda crisi di identità nel Vecchio continente. Le frequenti difficoltà dei governi europei a elaborare efficaci politiche di gestione dei flussi o di accoglienza, o addirittura lo scambio reciproco di accuse e il desiderio malcelato di scaricare il problema su qualcun altro rappresentano, secondo molti osservatori, la più seria minaccia alla tenuta dell'Unione europea. Tensioni di questo tipo non sono tuttavia una novità: con "Gente di nessuno", Linda Polman mostra infatti come la questione dei rifugiati e dei migranti abbia rappresentato un nervo scoperto per l'Europa fin dalla prima conferenza sul tema, tenutasi subito prima dello scoppio del secondo conflitto mondiale. Allora come oggi, il sentimento diffuso era che queste persone non appartenessero a nessuno e che limitarne l'arrivo o respingerle fosse l'unica soluzione praticabile. Ripercorrendo le vicende drammatiche degli uomini e delle donne che, nel corso dei decenni, hanno visto negli ideali europei una speranza destinata a essere frustrata, ma anche di coloro che hanno combattuto perché gli oppressi trovassero nell'Unione una nuova casa, Linda Polman racconta una storia che non può essere ignorata affinché l'Europa mantenga la promessa di civiltà dalla quale era nata. Prefazione di Francesca Mannocchi.

Cristalli di storicità. Saggi in...

Bodei Remo
Rosenberg & Sellier

Disponibile in libreria in 3 giorni

17,50 €
In questo libro, colleghi e amici di Remo Bodei ne ripercorrono l'opera filosofica restituendo un quadro articolato e affascinante che si presenta come una vera e propria introduzione al suo pensiero. Nei suoi numerosi libri, Remo Bodei non separa mai la dimensione storica dalla dimensione teoretica, e il suo pensiero si struttura in cristalli di storicità, ossia in "formazioni concettuali dovute al depositarsi e strutturarsi di eventi e idee nel tempo, che si modificano certo, ma secondo determinate modalità formali". Arricchisce il volume un'ampia e aggiornata bibliografia di Remo Bodei.

Pagine di epistemologia sulla...

Polettini Paola
QuiEdit

Non disponibile

18,00 €
La domanda filosofica sulla nascita della forma è relativa al modo di intendere il rapporto tra il soggetto e il suo mondo. Questo lavoro pone a fondamento l'assunzione che il rapporto tra il vivente e l'ambiente, in quanto mutua relazione trasformativa, appartenga a una originaria relazione costituente le cui modalità si possono riscontrare ai più diversi livelli delle espressioni vitali: dalle cellule primordiali fino all'organismo umano e alle possibilità stesse del pensiero di dar luogo alla formulazione linguistica e alla astrazione. Il circolo ermeneutico è inerente alla ipotesi.

Filosofia del disprezzo

Settimio Luciano
Tau

Disponibile in libreria in 3 giorni

15,00 €
Il disprezzo sembra avvolgere le relazioni della nostra società dove si esperiscono forme di rifiuto, emarginazione e sintomi gravi di razzismo che conducono a chiusura e inumanità. È possibile far crescere un atteggiamento differente rispetto a questo? Qui si desidera prospettare una sorta di viaggio nel disprezzo per orientarsi verso gli altri e incontrarli senza alcun senso di rifiuto, per scardinare forme di chiusura che lasciano spazio solo alla paura e avviliscono ciò che ogni persona da sempre cerca: la bellezza immensa dell'amore radicata nel rispetto personale e dei diritti umani.

Per una primavera di bellezza. Due...

Ingravalle Francesco
Edizioni di AR

Non disponibile

12,00 €
Queste pagine descrivono due fioriture, spuntate negli orridi della Grande Guerra: lo Ubermensch-uomo superiore e il poeta-soldato dannunziano; riferiscono quindi di una infiorescenza: il Fascismo. Nietzsche e d'Annunzio: il loro sapere fu un fare, la loro esistenza un commento delle opere e le loro opere un commento dell'esistenza. Le parole di Ingravalle narrano del Vate, dell'esteta in armi; e parlano di Mussolini, l'arringatore e capitano di ventura.

Isole. Un arcipelago semiotico

Sedda Franciscu
Meltemi

Disponibile in libreria in 3 giorni

22,00 €
Isole di plastica che popolano i mari e l'immaginario. Isole che diventano il simbolo dell'umanitpresa fra migrazioni, razzismo e solidariet Isole che sfidano continenti, Stati che si isolano, popoli che fanno arcipelago, potenti e persone comuni che sognano isole tutte per s Le isole non smettono di affascinare, di far mondo, di parlare ai nostri sensi e alle nostre coscienze. Per coglierne i significati e le voci bisogna addentrarsi in un arcipelago semiotico che ci riporta alle profonditdel mito e alle trame della storia globale, alle utopie del passato e ai conflitti del presente, alle narrazioni fantastiche e alla concreta creativitculturale. Oggi piche mai per ritrovare senso necessario perdersi in un mare di isole.

Schopenhauer. Esperienza metafisica...

Bazzani Fabio
Clinamen

Disponibile in libreria in 3 giorni

39,00 €
Schopenhauer non usa mai il termine nichilismo ma assai prima di altri, e assai meglio di altri, intuisce, enuncia e rappresenta il naufragio esistenziale del soggetto contemporaneo, denunciando l'oblio di ogni questione di senso, il drammatico e pervasivo diffondersi di un sapere attestato al semplicemente evidente di un reale ridotto ad immagine. A Schopenhauer si devono le premesse teoriche per una comprensione autentica del paradigma nichilistico che di sé in-forma la tradizione filosofica e la visione ordinaria del mondo, con le sue nullificanti pratiche materiali, sino agli attuali modi proceduralmente omologanti propri di una mostruosa e artificiale soggettività che progettualmente si sostituisce alla stessa soggettività umana. In questo importante ed originale lavoro, l'autore sottolinea come Schopenhauer ridefinisca l'intero discorso filosofico e come la sua riflessione debba es-sere letta: eminentemente quale inaugurarsi di una nuova ed inedita tradizione di pensiero, eccedente ed eccentrica, irriducibile a forma di sapere istituzionalizzato o a ideologica figura di legittimazione. Costantemente inattuale, la filosofia di Schopenhauer è sempre "altro" rispetto allo "spirito del tempo", al di là di qualsivoglia figura storico-sociale e formazione culturale. In essenza libertaria, dunque, questa filosofia è lo specchio critico e la reiezione radicale di ogni sussistente e di ogni ideologico camuffamento del sussistente in quanto tale.

María Zambrano

Mortari Luigina
Feltrinelli

Disponibile in libreria

14,00 €
María Zambrano, allieva di José Ortega y Gasset e di Xavier Zubiri all'Universidad Central di Madrid, fu esiliata dopo la guerra civile e viaggiò, peregrinando e nascondendosi, dal Messico a Cuba, da Roma alla Svizzera. Con uno sguardo profondo e delicato, Luigina Mortari compone il ritratto di una vita in fuga e di un pensiero libero: "La filosofia di Zambrano spazia sui paesaggi dell'anima, apre all'immensità del cosmo, addolcisce il discorso con parole di poesia, e per queste sue qualità può sembrare una filosofia dell'intimo. Ma così non è: è filosofia per la vita, non solo per la vita intima dell'anima ma per la vita con gli altri, per quella vita che è convivere". Il pensiero di Zambrano è magmatico e denso di mistero. La sua parola è melodia. La scommessa è la rinuncia alla sicurezza illusoria di ogni sistema, alla pretesa divina di spiegare l'essenza delle cose, per cercare un pensiero capace, semplicemente, di risuonare. Ispirata dalla tradizione pitagorica ed eraclitea, Zambrano propone un metodo che "non è una cosa della mente ma della vita, tutta la vita è un cammino di saggezza". E inaugura così una nuova, rivoluzionaria postura per pensare l'esperienza.

La verit? sulla menzogna. Dalle...

Dell'Osso
ETS

Disponibile in libreria in 3 giorni

28,00 €
Socrate, che pur si proclamava amico della verit sosteneva essere pisapiente colui che mente sapendo di mentire rispetto a colui che capace di dire soltanto il vero. Anticipava cosdi circa 25 secoli quanto stato documentato mediante il brain imaging: una maggiore attivitcerebrale in chi mente. A differenza della verit unica, indifesa - la "nuda" verit-, la menzogna ha mille volti e un campo indefinito; essa pervade ogni ambito si vada a esplorare, da quelli pigenerali (storico, filosofico, morale) ai pispecifici (artistico, socio-politico, dell'informazione, della salute, della scienza), compresi quelli della malattia mentale (psicologico, psicoanalitico, psichiatrico), ora plasmandola, ora dandole un contenuto, spesso interferendo con il suo decorso ed esito. Fake news, post-truth, concetti gicontenuti in Platone e Machiavelli, hanno raggiunto un'estrema virulenza negli ultimi anni, grazie all'ormai universale diffusione dei social media che, praticamente senza controllo, stanno inquinando capillarmente la nostra vita sociale e politica.

Le vie sociali dell'immaginario....

Mori
Mimesis

Disponibile in libreria in 5 giorni

24,00 €
La questione dell'immaginario inizia lì dove termina la dicotomia che lo vede contrapporsi al reale. Fuoriuscendo da questa logica disgiuntiva, è possibile considerare l'immaginario come la sorgente della costruzione e della trasformazione della realtà sociale. Una serie di saggi - dedicati ai processi generativi degli ambienti socio-antropologici, alle dinamiche d'integrazione, di dominio e resistenza, al mutamento sociale, alle metamorfosi dei media, della politica, dell'economia e delle rappresentazioni dell'alterità, nonché al mondo degli oggetti - dà forma a un volume che, nato nell'ambito della neocostituita sezione "Immaginario" della Associazione Italiana di Sociologia, si propone di individuare nell'immaginario una possibile via d'accesso alla comprensione profonda della vita sociale. Prefazione di Domenico Secondulfo.

Estetica postumanista

Marchesini Roberto
Meltemi

Disponibile in libreria in 3 giorni

9,00 €
La tradizione umanista ha mantenuto e consolidato alcune coordinate paradigmatiche di giudizio ben riconoscibili tanto da farci parlare di un canone umanista basato su un preciso orientamento di preferenza sulla rappresentazione del corpo umano. Questo canone esprime inevitabilmente una conseguente definizione estetica della cultura, vista come habitat preferenziale del retaggio prometeico, considerandola al tempo stesso emanazione autarchica dell'ingegno umano, e principio disgiuntivo dell'essere umano da ogni residuo di animalità. La techne assume una configurazione strumentale rispetto alle finalità umane e allo stesso modo l'animalità non è più una dimensione condivisa, ma assume la forma di controlateralità rendendo l'uomo "il non-animale". Questo saggio vuole indagare questa trasformazione, definita con il termine di postumanismo, al fine di mettere in risalto le differenze di orientamento e di sensibilità, ma soprattutto di tracciare una sorta di mappa concettuale circa gli slittamenti che tale metamorfosi estetica sta avendo nel modo corrente di leggere il corpo, l'animalità, la natura e infine la tecnologia, in una concezione della condizione umana che testimonia un'innegabile rivoluzione nei predicati di riconoscibilità e di proiezione.

La ragione nelle vicende umane

Simon Herbert A.
Il Mulino

Disponibile in libreria in 5 giorni

12,00 €
I potentissimi modelli formali di razionalità elaborati nel Novecento per applicare la ragione ai problemi della scelta peccano, secondo Simon, di un'eccessiva fiducia nelle capacità razionali dell'uomo e, applicati alle vicende umane, spiegano molto meno di quel che promettono. In questo volume che costituisce la summa del suo pensiero, Simon mostra invece quanto fragili siano i meccanismi della razionalità e quali siano i vincoli che essa incontra nelle ragioni di ordine emotivo-affettivo e nelle limitate capacità di attenzione in un mondo incerto e complesso. La ragione non può dirci in quale direzione andare, al massimo può suggerirci come fare a raggiungerla. Ma è proprio la consapevolezza di questa ragione imperfetta che consente una comprensione di molti comportamenti individuali e collettivi che altrimenti verrebbero classificati come inadeguati e incoerenti. Introduzione di Paolo Legrenzi.

Educare al limite. Filosofia nella...

Altini Carlo
ETS

Disponibile in libreria in 3 giorni

13,00 €
L'esperienza del limite si presenta come ordinaria e complessa al tempo stesso. Ogni giorno dobbiamo tenere conto del fatto che ci sono limiti che è meglio non superare, per evitare spiacevoli conseguenze, e limiti oltre i quali occorre spingersi, per conoscere qualcosa di nuovo su noi stessi, sugli altri e sul mondo. La cognizione del limite è quindi cruciale tanto per il singolo individuo, in rapporto al suo processo di crescita e di avviamento all'autonomia, quanto per le comunità, impegnate nel compito di non oltrepassare quella misura che potrebbe compromettere la convivenza pacifica tra gli esseri umani e la tutela del nostro pianeta. In questo volume cerchiamo di mostrare come si possa iniziare a riflettere sul concetto di limite fin dalla scuola dell'infanzia, riportando esempi ragionati di conversazione filosofica che hanno coinvolto in modo appassionante bambine e bambini dai 3 ai 5 anni. Il lettore troverà sia molte idee per proporre dialoghi con i più piccoli attraverso gli strumenti della filosofia con i bambini (a partire da enigmi, esperimenti mentali, casi concreti e storie), sia suggerimenti perché insegnanti e educatori possano condurre queste attività in maniera efficace nei differenti contesti nei quali si trovano a operare.

Il socialismo degli intellettuali....

Machajski Jan Waclaw
Ortica Editrice

Disponibile in libreria in 5 giorni

16,00 €
La classe colta ha da sempre costituito il pilastro spirituale del potere dominante, i suoi membri ne sono stati i buffoni zelanti, i contabili devoti, i pennivendoli servili e all'interno d'una società in cui la Tecnica è al contempo suo mezzo e sua metafisica, il sapere del «lavoratore intellettuale» diventa indispensabile alla manutenzione delle sue strutture e del suo dominio. Governare per mezzo del sapere - la «Tecnocrazia» -, questo smaschera già all'inizio del XX° secolo J. W. Machajski, andando a colpire non il facile bersaglio della reazione e delle destre conservatrici, bensì, scardinando il cuore stesso della teoria di Marx, le «anime belle» del Comunismo-Socialista di quell'intelligencjia che si dichiara «dalla parte dei deboli», pronta ad «aiutare» le masse (ovviamente «ignoranti»), il cui vero scopo è però quello di ancorare il proprio potere alla loro più «alta coscienza del sapere», utilizzata per assumere funzioni direttive e di gestione, garante e usufruttuaria al contempo, del sistema di sfruttamento, in entrambe le sue «forme storicamente conosciute»: quella capitalista liberale e l'altra di matrice socialista.

Ars est celare artem. Da Aristotele...

D'Angelo Paolo
Quodlibet

Disponibile in libreria in 3 giorni

13,50 €
La miglior retorica è quella che non si nota. Se chi ci ascolta si accorge che stiamo usando degli artifici, l'effetto è compromesso. Gli avvocati di una volta lo sapevano: guai a farsi sospettare esperti, guai a far trasparire le proprie capacità. Non per

Il passato, la memoria, l'oblio....

Rossi Paolo
Il Mulino

Disponibile in libreria in 5 giorni

14,00 €
Dopo le mnemotecniche rinascimentali dell'ormai classico "Clavis universalis", Paolo Rossi non ha mai smesso di occuparsi dei teatri della memoria. E in questo libro mostra come, lungi dal costituire un fossile intellettuale, l'arte della memoria abbia subito una serie di rinascite e trasfigurazioni. Ad esempio, le immagini costruite per ricordare che compaiono, fra Cinque e Seicento, negli scritti dei Gesuiti, nella manualistica per i confessori, nei catechismi per gli illetterati, ricompaiono oggi nelle scuole per pubblicitari. Memoria e immaginazione non sono dunque facoltà contrapposte, come vuole certa disinvolta pedagogia antinozionistica.

Cultura e culture. La pluralità dei...

De Vita Loredana
Nulla Die

Disponibile in libreria in 3 giorni

14,00 €
Scrivere, parlare, pensare, agire: tutto esprime cultura. Cultura non è solo conoscenza, ma consapevolezza della propria realtà che si apre al confronto con realtà che sembrano lontane. Cultura è rivelare la propria visione che si arricchisce della dimensione dell'altro. Gramsci è maestro e guida in questo percorso; egli intuisce che il ruolo della cultura in una società non è quello di conservare e preservare per sé la conoscenza, ma di fornire gli strumenti per mettersi continuamente in gioco e scoprire il proprio posto nel mondo e nel tempo allo scopo di costruire relazioni tra le persone: «Ha cultura chi ha coscienza di sé e del tutto», dice. Solo così cuore, cervello e azione danno senso alla vita.

Il pensiero magico. Mito, storia e...

Bernacci K.
Yume

Non disponibile

15,00 €
"Magìa: pratica e forma di sapere esoterico e iniziatico che si presenta come capace di controllare le forze della natura; è stata oggetto, in varie culture e nei diversi periodi storici, di valutazioni opposte, ora considerata forma di conoscenza superiore, ora rifiutata come impostura e condannata dalle autorità civili e religiose". Siamo partiti da questa definizione "tecnica" e mossi dalla volontà di guardare alla magia come a un fenomeno culturale: l'abbiamo fatto suggerendo chiavi di lettura trasversali, proposte da studiosi ed esperti, che ci hanno guidato nel complesso e affascinante universo del pensiero magico.

La verità sulla menzogna. Dalle...

Dell'Osso Liliana
ETS

Disponibile in libreria in 3 giorni

28,00 €
Socrate, che pur si proclamava amico della verità, sosteneva essere più sapiente colui che mente sapendo di mentire rispetto a colui che è capace di dire soltanto il vero. Anticipava così di circa 25 secoli quanto è stato documentato mediante il brain imaging: una maggiore attività cerebrale in chi mente. A differenza della verità, unica, indifesa - la "nuda" verità -, la menzogna ha mille volti e un campo indefinito; essa pervade ogni ambito si vada a esplorare, da quelli più generali (storico, filosofico, morale) ai più specifici (artistico, socio-politico, dell'informazione, della salute, della scienza), compresi quelli della malattia mentale (psicologico, psicoanalitico, psichiatrico), ora plasmandola, ora dandole un contenuto, spesso interferendo con il suo decorso ed esito. Fake news, post-truth, concetti già contenuti in Platone e Machiavelli, hanno raggiunto un'estrema virulenza negli ultimi anni, grazie all'ormai universale diffusione dei social media che, praticamente senza controllo, stanno inquinando capillarmente la nostra vita sociale e politica.

La via. Dalla natura alla...

Lapucci Carlo
La Fontana di Siloe

Non disponibile

14,50 €
Considerando la povertà spirituale della nostra epoca, con la vita interiore sottoposta a mutazioni, cancellazioni, innovazioni, necessari rinnovamenti, può essere utile ripercorrere la via attraverso la quale l'uomo è salito dalla sua condizione materiale all'individuazione di valori spirituali e soprannaturali, conquistando la dimensione religiosa. Seguire l'itinerario che il pensiero ha segnato attraverso immagini, metafore, simboli, analogie (forme del linguaggio e delle parabole evangeliche) costituirà una premessa e un aiuto per ritrovare, nel confuso mondo che la modernità ha generato, una visione coerente della realtà che sia feconda di linfa capace d'alimentare le esigenze di spiritualità. La realtà del passato è stata scardinata nel suo ordine ed è stata cancellata o invasa da un «nuovo» in parte benefico, in parte utile, in parte futile o dannoso, comunque sempre arido e non ancora elaborato in un senso accettabile. Il mondo della macchina, della scienza, aspetta questa bonifica, questa fecondazione, per poter vivere l'eternità nel tempo. L'esempio dell'opera umana dei decenni e dei secoli che abbiamo alle spalle è una traccia per il lavoro che compete agli uomini di oggi.

Scritti sullo spazio

Florenskij Pavel A.
Beatrix Editions

Non disponibile

70,00 €
L'insieme dei testi raccolti in questo primo volume degli "Scritti sullo spazio" restituisce uno sguardo organico sulla fondamentale tematica della spazialitnel pensiero di P. A. Florenskij. Nello spazio, secondo il grande filosofo russo, possibile scorgere "l'oggetto specifico e originario della filosofia, in relazione al quale tutti gli altri temi filosofici dovrebbero essere considerati come derivati". Attraverso una raffinata e originalissima elaborazione dei dati della matematica, della fisica, della psicologia e dell'estetica, lo spazio si illumina, nella visione di Florenskij, come possibilitd'apparizione dell'idea, ossia della viva e profonda realtdelle cose. I testi pubblicati in questo volume sono: 1. Il significato della spazialit 2. Prospettiva inversa; 3. L'assolutezza della spazialit 4. Analisi della spazialitnell'opera d'arte (Lezioni tenute nel 1923/1924 agli Ateliers superiori dell'arte e della tecnica di Mosca). Il volume costituito da due tomi rilegati a mano. Il primo contiene i testi sullo spazio; il secondo presenta le immagini dei dipinti e delle xilografie che segnano la linea visiva del potente pensiero contrappuntistico di Florenskij.

Cuore di terra. Emersioni:...

Gaffi Editore in Roma

Disponibile in libreria in 5 giorni

10,00 €
Con il tema minerario forse i moderni hanno trovato un legame con la grande tradizione antica del viaggio agli inferi, e come Enea, come Dante, come Orfeo, hanno sfidato il sotterraneo regno dei morti popolandolo più laicamente di uomini, piccoli o grandi eroi, carnefici e vittime, protagonisti di un mondo che è realmente esistito e che ha dato origine a storie straordinarie. Se la miniera è uno degli archetipi della narrazione antica e moderna, è per la sua capacità di sintetizzare gli opposti, di racchiudere in sé, per poi lasciarle esplodere nelle menti e nei discorsi umani, le metafore attraverso cui gli uomini esorcizzano da millenni la realtà. L'insieme, la vita e la morte, il buio e la luce, la gioia e il dolore, ricchezza e miseria, coraggio e paura, inferno e progresso, oppressione e riscatto, sporco e pulito, folla e solitudine. La letteratura sulla miniera gioca un ruolo fondamentale in quasi tutti i racconti raccolti in questo libro - tutti vincolati al tema minerario e quindi in qualche modo stimolati, suscitati da esso - a partire da Cencio di Raffaello Spagnoli, che offre una sintesi efficace di tutti i topoi del romanzo otto-novecentesco sulla miniera. C'è l'incidente, il crollo che tutto seppellisce e distrugge, e poi i soccorsi, la gara solidale verso la salvezza dei compagni. Poi, ancora, il riscatto, la lotta per il miglioramento sociale e economico, perfino la vendetta o la sconfitta.