Paleografia e storia della scrittura

Filtri attivi

Il copista come autore

Canfora Luciano
Sellerio Editore Palermo 2019

Disponibile in 3 giorni

12,00 €
Questo del filologo e storico (ed elegante scrittore) Luciano Canfora è un libro sui libri che stimola la riflessione: quali, quanti e in che modo si sono «conservati» i testi degli scrittori antichi? E che cosa è in realtà un «originale» e che significa dire che esso sia «esistito»? In questa nuova edizione Canfora ha aggiunto un capitolo: «L'inesausta ricerca di testi antichi suscita da sempre la tentazione di creare ciò che è andato perduto, e che vorremmo resuscitare. Anche in questo campo l'attività di copia è lo strumento. Perciò nel riproporre queste pagine, abbiamo ritenuto necessario aggiungere un nuovo capitolo: Il falsario come autore. E abbiamo scelto di parlare di uno di loro: grandissimo e temutissimo».

Scriptorum antiquorum tituli. Vol....

Canali De Rossi Filippo
Scienze e Lettere 2019

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
La serie denominata Scriptorum Antiquorum Tituli si propone di indagare i rapporti sussistenti fra epigrafia e letteratura, raccogliendo le iscrizioni che menzionano autori della letteratura antica (in primo luogo di coloro di cui ci siano tramandate le opere o testimonianze circa l'attività letteraria, in secondo luogo anche degli autori attestati esclusivamente dalle stesse iscrizioni) inserendole in un contesto biografico che non si dovrà ritenere esaustivo ma preliminare. L'opera è rivolta tanto ai cultori della epigrafia, raccogliendo ed indicizzando una quantità di materiale epigrafico di varia provenienza e pubblicazione, quanto agli studiosi della letteratura greca e latina, e in particolare ai docenti di ogni ordine e grado, sia italiani che stranieri (per questo l'opera è stata concepita ed intrapresa in lingua latina), al fine di permettere un facile accesso a quelle testimonianze che spesso risultano decisive nella ricostruzione del profilo biografico degli autori. In questo primo fascicolo l'autore, Filippo Canali De Rossi, che si è laureato nel 1987 in Epigrafia Greca ed è dottore di ricerca in Storia antica dal 1992 con una esperienza internazionale di ricerca ed un ruolo più che decennale nell'insegnamento liceale di letteratura latina e greca, offre un primo saggio di elaborazione della materia attraverso la raccolta delle testimonianze epigrafiche ma anche biografiche relative a poeti dell'epica ed ai filosofi greci. In successivi fascicoli saranno addotti materiali relativi ad autori, tanto greci che latini, di altri generi letterari.

Incunaboli a Ragusa

Viella 2019

Disponibile in 3 giorni

40,00 €
Questo volume contiene la descrizione di 73 incunaboli conservati in biblioteche pubbliche o aperte al pubblico e in una privata dei comuni di Ispica, Modica, Ragusa e Scicli, molti dei quali - non compresi nello Incunabula Short Title Catalogue - erano ignoti ai ricercatori. Come già per i volumi dedicati agli incunaboli di Siracusa (2015) e alla provincia di Catania (2018), gli esemplari sono descritti con particolare attenzione a tutti i dettagli che accompagnano il testo stampato e ne fanno dei testimoni unici dell'uso, della circolazione e del commercio del libro antico. Una serie di immagini accompagna la registrazione dei nomi degli individui e delle istituzioni, soprattutto religiose, che hanno posseduto nel tempo gli esemplari, di ciascuno dei quali si precisa con grande accuratezza lo stato di conservazione.

Inscriptiones Segestanae. Le...

Ampolo Carmine
Scuola Normale Superiore 2019

Disponibile in 3 giorni

35,00 €
Il volume offre l'edizione critica delle iscrizioni greche e latine dell'antica Segesta, considerate nel loro contesto storico e archeologico, commentate, tradotte e illustrate. Comprende 54 epigrafi inedite ed edite e un'appendice di 6 testi epigrafici che riguardano Segesta e la sua storia. Varie sono frutto degli scavi della Scuola Normale nell'area dell'agora; tutte insieme consentono di conoscere in modo nuovo la città ellenistica e romana, la sua storia, le istituzioni, l'urbanistica e, soprattutto, gli antichi Segestani, offrendo anche un contributo alla conoscenza della Sicilia antica e non solo. Di notevole rilievo è il gruppo di iscrizioni riguardanti i lavori pubblici eseguiti nella città, che integrano le realtà monumentali emerse dagli scavi. Tali lavori - teatro, agora e suoi edifici, piazze e strade - avevano coinvolto una ristretta élite cittadina, che si autorappresentava anche con epigrafi onorarie e statue. Nei nuovi testi compare un Onasus, personaggio eminente già noto da Cicerone, o un suo familiare omonimo.

Scrittura nuragica? Storia,...

Masia Francesco
Condaghes 2018

Disponibile in 3 giorni

14,00 €
Da quattro anni è stata comunicata la datazione alla termoluminescenza della navicella di Teti, nuragica e con dodici segni alfabetici (tra i quali il pugnaletto "sardo" a elsa gammata) incisi tra IX e VIII secolo a.C. Per illuminarne l'importanza, l'autore, semplice cultore della materia, ha avvertito necessario proporre questo saggio, preoccupandosi di presentarlo ai lettori con l'avallo di una voce dell'archeologia (grazie alla dottoressa Caterina Bittichesu). Sono ricapitolati gli elementi in favore di un uso della scrittura in Sardegna sin dal nuragico e le resistenze alla considerazione dei reperti proposti, quando estendere le indagini scientifiche potrebbe portare a titoli senza punti interrogativi. Si guarda soprattutto ai reperti con scrittura alfabetica, limitandosi a considerarla indecifrata come altre coeve nel Mediterraneo (alle quali sembra ormai comparabile anche per l'estensione del corpus). Seguono considerazioni e domande rivolte, con il conforto dell'antropologo Fiorenzo Caterini, in particolare ai nostri intellettuali. "Scrittura nuragica?" Andiamo a vedere.

Parlare la medicina: fra lingue e...

Reggiani N.
Le Monnier Università 2018

Disponibile in 3 giorni

48,00 €
Il volume raccoglie le comunicazioni presentate all'omonimo convegno internazionale tenuto a Parma nel Settembre 2016 nell'ambito del Progetto ERC DIGMEDTEXT, coordinato da Isabella Andorlini e finalizzato alla creazione di un corpus digitale dei papiri greci di soggetto medico. Nel solco di un interesse anche linguistico-lessicale e storico per la documentazione papiracea sulla medicina greco-romana e sulla sua trasmissione e ricezione in Egitto, viene qui offerta una panoramica variegata, diacronica e interdisciplinare - ma si potrebbe dire interculturale - sul rapporto fra medicina e istanze linguistiche - le problematiche traduttive, lo sviluppo della microlingua tecnica, le questioni comunicative, le contestualizzazioni nella pratica e nella documentazione scritta, la molteplicità delle narrazioni letterarie - tra passato e futuro, a evidenziare quel fil rouge che rende così vive alla nostra sensibilità contemporanea fonti di conoscenza più o meno antiche, ma sempre nuove e attuali.

Corpus dei papiri filosofici greci...

Olschki 2018

Disponibile in 3 giorni

280,00 €
A conclusione della Parte II.2 e II.3 del Corpus dei Papiri Filosofici Greci e Latini (vol. II.2: Sentenze di autori noti e chreiai [2015]; II.3: Gnomica [2017]) viene ora pubblicato il corrispondente volume di Tavole dei papiri ivi pubblicati. Esso costituisce anche un pregevole specimen paleografico con una parte di testo che fornisce tutti i dati utili per il lettore, dagli indici, le sedi di conservazione, alla distribuzione cronologica dei reperti.

Augusto e la «res publica»...

Licandro Orazio
Giappichelli 2018

Disponibile in 3 giorni

30,00 €
In un'Europa segnata dall'avvento dei fascismi e del nazismo e drammaticamente precipitata nella seconda guerra mondiale, la storiografia contemporanea ha costruito una visione di Augusto e della genesi del principato tanto solida quanto preconcetta e infondata. I saggi raccolti in questo volume forniscono invece una ricostruzione assai diversa, avvalorata soprattutto dai numerosi documenti epigrafici e papirologici di recente rinvenimento. Questi, grazie anche a un serio riesame delle fonti di tradizione manoscritta, contribuiscono alla demolizione dei più radicati luoghi comuni sulle vicende politiche dopo le Idi di marzo del 44 a.C., la persona di Augusto e la sua posizione istituzionale. Ma non solo. La documentazione complessiva mette anche in luce il profondo rapporto tra il princeps e uno dei protagonisti di quella infuocata e tragica fase della storia costituzionale di Roma, Marco Tullio Cicerone, tanto da poter definire il primo come il vero erede politico del secondo e autore di una nuova forma rei publicae in verità delineata nei celeberrimi trattati ciceroniani.

La lingua dell'antico Egitto

Ciampini Emanuele M.
Hoepli 2018

Disponibile in libreria  
ARCHEOLOGIA

34,90 €
Legata alla cultura faraonica e sua espressione diretta, la lingua egiziana classica costituì per secoli un modello ideale di comunicazione: una lingua nata dal parlato, poi cristallizzatasi come parte integrante della cultura del testo scritto. L'egiziano classico fu usato dall'amministrazione, ma espresse anche una vasta produzione letteraria che si fece segno distintivo dell'Egitto faraonico. Fortemente connessa alla scrittura geroglifica, questa lingua seppe farsi espressione di identità culturale, prima ancora che nazionale, e la sua riscoperta ha quindi aperto le porte di un mondo antico, affascinante, ma certo non staccato dalla realtà storica. Questo volume si muove nella documentazione antica seguendo un percorso che è soprattutto culturale, e non solo grammaticale, per fornire ampie prospettive a chi si accosti allo studio dell'antica lingua dei faraoni. L'inquadramento storico-culturale è la premessa alla trattazione grammaticale, mentre la crestomazia mette a disposizione del lettore documenti di varia natura ed epoca, compresa una scelta di materiali tardi con fenomeni di 'crittografia'. L'apparato didattico comprende una serie di supporti (esercizi con relative soluzioni, lista dei segni, glossario egiziano-italiano) che consentono di acquisire una progressiva familiarità con la lingua e la scrittura.

Il Lazzaretto Nuovo di Venezia. Le...

Malagnini Francesca
Cesati 2017

Disponibile in 3 giorni

25,00 €
Il volume contiene per intero II corpus delle scritture parietali, per lo più frammentarie, cinque-secentesche (a cui se ne aggiunge una del 1855) del Tezon Grando, sito nell'isola del Lazzaretto Nuovo, nella laguna Nord, adibita dalla Repubblica di San Marco alla disinfezione delle merci e alla quarantena degli equipaggi che giungevano a Venezia. L'isola infatti era impiegata non solo per la contumacia di uomini e merci e per lo stoccaggio di queste ultime, ma funzionava come lazzaretto durante le pestilenze. Il volume, arricchito da un ampio corredo fotografico, riproduce e descrive scritture, disegni, marchi mercantili, monogrammi che i facchini (i bastazi), o altri che lavoravano o alloggiavano temporaneamente nel Lazzaretto, eseguivano per lavoro, per diporto o per lasciare una testimonianza del loro passaggio. Si tratta di scritture semicolte, che testimoniano l'affiorare dell'italiano, unito a tratti di italiano regionale e dialettale, veneziano e bresciano della Val Sabbia, uno dei luoghi di provenienza dei facchini. L'edizione, organizzata in schede che contengono la trascrizione diplomatica, l'interpretativa, e il commento, è completata da sezioni che informano sulla grafia e il ductus, da indici onomastici e toponomastici, da un glossario commentato. Le pareti del Tezon, ricoperte per secoli da strati di calce impiegata per la disinfezione, hanno restituito ai nostri occhi frammenti di una lunga attività. Un'introduzione dedicata alla peste, due appendici che riportano i principali fatti veneziani coevi e l'indicazione puntuale delle datazioni delle scritture completano il volume.

Corpus dei papiri filosofici greci...

Olschki 2017

Disponibile in 3 giorni

120,00 €
Con l'uscita di questo volume viene completata la parte del Corpus relativa alla letteratura di tipo sentenzioso (vd. CPF II.2: Sentenze di autori noti e «chreiai», 2015). Tutti i testi qui pubblicati sono nuove edizioni, ampiamente commentate, degli gnomologi e delle antologie gnomiche; a questa tipologia di testi si aggiungono sentenze singole, trasmesse da prodotti di tipo scolastico. Se ne ricava un quadro generale degli autori che, nell'ambito di tematiche morali, venivano letti nell'antichità per formazione sia culturale sia professionale, soprattutto retorica.

Antico regno. «Sua maestà fece che...

Chioffi Marco
La Mandragora Editrice 2017

Disponibile in 3 giorni

28,00 €
Con il volume "Sua Maestà fece che si onorasse Abutiu", Marco Chioffi e Giuliana Rigamonti propongono nove testi dell'Antico Regno che trattano argomenti alquanto diversi fra loro. Di particolare interesse è il testo relativo alla sepoltura di Abutiu, il levriero che proteggeva il sovrano oppure quello dell'incidente occorso al nobile Raur, colpito dallo scettro-ames del re durante lo svolgimento di una cerimonia. Di carattere prettamente storico sono le "Guerre di Sahura" e le iscrizioni che accompagnano i bassorilievi che rappresentano le scene, testimonianze fra le più significative e chiarificatrici, del trasporto fluviale delle colonne del complesso funerario di Unis, a Saqqara.

Sicuterat. Il latino di chi non lo...

Beccaria Gian Luigi
Garzanti Libri 2017

Disponibile in 3 giorni

12,00 €
Oggi abbiamo quasi dimenticato il significato originario di espressioni come "capire l'antifona", "in camera caritatis", "refugium peccatorum", "avvocato del diavolo", "bacucco" o "repulisti". In tutta l'era cristiana la pratica religiosa ha intriso con i propri lasciti il linguaggio quotidiano: esclamazioni, intercalari, proverbi, massime, metafore, similitudini. "Sicuterat" è un vero e proprio catalogo ragionato alla ricerca di questo passato da disseppellire, in cui Beccaria si addentra passeggiando tra le parole che hanno accompagnato i discorsi dei nostri padri.

Scriver veloce. Sistemi...

Tedesco A.
Olschki 2016

Disponibile in 3 giorni

29,00 €
Il volume ospita quindici contributi interdisciplinari - relativi all'omonimo convegno (Rovereto, 22-24 maggio 2014), organizzato dall'Accademia Roveretana degli Agiati di Rovereto - che ripercorrono l'uso delle scritture veloci e abbreviate nell'arco di due millenni: i sistemi abbreviativi nell'antichità e nel medioevo, le reporationes e la stampa delle origini, le scritture crittografiche, stenografiche, tachigrafiche e calligrafiche e i fenomeni odierni della scrittura sul Web e dei graffiti murali dei writers.

Nell'officina dei classici. Come...

Dorandi Tiziano
Carocci 2016

Disponibile in 3 giorni

11,50 €
Lo studio delle pratiche compositive di un'opera letteraria e del metodo di lavoro degli autori antichi costituisce un dominio di ricerca affascinante e misterioso. Ci possiamo chiedere come gli autori dell'antichità greca e latina utilizzavano foglietti di papiro o di pergamena o tavolette per prendere appunti o per redigere i brogliacci delle loro opere; come raccoglievano i loro estratti durante le fasi preliminari della composizione; se scrivevano le proprie opere di loro mano oppure le dettavano a un segretario. Molti autori antichi avevano in comune la pratica di riservare una parte almeno della loro produzione letteraria a una circolazione limitata, pratica che li portava a rinunciare a pubblicare i loro scritti, nel senso che intendiamo oggi. Era comunque in vista di una pubblicazione, cioè di una diffusione riservata a un pubblico più vasto, che gli autori antichi componevano le loro opere. Muovendo da questi e altri aspetti il volume intende ricostruire le avvincenti fasi della redazione di un testo nell'antichità.

Papiri dell'Università di Genova....

Perrone S.
Storia e Letteratura 2015

Disponibile in 3 giorni

34,00 €
Il volume raccoglie l'edizione di quaranta frammenti dei papiri dell'Università di Genova (PUG), una piccola collezione formatasi attraverso acquisti sul mercato antiquario negli anni Cinquanta del secolo scorso. I papiri greci e copti qui presentati sono per la maggior parte del tutto inediti. Con l'eccezione di un testo letterario, un frammento neotestamentario dall'Epistula Jacobi (PUG V 186), si tratta di papiri documentari, databili dall'età romana all'età araba e di provenienza per lo più ignota.

L'alfabeto ogham nell'antica...

Garuti Fabio
Anguana Edizioni 2015

Disponibile in 3 giorni

10,00 €
Continuando il discorso intrapreso con il testo "Sardegna, pagine di archeologia negata", questo libro analizza il resoconto di ricerche effettuate nei più disparati campi della conoscenza storico-archeologica della magnifica isola. Alfabeti, scrittura, aspetti di vita e di cultura enogastronomica, bevande alcoliche, strade e vie di comunicazione, rapporti con terre lontane e altro ancora, sempre e solo sulla base di riscontri obiettivi, verificabili da chiunque. Un viaggio incredibile, a tratti spettacolare, in una realtà del tutto sconosciuta, ignorata quasi completamente dall'archeologia ufficiale, che appassionerà Lettrici e Lettori con la medesima intensità con cui ha appassionato anche l'autore, con, alla fine, la sempre più indubitabile convinzione che quella sarda antica sia stata davvero una civiltà straordinaria, migliaia di anni prima dello sviluppo di Roma, e i cui lasciti caratterizzano ancora oggi la nostra quotidianità, le nostre abitudini, il nostro modo di scrivere e di parlare.

Oralità e scrittura. Le tecnologie...

Ong Walter J.
Il Mulino 2014

Disponibile in 3 giorni

22,00 €
Nelle culture orali il pensiero e l'espressione richiedono strutture e forme di organizzazione estranee alle culture alfabetizzate. È stata l'introduzione della scrittura a trasformare lo stile cognitivo e la coscienza degli uomini, producendo nuovi modelli di pensiero che hanno reso possibile l'enorme sviluppo della cultura. Punti di svolta altrettanto decisivi sono stati l'invenzione della stampa e la diffusione del computer. Impostosi come un classico negli studi sul tema, il libro ricostruisce le tappe e i profondi mutamenti che hanno scandito questo lungo e affascinante cammino. John Hartley ci illumina sullo stato delle conoscenze prima e dopo la proposta interpretativa di Ong.

Carta e penna. Piccolo glossario di...

Ricci Adelaide
Viella 2014

Disponibile in 3 giorni

16,00 €
Che cos'è un palinsesto? Quando si definisce maiuscola una scrittura? Lo studente e il lettore curioso troveranno qui risposte a questi ed altri quesiti tecnici. Il volume si propone infatti come raccolta ragionata di termini e locuzioni della paleografia latina e di alcune discipline connesse, in particolare la codicologia. Ogni voce è articolata in concise e chiare spiegazioni, talvolta con brevi digressioni sulla storia del lemma, e segnala - ove necessari - rimandi ad altre voci ed approfondimenti. Di facile consultazione, la raccolta nasce dall'esigenza di disporre di un agile strumento di supporto allo studio della paleografia latina.

I germani. Genesi di una cultura...

Battaglia Marco
Carocci 2013

Disponibile in 3 giorni

33,00 €
Il termine "germani" definisce un insieme magmatico di comunità di migranti e agglomerati di etnie legate da una medesima facies linguistica e da una matrice ideologica condivisa e accomunate dall'impatto con il mondo romano e dalla successiva cristianizzazione. La nascita degli antichi germani, la loro società, la religione e i miti di origine, il diritto e la scrittura runica sono oggetto nel libro di un'analisi approfondita, con il contributo sia dell'archeologia sia della storia delle relazioni con celti e romani. Particolare attenzione è rivolta alla formazione dei regni romano-germanici alto medioevali e al lungo processo di evangelizzazione; quest'ultimo, culminato con la conversione e con l'adozione della scrittura alfabetica e del codice manoscritto, si rivelò il vero anticipatore di una rivoluzione culturale di origine monastica che avviò la nascita delle letterature medioevali in volgare, antagoniste dell'egemonia del latino.

Il carattere della parola. Dai...

Benzoni Claudio
Benzoni 2013

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
Un lungo viaggio attraverso i vari periodi della storia e le civiltà per raccontare le metamorfosi della scrittura, nelle modalità di rappresentazione: dalla sua invenzione all'evoluzione dei mezzi di comunicazione, sino ai pionieri dell'era digitale. Un'avventura meravigliosa che ha trasformato il modo di trasmettere il pensiero e aperto la strada a un grande sviluppo culturale. Il libro tratta i passaggi nodali e i personaggi più influenti che nel passato e nella contemporaneità hanno determinato o accompagnato fondamentali cambiamenti della comunicazione scritta. Un viaggio avvincente lungo uno dei percorsi della storia creativa dell'uomo, tra i più antichi e insieme attuali, capace ogni volta di emergere, fiero e suggestivo, tra le pieghe delle tante invenzioni che si rinnovano nei secoli.

I classici dal papiro a internet

Stok Fabio
Carocci 2012

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
I classici greci e latini hanno percorso un lungo viaggio, attraverso i diversi supporti scrittori utilizzati nel tempo: dai rotoli di papiro ai codici di pergamena, dai libri a stampa alle biblioteche digitali. Nel corso dei secoli, copisti, filologi e lettori si sono impegnati in un'incessante opera di riproduzione, selezione e adattamento dei testi antichi alle proprie esigenze. Questo lavoro di trasmissione ha comportato perdite e dispersioni, ma ha anche dato un contributo essenziale alla cultura europea, alimentando il pensiero, la scienza, la letteratura, le arti. Nel volume sono ripercorse le vicende della tradizione classica nella storia occidentale, in una prospettiva che colloca la trasmissione dei testi, e la storia dei supporti materiali che l'hanno resa possibile, nel più ampio quadro della ricezione degli autori classici, dalla tarda Antichità alla Querelle des anciens et des modernes, fino all'epocale trasformazione avviata da Internet.

Quaderno rosso

QuiEdit 2012

Disponibile in 3 giorni

18,50 €
Le lingue sono nate orali e sono tramandate oralmente. Da Omero a Socrate, fino agli attuali abitanti di Takéo, provincia della Cambogia ove tuttora si comunica in modo essenzialmente orale, la voce umana è stato il mezzo primario di comunicazione e di acquisizione linguistica. Miliardi di esseri umani hanno vissuto e vivono la propria esistenza senza leggere né scrivere, certamente per tutti millenni precedenti l'introduzione della scolarizzazione pubblica (e in passato anche la maggioranza dei re, delle regine e dei grandi imperatori non sapeva tenere in mano un papiro o una penna). Gli scritti possono essere ignorati, ma il parlato, come un ruggito di leone nella savana, stimola una reazione immediata, quasi inevitabile, non può e non viene mai ignorato . Socrate - nel Fedro di Platone - insegnava che "la scrittura è disumana", e ne scoraggiava l'uso considerandola simile a un virus che attacca e distrugge la memoria umana, estinguendone la necessità.

La scrittura greca dall'antichità...

Crisci E.
Carocci 2011

Disponibile in 3 giorni

36,00 €
Il volume offre una esposizione complessiva e aggiornata della storia della scrittura greca per i corsi universitari di Paleografia greca fornendo un quadro dei metodi dell'indagine paleografica, nonché delle forme e dello svolgimento della scrittura greca, dall'antichità all'epoca della stampa. Il libro è anche utile a quanti, interessati allo studio della civiltà antica e medievale, intendono farsi un'idea della cultura scritta in età ellenistico-romana e bizantina, nel quadro complesso e articolato delle vicende culturali e storiche che ne scandiscono le fasi. La mancanza di modelli aggiornati e lo stato ancora problematico di molte questioni relative ad aspetti importanti della storia della scrittura greca, fanno del libro risultato del lavoro coordinato di un gruppo di studiosi con competenze specifiche sui diversi argomenti - oltre che un tentativo di trattazione complessiva della materia, anche uno stimolo alla riflessione sui modelli di sistemazione e di esposizione di una disciplina complessa e dalle prospettive ancora feconde di approfondimenti e sviluppi. Completa il testo un ampio capitolo su materiali e tecniche di confezione del libro manoscritto greco.

Il dio arcaico e la scrittura. Un...

Belmonte Angela
Masso delle Fate 2010

Disponibile in 3 giorni

90,00 €
L'autrice espone nel lavoro i risultati di un'indagine, iniziata nel 1999, che ha evidenziato le relazioni tra le elaborazioni grafiche definite "arte" e i caratteri di scritture antiche. Col contributo delle scritture sumerico-accadica, egiziana, cinese e altre è possibile comprendere i significati della produzione grafica realizzata nelle fasi successive alla fine del periodo paleolitico. Ha così individuato un sistema simbolico, ideogrammatico di segni, di carattere sacro, che precede di millenni la comparsa della scrittura, diffuso nei repertori iconografici (e sui più diversi supporti) delle varie culture asiatiche, europee, africane, preispaniche. Oltre ai segni, all'interno del sistema simbolico vi è la raffigurazione di un'entità sacra, il dio arcaico, che suggerisce l'ipotesi di credenze monoteistiche già in una fase di proto-agricoltura e attesta un'espressione religiosa unitaria e condivisa dalle varie e differenziate culture.

I segni dell'inganno. Semiotica...

Marrone Caterina
Stampa Alternativa 2010

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
L'affascinante storia delle scritture segrete, dalle antiche storie tramandate da Erodoto e Plutarco al Cilindro di Thomas Jefferson e ad Alan Turing e la macchina Enigma. I codici cifrati rinascimentali, Leon Battista Alberti, Leonardo da Vinci e Athanasi

Iscrizioni medievali nel territorio...

Salvi Antonio
Capponi Editore 2010

Disponibile in 3 giorni

35,00 €
Questo lavoro, frutto dell'impegno di uno studioso attento quale è padre Antonio Salvi, oltre a rappresentare la naturale prosecuzione del suo precedente libro (Iscrizioni medievali di Ascoli, 1999), porta con sé un valore culturale enorme in quanto raccoglie le iscrizioni medievali presenti nell'intero territorio ascolano, come si configurava nel Medioevo ed entro un limite cronologico stabilito convenzionalmente con il 1510.

Antologia della letteratura egizia...

Chioffi Marco E.
Ananke 2009

Disponibile in 3 giorni

29,50 €
"Il racconto del Naufrago" - con la descrizione dell'isola felice in cui regna il grande Serpente, Signore della Terra di Punt - agli occhi di chi abbia conoscenza dell'antico Oriente, s'illumina di riferimenti che paiono esulare dalla mappa mentale del mondo egizio. L'idea di un'isola felice, nell'ottica autoreferenziale di quella società, è anomala: l'Egitto è di per sé la terra felice per volontà divina, perché immaginarne un'altra al di fuori? Invero, a partire al più tardi dal terzo millennio a.C, la civiltà mesopotamica aveva elaborato un mito del "paradiso terrestre" eleggendo la sacra isola di Dilmun a sede di un grande dio, e magnificando bellezza e ricchezza di quella terra in monumentali composizioni letterarie, con accenti di pari meraviglia e devozione. Una coincidenza? "La biografia di Amenemhat" narra invece di un'impresa concreta, la fortunata spedizione che al di là dei confini del mondo, da oltre la Nubia, il "miserabile paese di Kush", avrebbe riportato al re un cospicuo carico d'oro e di merci pregiate: in questo caso, una spedizione fluviale non meno pericolosa di quelle marinare.

Gli indoeuropei e le origini...

Villar Francisco
Il Mulino 2008

Disponibile in libreria  
STORIA ANTICA

16,00 €
Il libro ha un impianto molto semplice. La prima parte espone il tema: chi sono, quando vissero e dove abitarono originariamente gli Indoeuropei; che cos'era l'Europa prima di loro; quando sono arrivati in Europa. La seconda parte espone tutto quanto allo stato si può dire di loro: che tipo di società era, com'era la religione, la famiglia, la società, l'economia, l'arte, i nomi, i numeri, la razza. La terza parte è dedicata per intero alla lingua; la quarta fornisce una breve descrizione della ventina di popoli la cui lingua è riconducibile alla comune radice indoeuropea. L'ultima parte affronta il problema dei rapporti di parentela tra le lingue indoeuropee.

Il papiro di Artemidoro

Canfora Luciano
Laterza 2008

Disponibile in 3 giorni

28,00 €
Tutto comincia quando un mercante armeno propone all'Università di Milano di esaminare un papiro di circa 2,5 metri alto 32,5 centimetri. Il documento contiene, oltre a cinque colonne di un testo greco, sul lato recto una mappa geografica, ritratti di volti e disegni di varie parti del corpo umano; sul verso una quarantina di figure animali. Il reperto sarebbe stato rinvenuto dal mercante in una mummia, con altri frammenti di papiro di epoca neroniana. Il reperto è datato alla metà del I secolo d.C. e il testo è identificato come parte della perduta Geografia di Artemidoro di Efeso. Acquistato da una Fondazione, il papiro diventa il cuore di una grande mostra allestita a Torino nel 2006 e l'improvvisa apparizione del papiro suscita clamore nell'ambiente degli studiosi di testi antichi e degli storici dell'arte. Peccato, sostiene Luciano Canfora, che si tratti di un clamoroso falso. Troppe informazioni non combaciano nella teoria delle "tre vite del papiro di Artemidoro" elaborata dagli studiosi: il testo appare di epoca più tarda rispetto alle datazioni ufficiali e l'intero reperto riporta grossolani errori sintattici e di contenuto. Dinanzi a quale prodotto ci troviamo? Uno spezzone di un'opera perduta che riutilizza giustappunto quel poco che già se ne conosceva? O è la creazione di un geniale inventore moderno? Il principale indiziato è Constantinos Simonides, greco di nascita e appassionato di pittura non meno che di geografia antica, falsario di fama nell'Europa ottocentesca.

Breve storia della scrittura e del...

Carocci 2004

Disponibile in 3 giorni  
MANUALI LINGUISTICA

12,00 €
È sempre più diffusa la consapevolezza che la storia letteraria comprende, come momento irrinunciabile, lo studio della trasmissione dei testi. Sono perciò indispensabili, a chiunque si accosti al testo letterario o documentario, le nozioni elementari di storia della scrittura, storia del libro e critica del testo. Questa guida descrive le forme del libro manoscritto, dall'antico "volumen" al codice umanistico; quelle del libro a stampa, dai primi gloriosi esperimenti quattrocenteschi ai giorni nostri; illustra l'evoluzione della nostra scrittura dalle origini alle tipizzazioni medievali e umanistiche; offre, infine, una sintesi dei problemi relativi all'edizione critica dei testi.

Lezioni di paleografia

Battelli Giulio
Libreria Editrice Vaticana 2002

Disponibile in 3 giorni

20,00 €
Manuale sulla paleografia libraria con citazioni su quella documentaria (soprattutto diplomatica) a partire dai tempi antichi sino ai primi libri stampati.

La scrittura. Un viaggio attraverso...

Gaur Albertine
Dedalo 1997

Disponibile in 3 giorni

21,00 €
L'autrice intende affrontare il problema di come culture diverse abbiano risolto l'esigenza primaria di raccogliere, memorizzare e trasmettere le informazioni attraverso 20000 anni di storia. Come la lingua, anche i sistemi di scrittura si sono evoluti, adattati ed estinti. Questo libro descrive le trasformazioni del discorso e delle idee nel loro passaggio ad una forma visibile (pittografica, sillabica o alfabetica), attraverso riferimenti cronologici e geografici. Il testo è accompagnato da 125 illustrazioni, provenienti dalle collezioni della British Library e del British Museum, e da dodici pagine di tavole che riproducono le varie forme di scrittura.

I geroglifici. Testo greco a fronte

Orapollo
BUR Biblioteca Univ. Rizzoli 1996

Disponibile in 3 giorni

8,25 € 11,00 € -25%
Gli Hieroglyphica di Orapollo costituiscono l'unica trattazione sistematica sui geroglifici egiziani che ci sia mai stata tramandata. E' attraverso questo testo che si è determinato il mito dell'Egitto e della sua misteriosa scrittura nella cultura e europea. Storicamente ritenuta una composizione antichissima capace di rivelare i più nascosti significati morali e religiosi, l'opera conobbe una immensa popolarità nei secoli. E' questa la prima traduzione italiana di un testo raro ma molto citato.

L'ape latina

Fumagalli Giuseppe
Hoepli 1987

Disponibile in 3 giorni

21,90 €

Edizioni di papiri medici greci

Andorlini Isabella
Mondadori Università

Non disponibile

19,00 €
Il volume raccoglie le edizioni critiche, riedizioni e riconsiderazioni di trenta testi medici greci su papiro, curate da Isabella Andorlini nell'arco di più di trent'anni di ricerca. Frustoli o documenti completi, restituiti alla nostra conoscenza dalle sabbie dell'Egitto e dall'acribia storico-filologica della curatrice, ci offrono in 'presa diretta' scorci della scienza medica d'età ellenistica e romana: prescrizioni di medicamenti, ricettari, trattati e manuali terapeutici, perfino frammenti di scritti ippocratici, ci aprono scorci su prodotti medicinali, malattie e cure, aspetti diversi della teoria e della prassi dei dottori antichi, contestualizzati e approfonditi negli ampi commenti, a variegata testimonianza di un patrimonio culturale e scientifico sempre vivo e attuale.

Manuale di epigrafia latina

Buonopane Alfredo
Carocci

Non disponibile

35,00 €
Questa nuova edizione contiene numerosi aggiornamenti e ampliamenti, per lo più suggeriti da quanti nel corso di questi anni hanno impiegato questo libro sia come testo per i corsi universitari sia come opera di consultazione. Oltre ad avere migliorato l'apparato iconografico, con l'inserimento di nuove illustrazioni, in tutte le didascalie, al testo in latino delle epigrafi, si è affiancata la traduzione; si sono poi ampliati le sezioni riguardanti le iscrizioni false, l'instrumentum inscriptum, i sussidi informatici per lo studio dell'epigrafia. La bibliografia è stata integrata e aggiornata, mentre fra le appendici si è aggiunto l'elenco dei consoli, in ordine alfabetico e cronologico, dal 509 a.C. al 423 d.C.

Ricordo di Vittorio Bartoletti a...

Acc. Fiorentina Papirologia 2019

Non disponibile

25,00 €
Raccolta delle relazioni presentate nel corso della Giornata di Studio su Vittorio Bartoletti, papirologo e direttore dell'Istituto Papirologico «G. Vitelli» di Firenze tra il 1962 al 1967.

Frammenti di un discorso storico....

Fondazione CISAM 2019

Non disponibile

90,00 €
Il frammento in genere è per sua stessa natura parte di un tutto o trae valore dal suo essere irriducibilmente singolo e singolare? Questa è la domanda che si è posto un gruppo di ricercatori impegnati nello studio della storia del libro e della scrittura medievale latina e greca e appartenenti a varie università italiane - Firenze, Siena, Padova, Pavia, Bologna, Cassino - consorziate in un progetto di interesse nazionale, denominato Bibliotheca Italica Manuscripta (BIM). La domanda è stata rivolta a specialisti di diverse discipline in un incontro che si è tenuto a Siena nel dicembre del 2015. L'invito è stato accolto da semiotici, archeologi, papirologi, studiosi del libro e della scrittura del mondo ebraico o dei vari territori del Medioriente islamico, musicologi, epigrafisti, storici del diritto, informatici, oltre che alcuni colleghi paleografi e codicologi italiani e stranieri, operanti presso università e enti di ricerca o presso alcune delle maggiori biblioteche europee. L'interesse del tema trattato ha coinvolto in seguito anche altri ricercatori europei e dal contributo di tutti è nato questa miscellanea di studi.

Le epigrafi della Valle di Comino....

F & C Edizioni 2019

Non disponibile

25,00 €
Il volume raccoglie gli studi di illustri epigrafisti, presentati in occasione del quindicesimo convegno epigrafico.

Antinoupolis. Vol. 3/1-2: Scavi e...

Firenze University Press 2019

Non disponibile

89,90 €
Molti dei saggi presenti nel primo tomo di questo terzo volume dedicato agli scavi di Antinoupolis erano già pronti da anni, e sarebbero stati destinati già al volume Antinoupolis II, se il timore di presentare un prodotto librario troppo grande non ci avesse allora trattenuti e obbligati a scelte dilatorie. Ci riferiamo in particolare ai contributi di J. Marchand e D. Pieri che ricostruiscono la tipologia di un'anfora tanto comune e diffusa quale la LRA 7, a quelli di M.C. Guidotti e F. Silvano sui tessuti, la ceramica, e una coppa di vetro dipinto, o di P. Castelluci sui frammenti sporadici delle pietre ornamentali, principalmente recuperati dalla basilica D2, nella zona sud della città, e di M. Borrini e P.P. Mariani, dove l'archeologia e l'antropologia forense contribuiscono all'identificazione dei resti dello scheletro dell'ormai celebre Teodosia, la cui sepoltura era stata individuata ed esaminata fin dal 1936 e poi finalmente riesumata nel febbraio 2012, così come l'edizione di un nuovo cospicuo gruppo di iscrizioni funerarie greche, alle quali non aveva fatto mancare la sua acribia il compianto G. Nachtergael. A queste necessarie posticipazioni questa volta abbiamo posto rimedio articolando il volume in due tomi, nel primo dei quali han trovato posto lo studio e l'edizione dei materiali classicamente archeologici, come ceramica, mortai litici, vetri, tessuti, terrecotte, scene dipinte, lasciando al secondo torno lo spazio per accogliere l'edizione, quasi sempre principe, di testi su supporti mobili quali papiri, ostraca, pergamene, cuoio, accomunati dalla certezza di un'unica provenienza ben documentata: la Necropoli Nord, luogo ormai storico per gli scavi che l'Istituto Papirologico «G. Vitelli» vi conduce in modo sistematico e continuo dalla metà degli anni Trenta del secolo scorso. Frammenti del classico dei classici, l'Iliade di Omero, si alternano alle prescrizioni magiche, agli amuleti, ai testi scolastici, che dal livello più elementare ci accompagnano ai più complicati trattati grammaticali, fino ad un eccezionale bifolio di un codice o quaderno contenente effemeridi astronomiche, utilizzate quasi certamente per la compilazione di oroscopi, o per un'attività genericamente divinatoria.

La grande invenzione. Storia del...

Ferrara Silvia
Feltrinelli

Prossima uscita

19,00 €
Questo libro parla di un'invenzione ancora avvolta nel mistero: la scrittura. È ormai quasi sicuro che sia stata concepita da zero più volte nella storia. Ma come si è arrivati a questa rivoluzione? Che cosa ci ha portato a scrivere? Per aiutarci a svelare questo arcano, Silvia Ferrara ci guida alla scoperta delle scritture inventate dal nulla e di quelle rimaste indecifrate fino a oggi, non solo tra i segreti della storia, ma anche nei meandri della nostra mente. Cina, Egitto, Messico, Mesopotamia, Cipro e Creta. Gli enigmi delle isole, la grande macchina delle città e degli imperi. Gli esperimenti sulla scrittura e le invenzioni solitarie, i sistemi ancora indecifrati dell'Isola di Pasqua e della Valle dell'Indo, il manoscritto di Voynich, gli oscuri khipu inca, il disco di Festo e tanti altri. Questo libro è un viaggio nella nostra capacità illimitata di creare storie e simboli, fatto di iscrizioni sibilline, di lampi di genio nel passato, della ricerca scientifica di oggi e dell'eco, vaga e imprevedibile, della scrittura del futuro.

La battaglia del Pian Perduto....

Balboni Veronica
Il Formichiere 2019

Non disponibile

20,00 €
L'intenzione che ci ha mossi era quella di stampare un'edizione critica, dopo le altre già pubblicate, meritorie nelle loro intenzioni di far conoscere a un vasto pubblico questa perla della nostra letteratura minore, integrando con commenti, ampliamenti, delucidazioni di carattere storico, soprattutto di storia locale, toponomastico, linguistico, etimologico o letterario il testo curato da Padre Pirri - di questo straordinario studioso tracciamo una bio-bibliografia molto più completa ricavando le notizie dalle molte apparse dal 1969, data della sua morte. Le stesse note del curatore, sia nell'indispensabile introduzione che a piè pagina - sono precise e profonde; ma riteniamo che per alcune di esse siano necessari ulteriori chiarimenti, così come è opportuna la spiegazione di termini e modi di dire locali che soltanto chi è originario della zona a cavallo tra Umbria e Marche probabilmente oggi può conoscere o capire. Crediamo inoltre indispensabile affrontare anche il tema dei poeti-pastori, uno (o molto più probabilmente due) dei quali sarebbe stato, secondo una teoria consolidata, ma discutibile, l'autore (o gli autori) del poemetto. Abbiamo affrontato questa...

Storia del libro napoletano. Vol....

Pironti Lucio
Youcanprint 2019

Non disponibile

50,00 €
Monumenti, strade, castelli, musei sono gli immediati indicatori per chiunque voglia farsi un'idea della civiltà di Napoli, ma è nelle biblioteche, e più precisamente nel libro, sia manoscritto che stampato, che quelle indicazioni trovano una spiegazione più compiuta, nelle pagine degli autori che hanno scritto sugli innumerevoli aspetti della città. Tale concetto costituisce lo sfondo di questa "Storia del libro napoletano", cercando di far emergere le peculiarità più rilevanti della storia e della cultura napoletana, attraverso le testimonianze librarie più importanti che partono dai papiri ercolanesi, per seguire con i codici medievali, manoscritti talora splendidi per le alluminazioni, fino ad arrivare al 1471 quando si ebbe la prima stampa a caratteri mobili, il Bartolo di Sassoferrato, Lectura, un testo giuridico, che inaugura una caratteristica non secondaria della cultura napoletana, per concludere al 1860.