Paleografia e storia della scrittura

Filtri attivi

Antinoupolis. Vol. 3/1-2: Scavi e...

Pintaudi R. (cur.)
Firenze University Press 2019

Disponibile in 10 giorni

89,90 €
Molti dei saggi presenti nel primo tomo di questo terzo volume dedicato agli scavi di Antinoupolis erano già pronti da anni, e sarebbero stati destinati già al volume Antinoupolis II, se il timore di presentare un prodotto librario troppo grande non ci avesse allora trattenuti e obbligati a scelte dilatorie. Ci riferiamo in particolare ai contributi di J. Marchand e D. Pieri che ricostruiscono la tipologia di un'anfora tanto comune e diffusa quale la LRA 7, a quelli di M.C. Guidotti e F. Silvano sui tessuti, la ceramica, e una coppa di vetro dipinto, o di P. Castelluci sui frammenti sporadici delle pietre ornamentali, principalmente recuperati dalla basilica D2, nella zona sud della città, e di M. Borrini e P.P. Mariani, dove l'archeologia e l'antropologia forense contribuiscono all'identificazione dei resti dello scheletro dell'ormai celebre Teodosia, la cui sepoltura era stata individuata ed esaminata fin dal 1936 e poi finalmente riesumata nel febbraio 2012, così come l'edizione di un nuovo cospicuo gruppo di iscrizioni funerarie greche, alle quali non aveva fatto mancare la sua acribia il compianto G. Nachtergael. A queste necessarie posticipazioni questa volta abbiamo posto rimedio articolando il volume in due tomi, nel primo dei quali han trovato posto lo studio e l'edizione dei materiali classicamente archeologici, come ceramica, mortai litici, vetri, tessuti, terrecotte, scene dipinte, lasciando al secondo torno lo spazio per accogliere l'edizione, quasi sempre principe, di testi su supporti mobili quali papiri, ostraca, pergamene, cuoio, accomunati dalla certezza di un'unica provenienza ben documentata: la Necropoli Nord, luogo ormai storico per gli scavi che l'Istituto Papirologico «G. Vitelli» vi conduce in modo sistematico e continuo dalla metà degli anni Trenta del secolo scorso. Frammenti del classico dei classici, l'Iliade di Omero, si alternano alle prescrizioni magiche, agli amuleti, ai testi scolastici, che dal livello più elementare ci accompagnano ai più complicati trattati grammaticali, fino ad un eccezionale bifolio di un codice o quaderno contenente effemeridi astronomiche, utilizzate quasi certamente per la compilazione di oroscopi, o per un'attività genericamente divinatoria.

Le epigrafi della Valle di Comino....

Solin H. (cur.)
F & C Edizioni 2018

Disponibile in 10 giorni

25,00 €
Il volume raccoglie gli studi di illustri epigrafisti, presentati in occasione del quattordicesimo convegno epigrafico.

Nell'officina dei classici. Come...

Dorandi Tiziano
Carocci 2016

Disponibile in 10 giorni

11,50 €
Lo studio delle pratiche compositive di un'opera letteraria e del metodo di lavoro degli autori antichi costituisce un dominio di ricerca affascinante e misterioso. Ci possiamo chiedere come gli autori dell'antichità greca e latina utilizzavano foglietti di papiro o di pergamena o tavolette per prendere appunti o per redigere i brogliacci delle loro opere; come raccoglievano i loro estratti durante le fasi preliminari della composizione; se scrivevano le proprie opere di loro mano oppure le dettavano a un segretario. Molti autori antichi avevano in comune la pratica di riservare una parte almeno della loro produzione letteraria a una circolazione limitata, pratica che li portava a rinunciare a pubblicare i loro scritti, nel senso che intendiamo oggi. Era comunque in vista di una pubblicazione, cioè di una diffusione riservata a un pubblico più vasto, che gli autori antichi componevano le loro opere. Muovendo da questi e altri aspetti il volume intende ricostruire le avvincenti fasi della redazione di un testo nell'antichità.

La scrittura greca dall'antichità...

Crisci E. (cur.); Degni P. (cur.)
Carocci 2011

Disponibile in 10 giorni

36,00 €
Il volume offre una esposizione complessiva e aggiornata della storia della scrittura greca per i corsi universitari di Paleografia greca fornendo un quadro dei metodi dell'indagine paleografica, nonché delle forme e dello svolgimento della scrittura greca, dall'antichità all'epoca della stampa. Il libro è anche utile a quanti, interessati allo studio della civiltà antica e medievale, intendono farsi un'idea della cultura scritta in età ellenistico-romana e bizantina, nel quadro complesso e articolato delle vicende culturali e storiche che ne scandiscono le fasi. La mancanza di modelli aggiornati e lo stato ancora problematico di molte questioni relative ad aspetti importanti della storia della scrittura greca, fanno del libro risultato del lavoro coordinato di un gruppo di studiosi con competenze specifiche sui diversi argomenti - oltre che un tentativo di trattazione complessiva della materia, anche uno stimolo alla riflessione sui modelli di sistemazione e di esposizione di una disciplina complessa e dalle prospettive ancora feconde di approfondimenti e sviluppi. Completa il testo un ampio capitolo su materiali e tecniche di confezione del libro manoscritto greco.

Antologia della letteratura egizia...

Chioffi Marco E.; Rigamonti Giuliana
Ananke 2008

Disponibile in 10 giorni

30,00 €
Questo secondo volume contiene due capolavori quali "Le avventure di Sinuhe" e "I racconti di Re Kheope". L'impostazione del volume prevede la trascrizione dell'intero testo geroglifico delle opere esaminate, una traduzione letteraria atta a rendere tutta l'intensità del testo originale, ed una traduzione letterale - riga per riga - con un ricchissimo apparato critico delle forme grammaticali e sintattiche adottate.

Antologia della letteratura egizia...

Chioffi Marco E.
Ananke 2007

Disponibile in 10 giorni

30,00 €
Sono trascorsi poco più di due secoli dal ritrovamento della stele di Rosetta che ha dato la possibilità a Jean-Francois Champollion, grazie alle sue geniali intuizioni, di decifrare la scrittura geroglifica. La conoscenza sempre più approfondita di questo antico sistema di scrittura ha consentito di affrontare le discipline del sapere egizio con grande attenzione, valutandone molteplici aspetti e sfumature; la storia e la religione, le scienze sviluppatesi sulle sponde del Nilo ci hanno svelato alcuni dei loro segreti. Paradossalmente, la disciplina che avrebbe dovuto beneficiare maggiormente della approfondita conoscenza della scrittura e della sintassi egizia, la letteratura, è quella che ha riscosso minore interesse da parte dei numerosissimi appassionati di egittologia. Quest'opera, che presenta i testi geroglifici completi, la loro traslitterazione, traduzione, note storiche e grammaticali fondate sulla comparazione delle grammatiche egizie più recenti e prestigiose, nasce con l'intento di riportare la letteratura egizia al ruolo che le compete. In questo primo volume sono raccolti i seguenti testi: Dialogo dell'uomo con il suo ba; L'oasita eloquente; La stele di Irtysen.

Le iscrizioni nella periegesi di...

Zizza Cesare
ETS 2006

Disponibile in 10 giorni

32,00 €
La Periegesi di Pausania è un tentativo ben riuscito di scrivere in maniera originale un'opera dedicata al passato (e in particolare al passato remoto), senza cadere nella compilazione, anche se tutto quello che aveva segnato delle tappe decisive nel passato greco era stato trattato. Il principio-guida è l'individuazione di logoi e di theoremata che non avevano ricevuto trattazioni adeguate e che rappresentavano un contributo originale alla ricostruzione di una storia da considerare come un'alternativa alla epitome e da leggere come una sorta di appendice integrativa e, talvolta, correttiva del già detto dalla grande storiografia 'nazionale'. L'altra novità rispetto alla letteratura preesistente consiste nella utilizzazione di una straordinaria quantità di materiale epigrafico, che per sua stessa natura fonde la scrittura con elementi visivi in una preziosa e feconda interazione: più di duecento iscrizioni esplicitamente menzionate nel corso della Periegesi costituiscono senza dubbio un unicum nella letteratura storiografica greca; esse vengono considerate come strumenti attendibili e idonei all'acquisizione di informazioni preziose e inedite, rispondendo in tutto ai criteri di originalità e differenziazione. È appunto attraverso l'analisi puntuale e globale dei testi epigrafici riportati alla lettera e delle strategie di utilizzazione di questi documenti che nel libro si vuole rendere ragione della ricerca storica del Periegeta e del suo buon uso delle fonti epigrafiche.

La scrittura latina: storia, forme,...

Cherubini Paolo
Carocci 2019

Disponibile in 3 giorni

12,00 €
Dalle prime manifestazioni nella Roma del VI secolo a.C. alla piena età moderna, la scrittura latina si è adattata alle sempre nuove situazioni politiche, sociali e linguistiche che hanno cambiato il volto dell'Europa. Essa ha attraversato fasi di grande espansione e di diffusione nei più diversi strati sociali, alternate ad altre di chiusura e di isolamento in realtà spesso non comunicanti tra loro, dove il sistema scrittura-lettura fu per lo più appannaggio di pochi. La sua storia ha accompagnato i mutamenti avvenuti nella lingua e nella comunicazione di un ampio territorio, facilitando le conquiste della cultura europea nel campo del pensiero, della letteratura e della codificazione dei rapporti sociali. Ci permette di ricostruire oggi il formarsi del patrimonio di un'Europa che, nel corso del medioevo, ha trovato proprio nella scrittura uno dei principi più tangibili della sua unità culturale.

L'ABC di un impero: iniziare a...

Baratta G. (cur.)
Scienze e Lettere 2019

Disponibile in 3 giorni

35,00 €
Questo volume raccoglie una serie di contributi di archeologi, storici e filologi sul tema dell'insegnamento scolare e del livello di alfabetizzazione esistente nel mondo romano tra repubblica ed impero. I lavori raccolti in questa sede analizzano da prospettive originali ed innovative un argomento piuttosto discusso nell'ambito dell'antichista e dimostrano in maniera univoca una diffusa alfabetizzazione nel mondo romano che risulta pienamente confermata dalle fonti archeologiche, iconografiche e scritte.

Corpus dei papiri filosofici greci...

Olschki 2018

Disponibile in 3 giorni

280,00 €
A conclusione della Parte II.2 e II.3 del Corpus dei Papiri Filosofici Greci e Latini (vol. II.2: Sentenze di autori noti e chreiai [2015]; II.3: Gnomica [2017]) viene ora pubblicato il corrispondente volume di Tavole dei papiri ivi pubblicati. Esso costituisce anche un pregevole specimen paleografico con una parte di testo che fornisce tutti i dati utili per il lettore, dagli indici, le sedi di conservazione, alla distribuzione cronologica dei reperti.

Scrittura nuragica? Storia,...

Masia Francesco
Condaghes 2018

Disponibile in 3 giorni

14,00 €
Da quattro anni è stata comunicata la datazione alla termoluminescenza della navicella di Teti, nuragica e con dodici segni alfabetici (tra i quali il pugnaletto "sardo" a elsa gammata) incisi tra IX e VIII secolo a.C. Per illuminarne l'importanza, l'autore, semplice cultore della materia, ha avvertito necessario proporre questo saggio, preoccupandosi di presentarlo ai lettori con l'avallo di una voce dell'archeologia (grazie alla dottoressa Caterina Bittichesu). Sono ricapitolati gli elementi in favore di un uso della scrittura in Sardegna sin dal nuragico e le resistenze alla considerazione dei reperti proposti, quando estendere le indagini scientifiche potrebbe portare a titoli senza punti interrogativi. Si guarda soprattutto ai reperti con scrittura alfabetica, limitandosi a considerarla indecifrata come altre coeve nel Mediterraneo (alle quali sembra ormai comparabile anche per l'estensione del corpus). Seguono considerazioni e domande rivolte, con il conforto dell'antropologo Fiorenzo Caterini, in particolare ai nostri intellettuali. "Scrittura nuragica?" Andiamo a vedere.

Corpus dei papiri filosofici greci...

Olschki 2017

Disponibile in 3 giorni

120,00 €
Con l'uscita di questo volume viene completata la parte del Corpus relativa alla letteratura di tipo sentenzioso (vd. CPF II.2: Sentenze di autori noti e «chreiai», 2015). Tutti i testi qui pubblicati sono nuove edizioni, ampiamente commentate, degli gnomologi e delle antologie gnomiche; a questa tipologia di testi si aggiungono sentenze singole, trasmesse da prodotti di tipo scolastico. Se ne ricava un quadro generale degli autori che, nell'ambito di tematiche morali, venivano letti nell'antichità per formazione sia culturale sia professionale, soprattutto retorica.

Antico regno. «Sua maestà fece che...

Chioffi Marco; Rigamonti Giuliana
La Mandragora Editrice 2017

Disponibile in 3 giorni

28,00 €
Con il volume "Sua Maestà fece che si onorasse Abutiu", Marco Chioffi e Giuliana Rigamonti propongono nove testi dell'Antico Regno che trattano argomenti alquanto diversi fra loro. Di particolare interesse è il testo relativo alla sepoltura di Abutiu, il levriero che proteggeva il sovrano oppure quello dell'incidente occorso al nobile Raur, colpito dallo scettro-ames del re durante lo svolgimento di una cerimonia. Di carattere prettamente storico sono le "Guerre di Sahura" e le iscrizioni che accompagnano i bassorilievi che rappresentano le scene, testimonianze fra le più significative e chiarificatrici, del trasporto fluviale delle colonne del complesso funerario di Unis, a Saqqara.

Scriver veloce. Sistemi...

Tedesco A. (cur.)
Olschki 2016

Disponibile in 3 giorni

29,00 €
Il volume ospita quindici contributi interdisciplinari - relativi all'omonimo convegno (Rovereto, 22-24 maggio 2014), organizzato dall'Accademia Roveretana degli Agiati di Rovereto - che ripercorrono l'uso delle scritture veloci e abbreviate nell'arco di due millenni: i sistemi abbreviativi nell'antichità e nel medioevo, le reporationes e la stampa delle origini, le scritture crittografiche, stenografiche, tachigrafiche e calligrafiche e i fenomeni odierni della scrittura sul Web e dei graffiti murali dei writers.

Papiri dell'Università di Genova....

Perrone S. (cur.)
Storia e Letteratura 2015

Disponibile in 3 giorni

34,00 €
Il volume raccoglie l'edizione di quaranta frammenti dei papiri dell'Università di Genova (PUG), una piccola collezione formatasi attraverso acquisti sul mercato antiquario negli anni Cinquanta del secolo scorso. I papiri greci e copti qui presentati sono per la maggior parte del tutto inediti. Con l'eccezione di un testo letterario, un frammento neotestamentario dall'Epistula Jacobi (PUG V 186), si tratta di papiri documentari, databili dall'età romana all'età araba e di provenienza per lo più ignota.

L'alfabeto ogham nell'antica...

Garuti Fabio
Anguana Edizioni 2015

Disponibile in 3 giorni

10,00 €
Continuando il discorso intrapreso con il testo "Sardegna, pagine di archeologia negata", questo libro analizza il resoconto di ricerche effettuate nei più disparati campi della conoscenza storico-archeologica della magnifica isola. Alfabeti, scrittura, aspetti di vita e di cultura enogastronomica, bevande alcoliche, strade e vie di comunicazione, rapporti con terre lontane e altro ancora, sempre e solo sulla base di riscontri obiettivi, verificabili da chiunque. Un viaggio incredibile, a tratti spettacolare, in una realtà del tutto sconosciuta, ignorata quasi completamente dall'archeologia ufficiale, che appassionerà Lettrici e Lettori con la medesima intensità con cui ha appassionato anche l'autore, con, alla fine, la sempre più indubitabile convinzione che quella sarda antica sia stata davvero una civiltà straordinaria, migliaia di anni prima dello sviluppo di Roma, e i cui lasciti caratterizzano ancora oggi la nostra quotidianità, le nostre abitudini, il nostro modo di scrivere e di parlare.

Oralità e scrittura. Le tecnologie...

Ong Walter J.
Il Mulino 2014

Disponibile in 3 giorni

22,00 €
Nelle culture orali il pensiero e l'espressione richiedono strutture e forme di organizzazione estranee alle culture alfabetizzate. È stata l'introduzione della scrittura a trasformare lo stile cognitivo e la coscienza degli uomini, producendo nuovi modelli di pensiero che hanno reso possibile l'enorme sviluppo della cultura. Punti di svolta altrettanto decisivi sono stati l'invenzione della stampa e la diffusione del computer. Impostosi come un classico negli studi sul tema, il libro ricostruisce le tappe e i profondi mutamenti che hanno scandito questo lungo e affascinante cammino. John Hartley ci illumina sullo stato delle conoscenze prima e dopo la proposta interpretativa di Ong.

Quaderno rosso

QuiEdit 2012

Disponibile in 3 giorni

18,50 €
Le lingue sono nate orali e sono tramandate oralmente. Da Omero a Socrate, fino agli attuali abitanti di Takéo, provincia della Cambogia ove tuttora si comunica in modo essenzialmente orale, la voce umana è stato il mezzo primario di comunicazione e di acquisizione linguistica. Miliardi di esseri umani hanno vissuto e vivono la propria esistenza senza leggere né scrivere, certamente per tutti millenni precedenti l'introduzione della scolarizzazione pubblica (e in passato anche la maggioranza dei re, delle regine e dei grandi imperatori non sapeva tenere in mano un papiro o una penna). Gli scritti possono essere ignorati, ma il parlato, come un ruggito di leone nella savana, stimola una reazione immediata, quasi inevitabile, non può e non viene mai ignorato . Socrate - nel Fedro di Platone - insegnava che "la scrittura è disumana", e ne scoraggiava l'uso considerandola simile a un virus che attacca e distrugge la memoria umana, estinguendone la necessità.

Il dio arcaico e la scrittura. Un...

Belmonte Angela
Masso delle Fate 2010

Disponibile in 3 giorni

90,00 €
L'autrice espone nel lavoro i risultati di un'indagine, iniziata nel 1999, che ha evidenziato le relazioni tra le elaborazioni grafiche definite "arte" e i caratteri di scritture antiche. Col contributo delle scritture sumerico-accadica, egiziana, cinese e altre è possibile comprendere i significati della produzione grafica realizzata nelle fasi successive alla fine del periodo paleolitico. Ha così individuato un sistema simbolico, ideogrammatico di segni, di carattere sacro, che precede di millenni la comparsa della scrittura, diffuso nei repertori iconografici (e sui più diversi supporti) delle varie culture asiatiche, europee, africane, preispaniche. Oltre ai segni, all'interno del sistema simbolico vi è la raffigurazione di un'entità sacra, il dio arcaico, che suggerisce l'ipotesi di credenze monoteistiche già in una fase di proto-agricoltura e attesta un'espressione religiosa unitaria e condivisa dalle varie e differenziate culture.

Antologia della letteratura egizia...

Chioffi Marco E.
Ananke 2009

Disponibile in 3 giorni

29,50 €
"Il racconto del Naufrago" - con la descrizione dell'isola felice in cui regna il grande Serpente, Signore della Terra di Punt - agli occhi di chi abbia conoscenza dell'antico Oriente, s'illumina di riferimenti che paiono esulare dalla mappa mentale del mondo egizio. L'idea di un'isola felice, nell'ottica autoreferenziale di quella società, è anomala: l'Egitto è di per sé la terra felice per volontà divina, perché immaginarne un'altra al di fuori? Invero, a partire al più tardi dal terzo millennio a.C, la civiltà mesopotamica aveva elaborato un mito del "paradiso terrestre" eleggendo la sacra isola di Dilmun a sede di un grande dio, e magnificando bellezza e ricchezza di quella terra in monumentali composizioni letterarie, con accenti di pari meraviglia e devozione. Una coincidenza? "La biografia di Amenemhat" narra invece di un'impresa concreta, la fortunata spedizione che al di là dei confini del mondo, da oltre la Nubia, il "miserabile paese di Kush", avrebbe riportato al re un cospicuo carico d'oro e di merci pregiate: in questo caso, una spedizione fluviale non meno pericolosa di quelle marinare.

Storia dei materiali scrittori....

Pastena Carlo
Bonanno 2009

Disponibile in 3 giorni

14,00 €
In quest'opera si descrive come si lavorava il papiro, come si incidevano le tavolette d'argilla, quali erano i materiali scrittori cinesi nel II e nel I millennio a.C., ecc Ed ancora come è nata la carta e come si sia diffusa, prima in Asia, e poi in Europa, come è nato il "codice", secondo le più recenti teorie, quali erano i materiali scrittori utilizzati nell'America pre-colombiana anche alla luce delle scoperte degli ultimi anni, e altro ancora. Dalla lettura di quest'opera, si arriva a due importanti conclusioni: la prima, che a qualunque latitudine ci si trovi, se cambiano i segni della scrittura, gli strumenti scrittori rimangono sempre sostanzialmente uguali (la corteccia d'albero, i tessuti di lino, seta o cotone, le tavolette di legno, il nerofumo utilizzato come inchiostro, ecc.). La seconda, non meno importante, è quella di vedere come i rapporti tra l'Asia e l'Europa siano stati sempre molto stretti, circolando liberamente le idee e i libri, che viaggiavano per le antiche vie carovaniere, come ad esempio nella mitica "Via della seta" o attraverso le guerre di conquista, che portarono alla costituzione dei grandi imperi d'Oriente e d'Occidente.

Breve storia della scrittura e del...

Carocci 2004

Disponibile in 3 giorni

12,00 €
È sempre più diffusa la consapevolezza che la storia letteraria comprende, come momento irrinunciabile, lo studio della trasmissione dei testi. Sono perciò indispensabili, a chiunque si accosti al testo letterario o documentario, le nozioni elementari di storia della scrittura, storia del libro e critica del testo. Questa guida descrive le forme del libro manoscritto, dall'antico "volumen" al codice umanistico; quelle del libro a stampa, dai primi gloriosi esperimenti quattrocenteschi ai giorni nostri; illustra l'evoluzione della nostra scrittura dalle origini alle tipizzazioni medievali e umanistiche; offre, infine, una sintesi dei problemi relativi all'edizione critica dei testi.

La scrittura. Un viaggio attraverso...

Gaur Albertine
Dedalo 1997

Disponibile in 3 giorni

21,00 €
L'autrice intende affrontare il problema di come culture diverse abbiano risolto l'esigenza primaria di raccogliere, memorizzare e trasmettere le informazioni attraverso 20000 anni di storia. Come la lingua, anche i sistemi di scrittura si sono evoluti, adattati ed estinti. Questo libro descrive le trasformazioni del discorso e delle idee nel loro passaggio ad una forma visibile (pittografica, sillabica o alfabetica), attraverso riferimenti cronologici e geografici. Il testo è accompagnato da 125 illustrazioni, provenienti dalle collezioni della British Library e del British Museum, e da dodici pagine di tavole che riproducono le varie forme di scrittura.

BMB. Bibliografia dei manoscritti...

Viella 2017

Disponibile in 5 giorni

60,00 €
"La Bibliografia dei manoscritti in scrittura beneventana" (BMB) si propone di dar conto di tutte le citazioni di manoscritti in questa tipologia grafica contenute in pubblicazioni edite dal 1990 in poi.

La scrittura cinese nei secoli. Dal...

Abbiati Magda
Carocci 2017

Disponibile in 5 giorni

12,00 €
Il volume si rivolge a tutti coloro che desiderino acquisire una conoscenza di base del sistema di scrittura cinese. L'intento è quello di offrire un quadro complessivo delle problematiche collegate, nel passato come nel presente, a questo singolarissimo tipo di scrittura. Le varie questioni affrontate - origine ed evoluzione, campi di applicazione, vantaggi e svantaggi, impiego in epoca moderna - sono trattate in modo da evidenziare la natura particolare del sistema e le peculiarità delle sue unità grafiche, così da consentire al lettore di saggiare quanto i nostri orizzonti culturali possano essere diversamente influenzati da scritture diverse.

Alle origini dell'epigrafia...

Petrucci Livio
Pisa University Press 2016

Disponibile in 5 giorni

20,00 €
Il volume propone la prima rassegna su scala romanza delle più antiche epigrafi redatte in volgare e oggi ancora consultabili: un corpus di quarantatré reperti selezionati, con criteri espliciti ed uniformi, tra i cinquantacinque individuati attraverso un'ampia ricerca bibliografica. Tutti i reperti proposti dalla bibliografia consultata sono uniformemente schedati; dei quarantatré reperti ammessi nel corpus, viene fornita una documentazione fotografica a colori, per più di un terzo inedita. L'introduzione comprende: la discussione del posto delle epigrafi tra le prime scritture volgari; la selezione del corpus; uno studio dei reperti selezionati, sotto il profilo tipologico (con particolare riguardo agli epitaffi) e in relazione al significato dell'impiego del volgare.

Gratia laborandi. Ricerche...

Ciccarelli Diego
Officina di Studi Medievali 2015

Disponibile in 5 giorni

50,00 €
Diego Ciccarelli, già professore associato di Paleografia e Diplomatica nella Facoltà di Lettere dell'Università di Palermo, in atto Direttore della Biblioteca Francescana di Palermo e Presidente dell'Officina di Studi Medievali, a conclusione della sua quarantennale attività accademica, ha voluto raccogliere alcuni scritti minori, cioè non pubblicati come monografie, ma dispersi in pubblicazioni non sempre reperibili, nella speranza che possano essere utili agli studiosi. Non è casuale l'inserimento nella collana che accoglie altri suoi saggi, né la scelta del titolo tratto dal cap. V della Regola di s. Francesco che concepisce il lavoro come gratia laborandi, che comporta la capacità di rendere altri partecipi di questo dono che diventa servizio, in questo caso culturale. L'articolazione in due volumi rispecchia due grandi filoni di ricerca: il primo il suo settore scientifico disciplinare di Paleografia e Diplomatica e affini; il secondo saggi di ambito francescano non esclusivamente siciliano.

Carta e penna. Piccolo glossario di...

Ricci Adelaide
Viella 2014

Disponibile in 5 giorni

16,00 €
Che cos'è un palinsesto? Quando si definisce maiuscola una scrittura? Lo studente e il lettore curioso troveranno qui risposte a questi ed altri quesiti tecnici. Il volume si propone infatti come raccolta ragionata di termini e locuzioni della paleografia latina e di alcune discipline connesse, in particolare la codicologia. Ogni voce è articolata in concise e chiare spiegazioni, talvolta con brevi digressioni sulla storia del lemma, e segnala - ove necessari - rimandi ad altre voci ed approfondimenti. Di facile consultazione, la raccolta nasce dall'esigenza di disporre di un agile strumento di supporto allo studio della paleografia latina.

Il Quattrocento dei copisti. Bologna

I Libri di Emil 2014

Disponibile in 5 giorni

20,00 €
L'avvio di una catalogazione prosopografica di quella schiera di cultori della scrittura che convenzionalmente raccogliamo sotto il nome di copisti assume qui una cronotopia quattrocentesca e bolognese, per l'ovvia centralità della città felsinea, sede del più prestigioso Studio europeo, negli itinerari dei libri manoscritti ivi esemplati, legati certo all'incipiente umanesimo locale d'età bentivolesca, ma anche alla pratica amanuense di uno scriba non bolognese o assai spesso non italiano, di passaggio come studente o come professionista della penna ospitato da un committente dentro le mura, ma poi responsabile della circolazione dei testi copiati molto al di là delle mura. Nell'intreccio ricchissimo di informazioni erudite che il mare magnum della scrittura quattrocentesca diffusa nelle biblioteche europee e americane offre, si è deciso poi di accostare al catalogo prosopografico l'elenco numericamente rilevante dei manoscritti esemplati a Bologna, ma privi di firma dichiarata del copista.

Il quaderno di calligrafia...

Kossowska Agnieszka
Kellermann Editore 2014

Disponibile in 5 giorni

9,00 €
Intorno al 1420 il noto calligrafo italiano Niccolò Niccoli ideò una forma di scrittura "corsiva", inclinata leggermente verso destra e angolata. Questa grafia diventò la base della scrittura italica. Una versione di questa grafia, considerata adatta ai documenti ufficiali, venne adottata negli ambienti pontifici e chiamata Cancelleresca. Essa conferiva un senso di grande eleganza, ma anche di maggior confidenzialità. La cancelleria pontificia inviava le lettere in questo stile a vescovi e regnanti, tanto che divenne il tipico "stile regale". La Cancelleresca divenne presto molto popolare in Europa per la sua eleganza, velocità di scrittura e facilità di lettura.

In forma di parola. Pittogrammi,...

Leveni Paolo
Book Time 2013

Disponibile in 5 giorni

14,00 €
Il volume vuole esaminare, ripercorrendo un lunghissimo arco temporale, dalla preistoria fino alla rivoluzione industriale, la storia della scrittura. Ogni parte è riccamente illustrata e completata da esaurienti didascalie tali da rendere immediatamente comprensibili esempi e concetti che altrimenti risulterebbero troppo complessi e specialistici. Il testo non intende essere esauriente, né potrebbe esserlo data la quantità, complessità e varietà di segni e di mezzi che l'uomo si è dato nel corso della sua lunga storia sulla terra. Il libro vuole sottolineare lo sforzo compiuto dall'uomo per comunicare con i suoi simili, prendendo in considerazione anche i supporti e i mezzi tecnici di cui ha dovuto dotarsi per raggiungere questo straordinario risultato. Si pensi solo che la scrittura è stata inventata qualche millennio prima di scoprire la carta. Il volume prende in esame, dopo l'invenzione della stampa a caratteri mobili, le vite di quei personaggi che maggiormente hanno contribuito alla diffusione di questa tecnica con la creazione di nuovi caratteri, ma anche quegli aspetti tecnici relativi alla tipografia: carattere, corpo, interlinea, classificazione ecc. che fino a poche decine di anni fa erano patrimonio comune per l'arte grafica, ancora pressoché immutate da quasi cinque secoli, e che rischiano, oggi, di essere immeritatamente dimenticate.

Scrittura come immagine. Morfologia...

Orsini Pasquale
Viella 2013

Disponibile in 5 giorni

32,00 €
La maiuscola liturgica è una scrittura greca utilizzata nella produzione libraria bizantina fra i secoli IX e XI per trascrivere i lezionari dei Vangeli. In questo libro si propone una ricostruzione del suo processo genetico, con l'individuazione dei modelli grafici (librari e non-librari, come le scritture esposte e monumentali presenti negli affreschi, nei mosaici, nelle icone e in diversi oggetti di uso liturgico) che sono alla base delle sue forme più caratteristiche, e si descrivono le sue diverse articolazioni. Particolare attenzione è dedicata alla ricostruzione del contesto storico-culturale del IX secolo - in modo specifico la fase finale della contesa iconoclasta -, che ha permesso l'elaborazione di una determinata ideologia della scrittura, con la promozione di scelte estetiche volte all'esaltazione e al potenziamento della funzione figurale ed iconica del segno grafico.

La scrittura e i libri di Giovanni...

Cursi Marco
Viella 2013

Disponibile in 5 giorni

40,00 €
Giovanni Boccaccio visse in un'epoca e in una società caratterizzate da un'ampia diffusione sociale della scrittura; di lui ci restano ben 34 autografi, tra cui un buon numero di codici integralmente di sua mano, in cui trascrisse sia opere proprie sia opere di autori antichi o a lui contemporanei. Il percorso di ricerca qui proposto ha come principale obiettivo l'esplorazione di tale complesso orizzonte grafico. Nella prima parte viene ripercorsa l'avventurosa stagione dei riconoscimenti degli autografi boccacceschi, iniziata nel secolo XIX e aperta ancora oggi a nuove scoperte. Quindi sono esaminate le diverse scritture adoperate dal Certaldese per la copia dei suoi manoscritti attraverso l'applicazione di un protocollo di analisi grafica che consente di ricostruirne le dinamiche evolutive. La seconda parte è dedicata al metodo di lavoro del Boccaccio copista, con particolare riferimento agli esemplari contenenti la "Commedia" dantesca (trascritta per tre volte) e alla più antica diffusione del "Decameron". Il confronto tra le caratteristiche materiali dei codici e i dati strettamente testuali mostra con chiarezza che egli scelse consapevolmente precise forme librarie, dando vita a vere e proprie edizioni d'autore, caratterizzate da soluzioni fortemente innovative e da strategie compositive raffinate e ricche di significato.

Introduzione allo studio della...

Maurizi A. (cur.)
Carocci 2012

Disponibile in 5 giorni

19,00 €
Insegnata in oltre quindici sedi universitarie italiane, la lingua giapponese è diventata negli ultimi anni una realtà sempre più importante nel panorama culturale del nostro paese. Questo libro, nato dalla collaborazione di docenti di due atenei (Milano-Bicocca e Orientale di Napoli), offre a studenti e a chiunque si interessi della cultura del Giappone un quadro d'insieme su alcuni "nodi" propri della storia linguistica giapponese. I diversi ambiti di specializzazione degli autori - linguistica generale e variazionistica, tipologia linguistica, filologia e storia della lingua giapponese - hanno permesso di amalgamare in quest'opera le conoscenze degli studiosi della cultura giapponese con le competenze proprie dei linguisti. Particolare attenzione è prestata all'analisi diacronica delle marche storico-linguistiche, alla classificazione tipologica e ai principali modelli delle variazioni socio- e pragma-linguistiche del giapponese moderno. Segue lo studio del linguaggio cortese del Genji monogatari (La storia di Genji), l'analisi linguistica degli incipit di alcune importanti opere letterarie del Giappone classico e la disamina delle principali figure retoriche della poesia. Il volume si chiude con la traduzione italiana di Hyakunin isshu (Poesie di cento poeti), una delle antologie poetiche più conosciute in Giappone e in Occidente.

I classici dal papiro a internet

Stok Fabio
Carocci 2012

Disponibile in 5 giorni

18,00 €
I classici greci e latini hanno percorso un lungo viaggio, attraverso i diversi supporti scrittori utilizzati nel tempo: dai rotoli di papiro ai codici di pergamena, dai libri a stampa alle biblioteche digitali. Nel corso dei secoli, copisti, filologi e lettori si sono impegnati in un'incessante opera di riproduzione, selezione e adattamento dei testi antichi alle proprie esigenze. Questo lavoro di trasmissione ha comportato perdite e dispersioni, ma ha anche dato un contributo essenziale alla cultura europea, alimentando il pensiero, la scienza, la letteratura, le arti. Nel volume sono ripercorse le vicende della tradizione classica nella storia occidentale, in una prospettiva che colloca la trasmissione dei testi, e la storia dei supporti materiali che l'hanno resa possibile, nel più ampio quadro della ricezione degli autori classici, dalla tarda Antichità alla Querelle des anciens et des modernes, fino all'epocale trasformazione avviata da Internet.

Graffiti templari. Scritture e...

Tedeschi C. (cur.)
Viella 2012

Disponibile in 5 giorni

35,00 €
Questo libro non ha tesi da dimostrare, ma testimonianze storiche inedite da presentare. Si tratta di graffiti, una fonte assai poco frequentata dagli specialisti del medioevo, ma che, in virtù della sua immediatezza, se esaminata con la necessaria prudenza, può aprire inaspettati squarci sulla vita di uomini e società del passato. Nel caso in esame i graffiti, testi ed elementi figurativi, furono realizzati sulle pareti dipinte di una tomba etrusca di Tarquinia entro il primo trentennio del Duecento; i testi, quasi tutti in volgare, riferiscono che un gruppo di individui, alcuni dei quali qualificati come appartenenti all'Ordine del Tempio, utilizzarono l'ipogeo, sacralizzandolo, per compiervi atti sessuali e pronunciarvi un giuramento. Il compito che specialisti di diversa estrazione si sono dati, in un lavoro autenticamente interdisciplinare, è stato quello di far parlare le testimonianze, attraverso la meticolosa decifrazione dei segni alfabetici e figurativi e un'attenta contestualizzazione archeologica, storica, linguistica, paleografica e storico-artistica.

BMB. Bibliografia dei manoscritti...

Viella 2011

Disponibile in 5 giorni

50,00 €
Questo numero di "BMB" presenta, oltre alla consueta bibliografia annuale, cinque articoli di Frank T. Coulson, Mario Iadanza, Valentina Longo, Claudia Montuschi e Nicola Tangari, Gaia Elisabetta Unfer Verre su manoscritti in scrittura beneventana, con cronache e notizie di ritrovamenti di nuovi testimoni.

Alle origini dell'epigrafia...

Petrucci Livio
Plus 2010

Disponibile in 5 giorni

20,00 €
Il volume presenta la prima rassegna su scala romanza delle più antiche epigrafi redatte in volgare e oggi ancora consultabili: quarantatrè reperti selezionali con criteri espliciti ed uniformi, con una documentazione fotografica, e uno studio sotto il p

Epigrafia romana in Sardegna. Atti...

Cenerini F. (cur.); Ruggeri P. (cur.)
Carocci 2008

Disponibile in 5 giorni

28,50 €
Questo volume contiene gli Atti del Convegno su "Epigrafia romana in Sardegna" svoltosi nel luglio 2007, promosso dalla Scuola europea di dottorato "Storia, letterature e culture del Mediterraneo" e dal Dipartimento di Storia dell'Università di Sassari, d'intesa con il Dipartimento di Storia antica dell'Università di Bologna, l'Association Internationale d'Épigraphie Grecque et Latine, il Comune di Sant'Antioco, l'Assessorato agli Affari generali della Regione Sarda. Alla luce dei più recenti scavi e studi in materia, il volume analizza alcune iscrizioni lasciate dai Romani in diverse zone della Sardegna, ed in particolare a Sant'Antioco, aprendo nuove prospettive e inedite chiavi di lettura.