Economia: filosofia e teoria

Active filters

Note sul Capitale

Postone Moishe
Asterios

Disponibile in libreria in 3 giorni

3,90 €
Le rotture ed i cambiamenti strutturali del recente passato, mostrano come la sola maniera adeguata di andare oltre il marxismo tradizionale, sia quella di formulare una migliore teoria critica del capitalismo; e mostrano anche come le teorie della democrazia, dell'identità, o le filosofie del non-identico che non tengono in alcun conto la dinamica della globalizzazione capitalista, abbiano cessato di essere adeguate. Senza un'analisi del capitalismo, in grado di affrontare una crisi strutturale che incide sulla vita della più parte degli abitanti del pianeta, seppure con delle differenze, senza tale analisi la sinistra avrà completamente abbandonato alla destra il campo politico.

Il secondo avvento. Astrazione,...

Berardi Franco Bifo
DeriveApprodi

Non disponibile

8,00 €
Qui si racconta l'attuale divenire del mondo secondo la metafora dell'apocalisse. La brutalità si è impadronita delle relazioni umane e il nazional-socialismo riemerge come forza egemonica all'orizzonte del secolo. Eppure... Eppure il capitalismo non è un dato naturale, ma la proiezione di un processo culturale. Non sappiamo immaginare il suo superamento solo perché la nostra immaginazione è intrappolata da una superstizione. Ma le condizioni del comunismo non si sono dissolte. Sono soltanto nascoste alla nostra visione. E l'apocalisse è il caos oltre il quale la visione si fa possibile. Il ripresentarsi di quella prospettiva lo chiamo qui: secondo avvento del comunismo.

Autodifesa contro le banche

Gesell Silvio
Oaks Editrice

Disponibile in libreria in 3 giorni

10,00 €
L'attuale crisi economica, della quale sembra non vedersi la fine, è di natura squisitamente finanziaria; non dipende, cioè, da beni materiali, prodotti e distribuiti in abbondanza come mai nella storia dell'uomo, ma dalla speculazione sul denaro, vera e propria divinità adorata e servita da seguaci disposti a tutto, inclusi i sacrifici umani: i banchieri. In questo documento Gesell arringa i giudici che lo hanno imprigionato, svelando i misteri del denaro e lo strapotere delle banche. Con una nota di Silvano Borruso.

Il diritto all'ozio

Lafargue Paul
Garzanti Libri

Disponibile in libreria in 3 giorni

4,90 €
Nel suo più celebre pamphlet "Il diritto all'ozio", pubblicato nel 1880, Paul Lafargue si espresse contro la «strana follia» che con l'avvento della società capitalista si era impadronita delle classi operaie: «l'amore per il lavoro, la passione esiziale del lavoro, spinta sino all'esaurimento delle forze vitali dell'individuo e della sua progenie». Positivamente accolto da Karl Marx, di cui Lafargue aveva sposato la figlia, "Il diritto all'ozio" si configura anche oggi come un'ironica e graffiante critica dello sfruttamento e dell'alienazione, come una vigorosa esortazione a ritrovare nell'ozio, inteso come tempo liberato dai ritmi produttivi, e nell'attività intellettuale le proprie potenzialità e la propria dignità di uomini.

Economia. Con Connect

Begg David
McGraw-Hill Education

Non disponibile

45,00 €
"Ogni collettività di persone deve risolvere tre problemi fondamentali della vita quotidiana: quali beni e servizi produrre, come produrli e per chi produrli. La scienza economica o economia studia i processi attraverso i quali le società contemporanee decidono che cosa, come e per chi produrre beni e servizi. I beni sono oggetti utili o produttivi, come le fragole o l'acciaio. I servizi sono prestazioni - come un massaggio o un concerto dal vivo - consumate o utilizzate nel momento in cui vengono prodotte. In situazioni molto particolari, qualcuno dei tre problemi economici fondamentali - cosa, come e per chi produrre - neppure si pone. Fino all'arrivo di Venerdì, Robinson Crusoe poteva ignorare il problema per chi produrre. In generale, tuttavia, ogni collettività deve risolvere tutti e tre i problemi economici fondamentali."

Il diavolo in economia

Dall'Omo Tiziano
FareLibri

Non disponibile

18,00 €
Il diavolo è qui inteso come quell'entità imponderabile eppure sempre presente in economia a causa della quale non vengono riconosciuti gli errori, dalla falsa percezione che la gente ha dei fenomeni economici agli errori di calcolo delle previsioni. Un fenomeno che a livello sociale influisce sul processo democratico.

L'apartheid intorno a me....

Jaffe H.
Jaca Book

Non disponibile

30,00 €
Figlio di immigrati lituani in Sudafrica, Hosea Jaffe crebbe in una società sopraffatta dal razzismo e vide le gravi ingiustizie perpetrate in nome dell'apartheid. Rimase un anti-razzista per tutta la vita e fu critico delle affermazioni «eurorazziste» di Marx ed Engels. Per Jaffe il colonialismo era la fonte, il vero sangue vitale del capitalismo/imperialismo, non un semplice effetto collaterale. La sua autobiografia prende perciò la forma del movimento della sinistra in Sudafrica e non solo. Scrive Samir Amin: «Le memorie che Hosea Jaffe ci lascia sono preziose. Sono quelle di un combattente comunista sudafricano che aveva capito che l'apartheid serviva con perfetta efficienza lo sviluppo del capitalismo in quella regione del mondo. Le sue analisi mettono in evidenza le disastrose conseguenze dell'abbandono della prospettiva internazionalista - inevitabilmente anti-imperialista - da parte dei popoli degli Stati Uniti, dell'Europa e del Giappone».

Rileggere «Il Capitale»

Giorgi C.
Manifestolibri

Disponibile in libreria

20,00 €
Questo libro intende rileggere il lascito di Marx e in particolare "Il Capitale" alla luce di questioni che oggi rendono particolarmente vive le analisi marxiane, facendo di quest'opera uno strumento irrinunciabile per comprendere le dinamiche del capitalismo contemporaneo. Gli autori e le autrici si interrogano su quelle categorie di Marx che ancora gettano luce sia sui rapporti di dominio odierni, sia sui conflitti e le lotte che sfidano i dispositivi e l'organizzazione dell'attuale capitalismo. Lo scopo del volume è quello di interrogare Il Capitale alla luce del presente, sulla base dell'assunto che quest'opera offra ancora una chiave per interpretare la contemporaneità e per pensare una trasformazione possibile. A poco più di un secolo e mezzo dalla prima edizione tedesca del testo marxiano, «leggere 'Il Capitale' è ancora all'ordine del giorno», come sostiene uno dei suoi massimi interpreti, Etienne Balibar, contro le interpretazioni evoluzionistiche, contro ogni forma di teleologia, in maniera non solo retrospettiva, ma soprattutto prospettica.

Ricchezza fittizia povertà...

Cappello Francesco
ETS

Non disponibile

22,00 €
Quale natura ha la crisi che attraversiamo? Non è certo il pane che manca, né l'offerta di qualsivoglia prodotto o servizio. Non abbiamo subito una guerra, né siamo stati colpiti da calamità naturali; eppure la povertà avanza in un mondo che appare più ricco e dotato di strumenti sempre più potenti, ma che ci ha resi tutti debitori, vittime del dominio di una piccola minoranza di creditori in un sistema di usura globale, a cui fanno sfondo le paurose doglie della transizione verso un nuovo ordine mondiale. Che significa l'imperante affermazione che "mancano i soldi per fare le cose" quando abbiamo competenze, tecnologie, disponibilità a lavorare e risorse fisiche in abbondanza? È proprio vero che siamo poveri e il lavoro manca? Intorno a noi da una parte lo spreco di risorse umane frustrate perché non valorizzate, dall'altra l'enorme necessità di cura delle persone e del territorio che rimane incompiuta. A quale genere di ricchezza mirare, dunque, e come realizzarla? L'autore, lungo un percorso che attraversa e connette in modo accessibile e al tempo stesso rigoroso la successione dei modelli economici e le scelte politiche che hanno portato all'attuale sistema, ci aiuta a vedere la "grande menzogna" che si cela dietro il velo steso dalla reazione neoliberista che ha ripreso il sopravvento a partire dagli anni '80, conducendoci all'attuale approdo della finanziarizzazione speculativa dell'economia che ci rende ciechi e perciò impotenti di fronte alla ricchezza e alle potenzialità infinite del mondo in cui viviamo. Prefazione di Antonino Galloni.

50 grandi idee. Capitalismo

Portes Jonathan
Dedalo

Disponibile in libreria in 3 giorni

18,00 €
Per quanto controverso e discutibile, il capitalismo è profondamente radicato nelle nostre società e, nel bene e nel male, plasma la quotidianità di ciascuno di noi. Ma cos'è realmente il capitalismo? Partendo dai suoi concetti chiave - capitale, mercato, denaro, lavoro, mano invisibile, distruzione creatrice - e facendo luce sulla sua evoluzione storica e sul dibattito teorico e pratico che ha sempre suscitato, questo libro cerca di fornire risposte chiare ed esaustive tanto sulla natura e le particolarità del capitalismo, quanto sulle ricadute che esso ha avuto e continua ad avere sulle nostre vite e sul mondo in cui viviamo. L'autore si interroga su temi e problemi scottanti, più che mai attuali: quanto può durare la crescita? Dobbiamo aspettarci nuove crisi economiche? La disuguaglianza e la povertà sono conseguenze inevitabili del capitalismo? Quale impatto ha la globalizzazione e l'ascesa di un Paese come la Cina sull'economia mondiale? E ancora: il capitalismo è forse avviato a un fatale declino? Sono concepibili modelli realmente alternativi?

Toniolo senza baffi. Una biografia...

Falzone Salvatore
Ecra

Non disponibile

18,00 €
Nel centenario della morte la biografia di uno degli economisti italiani più influenti nonché fra i principali protagonisti del movimento cattolico e della cooperazione di credito. Beatificato da Benedetto XVI il 29 aprile 2012, Toniolo nei suoi studi proclamò sempre un solo dogma: "impossibile separare l'etica dall'economia". Un "gigante" raccontato, anche negli aspetti meno noti, in modo semplice e avvincente con un ritmo incalzante e uno stile che oscilla tra il romanzo e il saggio.

L'avventura dei distretti....

Balduzzi Giacomo
Pacini Editore

Non disponibile

18,00 €
La crisi economica mondiale, con i suoi effetti devastanti, ha riportato al centro del dibattito il rapporto tra territorio e sviluppo economico. Il lungo percorso di due aree distrettuali italiane (Vigevano e Alto milanese) mette in luce l'importanza di risorse che ne hanno consentito lo sviluppo: istruzione, banche locali, riproduzione delle conoscenze produttive attraverso l'imprenditorialità familiare. Oggi le società locali sono chiamate sia a fronteggiare i cambiamenti dei mercati globali sia a ricostruire quei legami di fiducia e reciprocità che fanno del territorio non un semplice stock di risorse, ma una forza viva, intreccio dinamico di economia e società. Da questa sfida dipenderà l'epilogo dell'avventura dei distretti. Postfazione di Michele Colasanto.

David Mitrany. Tra economia e politica

Parodi S.
Aracne

Non disponibile

8,00 €
I saggi raccolti nel volume indagano, in una chiave interdisciplinare, gli aspetti politici ed economici della teoria funzionalista di David Mitrany (1888-1975). L'economista che, nel 1943, delinea un "percorso" alternativo a quello federalista, finalizzato alla costruzione di un'organizzazione internazionale in grado di garantire al mondo una condizione di pace permanente e una sempre maggiore e migliore integrazione tra gli Stati. Assumono grande importanza, in quest'ottica, l'antidogmatismo ideologico e la profonda diffidenza verso la politica, considerata generatrice di "conflittualità". Prefazione di Francesco Ingravalle.

Centralità del mondo periferico

Ferrarotti Franco
Solfanelli

Disponibile in libreria in 5 giorni

12,00 €
La periferia non è più periferica. Marx scorgeva negli strati infimi della società soltanto "una fascia putrefatta", al di fuori della struttura produttiva e distributiva dei beni, e quindi neppur sfruttabile. Per Herbert Marcuse, il celebre autore di "L'uomo uni-dimensionale", la «fascia sociale putrefatta» di Marx, appunto grazie alla sua totale esclusione, costituiva la materia prima per la rivoluzione contro il sistema capitalistico nelle sue forme più avanzate. Due concezioni, essenzialmente ideologico-fideistiche, che solo la ricerca sul campo è in grado di analizzare criticamente. Il mondo periferico è socialmente escluso, ma ha un ruolo potenzialmente fondamentale. La stessa globalizzazione commerciale, avida di nuovi mercati, nel prossimo avvenire ne avrà sempre più bisogno. La rivalutazione del mondo periferico è l'unica via per bloccare la contraddizione strutturale fra sovrapproduzione per massimizzare il profitto e sottoconsumo a causa dei bassi salari e dell'esclusione sociale.

Pillole socioeconomiche

Zia Federico
StreetLib

Non disponibile

5,99 €
Il testo affronta le principali tematiche della sociologia economica in modo chiaro e conciso, con lo scopo di rendere maggiormente comprensibile una disciplina affascinante e relativamente giovane. In "Pillole socioeconomiche" vengono trattati diversi argomenti che spaziano dalle tematiche storiche a quelle contemporanee, dalle principali definizioni alle nuove argomentazioni, dalle differenze tra le visioni economiche e quelle sociologiche alla nuova political economy, dalla nuova sociologia economica alla globalizzazione.

Il cammino degli uomini. Verso...

Rizzo Francesco
Aracne

Non disponibile

18,00 €
Consumare la cena del Signore, cioè essere o fare comunione, non è la fine di un cammino, ma un viatico che conforta, rincuora e sostiene le persone a camminare insieme per le strade del mondo. Il cammino degli uomini è inevitabile, incontrovertibile e inarrestabile. Le città aperte all'accoglienza di migranti, perseguitati e rifugiati ringiovaniscono. Sicché i loro cittadini, vecchi e nuovi, sono felici per il comune destino che li unisce in comunità armoniose, benvolenti, equanimi. Di questo bisogna rendere grazie al Signore che si dona eucaristicamente elevando l'esistenza e la conoscenza di donne e uomini che acquistano saggezza o sapienza e scoprono i misteri del regno di Dio. Dunque spezzare il pane e condividerlo con tutti gli altri è quanto chiede il Figlio dell'uomo quando dice: «"Fate questo in memoria di me", dopo avere preso un pane, reso grazie, (aver)lo spezzato e dato loro dicendo: "Questo è il mio corpo che è dato per voi"» (Lc 22, 19; 1 Cor 11, 25). Il Cristianesimo è la più grande e universale rivoluzione della storia.

Riscoprire la Scuola Austriaca di...

Gagliano Giuseppe
goWare

Non disponibile

10,99 €
Il pensiero della Scuola Austriaca è oggi di una modernità straordinaria. Come si può sottovalutare l'importanza di questa scuola di pensiero sulla formazione della cultura imprenditoriale e della visione dei giovani innovatori le cui iniziative stanno cambiando le nostre abitudini? Questo libro, di agile e di facile lettura, intende analizzare i punti di forza, i meriti storici, i successi intellettuali di una scuola economica che per troppi anni in Italia ha subito un ingiusto ostracismo. Il libro è composto da cinque saggi. Nei primi due, più corposi, Giuseppe Gagliano presenta le idee politiche di Ludwig von Mises e Friedrich A. von Hayek attraverso il commento approfondito dei loro due libri politicamente più rappresentativi: Liberalismo e La via della schiavitù. I successivi tre saggi, scritti da Guglielmo Piombini, analizzano i successi dall'austro-liberalismo nel confronto con i suoi avversari storici: il socialismo e l'interventismo statale di tipo keynesiano. L'ultimo saggio tratta invece dell'utilità pratica, per la gestione delle finanze personali, delle teorie dell'economia austriaca che sono riuscite ad anticipare e a spiegare le cause delle recenti crisi finanziarie molto meglio dei dominanti modelli neoclassici.

Visione del mondo, scienza ed economia

Sombart Werner
All'Insegna del Veltro

Non disponibile

16,00 €
Che tra la visione del mondo e l'economia, nella loro rispettiva configurazione, debbano esserci strette relazioni, risulta evidente fin da principio, né mai, in nessun momento, ciò è stato posto in dubbio, quando si è riflettuto su questi due concetti. Queste relazioni assursero a problema centrale della concezione della storia nel corso del XIX secolo, allorché - soprattutto per influsso del marxismo - si diffuse la concezione secondo cui vi sarebbe una necessaria relazione tra visione del mondo ed economia, nel senso che l'economia e le sue forme storiche semplicemente determinerebbero la visione del mondo; l'economia, in una regolarità immanente e autonomamente determinata nel processo storico, sarebbe l'unica realtà, mentre tutto il resto nell'esistenza umana sarebbe solo una funzione del fattore economico.

L'essenziale di economia. Con e-book

Wells Robin
Zanichelli

Disponibile in libreria in 3 giorni

59,50 €
I modelli economici sono fondamentalmente storie sul funzionamento del mondo e l'economia una serie di racconti su ciche le persone fanno, scrivono gli autori nella prefazione di questa terza edizione italiana del fortunato "L'essenziale di economia". A partire da questa suggestione Krugman e Wells hanno deciso di costruire un libro di economia basato sulla narrazione, con storie di vita reale a diversi livelli, dal contesto europeo alle questioni internazionali e globali. L'obiettivo di comprendere i concetti economici attraverso lo studio degli eventi attuali e delle questioni pipressanti perseguito anche attraverso numerose integrazioni al testo principale: una storia vera di grande interesse apre ogni capitolo; i paragrafi Economia in azione applicano al mondo reale i concetti economici appena studiati; le schede Analisi di un caso aziendale mostrano i princi chiave dell'economia in situazioni che coinvolgono imprese reali; le schede Confronto globale utilizzano dati e grafici per fornire una prospettiva internazionale e riflettere sui risultati economici differenti nei diversi Paesi; le schede E in Italia... scritte dal curatore di quest'ultima edizione italiana completano il quadro nazionale con informazioni aggiornate. L'apprendimento affidato anche al rinforzo, con tre strumenti tra loro correlati, da applicare ai concetti studiati: Economia in azione per illustrare i concetti economici attraverso casi esemplificativi; Ripasso rapido per riassumere; Verifica l'apprendimento per mettersi alla prova con domande le cui soluzioni sono online. Un nuovo capitolo dedicato a Povert disuguaglianza e stato sociale e la scelta di trattare Il monopolio in un capitolo separato - con l'aggiunta di un approfondimento sulla discriminazione dei prezzi - sono due importanti novitdi questa edizione.

Un modello alternativo di economia...

Ciravegna Daniele
Studium

Disponibile in libreria in 3 giorni

50,00 €
La dottrina sociale della Chiesa (DSC) è presentata e analizzata attraverso i documenti, in materia, più significativi della Chiesa e dei suoi pastori, in una prospettiva dinamica, quale accumulazione di vari tasselli, a partire dall'enciclica "Rerum Novarum" (1891), fino all'enciclica "Laudato si'" (2015) e successive addizioni. La presentazione dei documenti avviene con ampi rinvii ad altri documenti della Chiesa, precedenti o successivi, e con osservazioni, commenti e precisazioni di studiosi individuali o di organismi ecclesiali o laici, nonché con approfondimenti e considerazioni proprie dell'autore, con l'obiettivo di attualizzare al giorno d'oggi i contenuti dei documenti stessi. La costruzione della DSC risulta così un processo dinamico di creazione di un corpus dottrinale di una Chiesa "che cammina insieme a tutta l'umanità lungo la strada della storia". Due sono i principi fondanti attorno ai quali si è sviluppata la DSC: la centralità persona e la fraternità - che concorrono a formare la dignità della persona, persona che è, allo stesso tempo, e individuo e comunità umana e membro interattivo del creato. La DSC assume pienamente la centralità e la dignità della persona, al punto di assumerli quali assiomi di base delle proprie argomentazioni assieme al terzo assioma dello sviluppo umano integrale: la centralità e la dignità della persona sono l'unico modo attraverso il quale si realizza lo sviluppo umano integrale (che coinvolge tutti gli aspetti della persona). Dopo avere evidenziato e acquisito la luce della DSC per comprendere gli avvenimenti umani (di natura morale, economica, sociale, politica, culturale, ambientale), il volume affronta gli avvenimenti economici e sociali correnti alla luce del modello della DSC, per trarre da esso gli insegnamenti riguardo alle linee d'azione capaci di realizzare un nuovo umanesimo nell'economia e nella società. Prefazione di Adriano Vincenzi.

Il liberismo

Mastronardi Oreste
Nuova Cultura

Non disponibile

10,00 €
Per comprendere la corrente di pensiero liberista non si può astrarre dalla teoria. I neoclassici a differenza dei classici spostano l'ago della bilancia sulle preferenze del consumatore e teorizzano su due grandi categorie di riferimento: i consumatori e i produttori. L'equilibrio di questi due soggetti economici sono il pane della loro teoria. Io mi sono soffermato sull'equilibrio del produttore ritenendo quest'ultimo fondamentale per comprendere la teoria economica. La parte riservata alla macroeconomia è finalizzata a comprendere gli aggregati macroeconomici e i relativi equilibri. Lo sviluppo dei sistemi economici secondo il pensiero liberista non può prescindere dal mercato e dai fenomeni congiunturali e strutturali, pertanto la conoscenza della teoria economica è la condizione fondamentale per capire tali eventi.

Il valore di tutto. Chi lo produce...

Mazzucato
Laterza

Disponibile in libreria

20,00 €
Al cuore della crisi economica e finanziaria degli ultimi anni c'è un problema evidente: nel moderno capitalismo l'estrazione del valore, ovvero la raccolta dei profitti - dai dividendi degli azionisti ai bonus dei banchieri - è ricompensata assai meglio della creazione effettiva di valore. Oggi scambiamo chi raccoglie i profitti con chi effettivamente crea valore, chi guadagna con chi produce. Quel concetto di valore così centrale nella storia del pensiero economico - basti pensare alle riflessioni di Ricardo, Marx, Schumpeter e Keynes - oggi è misconosciuto o distorto tanto nella teoria quanto nella prassi. Se vogliamo riformare il capitalismo dobbiamo porci una serie di domande radicali: da dove viene la ricchezza? Chi crea il valore? Chi lo estrae? Chi lo sottrae? Solo rispondendo a queste domande possiamo sostituire l'attuale sistema capitalistico di tipo parassitario con un capitalismo più sostenibile, più interdipendente: un sistema che funzioni per tutti.

L'economia «per cerchi...

Dal Degan Francesca
Pisa University Press

Non disponibile

15,00 €
Jean-Charles Léonard Sismondi (1773-1842) - economista, storico, scienziato politico - è soprattutto studioso appassionato di libertà. Al cuore della ricerca interdisciplinare che lo ha condotto a distinguere le espressioni più autentiche da quelle mistificanti dell'esperienza di libertà, prendono vita le parole che l'autore offre all'economia, alla politica e alle scienze sociali e che anche e soprattutto oggi mostrano di avere una potenza civile dirompente ed una carica ermeneutica capace di interrogare visioni consolidate di un sistema economico ridotto al suo scheletro più meccanico e dis-umano. In questo volume si ricostruisce la formazione intellettuale dell'autore, particolarmente legato al circolo di Coppet; quindi si sviluppa la riflessione sulla sua visione politica profondamente intrisa di «spirito repubblicano» per poi affrontare l'analisi dei contributi teorici che Sismondi ha dato alla scienza economica, prendendo in esame sia i suoi scritti più noti come i "Nouveaux Principes d'économie politique" che quelli giovanili.

What is circular economy

Bompan Emanuele
Edizioni Ambiente

Non disponibile

15,00 €
È il concetto del momento, citato perfino nell'enciclica Laudato si' di Papa Francesco: stiamo parlando dell'economia circolare. Significa riutilizzare tutto ciò che preleviamo dalla natura, fino a chiudere i cicli di produzione e consumo. Oltrepassando l'idea di riciclo, l'economia circolare punta a modificare la base di risorse che utilizziamo per alimentare i nostri stili di vita, attingendo sempre di più dai materiali che abbiamo già immesso nei cicli produttivi e restituendo loro valore. Che cos'è l'economia circolare illustra in modo chiaro e rigoroso, anche con l'ausilio di diverse infografiche, i concetti chiave dell'economia circolare, sottolineandone i vantaggi per imprese, comunità, decisori politici e semplici cittadini. Il volume, dà conto di una rivoluzione ritenuta fondamentale per le sue ricadute in termini di benessere ambientale e sociale e come passaggio chiave verso la realizzazione di un modello di sviluppo sostenibile.

Elementi di economia. Con Contenuto...

Sloman John
Il Mulino

Disponibile in libreria

39,00 €
Il manuale offre una presentazione lineare ed essenziale dei concetti fondamentali dell'economia, optando per una esposizione che attinge a esempi sia tratti dalla vita quotidiana sia riferiti ad avvenimenti rilevanti a livello nazionale e internazionale. Ogni capitolo è arricchito da un riepilogo per fissare i concetti chiave e da domande di autoverifica.

Economia dei mercati finanziari....

Cassese Gianluca
Carocci

Disponibile in libreria in 5 giorni

22,00 €
Il volume analizza il ruolo dei mercati finanziari in alcuni modelli della macro e della microeconomia con l'obiettivo di illustrare, attraverso i diversi approcci, l'importanza di tali mercati ai fini della determinazione delle variabili reali dell'economia, quali consumo, reddito e investimento. Attraverso i diversi temi trattati, quali l'economia intertemporale, i vincoli di liquidità, l'incompletezza dei mercati, la decisione di quotarsi in borsa, il razionamento del credito, la stabilità dei sistemi finanziari, viene ribaltata la consolidata visione che considera il funzionamento dell'economia reale indipendente da quello dei mercati finanziari. Pensato per un corso di laurea triennale, il testo adotta un approccio analitico, sebbene utilizzi strumenti matematici elementari. Ogni capitolo è corredato da un congruo numero di esercizi.

Neoliberismo e manipolazione di...

Bifarini Ilaria
Youcanprint

Non disponibile

11,00 €
"Neoliberismo e manipolazione di massa" è rivolto a tutti coloro che vogliano affrontare un percorso di disvelamento delle menzogne che si celano dietro l'attuale modello socio-economico. Rinnegando gli insegnamenti dell'Università Bocconi, dove si è formata, l'autrice guida i lettori attraverso il proprio cammino di comprensione dell'inganno neoliberista. Il libro introduce la storia della psicologia delle folle, partendo dall'opera di Le Bon, studiata e amata dai grandi dittatori del '900, e di Bernays, nipote di Freud e inventore dell'ingegneria del consenso, fino allo sviluppo del capitalismo consumistico. Poste le premesse sociologiche e storico-culturali, viene analizzato lo sviluppo del pensiero economico liberista prima e neoliberista poi, inteso come una degenerazione del primo. Il testo, che arriva ai giorni nostri, adotta un registro divulgativo e accessibile a tutti, con approfondimenti sia di carattere economico che filosofico, ma sempre estraneo a tecnicismi e sofismi accademici. Dopo aver condotto il lettore attraverso un cammino conoscitivo e introspettivo, l'autrice propone le proprie soluzioni per operare un cambiamento reale, a livello individuale e collettivo.

La mia storia. Tanto studio, tanto...

Ambrosetti Alfredo
EGEA

Non disponibile

28,00 €
Sobrietà e riservatezza. Potrebbero essere queste le parole chiave per rileggere la vita di Alfredo Ambrosetti. Due qualità che gli hanno consentito di realizzare davvero molto. Oggi ottantaseienne può guardare indietro ed essere orgoglioso di quanto ha realizzato. L'attività di consulenza innanzitutto in cui ha introdotto concetti estremamente innovativi, come, ad esempio, i Patti di Famiglia. E poi il prodotto per cui è balzato agli onori delle cronache: il forum di Villa d'Este che si svolge ininterrottamente da 43 anni sulle rive del lago di Como e che vede affluire da tutto il mondo capi di Stato, personalità, grandi manager, luminari del mondo economico-finanziario. E non solo. Il libro racconta l'uomo e la sua vita personale e professionale con foto e testimonianze di stima che parlano da sole. A cui segue una parte di testi che rappresentano il fulcro della "cultura Ambrosetti" e che spaziano dalla globalizzazione ai "mali" del nostro Paese, alla gestione strategica delle aziende. Prefazione di Ferruccio De Bortoli.

Economia e società. Dominio

Weber Max
Donzelli

Disponibile in libreria in 3 giorni

42,00 €
«In fin dei conti il concetto di "dominio" non è univoco. È incredibilmente dilatabile. Ogni relazione umana, anche del tutto individuale, contiene elementi di dominio, forse reciproco (questa è addirittura la regola, ad esempio, nel matrimonio)». Così scriveva Max Weber a Robert Michels, alla fine del 1910. Questo monumentale volume, i cui scritti risalgono agli anni precedenti la Grande guerra, è la risposta alla sfida di una classificazione per tipi e per forme strutturali di quel concetto incredibilmente «dilatabile». Nelle sue illuminanti esposizioni, quest'opera contiene la più antica stesura della «sociologia del dominio» inclusa nel lascito weberiano, in una disposizione dei testi che una volta per tutte emenda le numerose scelte arbitrarie apportate dai primi curatori. La versione più ampia di questo classico della sociologia politica e giuridica viene presentata dopo un'accurata revisione filologica, con un commento storico dettagliato, che la inserisce nel dibattito in atto all'epoca della redazione del testo, segnalando fonti e interlocutori di Weber, espliciti e impliciti. Troviamo qui enunciate le tipologie fondamentali del dominio: dalle civiltà antiche agli Stati moderni, dalle culture tribali alle comunità monastiche, dal feudalesimo ai principati patrimoniali, il fenomeno del dominio, centrale in ogni aggregazione sociale e comunitaria, è indagato da Weber con la sua padronanza dei diversi ambiti della storia universale e con la sua maestria nel connettere regioni tematiche e situazioni storiche allo stesso «tipo ideale». Un'ampia analisi è dedicata al «dominio carismatico»: con un'intuizione destinata a durare, il concetto di carisma viene mutuato dalla storia della Chiesa e utilizzato per l'analisi dei rapporti tra capi e seguaci in politica. A queste decisive ricerche si aggiunge un lungo testo dal titolo «Stato e ierocrazia», che affronta i rapporti tra il potere politico e quello religioso, cui è affiancata l'edizione critica di una parte del manoscritto originale. Il volume contiene infine il breve scritto su «I tre tipi puri di dominio legittimo», ritrovato nel lascito: una fulminante sintesi della dottrina weberiana.