Classi sociali

Active filters

Anatomia del borghese

Bloy Léon
E/O

Disponibile in libreria

8,00 €
Un saggio irriverente sulla cultura borghese e il conformismo, nel quale si scatena lo spirito incandescente di Léon Bloy. Léon Bloy (1846-1917) fu in continua polemica con la società del suo tempo, e in particolare con la borghesia e la sua cultura, irridendone i "luoghi comuni" in questa Anatomia, apprezzata in particolare da Walter Benjamin. Molti di questi "luoghi comuni" sono tuttora presenti nel mondo contemporaneo ché, nella sua essenza, la borghesia non è certo cambiata (al suo opposto ci sono per Bloy i poveri), nonostante i suoi faticosi aggiornamenti. "Bisogna mangiare per vivere", "Gli affari sono affari", "Tutte le strade portano a Roma"... Con verve satirica di prim'ordine, Bloy li mette in discussione con spietata e implacabile acutezza, mostrandone superficialità e stupidità. Ognuna di queste esegesi ha il piglio del racconto, la forza dell'esempio. Forse solo Flaubert con i suoi Bouvard e Pécuchet così formidabilmente stupidi è stato pari a Léon Bloy.

La situazione della classe operaia...

Engels Friedrich
Feltrinelli

Disponibile in libreria

12,00 €
Ha poco più di vent'anni Friedrich Engels quando nel 1842 - giovane, ricco, borghese e comunista - parte per Manchester per impiegarsi nella ditta del padre. Disgustato e rivoltato per quanto vede dentro e fuori le mura del suo cotonificio - la schiavitù nelle fabbriche, la miseria dei quartieri operai, la competizione per la sopravvivenza in ogni ambito della società -, scrive questo libro: il suo capolavoro, la ricerca che, ancora prima di Marx, inventa il materialismo storico e il marxismo. Manchester è in quegli anni la fabbrica del mondo, uno dei luoghi di nascita del capitalismo: un nuovo tipo di città, dove uomini nuovi lavorano, abitano, soffrono e lottano in modo nuovo. Relegati da millenni nell'ombra della società e della cultura occidentali, in Inghilterra i lavoratori irrompono sulla scena della storia. Vengono descritti da tutti come le vittime impotenti e colpevoli di un destino individuale, senza alternativa né soluzioni. Nelle pagine di Engels diventano invece la classe operaia, il protagonista collettivo di quella rivoluzione comunista che, nel bene e nel male, ha determinato le sorti politiche del Novecento.

Dominio. La guerra invisibile dei...

D'Eramo Marco
Feltrinelli

Disponibile in libreria

19,00 €
Dai birrifici del Colorado alle facoltà di Harvard, ai premi Nobel di Stoccolma, Marco d'Eramo ci guida nei luoghi dove una guerra è stata pensata, pianificata, finanziata. Di una vera e propria guerra si è trattato, anche se è stata combattuta senza che noi ce ne accorgessimo. Lo ha riconosciuto uno degli uomini più ricchi del mondo, Warren Buffett: "Certo che c'è guerra di classe, e la mia classe l'ha vinta. L'hanno vinta i ricchi". La vittoria è tale che oggi termini come "capitalisti", "sfruttamento", "oppressione" sono diventati parolacce che ci vergogniamo di pronunciare. Oggi "ci è più facile pensare la fine del mondo che la fine del capitalismo". La rivolta dall'alto contro il basso ha investito tutti i terreni: non solo l'economia, il lavoro, ma la giustizia, l'educazione: ha stravolto l'idea che noi ci facciamo della società, della famiglia, di noi stessi. Ha sfruttato ogni crisi, ogni tsunami, ogni attentato, ogni recessione, ogni pandemia. Ha usato ogni arma, dalla rivoluzione informatica alla tecnologia del debito. Ha cambiato la natura del potere, dalla disciplina al controllo. Ha imparato dalle lotte operaie, ha studiato Gramsci e Lenin. Forse è arrivato il momento di fare lo stesso e di imparare dagli avversari. "Il lavoro da fare," scrive D'Eramo, "è immenso, titanico, da mettere spavento. Ma ricordiamoci che nel 1947 i fautori del neoliberismo dovevano quasi riunirsi in clandestinità, sembravano predicare nel deserto, proprio come noi ora.

Identità nobiliare tra monarchia...

Sanz Ayàn Carmen
Storia e Letteratura

Disponibile in libreria in 5 giorni

48,00 €
L'aristocrazia di antica stirpe e i nobili di più recente origine contribuirono alla costruzione di una comune identità nobiliare che perdurò nei secoli XVI, XVII e XVIII, nell'ambito di un esteso spazio di interazione costituito dai territori delle possessioni europee e ultramarine della monarchia ispanica, dell'Italia spagnola e filospagnola. I sedici saggi che formano questo volume indagano le molteplici strategie, pratiche e strumenti che permisero la costruzione di una comune identità nobiliare europea, offrendo - sotto diversi punti di vista - un inedito sguardo complessivo, utile a comprendere i processi di creazione e affermazione di questo comune sentire che permise, durante l'età moderna, il trionfo della nobiltà e dei suoi modelli politici, sociali, istituzionali.

Le origini della cavalleria medievale

Giambonino Luca
Youcanprint

Non disponibile

10,00 €
"Le origini della cavalleria medievale" è un'opera completa che analizza sotto ogni punto di vista, utilizzando le migliori fonti storiche disponibili e citate nella bibliografia essenziale, il problema delle origini della cavalleria medievale europea, spostandosi dagli usi dell'Italia a quelli della Francia e della Germania dei secoli IX-XV. Ogni aspetto viene trattato, dall'etica agli usi e ai costumi ai riti, ponendo una stretta connessione fra il movimento delle Paci e Tregue di Dio del secolo X e la nascita della cavalleria così come noi l'abbiamo conosciuta nei libri di storia.

La politica sociale del III Reich

Mason Timothy W.
Mondadori Bruno

Non disponibile

22,50 €
Il libro rappresenta un contributo all'approfondimento dei rapporti sociali e delle relazioni tra le classi sotto il nazismo, dimostrando la capacità di chiamare in causa non solo i dati della storia sociale, ma i rapporti più complessi con la politica interna ed estera della Germania nazista. Il mutamento della condizione della classe operaia e la politica del regime nazista nei suoi confronti costituiscono l'asse interpretativo a sostegno dell'intera opera, che non trascura i meccanismi messi in atto dal regime per bloccare la lotta operaia. Nella sua analisi, l'autore tende a superare i limiti del legame della classe operaia alle sue istituzioni, ravvisando l'essenza delle classi subalterne nella loro lotta contro la classe dirigente.

Classi e reti sociali. Risorse e...

Bianco M. Luisa
Il Mulino

Non disponibile

15,49 €
Adottando il punto di vista dell'individualismo metodologico, nei primi due capitoli si mostra come la riproduzione "normale" della società avvenga attraverso l'agire dei soggetti sociali. Discusse criticamente le soluzioni neoweberiane ai problemi della riproduzione sociale, si riconsiderano i principali approcci teorici della stratificazione, nonché i modelli di struttura sociale elaborati nell'ultimo decennio in Italia. Vengono quindi analizzati alcuni gruppi sociali in espansione nella società contemporanea. Dopo aver mostrato che l'importanza delle reti sociali e delle risorse in esse incorporate è intrinseca al funzionamento della società, il volume si chiude con l'indicazione del percorso verso una teoria relazionale della mobilità.

Industria 4.0 più liberi o più...

Gaddi Matteo
Edizioni Punto Rosso

Disponibile in libreria in 3 giorni

17,00 €
"L'inchiesta della Fiom di Milano e della Fondazione Claudio Sabattini nasce con l'obiettivo di capire in che modo la cosiddetta quarta rivoluzione industriale stia cambiando l'organizzazione del lavoro, gli orari, la professionalità, la salute delle lavoratrici e dei lavoratori. Per fare questo, abbiamo intervistato delegati sindacali e lavoratori di un campione di aziende metalmeccaniche particolarmente significative della provincia di Milano, appartenenti ai settori dell'ICT, del manifatturiero e dell'impiantistica. (...) è fondamentale ripartire dalla condizione dei lavoratori, perché quest'ultima è stata occultata per tanti anni, e tale mancanza ha generato sia l'oscuramento politico del lavoro che il peggioramento concreto delle condizioni di chi lavora, non trovando più un'adeguata attenzione da parte dell'opinione pubblica. La condizione del lavoro e il punto di vista dei lavoratori sono decisivi per battersi per la stessa difesa del posto di lavoro e anche per un'ipotesi di sviluppo diversa". (Dalla prefazione di Roberta Turi, Segretaria Generale Fiom-Cgil Milano)

Il dominio e l'arte della...

Scott James C.
Elèuthera

Non disponibile

15,00 €
Quando passa il gran signore, il saggio villico fa un profondo inchino e silenziosamente scoreggia. Questo proverbio etiope, citato in apertura del libro, dà una prima beffarda idea di cosa Scott intenda per quei "verbali segreti" che legge dietro la storia ufficiale. Le relazioni conflittuali tra dominanti e dominati sono intrise di inganno: i subordinati al potere simulano deferenza e i detentori del potere recitano la loro supremazia. Utilizzando una massa di esempi tratti, nel tempo e nello spazio, dalla letteratura, dalla storia e dall'etnologia, Scott propone un'analisi penetrante sia dei ruoli interpretati sulla scena da potenti e subalterni, sia del loro "discorso" dietro le quinte, reciprocamente irridente, astioso, vendicativo. Questo libro è una pietra miliare per la comprensione della subordinazione, della resistenza, dell'egemonia, della cultura popolare e della rivolta.

Che cosa è il Terzo Stato?

Sieyès Emmanuel J.
Gwynplaine

Non disponibile

13,00 €
Vi sono libri che hanno contribuito a rovesciare tiranni e regimi e "Che cosa è il Terzo Stato?" dell'abate Sieyès fu uno di questi. Questo violentissimo ed efficace pamphlet costituì il "detonatore" teorico dello scoppio della Rivoluzione Francese imponendosi come manifesto politico delle rivendicazioni della borghesia rivoluzionaria contro i privilegi nobiliari e l'assolutismo di Ancien Régime. Pubblicato anonimo all'inizio del fatidico '89, circolò di mano in mano con una fortuna crescente, trovandosi al centro delle discussioni nei caffè e nei club politici di Parigi e diffondendosi in breve ovunque, in Francia e in Europa. Definito da Tocqueville "un vero e proprio grido di guerra", "Che cosa è il Terzo Stato?" mise in discussione con un'implacabile requisitoria l'intero ordinamento sociale e politico del Regno di Francia, suggerendone il radicale azzeramento e invitando les citoyens a prendere nelle proprie mani le redini della cosa pubblica.

Le classi in una società senza classi

Meltemi

Non disponibile

16,53 €
Anche se oggi appare più semplice identificarsi in uno stile di vita e in un genere sessuale, l'emergere della flessibilità della disoccupazione strutturale e della resistenza alla globalizzazione mantengono vivo il bisogno di continuare a far riferimento

L'operaio

Jünger Ernst
Guanda

Non disponibile

20,00 €
Apparso in Germania nel 1932, "L'operaio" è uno dei testi più discussi e profetici di Junger. Un saggio politico di grande energia e straordinaria lucidità, in cui la figura dell'operaio assurge a dimensione mitica come intreprete supremo del mondo moderno

Il libro degli snob

Duca di Bedford
Castelvecchi

Non disponibile

15,00 €
Nato in una delle più aristocratiche famiglie inglesi, il tredicesimo duca di Bedford ha avuto la possibilità di osservare da vicino i punti deboli dei suoi "pari" e di sperimentare di persona i piacevolissimi vantaggi di essere uno snob. Nessuno meglio di

Che fine ha fatto la lotta di classe?

Holloway John
Manifestolibri

Non disponibile

15,00 €
"Se vogliamo cambiare la società, dobbiamo pensarla come qualcosa creata dalle persone e che le persone stesse possono cambiare". E cambiarla è necessario, perché "la lotta di classe non è mai stata tanto crudele e violenta come lo è oggigiorno". Questo vo

Il libro degli snob

Duca di Bedford
Elliot

Non disponibile

12,50 €
Erede di una delle più antiche ed eccentriche famiglie inglesi, il tredicesimo duca di Bedford ha potuto osservare tra le mura domestiche vizi e virtù degli aristocratici d'Inghilterra. Nessuno meglio di lui poteva quindi compilare questa dettagliata e utile guida per ogni aspirante snob: un imperdibile compendio dello snobismo contemporaneo e internazionale. Una scrupolosa raccolta dei dati più attuali su quel mondo, basala sulla sua esperienza diretta e sui numerosi e divertenti aneddoti di famiglia. Il duca rivela ai lettori i segreti per aprirsi un varco tra le più alte sfere della società: come nominare le persone con la giusta intonazione, come diventare intimi di gente che non ne vuole sapere niente di te, come cenare a sbafo e guadagnarsi, cosa assai più rilevante, il favore dei domestici e, soprattutto, come sistemarsi sul mercato matrimoniale...

Educazione e formazione a Roma....

Frasca Rosella
Dedalo

Disponibile in libreria in 5 giorni

23,00 €
Chi, e in base a quali criteri, definiva a Roma i limiti di ciò che era lecito e ciò che non lo era? A che età era consentito strizzare l'occhio a Venere? Quali erano le regole che guidavano i rapporti amicali, sessuali, amorosi? Come ci si doveva comporta

Nazismo e classe operaia 1933-1993

Bologna Sergio
ShaKe

Disponibile in libreria in 3 giorni

12,00 €
In questo breve ma chiarissimo testo, Sergio Bologna ci racconta il ruolo della classe operaia negli anni prima e dopo la presa nazista del potere. Nell'analizzare le condizioni di vita operaie e gli eventi più cruciali del periodo - a partire dal massacro operaio di Berlino del 1929 fino alla storia delle bande giovanili di strada antinaziste e alle incursioni delle SA nelle birrerie operaie delle periferie - in anni che furono in realtà di guerra civile strisciante, Sergio Bologna smonta il tradizionale giudizio degli storici, secondo i quali la classe operaia e il proletariato tedesco si sarebbero piegati davanti a Hitler senza opporre resistenza. Un giudizio sostanzialmente ingiusto, che non rispetta minimamente la realtà. La lotta antifascista è stata un obiettivo reale e concreto perseguito, seppur con i pochi mezzi a loro disposizione, da parte delle organizzazioni operaie tedesche. Contro di esse, il nazismo svilupperà diverse e articolate strategie di tipo "entrista" per separare gli interessi di classe, dividere le coscienze e in definitiva lacerare il tessuto operaio.

La barriera e il livello. Studio...

Globot Edmond
Mimesis

Disponibile in libreria in 3 giorni

16,00 €
Cosa delimita e separa le classi sociali? Cosa tiene insieme una classe sociale? Nelle società moderne i confini tra le classi sono attraversabili e i criteri di classificazione non sono formalmente definiti. Né la ricchezza, né la professione sono sufficienti a delineare l'appartenenza o meno a una classe. Opera invece un processo di distinzione che consente alla classe superiore di legittimare la sua posizione dominante. Per Goblot la logica che consente la demarcazione di classe riguarda la moda, la morale, la formazione scolastica e il gusto estetico: è qui che si forma il senso pratico che, da una parte, sostiene la "barriera" che divide le classi e, dall'altra, produce il "livello" che accomuna sullo stesso piano quelli che appartengono alla classe. Con questo studio sulla borghesia francese moderna Goblot teorizza che le divisioni di classe sono definite, più che da condizioni strutturali, da gerarchie simboliche che rimandano a specifiche logiche di formazione dei giudizi di valore.

Il borghese fa il mondo. Quindici...

De Cristofaro F.
Donzelli

Disponibile in libreria in 5 giorni

35,00 €
Secondo alcuni il mondo è una biblioteca; ma se persino le stelle fisse, fisse non sono, allora una biblioteca non sarà un luogo ordinato quanto piuttosto un tentativo, una possibilità, una sfida all'ordine. Il borghese fa il mondo davanti ai suoi libri, ma i suoi libri lo guardano, lo impensieriscono e lo provocano fino ad annientarlo. Questo libro, scaturito dal lavoro che l'Opificio di letteratura reale di Francesco de Cristofaro e Giovanni Maffei ha condotto negli ultimi anni, studia l'immaginario della borghesia attraverso un ampio corpus di opere, giudiziosamente accoppiate, suddivise in tre "movimenti" (il borghese / fa / il mondo) e infine indagate con spirito libero: per esempio, la solitudine di Robinson si rispecchia in quella di Gesualdo, Maigret e Sherlock Holmes pipano in compagnia, la silhouette di Tristram Shandy è risucchiata dal sottosuolo di Dostoevskij, Barry Lyndon duella con i duellanti di Conrad, il borghese gentiluomo si pavoneggia al fianco di Totò-Sciosciammocca. Ancora, i villeggianti goldoniani conversano con il commesso viaggiatore Willy Loman; e il farmacista Homais, già segreto beniamino di Flaubert, flirta mostruosamente con Homer Simpson. Note introduttive di Emanuele Canzaniello.

Due miliardi di salariati. La...

Davoli Piermaria
Lotta Comunista

Non disponibile

20,00 €
Due eventi statistici hanno marcato l'inizio del secondo decennio del nuovo secolo: la popolazione mondiale ha raggiunto i 7 miliardi e la quota di quella urbana ha superato il 50%. Mentre il Vecchio Mondo ha via via esaurito la spinta demografica, in esso è proseguita e poi si è di fatto conclusa l'urbanizzazione. Nel contempo altre regioni del mondo, Asia in testa, sono entrate in una trasformazione che ha ormai raggiunto tutta la faccia della Terra. Aumento della popolazione urbana vuol dire aumento delle classi sociali tipiche del capitalismo nella fase imperialistica. Dietro queste cifre sta la crescita del numero delle fabbriche e degli stabilimenti, dei connessi servizi, dei sistemi di trasporto, della produzione e distribuzione dell'energia, e tutto quanto di altro vi è strettamente legato. Classi sociali a loro volta vogliono dire proletariato, conflitto di classe, occasioni per la formazione materialistica della coscienza. Non dovrebbe ormai essere lontano il traguardo dei due miliardi di salariati nel mondo. Eccolo, il mercato mondiale della forza-lavoro. Eccola, la forza numerica della nostra classe.

La situazione della classe operaia...

Engels Friedrich
Lotta Comunista

Non disponibile

10,00 €
Quest'opera del giovane Engels prova come l'approfondimento scientifico possa coniugare carica ideale con minuzioso e accurato lavoro di documentazione, prezioso ancora oggi. La "situazione della classe operaia" nei paesi avanzati dell'Occidente oggi è molto cambiata, ma quello qui descritto è un processo tipico delle prime fasi di industrializzazione. L'Inghilterra degli inizi dell'Ottocento si è riprodotta più e più volte a mano a mano che i fenomeni di disgregazione contadina, di proletarizzazione, di inurbamento, di passaggio dall'artigianato al sistema di fabbrica hanno investito nuove parti del globo. Oggi centinaia di nuove Manchester punteggiano le carte dei paesi emergenti o di recente emersione; in molti aspetti sono sorprendentemente simili all'originale inglese ottocentesco, in molti altri si differenziano profondamente, a cominciare da una scala demografica accresciuta di un fattore dieci o cento. Disporre di una analisi così approfondita e dettagliata di ciò che succedeva alla nostra classe nell'Inghilterra di due secoli fa è una solida base per lo studio delle condizioni odierne del proletariato in ampie zone dell'Asia, dell'America Latina, dell'Africa.

La borghesia nell'ascesa egemonica...

Ciccia Giosuè S.
Pragmata

Non disponibile

14,00 €
Una vigorosa analisi del fenomeno dell'ascesa della borghesia, partendo dai suoi presupposti storici, la nascita e lo sviluppo nei secoli, dall'età antica, passando per il Medio Evo per giungere sino ai nostri giorni. Uno studio dettagliato sull'influenza della società borghese nell'economia, nell'arte, nella scienza, nella cultura e nella conduzione politica.

Il dominio è l'arte della...

Scott James C.
Elèuthera

Non disponibile

18,00 €
Quando passa il gran signore, il saggio villico fa un profondo inchino e silenziosamente scoreggia. Questo proverbio etiope, citato in apertura del libro, dà una prima ironica idea di cosa Scott intenda per "verbali segreti", ovvero i comportamenti e le procedure informali che legge "dietro la storia ufficiale". Le relazioni conflittuali tra dominanti e dominati sono intrise di inganno: i subordinati al potere simulano deferenza e i detentori del potere "recitano" la loro supremazia. Utilizzando una massa di esempi tratti, nel tempo e nello spazio, dalla letteratura, dalla storia e dall'etnologia, Scott propone un'analisi penetrante sia dei ruoli interpretati sulla scena (verbali pubblici) da potenti e subalterni, sia del loro "discorso" dietro le quinte (verbali segreti), reciprocamente irridente, astioso, vendicativo. Un libro per la comprensione della subordinazione, della resistenza, dell'egemonia, della cultura popolare e della rivolta.