Classi sociali

Filtri attivi

L'operaio

Jünger Ernst; Principe Q. (cur.)
Guanda 2020

Disp. in libreria

14,00 €
"L'operaio" apparve in Germania nel 1932, un anno prima dell'avvento di Hitler, suscitando entusiasmo, furore e scandalo, ma cospoco legato al momento storico in cui fu scritto, e tanto meno alle scelte politiche della Germania in quegli anni, da risultare per metinteramente smentito dal corso degli eventi, e per l'altra metpaurosamente profetico. In una societin cui l'individuo borghese e romantico stato stritolato dalla tecnica, il suo successore pidegno, secondo Jger, sarl'operaio, figura svincolata da ogni connotato di classe, che dominerla tecnica trasformandola in forza costruttiva. Egli imporril dominio della forma; anzi, l'operaio la forma superiore. L'analisi di un rapporto reale impone a Jger assoluta verit e percicrudelt Per questo, "L'operaio" uno dei libri picrudeli del nostro secolo.

Classi sociali e stratificazione

Crompton Rosemary
Il Mulino 2020

In libreria in 10 giorni

15,49 €
Possiamo ancora parlare di classi sociali? L'autrice di questo libro ritiene che le classi debbano rimanere una categoria analitica fondamentale benché, rispetto al passato, esse vadano ripensate e ridefinite alla luce delle problematiche concernenti il genere e l'appartenenza etnica. Passando criticamente in rassegna i diversi approcci teorici e metodologici alla questione, l'autrice esplora i nessi fra problemi sociali concreti, dibattito politico e riflessione sociologica. Il volume fornisce una messa a punto completa e aggiornata sul tema controverso ma ineludibile delle classi e della stratificazione sociale.

Sovrani tra ereditariet? ed...

Palma A. (cur.)
Pisa University Press 2020

In libreria in 3 giorni

24,00 €
Questo volume raccoglie gli Atti del Settimo Convegno di studi di Diritto nobiliare che si tenuto nel 2018 nella prestigiosa sede della Camera dei deputati, Nuova Aula dei Gruppi Parlamentari. Come giavvenuto per il Sesto Convegno, si ritenuto opportuno approfondire le tematiche legate alle Dinastie, regnanti o giregnanti, con il collegato tema delle nobiltad esse connesse. Si pervoluto ampliare il raggio della ricerca superando lo stretto orizzonte europeo allargandosi cosa quello mondiale, e si cercato di approfondire un argomento particolare che si sovente presentato nella storia costituzionale delle Dinastie e ciola problematica della successione al trono per ereditarietovvero per elezione. Sono state esposte le poco note vicende delle sette Famiglie reali degli Emirati Arabi Uniti e delle altre Case reali del Golfo, degli Asburgo-Lorena di Toscana, del trono del Sacro Romano Impero, degli Hohenzollern e delle monarchie "giovani" della Balcania.

Identit? nobiliare tra monarchia...

Sanz Ayàn C. (cur.); Martínez Hernández Santiago (cur.); Aglietti M. (cur.)
Storia e Letteratura 2020

In libreria in 3 giorni

48,00 €
L'aristocrazia di antica stirpe e i nobili di pirecente origine contribuirono alla costruzione di una comune identitnobiliare che perdurnei secoli XVI, XVII e XVIII, nell'ambito di un esteso spazio di interazione costituito dai territori delle possessioni europee e ultramarine della monarchia ispanica, dell'Italia spagnola e filospagnola. I sedici saggi che formano questo volume indagano le molteplici strategie, pratiche e strumenti che permisero la costruzione di una comune identitnobiliare europea, offrendo - sotto diversi punti di vista - un inedito sguardo complessivo, utile a comprendere i processi di creazione e affermazione di questo comune sentire che permise, durante l'etmoderna, il trionfo della nobilte dei suoi modelli politici, sociali, istituzionali.

La barriera e il livello. Studio...

Goblot Edmond; Pirone F. (cur.)
Mimesis 2019

In libreria in 3 giorni

16,00 €
Cosa delimita e separa le classi sociali? Cosa tiene insieme una classe sociale? Nelle società moderne i confini tra le classi sono attraversabili e i criteri di classificazione non sono formalmente definiti. Né la ricchezza, né la professione sono sufficienti a delineare l'appartenenza o meno a una classe. Opera invece un processo di distinzione che consente alla classe superiore di legittimare la sua posizione dominante. Per Goblot la logica che consente la demarcazione di classe riguarda la moda, la morale, la formazione scolastica e il gusto estetico: è qui che si forma il senso pratico che, da una parte, sostiene la "barriera" che divide le classi e, dall'altra, produce il "livello" che accomuna sullo stesso piano quelli che appartengono alla classe. Con questo studio sulla borghesia francese moderna Goblot teorizza che le divisioni di classe sono definite, più che da condizioni strutturali, da gerarchie simboliche che rimandano a specifiche logiche di formazione dei giudizi di valore.

Industria 4.0 più liberi o più...

Gaddi Matteo
Edizioni Punto Rosso 2019

In libreria in 3 giorni

17,00 €
"L'inchiesta della Fiom di Milano e della Fondazione Claudio Sabattini nasce con l'obiettivo di capire in che modo la cosiddetta quarta rivoluzione industriale stia cambiando l'organizzazione del lavoro, gli orari, la professionalità, la salute delle lavoratrici e dei lavoratori. Per fare questo, abbiamo intervistato delegati sindacali e lavoratori di un campione di aziende metalmeccaniche particolarmente significative della provincia di Milano, appartenenti ai settori dell'ICT, del manifatturiero e dell'impiantistica. (...) è fondamentale ripartire dalla condizione dei lavoratori, perché quest'ultima è stata occultata per tanti anni, e tale mancanza ha generato sia l'oscuramento politico del lavoro che il peggioramento concreto delle condizioni di chi lavora, non trovando più un'adeguata attenzione da parte dell'opinione pubblica. La condizione del lavoro e il punto di vista dei lavoratori sono decisivi per battersi per la stessa difesa del posto di lavoro e anche per un'ipotesi di sviluppo diversa". (Dalla prefazione di Roberta Turi, Segretaria Generale Fiom-Cgil Milano)

Nazismo e classe operaia 1933-1993

Bologna Sergio
ShaKe 2018

In libreria in 3 giorni

12,00 €
In questo breve ma chiarissimo testo, Sergio Bologna ci racconta il ruolo della classe operaia negli anni prima e dopo la presa nazista del potere. Nell'analizzare le condizioni di vita operaie e gli eventi più cruciali del periodo - a partire dal massacro operaio di Berlino del 1929 fino alla storia delle bande giovanili di strada antinaziste e alle incursioni delle SA nelle birrerie operaie delle periferie - in anni che furono in realtà di guerra civile strisciante, Sergio Bologna smonta il tradizionale giudizio degli storici, secondo i quali la classe operaia e il proletariato tedesco si sarebbero piegati davanti a Hitler senza opporre resistenza. Un giudizio sostanzialmente ingiusto, che non rispetta minimamente la realtà. La lotta antifascista è stata un obiettivo reale e concreto perseguito, seppur con i pochi mezzi a loro disposizione, da parte delle organizzazioni operaie tedesche. Contro di esse, il nazismo svilupperà diverse e articolate strategie di tipo "entrista" per separare gli interessi di classe, dividere le coscienze e in definitiva lacerare il tessuto operaio.

Il libro degli snob

Duca di Bedford
Elliot 2015

In libreria in 3 giorni

12,50 €
Erede di una delle più antiche ed eccentriche famiglie inglesi, il tredicesimo duca di Bedford ha potuto osservare tra le mura domestiche vizi e virtù degli aristocratici d'Inghilterra. Nessuno meglio di lui poteva quindi compilare questa dettagliata e utile guida per ogni aspirante snob: un imperdibile compendio dello snobismo contemporaneo e internazionale. Una scrupolosa raccolta dei dati più attuali su quel mondo, basala sulla sua esperienza diretta e sui numerosi e divertenti aneddoti di famiglia. Il duca rivela ai lettori i segreti per aprirsi un varco tra le più alte sfere della società: come nominare le persone con la giusta intonazione, come diventare intimi di gente che non ne vuole sapere niente di te, come cenare a sbafo e guadagnarsi, cosa assai più rilevante, il favore dei domestici e, soprattutto, come sistemarsi sul mercato matrimoniale...

Saggio sulle classi sociali

Sylos Labini Paolo
Laterza 2015

In libreria in 3 giorni

14,00 €
"Qual era lo scopo di Sylos Labini nel distinguere diverse classi sociali? Era uno scopo politico: capire come le persone si sarebbero comportate politicamente, non tanto nel voto, quanto nella costruzione di una società moderna". (Innocenzo Cipolletta) Con due scritti di Innocenzo Cipolletta e Ilvo Diamanti.

Storia intima dei ceti medi. Una...

Asquer Enrica
Laterza 2011

In libreria in 3 giorni

20,00 €
Enrica Asquer compie un viaggio storico ed etnografico dentro le case dei ceti medi italiani anni Sessanta, alla scoperta delle memorie e dei valori, dei vezzi e dei gusti di chi ha costruito, nel bene e nel male, il volto del Paese all'ombra del miracolo economico. Una storia orale, intima e minuta, che si intreccia con la più ampia vicenda dell'Italia repubblicana, toccando una delle corde profonde della sua storia culturale. Principali beneficiari di un'Italia dai crescenti consumi privati e dalla certo più debole etica pubblica, i ceti medi urbani sono stati protagonisti ed emblemi di quel profondo rivolgimento sociale e culturale che ha segnato l'Italia contemporanea. Da Milano, capitale del miracolo, e da Cagliari, lembo estremo e imprevisto di una periferia affascinata dallo sviluppo, questo libro ricostruisce il profilo di un aggregato sociale sfuggente ma cruciale, raccogliendo le sue voci e interrogando le sue memorie. Quella che emerge è una parte d'Italia in bilico tra innovazione e conservazione, tra piccole virtù private e indifferenza al bene comune. Un'Italia che diventa più moderna nei gesti e nelle abitudini quotidiane, negli spazi e nei tempi delle sue giornate, ma che non supera alcuni suoi tabù, nella vita familiare, nella relazione tra i generi, nel rapporto con la sfera pubblica.

La politica sociale del Terzo Reich

Mason Timothy W.
Mondadori Bruno 2020

In libreria in 5 giorni

13,00 €
Il libro rappresenta un contributo all'approfondimento dei rapporti sociali e delle relazioni tra le classi sotto il nazismo, dimostrando la capacitdi chiamare in causa non solo i dati della storia sociale, ma i rapporti picomplessi con la politica interna ed estera della Germania nazista. Il mutamento della condizione della classe operaia e la politica del regime nazista nei suoi confronti costituiscono l'asse interpretativo a sostegno dell'opera, che non trascura i meccanismi messi in atto dal regime per bloccare la lotta operaia. Nella sua analisi, l'autore tende a superare i limiti del legame della classe operaia alle sue istituzioni, ravvisando l'essenza delle classi subalterne nella loro lotta contro la classe dirigente.

Élites. Le illusioni della democrazia

Mosca Gaetano; Pareto Vilfredo; Michels Robert; Vitelli L. (cur.)
GOG 2019

In libreria in 5 giorni

13,00 €
Un'antologia di scritti di quattro grandi pensatori del primo Novecento, sul tema - consunto e annacquato dalla retorica democratica - delle élites e dei rapporti tra governanti e governati. Di stringente attualità, i testi riuniti in questo libro saggiano i primi interrogativi sorti intorno al ruolo delle élites nelle società di ogni tempo. Dalle prime tesi di Mosca sulla classe politica e la minoranza organizzata fino alle critiche di Gramsci nei confronti della composizione del partito in Michels, passando per la teoria della circolazione delle élites di Pareto.

Educazione e formazione a Roma....

Frasca Rosella
Dedalo 2011

In libreria in 5 giorni

23,00 €
Chi, e in base a quali criteri, definiva a Roma i limiti di ciò che era lecito e ciò che non lo era? A che età era consentito strizzare l'occhio a Venere? Quali erano le regole che guidavano i rapporti amicali, sessuali, amorosi? Come ci si doveva comporta

Ceto medio. Perché e come...

Bagnasco A. (cur.)
Il Mulino 2008

In libreria in 5 giorni

29,00 €
Nella discussione pubblica e nelle prese di posizione politiche è ormai diventata di uso comune l'espressione "malessere del ceto medio". Una parte corposa della nostra società, immaginata in passato come ben assestata, si direbbe entrata in una condizione di disagio e di crisi. Tramontata la vecchia dicotomia borghesia-classe operaia, questa condizione critica è diventata cruciale per le dinamiche della stratificazione e del cambiamento sociale. Ormai numericamente preponderante, il ceto medio non è un insieme informe e passivo, che in qualche modo si accoda ad altri. Proprio qui, anzi, possono nascere pesanti ostacoli, oppure risorse importanti, per la costruzione di una società capace di sviluppo ed equità. E qui si gioca la possibilità di una democrazia sana, o possono maturare minacciose derive reazionarie, come già altre volte in passato. In questo volume, che mette un punto fermo al dibattito e nel contempo inaugura un filone di ricerche, il ceto medio italiano è considerato sotto diversi aspetti: stili di vita, modelli di consumo, abitudini alimentari, condizioni abitative.

La teoria della classe agiata....

Veblen Thorstein
Einaudi 2007

In libreria in 5 giorni

24,00 €
A cent'anni dalla sua uscita, "La teoria della classe agiata" di Veblen conserva una notevole importanza. Il libro si presenta come un trattato economico classico, dove le questioni tradizionali (consumo, produzione, distribuzione del reddito) sono subordinate al tema della crescita industriale della nazione: via via che l'industria si specializza e aumenta la ricchezza complessiva, aumentano coloro che possono vivere senza lavorare. E costoro, mantenendo gente che a sua volta non lavora, immobilizzano risorse che potrebbero essere impiegate nel processo industriale. Applicando un modello di ricostruzione storica "a ritroso", l'autore mette in luce il carattere retrogrado delle società moderne, indicando diversi esempi di sopravvivenza barbarica presenti nella grande aristocrazia americana. All'origine di ogni forma di proprietà c'è il desiderio di emulare la ricchezza altrui; case, vestiti, servitù soddisfano innanzitutto il bisogno di considerazione sociale di chi li possiede, ciò che incrina la fiducia nella competizione sociale ed economica. Stabilita la tesi della cumulabilità dell'emulazione, Veblen la applica ai meccanismi di distribuzione della ricchezza, dimostrando che, invece di migliorare la situazione delle classi povere, "la lotta degli egoismi" e la rivalità tra ricchi accrescono la concentrazione di ricchezza e potere in quelle privilegiate.

Il denaro fa la felicità?

Becchetti Leonardo
Laterza 2007

In libreria in 5 giorni

10,00 €
Perché nigeriani e messicani risultano essere in media più felici degli europei e degli americani, nonostante siano indiscutibilmente più poveri? Perché l'aumento del benessere economico in una società va di pari passo con una vita di relazione sempre meno soddisfacente? Esiste una branca della ricerca sociale che si occupa di rispondere a questo genere di domande: gli 'studi sulla felicità' analizzano e quantificano il grado di soddisfazione degli individui in relazione a un folto numero di variabili socioeconomiche quali, ad esempio, il livello di reddito e l'occupazione. Le ricerche in questa materia sono oggi in grado di supportare le istituzioni internazionali e le classi dirigenti nella formulazione di obiettivi socioeconomici completi e soddisfacenti, che suscitino il pieno consenso dei cittadini. Questo volume illustra, sulla base dei dati più aggiornati, le principali leggi che regolano il rapporto tra felicità e ricchezza e analizza problemi e paradossi del nesso tra reddito e soddisfazione di vita, l'effetto dell'inflazione, della disoccupazione e della rivoluzione del modello d'impresa contemporaneo sul tasso di felicità di una nazione, il rapporto della felicità con il mercato e il capitale sociale.

Memorie di classe. Preistoria e...

Bauman Zygmunt
PM edizioni 2020

Non disponibile

22,00 €
La memoria la sopravvivenza della storia: incorporata nel linguaggio fornisce gli strumenti per comprendere il presente e agire in esso secondo la volonte gli obiettivi di individui e gruppi sociali. Ma in situazioni di rapido e intenso cambiamento quali quelle che le societoccidentali, e via via tutte le altre, hanno continuato a vivere dai tempi della rivoluzione industriale, il potente ausilio della memoria putrasformarsi in ostacolo. Applicata al concetto - e alla realt- delle classi, questa che la tesi centrale del libro di Bauman consente di effettuare la sintesi dei risultati ormai acquisiti di tutta una serie di ricerche: dalle analisi di Foucault, passando per i contributi di F. P. Thompson e Barrington Moore, di Offe e Touraine. Bauman mette in evidenza uno straordinario effetto incrociato della memoria storica: quello per cui alle origini della societindustriale la costituzione in classe avvenne in gran parte con gli occhi rivolti a un mitico passato artigiano, mentre nell'attuale fase neocorporativa la retorica classista dei garantiti rischia di compromettere definitivamente quel che resta di un'identitcollettiva non pivissuta come tale.