Diritto e procedura penale

Filtri attivi

  • Disponibilità: Disponibile in 3 giorni

Reati contro il patrimonio. Estratto

Piergallini C.
Giappichelli 2015

Disponibile in 3 giorni

54,00 €
Il "Trattato teorico-pratico di diritto penale" che qui presentiamo, frutto dell'impegno di un gruppo di studiosi - universitari, magistrati, avvocati tutti di riconosciuta valentia scientifica, ha l'ambizione di collocarsi in posizione autonoma nel vasto panorama delle opere di approfondimento sistematico della nostra disciplina. La cifra distintiva risiede nell'impostazione - appunto, teorico-pratica - con la quale le diverse tematiche sono affrontate. L'obiettivo che ci ha ispirato, infatti, è stato di esplicitare la correlazione esistente tra i problemi applicativi (la prassi) del diritto penale e le ragioni (la teoria) alla base delle relative soluzioni; il tutto senza rinunciare al rigore scientifico nell'elaborazione ermeneutica dei problemi, sulla scorta del motto kantiano del "ciò che è vero in teoria non può che essere vero anche in pratica" (e viceversa).

Trattato di diritto penale. Diritto...

Utet Giuridica 2015

Disponibile in 3 giorni

110,00 €
Il volume analizza quelle fattispecie di diritto del lavoro che, pur avendo un inquadramento civilistico, prevedono sanzioni penali in caso di violazione del disposto normativo. Gli autori si soffermano in particolare sulla complessa materia della sicurezza sul posto di lavoro, individuando e analizzando le molteplici fonti che regolano la materia. Partendo dall'esame delle disposizione normative, vengono indicati quelli che sono gli obblighi a carico del datore di lavoro per prevenire infortuni e malattie professionali, definendo nel contempo i comportamenti colposi dai quali deriva l'applicazione della sanzione.

Le associazioni di tipo mafioso

Romano Bartolomeo
Utet Giuridica 2015

Disponibile in 3 giorni

60,00 €
Il volume affronta, in modo organico e completo, le tematiche giuridiche poste dalle associazioni di tipo mafioso, sia dal punto di vista del diritto penale sostanziale che da quello dei profili processualpenalistici, nonché con riferimento alle misure di prevenzione e all'esecuzione della pena detentiva.

Trattato di diritto penale. Parte...

Utet Giuridica 2015

Disponibile in 3 giorni

95,00 €
La molteplicità e la rilevanza degli interventi effettuati dal legislatore sulla parte generale e speciale del codice penale ha reso necessario questo volume di aggiornamento del Trattato in modo da garantire al professionista uno strumento analitico e approfondito per affrontare le tematiche di maggiore interesse nella pratica quotidiana. La causa di non punibilità per particolare tenuità del fatto, le nuove disposizioni in materia di terrorismo e anticorruzione, gli eco-reati sono alcuni dei temi di più recente approvazione che vengono esaminati nell'opera. Ad un commento alla normativa è stato affiancata un'analisi approfondita degli orientamenti offerti dalla giurisprudenza di legittimità, di merito e sovranazionale.

Diritto penale visivo. Parte generale

Colli Fabrizio
La Tribuna 2015

Disponibile in 3 giorni

9,00 €
Questo volume si rivolge a tutti coloro i quali, per motivi di esame o di studio, vogliono apprendere rapidamente ed efficacemente gli istituti del Diritto Penale. Lo scopo dell'opera è quello di illustrare in modo semplice ed intuitivo i concetti principali della parte generale della disciplina penale. L'uso di innovativi percorsi visuali a colori, illustrazioni e schemi, unitamente all'esposizione sintetica ma esaustiva, permette di facilitare lo studio, la memorizzazione e il ripasso.

La voluntary disclosure. Profili...

La Tribuna 2015

Disponibile in 3 giorni

30,00 €
Questo volume affronta il tema, attuale e di grande interesse, della Voluntary Disclosure, attraverso una trattazione che analizza con particolare riguardo sia i profili di diritto italiano che i profili di diritto svizzero della materia. Si tratta di un'opera autorevole, curata da alcuni fra i massimi esperti del settore, che individua le criticità, le opportunità, le attenzioni, le problematiche da tenere presenti in questo ambito. Un volume dalla particolare chiarezza espositiva e dal "taglio" prettamente operativo.

Gli stupefacenti: disciplina ed...

Licata Fabio
Giappichelli-Linea Professionale 2015

Disponibile in 3 giorni

65,00 €
Il volume ha l'obiettivo di offrire all'operatore uno strumento di consultazione del diritto vivente in tema di stupefacenti, tenuto conto anche delle complesse problematiche sorte a seguito della nota sentenza della Corte Costituzionale n. 32/2014 e delle successive novità legislative. Legittimità della pena e sua esecuzione, effetti della successione temporale di leggi, limiti del giudicato, rilevanza penale del fatto, trattamento sanzionatorio, applicazione del nuovo regime tabellare: sono questi alcuni dei principali temi che hanno ulteriormente arricchito il già articolato dibattito sull'applicazione della complessa disciplina della materia. L'analisi dettagliata delle disposizioni vigenti ha come punto di riferimento lo sviluppo della giurisprudenza della Corte di Cassazione e degli interventi della Consulta, andando "oltre la massima", nel tentativo di offrire al lettore un panorama completo dei percorsi interpretativi scaturiti dalle questioni quotidianamente affrontate nelle aule di giustizia. Si tratta di un approccio per individuare punti di riferimento coerenti e razionali in un settore della legislazione in cui, da sempre, si confrontano opposte visioni di politica criminale e differenti approcci culturali. Infatti diviene sempre più rilevante il peso della giurisprudenza di legittimità nella ricostruzione dei principi fondamentali che devono guidare la concreta applicazione di un apparato normativo complesso e talvolta contraddittorio.

Il nuovo reato di false...

Ricci Rosanna
Giappichelli-Linea Professionale 2015

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
La legge 27 maggio 2015, n. 69 ha integralmente riformato la disciplina del reato di false comunicazioni sociali, riformulando gli artt. 2621 e 2622 cc e introducendo due nuove norme, l'art. 2621-bis e l'art. 2621-ter. Il reato di cui al nuovo art. 2621 cc trova applicazione per le società che non fanno appello al pubblico risparmio, non costituisce più un reato contravvenzionale ed è punibile con la pena della reclusione da 1 a 5 anni. Il reato di cui al nuovo art. 2622 cc trova invece applicazione per le società emittenti strumenti finanziari e società equiparate ed è punito con la reclusione da tre a otto anni. Ciò consente l'applicazione delle misure cautelari detentive come pure l'utilizzo delle intercettazioni telefoniche. Entrambi i reati sono, ora, procedibili d'ufficio e per la loro consumazione non è più necessario il prodursi di un danno patrimoniale. Con l'art. 2621 bis cc - non applicabile ai fatti di reato di cui all'art. 2622 cc - il legislatore ha introdotto, poi, una circostanza attenuante per i fatti di lieve entità e una sorta di presunzione assoluta di lieve entità dei fatti commessi in relazione alle società sottratte al fallimento. Con l'art. 2622-bis - anch'esso non applicabile ai fatti di reato di cui all'art. 2622 cc - il legislatore ha ricondotto il trattamento delle ipotesi di non punibilità entro l'alveo delle norme generali dell'ordinamento penale, contestualmente sopprimendo le famigerate soglie di non punibilità di cui all'abrogata disciplina.

La nuova regolamentazione...

Razzante R.
Giappichelli-Linea Professionale 2015

Disponibile in 3 giorni

14,00 €
Dopo un tortuoso iter la legge 27 maggio 2015, n. 69, contenente disposizioni in materia di delitti contro la pubblica amministrazione, di associazione di tipo mafioso e falso in bilancio, è stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 124 del 30 maggio 2015. Il nuovo testo si compone di dodici articoli divisi in due Capi: il primo, reca disposizioni in materia di delitti contro la pubblica amministrazione e di associazione di stampo mafioso, nonché ulteriori modifiche al codice di procedura penale, alle relative norme di attuazione e alla cd. Legge Severino (n. 190/2012); il secondo, interviene sulla disciplina del cd. falso in bilancio. In tal senso, il legislatore ha arricchito il quadro normativo vigente in materia di anticorruzione, non solo prevedendo un incremento generalizzo delle sanzioni per i reati contro la pubblica amministrazione, ma introducendo misure concrete nel contrasto a tale fenomeno: si pensi al recupero delle somme indebitamente percepite, all'attribuzione di nuovi poteri all'Autorità Nazionale Anticorruzione e alla revisione del reato di falso in bilancio. Il presente volume analizza la nuova fisionomia del delitto di corruzione e concussione, evidenziando le innovazioni, ma altresì le criticità connesse all'ingresso della legge n. 69/2015 nei quadro normativo di riferimento.

Codice penale commentato

Dolcini Emilio
Ipsoa 2015

Disponibile in 3 giorni

290,00 €
Giunta alla quarta edizione, l'opera (3 volumi + cofanetto) offre il commento articolo per articolo del Codice penale, di alcuni tra i più importanti provvedimenti complementari (L. 75/1958 - Prostituzione; L. 194/1978 Interruzione della gravidanza; d.p.r. 309/1990 - T.U. sugli stupefacenti; d.lgs. 274/2000 - Giudice penale di pace - D.Lgs. n. 286/1998 - T.U. immigrazione) e dei reati societari (artt. 2621-2642 c.c.). In questa edizione sono commentati per la prima volta il D.Lgs. n. 285/1992 - Nuovo codice della strada e il D.Lgs. n. 152/2006 - T.U. ambientale.

Amministratore giudiziario....

Florio Paolo
Ipsoa 2014

Disponibile in 3 giorni

70,00 €
Il nuovo manuale dell'amministratore giudiziario approfondisce i temi del sequestro, della confisca e della gestione dei beni, alla luce della elaborazione giurisprudenziale e dottrinaria. Trova spazio nell'opera anche il tema della funzione del Coadiutore dell'Agenzia Nazionale Beni Sequestrati e Confiscati (ANBSC).

Il diritto penale della Città del...

Dalla Torre G.
Giappichelli 2014

Disponibile in 3 giorni

40,00 €
La globalizzazione fa sentire i suoi effetti anche nell'esperienza giuridica del più piccolo Stato del mondo: la Città del Vaticano. Lo dimostra il recente, consistente impegno del legislatore vaticano destinato a riformare, in vari casi profondamente, il sistema penale e processuale penale dello Stato. Infatti gli incisivi mutamenti che la società ha conosciuto negli ultimi decenni e l'affermarsi di nuove forme criminali hanno via via messo in luce l'esigenza di un intervento sostanzioso per mettere anche il Vaticano in linea con gli standard degli altri paesi e nella condizione di affrontare meglio - e, per certi aspetti, in maniera davvero esemplare - tali inediti fenomeni criminosi. Difficile dire in quale misura la giurisprudenza penale vaticana abbia non solo anticipato ma anche, in qualche modo, sollecitato e orientato l'attivarsi del legislatore. Certamente ciò è avvenuto, come bene può ricavarsi dall'indagine di Geraldina Boni, oltre che dalla lettura dei provvedimenti - sentenze, sentenze istruttorie, requisitorie - pubblicati nelle Appendici al volume e in molti casi inediti. Altrettanto indubbiamente da tale giurisprudenza emerge con evidenza il ruolo che il diritto canonico, base dell'ordinamento vaticano, svolge nell'animare di valori e principi giuridici i precetti contenuti nelle norme penali di questo minuscolo Stato: anche in quei codici penale e di procedura penale vigenti in Italia nel 1929 e recepiti all'atto della fondazione del medesimo.

Argomenti di diritto penale europeo

Parisi Nicoletta
Giappichelli 2014

Disponibile in 3 giorni

35,00 €
Questo volume si propone come strumento didattico indirizzato a individuare le principali problematiche che scaturiscono dall'adozione di norme europee incidenti in materia penale, ai fini del conseguimento nell'Unione di uno spazio di libertà, sicurezza e giustizia, obiettivo stabilito nell'art. 3, par. 2, TUE. Ciascuno degli argomenti trattati è anzitutto inquadrato nei suoi profili generali da una nota di commento, alla quale seguono estratti della giurisprudenza europea e nazionale (degli Stati membri) pertinente. Si spera così di contribuire a stimolare una riflessione e un dibattito critico sui principali problemi che sorgono all'atto dell'adattamento degli ordinamenti interni degli Stati membri al diritto dell'Unione europea.

Filosofia del diritto penale....

Amato Mangiameli Agata C.
Giappichelli 2014

Disponibile in 3 giorni

13,00 €
La pena è il castigo previsto dall'ordinamento giuridico e inflitto all'autore del fatto illecito. Si tratta, naturalmente, di uno strumento di afflizione che deve essere proporzionato alla gravità del reato e volto a compensare il male provocato, ristabilendo la simmetria giuridica violata. Di qui, la stretta connessione tra predeterminazione legale dei delitti e delle pene, proporzionalità della misura punitiva, certezza del diritto e salvaguardia dei diritti.

Le indagini difensive

Suraci Leonardo
Giappichelli-Linea Professionale 2014

Disponibile in 3 giorni

48,00 €
Con la legge sulle investigazioni difensive il processo penale ha vissuto un momento di completamento della sua impostazione complessiva, la quale, come è noto, ha visto nei caratteri del modello accusatorio i propri principi ispiratori. Soltanto intravista nella versione originaria del codice processuale - per di più, relegata nell'ambito di una norma generale collocata in sede di legislazione di attuazione - la necessità di predisporre un complesso organico di norme regolatrici dei diritti, delle facoltà e, anche, dei doveri del difensore investigante ha trovato puntuale soddisfacimento in una legge - l. 7 dicembre 2000, n. 397 - tanto complessa quanto ricca di spunti problematici che, a distanza di anni, ancora alimentano discussioni in ambito dottrinario ed attendono sicuri approdi nel contesto giurisprudenziale. Quanto, invece, definitivamente sistematizzato - o, almeno, così sembra -dalla Suprema Corte ha determinato, in parte, una rivisitazione del ruolo, delle funzioni, dei profili di responsabilità penale del difensore. Laddove, infine, la disciplina normativa delle investigazioni difensive è stata esaminata dalla Corte costituzionale - con riferimento, soprattutto, alle relazioni intercorrenti con il giudizio abbreviato - si è prodotto un risultato utilizzativo che, a quanto pare, pone in discussione, delle relative emergenze, la piena efficacia probatoria.

Temi penali

Trapani M.
Giappichelli 2013

Disponibile in 3 giorni

23,00 €

Le misure anticorruzione. Legge 6...

Casartelli Gabriele
Giappichelli-Linea Professionale 2013

Disponibile in 3 giorni

19,00 €
Approvata in ottemperanza a precisi obblighi di carattere internazionale, la legge n. 190/2012 appare di rilevante importanza sia perché affronta in modo organico il dilagante fenomeno della corruttela sotto un duplice profilo di prevenzione in via amministrativa e di sanzione sul piano penale, sia perché costituisce un concreto segnale di fermezza in un momento storico di forte crisi di valori e ideali. Il volume, che costituisce una guida ragionata e sistematica al provvedimento, esamina la nuova legge anticorruzione secondo questa prospettiva bipartita, analizzando "a caldo" le novità legislative e i problemi di diritto intertemporale che si presentano con riguardo ai molteplici interventi che hanno ridisegnato in maniera consistente non solo i sistemi di controllo della trasparenza amministrativa, i doveri e i divieti dei dipendenti pubblici, i protocolli di legalità in materia di appalti e lotta alle infiltrazioni mafiose nella aggiudicazione di contratti pubblici, la incandidabilità in Parlamento, la restrizione degli incarichi extragiudiziari a magistrati e avvocati dello Stato, ma anche l'intero impianto dei reati contro la pubblica amministrazione.

Filtro in appello. Come applicare...

Mocci Mauro
Maggioli Editore 2013

Disponibile in 3 giorni

22,00 €
L'opera, aggiornata alla recente giurisprudenza, tratta nel dettaglio le particolarità di questo nuovo istituto introdotto per filtrare le eventuali cause di appello. Dopo l'inquadramento dell'istituto e il commento delle implementazioni a livello procedur

Il nuovo reato di femminicidio

Di Tullio D'Elisiis Antonio
Maggioli Editore 2013

Disponibile in 3 giorni

26,00 €
L'opera commenta la novità normativa della Legge 119/2013 (g.u. 15 ottobre 2013, n. 242) che introduce il nuovo reato di femminicidio per fronteggiare la preoccupante cadenza con cui periodicamente si registrano episodi di violenza contro le donne. Partend

Responsabilità penale d'impresa....

Pintore 2013

Disponibile in 3 giorni

18,00 €
Il principio che per lungo tempo ha regnato all'interno dell'ordinamento giuridico italiano, garantendo l'irresponsabilità penale dei soggetti diversi dalla persona fisica, è caduto sotto il peso del cosiddetto "decreto 231": la strada che il Parlamento, e l'Europa, hanno percorso non consente più un ritorno al passato e alle precedenti forme d'irresponsabilità penale nell'esercizio dell'attività di impresa, e può considerarsi come la punta dell'iceberg della revisione dell'intero corpus normativo societario, che proprio qualche anno dopo l'entrata in vigore del "231" ha subito riforme sostanziali e organiche. Nel testo, dopo aver analizzato le soluzioni intraprese in ambito internazionale e le difficoltà incontrate dal Parlamento italiano per creare una normativa coerente col significativo contenuto dell'art. 27 della Costituzione della Repubblica, viene descritto il contenuto della responsabilità "penale" delle società per i reati commessi dagli organi che le compongono, nel loro interesse e vantaggio, e la procedura da seguire per farle sedere sul banco degli imputati.

Lezioni di diritto penale militare

Rivello P. Paolo
Giappichelli 2012

Disponibile in 3 giorni

34,00 €
La finalità del volume è quella di analizzare ed approfondire le principali tematiche relative al diritto penale militare, sia con riferimento alla sua parte "generale" che a quella "speciale", operando al riguardo un costante raffronto con gli istituti di diritto penale comune. Va osservato come, soprattutto relativamente alla parte speciale, il nuovo modello di difesa, delineato dal nostro legislatore al fine di dare un nuovo assetto alle Forze Armate italiane, abbia finito con l'annullare l'area applicativa di alcune incriminazioni, come ad esempio quella di mancanza alla chiamata, ed abbia imposto, al converso, di affrontare in una diversa ottica altre fattispecie criminose. Inoltre, le modifiche al codice penale militare di guerra, sotto la pressione delle esigenze operative connesse al crescente rilievo delle missioni internazionali, evidenziano l'assoluta necessità di una più organica e meditata rivisitazione normativa dell'intera legislazione penale militare, anche al fine di adeguarla ai dettami delle Convenzioni internazionali. Le Lezioni di diritto penale militare analizzano, in questa seconda edizione, le più recenti modifiche normative in materia e contengono gli aggiornamenti resi necessari dall'emanazione del "Codice dell'ordinamento militare". L'opera è rivolta agli studiosi, agli avvocati ed ai magistrati chiamati a confrontarsi col diritto penale militare.

L'attendibilità delle dichiarazioni...

Ruggiero Rosa Anna
Giappichelli 2012

Disponibile in 3 giorni

39,00 €
La controversa figura dei collaboratori di giustizia, importante strumento di accertamento dei reati di criminalità organizzata, torna a fasi alterne alla ribalta per l'eco di talune rivelazioni che sovente aprono scenari investigativi del tutto nuovi. È noto che, proprio per le potenzialità dei racconti che promanano da coloro che hanno fatto parte delle associazioni criminali, il legislatore ha progressivamente incentivato la collaborazione processuale. Se da una parte, però, è possibile cogliere la tendenza a sollecitare la scelta di collaborare con la promessa di un premio, dall'altra è pure evidente la diffidenza per i racconti resi da chi abbia un tornaconto personale. Con l'introduzione del vigente codice di rito si era ritenuto che i rischi di inaffidabilità delle dichiarazioni del coimputato potessero essere controllati grazie alla regola posta dall'art. 192 commi 3 e 4, in base alla quale tali dichiarazioni possono essere valutate solo in presenza di adeguati elementi di riscontro. Col tempo, però, è maturata la consapevolezza dell'insufficienza di questo meccanismo quando la chiamata in correità provenga da un collaboratore di giustizia, e della conseguente necessità di dotarsi di mezzi di controllo ulteriori, che permettano di selezionare dichiarazioni attendibili per tutto l'arco del procedimento, non solo al momento della valutazione in giudizio del materiale probatorio raccolto. Lo studio analizza questi strumenti normativi di promozione dell'attendibilità.

Cittadini e nemici. Giustizia...

Latini Carlotta
Mondadori Education 2010

Disponibile in 3 giorni

25,00 €
Il diritto penale militare e quello comune vivono, a partire dagli inizi dell'Ottocento, una singolare "simbiosi" che li conduce a riflettere valori e tecniche tavolta comuni. In questo senso, la regola e l'eccezione simboleggiano il passaggio, non sempre positivo, di regole ed istituti da una realtà all'altra, come anche di modelli in un processo lento e faticoso che non sempre ha segnato una netta civilizzazione del diritto penale. Nell'Italia preunitaria la repressione del delitto politico e della devianza si caratterizzavano per il ricorso a procedure di tipo straordinario modellate sul processo penale militare. La formazione dell'Italia unita sarebbe stata contrassegnata da un'involuzione determinata dalla drammatica esperienza della repressione del brigantaggio. E così, in una sorta di filo rosso che conduce fin nel solco del Novecento, la pratica del ricorso ai tribunali militari per processare i civili rei di alcuni speciali delitti resta un nodo da chiarire nell'ordinamento giuridico italiano ma anche una prassi dominata dal concetto di necessità di tutelare l'ordine pubblico.