Diritto e procedura penale

Filtri attivi

Il diritto penale della Città del Vaticano....

Dalla Torre G. (cur.); Boni G. (cur.)
Giappichelli - 2014

Disponibilità Immediata

40,00 €
La globalizzazione fa sentire i suoi effetti anche nell'esperienza giuridica del più piccolo Stato del mondo: la Città del Vaticano. Lo dimostra il recente, consistente impegno del legislatore vaticano destinato a riformare, in vari casi profondamente, il sistema penale e processuale penale dello Stato. Infatti gli incisivi mutamenti che la società ha conosciuto negli ultimi decenni e l'affermarsi di nuove forme criminali hanno via via messo in luce l'esigenza di un intervento sostanzioso per mettere anche il Vaticano in linea con gli standard degli altri paesi e nella condizione di affrontare meglio - e, per certi aspetti, in maniera davvero esemplare - tali inediti fenomeni criminosi. Difficile dire in quale misura la giurisprudenza penale vaticana abbia non solo anticipato ma anche, in qualche modo, sollecitato e orientato l'attivarsi del legislatore. Certamente ciò è avvenuto, come bene può ricavarsi dall'indagine di Geraldina Boni, oltre che dalla lettura dei provvedimenti - sentenze, sentenze istruttorie, requisitorie - pubblicati nelle Appendici al volume e in molti casi inediti. Altrettanto indubbiamente da tale giurisprudenza emerge con evidenza il ruolo che il diritto canonico, base dell'ordinamento vaticano, svolge nell'animare di valori e principi giuridici i precetti contenuti nelle norme penali di questo minuscolo Stato: anche in quei codici penale e di procedura penale vigenti in Italia nel 1929 e recepiti all'atto della fondazione del medesimo.

Argomenti di diritto penale europeo

Parisi Nicoletta
Giappichelli - 2014

Disponibilità Immediata

35,00 €
Questo volume si propone come strumento didattico indirizzato a individuare le principali problematiche che scaturiscono dall'adozione di norme europee incidenti in materia penale, ai fini del conseguimento nell'Unione di uno spazio di libertà, sicurezza e giustizia, obiettivo stabilito nell'art. 3, par. 2, TUE. Ciascuno degli argomenti trattati è anzitutto inquadrato nei suoi profili generali da una nota di commento, alla quale seguono estratti della giurisprudenza europea e nazionale (degli Stati membri) pertinente. Si spera così di contribuire a stimolare una riflessione e un dibattito critico sui principali problemi che sorgono all'atto dell'adattamento degli ordinamenti interni degli Stati membri al diritto dell'Unione europea.

Il delitto di pirateria marittimo

Vuosi Riccardo
Edizioni Scientifiche Italiane - 2014

Disponibilità Immediata

14,00 €
La pirateria marittima costituisce attualmente il più rilevante condizionamento alla concreta affermazione del principio della libertà dei mari ed il più consistente limite allo ulteriore, effettivo incremento del commercio marittimo, richiesto dallo svilu

Corso di diritto penale. Vol. 5: Le singole...

Caringella Francesco
Dike Giuridica Editrice - 2014

Disponibilità Immediata

20,00 €
Il corso di diritto penale è uno strumento, insieme di approfondimento e di aggiornamento, che intende percorrere l'intero programma di questa materia facendo il punto sulle questioni giurisprudenziali e dottrinali più attuali e rilevanti. In altre parole un vero e proprio corso in sei fascicoli, che completa e aggiorna i manuali istituzionali, offrendo al lettore la marcia in più in vista delle prove d'esame. L'attento aggiornamento giurisprudenziale ne fa anche un utile strumento di consultazione da parte dei professionisti.

I delitti contro la libertà sessuale....

Tovani S. (cur.); Trinci A. (cur.)
Giappichelli-Linea Professionale - 2014

Disponibilità Immediata

85,00 €
L'opera esamina le disposizioni di diritto penale sostanziale aventi la funzione di reprimere i reati che attengono, in senso lato, alla libertà sessuale, sia dell'adulto che del minore, che viene qui considerata come un bene giuridico di categoria, alla cui tutela sono preposte varie normative, stratificatesi nel tempo (da ultimo la legge n. 172/2012, che ha ratificato e dato esecuzione alla Convenzione di Lanzarote per la protezione dei minori contro lo sfruttamento e l'abuso sessuale, la legge n. 77/2013, che ha ratificato e dato esecuzione dalla Convenzione di Istanbul sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica, il decreto legge n. 93/2013, recante (tra l'altro) disposizioni urgenti in materia di sicurezza e per il contrasto della violenza di genere, convertito dalla legge n. 119/2013 e il d.lgs. 4 marzo 2014, n. 39, con il quale il legislatore ha completato il recepimento della Direttiva 2011/93/UE relativa alla lotta contro l'abuso e lo sfruttamento sessuale dei minori e la pornografia minorile). Il volume affronta anche tutte le disposizioni di diritto processuale e di legislazione speciale che in qualche modo interessano l'accertamento dei reati sessuali e la gestione del condannato per tali fattispecie. La monografia si propone quindi l'obiettivo di offrire agli avvocati, ai magistrati ed agli operatori del diritto uno strumento utile per affrontare le numerose problematiche interpretative esistenti in materia.

La deflazione giudiziaria. Messa alla prova...

Triggiani N. (cur.)
Giappichelli-Linea Professionale - 2014

Disponibilità Immediata

35,00 €
Con l. n. 67/2014, il legislatore è intervenuto anche per indebolire l'equazione tra risposta penale e carcere, oltre che per sfoltire il carico giudiziario. Così, da un lato, si è estesa agli imputati adulti - con i necessari adattamenti - la sospensione del processo con "messa alla prova", già sperimentata proficuamente nel processo a carico dei minori; dall'altro, il Governo è stato delegato a prevedere la "tenuità del fatto" come causa di non punibilità nel procedimento ordinario, (ancora una volta) trasferendo un fenomeno giudiziario già operante nel rito minorile e in quello davanti al giudice di pace. Il volume approfondisce entrambi gli istituti, analizzandone genesi e profili operativi: si tratta di innovazioni nel complesso apprezzabili, ma ancora troppo timide nel perseguire a fondo le finalità deflative, collocandosi nel solco di una tradizione che stenta a concepire l'intervento penale come extrema ratio.

Diritto penale canonico

Pighin Bruno Fabio
Marcianum Press - 2014

Disponibilità Immediata

50,00 €
Gravi delitti esplosi in campo cattolico hanno attirato su di essi l'attenzione generale. La volontà della Chiesa di fare "pulizia" al suo interno ha inasprito di recente le pene per i rei. Mancava però un quadro globale del vigente sistema penale canonico, che ora viene offerto da questo manuale. L'opera illustra i fondamenti e i cardini del diritto penale canonico, presenta tutti i delitti previsti e le relative sanzioni, traccia l'iter processuale per arginare gli scandali e punire i colpevoli.

Il concorso di più persone nel reato. Problemi...

Helfer Margareth
Giappichelli - 2013

Disponibilità Immediata

33,00 €
Partendo da una ricostruzione dei termini di rilevanza giuridica del concorso di più persone nel reato, secondo i due fondamentali modelli (unitario e differenziato) di tipizzazione della fattispecie plurisoggettiva eventuale, l'autrice affronta la disciplina di cui agli articoli 110 e seguenti del codice penale, mettendo in luce sia i pregi di efficacia, che, soprattutto, i limiti di legittimità della medesima. Nel volume, con un taglio comparatistico anche di carattere storico-filosofico, viene dedicata attenzione alle diverse concezioni del torto penale presenti nella penalistica contemporanea (klassische und personale Unrechtslehre). La materia rivolge attenzione ai principi di eguaglianza e di personalità della responsabilità penale, ma anche di determinatezza della legge penale e di certezza del diritto. Specifico risalto viene dato alla centralità che assume, ai fini della configurazione della responsabilità a titolo di concorso, accanto al disvalore della condotta, il disvalore d'evento del fatto realizzato, tenendo in debito conto che lo stesso continua ad essere il perno dell'illecito penale dell'ordinamento penalistico italiano. Si prospettano, infine, due articolati de lege ferenda, entrambi contraddistinti dalla maggiore valorizzazione attribuita al momento modale delle forme di partecipazione, allo scopo di mitigare l'attuale rigore della disciplina italiana, si da costituire nuovi ed interessanti contributi al dibattito scientifico sul tema.

L'eccezione di inutilizzabilità delle...

Borgobello Massimo
Giappichelli - 2013

Disponibilità Immediata

21,00 €
Non serve dire molto della rilevanza delle intercettazioni telefoniche ed ambientali nel diritto processuale penale: essa è sotto gli occhi di tutti e non può sfuggire a nessun osservatore dei fenomeni giurisprudenziali quanto lo strumento di captazione delle conversazioni sia, ormai, assurto a mezzo di acquisizione di notizie - anche penalmente irrilevanti -, con riduzione profonda della naturale vocazione investigativa delle attività di cui agli artt. 266 e segg. c.p.p. Ed in quest'ottica si pone anche la giurisprudenza pressoché costante della Cassazione che, nell'esigenza repressiva di mantenere le prove a carico acquisite in sede di indagine, manca di censurare pratiche fortemente contrastanti con lo spirito accusatorio del Codice e con la lettera della legge, così consentendo il mantenimento, nei fascicoli, di trascrizioni di conversazioni che possono essere divulgate, come la prassi insegna, anche molto prima di essere pubbliche. A fronte di tale situazione le intercettazioni, oltre che strumento di indagine, a volte essenziale, sono divenute vero e proprio mezzo di prova per diritto vivente, perdendo l'originaria funzione di strumento di acquisizione di notizie assolutamente indispensabili al prosieguo delle indagini già in corso. Il presente lavoro ha il pregio di rappresentare, attraverso l'esame di un'ampia casistica giurisprudenziale, lo stato dell'arte secondo dottrina dottrina e giurisprudenza.

Temi penali

Trapani M. (cur.); Massaro A. (cur.)
Giappichelli - 2013

Disponibilità Immediata

23,00 €

Corso di diritto penale. Vol. 1: I principi del...

Caringella Francesco
Dike Giuridica Editrice - 2013

Disponibilità Immediata

28,00 €
Il corso di diritto penale è uno strumento, insieme di approfondimento e di aggiornamento, che intende percorrere l'intero programma di questa materia facendo il punto sulle questioni giurisprudenziali e dottrinali più attuali e rilevanti. In altre parole un vero e proprio corso in sei fascicoli, che completa e aggiorna i manuali istituzionali, offrendo al lettore la marcia in più in vista delle prove d'esame. L'attento aggiornamento giurisprudenziale ne fa anche un utile strumento di consultazione da parte dei professionisti.

Corso di diritto penale. Vol. 2: Il reato:...

Caringella Francesco
Dike Giuridica Editrice - 2013

Disponibilità Immediata

20,00 €
Il corso di diritto penale è uno strumento, insieme di approfondimento e di aggiornamento, che intende percorrere l'intero programma di questa materia facendo il punto sulle questioni giurisprudenziali e dottrinali più attuali e rilevanti. In altre parole un vero e proprio corso in sei fascicoli, che completa e aggiorna i manuali istituzionali, offrendo al lettore la marcia in più in vista delle prove d'esame. L'attento aggiornamento giurisprudenziale ne fa anche un utile strumento di consultazione da parte dei professionisti.

Corso di diritto penale. Vol. 4: Le forme di...

Caringella Francesco
Dike Giuridica Editrice - 2013

Disponibilità Immediata

20,00 €
Il corso di diritto penale è uno strumento, insieme di approfondimento e di aggiornamento, che intende percorrere l'intero programma di questa materia facendo il punto sulle questioni giurisprudenziali e dottrinali più attuali e rilevanti. In altre parole un vero e proprio corso in sei fascicoli, che completa e aggiorna i manuali istituzionali, offrendo al lettore la marcia in più in vista delle prove d'esame. L'attento aggiornamento giurisprudenziale ne fa anche un utile strumento di consultazione da parte dei professionisti.

La prova penale

Giappichelli-Linea Professionale - 2013

Disponibilità Immediata

98,00 €
Nell'affrontare il tema della prova nel processo penale si è ritenuto di non privilegiare una scelta metodologica che facesse riferimento precipuamente ai principi dettati in materia dalla Carta costituzionale. Invero, pur nella piena consapevolezza dell'importanza di tali contenuti, al fine di fornire un quadro articolato ed organico del sistema probatorio nell'ambito di un contributo destinato a dare risposte agli interrogativi che possono essere avanzati tanto dallo studioso quanto dal pratico, è apparso opportuno procedere ad un'analisi che si rivolgesse innanzitutto al dato codicistico ed alla lettura dello stesso, quale ci è stata consegnata dall'intervento della dottrina e della giurisprudenza. Semmai andrà segnalato come questa operazione sia stata opportunamente sviluppata senza ricorrere a separazioni tra profili statici e profili dinamici della prova penale. Invero, le potenzialità ed il significato dei singoli mezzi di prova e di ricerca della prova non potrebbero essere correttamente individuati, se non si cercasse di comprenderli alla luce delle meccaniche con le quali detti strumenti operano nel momento processuale. E pertanto non sono oggetto delle pagine che seguono solamente le disposizioni che si rinvengono nel libro III del codice di procedura penale o quelle che pur altrimenti inserite regolano la prova penale, ma altresì tutte quelle altre disposizioni che attengono alla formazione ed all'assunzione della prova nelle varie fasi procedimentali e non soltanto nel dibattimento.

Responsabilità penale d'impresa. Analisi...

Pintore - 2013

Disponibilità Immediata

18,00 €
Il principio che per lungo tempo ha regnato all'interno dell'ordinamento giuridico italiano, garantendo l'irresponsabilità penale dei soggetti diversi dalla persona fisica, è caduto sotto il peso del cosiddetto "decreto 231": la strada che il Parlamento, e l'Europa, hanno percorso non consente più un ritorno al passato e alle precedenti forme d'irresponsabilità penale nell'esercizio dell'attività di impresa, e può considerarsi come la punta dell'iceberg della revisione dell'intero corpus normativo societario, che proprio qualche anno dopo l'entrata in vigore del "231" ha subito riforme sostanziali e organiche. Nel testo, dopo aver analizzato le soluzioni intraprese in ambito internazionale e le difficoltà incontrate dal Parlamento italiano per creare una normativa coerente col significativo contenuto dell'art. 27 della Costituzione della Repubblica, viene descritto il contenuto della responsabilità "penale" delle società per i reati commessi dagli organi che le compongono, nel loro interesse e vantaggio, e la procedura da seguire per farle sedere sul banco degli imputati.

Filtro in appello. Come applicare la riforma

Mocci Mauro
Maggioli Editore - 2013

Disponibilità Immediata

22,00 €
L'opera, aggiornata alla recente giurisprudenza, tratta nel dettaglio le particolarità di questo nuovo istituto introdotto per filtrare le eventuali cause di appello. Dopo l'inquadramento dell'istituto e il commento delle implementazioni a livello procedur

Appunti di diritto penale. Vol. 5: L'imputabilità.

Gallo Marcello
Giappichelli - 2013

Disponibilità Immediata

19,00 €
Questo scarno libretto dice subito ciò che l'autore vuole che sia detto. Sin dalle prime righe ne è enunciato il filo conduttore: l'idea, anzi, per motivi etico-sociali, l'esigenza, di predicibilità del diritto. Come dire, la necessità di un scrittura delle regole che consenta, nei limiti del possibile, una sicura guida dell'azione: il diritto strutturalmente non identificabile con il comando diventa, in quanto realizzazione nei fatti di giustizia retributiva, comando. Su questa via si guarda all'istituto della capacità di intendere e di volere in diritto penale: certamente per quello che in proposito è espressamente sancito, andando però oltre il dictum. La ricognizione del reale non sembra sufficiente quando il reale non detta alla condotta tutti i canoni di riferimento: nel caso nostro più che alla condotta dei destinatari, alla condotta di quella particolare fascia di interpreti che sono i giudici. Con l'avvertenza che non si propongono soluzioni di merito; si formula solo l'istanza che l'ordinamento fornisca soluzioni "pubbliche" e, quindi, oggettive, sottraendo il discorso al privato, spesso quanto mai pregevole, ma sempre soggettivo.

Le circostanze del reato

Zaniolo Daniele
Giappichelli-Linea Professionale - 2013

Disponibilità Immediata

29,00 €
L'attenzione della dottrina per le circostanze del reato ha conosciuto, nel corso dei decenni, fasi alterne, in funzione della disciplina vigente nei diversi periodi storici. Le ultime riforme di questi anni, soprattutto quelle operate con la legge 5 dicembre 2005, n. 251 (ed. "ex Cirielli"), ma anche dalla recente legge 1 °ottobre 2012, n. 172 per alcune tipologie di reati, hanno ridisegnato la fisionomia di alcuni istituti di diritto penale (sia sostanziale che processuale) in presenza delle circostanze del reato, soprattutto di quelle ad effetto speciale e della recidiva. Il nuovo assetto normativo, anche se spesso caratterizzato per una certa disomogeneità e incoerenza, è finalizzato al perseguimento di una politica di contrasto alla criminalità più rigorosa e segna il tramonto, almeno per alcuni reati, dell'idea della individualizzazione della pena basata sulla discrezionalità del giudice. Le nuove regole offrono però anche lo spunto per affrontare, con nuove prospettive, tematiche inerenti agli "accidentialia delicti" che erano rimaste irrisolte ma, al contempo, riaprono questioni che avevano perso di significato per effetto della disciplina previgente. In ogni caso, i recenti interventi del legislatore sembrano aver ridestato l'interesse della giurisprudenza e della dottrina per l'istituto delle circostanze del reato, al quale questo volume vuole fornire un contributo.

Perché punire è necessario

Hassemer Winfried
Il Mulino - 2012

Disponibilità Immediata

30,00 €
Negli anni '70 lo Stato appariva come un Leviatano che puniva i devianti: occorreva perciò proteggersene con solide garanzie a tutela dei diritti individuali. Di qui le proposte di ridimensionamento dell'intervento penale che hanno contraddistinto quel periodo. Dagli anni di piombo al decennio scorso, l'emergenza terrorismo e la criminalità organizzata hanno riportato in auge il discorso della sicurezza e le ragioni dell'apparato coercitivo dello Stato. Hassemer prende atto del cambiamento culturale sotteso alla lotta contro il crimine nelle società attuali: da una parte lo Stato appare sempre meno un nemico e sempre più un partner privilegiato del cittadino nel regolare la convivenza sociale, dall'altra resta ai cittadini (e ai giuristi) il compito di non cadere negli eccessi "securitari" promuovendo un diritto penale formalizzato, ispirato ai principi dello Stato di diritto costituzionale.

Lezioni di diritto penale militare

Rivello P. Paolo
Giappichelli - 2012

Disponibilità Immediata

34,00 €
La finalità del volume è quella di analizzare ed approfondire le principali tematiche relative al diritto penale militare, sia con riferimento alla sua parte "generale" che a quella "speciale", operando al riguardo un costante raffronto con gli istituti di diritto penale comune. Va osservato come, soprattutto relativamente alla parte speciale, il nuovo modello di difesa, delineato dal nostro legislatore al fine di dare un nuovo assetto alle Forze Armate italiane, abbia finito con l'annullare l'area applicativa di alcune incriminazioni, come ad esempio quella di mancanza alla chiamata, ed abbia imposto, al converso, di affrontare in una diversa ottica altre fattispecie criminose. Inoltre, le modifiche al codice penale militare di guerra, sotto la pressione delle esigenze operative connesse al crescente rilievo delle missioni internazionali, evidenziano l'assoluta necessità di una più organica e meditata rivisitazione normativa dell'intera legislazione penale militare, anche al fine di adeguarla ai dettami delle Convenzioni internazionali. Le Lezioni di diritto penale militare analizzano, in questa seconda edizione, le più recenti modifiche normative in materia e contengono gli aggiornamenti resi necessari dall'emanazione del "Codice dell'ordinamento militare". L'opera è rivolta agli studiosi, agli avvocati ed ai magistrati chiamati a confrontarsi col diritto penale militare.

Il danno all'immagine delle persone giuridiche....

Aversano Francesco
Giappichelli - 2012

Disponibilità Immediata

24,00 €
La tutela dell'immagine è da sempre all'attenzione degli operatori del diritto ed oggi ancor di più in considerazione delle sempre più sofisticate forme di aggressione che, grazie alle nuove tecnologie (internet, sms, ecc.), consentono una propagazione letteralmente "virale" di notizie e dati potenzialmente lesivi della reputazione delle persone fisiche e giuridiche. L'opera, tenendo conto dell'evoluzione legislativa e degli approdi giurisprudenziali, vuol rendere una panoramica completa su tutti gli aspetti del danno all'immagine, che trova cittadinanza non solo nel diritto civile, ma anche in quello penale e nel cd. "statuto della responsabilità amministrativa". In chiave civilistica l'argomento viene approfondito e messo in stretta relazione col processo evolutivo che ha riguardato l'illecito aquiliano e che ha condotto a configurare una concezione bipolare nella quale trovano spazio due sole forme di danno: quello patrimoniale e quello non patrimoniale. Non minor rilievo è dedicato ai profili penali, sostanziali e processuali, che finiscono inevitabilmente con l'intrecciarsi tanto con i profili civilistici tanto con quelli contabili, atteso che una medesima condotta lesiva del diritto all'immagine di una persona giuridica può contemporaneamente configurare una forma di illecito sia civile sia penale sia contabile. Ai riflessi risarcitori giuscontabili che derivano dalla lesione all'immagine della p.a. è dedicata l'ultima parte del lavoro.

La formazione digitale delle prove...

Daniele Marcello
Giappichelli - 2012

Disponibilità Immediata

22,00 €
La formazione delle prove dichiarative attraverso l'esame a distanza, un istituto introdotto già nel 1992 e finora connotato da uno spazio applicativo marginale, è destinata a vedere accrescere la sua importanza grazie al miglioramento degli strumenti di collegamento audiovisivo determinato dall'esplosione della tecnologia digitale. Una forte spinta all'impiego di questa modalità istruttoria proviene, al contempo, dalle esigenze della cooperazione internazionale, nell'ambito della quale la raccolta a distanza delle prove dichiarative risulta particolarmente appetibile proprio grazie alla sua indipendenza dalla dimensione spaziale. Il volume ha ad oggetto le regole in tema di esame a distanza alla luce di questa rinnovata prospettiva, considerandone i limiti di compatibilità con il principio del contraddittorio nella formazione della prova e analizzandole sia nell'ambito interno sia nelle loro ripercussioni sovranazionali. Se ne può ricavare un quadro normativo non privo di imperfezioni, che appaiono però suscettibili di essere superate tramite un'interpretazione conforme alla Costituzione, alla Convenzione europea dei diritti dell'uomo e al diritto dell'Unione europea. Grazie a tale approccio ermeneutico è consentito fin da subito, senza la necessità di attendere un restyling legislativo o una pronuncia di illegittimità costituzionale, modellare una disciplina capace di affrontare le sfide sempre più complesse che pone la criminalità nel mondo globalizzato.

I giudizi direttissimi fra codice e leggi speciali

Allegrezza Silvia
Giappichelli - 2012

Disponibilità Immediata

45,00 €
Misura minima del processo penale, il giudizio direttissimo attraversa i secoli, apparentemente indenne al mutato contesto costituzionale. Banco di prova del processo accusatorio sin dal primo codice post-unitario, esso rappresenta per molti uno strumento prezioso, quasi irrinunciabile. Eppure i dati indicano un costante insuccesso statistico del rito. Nell'affannoso tentativo di dare risposta alla perdurante crisi di efficienza della giustizia italiana, il legislatore moltiplica le forme del giudizio direttissimo extra codicem e ne rafforza la cogenza, imponendone l'adozione al ricorrere dei presupposti di merito. Da qui una sua rinnovata centralità nel dibattito dottrinale. Immutato nelle forme essenziali e tutto schiacciato sul dibattimento, il giudizio direttissimo tradisce alcuni principi del modello accusatorio a cui idealmente si ispira, poiché non assicura a tutte le parti le condizioni essenziali per l'esercizio di quei diritti che la Costituzione e le Carte europee dichiarano essere l'ossatura del "giusto processo". Questo studio intende rimetterne in discussione i capisaldi, prendendo le mosse dall'analisi critica dei presupposti di merito ed affrontando con realismo il volto attuale del rito speciale, nelle sue forme tipiche ed atipiche, nelle sue parti statiche e dinamiche. Arginare gli aspetti discriminatori insiti nella disciplina in esame e relegare l'esemplarità del rito ad un passato di cui non si ha nostalgia: questi gli obiettivi che ci siamo posti.

Le nuove misure di prevenzione personali e...

Brizzi Ferdinando
Maggioli Editore - 2012

Disponibilità Immediata

25,00 €
Dopo lunga evoluzione avviata dalla metà degli anni '50, le misure di prevenzione, personali e patrimoniali, sono venute ad assumere un ruolo centrale nel contrasto del crimine, soprattutto organizzato e mafioso, fino ad affiancarsi a pieno titolo alle sanzioni penali. La recente entrata in vigore del Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, ancorché bisognoso di integrazioni, ripropone da subito la necessità per gli operatori di approfondire la comprensione del procedimento di prevenzione quale cruciale strumento di giustizia. Il presente volume intende offrire un agile ausilio per il lavoro di magistrati, avvocati e rappresentanti delle forze di polizia: illustrando i principali istituti di prevenzione, segnalando le più rilevanti questioni di applicazione e fornendo le risposte elaborate dalla giurisprudenza. La pubblicazione presta cura particolare nell'ordinare ed aggiornare il contributo ormai massiccio dei precedenti che i giudici di merito, di legittimità e costituzionali hanno prodotto sotto il vigore della legislazione precedente il Codice. È infatti convinzione degli autori che la conoscenza di tali precedenti sia indispensabile perché il ricorso alle misure di prevenzione possa divenire sempre più efficace e nel contempo rispettoso dei diritti fondamentali. Per tale motivo il volume è ricco di continui rimandi e citazioni alla più importante giurisprudenza aggiornata a tutto il 2011.

Ospedali e medici. Responsabilità e danni. A...

Cassano Giuseppe
Maggioli Editore - 2012

Disponibilità Immediata

59,00 €
L'opera, aggiornata alla recente giurisprudenza, analizza le problematiche collegate all'attività del medico, sia nelle strutture pubbliche che private, che genera un danno al paziente oppure ai familiari. La struttura del testo è di tipo manualistico, con gli orientamenti dottrinari riportati infra-testo e contestuali passi di giurisprudenza che confermano oppure contrastano quanto detto dalla dottrina. Dopo il commento autorale su argomenti fondamentali per l'individuazione della responsabilità e del relativo risarcimento del danno, si inserisce un quesitario con risposta data dalle sentenze di ogni grado, che meglio possono rendere l'interpretazione del diritto vivente. Infatti la giurisprudenza è costretta a ridisegnare costantemente le variabili per l'individuazione della fonte del danno, tenendo anche presente l'evoluzione tecnologica degli strumenti diagnostici e della scienza medica. I progressi della scienza medica in campo estetico e procreativo ed il ricorso sempre più frequente a trattamenti diagnostici e terapeutici più sofisticati, ma invasivi e rischiosi per la salute del paziente, hanno d'altra parte indotto la giurisprudenza ad una continua evoluzione in materia di responsabilità del medico, destinata ad incidere sul contenuto e sull'oggetto del rapporto, sulla natura della prestazione, nonché sulla nozione di colpa, nel costante intento di rispondere alla sempre crescente esigenza di tutela del paziente.

L'errore medico. Policies, relazioni, coesione...

Fanci Giovanna
CLUEB - 2012

Disponibilità Immediata

21,00 €
Il presente lavoro è frutto di una lunga riflessione intorno ai processi di vittimizzazione che si generano nelle strutture sanitarie per il compimento di un errore da parte del medico. La letteratura finora ha indagato il fenomeno utilizzando tecniche quantitative che possono dare la misura numerica degli episodi di cosiddetta malasanità ma sono assolutamente inadeguati ad uno studio dei processi di vittimizzazione. In un quadro scientifico, in cui i saperi giuridico ed economico predominano contendendosi il campo con le analisi di politica pubblica, questo libro pone al centro delle sue riflessioni la condizione umana collocandola nelle dinamiche relazionali ed intercettando la loro dimensione micro (relativa alla interazione tra medico e paziente) e la loro dimensione macro (riguardante il rapporto di fiducia del cittadino con le istituzioni). Per queste ragioni, si osserva il fenomeno «con gli occhi della vittima» attraverso l'uso di tecniche di indagine di tipo qualitativo, interviste ad osservatori privilegiati e focus group con i pazienti che hanno subìto un danno.

La tutela penale dell'ambiente. I reati...

Conz Andrea
Dike Giuridica Editrice - 2012

Disponibilità Immediata

15,00 €
L'ambiente, quale bene giuridico di grande valore, è tutelato da numerose e frammentarie disposizioni di legge. Con il decreto legislativo n. 152 del 2006, il legislatore ha cercato di dare una disciplina unitaria alla materia ambientale cui si riferiscono molte norme anche risalenti nel tempo. Il presente scritto fornisce una visione il più possibile esauriente sul tema degli illeciti penali ambientali. Nella prima parte si è affrontato lo studio di alcuni istituti del diritto penale e del decreto legislativo n. 231 del 2001, necessari strumenti per comprendere le distinte fattispecie criminali in tema d'ambiente, oggetto della seconda parte. In quest'ultima sono stati analizzati gli aspetti caratterizzanti i singoli reati con richiami di dottrina e di giurisprudenza. Un'appendice normativa, nella quale sono riportate le principali disposizioni di legge menzionate, è posta a conclusione del testo onde consentire al lettore l'immediato reperimento del dato normativo commentato.