Bellezza tradita

Megli Emanuela
  • Editore: Edizioni Giuseppe Laterza
  • Anno edizione: 2018
  • Formato: da 10 a 14 cm
  • Pagine: 120
  • Tipo Prodotto: Libro in brossura
  • Illustrazioni: in brossura
  • EAN: 9788866742098

Disponibile in libreria  nel settore NOVITA NARRATIVA



Questa storia narra le vicende di Lucrezia, una donna che pur bella e di successo nel lavoro ha difficoltà a farsi riconoscere per le sue doti personali e professionali. Un traguardo che raggiunge a seguito di diversi intoppi di carriera, causati dal suo diniego a numerosi tentativi di corteggiamento e avances, in alcuni casi determinanti per il suo futuro lavorativo. Dagli studi universitari al matrimonio e alla nascita di un figlio, nel Meridione d'Italia, la storia di Lucrezia accompagna a comprendere le origini culturali del femminicidio, che se non culmina con la morte delle vittime, può comunque lasciare segni, sulla pelle dell'anima delle donne... Un racconto per comprendere meglio gli stereotipi di genere e, dal di dentro, la vita di una donna, spesso valutata come oggetto del desiderio sessuale maschile, con l'obiettivo di riflettere sulle potenziali discriminazioni di genere e su una più equa divisione dei carichi di cura familiare, per costruire una vera alleanza affettiva uomo-donna unica via possibile per le famiglie di oggi e di domani.

15,00 €
Tasse escluse Consegna: da 1 a 3 settimane

Ordina ora e scegli se ricevere l'articolo comodamente a casa o ritirarlo in libreria

Quantità

  • Politiche per la sicurezza (modificale con il modulo "Rassicurazioni cliente") Politiche per la sicurezza (modificale con il modulo "Rassicurazioni cliente")
  • Politiche per le spedizioni (modificale con il modulo Rassicurazioni cliente) Politiche per le spedizioni (modificale con il modulo Rassicurazioni cliente)
  • Politiche per i resi merce (modificale con il modulo Rassicurazioni cliente) Politiche per i resi merce (modificale con il modulo Rassicurazioni cliente)

Consegna in 24 ore
Scopri le tariffe »

Articoli simili per categoria

Acquavite

Iperborea 2011

Disponibile in 3 giorni

l pastore Olof Helmersson fa ritorno al villaggio natale nell'estremo Nord della Svezia. Ha ottantatré anni, una bicicletta pieghevole e una missione da compiere: scristianizzare tutta la regione. Nei decenni passati sulla costa, si è convinto che Dio non esiste e che la vita non ha senso, e sente il dovere di liberare dall'errore tutti quelli che in gioventù aveva convertito con il suo fervore, la sua parola tonante e la sua fisarmonica. Ma il tempo l'ha preceduto: i pochi sopravvissuti della vasta comunità dei salvati la fede l'hanno già persa da sé. Sono rimasti solo due non contagiati dalla miscredenza, e soprattutto è rimasta Gerda, che lo aspetta da tempo: ormai ridotta in fin di vita, non può morire finché lui non avrà dato una risposta ai dubbi che la assillano. È un Nord che vive nel mito, quello descritto da Lindgren con scanzonato affetto, una spaesata e spopolata Macondo in cui la buona vecchia acquavite purifica da tutti i peccati, c'è chi è accecato sulla via dell'ateismo e si rallegra di non poter più vedere ciò che non esiste, e chi sa di essere vissuto "tra gente principesca, nel più bel posto del mondo". Ma nel gioco ironico dei paradossi, è del mistero della fede che si tratta, della ricchezza di ogni esistenza umana e di quel Dio che, come dice Canetti, morto o no, è esistito per così tanto tempo che non si può non continuare a parlarne.

Il ferro e le muse. Storia di mafia...

Carabba 2016

Disponibile in 3 giorni

Una storia di mafia e d'amore "Nascere e vivere in Sicilia non è un dato anagrafico ma un continuo chiedersi se sei stato baciato dalla fortuna o sei stato dannato per colpe che non conosci. Ci sono leggi che non sono scritte in nessun codice, ma scorrono inesorabili, impresse da secoli di storia nel DNA di alcuni uomini. Chi nasce in Sicilia, vive, pensa, agisce da siciliano sempre, in qualunque posto si trovi. È semplice pronunciare la parola "mafia", ma, per chi non è siciliano è difficile comprenderne il significato profondo e il suo putrido respiro. Chi capisce la Sicilia, capisce il mondo. Dedico questo libro a Sikelia, la mia terra, lì alla deriva come una stella che qualcuno in un tempo remoto perse in mare. Terra forte, gelosa, che grida alle profondità della mia anima «tu mi appartieni!». Soltanto chi riesce a percepire questo grido può comprendere che è a Sud di tutte le cose possibili che puoi trovare la poesia, nelle piantagioni di memoria, giù sul delta dell'anima dove il suono non ha più regole ma solo respiri...".

Il signor giardiniere

Ponte alle Grazie 2012

Disponibile in 3 giorni

Turenne e Condé stanno combattendo la guerra d'Olanda; la Francia è squassata dalle rivolte dei contadini bretoni e dalla repressione di protestanti e giansenisti; il popolo rumoreggia per le tante imposte volte a sostenere lo sforzo bellico e a coprire le cifre astronomiche spese dal Re guerriero per esaltare la propria gloria... Ma il signor de La Quintinie, incaricato da Luigi XIV di prendersi cura dei frutteti e degli orti dell'edificanda reggia di Versailles, sembra saper pensare soltanto alle sue aiuole, alle sue piante, ai suoi alberi da frutto, ai suoi ortaggi. Eppure il georgico idillio del signor giardiniere è destinato a finire.

Poltrone rosse. E altri racconti

Ass. Culturale Il Foglio 2017

Disponibile in 3 giorni

L'arte per una figura poliedrica come Francesco Barilli (Parma, 1943) è come un fuoco che brucia nelle viscere di una provincia sonnacchiosa. La provincia è quella emiliana, che nasconde dietro la bonarietà degli abitanti l'ideologia potente e le piccole-medie imprese, una borghesia malata in maniera perversa e soffocante, che viene filmata nei suoi thriller/horror da regista come "Il profumo della signora in nero" (1974) e "Pensione paura" (1978). Il fuoco per fortuna è quello che rende viva e viscerale tutta questa materia da spaccato iperrealista della modernità. Perché Francesco Barilli non si limita soltanto a raffigurare in modo programmatico un senso di orrore e amoralità nei confronti della vita. Delle sue immagini spesso in interni soffocanti, a volte crepuscolari per come esplicitano il crepuscolo di un'era in forma di incubo, altre volte immerse in una realtà buia ma ben visibile, traspare un sentimento di una condivisione del dolore e dello straniamento, aldilà dei contrasti dell'autore con i produttori in virtù della libertà creativa. Il suo è uno sguardo passionale inteso come istinto naturale, impossibile da reprimere.